skip to main | skip to sidebar
9 commenti

Politico ticinese casca nella trappola dei siti che sparano bufale per denaro

Credit: Tio.ch.
Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete farne una anche voi per incoraggiarmi a scrivere ancora.

Lorenzo Quadri, politico ticinese, ha citato su Facebook un articolo intitolato Cibo africano e camere singole, sennò spacchiamo tutto e ne è nata una polemica sfociata in una denuncia, come raccontano Tio.ch e Rsi.ch.

Piccolo problema: la fonte dell'articolo è la Gazzetta della Sera, una delle tante pseudotestate giornalistiche che strilla notizie false di qualunque genere pur di attirare i clic degli internauti, fregandosene delle conseguenze sociali.

Quadri non ha controllato la fonte e la veridicità dell'articolo prima di condividerlo ed è quindi caduto nella trappola acchiappaclic: la sua condivisione, perlomeno fino al momento in cui il politico ha rimosso il proprio post, ha incoraggiato le visite a Gazzettadellasera[.]com, facendone aumentare gli incassi pubblicitari.

Morale della storia: prima di condividere qualcosa, controllate che non provenga da un sito sparabufale.




Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (9)
Spaccare tutto magari si riferisce a quei 3 ragazzi italiani
che hanno sfondato la squola con gli squolabus ?
Ehm.. a proposito di bufale... la fonte primaria dell'articolo è il prestigioso quotidiano Libero, mica la gazzetta della sera. Cerca con Google...
Fonte: http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/12333491/trento-rivolta-immigrati-cibo.html

Quindi il politico ticinese non ha pubblicato nulla di falso, al limite lo ha fatto Libero (che mi risulta sia un quotidiano ufficiale in cui lavorano giornalisti professionisti mica bufalari. O forse sì? Fatto sta che la fonte è ufficiale).

Buon lavoro e buona giornata
Spaccare tutto magari si riferisce a quei 3 ragazzi italiani
che hanno sfondato la squola con gli squolabus ?


Questi dici?
http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2017/04/23/news/carpi-arrestati-i-vandali-del-meucci-sono-4-minorenni-1.15237495
@Kra Satira

Libero è PIENO di giornalisti bufalari, a dire il vero.
rsi.ch sostiene che la rivolta è inesistente, qui invece sono riportati foto e video (non so se veri, parzialmente veri o falsi)

http://www.lavocedeltrentino.it/2017/03/15/rivolta-dei-profughi-trento-sequestrati-operatori-del-cinformi

resta in ogni caso condivisibile la considerazione di Paolo circa la morale della storia e nello specifico il fatto del politico ticinese che condivide la notizia a caso da un sito bufalaro allo scopo di creare opinione, senza interessarsi del fatto che ciò che diffonde sia vero o meno.


@guga questo è vero. Ma allora si sarebbe dovuto dure "ha pubblicato una bufala" e dimostrarlo. Dire che la notizia è falsa SICCOME la fonte è la gazzetta della sera è un errore. La fonte dell'articolo è Libero (L'articolo è riportato identico parola per parola). Libero è un quotidiano redatto da giornalisti professionisti e non "un sito spara bufale per denaro"... almeno nominalmente :D

Ovviamente sono contro il razzismo e la xenofobia, ci mancherebbe, ma non è questo il punto.


Il fatto che rsi (sito svizzero) parli di bufala e fatti mai accaduti mentre il giornale di trento pubblichi video e foto - in realtà - mi insospettisce. Credo che la sbufalata questa volta sia piuttosto debole... ma resto in attesa di ulteriori sviluppi
Riassumendo:
Il fatto pare avvenuto veramente.
PERO'
Diffondere una notizia anche estremamente plausibile senza controllarla è comunque sbagliato.
Bellissimo, gazzettadellasera copincolla le notizie di liberoquotidiano (peraltro lasciando in calce l'autrice originale del pezzo, roba che, come Paolo sa, non accade sempre) XD

Per controllare la notizia son capitato nella home di libero...titoli acchiappaclick come i peggiori spammer, temi che una volta su 3 riguardano tette e culi a caso. Alcuni titoli da home page:

- Cristina Del Basso, il dramma del suo enorme seno: "All'improvviso ...". Cos'è successo / Guarda
- La pornostar fa sesso con Balotelli e poi... la foto hard sui social / Guarda
- Porno pronto soccorso, il dietro le quinte: ecco i racconti hard delle infermiere
- "Brigitte è solo una... e lui un...", lady Macron umiliata davanti al mondo: chi si fa scappare il porno-insulto
- "Zecca, mitomane, ca..., il tul tuo fidanzato", e mostra la foto. Parietti brutale, sputtana Selvaggia / Guarda
- CHIAMATELO FESSO: CHE COSA SI FA FARE DALLE API (PROPRIO LÌ SOTTO...)
- "Macron e Brigitte? Allora...". Augias l'ha detto davvero: vergogna in diretta / Guarda
- A 50 anni Stefania Orlando vuota il sacco: "Mignott... in tv?". Le bombe della donna Rai / Guarda
- Olivia, la donna che ti fa godere senza toccarti. Ultima perversione La sua arma sessuale / Guarda

E mi fermo qui.
Ora, a prescindere dal partito politico che più ci può rappresentare, ma come può un essere senziente affidarsi a queste persone per nutrirsi d'informazione?!

Hai voglia a far tavole rotonde per combattere le bufale, se poi i "giornalisti" sono i primi a voler apprender come diffonderle...
se la notizia fosse vera la situazione sarebbe la seguente:

- il sito bufalaro la gazzetta della sera avrebbe riportato, seppur a caso, una notizia vera;

- i siti svizzeri avrebbero riportato il falso scrivendo che la notizia era falsa;

- ma, se la notizia fosse vera, il massimo è il comportamento del politico ticinese: prima diffonde una notizia senza sapere che la gazzetta della sera è un sito di fake news, poi a seguito dell'"indignazione della rete" (cito il sito svizzero) la fa scomparire, quando in realtà sarebbe una notizia vera...

quindi se la notizia fosse vera, al di là del gioco delle parti da commedia pirandelliana, questo caso mostrerebbe ancora una volta quanto il discorso delle fake news sia articolato: ci possono essere casi in cui il testimone inattendibile dice il vero e quello attendibile dice il falso. Nessuno dei due testimoni ha verificato le fonti ma quello inattendibile ha riportato la notizia da uno che le ha verificate.