skip to main | skip to sidebar
131 commenti

11 settembre, la diatriba delle bobine al Pentagono

Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "limacameri", "a.passi" e "paladino".
L'articolo è stato aggiornato rispetto alla sua pubblicazione iniziale. Alcuni commenti potrebbero pertanto sembrare incoerenti perché riferiti a versioni precedenti del testo.

In un altro articolo di questo blog sul "Boeing fantasma" e sulla (presunta) assenza di suoi rottami si è sviluppata una diatriba sulle bobine di cavo che si vedono in molte delle foto dell'impatto sul Pentagono. C'è chi dice che sono vicinissime alla zona d'impatto, costituendo un ostacolo lungo la traiettoria dell'aereo, e che la loro condizione troppo perfetta è sintomo del fatto che nessun aereo è passato di lì.

Per chiarire i termini del problema e lasciare a ognuno la possibilità di valutare i fatti, pubblico qui alcune foto del mio archivio. Cliccando sulle foto, potete vederne versioni ad alta risoluzione presso Flickr.com.

Queste immagini sono prese da angolazioni diverse rispetto a quelle più comunemente pubblicate, che sono scattate con un teleobiettivo che, come tale, comprime la prospettiva. A mio avviso, le foto qui sotto mostrano che successivamente all'impatto le bobine non erano poi così vicine come può effettivamente sembrare da certe immagini, e che forse non lo erano neppure prima dell'impatto. Giudicate voi.

Questa panoramica è presa da un punto parecchio a destra della zona d'impatto:
pentagon_347626.jpg
La foto qui sotto è un dettaglio di quella sopra e mostra che le bobine sono sufficientemente lontane da non essere state coinvolte nel crollo della facciata. La foto mostra anche un apparato simile a un rimorchio di camion, sulla destra, che secondo la ricostruzione ufficiale è un generatore. L'apparato è piegato verso il basso e tranciato nello spigolo superiore sinistro: una condizione che ben si sposerebbe con un passaggio radente di un aereo che l'abbia colpito di striscio da sopra, magari con un motore e/o con un'ala, prima di infilarsi nel Pentagono.

Altre foto (che ho poi pubblicato in un articolo successivo) mostrano che l'apparato è inoltre ruotato verso la facciata rispetto alla sua posizione pre-impatto e che sulla sua parte superiore c'è un solco profondo, molto compatibile con uno degli attuatori a forma di pinna presenti sotto le ali dei Boeing 757 e difficilmente spiegabile con altre ipotesi come missili o esplosioni.

pentagon_347626_coil_detail.jpg

Qui sotto si nota che le bobine sono sufficientemente lontane dall'edificio da non essere interessate neppure dalle volute di fumo e vapore prodotte dai mezzi antincendio.

PENT06.jpg

Anche qui sotto si notano bene le bobine (sempre non coperte dalle nubi di fumo e vapore), se ne intuiscono meglio le rispettive posizioni, e si vede bene la tranciatura dell'apparato sulla destra. Si nota inoltre una bobina coricata su un fianco, in mezzo al fumo, mentre una delle bobine più vicine è inclinata su un lato, come se qualcosa l'avesse spinta dentro il terreno o ne avesse piegato una delle flange.

generator_fence1.jpg

Certo, queste sono angolazioni differenti che danno modo di percepire meglio le distanze post-impatto, ma si può anche provare a quantificare la distanza pre-impatto delle contestate bobine.

La foto qui sotto, scattata da Spaceimaging il 7/11/2001, mostra praticamente in pianta la zona e permette di scorgere quelle che sono forse le bobine: i tre puntini neri disposti a triangolo, quasi al centro della foto. Partendo da quest'ipotesi, si possono fare due conti spannometrici sulla loro distanza, sia pure con il margine d'errore derivante dai pochi pixel di risoluzione (è una foto satellitare).

Va detto che le bobine visibili nelle foto dell'11 settembre sono almeno quattro, mentre la foto satellitare ne presenta tre: questo potrebbe essere dovuto alla vicinanza di due bobine, che vengono viste come un unico punto, o a cambiamenti delle bobine nei giorni trascorsi fra la foto satellitare e l'11 settembre (o anche al fatto che non si tratta delle bobine).

spaceimaging_Pentagon_9_7_01_detail.jpg

Ogni facciata del Pentagono è lunga 921 piedi, ossia 281 metri. In questa foto, quei 281 metri sono rappresentati da circa 335 pixel. In altre parole, un pixel rappresenta 1,19 metri. Le bobine più vicine distano dalla facciata (tracciando una linea a perpendicolo alla facciata) circa 23 pixel. 23 x 1,19 = 27,37 metri. Arrotondiamo per difetto, prudenzialmente, e arriviamo a circa 25 metri abbondanti dal punto più vicino della facciata. La distanza dal punto d'impatto, che non è direttamente di fronte alle bobine, è ancora maggiore. Come termine di paragone, le ali di un Boeing 757 misurano in totale 38 metri.

Casi come questo mostrano quanto una foto, se non interpretata con cognizione di causa e con un po' di competenza di fotografia, possa essere estremamente ingannevole.

Su 911review.com, inoltre, ho trovato un'analisi piuttosto interessante di questo apparente problema delle bobine "troppo vicine".


Aggiornamento (2006-03-06)


Dopo la prima pubblicazione di questo articolo è emersa una nuova obiezione pro-complotto: se davvero l'aereo è passato sopra le bobine, come sembra risultare da altri indizi, come mai non le ha scaraventate lontano?

In effetti lo spostamento d'aria di un Boeing 757 che passa a non più di qualche metro sopra le bobine dovrebbe essere molto potente. Le bobine in realtà sembrano spostate rispetto alla loro posizione originale, ma di poco: una è piegata di lato, in una posizione innaturale, mentre un'altra è coricata. Forse le bobine sono state colpite e spostate dall'aereo.

Una possibile spiegazione è il peso delle bobine. Si tratta di bobine in acciaio alte da 6 a 8 piedi (183-244 cm), perlomeno secondo questa fonte abbastanza insolita (un negozio di modellismo che vende copie esatte in scala delle bobine in questione). Una bobina di acciaio di quelle dimensioni, con avvolto del cavo avente una sezione molto larga, deve pesare parecchio. Forse abbastanza da non essere mosso da uno spostamento d'aria?

Purtroppo, mancando per ora foto della posizione pre-impatto di queste bobine, la tesi complottista secondo la quale sono rimaste immobili non né confermabile né smentibile.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (131)
Stasera su Rai 1 alle 22.50 c'è lo "Speciale TG1" proprio sul caso del Pentagono. Chi ha il videoregistratore si ricordi di puntarlo, perchè a quanto pare faranno vedere anche delle immagini registrate all'interno dello stabile dai vigili del fuoco nel momento dei soccorsi...
Ciao Paolo, continua così!
Nella mia, i più lontani sono 4 metri a destra del buco.

Come li hai misurati quei metri?

E in una foto appaiono vicinissimi al recinto metallico a destra, quando nella mia foto si vede che sono distanti una decina di metri dal recinto.

Come li hai misurati quei metri?

Come mai ignori i miei calcoli di distanza? Non ti pare un po' azzardato ipotizzare che si mettano a spostare le bobine, tanto per confondere un po' le cose?
Scusate, ho postato qui sopra la risposta a un commento all'articolo sui Pentarottami. Il commento era questo:

In quelle foto i rotoli di cavi sono di meno di quelli visibili nella foto che ho messo io. Forse dipende dal fatto che nelle tue foto la facciata è crollata e i due rotoli mancanti sono stati sepolti dalle macerie, non lo so. Fatto sta che nella mia foto si vedono 4 rotoli, nelle tue solo 2 e in un unico caso 3.

Inoltre i rulli sono spostati nelle tue foto, successive al collasso della parete, rispetto a come sono nella mia, subito dopo lo schianto. Nella mia, i più lontani sono 4 metri a destra del buco. Nelle tue a volte sono esattamente sotto la parete crollata, a volte a destra, a volte a sinistra di essa. A volte sono 2, a volte sono 3. E in una foto appaiono vicinissimi al recinto metallico a destra, quando nella mia foto si vede che sono distanti una decina di metri dal recinto.

Guarda qui, ho messo a confronto le varie foto:

http://xoomer.virgilio.it/neoterni3/Immy11settembre/RULLI.JPG

Prospettiva va bene, ma fino a un certo punto.

Secondo me quei rulli sono stati spostati, poi fai tu.

Ma comunque anche se avessi ragione tu, se fossero lontani 10 o anche 15 metri dalla parete, ti ripeto che in ogni caso le ali li avrebbero colpiti. Non c'è scampo. E' una diatriba inutile se siano lontani 3 o 10 metri, perchè tanto non cambia nulla. Le ali avrebbero comunque dovuto buttarli a terra.

Se delle ali li avessero colpiti, certo.
Dunque, facendo un po' di calcoli sulla foto, a me vengono risultati un pochino diversi dai tuoi 27 o 25 metri abbondanti: vengono 24,01 metri esatti. Ma sono differenze di nessun conto. Ammettiamo pure che hai ragione tu e che sono distanti 27 metri. I rulli continuano a rientrare nell'apertura alare del Boeing. Avrebbero dovuto essere abbattuti. E invece sono rimasti in piedi.

Ecco la foto analizzata:

http://xoomer.virgilio.it/neoterni3/Immy11settembre/rulli_2.jpg

Per favore, ora non ti mettere a cavillare sul mezzo millimetro sbagliato, perchè è inutile infognarsi in discussioni sui dettagli dei dettagli come questi. Resta il fatto che il Boeing 757 è passato, secondo le testimonianze ufficiali, a 60 cm dal suolo, e con una traiettoria che l'ha portato proprio addosso ai rulli. Eppure le bobine sono rimaste in piedi. C'è qualcosa che non quadra.

La distanza dei rulli dal recinto metallico l'ho calcolata approssimativamente misurando l'altezza della parete del Pentagono (24 metri) e mettendola in rapporto con la distanza tra i rulli e il recinto. Mi viene circa 14 metri. Considerati i giochi della prospettiva, la distanza diminuisce fino a circa 10 metri.

Non ho mai detto che hanno spostato i rulli per confonderci le idee, possono averli spostati perchè ingombravano, o per chissà quale altro motivo.

Comunque questa dei rulli continua a sembrarmi una sotto-discussione priva di sbocchi e di senso. Che siano distanti 3, 10, 15 o 27 metri dalla parete, l'aereo li avrebbe dovuti colpire comunque. Eppure non sono caduti.

Guarda quest'altra foto, che estrapola la traiettoria dell'aereo basandosi sui pali della luce sradicati:

http://xoomer.virgilio.it/neoterni3/Immy11settembre/colonne_pentagono.jpg

Si vedono perfettamente i rulli, che sono proprio in mezzo alla traiettoria del Boeing.
Oddio, no. Non un altro. Adesso in poche ore qua si riempie di centinaia di post con protagonisti tre complottisti fissi, tre anticomplottisti fissi, tutti rigorosamente saccenti e spocchiosi che non mancheranno di reagire aggressivamente anche quando qualcuno scrive la stessa cosa che stanno dicendo loro.
Il programma è stato terribile... non so chi sia il conduttore ma è pessimo... ci sono i piloti, l'esperto di balistica e il tipo del radar che continuano a dargli tutte le spiegazioni, e lui continua a dire "ma non possiamo esserne certi"!
Jack wrote:

Per favore, ora non ti mettere a cavillare sul mezzo millimetro sbagliato

io ho sempre risposto a tutte le tue domande. TUTTE.

-----------------------

Dici bene. è inutile cavillare per mezzo millimetro, dato che ancora mancano possibili risposte alle domande fondamentali.

Ti faccio la solita domanda, alla sesta apparizione, la prima in questo forum. E dato che ti vanti di aver risposto a tutte le domande di Paolo, non avrai difficoltà a rispondere anche ad una sola e semplice domanda da parte mia.

Te la rifaccio perché rispondi sempre alle domande di Paolo dimenticandoti degli altri.

Perché sarebbe stato necessario piantare tutto questo casino per il Pentagono? Perché era necessario danneggiare il Pentagono?

SirEdward
volevo dire la prima apparizione in questa "discussione"

SirEdward
Concordo con il commento sul conduttore...
Comunque all'inizio, nella copertina sono mostrate molte pagine di questo blog, nonchè delle pagine antibufala...
Il programma ha fatto schifo. Il balistico era evidentemente in malafede. Il conduttore faceva alcune domande legittime, ma era troppo disinformato per sostenere una conversazione degna di nota e si lasciava fregare troppo facilmente.
Lo speciale avrebbe dovuto durare il triplo per avere un qualche valore.

Comunque, sir Edward, io di solito rispondo solo ad attivissimo perchè non posso perdere 4 ore al giorno a rispondere a TUTTI uno per uno, così rispondo a quello che fa più domande (e visto che voialtri non aggiungete nulla a quanto dice lui...)

Perchè colpire anche il Pentagono oltre al World Trade Center? Vuoi delle supposizioni? Ok.

Perchè sarebbe sembrato strano che dei dirottatori non cogliessero la possibilità di colpire anche il centro nevralgico della difesa militare americana, potendo farlo, e si limitassero a colpire solo il WTC. Così era molto più logico, piuttosto che attaccare solo le Torri, attaccare Torri, Pentagono (che se l'è cavata con danni minimi) e Casa Bianca (che ne è uscita del tutto illesa, guarda un po' che culo). Ossia i bersagli principali sia simbolicamente (Torri = capitalismo) che militarmente (Pentagono e Casa Bianca). E poi, vuoi mettere l'impatto visivo e soprattutto psicologico che la cosa ha avuto soprattutto sulla cittadinanza americana (Hanno attaccato il Pentagono!)?
Sinceramente mi sembra che abbia MOLTO meno senso attaccare solo le Torri Gemelle. L'attacco al Pentagono è quasi d'obbligo.

Perchè danneggiare il Pentagono?

Mi sembra una domanda molto stupida. Se si dice a tutto il mondo che un aereo commerciale è stato fatto schiantare sul Pentagono, è ovvio che bisogna anche prepararsi la scena per sostenere la farsa che ci si è inventati, no? Almeno per dare l'impressione, ad un'occhiata superficiale, che la storia dell'aereo commerciale schiantato sl Pentagono sia vera. E' sufficiente fumo, fiamme, e una manciata di rottami e calcinacci, ed ecco fatto.

Una cosa buona è uscita comunque dallo speciale del TG1: i piloti hanno affermato che sarebbe praticamente impossibile, anche per un pilota più che esperto che si fosse allenato a compiere tale manovra, seguire la traiettoria rasoterra che avrebbe fatto il Boeing 757 per colpire il Pentagono.

Certo però che qualcuno di Luogocomune ci sarebbe stato bene a quel programma. Da mordersi i gomiti le cretinate che sono state dette e le evidenze che sono state tralasciate.
il Boeing 757 è passato, secondo le testimonianze ufficiali, a 60 cm dal suolo

Puoi darmi una fonte per quest'affermazione?

Perchè sarebbe sembrato strano che dei dirottatori non cogliessero la possibilità di colpire anche il centro nevralgico della difesa militare americana, potendo farlo, e si limitassero a colpire solo il WTC.

Questo è un ragionamento circolare col quale puoi dimostrare tutto e i contrario di tutto: potresti applicare lo stesso criterio a qualsiasi edificio famoso USA. Ma soprattutto non risponde alla domanda: perché fare una messinscena al Pentagono, mentre al WTC hanno usato gli aerei?

io di solito rispondo solo ad attivissimo perchè non posso perdere 4 ore al giorno a rispondere a TUTTI uno per uno

Bella questa! Però ti indigni quando io (dici) non rispondo a tutte le tue domande... guarda che il poco tempo è un problema di tutti, me compreso. Mica mi paga la CIA, anche se c'è chi lo ipotizza.

Proprio per questo, prima di sparare teorie, sarebbe una buona cosa leggere a fondo il lavoro già fatto dagli altri e documentarsi presso fonti neutrali sugli aspetti elementari della questione. Altrimenti perdiamo tempo su dettagli sciocchi: il transponder, i rulli, il prato (apparentemente) intonso...

Non ti viene il dubbio che l'aereo potrebbe essere passato sopra i rulli? Sono belli massicci, lo spostamento d'aria potrebbe anche non averli mossi. Forse non ti viene il dubbio perché tu sei convinto della quota di 60 cm. Dicci da dove hai ricavato questa cifra così stranamente precisa.
Ad ogni modo non posso fare a meno di notare che il poco tempo che hai (e che Paolo invece a quanto pare NON può avere) ti deve aver impedito di leggere i miei precedenti interventi... eppure erano anche abbastanza lunghi, non ti possono essere sfuggiti. Forse non li hai letti perchè avevi poco tempo, ma comunque se li cerchi li ritrovi: nella parte finale dei commenti a 'Pentarottami', e in essi avanzavo diverse ipotesi e spiegazioni su molti aspetti dell'impatto al pentagono. Ti chiedo per favore di leggerli, così forse evitiamo come prima che ritorni 'a bomba' nella discussione e riproponi gli stessi interrogativi che c'erano all'inizio.
Ad ogni modo, una volta che sono stati colpiti certi obiettivi, successivamente è abbastanza facile pensare il PERCHE' sono stati colpiti: il WTC perchè centro nevralgico economico-commerciale, il Pentagono centro militare, la Casa Bianca centro politico... ma non ci si va a chiedere perchè certi altri NON sono stati colpiti, vai a sapere le intenzioni degli attentatori quali erano. Forse volevano fare un attacco di sorpresa e paralizzare in un colpo solo l'America, colpendo i suoi punti vitali contemporaneamente, ma sono sicuro che ci sono anche molti altri centri importanti in America che non sono stati colpiti, e nessuno nemmeno pensa 'perchè non l'hanno colpito'. Non credo che se avessero colpito solo uno di quei tre obiettivi ci saremmo chiesti perchè gli altri erano stati lasciati in pace: l'attentato sarebbe già stato molto grave di per sè.
Inoltre, era certo più semplice usare un aereo (anche ammesso che fosse un agente CIA travestito da arabo, un robot o che altro a pilotarlo), piuttosto che lanciare un missile o mettere una bomba, sparpagliare rottami ad arte, far saltare i lampioni perchè sembrassero abbattuti, manipolare informazioni e testimonianze... sarebbe occorsa un'operazione enorme e precisa. Senza contare la conferma automatica (ad aggiunta gravità/drammaticità) nell'usare un jet di linea, pieno di passeggeri con famiglie rivendicanti, e dirottarlo allo scopo.
Ovviamente, tutto questo nell'ipotesi che sia una cosa architettata ad arte, e non un attentato terroristico.
Buongiorno, visto che ultimamente si chiamano a gran voce i fisici eccomi qua: sono un fisico. Ho resistito molto prima di intervenire in una polemica del genere per le ovvie difficoltà con cui mi dovrei cimentare nel rispondere a tutte le possibili obiezioni (non ho ore ed ore a disposizione). Però siccome Internet permane nel tempo, mi dispiacerebbe che certe panzane non venissero prontamente smentite, altrimenti sarebbe possibile che in futuro qualcuno le ritenga verosimili. Mi da fastidio molto che la gente invochi i principi della fisica per convincere qualcuno, quando poi le affermazioni che fa hanno veramente poco di fisico.

Per iniziare vorrei ricordare che se anche uno a sentito parlare di argomenti tipo relativtà generale, teoria delle stringhe, elettrodinamica quantistica, di certo posso affermare che non ne avrà assolutamente capito la vera natura, ma ne avrà solo una vaga idea. D'altronde non avrebbe gli sturmenti matematici e fisici per comprenderla a fondo. Questa realtà è e rimane tale in molti altri ambiti, non basta il senso comune per dire è plausibile, non è plausibile, è possibile, è impossibile; bisogna conoscerle certe cose, prima di parlare, e per conoscere non intendo una ricerca su google di qualche giorno, ma "anni" di esperienza. Inoltre nella scienza le cose si dimostrano, non si concludono ad intuito.

Proverò a buttare giù qualche punto, chiedetemi pure altre cose, se volete, ma considerando, primo, che io non voglio convincere nessuno, secondo, che non me ne viene niente appoggiando l'una o l'altra teoria, terzo, che secondo me ci sono vari punti oscuri nelle situazioni come queste, ma un punto oscuro serio non rende seri anche gli altri punti, ognuno deve essere valutato indipendentemente; poi, alla fine, si fanno combaciare per cercare la soluzione più probabile (non credo minimamente che l'america ci abbia detto tutta la verità su tutti gli aspetti del 9/11, ma la fisica è fisica, complottisti o ufficialisti).

1) Ho letto di obiezioni riguardo i possibili pezzi di fusoliera, che alcuni considerano troppo leggeri e di curvatura troppo stretta, e le assuzioni di assurdità del moto del pezzo di fusoliera dalla destra dell'aereo alla sinistra del punto di impatto.
-Primo, non condivido affatto le certezze riguardo la collocazione del pezzo, in quanto le forti pressioni raggiunte nel momento dell'impatto possono rendere quasi irriconoscibile la lettera originale (certo se uno ha il pezzo a casa potrebbe provare a rimetterlo in sesto, ma qui c'è solo un pugno di foto), vedi ad esempio http://eric.bart.free.fr/iwpb/images/AA77-logo_cmatch.jpg , i rivetti orizzontali, lo dico per evitare obiezioni, sono compatibili con un sacco di modelli AA.
-Secondo, pur accettando che il pezzo sia effettivamente sulla destra dell'aereo e sulla sinistra del punto di impatto (senza essere stato spostato per far passare i mezzi dei vigili del fuoco, o per fotografarlo), non vedo in che altro posto dovrebbe trovarsi. Infatti il pezzo si troverebbe sì a destra dell'aereo, ma anche un po' verso l'alto (la fusoliera è circolare, diversamente da un'automobile), e l'aereo ha anche una velocità laterale non indifferente visto che viaggiava a circa 45 gradi rispetto alla facciata (per essere buoni almeno 200 Km/h di velocità trasversale). Dove altro pensavate che potesse andare a finire un rottame, per caso a sinistra? tornando indetro rispetto alla propria direzione di marcia? Basta fare una prova semplice, lanciate un bicchiere contro un muro a 45 gradi, e controllate quanti vetri sono sulla sinistra del punto di impatto e quanti sulla destra.
-Terzo, la lamiera non sembra affatto troppo poco spessa, gli aerei devono essere leggeri, non prevedono impatti laterali nè frontali (uccelli a parte), in queste foto si vede subito che lo spessore della fusoliera è quello.
http://www.jetphotos.net/viewphoto.php?id=418516
http://www.jetphotos.net/viewphoto.php?id=418515
http://www.jetphotos.net/viewphoto.php?id=418117
-Quarto, si può notare anche come la curvatura degli aerei non sia poi così blanda, se proprio dovesse servire si può calcolare facilmente, avete le misure dell'aereo e le foto del rottame: calcolate prima, parlate poi (io l'ho fatto, ma è giusto che ognuno capisca da solo certe cose, se ne convince di più http://static.flickr.com/40/93798172_6643731084_o.jpg).

2) La storia dell'energia cinetica. Pensate che sia una cosa semplice? Il numero certo, è facile da ottenere, ma pensate che sia una cosa semplice dedurne che buco possa fare o meno un aereo su un muro di quel genere? Come fate a sentenziare invocando i fisici senza avere una minima idea.
-Primo, un aereo di quel peso e a quella velocità non ha mica una energia cineticà immensa, molte bombe ne sprigionano di più, è assurdo l'argomento "l'aereo pesava tanto quindi doveva distruggere tutto", non potete farlo, non avete i conti, sul WTC non ha distrutto tutto. E vi assicuro che da fisico, ne ho parlato anche con i miei colleghi, non vedo alcuna stranezza macroscopica nelle foto. Sono fisicamente verosimili. Secondo me è anche visibile parte dei danni fatti dalle ali.
-Secondo, l'energia cinetica non finisce certo nell'impatto. Per fare i conti bene bisogna considerare l'energia persa nell'impatto (che è finita sulla facciata), l'energia di rallentamento (che è quella persa buttando giù o danneggiando tutte le colonne interne fino a quello che è considerato il foro d'uscita nel terzo anello). Solo la somma di tutti questi danni deve essere paragonata all'energia cinetica dell'aereo, e vi assicuro che nei conti di urti profondamente anelastici come questo, è molto ma molto difficile riuscire ad escludere un impatto per la troppa energia cinetica.
Chi ne capisce un po' di fisica sa che invece è facile l'opposto, ovvero si vedrebbe subito fisicamente se un oggetto con troppa poca energia fa troppi danni e serve una spiegazione alternativa. Dedurre invece che un oggetto con tanta energia cinetica fa pochi danni è tutt'altro che immediato, l'urto è anelastico, e i fattori di dispersione di energia non sono noti. Come farei a calcolarlo precisamente?
Io nelle immagini conto 32, (trentadue!) colonne portanti mancanti, e una decina deformate. Cos'altro, se è permesso chiederlo, può avere una energia sufficiente da abbattere 32 colonne più tutti i muri interni? D'altronde basta guadrare anche le torri gemelle, quegli aerei erano più grandi, eppure non sono usciti che pochi pezzi dall'altro lato, tra cui i motori. Anche la traiettoria dei due motori in uscira al WTC è leggermente diversa, segno che le travi che hanno urtato si sono rotte o piegate e ne hanno modificato la traiettoria, cosa apparentemente avvenuta anche al pentagono, tant'è che forse la traiettoria e il foro d'uscita dell'altro motore è leggermente più perpendicolare alla facciata.

3) La storia del computer e delle finestre.
Non mi sembra affatto detto che le finestre si debbano rompere, al WTC l'unica parte rotta accanto al punto di impatto è quella che si è portata via la diversa fattura dei materiali della parete esterna. Essendoci al pentagono finestre antiproiettile rinforzate, queste resistono alle vibrazioni, ma d'altronde anche se fosse stato un missile, una bomba o un piccolo aereo avrebbero resistito, infatti sono lì e le vediamo tutti. Il problema è di tipo psicologico, non ci si vuole credere e ci si convince che un aereo deve fare più danni, senza motivazione fisica salda alle spalle. Stesso dicasi per il monitor, il piano è crollato davanti alle telecamere, eppure il monitor sta lì: se era una bomba, un missile, un global hawk o un rapace supereroe, come è rimasto in piedi? L'ha fatto è basta, lo vediamo tutti. Perchè dovrebbe escludere il boeing? Sempre perchè senza saperne di conti ci si convince che l'aereo dovrebbe fare più danni di una bomba o che so io.

4) La storia dei pali della luce.
Mi sembra ovvio che qualcosa quei pali li deve aver divelti, e la direzioni dei pali mancanti è più che compatibile con la traiettoria e l'apertura alare di un 757.
http://eric.bart.free.fr/iwpb/images/map3.jpg
A me i pali sembrano già curvi in origine, come molti pali della luce, comunque è ovvio che in un impatto del genere il palo sia si staccherà dalla base che si curverà.

5) L'assenza di un foro più grande.
Per quanto riguarda la fusoliera non mi sembra ci siano problemi, il foro c'è. Per quanto riguarda le ali esterne ai motori non vedo problemi, i danni ci sono.
http://www.flickr.com/photos/97906049@N00/101750612/
A me sembra di scorgere danni sia a sinistra che a destra della parte crollata. A sinistra si vede una parte diagonale mancante di strato superficiale (non è crollata con la facciata, vedi foto http://www.assassinationscience.com/Pentagon.jpg
http://www.attivissimo.net/antibufala/meyssan/breccia_da_vicino.jpg ), mentre a destra c'è anche lì un certo danno. Qualcuno con un po' di tempo può metterci la sagoma dell'aereo sopra? Ma l'aereo era leggermente inclinato? ___----°°°° per capirci? Perchè queste immagini lo suggeriscono
In generale per rapporto peso densità mi aspetto che la parte esterna delle ali si sbricoli contro il cemento armato immediatamente, soprattutto perchè le ali contengono del combustibile. Nel WTC non è successo perchè la parete esterna è di un materiale paragonabile, non uguale, ma paragonabile, a quello dell'aereo, quindi in quel caso l'energia cinetica ha fatto il suo lavoro, facendo vincere l'aereo. Qui invece secondo me la differenza di densità e solidità giocano un ruolo fondamentale.

6) Dove sono i fori di ingresso dei motori?
Questo finora è l'unico interrogativo per me degno di nota.
E' possibile che non si vedano bene per il fumo o cosa simili, ma che ci siano? Qui sono aperto a segnalazioni, e non mi aspetto che due fori delle dimensioni dei motori ad una distanza compatibile con il foro principale, non una breccia unica con tutti il resto.
Bisognerebbe fare un diagramma in scala e vedere grosso modo in che zone l'impatto dovrebbe essere avvenuto. Lo farei, ma è impegnativo, non ho tutto il tempo che vorrei, finora ho trovato solo questo, http://eric.bart.free.fr/iwpb/images/silentbutdeadly-planewall.jpg , che non mi sembra posizionato benissimo ma da l'idea, e mi sembra sia compatibile con i danni dovuti alle ali, che forse con i possibili fori d'ingresso dei motori.
Questa che segue sembrerebbe una prova della presenza dei motori http://www.flickr.com/photos/97906049@N00/101750642/
http://eric.bart.free.fr/iwpb/images/generator-gouge-small.jpg
che combacia proprio con il puntino verde qui http://eric.bart.free.fr/iwpb/images/map3.jpg

7) E i detriti?
Ho letto che c'è di dice che mancano i detriti. Ma cosa credete che abbia divelto tutte le colonne interne? Quanta percentuale di detriti vi aspettate di trovare all'esterno? Secondo me più o meno tutta la zona della fusoliera è entrata nell'edificio, motori e carrello compreso (che era dentro): le dimensioni della fusoliera, stando ai diagrammi http://www.attivissimo.net/antibufala/meyssan/pentagono_12.jpg , sono di circa 4 metri x 4 metri, essendo i carrelli a 7,3 m ed esterni alla fusoliera (si potrebbe controllare meglio). Mentre impennaggio ali, e lamiere della fusoliera sarebbero sia bruciate nell'esplosione che rimbalzate leggermente all'esterno.
http://eric.bart.free.fr/iwpb/images/silentbutdeadly-planewall.jpg

Per ora vi saluto, e se vi fa piacere una mia ulteriore replica, fate pure, ma io posso o rispondere e approfondire questi punti qui, oppure rispondere a nuovi, non mi chiedete 150 cose che non avrei il tempo. Chiedete quello che vi sembra più decisivo come argomento, e se fattibile motivatelo il più possibile.

Ripeto, io non sono il credulone, ma ancora non vedo un motivo fisicamente valido per rifiutare l'idea del boeing.
Ciao a tutti
Una cosa per un'idea che mi è venuta: ci sono testimonianze, calcoli deduzioni o altro che indicano il rollio dell'aereo al momento dell'impatto? Ovvero, è arrivato orizzontale o si è schiantato leggermente inclinato come è successo alle torri gemelle?
Ci siamo! Attivissimo gioca la sua ultima carta per i momenti di disperazione completa: chiede la fonte precisa di ogni minima affermazione, sapendo benissimo che è molto difficile rintracciare il numero di giornale o la trasmissione esatta in cui è stata detta, così può ignorare le affermazioni scomode se non ne viene fornita la fonte. Non importa che sia una cosa ripetuta in tutte le trasmissioni di cui si parla di quest'argomento, lui la ignora comunque. (Peccato che stavolta ti sia andata male.)
Fra un po' mi chiederai anche di citarti tutti i giornali e i telegiornali che dall'11 settembre 2001 hanno detto che l'aereo dirottato era un Boeing 757? Fortunatamente non c'è bisogno di andare all'emeroteca a cercare fonti, stavolta bastano di nuovo le foto per dimostrarti che ho ragione. Dunque, prendi la foto ING-2 del buco in cui si vedono anche i rulli e le colonne "divelte", secondo te. Vedi il buco nella parete? E' praticamente attaccato al suolo, per quanto è basso. Ora, particolare più importante, guarda le colonne a destra che, sempre secondo te, sono state colpite dalle ali e hanno avuto la base spostata verso il buco. Guardando con molta attenzione, si vede il punto preciso in cui sono state colpite e incurvate. Guarda questa foto in cui ho messo la cosa in evidenza:

http://xoomer.virgilio.it/neoterni3/Immy11settembre/colonne2.JPG

Si distingue benissimo il punto in cui la colonna è stata incurvata, ed è vicinissimo al suolo.
Dunque, secondo te quella colonna è stata colpita da un'ala del Boeing 757, giusto? Be', questo è impossibile. Se l'ala fosse stata così rasoterra da colpire la colonna in quel punto, il motore, che sta 2 metri più in basso dell'ala, avrebbe scavato un solco nel terreno. Non c'è nessun solco. La tua spiegazione non regge. Quella colonna non è stata colpita da nessuna ala.
Mi sembra invece molto più probabile anche da questa foto che sia stata la cima della colonna ad allontanarsi dal buco, e non la base ad avvicinarsi, probabilmente per via dell'esplosione.


"potresti applicare lo stesso criterio a qualsiasi edificio famoso USA. Ma soprattutto non risponde alla domanda: perché fare una messinscena al Pentagono, mentre al WTC hanno usato gli aerei? "

Perchè secondo te un qualsiasi condominio ha lo stesso valore del WTC, della Casa Bianca o del Pentagono? Un conto è fare un attentato ad un palazzo anonimo, un conto è colpire il Pentagono. O le Torri Gemelle. O la Casa Bianca. E' questione di colpire il più gravemente possibile, sia materialmente che simbolicamente. Hanno attaccato proprio i 4 punti che dei terroristi pieni di odio verso la democrazia e il capitalismo americano avrebbero dovuto attaccare. Già che potevano dirottare aerei e mandarli a distruggere edifici, perchè limitarsi a farli schiantare su un condominio anonimo quando si poteva fare cento volte di più mandandoli contro edifici così fondamentali per l'America? Chiunque avrebbe fatto così.
Ok, sei un terrorista che odia l'America. Hai la possibilità di distruggere 4 edifici qualunque in tutta America. Quali scegli? Una scuola, un condominio, un ospizio e una chiesa? O scegli Il Pentagono, la Casa Bianca e le Torri Gemelle?
Hanno dovuto inscenare una messinscena al Pentagono perchè era logico che dei terroristi lo avrebbero colpito, potendo, e inoltre ci hanno guadagnato in impatto psicologico, perchè dire che hanno attaccato il Pentagono non è come dire che hanno attaccato un ospizio.

Mi sono stufato di rispondere a questa domanda. Hanno dovuto usare un velivolo molto più piccolo dei Boeing che hanno usato sulle Torri perchè altrimenti il Pentagono sarebbe stato ridotto a un Triangolo. Così invece se la sono cavata solo con un'ala da ricostruire.


" Bella questa! Però ti indigni quando io (dici) non rispondo a tutte le tue domande... guarda che il poco tempo è un problema di tutti, me compreso. Mica mi paga la CIA, anche se c'è chi lo ipotizza. "

Ma come puoi non capire mai un accidente in questo modo???
TU devi rispondere solo alle MIE domande, e basta, e non lo fai nemmeno.
IO secondo te dovrei rispondere non solo a TUTTE le TUE domande, ma anche a tutte quelle di tutti gli altri utenti????
Lo capisci che è un po' diversa, la cosa? E' inutile che rispondo alle domande di tutti, se tanto mi fanno tutti le stesse. Tanto vale che risponda una volta per tutte a te, e le risposte che do a te valgono anche per gli altri (tanto le domande che mi fanno gli altri sono le stesse che mi fai tu).
Dovrei dire:
Ok, sir Edward, hanno fatto questo perchè...
Ok, utente anonimo numero 1, hanno fatto questo perchè...
Ok, utente anonimo numero 2, hanno fatto questo perchè...
[...]
Ok, utente anonimo numero 25, hanno fatto questo perchè...
Ok, Attivissimo, hanno fatto questo perchè...
Rispondo solo a te e basta, e tutti gli altri che hanno fatto la stessa domanda leggono la risposta che ho dato a te. E' più logico non ti pare?


" Non ti viene il dubbio che l'aereo potrebbe essere passato sopra i rulli? Sono belli massicci, lo spostamento d'aria potrebbe anche non averli mossi. Forse non ti viene il dubbio perché tu sei convinto della quota di 60 cm. Dicci da dove hai ricavato questa cifra così stranamente precisa. "

Non ho nessuna intenzione di mettermi a cercare la fonte precisa al millimetro completa di giornale, giorno, data e ora. Sarebbe uno spreco di tempo assurdo per un motivo tra l'altro inutile: anche se l'aereo non fosse passato a 60 cm dal suolo ma più in alto, ti ripeto che dalle foto risulta evidente (guardando il buco), che data la struttura di un Boeing 757 per fare un buco a quella altezza, le ali e i motori avrebbero dovuto colpire i rulli e buttarli giù. Senza contare che, secondo quanto ha detto anche il pilota dello speciale al TG1 di ieri sera, con un aereo commerciale così pesante che si muove a quella velocità così vicino al suolo c'è una turbolenza d'aria tale da spostare anche lo stesso aereo, per cui seguire la traiettoria "ufficiale" è una cosa praticamente impossibile, ma anche ammettendo che il pilota terrorista ci sia riuscito, se ha fatto un buco simile nella parete, a quell'altezza, significa che quei rulli avrebbero dovuto essere buttati giù dalla turbolenza, o dalle ali, o dai motori. Invece sono ancora coraggiosamente in piedi.
Senza parlare del fatto che i motori sarebbero evaporati, visto che sulla facciata non c'è nessun altro foro d'entrata oltre a quello che secondo te avrebbe fatto la fusoliera.


P.S.
Il prato bisogna solo spazzarlo dai calcinacci e lavare via la schiuma antincendio, dopodichè è pronto per il torneo di calcetto parrocchiale.
Jack wrote

[...]Comunque, sir Edward, io di solito rispondo solo ad attivissimo perchè non posso perdere 4 ore al giorno a rispondere a TUTTI uno per uno, così rispondo a quello che fa più domande (e visto che voialtri non aggiungete nulla a quanto dice lui...)

------------------------

Come detto da altri, però, ti aspetti proprio che Paolo perda 4 ore a rispondere a tutti quanti e a tutte le domande...

-------------------

Perchè colpire anche il Pentagono oltre al World Trade Center? Vuoi delle supposizioni? Ok.

--------------------

No. Non voglio supposizioni. Voglio argomenti credibili, dimostrabili e confermati da almeno qualche elmento interessante. Se no io ti faccio la mia supposizione dicendoti che sul Pentagono si è schiantato Babbo Natale con la sua slitta e tutte le renne. Dimostrami che non è vero.

------------------------

Perchè sarebbe sembrato strano che dei dirottatori non cogliessero la possibilità di colpire anche il centro nevralgico della difesa militare americana, potendo farlo, e si limitassero a colpire solo il WTC.

----------------------

E il Campidoglio, e il Golden Gate? E l'Empire State Building? E la Statua della Libertà? E gli altri ministeri americani?

Come ha già detto qualcuno, quando c'è un attentato nessuno si chiede mai perché altri obbiettivi NON siano stati colpiti. Se pensi al numero di obbiettivi che NON sono stati colpiti ti accorgi subito che il tuo ragionamento sconfina nell'assurdo in poche mosse.

--------------------------

Così era molto più logico, piuttosto che attaccare solo le Torri, attaccare Torri, Pentagono (che se l'è cavata con danni minimi) e Casa Bianca (che ne è uscita del tutto illesa, guarda un po' che culo). Ossia i bersagli principali sia simbolicamente (Torri = capitalismo) che militarmente (Pentagono e Casa Bianca).

--------------------------

"logico".

------------------------

E poi, vuoi mettere l'impatto visivo e soprattutto psicologico che la cosa ha avuto soprattutto sulla cittadinanza americana (Hanno attaccato il Pentagono!)?
Sinceramente mi sembra che abbia MOLTO meno senso attaccare solo le Torri Gemelle. L'attacco al Pentagono è quasi d'obbligo.


-------------------------

La prima cosa che normalmente si pensa quando si parla di 11 Settembre è New York. Il Pentagono viene spesso dimenticato. Il quarto aereo poi...

L'impatto mediatico sarebbe stato identico, perché è stato causato in gran parte dalle immagini degli aerei schiantati sul WTC, dalle torri fumanti o in fase di crollo, dalle persone che si sono gettate dalle finestre, dalla polvere e dai vigili del fuoco. Del Pentagono nessuno ricorda immagini così dure, perciò nessuno ricorda bene il fatto.

----------------------------

Perchè danneggiare il Pentagono?

Mi sembra una domanda molto stupida. Se si dice a tutto il mondo che un aereo commerciale è stato fatto schiantare sul Pentagono, è ovvio che bisogna anche prepararsi la scena per sostenere la farsa che ci si è inventati, no? Almeno per dare l'impressione, ad un'occhiata superficiale, che la storia dell'aereo commerciale schiantato sl Pentagono sia vera. E' sufficiente fumo, fiamme, e una manciata di rottami e calcinacci, ed ecco fatto.


------------------------

Mi sembra "stupido" che tu non abbia compreso che quella domanda era una riformulazione della prima, ovvero, che bisogno c'era di compiere un finto attacco al Pentagono.

Ma se è perché ho scritto male la domanda, allora mi scuso con tutti quelli che l'hanno letta.

------------------------

[...]

Non posso parlare dello speciale perché non ho potuto guardarlo.

SirEdward
Ci siamo! Attivissimo gioca la sua ultima carta per i momenti di disperazione completa: chiede la fonte precisa di ogni minima affermazione, sapendo benissimo che è molto difficile rintracciare il numero di giornale o la trasmissione esatta in cui è stata detta

Sai, normalmente nelle indagini si procede così. Se qualcuno dice "l'aereo volava a 60 cm da terra" e su questo concetto basa tutta una serie di ipotesi, si chiede cortesemente di documentare questo assunto. Troppo comodo sparare un'affermazione e poi non poterla documentare, con la scusa scadente dell'"è molto difficile rintracciare" la fonte delle informazioni. Senza fonti, la tua affermazione non vale niente. Può essere una diceria inventata da tuo cugino, un errore di interpretazione o una bugia.

Ed è strano che tu dica "Non importa che sia una cosa ripetuta in tutte le trasmissioni di cui si parla di quest'argomento" eppure non sai indicarmene neppure una.

Mi sono stufato di rispondere a questa domanda. Hanno dovuto usare un velivolo molto più piccolo dei Boeing che hanno usato sulle Torri perchè altrimenti il Pentagono sarebbe stato ridotto a un Triangolo. Così invece se la sono cavata solo con un'ala da ricostruire.

Ehm... hai visto le dimensioni a confronto di un 757 e del Pentagono? Una facciata del Pentagono misura 281 metri. Un 757 è largo 38 metri. Un Jumbo (747) è largo 195 piedi, ossia 60 metri (fonte: http://flyaow.com/planes/74eaircraftspecifications.htm). Quand'anche avessero usato un 747, sarebbe stato comunque largo come un quarto scarso di una singola facciata.


IO secondo te dovrei rispondere non solo a TUTTE le TUE domande, ma anche a tutte quelle di tutti gli altri utenti????

Si', in quanto sono obiezioni alle tue teorie.

Rispondo solo a te e basta, e tutti gli altri che hanno fatto la stessa domanda leggono la risposta che ho dato a te. E' più logico non ti pare?

Mi accontenterei, se tu lo facessi.


Non ho nessuna intenzione di mettermi a cercare la fonte precisa al millimetro completa di giornale, giorno, data e ora.

E' dura fare le indagini per bene, vero?

Senti Jack, vai avanti pure a pubblicare qui i tuoi commenti, ma perdonami se non ti rispondo più finché non hai un approccio un po' più corretto: documenta quello che dici, esattamente come ho fatto io con le dimensioni del Pentagono e del 757 e del 747. Poi ne riparliamo.
Attivissimo, rispondi alle mie domande, invece di impuntarti sui dettagli dei dettagli e di scappare quando ti fa comodo, che ne dici, vigliacchetto?

Cominciamo con una facile facile:

1- Perchè le bobine non sono cadute quando avrebbero dovuto essere investite da turbolenza, ali e motore, come si vede dalla foto Ingersoll 2?
Ohh, che bello! Speravo tanto che arrivasse qualcuno come te, con reali competenze nel campo, a cui chiedere conferme! Leggo con piacere che confermi parecchi dei punti che avevo argomentato (non solo per fatto personale, ma anche perchè significa che ragiono in modo scientifico :) )
Anche il commento che ho fatto poco fa era per una cosa che avevo notato, e che fai osservare anche tu(punto 5): nella foto http://www.flickr.com/photos/97906049@N00/101750612/
si vede in effetti un segno diagonale nel cemento della facciata. Inoltre, alla destra dell breccia, ho notato una voragine dove normalmente dovrebbe essere una finestra molto più piccola; specularmente al punto di impatto, a sinistra c'è una zona crollata. Mi chiedevo se non fossero quelli i punti di impatto dei motori, unica parte solida e più massiccia delle ali? Servirebbe una verifica dimensionale, se qualcuno la può fare.
punto 1, terzo paragrafo) stessa cosa che pensavo io, molti parlano dei frammenti come di 'carta stagnola'; in effetti può sembrare, perchè la fusoliera degli aerei è effettivamente in lamiera metallica spessa pochi millimetri, basta scattare una foto da pochi metri perchè questa appaia sottile come carta. Le argomentazioni in questo senso, quindi si possono concludere con: non conferma la presenza di un aereo, ma non può essere usata per escluderla.
punto 4) anche a questo avevo intenzione di rispondere io: a seconda della velocità e della resistenza dell'elemento verticale, questo si potrà spezzare(stelo d'erba secca), piegare e sradicare(tubo in metallo del lampione), o piegare, o non sentire niente(colpo di karate contro pilastro in cemento).
Di nuovo punto 5) anche qui confermi i miei discorsi precedenti riguardo a densità di pilastri in acciaio e muri rinforzati e diversi comportamenti all'impatto: non hanno reazioni paragonabili contro un'ala d'aereo.
punto 7) anche per la teoria riguardo fine della massa dell'aereo, mi fa piacere trovare voci concordi.
Ah, a scanso d'equivoci visto che altri hanno postato dopo: il mio post precedente si riferisce a quello di "fisico".
Jack,
invece di dire fesserie (arte nella quale - devo darti atto - sei molto bravo), potresti gentilmente dire dove caspita hai letto che l'aereo volava a 60 cm dal suolo???

Se non rispondi a questa domanda perdi anche quel briciolo di credibilità che ti resta e il vigliacco sei tu.

Non puoi fondare una teoria su un dato che nemmeno tu sai da dove venga.

Ciao
Hammer, che l'aereo volasse a 60 cm dal suolo l'ho letto in decine di siti/riviste/giornali diversi da due anni (da quando ho cominciato ad indagare sull'11 settembre). Anche nello speciale del TG1 trasmesso proprio ieri sera è stato detto che l'aereo volava rasoterra in maniera praticamente impossibile anche per un pilota con 20 anni di volo sulle spalle (e non lo dico io, l'hanno detto i piloti in studio), se non ti basta e vuoi le fonti esatte e precise di giorno, ora, minuto e secondo di pubblicazione, mi dispiace ma devo risponderti che non ho nessuna voglia di perdere tempo per una ricerca INUTILE su un dettaglio INSIGNIFICANTE come questo, che non dimostrerebbe nulla sia se fosse vero, sia se fosse falso.

Ti spiego.
Anche ammettendo che non fossero 60 cm dal suolo, ma come dice attivissimo fossero di più, in ogni caso, come si vede dalle foto (e di nuovo non lo dico io, ma si vede nelle foto), il buco sulla parete è fatto ad una tale altezza che le ali avrebbero dovuto colpire le bobine di cavi. Non c'è scampo. Che l'aereo volasse a 60 cm o a un metro e mezzo da terra o anche a due metri, le bobine le avrebbe colpite comunque. Ecco perchè dico che cavillare vigliaccamente come fa attivissimo su dettagli insignificanti come questo dei 60 cm è completamente, totalmente inutile ai fini dell'indagine.

Inutile almeno per me, e per chi è davvero interessato a capire cosa sia successo quel giorno.

Per lui e per tutti quelli a cui stanno a cuore solo le donazioni di focaccia in barba alla verità, invece, è utilissimo. In questo modo può distogliere l'attenzione dalle decine di punti principali veramente decisivi a cui si sforza in tutti i modi (ormai sempre più disperati e ridicoli) di non rispondere, cercando di non far vedere che sta evitando la domanda.
Attivissimo glissa, gira intorno, evita di rispondere, si aggrappa a dettagli insignificanti che non riesce nemmeno a dimostrare e che comunque, se anche ci riuscisse, non dimostrerebbero NULLA. E lo fa per tentare di infognare la discussione e di farla giungere a un punto morto, in modo da poter concludere in parità e non venire irrimediabilmente smentito, almeno agli occhi del pubblico.

Grazie a Dio esistono le foto. Le foto se ne fregano di credibilità, seguaci e donazioni di focaccia.
Guarda per esempio la foto Ingersoll 2 del buco nella parete. Attivissimo sostiene che le colonne a destra sono state colpite alla base dalle ali, per cui hanno la base più ravvicinata al buco di quanto dovrebbe essere. Peccato che se le ali fossero state così basse da colpire la base di quelle colonne, avrebbero dovuto colpire anche quelle bobine e buttarle come minimo a terra (come minimo). Le bobine sono ancora in piedi. Che significa? Che le ali sono passate attraverso le bobine di cavi per schiantarsi sulle colonne dietro di esse, per poi sbriciolarsi e ridursi in coriandoli?
No. Significa che su quelle colonne non si è schiantata nessuna ala di nessun Boeing 757. Punto.
Facile, no?
Resto sempre esterrefatto dalla faccia tosta che certa gente riesce a tirare fuori in casi di emergenza, quando rischia di venire sbugiardata senza scampo. Arriverebbe a negare che il fuoco scotta anche mentre si sta ustionando la mano.

L'unico modo per non infognare la discussione, è non dare corda agli squallidi tentativi di attivissimo.
Il che significa che d'ora in poi mi limiterò a porgli una singola domanda per volta, e basta. A questa domanda, lui potrà fare solo due cose:

1- Dare una spiegazione degna di questo nome (e che non coinvolga una catena di eventi dalla probabilità inferiori allo 0,00001% uno dopo l'altro, altrimenti si può dimostrare qualsiasi cosa).

2- Ammettere di non sapere come rispondere.

Ovviamente evitare di rispondere alla domanda, glissare, o girarci intorno in qualsiasi modo, equivale ad ammettere di non sapere come rispondere e di avere torto.

La domanda per attivissimo è:

Perchè le bobine non sono cadute quando, stando alla traiettoria che ha seguito il Boeing 757 e che si può estrapolare dai pali della luce abbattuti (foto: http://xoomer.virgilio.it/neoterni3/Immy11settembre/colonne_pentagono.jpg) e considerata l'altezza e la posizione del buco che la fusoliera avrebbe fatto, secondo te, sulla parete del Pentagono, e stando al punto in cui, sempre secondo te, le colonne sono state colpite dalle ali, le bobine avrebbero dovuto essere investite da turbolenza, ali e motore tutti insieme, come si vede dalla foto: http://xoomer.virgilio.it/neoterni3/Immy11settembre/colonne2.JPG?

La mancata risposta ovviamente equivale a dichiarare di avere torto e di non sapere come rispondere.
(Temo che sarà proprio quello che succederà, visto che attivissimo se la batte alla prima occasione quando le cose si mettono male per lui.)


P.S.
Hammer, dici che sparo sempre fesserie. Visto che sono così tante, immagino che non avrai nessuna difficoltà a elencarmi le più vistose, non è vero?
Jack, permettimi una domanda:

quanto tempo dopo l'impatto è stata scattata quella foto?

il fuoco può causare molti danni alle colonne...
Be', la facciata è collassata 20 minuti dopo l'impatto, Ingersoll si trovava nei paraggi (è uno dei fotografi ufficiali del Pentagono oltre che un militare), e l'ha scattata. Quindi non possono essere passati più di 20 minuti. Di meno, considerando che nella foto si vede già la schiuma antincendio spruzzata dai pompieri sulla facciata. Considerando poi che l'incendio si è sviluppato all'interno dell'edificio e non nella zona dov'erano le colonne, quelle colonne non possono essere state minimamente danneggiate dal fuoco. E' possibile invece che siano così inclinate per sostenere il peso della facciata che stava già cominciando a cedere (è inclinata, facci caso).
La mancata risposta ovviamente equivale a dichiarare di avere torto e di non sapere come rispondere.

Questo è un espediente veramente squallido e patetico. Potrei applicarlo a te e a tutte le domande che ti ho fatto e alle quali non hai voluto rispondere: per esempio, la fonte dei famosi 60 cm, che prima erano così importanti e adesso sono diventati (cito) "INSIGNIFICANTI" ...esattamente la stessa tattica usata dopo il debunking del pod, del transponder, del carrello automatico, e di tante altre "prove" del complotto.

Il fatto stesso che tu ricorra a questi giochini dovrebbe squalificare ogni tua domanda, ma per questa volta starò al gioco, così non potrai vantarti di nulla. Fra l'altro, guarda che qui nessuno tranne te sta facendo una gara a chi piscia più lontano.

La risposta è semplice: perché l'aereo le ha sorvolate, visto che il suo angolo di incidenza era diverso da zero e le bobine erano ad almeno 25 metri di distanza dal punto d'impatto.

La distanza delle bobine è già stata appurata prima nella foto satellitare. L'altezza delle bobine è stimabile per eccesso in un paio di metri (forse meno). L'altezza della piegature delle colonne è stimabile in un metro o due. Le misurazioni precise le lascio a te, io non ho tempo adesso: ma lo spendo, il tempo, se tu spendi il tuo per trovare la fonte dei 60 cm.

La mia ipotesi richiede semplicemente che l'aereo abbia seguito una traiettoria con angolo di incidenza diverso da zero, ossia che fosse leggermente "in discesa", grosso modo come quando si atterra.

L'angolo di incidenza nonzero è dimostrabile con la presenza dell'intaglio circolare dell'angolo superiore del generatore (situato grosso modo alla stessa distanza delle bobine), plausibilmente prodotto dall'impatto con una gondola di motore del 757.

L'intaglio indica che la base del motore del 757 era ad almeno un paio di metri d'altezza quando l'aereo era a 25 metri di distanza. La gondola pende sotto le ali di un paio di metri.

Riassumo: le ali, sempre spannometricamente, erano a circa quattro metri dal suolo quando l'aereo era a 25 metri di distanza, ma erano a uno-due metri d'altezza 25 metri più in là. Ergo, la traiettoria era in pendenza e non radente (parallela al terreno).

L'aereo poteva quindi benissimo passare sopra le bobine senza toccarle.

Considerato il peso delle bobine, è anche possibile che lo spostamento d'aria non sia stato sufficiente a muoverle in modo significativo (anche se tu stesso dici che forse l'impatto o l'onda d'urto le ha spostate in seguito).

Se il concetto della traiettoria inclinata non ti è chiaro, ribadisco la mia scommessa già fatta altrove: mandami i soldi per comperare un kit di un 757 (sono modellista appassionato) e ti costruisco un modello in scala 1:144 della scena (il modello del Pentagono lo pago di tasca mia), ti invito a casa mia e ti faccio provare fisicamente la traiettoria. Ci stai?

O devo dedurre che se non ci stai, ho ragione io? :-)
Ripeto per la terza volta, visto che evidentemente ne hai bisogno per capire: il dettaglio dei 60 cm è SEMPRE stato un dettaglio insignificante. Non ci ho MAI imperniato sopra tutta la mia teoria, come insinui tu. Se non fosse stato insignificante ma fosse stato fondamentale mi sarei premurato di segnarmi le fonti (più di una), non ti pare? Invece non spreco nemmeno tempo a cercarle e ti do ragione proprio perchè è insignificante e non cambia nulla, sia che abbia ragione io, sia che abbia ragione tu. Posso anche darti ragione su questo punto: l'aereo non era a 60 cm dal suolo. Comunque non cambia nulla: le bobine avrebbe dovuto colpirle lo stesso. E più avanti ti spiego perchè.
Insomma, vinci la battaglia ma perdi comunque la guerra. Ora capisci? Questo tuo attaccamento a quest'unico dettaglio è triste, insensato, ed ha evidentemente l'unico scopo di distogliere il discorso da faccende più importanti. Inoltre non ho mai nominato nemmeno di striscio il pod, la storia del carrello che esce fuori da sola non l'ho MAI portata come prova perchè sapevo già da me che era una stupidaggine, e il discorso sul transponder l'hai tutt'altro che risolto. Non attribuirmi colpe che non ho e non attribuirti meriti che non hai.
Sto ancora aspettando inoltre tutte queste domande a cui non ti avrei risposto.
Ora, chiariamo una cosa: non sei tu a fare un piacere a me continuando a discutere, questo mettitelo bene in testa, se riesci a trovare un po' di posto tra l'arroganza e la saccenza. Ok?
Andiamo avanti.

Se ti faccio una domanda e tu non rispondi, significa che non sai come rispondere.
Dove lo vedi lo squallore? Qual è la parte che non capisci? Cosa c'è di squalificante?

"Riassumo: le ali, sempre spannometricamente, erano a circa quattro metri dal suolo quando l'aereo era a 25 metri di distanza, ma erano a uno-due metri d'altezza 25 metri più in là. Ergo, la traiettoria era in pendenza e non radente (parallela al terreno)."

Questo è il top. Hai toccato il fondo. Stai stravolgendo completamente la versione ufficiale che vorresti difendere, paradossalmente rendendola più logica e verosimile di quanto non sia.
Resta da capire se sei davvero così ignorante sui fatti, o se fai il finto tonto per poter cambiare quello che non ti conviene quando ti pare.
Ormai lo sanno anche i sassi. Uno dei punti più discussi dell'intera faccenda è proprio che secondo la versione ufficiale, e ti sfido a negarlo stavolta, l'aereo ha si è avvicinato al Pentagono in linea perfettamente retta, senza la benchè minima pendenza. IN LINEA PERFETTAMENTE RETTA.
Ti anticipo: fonte?
Oltre a innumerevoli trasmissioni e articoli sull'argomento (per esempio, lo hai visto il recentissimo speciale del TG1 in cui dicevano proprio questa cosa?), c'è la ricostruzione virtuale della Purdue University che è stata tra l'altro presa come versione ufficiale dei fatti dallo stesso governo americano (fonte più ufficiale di così non la trovi).
Secondo quella ricostruzione, il Boeing 757 ha viaggiato dall'autostrada fino al Pentagono in linea perfettamente retta senza il minimo angolo di pendenza, perchè in questo modo si tenta di giustificare la totale assenza di solchi o buche nel terreno che altrimenti l'aereo avrebbe dovuto scavare. Ecco un'immagine presa proprio dal sito della Purdue (in cui il Boeing è ancora lontano una quarantina di metri dalla parete):

http://news.uns.purdue.edu/UNS/images/sozen.pentagon.jpeg

Come vedi, secondo la versione ufficiale il Boeing 757 ha viaggiato in linea perfettamente retta e radente il suolo, altro che 5 metri di altezza.
La stessa versione ufficiale dei fatti smentisce la tua (fantasiosa, devo ammetterlo. La fantasia non ti manca mai) ipotesi.

La tua ipotesi, tra l'altro, non tiene conto del fatto che i pali della luce sono stati tranciati a circa 6-7 metri da terra (sono alti 10 metri). Quindi la traiettoria non poteva essere regolarmente discendente come dici tu, perchè se così fosse stato, quando il Boeing si trovava sopra l'autostrada avrebbe dovuto essere molto più in alto di così(non ho voglia di fare i calcoli precisi ma non ce n'è bisogno: di sicuro molto più in alto dei 6-7 metri che testimoniano i pali, se come dici tu l'aereo variava l'altezza della rotta di 3-4 metri ogni 25 metri di strada).
Proviamo a unire i dati sui pali della luce con la tua teoria? Otteniamo un'ipotesi secondo cui il Boeing ha volato a 6-7 metri d'altezza sull'autostrada, si è mantenuto poi a 4-5 metri d'altezza per tutto il percorso dall'autostrada al Pentagono fino a trovarsi a solo 25 metri dall'edificio, dopodichè ha improvvisamente abbassato il muso ed è sceso di 3-4 metri di colpo?
Un pochino troppo... fantasiosa come teoria, non trovi?
Troppo inverosimile anche per il sito complottista più paranoico.

Ho fatto una piccola ricostruzione grafica (volgarmente detta "disegnino") della tua ipotesi. Che traiettoria avrebbe avuto cioè l'aereo se come dici tu non fosse andato in linea retta ma discendente di quel tanto che basta per evitare i rotoli di cavi:

http://xoomer.virgilio.it/neoterni3/Immy11settembre/traiettoria_attivissima.JPG

Completamente diversa dalla versione ufficiale. Tengo a precisare che le dimensioni del Pentagono, dell'aereo e delle bobine sono perfettamente in rapporto tra loro, e anche precise (ci ho messo mezzora controllando anche il millimetro con il solito righello. Spartano e primitivo quanto vi pare, ma efficace).

Chiarisco inoltre, nel caso ce ne sia bisogno, che i miei soldi tu non li vedrai mai neanche in fotografia. Neanche mezzo centesimo. In barba a tutti i tuoi tentativi di scucirli ai visitatori del tuo sito (offrimi una fetta di pizza, comprami un modellino... ma piantala...).
Non entro nella discussione, ma voglio far notare a Jack che si possono sostenere le proprie idee anche senza "dare addosso" a tutti i partecipanti che non si uniformano ad esse.
Ripeto per la terza volta, visto che evidentemente ne hai bisogno per capire: il dettaglio dei 60 cm è SEMPRE stato un dettaglio insignificante.

Cito le tue parole: "Resta il fatto che il Boeing 757 è passato, secondo le testimonianze ufficiali, a 60 cm dal suolo, e con una traiettoria che l'ha portato proprio addosso ai rulli. Eppure le bobine sono rimaste in piedi. C'è qualcosa che non quadra."

A me sembra che i 60 cm siano il perno della tua affermazione. Ma fa niente.

"non spreco nemmeno tempo a cercarle e ti do ragione proprio perchè è insignificante e non cambia nulla"

Cambia eccome! Perché se non è documentato quel 60 cm, la quota alla quale l'aereo ha sorvolato le bobine può anche essere diversa e quindi sufficiente a non colpirle.

Questo tuo attaccamento a quest'unico dettaglio è triste, insensato, ed ha evidentemente l'unico scopo di distogliere il discorso da faccende più importanti.

Oh scusami, il "dettaglio" l'hai tirato in ballo tu, e comunque ho già discusso di moltissimi altri aspetti (pod, carrelli, transponder, discorsi di Bush, lampi, WTC...) in molte altre pagine.


Sto ancora aspettando inoltre tutte queste domande a cui non ti avrei risposto.

Basta che ti rileggi i commenti, ma fa niente, non credo che le tue risposte possano essere costruttive.

Questo è il top. Hai toccato il fondo. Stai stravolgendo completamente la versione ufficiale che vorresti difendere

Ehm... chi ti ha detto che io voglio difendere a tutti i costi la versione ufficiale?

Uno dei punti più discussi dell'intera faccenda è proprio che secondo la versione ufficiale, e ti sfido a negarlo stavolta, l'aereo ha si è avvicinato al Pentagono in linea perfettamente retta, senza la benchè minima pendenza. IN LINEA PERFETTAMENTE RETTA.

Una linea retta può anche essere inclinata. Una variazione di un paio di metri, quando c'e' di mezzo un aereo largo 38, è impercettibile.

c'è la ricostruzione virtuale della Purdue University che è stata tra l'altro presa come versione ufficiale dei fatti dallo stesso governo americano

E' una ricostruzione. Ha margini d'errore. Ho gia' discusso e detto abbondantemente che quella simulazione è molto imprecisa. Il terreno davanti al Pentagono non è piatto e questo non viene considerato nella simulazione. Trovo ironico che "dimostri" la tua tesi usando un documento "ufficiale" quando non credi alla versione "ufficiale".

La tua ipotesi, tra l'altro, non tiene conto del fatto che i pali della luce sono stati tranciati a circa 6-7 metri da terra (sono alti 10 metri). Quindi la traiettoria non poteva essere regolarmente discendente come dici tu

Non esistono soltanto le linee rette. L'angolo d'incidenza può essere cambiato anche solo per via della conformazione del terreno o della variazione di quota dell'aereo . Che è quello che succede spesso durante gli atterraggi.

Troppo inverosimile anche per il sito complottista più paranoico.

A differenza delle tue ipotesi su esplosioni, rottami disposti da una squadra di agenti invisibili, pali della luce tranciati col telecomando in coreografia perfetta, e bobine che si spostano da sole?

Completamente diversa dalla versione ufficiale.

Ma chi ti ha detto che io difendo a spada tratta la versione ufficiale?

Chiarisco inoltre, nel caso ce ne sia bisogno, che i miei soldi tu non li vedrai mai neanche in fotografia. Neanche mezzo centesimo.

Guarda che non ho bisogno dei tuoi soldi. La mia era una scommessa: credi alle tue idee abbastanza da scommetterci qualche decina di euro? Io sì.
Jack, posso farti una domanda?

Dici:
Ormai lo sanno anche i sassi. Uno dei punti più discussi dell'intera faccenda è proprio che secondo la versione ufficiale, e ti sfido a negarlo stavolta, l'aereo ha si è avvicinato al Pentagono in linea perfettamente retta, senza la benchè minima pendenza. IN LINEA PERFETTAMENTE RETTA.

Posso chiederti in quale testo di geometria hai letto che una linea retta non può avere pendenza diversa da zero???? Hai una vaga idea di cosa sia una linea retta??? Deduco di no....

La retta y=-2x è una linea retta e ha pendenza -2.

Bravo, bravo.... continua a tirare parole a caso che vai forte!
LA POSTIAMO ANCHE QUI, VISTO LO SPOSTAMENTO. LASCIAMO L?AEREO, TROPPI GUAI, PRENDIAMO LE BOBINE..........

Allora Attivissimo, lasciamo perdere i tuoi fans (velo pietoso, nessuna informazione sul caso, colpa tua), dopo la trasmissione RAI che ti ha fatto ri apparire da......dentro la TV, (non avevi detto a destra ed a manca che eri stra impegnato??), dopo la patetica situazione generatasi dal fatto che anche la RAI ti ha sputtanato, questo è da Guiness dei Primati, perchè non fai l'unica cosa che ti resta, sparisci da argomenti seri come questi e dedicati alle bufalate da comari. hai il pubblico adatto e tu sei portato per natura. Forse i complottisti pensano che dietro il complotto ci sia l'Ispettore Clouseau? Ma va, c'è solo Attivissimo ma non dietro...davanti!!!!
Hammer, incompetente, se tu avessi letto cosa ho scritto eviteresti di fare queste figure. Non ho detto solo che la traiettoria era in linea retta, ma che era anche perfettamente radente (e quindi parallela) il suolo. Era quello tutto il senso dell'obiezione. Se non l'hai colto, chissà cosa hai capito di tutto il resto del commento... non voglio neanche pensarci.

Ora è più chiaro? Vuoi un disegnino?
L'unica cosa chiara è che hai problemi anche con la lingua italiana (oltre che con la matematica). Da quanto hai scritto sembrava proprio che tu abbia usato il termine "retta" al posto di "parallela al suolo"; se non è quello che volevi dire non ti sai esprimere.

Poi vorrei farti notare due cose:
1) non per vantarmi, ma almeno io ho un pezzo di carta datomi da un Ateneo che conferma che so cosa sono delle linee rette e cosa vuol dire parallelismo. Mi dispiace, sono sicuro di conosciere matematica e geometria meglio di te. L'incompetente sei tu.
2) a differenza di te sono capace di discutere senza alterarmi o offendere.
" A me sembra che i 60 cm siano il perno della tua affermazione. Ma fa niente. "

E come al solito ti sbagli, perchè 50, 60, 70, 80 o anche 100 cm da terra non cambia NULLA, come ti ho già ripetuto fino alla nausea. Ecco perchè è insignificante.

"Cambia eccome! Perché se non è documentato quel 60 cm, la quota alla quale l'aereo ha sorvolato le bobine può anche essere diversa e quindi sufficiente a non colpirle."

Non cambia niente, perchè la quota può essere diversa fino a un certo punto. Il buco nella parete testimonia che a più di un metro e mezzo da terra quando si è schiantato l'aereo non poteva trovarsi. NON POTEVA. Ce lo dice la foto. Quindi che fossero 60 cm o 100, o anche 150, non cambia nulla.
Ma comunque, l'hai vista la ricostruzione della Purdue, che ti ricordo non è fatta da un qualunque sito complottista della domenica, ma è la versione ufficiale dei fatti precisamente come la sostiene il governo USA?
A documentare la cifra di 60 cm dal suolo basterebbe anche solo la ricostruzione grafica della Purdue: guarda la foto:

http://news.uns.purdue.edu/UNS/images/sozen.pentagon.jpeg

Dalle ombre sotto l'aereo, si vede che i motori sono rasoterra. A momenti toccano l'erba. E l'aereo è parallelo al suolo, al millimetro. Ogni sua parte è perfettamente parallela al suolo.
Questo è quello che dice la versione ufficiale, rendiamoci conto.

" Ehm... chi ti ha detto che io voglio difendere a tutti i costi la versione ufficiale? "

Questo è un giochetto che fai spesso. Ogni tanto salti su a dire: "Ma io non difendo la versione ufficiale al millimetro", in modo da poterti salvare in extremis quando si dimostra senza possibilità di errore che alcuni aspetti della versione ufficiale sono assolutamente impossibili.
Ma allora che versione difendi? Quella tua personale, secondo cui il Boeing 757 è passato a 6-7 metri dal suolo sopra l'autostrada, per poi risalire e successivamente ridiscendere con una traiettoria tanto inclinata verso il basso da farlo abbassare di 3-4 metri ogni 25 metri di tragitto, e andare contro il Pentagono?
Ok, per quanto sia fantasiosa, illogica e tecnicamente quasi impossibile, va bene. Difendi la posizione che vuoi. A me basta provare che quello che dice il governo USA a proposito dell'attentato è falso. Di provare che quello che dice attivissimo è falso non mi frega nulla, a meno che attivissimo non voglia difendere alcuni aspetti della versione ufficiale. In quel caso smentendo attivissimo smentisco anche la versione ufficiale. Capisci? Non sei il fine, sei il mezzo.

" Una linea retta può anche essere inclinata. Una variazione di un paio di metri, quando c'e' di mezzo un aereo largo 38, è impercettibile. "

Se tu perdessi questo brutto vizio di evidenziare solo i pezzi che ti fanno comodo stravolgendone il senso, sarebbe un'ottima cosa.
Perchè tralasci il fatto che successivamente ho detto non solo linea retta, ma anche radente e completamente PARALLELA al suolo? Il senso del discorso era tutto lì. Perchè hai tralasciato proprio la parte più importante? Eri distratto?
Una variazione di un paio di metri si noterebbe eccome. Nella versione ufficiale illustrata dalla Purdue, non c'è. E se anche ci fosse, sarebbe insufficiente a far spostare l'aereo di 3-4 metri ogni 25 metri di strada, come dici tu. L'immagine (http://xoomer.virgilio.it/neoterni3/Immy11settembre/traiettoria_attivissima.JPG) della traiettoria che proponi, come ti ho già detto, è completamente diversa dalla versione ufficiale.
Se la sostieni ripudi la versione ufficiale dei fatti perchè è palesemente assurda, e diventi uno sporco complottista paranoico anche tu, non è buffo?

" E' una ricostruzione. Ha margini d'errore. Ho gia' discusso e detto abbondantemente che quella simulazione è molto imprecisa. "

E' una ricostruzione più che precisa, essendo stata fatta al computer e non a mano nuda. E' precisa nel senso che è venuta fuori esattamente come volevano i creatori.
Le cosiddette "imprecisioni" in realtà sono "omissioni" che si sono dovute nascondere per rendere il più credibile possibile la versione ufficiale. Non ignoranza, ma malafede.
Resta comunque il fatto che quella è la versione ufficiale, accettata come tale in tutto il mondo. E che se la si smonta, si smonta la versione ufficiale, non si smonta solo una semplice ricostruzione fatta da chissà chi.

" Trovo ironico che "dimostri" la tua tesi usando un documento "ufficiale" quando non credi alla versione "ufficiale". "

Per dimostrare che la versione ufficiale è falsa, non posso certo ricorrere a documenti non ufficiali. Devo prendere i documenti ufficiali su cui si fonda e usando proprio quelli, dimostrare che è falsa e non può essere vera.
Cosa c'è di strano?
Sarebbe strano se pretendessi di smontare la versione ufficiale con fonti e documenti scritti dal primo che passa e perciò inattendibili.

" Non esistono soltanto le linee rette. L'angolo d'incidenza può essere cambiato anche solo per via della conformazione del terreno o della variazione di quota dell'aereo . Che è quello che succede spesso durante gli atterraggi. "

Mi fai un disegnino della traiettoria che proponi? Voglio vedere se l'ho capita bene... dovrebbe avere una forma a gobba di cammello, come una collina, se ho capito bene.
A parte il fatto che così si smentisce la versione ufficiale (grazie, attivissimo), resta da vedere se almeno questa traiettoria sia materialmente eseguibile.
E se anche ci fosse una minima percentuale che la rendesse possibile tecnicamente, resterebbe comunque l'intelligentissima e ovvia domanda formulata anche allo speciale del TG1 e a cui i piloti non hanno saputo dare risposta: "Perchè non si è schiantato sul Pentagono dal basso verso l'alto, facendo così anche danni maggiori, invece di mettere a repentaglio tutta la missione proprio all'ultimo, zigzagando in traiettorie impossibili e senza senso"???
I piloti non hanno saputo che dire e hanno ammesso che effettivamente è una cosa assurda. Perchè è una cosa assurda, bisogna ammetterlo.

" A differenza delle tue ipotesi su esplosioni, rottami disposti da una squadra di agenti invisibili, pali della luce tranciati col telecomando in coreografia perfetta, e bobine che si spostano da sole? "

Che schifo.
CHE SCHIFO.
Stai stravolgendo completamente TUTTO quello che ho detto per farmi sembrare un pazzo paranoico inaffidabile e vaneggiante.
Questo è mentire sapendo di mentire, nè più nè meno. Che schifo.
L'esplosione è tutt'altro che inverosimile. Non solo è possibilissima, ma si adatta perfettamente alla scena e non lascia i punti oscuri senza risposta che invece lascia la tua versione (dove sono finite le ali? La coda? I motori? Ecc.).
Agenti invisibili?? Quali agenti invisibili?? Secondo te una manciata di federali subito dopo l'impatto avrebbero bisogno di essere invisibili per non farsi notare? E se anche qualcuno li avesse notati, secondo te ci avrebbe trovato qualcosa di strano in una manciata di federali nei pressi del Pentagono ad occuparsi dello schianto appena avvenuto? Secondo te quei due che sono stati fotografati e che tu stesso mostri nel tuo sito mentre raccolgono rottami sono invisibili???
Secondo te far esplodere una manciata di C4 con un detonatore è un'impresa impossibile? Per giustificare la tua ipotesi tiri fuori una dopo l'altra cose ai limiti dell'assurdo (40 tonnellate di acciaio evaporate, motori spariti, ali vaporizzate, coda svanita, traiettorie illogiche e tecnicamente impossibili), ma secondo te far detonare una carica esplosiva quando si vuole è impossibile??? Basta premere il pulsante del detonatore!
Ho detto che le bobine si sono spostate da sole??? HO DETTO QUESTO? Oppure ho detto che le bobine possono essere state spostate perchè magari intralciavano i lavori dei pompieri, o per qualche altro logico motivo simile??? Tu che ne dici? Cosa ho detto? Andiamo a riguardare qualche commento più su??
Che schifo.
Attivissimo, stai grattando il fondo.

" Guarda che non ho bisogno dei tuoi soldi. La mia era una scommessa: credi alle tue idee abbastanza da scommetterci qualche decina di euro? Io sì. "

Certo.
Ma non abbastanza da darli A TE, questi euro.
Dai, lascia perdere. Te l'ho detto: neanche mezzo centesimo avrai mai da me. Se vuoi un modellino, compratelo con la paghetta.
Si, Hammer, ma tu, a differenza di me, non sai leggere.

Nel mio commento avevo scritto:

"Come vedi, secondo la versione ufficiale il Boeing 757 ha viaggiato in linea perfettamente retta e radente il suolo"

Che significa per te "radente il suolo"?
Forse è il caso che ripassi la seconda elementare.
Perché tanto odio?
Vabbè, Jack, parla parla parla... vai avanti a parlare.

Ti risponderò quando scriverai qualcosa di meno astioso e quando ti sarà passato l'attacco isterico che ti prende.
Errata corrige:

"Perchè non si è schiantato sul Pentagono dal basso verso l'alto..."

Ovviamente volevo dire: "Dall'alto verso il basso".
Hammer, per correttezza quando si capisce di avere torto bisognerebbe ammetterlo, invece di svignarsela in questo modo.

P.S.
Nessun odio, è esasperazione.
Una cosa mi stavo chiedendo, al di là di tutte le considerazioni tecniche o meno...
Jack, ma tu ci riesci a fare un intervento senza offendere nessuno, Attivissimo o anti-complottisti che siano? Perchè qui vedo Paolo che risponde sempre con calma, e tu che ti agiti, ti infervori, gli dai del patetico vigliacco (perfino avido di soldi!), e di usare mezzucci per evitare le domande.
Dà quasi l'impressione che tu sia talmente prevenuto nei suoi confronti da non voler nemmeno considerare i suoi discorsi, e che tu sia qui soltanto per sostenere ad ogni costo la teoria del complotto governativo e screditare o compatire chiunque osi dubitarne.
Prova a calmarti un pò e a discutere civilmente delle cose, ed è più facile che si arrivi a delle conclusioni (sempre ammesso che sia quello che vuoi, e non semplicemente affermare una volta di più che "è tutto un complotto del governo americano")

Due appunti:
1) "radente il suolo" non significa orizzontale, specie se non lo è nemmeno il terreno. Inoltre, orizzontale o no, resta il fatto che una variazione di due metri sulla traiettoria di un aereo lungo 38 che viaggia a 500 all'ora a me sembrano piuttosto impercettibili.
2) un aereo che si schianta su un muro come quello del Pentagono non lascia l'impronta netta come Will Coyote, è plausibile che un buon 0,5/1 metro si spezzi intorno al buco. Specie se poi esplode e prende fuoco il tutto (come dare un pugno ad un vetro o un pannello di compensato).
3) per "margini di errore" in una ricostruzione si intendono non quelli della mano che la disegna, ma errori di rispondenza con la realtà. Se casa tua è larga 20m, che la disegni coi pastelli a cera o con un computer della NASA se la disegno di 25m la ricostruzione è comunque sbagliata.
Nessun odio, è esasperazione.

Se sei esasperato, tieni presente che nessuno ti obbliga a continuare a partecipare alla discussione.

Ci sono molti siti complottisti dove le tue teorie sull'esplosione coreografata verranno accolte con molto piacere e acriticamente.

Se continui a postare qui, aspettati invece che ti si chieda di giustificare le tue teorie basandole sui fatti, punto per punto. Non mi sembra una pretesa esagerata.
Buffalo, sono abbastanza giovane e dotato di un carattere abbastanza cattivo da imbestialirmi seriamente di fronte a vigliacchi tentativi di cavarsela travisando tutto quello che l'avversario dice (agenti invisibili, bobine che si spostano da sole... bah). Magari invecchiando mi calmerò, ma sinceramente spero di no.

"radente il suolo" non significa orizzontale"

Secondo la versione ufficiale, l'aereo viaggiava in linea retta, radente il suolo, e assolutamente PARALLELO al terreno. Non lo dico io (anzi, io dico che è assurdo), lo dice il governo degli Stati Uniti.

"un aereo che si schianta su un muro come quello del Pentagono non lascia l'impronta netta come Will Coyote, è plausibile che un buon 0,5/1 metro si spezzi intorno al buco. Specie se poi esplode e prende fuoco il tutto"

Vero. Ecco perchè ci si aspetterebbe per esempio che il buco sulla facciata sia più largo.
Riguardo ai danni che ha fatto l'aereo, sai che quello che si è schiantato sulla Torre Nord prendendola in pieno lo ricorda molto, Will Coyote? Guarda qui:

http://xoomer.virgilio.it/neoterni3/Immy11settembre/danni_ali.JPG

Sono messi a confronto i due buchi, della Torre e del Pentagono. Nella Torre ha lasciato perfettamente il segno delle ali, che dovrebbero essere fragilissime, secondo attivissimo.
Il muro del Pentagono inoltre non è, come sembrate credere, un bunker antiatomico indistruttibile. E' composto da mattoni, cemento armato e una rete in kevlar in mezzo. E se volete sostenere che una semplice rete in kevlar ha fatto la differenza e ha polverizzato l'aereo, forse è il caso che ci pensate due volte.

"per "margini di errore" in una ricostruzione si intendono non quelli della mano che la disegna, ma errori di rispondenza con la realtà. Se casa tua è larga 20m, che la disegni coi pastelli a cera o con un computer della NASA se la disegno di 25m la ricostruzione è comunque sbagliata."

Sì, d'accordo. Resta comunque il fatto che la ricostruzione della Purdue è matematicamente precisa al millimetro, è stata fatta prendendo le misure esatte dell'aereo e del Pentagono fino ai dettagli (guardate, si vede perfino il riflesso del prato sulla fusoliera dell'aereo). Se vuoi comunque sostenere che è errata, d'accordo, ma in questo caso è come dire che la versione ufficiale non regge, perchè chi ha fatto quella ricostruzione per dimostrare la versione ufficiale, allora ha omesso volontariamente dei particolari per far quadrare meglio la storia del Boeing 757 contro il Pentagono.
Dunque siamo tutti d'accordo: la storia ufficiale del Boeing 757 contro il Pentagono come ce l'hanno raccontata non regge?


Per Attivissimo:

"Se sei esasperato, tieni presente che nessuno ti obbliga a continuare a partecipare alla discussione."

Ti piacerebbe. Cominci a sentirti l'acqua alla gola? Cominci a capire che le tue fantasiose ricostruzioni non reggono?
Come mai non hai risposto a tutto il resto del mio commento ma ti sei attaccato solo a questo dettaglio dell'esasperazione? Per cambiare discorso? Guarda che io ho scritto molto di più.

"Se continui a postare qui, aspettati invece che ti si chieda di giustificare le tue teorie basandole sui fatti, punto per punto. Non mi sembra una pretesa esagerata."

Ed infatti è ciò che faccio.
Sono esasperato non per la fatica di sostenere la mia posizione, come sembri credere, ma per lo sforzo di sopportare le tue vigliaccate, la tua ottusità, le tue bugie, il tuo stravolgere i miei discorsi a tuo favore, il tuo girare intorno ed evitare le domande che non ti convengono, la tua saccente ignoranza e la tua sempre più evidente malafede.
Capito?


Cordialmente,

il vostro paranoico complottista di quartiere.
E un'altra cosa: questa storia che i siti complottisti accettano qualunque cosa volentieri e "acriticamente", è una vigliacca insinuazione che mira a screditare gli avversari facendoli passare per fessi creduloni e quindi inattendibili. Invece di commentare che cosa viene detto, si scredita chi lo dice. Tipico trucchetto.

Se dici una cosa del genere significa che non sei mai stato su Luogocomune.net. Lì il livello delle discussioni è altissimo e molto più competente. Imparagonabile a quello che c'è qui.
Come mai non hai risposto a tutto il resto del mio commento ma ti sei attaccato solo a questo dettaglio dell'esasperazione? Per cambiare discorso? Guarda che io ho scritto molto di più.

Non so te, ma io lavoro per vivere; cacciare le bufale è un hobby. Il tempo che posso dedicare a questo hobby, e quindi a risponderti, è limitato. Ne ho già speso troppo e inconcludentemente. Adesso devo smettere. Sei libero di interpretarla come una resa o come semplice esasperazione (anche i debunker si esasperano, sai). Fa' quello che vuoi. Resta pure della tua idea, scrivi qui tutti i tuoi ragionamenti, non li cancellerò.

Se dici una cosa del genere significa che non sei mai stato su Luogocomune.net. Lì il livello delle discussioni è altissimo e molto più competente. Imparagonabile a quello che c'è qui.

Cito da Luogocomune.net:

"Una volta all'interno, le ali cominciano a "sfilacciarsi", man mano che incocciano con le colonne in cemento armato, e disperdono nell'ambiente il carico di gasolio (disegnato in aracione)."

Gli aerei non vanno a gasolio.. Errore "colloquiale"? digita "gasolio site:luogocomune.net" e guarda quante volte hanno scritto questa baggianata colossale. Gliel'ho anche segnalata, ma non l'hanno ancora corretta (tranne in un punto).

Nella sezione "Un falso assolutamente inutile", ci risiamo:

"Quello potrebbe essere etilene, al massimo, o comunque un carburante ad altissima volatilità. Ma di certo il gasolio non si comporta così."

Ma non solo: nella stessa sezione, il filmato dell'impatto viene dichiarato falso perché c'è un chiarore dietro la torretta dell'eliporto, che viene interpretato come una fiammata. Si dice quindi che il chiarore è un fotomontaggio. Qualunque fotografo sa che una fonte luminosa produce lo stesso effetto. Basta fotografare il sole attraverso le foglie per ottenere lo stesso chiarore: questo non vuol dire che la foto è falsa né tanto meno che il sole si trova davanti alle foglie.

Ho già segnalato anche questo errore macroscopico a LC, ma non è ancora stato corretto.

Questi sono i tuoi geni dell'analisi?
Va bene, Jack... siamo tutti vigliacchi, siamo tutti ignoranti, nessuno di noi sa leggere.

Sei intelligente solo tu.

E soprattutto sei molto garbato e dai prova di essere in grado di discutere senza offendere.

...dimenticavo il tuo pregio migliore: "dotato di un carattere abbastanza cattivo"!

Grazie di esistere.

....a proposito: dove hai letto che riconosco di avere torto? Non me la svigno perchè riconosco di avere torno. Semplicemente non ti rispondo perchè ti biasimo.
Buongiorno, sono un iscritto di LC. Ho letto il Suo commento relativo a quello che Lei ha definito "un errore". La confusione tra il gasolio ed il kerosene, spero non si arrivi ad un livello che implichi come punto focale delle Vostre affermazioni questo, sapevo fosse stata accantonata, come con gli errori di battuta. ma vedo, Attivissimo, che così non è. So anche che ad "errore" di quel livello faceva da contraltare "un suo errore di almeno pari livello". So anche, che Lei assieme a qualcun'altro, aveva preso "accordi d'onore" per lasciar perdere eventuali atteggiamenti, a dire ilvero di bassa lega, tendenti ad utilizzare certe situazioni.
Vedo che Lei, oggi, nella risposta che di per se La vedeva in estrema difficoltà, ha utilizzato nuovamente questa storiella per denigrare Luogocomune. Lei è una persona scorretta. Invito chi ritenesse opportuno verificare la qualità delle discussioni che avvengono su www.luogocomune.net a farlo personalmente, in onore della verità.
In quanto a Lei, Attivissimo, avremo modo di chiudere discussioni aperte in maniera democratica ed onesta. Almeno noi certamente.

Francesco
P.s.

Scusate...Attivissimo scrive:

Ho già segnalato anche questo errore macroscopico a LC, ma non è ancora stato corretto.

A parte il risibile comportamento collaborazionista da Lei non mascherabile neppure a bambini dell'asilo, vuol farci cascare qualcuno che latita in attività cerebrali ben al di sotto del normale in questa finezza?

Questo basta perchè Luogocomune non sia affidabile come diceva il suo interlocutore (quello che l'ha messa spalle al muro), il tutto in un errore di una parola su montagne e montagne di prove e documenti?

Non si rende conto di pestarsi le mani da solo?

Distinti saluti

Francesco
La confusione tra il gasolio ed il kerosene... sapevo fosse stata accantonata, come con gli errori di battuta. ma vedo, Attivissimo, che così non è.

Infatti, perché l'errore persiste, ed è un errore grave. E' ancora più grave perché ripetuto e ancora presente nonostante io l'abbia segnalato più volte.

So anche che ad "errore" di quel livello faceva da contraltare "un suo errore di almeno pari livello".

Sì, in una versione vecchia delle mie indagini avevo scritto che l'alluminio brucia, ma ho poi corretto il mio errore (era un errore di interpretazione delle proprietà chimiche di questo metallo).

So anche, che Lei assieme a qualcun'altro, aveva preso "accordi d'onore" per lasciar perdere eventuali atteggiamenti, a dire ilvero di bassa lega, tendenti ad utilizzare certe situazioni.

Non si tratta di "accordi d'onore" del tipo "io non segnalo le tue stupidate, tu non segnali le mie". Ho scritto a Mazzucco di LC che "andavamo in pari" fra il mio errore sull'alluminio e il suo sul gasolio. La differenza è che il mio errore è stato corretto (ma annotato), mentre quello di LC no.

Vedo che Lei... ha utilizzato nuovamente questa storiella per denigrare Luogocomune.

Attenzione: non ho usato soltanto questa. Ho citato anche quella della fiammata impossibile, citata come "prova" del il filmato del Pentagono è un falso. Anche questo errore è stato segnalato da me nel forum di LC, ma non è ancora stato corretto. Che si possa arrivare a un errore così grave di interpretazione fotografica è, secondo me, indice di poca serietà e obiettività. Che lo si lasci dopo che è stato segnalato è ancora più grave.

Invito chi ritenesse opportuno verificare la qualità delle discussioni che avvengono su www.luogocomune.net a farlo personalmente, in onore della verità.

Mi associo all'invito. Così ognuno potrà valutare la coerenza e attenzione con la quale vengono presentate le informazioni, separandole dalle ipotesi.
" Non so te, ma io lavoro per vivere; cacciare le bufale è un hobby. Il tempo che posso dedicare a questo hobby, e quindi a risponderti, è limitato. Ne ho già speso troppo e inconcludentemente. Adesso devo smettere. Sei libero di interpretarla come una resa o come semplice esasperazione (anche i debunker si esasperano, sai). Fa' quello che vuoi. "

Ed infine Attivissimo si arrende con la più banale, stupida e puerile delle scuse: "non ho tempo di risponderti." (Per scrivere pagine di deliri e ridicoli voli di fantasia però ha tutto il tempo del mondo, vero?)
Conclusione scontata. Era ovvio che avrebbe gettato la spugna. E' molto stancante tentare di negare l'evidenza in continuazione inventandosi baggianate sempre peggiori.
Non che ammetta chiaramente di essersi arreso, è ovvio, quando mai ha ammesso di avere torto su qualcosa anche davanti a prove inconfutabili? Di solito quando appare evidente che ha torto su qualche punto cambia discorso, evita le domande, le ignora come se non fossero state fatte, si attacca a dettagli insignificanti che non c'entrano nulla, ma mai, MAI ammette di aver detto una castroneria, anche quando c'è un cumulo di prove sotto al suo naso che gli grida: "Ma che accidenti stai dicendo?? E noi? Non ci vedi?? Siamo qui! Che ne dici di considerarci, una volta tanto??".
Parecchie volte mi ha accusato di non aver risposto a decine di sue domande, e io ogni volta gli chiedevo di citarmi per favore almeno le più vistose, almeno UNA di esse! E lui niente. Si limitava a ribadire che non ho risposto a decine di sue domande, e che quindi aveva ragione lui. Vabbè, si fa la festa e se la gode. Si diverte così, è crudele togliergli anche questo piccolo divertimento. Che cosa gli rimane, sennò?
Ogni volta le sue risposte erano la metà delle mie, perchè metà delle mie obiezioni le ignorava (non sapendo farvi fronte), e l'altra metà le travisava cercando di spiegarle con assurdi voli di fantasia.
Eppure ha mai ammesso di non sapere cosa rispondere? Ha mai detto: "E' vero, a questo non avevo pensato, questo è impossibile, questo è illogico"? Ha mai ammesso di avere torto su qualcosa, una cosa qualunque? Macchè. Davanti all'evidenza del torto, cambiava semplicemente discorso sperando che i suoi seguaci non si accorgessero che aveva tralasciato metà delle mie obiezioni perchè incapace di rispondere.
E il peggio è che i suoi seguaci sembrano non accorgersene davvero, ansiosi come sono di essere rassicurati e confortati che il mondo sia davvero come ci dice la televisione. Attivissimo è la loro ultima ancora di salvezza, e quando qualcuno gliela distrugge reagiscono ovviamente malissimo e aggressivamente. Che gente triste. Chissà come ci rimarranno quando la verità verrà finalmente fuori e si renderanno conto di aver avuto torto marcio e di aver detto cretinate per anni.
Perchè prima o poi si scoprirà, la verità, questo è sicuro. Una cosa così grossa non potrà restare nascosta ancora per molto. Ci potranno volere 10, anche 20 anni, ma si scoprirà.


P.S.
Cercare di dimostrare che centinaia di pagine, documenti, analisi e prove presenti su Luogocomune.net sono tutte false perchè invece di kerosene hanno scritto gasolio 3 volte, è davvero un tentativo patetico. Come dire che un errore di scrittura svilisce tutto un libro di 700 pagine.
Luogocomune.net non ha ancora corretto quel vecchio errore di scrittura perchè sta dicendo da mesi che l'intera sezione 11 settembre del suo sito va aggiornata, riveduta e corretta da errorini simili. E tu lo sai benissimo.
Per cui insinuare che sono un cumulo di incompetenti per un errore simile è davvero l'ultima spiaggia di un poveretto che non sa più a cosa aggrapparsi. Che sia gasolio, kerosene o benzina, il senso generale del discorso non cambia e tutte le centinaia di prove sull'11 settembre di luogocomune.net non ne vengono inficiate minimamente.
Riguardo al filmatino: i dubbi sono tutt'altro che risolti. Quel chiarore che secondo te è normale in alcune copie del filmatino c'è, in altre no. Così come in alcune copie c'è una data sbagliata sotto (12 settembre, 17:37), e in altri la parte inferiore del filmato è stata tagliata per nasconderla. Strano, no? Anche nello speciale del TG1 hanno mostrato il filmatino con sotto la data sbagliata, ma hanno pensato bene di tagliarla a metà dell'inquadratura per non farla notare. Curioso.

Be', mi sembra che sia tutto. E' stato un piacere.


P.P.S.
Ah, non ti dispiace se trascrivo il nostro dialogo sul mio sito, vero? Dopotutto non è mica una conversazione privata, è pubblica e visibile a chiunque già adesso, per cui non c'è niente di male.
Farà un figurone accanto alla sezione che ti smentisce.
" Non so te, ma io lavoro per vivere; cacciare le bufale è un hobby. Il tempo che posso dedicare a questo hobby, e quindi a risponderti, è limitato. Ne ho già speso troppo e inconcludentemente. Adesso devo smettere. Sei libero di interpretarla come una resa o come semplice esasperazione (anche i debunker si esasperano, sai). Fa' quello che vuoi. "

Ed infine Attivissimo si arrende con la più banale, stupida e puerile delle scuse: "non ho tempo di risponderti." (Per scrivere pagine di deliri e ridicoli voli di fantasia però ha tutto il tempo del mondo, vero?)
Conclusione scontata. Era ovvio che avrebbe gettato la spugna. E' molto stancante tentare di negare l'evidenza in continuazione inventandosi baggianate sempre peggiori.
Non che ammetta chiaramente di essersi arreso, è ovvio, quando mai ha ammesso di avere torto su qualcosa anche davanti a prove inconfutabili? Di solito quando appare evidente che ha torto su qualche punto cambia discorso, evita le domande, le ignora come se non fossero state fatte, si attacca a dettagli insignificanti che non c'entrano nulla, ma mai, MAI ammette di aver detto una castroneria, anche quando c'è un cumulo di prove sotto al suo naso che gli grida: "Ma che accidenti stai dicendo?? E noi? Non ci vedi?? Siamo qui! Che ne dici di considerarci, una volta tanto??".
Parecchie volte mi ha accusato di non aver risposto a decine di sue domande, e io ogni volta gli chiedevo di citarmi per favore almeno le più vistose, almeno UNA di esse! E lui niente. Si limitava a ribadire che non ho risposto a decine di sue domande, e che quindi aveva ragione lui. Vabbè, si fa la festa e se la gode. Si diverte così, è crudele togliergli anche questo piccolo divertimento. Che cosa gli rimane, sennò?
Ogni volta le sue risposte erano la metà delle mie, perchè metà delle mie obiezioni le ignorava (non sapendo farvi fronte), e l'altra metà le travisava cercando di spiegarle con assurdi voli di fantasia.
Eppure ha mai ammesso di non sapere cosa rispondere? Ha mai detto: "E' vero, a questo non avevo pensato, questo è impossibile, questo è illogico"? Ha mai ammesso di avere torto su qualcosa, una cosa qualunque? Macchè. Davanti all'evidenza del torto, cambiava semplicemente discorso sperando che i suoi seguaci non si accorgessero che aveva tralasciato metà delle mie obiezioni perchè incapace di rispondere.
E il peggio è che i suoi seguaci sembrano non accorgersene davvero, ansiosi come sono di essere rassicurati e confortati che il mondo sia davvero come ci dice la televisione. Attivissimo è la loro ultima ancora di salvezza, e quando qualcuno gliela distrugge reagiscono ovviamente malissimo e aggressivamente. Che gente triste. Chissà come ci rimarranno quando la verità verrà finalmente fuori e si renderanno conto di aver avuto torto marcio e di aver detto cretinate per anni.
Perchè prima o poi si scoprirà, la verità, questo è sicuro. Una cosa così grossa non potrà restare nascosta ancora per molto. Ci potranno volere 10, anche 20 anni, ma si scoprirà.


