Cerca nel blog

2021/10/11

FAQ: “Paolo, perché pubblichi i Deliri del Giorno?”

Un gatto che ha visto
troppi Deliri del Giorno.

Ogni tanto qualcuno mi chiede perché pubblico la rubrica Il Delirio del Giorno, contenente i commenti o le mail più deliranti e bizzarre che ricevo. C’è chi obietta che dovrei semplicemente ignorare questi messaggi, perché secondo loro provengono da persone che sono provocatori consapevoli (troll) e quindi cercano visibilità oppure da persone che hanno dei problemi mentali. 

La mia risposta è che no, non sono troll, ossia persone che scrivono consapevolmente cose nelle quali non credono, con l’intento di ottenere una reazione: i troll non li pubblico. Scelgo di pubblicare solo chi dimostra chiaramente di essere convinto seriamente delle pazzie che dice. So che non si tratta di troll per via delle informazioni di contorno che ricevo o raccolgo e che non pubblico.

Pubblico questi deliri perché molti lettori non si rendono conto di quanti svitati ci siano là fuori e di come Internet abbia dato loro un canale di sfogo insuperabile. Credo che sia giusto che si sappia quanta gente manifesta apertamente idee completamente scollegate dalla realtà, dai complottismi agli antivaccinismi ai catastrofismi alle ossessioni religiose. E che sia importante ricordarsi che questa gente vota, a volte siede nei parlamenti o nelle poltrone dei talk show e influenza le opinioni, e che tollerarla o ignorarla non fa altro che legittimare, ai loro occhi, le sue ideologie. Non fa altro che rendere questa gente più baldanzosa.

Per chi pensa che alcuni siano malati di mente e quindi debbano essere protetti evitando di pubblicare i loro messaggi: state semplificando troppo. Ci sono molte sfumature fra la pazzia manifesta e la credenza irrazionale vestita in un abito di apparente normalità. Siete disposti a dire che i vari Marcianò, Mazzucco, Schietti e altri che si sono affacciati alla pubblica opinione con deliri analoghi, dalla Terra cava all’urinoterapia, sono dei malati di mente? Io no. Quelli che pubblico sono deliri di persone che sono comunque in grado di metter mano a una tastiera e inviare mail e commenti. Gente che ha un computer o un telefonino e che è parte attiva e funzionale della società. Che vota, appunto.

Credo inoltre che sia necessario e importante che chi mi legge sappia che genere di aggressioni ricevo, come tutti i miei colleghi debunker, querele e minacce comprese. Perché fare il cacciatore di bufale, persino al livello leggero al quale lo faccio io, attira odio. Tanto odio.

A proposito di odio, credo anche che sia molto importante levarsi l’illusione che in fondo questa sia solo gente che ha un’opinione differente sulle cose. No: sono persone violente, offensive, che non esitano a scrivere, insinuazioni, minacce e insulti, che vomitano odio contro di me e la mia famiglia. Se non pubblico i deliri di questi bulli, non potete leggerli e vedere con i vostri occhi che livello di squallore manifestano. Non potete rendervi conto delle ragioni per le quali la moderazione di questo blog è secca e drastica. Non potete farvi un’idea degli attacchi che ricevo (e, ripeto, altri debunker ne ricevono ben di peggiori). Non credo che sia giusto chiedere a chi viene attaccato di sopportare in silenzio.

Infine, credo che sia importante pubblicare questi rantoli di odio perché molte persone pensano che l’odio sparirebbe se tutti gli utenti di Internet fossero obbligati a identificarsi con nome e cognome e quindi spingono (anche politicamente) per questa obbligatorietà e per l’eliminazione dell’anonimato. Ma il mio campionario, come quello dei miei colleghi e di tante altre persone attive in Rete, dimostra che moltissimi di questi messaggi di odio sono firmati mettendoci nome e cognome. E sono firmati con orgoglio.

Nessun commento: