Cerca nel blog

2016/03/26

Samantha Cristoforetti a “L’erba dei vicini” (Rai)

Ultimo aggiornamento: 2016/03/29.

L’intervento è disponibile in streaming e in versione scaricabile: Sam arriva a 41:00 e termina a 50:10.

Inizialmente avevo embeddato lo streaming in questo articoletto, ma poi ho ricevuto parecchie lamentele per la partenza automatica dell’audio che dava fastidio a molti, per cui ho riscritto il tutto. Starò più attento in futuro. Grazie ai commentatori per l’indicazione del link alla versione scaricabile.


12 commenti:

gdevitis ha detto...

link per l'mp4 della puntata (si può anche scaricare con tasto destro, salva con nome)

http://creativemedia4.rai.it/podcastcdn/raitre/L_Erba_dei_vicini/L_Erba_dei_vicini_EP_Puntate/5221609_1800.mp4

Guforso 62 ha detto...

Una cosa che mi ha sempre incuriosito: perchè noi "occidentali" li chiamiamo astronauti e i russi cosmonauti?

zio Feng ha detto...

@guforso

Forse sarebbe piu` filologico chiamarlo "Raumfahrer", visto che i tentativi pratici datano dalla societa` "Verein für Raumschifffahrt" ( lo scrivo con tre f ), a figure come Hermann Oberth ( "Die Rakete zu den Planetenraumen" ("Raum" = "spazio"; in inglese sassone "room"; "space" e` un francesismo da "espace") e naturalmente da Wernher Magnus Maximilian Freiherr von Braun; non lo scrivo per provocare, ma perche`, purtroppo, e` la verita`: cioe` la tecnologia spaziale (quella che ha potrato l`uomo sulla Luna) e` tedesca, ed ha avuto il suo inizio/sviluppo, per fini militari, negli anni `30.

Anonimo ha detto...

[quote-"Guforso 62"-"/2016/03/samantha-cristoforetti-lerba-dei-vicini.html#c6827388431495500870"]
Una cosa che mi ha sempre incuriosito: perchè noi "occidentali" li chiamiamo astronauti e i russi cosmonauti?
[/quote]
Beh, magari hanno ragione loro: infatti navigano il *cosmo*, di sicuro non navigano sugli *astri*...

Paolo Attivissimo ha detto...

Guforso,

a quanto mi risulta è una consuetudine derivata dal fatto che i russi usano la parola космона́вт, pronunciata grosso modo "kosmonavt", e la stampa occidentale, soprattutto anglofona, ha creato il calco "cosmonaut" (in inglese) o "cosmonauta" (in italiano).

Fra i due ruoli non c'è alcuna differenza significativa: semplicemente, è nata la consuetudine di chiamare "astronauta" una persona non russa che è andata nello spazio e "cosmonauta" una persona russa che ha fatto la stessa cosa.

Guforso 62 ha detto...

Grazie per le risposte. Io mi ero immaginato una contrapposizione da guerra fredda anche nei termini: "Ah voi li chiamate cosmonauti? Allora noi li chiameremo astronauti!" Una cosa del genere :)

rico ha detto...

@gdevitis, grazie del link supplementare: al di là dell' entusiasta e precisa AstroSamantha (ma i russi la chiameranno Cristoforettova?) il Beppe mi garba alquanto, viaggia, scopre e spiega, non è un "copia-incollante perenne" come altri suoi colleghi giornalisti.

Anonimo ha detto...

[quote-"rico"-"/2016/03/samantha-cristoforetti-lerba-dei-vicini.html#c1722546662389134684"]... ma i russi la chiameranno Cristoforettova? ...[/quote]

Io non so il russo, ma immagino che, eventualmente, la potrebbero chiamare Samantha Sergeyevna (o qualcosa del genere, se mi può correggere chi il russo lo conosce), in quanto il padre si chiama Sergio.

Luca Favro ha detto...

Il programma di Beppe Servegnini è davvero ben fatta

motogio ha detto...

Paolo Attivissimo ha commentato:

a quanto mi risulta è una consuetudine derivata dal fatto che i russi usano la parola космона́вт, pronunciata grosso modo "kosmonavt", e la stampa occidentale, soprattutto anglofona, ha creato il calco "cosmonaut" (in inglese) o "cosmonauta" (in italiano).

Non è del tutto esatto: космонавт (kosmonavt) deriva dal greco kosmos (universo) e nautes (navigatore), come d'altronde "astronauta".

La prima volta che il termine cosmonauta è apparso era in una pubblicazione in lingua francese: "Initiation à la Cosmonautique" 1929-1933 a opera di un ebreo polacco naturalizzato sovietico: Ary Abramovitch Sternfeld, uno dei padri sconosciuti della conquista dello spazio sovietica.

Poi, per semplificare le cose, esistono anche i "spazionauti" (astronauti francesi); termine coniato dai francesi ai tempi della guerra fredda per distinguersi dai due blocchi, ma oggi poco usato.

Una curiosità: il primo spazionauta francese, Jean-Loup Chrétien, è un cosmonauta (Soyouz T-6 1982 e TM -7 1988) e anche un astronauta (Shuttle Atlantis missione STS-86 del 1999).

Francesco ha detto...

Scusa paolo ma l'audio di questa pagina parte automaticamente.
Uso i guppi di tab (ex panorama) ed ho perso ore ad individuare dove fosse questo strano audio di Beppe Severgnini tra i 15 gruppi e le decine e decine di pagine attivabili :-)
Puoi fare in mo che parta solo se uno clicca sul play?

Paolo Attivissimo ha detto...

Tutti,

ho riscritto l'articoletto per tenere conto delle vostre segnalazioni. Grazie!