P.S.
Cercare di dimostrare che centinaia di pagine, documenti, analisi e prove presenti su Luogocomune.net sono tutte false perchè invece di kerosene hanno scritto gasolio 3 volte, è davvero un tentativo patetico. Come dire che un errore di scrittura svilisce tutto un libro di 700 pagine.
Luogocomune.net non ha ancora corretto quel vecchio errore di scrittura perchè sta dicendo da mesi che l'intera sezione 11 settembre del suo sito va aggiornata, riveduta e corretta da errorini simili. E tu lo sai benissimo.
Per cui insinuare che sono un cumulo di incompetenti per un errore simile è davvero l'ultima spiaggia di un poveretto che non sa più a cosa aggrapparsi. Che sia gasolio, kerosene o benzina, il senso generale del discorso non cambia e tutte le centinaia di prove sull'11 settembre di luogocomune.net non ne vengono inficiate minimamente.
Riguardo al filmatino: i dubbi sono tutt'altro che risolti. Quel chiarore che secondo te è normale in alcune copie del filmatino c'è, in altre no. Così come in alcune copie c'è una data sbagliata sotto (12 settembre, 17:37), e in altri la parte inferiore del filmato è stata tagliata per nasconderla. Strano, no? Anche nello speciale del TG1 hanno mostrato il filmatino con sotto la data sbagliata, ma hanno pensato bene di tagliarla a metà dell'inquadratura per non farla notare. Curioso.

Be', mi sembra che sia tutto. E' stato un piacere.


P.P.S.
Ah, non ti dispiace se trascrivo il nostro dialogo sul mio sito, vero? Dopotutto non è mica una conversazione privata, è pubblica e visibile a chiunque già adesso, per cui non c'è niente di male.
Farà un figurone accanto alla sezione che ti smentisce.
Hammer, non mi rispondi perchè mi biasimi? Ma se continui a rispondermi??

Non rispondi invece alla questione della traiettoria parallela dell'aereo. Perchè non rispondi? Perchè sai benissimo di aver detto una vaccata. Coraggio, non prendertela. Capita a tutti. Ad alcuni più spesso che ad altri, certo. Ma non c'è bisogno di intristirsi, su.


P.S.
Ho mandato sopra lo stesso messaggio 2 volte perchè stranamente tardava a comparire e pensavo che non lo avesse accettato.
F) La confusione tra il gasolio ed il kerosene... sapevo fosse stata accantonata, come con gli errori di battuta. ma vedo, Attivissimo, che così non è.

Att) Infatti, perché l'errore persiste, ed è un errore grave. E' ancora più grave perché ripetuto e ancora presente nonostante io l'abbia segnalato più volte.

F) Un errore che prima Lei ammette essere una semplice confusione diventa un errore grave? Come se per Lei tutte le prove e teorie sull'11-09 si basassero su questa banalità? Da noi si è parlato del Suo strafalcione sull'alluminio il tempo di un caffè, avevamo ed abbiamo ben altre cose da fare.


F) So anche che ad "errore" di quel livello faceva da contraltare "un suo errore di almeno pari livello".

Att) Sì, in una versione vecchia delle mie indagini avevo scritto che l'alluminio brucia, ma ho poi corretto il mio errore (era un errore di interpretazione delle proprietà chimiche di questo metallo).

F) Sbagliando s'impara.

F) So anche, che Lei assieme a qualcun'altro, aveva preso "accordi d'onore" per lasciar perdere eventuali atteggiamenti, a dire ilvero di bassa lega, tendenti ad utilizzare certe situazioni.

Att) Non si tratta di "accordi d'onore" del tipo "io non segnalo le tue stupidate, tu non segnali le mie". Ho scritto a Mazzucco di LC che "andavamo in pari" fra il mio errore sull'alluminio e il suo sul gasolio. La differenza è che il mio errore è stato corretto (ma annotato), mentre quello di LC no.

F) Allora rimarcando questo Lei ha definitivamente dimostrato a tutti che le sue conclusioni "da arrampicate sugli specchi" sull'11-09 sono esatte. Complimenti, grande stratega.

F) Vedo che Lei... ha utilizzato nuovamente questa storiella per denigrare Luogocomune.

Att) Attenzione: non ho usato soltanto questa. Ho citato anche quella della fiammata impossibile, citata come "prova" del il filmato del Pentagono è un falso. Anche questo errore è stato segnalato da me nel forum di LC, ma non è ancora stato corretto. Che si possa arrivare a un errore così grave di interpretazione fotografica è, secondo me, indice di poca serietà e obiettività. Che lo si lasci dopo che è stato segnalato è ancora più grave.

C) La gravità della situazione, da Sua gratuita affermazione, oppure, se vogliamo, la priorità delle situazioni, secondo me, non combacia con quanto da Lei manifestato in primis perchè Lei non riveste alcuna importanza nelle indagini sulla strage dell'11-09 giusto per la mancanza di credibilità che a Lei è stata più volte contestata. Se Lei avesse accettato o accetterà un confronto, così come Le fu già proposto, ma non perv e-mail ma in sano face to face, che so io i una radio ad alto indice di ascolto, potrà difendere quello che vuole. Con uno che rifiuta confronti e starnazza ai quattro venti teorie strampalate come Lei non si può chattare come fanno i bambini piccoli, unica circostanza che vedo lei predilige.

F)Invito chi ritenesse opportuno verificare la qualità delle discussioni che avvengono su www.luogocomune.net a farlo personalmente, in onore della verità.

Att)Mi associo all'invito. Così ognuno potrà valutare la coerenza e attenzione con la quale vengono presentate le informazioni, separandole dalle ipotesi.

F) Dopo questa affermazione infantile e piena di rancore "trattenuto con la forza" l'unica cosa che posso dirle è che lei si trova in uno stato confusionale evidentemente dovuto alla marea di novità, vedo rigorosamente ignote alle persone che stanno sul Suo blog. Novità che vanno tutte dalla parte opposta della direzione nella quale Lei, colpevolmente, ha indirizzato le persone che, ingenuamente Le hanno creduto. I suoi giorni come bluff, Attivissimo, sono contati.

Distinti saluti

Francesco
"Ed infine Attivissimo si arrende con la più banale, stupida e puerile delle scuse: "non ho tempo di risponderti." (Per scrivere pagine di deliri e ridicoli voli di fantasia però ha tutto il tempo del mondo, vero?)"

Jack, tu sembri passare le giornate su questo sito (ed a quello a cui si collega il tuo link), non so come tu riesca ad avere tanto tempo a disposizione, ma ti posso assicurare che non tutti sono così fortunati.
Anche contro la propria volontà ci sono obblighi e scadenze da rispettare, se si desidera sbarcare il lunario mensile.
Utilizzare questa necessità come scusa per vantarsi di aver ottenuto ''la vittoria'' mi pare veramente meschino.
Quale scusa? Se io faccio una domanda e lui non mi risponde è perchè NON SA rispondermi, anche se non lo vuole ammettere.
La scusa la utilizza lui, che improvvisamente, dopo giorni in cui mi ha risposto dopo 20 minuti ad ogni commento come se fosse perennemente in agguato su questo blog aspettandoli, dice di non avere più tempo per discutere.

Certo.

Se riuscite davvero a credere a questo patetico tentativo di finire almeno in parità un confronto che ha perso clamorosamente, allora non mi stupisco che crediate anche alle sue colossali balle sull'11 settembre.

Stai tranquillo, attivissimo. La tua incompetenza continuerà a venire provata sempre di più e sempre più chiaramente, ma tanto i ciechi volontari pronti a bersi le tue buffonate esisteranno sempre. Non perderai mai i tuoi proseliti e le tue donazioni di focaccia.


P.S.
Ho parecchio tempo libero perchè vado all'università da non frequentante, per cui spesso resto a casa. Che sporco complottista parassita della società che sono.
"La scusa la utilizza lui, che improvvisamente, dopo giorni in cui mi ha risposto dopo 20 minuti ad ogni commento come se fosse perennemente in agguato su questo blog aspettandoli, dice di non avere più tempo per discutere."

Non ti sorge il pensiero che dopo aver passato giornate intere a dibattere su un argomento, portando comunque avanti lavoro e aggiornamenti del sito, una persona si trovi in ristrettezze di tempo ed energie??

Il modo in cui hai concluso l'ultimo tuo intervento, poi, gongolando come se questo fosse un processo in cui l'ultimo che ha la parola si trova la verità dalla sua, è davvero triste a vedersi.
Anonymous, è davvero commovente vedere gli sforzi che fai per rigirare la frittata e giustificare attivissimo, ma i fatti sono fatti. Attivissimo non sapeva più come rispondere, per cui si è defilato dalla discussione con la prima scusa che gli è venuta in mente. Se non lo capisci o sei scemo o fai il finto tonto. Quale delle due?

Cose da pazzi. Siete così ciechi e ostinati nella vostra fede nelle sue buffonate, che se anche avesse detto chiaro e tondo: "Ho torto marcio, lo ammetto, perciò mi dichiaro sconfitto e mi ritiro dalla discussione", voi comunque avreste trovato il modo di giustificarlo dicendo: "Non dice sul serio, si è solo stufato di ripeterti come stanno le cose, ha da fare, ecc.".
Cose da pazzi. Resto sempre più allibito.
Adesso ho perso la pazienza.

Senti Jack, tu della mia vita e del mio lavoro non sai niente e quindi evita di sputare sentenze sulla "prima scusa che mi è venuta in mente" eccetera.

Per tua informazione, nei giorni scorsi ho lasciato indietro parecchio del mio lavoro per seguire i tuoi commenti. Pensavo fosse mio dovere di ospite. Ho fatto il possibile per rispondere sempre e puntualmente (e adesso mi rinfacci anche questo).

Stanotte, sempre per tua informazione, tiro l'una per recuperare il tempo perduto. Si', perduto. Perduto perché hai soltanto aggredito, travisato e insultato tutti, ed hai evitato tutte le semplici, oneste richieste di dare delle fonti per le tue affermazioni stravaganti.

Sono tentato di farti un bel copiaeincolla di tutte le domande che ti ho fatto e che hai sorvolato più disinvoltamente di un dirottatore che fa lo slalom fra le bobine e i pali della luce, ma il tempo è tiranno, e soprattutto farei il tuo gioco.

Perché per te tutto questo è un gioco. E il gioco si chiama "far perdere tempo alla gente che lavora". Ormai mi devo arrendere all'evidenza: sei un troll. Sai cosa vuol dire, vero?

Sei libero di postare qui ogni ulteriore tua "analisi" su Pentagono e dintorni: l'ospitalità in un blog è sacra, per me, anche quando l'ospite ne abusa.

Sei però pregato di astenerti dal fare ulteriori commenti sulla mia vita personale e sui miei impegni, di cui sai molto meno di zero. Ed evita insulti anche agli altri partecipanti.

Goditi la tua vittoria di Pirro.
Jack, una domanda off-topic, ma importante (e mi scuso se te l'abbiano gia' fatta). Perche' se premo sul tuo nome e vado sul tuo sito ricevo una comunicazione di Windows che mi chiede se voglia un "Dialer Java"?

Io lo rifiuto sempre (e' due volte che ricevo un tentativo di installazione sul mio computer), ma se e' quello che sembra essere (cioe' un Dialer), non e' una cosa carina da far trovare a chi visiti il tuo sito. Mi puoi spiegare cosa sia e se mi stia sbagliando io?

Ciao
-Sam Fisher
La richiesta per il dialer java l'ha messa il servizio di redirecting del sito (www.subito.cc), non l'ho messa certo io. Basta rifiutarla, non è un virus nè altro (è divertente vedere come vi inventate anche i pretesti per accusarmi di qualcosa).

Attivissimo, ora che mi hai dato del troll semplicemente perchè ho fatto delle domande scomode che ti hanno sputtanato senza pietà in pubblico, e che mi hai rinfacciato l'enorme quantità di tempo persa per rispondermi (ma come, non sei disposto a sacrificare qualche ora per le tue idee? Non valgono niente le tue idee o non vali niente tu?), sei soddisfatto? Magari credi anche di essere riuscito a distogliere l'attenzione dei lettori dal fatto che te la sei filata con la coda tra le gambe appena le cose si sono messe male?

Perfetto. Così siamo contenti tutti (anche se alcuni meno di altri, non è vero?).

Se la discussione è conclusa e non hai altro da aggiungere, io a questo punto mi congederei (ho da fare anch'io, sai? Ma intavolare questa discussione è stata una mia scelta, e quindi non ti rinfaccio ogni minuto che mi è costata. Io.).

Magari mi farò vivo alla tua prossima sparata targata attivissimo.

Ci sentiamo (forse).


P.S.
E' stato un gran divertimento farti sudare freddo e vederti annaspare tentando di negare l'evidenza con ogni mezzuccio per due giorni. Dovremo rifarlo, prima o poi. Addio.
Paolo ha scritto:
"Perché per te tutto questo è un gioco. E il gioco si chiama "far perdere tempo alla gente che lavora". Ormai mi devo arrendere all'evidenza: sei un troll. Sai cosa vuol dire, vero?"

Jack ha scritto:
"P.S.
E' stato un gran divertimento farti sudare freddo e vederti annaspare tentando di negare l'evidenza con ogni mezzuccio per due giorni. Dovremo rifarlo, prima o poi. Addio."

Paolo, sembra proprio tu abbia ragione.
Va a tuo merito l'aver continuato a cercare il dialogo e mantenuto toni pacati e rispettosi, anche se le buone intenzioni non sono state ricambiate.
... io credo che il problema di alcuno complottisti sia legittimo: perchè un'aereo schiantandosi contro un'edificio non ha fatto un casino di danni?? Ovvio, i film ci fanno vedere esplosioni colossali e devastazioni a gogo ... così come quando fanno vedere un'incidente automobilistico (stridori di gomme, vetri rotti, schanti abominevoli e pure qualche cappottamento).
Purtroppo la realta è meno spettacolare.
Volf
Jack, ma la pianti di vomitare odio su tutti quelli che non la pensano come te?

Se hai voglia di sfogare le tue frustrazioni in questo modo ti dico che il risultato finale sarà che nessuno avrà ascoltato le tue opinioni sul Pentagono e tutti cominceranno a visitare la discussione solo per vedere a che livello di insulti riesci ad arrivare prima che la gente si stanchi.

E' come guardare queii filmati che girano in Internet con i ragazzini isterici che sfasciano il computer. è divertente per un po', poi passi ad altro.

Non ci credi? Io in questo momento ti leggo per questo motivo.

Non riesco a seguire il merito delle cose che dici, perché è dalle 13:40 del 21 Febbraio che non dici più qualcosa a proposito della discussione (sei off-topic, per dirla in gergo), e da allora hai fatto altri sette lunghissimi interventi.

SirEdward
Questo Jack è davvero un individuo divertentissimo. Accusa Paolo di ignorare le sue domande, e poi ammette tranquillamente di leggere solo i suoi post e non rispondere agli altri perchè non ha tempo da perdere. Se Paolo replica che anche lui non tutto questo tempo, lui dice che è solo una scusa per arrampicarsi sugli specchi. Dice che non riusciamo a confutare niente quando lui ha prove che "urlano evidenza", ed avrà citato due fonti scarse, oppure ha linkato le solite immagini comparative-ad-occhio da 11settembre.subito. Dice che evita le domande ed ignora le prove, e poi ritorna su annosi punti da complotto già discussi all'inizio del thread, oppure ripropone considerazioni dimostrando di avere bellamente sorvolato gli interventi più esaurienti e seri, come quelli di Dan. Dice che Paolo lo vuole screditare con delle scuse, quando è fin dall'inizio che ad ogni post di più di dieci righe gli dà del poveretto, del ridicolo, del vergognoso bugiardo. Un campione di coerenza, non c'è che dire.
E i suoi post hanno contribuito sempre alle questioni tecniche, vertendo sempre più soltanto sul presunto arrampicarsi sugli specchi di Paolo.
Ha ragione Paolo a definirlo un troll. Ed aveva ragione Dan a citare i "complottisti estremisti". Jack è il peggior tipo di persona con cui si possa avere una discussione, come quando si parla di politica: è uno totalmente convinto. Una discussione può avere luogo se si è disposti ad ascoltare l'interlocutore ed a mettere in discussione le proprie convinzioni; ma se entrambi sono fermamente convinti della propria posizione, allora non si andrà da nessuna parte, e la discussione diverrà sterile. Fin dall'inizio questo Jack non ha cercato di arrivare come altri a delle ipotesi convincenti, a delle conclusioni: no, stava solo cercando di convincere tutti delle PROPRIE opinioni. E come si è visto si è dimostrato refrattario a qualunque ragionamento, reagendo con sufficienza, arroganza e aggressività a qualunque considerazione anti-complotto. Il risultato finale è che ormai perfino Paolo, come me del resto, si è rotto le palle di leggere i suoi piagnistei ed ha lasciato perder, come d'altronde hanno fatto la maggior parte degli altri utenti, complottisti e non: ormai quanta gente posta più qui, per parlare seriamente degli attentati? Solo i più assidui frequentatori del blog, gli altri ne hanno avuto abbastanza. La discussione è appunto divenuta sterile e completamente off-topic.
Non posso pronunciarmi perchè non ci sono andato, ma spero vivamente che non tutti gli altri complottisti e utenti di luogocomune siano così, altrimenti è veramente sconfortante.
In conclusione, spero che adesso si possa tornare a parlare di questioni e confronti seri, e non di quanto sia noioso Jack ed i suoi interventi. Ed anche che mantenga la parola, e se ne vada davvero. Magari a far casino da un'altra parte, 11settembre.subito, il forum di luogocomune o che altro.
vi rendete conto che siete dei pecoroni che hanno sentito sempre e solo una campana e ci hanno subito creduto ciecamente, chiudendo la mente? che non siete mai stati nemmeno una volta su luogocomune.net ma che lo stesso pretendete di dire che è un covo di paranoici pieno di sciocchezze? che non sapete di che state parlando ma pretendete di parlarne, e magari anche di avere ragione?
forse pretendete di conoscere la versione cospirazionista perchè l'avete letta a pezzetti sul sito di attivissimo, dove è stata presentata e anche modificata in modo da renderla una stupidaggine ridicola, evitando con cura tutti i punti scomodi (infatti parla solo di un ventesimo della versione complottista ma si vanta di averla smontata completamente, ve ne siete mai accorti?)?
avete un bel coraggio ad accusare qualcun altro di essere troppo convinto già in partenza per qualunque discussione, quando non esistono individui più ottusi e prevenuti di voi, oltre che ignoranti.....
a chiunque legga le spiegazioni di attivissimo con mente lucida e priva di pregiudizi anche senza aver mai sentito la versione complottista appare evidente che sono imprecise, scorrette, ridicole e inaffidabili per centinaia di ragioni diverse, e infatti sono parecchi ormai i siti che lo hanno smentito. eppure a voi non interessa e continuate a credergli ciecamente. a quanto pare avete la vista selettiva: leggete solo quello che vi fa comodo e ignorate il resto. darebbe più risultati parlare con un muro che con voi.

un utente di luogocomune.net che ha letto tutte le versioni e ha sentito tutte le campane prima di farsi una sua opinione.. magari quando crescerete lo farete anche voi..... per ora continuate pure con le vostre idiozie.
e guardate che è stato attivissimo a portare il discorso in off topic quando non ha saputo più che dire e come rispondere.....
vi rendete conto che siete dei pecoroni...

Grazie del contributo altamente costruttivo.

Ironicamente, con il tuo post hai dimostrato di che fine pasta sono fatti i complottisti fanatici e confermato la mia scarsa stima per la categoria. Complimenti, bell'autogol.

Per tua informazione, io su Luogocomune ci vado, sono "paoloatti". Documentarsi prima di aprire bocca sarebbe troppo nobile, vero?
paoloatti, secondo te scrivere 2 messaggi e andarsene significa conoscere luogocomune?

a proposito di documentarsi, che ne dici di correggere l'errore di quando nella pagina dei pentarottami dici che la facciata è crollata 40 minuti dopo lo schianto, e a volte dici 30 minuti dopo, quando invece è crollata 20 minuti dopo? che ne dici di informarti prima di dire idiozie?

buffone.
e sono felice di constatare che non accenni a perdere la tua pessima abitudine di ricopiare solo parti del discorso altrui in modo che tornino a tuo favore e ignorare tutto il resto che non ti fa comodo..... bravo, continua così. purtroppo per te la gente intelligente sarà sempre più numerosa dei pecoroni che ti vengono dietro per evitare di farsela nelle brache.
tra l'altro paradossalmente mi pare che jack con i suoi modi (giustamente definiti da troll) faccia tutto tranne che il gioco dei complottisti: chi vede qualcosa di interessante nelle testi di Jack e delle lacune in quelle di attivissimo non può che venire immediatamente infastidito dai suoi modi tanto maleducati da svilire osservazioni potenzialmente corrette. Peccato.
paoloatti, secondo te scrivere 2 messaggi e andarsene significa conoscere luogocomune?

Con tutto il dovuto rispetto, che ne sai tu di quanti messaggi e pagine di LC ho letto?

Come mai ometti di citare il lunghissimo carteggio fra me e Mazzucco, che pure è pubblicato su LC?

che ne dici di correggere l'errore di quando nella pagina dei pentarottami dici che la facciata è crollata 40 minuti dopo lo schianto, e a volte dici 30 minuti dopo, quando invece è crollata 20 minuti dopo?

Secondo le cronologie pubblicamente disponibili, l'impatto del volo AA77 è avvenuto alle 9:37:46 oppure, secondo CNN, alle 9:43. La facciata è caduta, secondo tutte le fonti che ho trovato, alle 10:10. Scusami se non cito le fonti, ma posso recuperarle se richiesto.

Pertanto la facciata è rimasta in piedi per un tempo compreso fra 33 e 27 minuti. Correggo subito l'articolo per chiarire la questione. Tu, cortesemente, correggi la tua dichiarazione dei 20 minuti, oppure porta una fonte per questo minutaggio.

buffone.

Se questo ti fa sentire meglio, puoi continuare a insultarmi finché vuoi. Sarà chi passa di qui e legge a valutare la correttezza e l'educazione di chi scrive. Di solito l'insulto è l'arma flaccida di chi è a corto di argomenti.
Io ancora spero e attendo qualcuno che voglia discutere con calma di tutti i vari 'punti oscuri' della questione... ero tanto contento quando ho visto arrivare "Fisico", perchè almeno c'era un riferimento autorevole nel campo... ma se non c'è nessuno con cui discutere e confrontarsi è inutile. E argomentare da solo sarebbe poco utile e fine a se stesso, sarebbe meglio almeno una campana della parte avversa. MA, campana che sia campana e non tromba da stadio...

Buffalo, grazie per le tue parole, significa che almeno qualcuno ha notato e capito il mio intento... ma serie argomentazioni alle mie ipotesi prtroppo non ne ho sentite...
Ehi, eccone un altro! Quasi quasi mi pareva strano di non sentire nessun altro come jack...
vi rendete conto che siete dei pecoroni che hanno sentito sempre e solo una campana e ci hanno subito creduto ciecamente, chiudendo la mente?
E tu come fai a dirlo? chi ha avuto la possibilità di discutere seriamente di qualcosa con qualcuno, quando tutto quello che hanno fatto i complottisti da queste parti è stato insultare e sparare le solite cose senza dare sostegni tecnici validi? Io ho una MIA opinione che fluttua in mezzo a complotto e anti-complotto, e me la faccio ascoltando tutto quel che passa sulla rete. Tu, che ne sai?
che non siete mai stati nemmeno una volta su luogocomune.net ma che lo stesso pretendete di dire che è un covo di paranoici pieno di sciocchezze?
Ti rendi conto che hai letto talmente bene il mio post da ribaltarne il contenuto? Fai ben sperare per il resto di LC, bella pubblicità che gli fai, non c'è che dire...
"Non posso pronunciarmi perchè non ci sono andato, ma spero vivamente che non tutti gli altri complottisti e utenti di luogocomune siano così, altrimenti è veramente sconfortante."
forse pretendete di conoscere la versione cospirazionista perchè l'avete letta a pezzetti sul sito di attivissimo, dove è stata presentata e anche modificata in modo da renderla una stupidaggine ridicola, evitando con cura tutti i punti scomodi (infatti parla solo di un ventesimo della versione complottista ma si vanta di averla smontata completamente, ve ne siete mai accorti?)?
Tu rappresenti Luogocomune qui? Penso proprio di no.
Quindi noi blogger rappresentiamo Paolo Attivissimo? Penso proprio di no.
Ehi, ma tu adesso stai postando sul blog di Attivissimo! Vuol dire che anche tu sostieni lui e le sue idee sul 11/9? Ancora, penso proprio di no.
Il fatto che postiamo e discutiamo qui non vuol certo dire che come deficienti prendiamo tutto quel che dice Paolo, e soltanto quello, e lo ripetiamo. Almeno da queste parti, ragioniamo sulle cose, altrove non lo so perchè non frequento.
avete un bel coraggio ad accusare qualcun altro di essere troppo convinto già in partenza per qualunque discussione, quando non esistono individui più ottusi e prevenuti di voi, oltre che ignoranti.....
Bei complimenti, grazie e altrettanto!
a chiunque legga le spiegazioni di attivissimo con mente lucida e priva di pregiudizi anche senza aver mai sentito la versione complottista appare evidente che sono imprecise, scorrette, ridicole e inaffidabili per centinaia di ragioni diverse, e infatti sono parecchi ormai i siti che lo hanno smentito.
Se sono tutti siti di 'alto' livello come 11settembre.subito con la sua bella paginona dedicata "Attivissimo è un ignorante", è veramente significativo. (alla faccia del confronto civile e alla pari...)
eppure a voi non interessa e continuate a credergli ciecamente. a quanto pare avete la vista selettiva: leggete solo quello che vi fa comodo e ignorate il resto.
Cfr. vedi il mio secondo paragrafo qua sopra. Bella frase.
un utente di luogocomune.net che ha letto tutte le versioni e ha sentito tutte le campane prima di farsi una sua opinione.. magari quando crescerete lo farete anche voi... per ora continuate pure con le vostre idiozie.
E difatti siamo noi quelli che danno dei pecoroni, ottusi, prevenuti e ignoranti che sparano idiozie... vedi, le persone cresciute DISCUTONO delle cose, con calma e senza offendersi. Ma magari quando crescerai lo capirai anche tu... adesso continua pure ad offendere come ai litigi dei bimbi dell'asilo. Quanno avrai dei discorsi SERI da fare, saremo lieti di risentirti...
Io sono sincero...Sono allibito per quello che il mondo si è trasformato dopo l' 11 settembre...Un mondo basato sulla violenza...tutto...
non voglio fare prediche o pensare di parlare avendo la verità in tasca, però credo che non sia questione di bobine o di apparati accesi o spenti o di quant'altro, visto che sono questioni che non fanno altro che creare ancora più confusione di quella che effettivamente c'è già nelle nostre teste :ma guardate la foto!!! Come fa un aereo di quelle dimensioni a passare in un buco largo 29 metri? E le ali dove sono?
Favevi un favore: guardate "9\11 in plane site" ( l' ho affittato in videoteca ma lo hanno ritirato dopo circa 7 gg...su internet ancora si trova...) è un documentario molto ben fatto basato su prove e fatti inconfutabili...Io non parlo con la verità in tasca ma personalmente dico ed è un mio punto di vista che L'11 SETTEMBRE SE LO SONO CREATO LORO!!! E se prima avevo qualche dubbio ora sono praticamente certo
G
Vorrei chiedere a "Fisico" se ha tempo e voglia di contattarmi in privato. Ho alcuni dubbi sulla possibilità (sostenuta in http://www.physics.byu.edu/research/energy/htm7.html) che dopo molti giorni si possa ancora trovare metallo fuso o rovente sotto i detriti delle torri. Ho fatto calcoli MOLTO spannometrici dai quali mi risulta che sia necessaria una massa di tonellate in forma compatta (cubo o sfera o giù di lì). Ma l'approssimazione è eccessiva. Vorrei scambiare qualche opinione con qualcuno che sia esperto e serio (condizioni, direi, coincidenti) e che abbia voglia di ascoltarmi.

saluti e grazie

mastrocigliegia@yahoo.it
La mia modesta opinione in proposito è che mi sembra molto difficile: la più grande e massiccia massa di metallo che si poteva trovare in quei grattacieli erano le sue travi d'acciaio, e non mi sembra una massa sufficiente a mantenere il calore per molto tempo, anche se sepolta sotto le macerie.
Comunque, se giungete ad una qualche conclusione, potreste riferirlo anche a noi?
Attivissimo, se lei fosse davvero onesto come dice di essere, innanzitutto correggerebbe l'errore del tempo trascorso tra lo schianto e la facciata (23 minuti; fonte: il rapporto della Commissione di indagine sull'11 settembre, scaricabile e consultabile sul sito governativo: http://www.9-11commission.gov/. Mi chiedo come faccia a pretendere di attuare un'indagine seria su questo argomento se non conosce nemmeno il rapporto ufficiale, e se lo conosce come faccia a sostenere simili assurdità senza vergognarsi.)
Vede, in base al suo ragionamento su luogocomune.net, solo questo basterebbe a dimostrare che lei dice solo stupidaggini. Fortunatamente io non ragiono come lei.

Poi, se conoscesse il rapporto della Commissione, eviterebbe di inventarsi teorie completamente campate per aria che vanno contro ogni prova fotografica e fonte ufficiale come quella della traiettoria che secondo lei avrebbe seguito il Boeing per evitare le bobine, abbassandosi per abbattere i pali, rialzandosi e riabbassandosi di nuovo per colpire il Pentagono. Secondo lo stesso rapporto della Commissione, l'aereo ha percorso le ultime 5 miglia (ci vogliono almeno 5 miglia perchè un aereo di quelle dimensioni possa effettuare una manovra simile, fonte: dichiarazioni dei piloti Alitalia al recente speciale sul Pentagono del TG1 guardabile qui: http://www.raiclicktv.it/raiclickpc/secure/stream.srv?id=14523&idCnt=34247&pagina=1&path=RaiClickWeb%5ENotizie%5EARCHIVIO%5ESPECIALE+TG1#. Questo naturalmente significa che la sua traiettoria che vede l'aereo abbassarsi, rialzarsi e riabbassarsi è tecnicamente inattuabile.), ha percorso le ultime 5 miglia, dicevo, di distanza dal Pentagono a esattamente 852 km/h, rasoterra, in linea retta senza il minimo grado di pendenza, e precisamente a 50 cm dal suolo. 50 centimetri dal suolo (fonte di tutto questo: il solito rapporto della Commissione). Se tutto questo fosse vero, quelle bobine di cavi avrebbero dovuto essere colpite in pieno dall'aereo. Ci spiega lei come mai sono ancora in piedi, oppure ammette che la versione ufficiale è assurda e palesemente falsa e che i cospirazionisti hanno ragione ad affermarlo?

Trovo inoltre abbastanza ridicolo che lei pretenda fonti precise per ogni sillaba detta dai suoi contestatori, quando poi afferma di aver debunkato il discorso sul transponder solo in base a quello che le avrebbe detto un suo parente che lavora all'Alitalia. Davvero ridicolo. Questa dovrebbe essere l'esattezza e la precisione che contraddistingue un vero investigatore?

E come mai il 90% delle obiezioni della tesi cospirazionista non le sfiora nemmeno, eppure afferma continuamente che le tesi cospirazioniste sono completamente ridicole?

E perchè evita ogni domanda a cui non sa rispondere (come quando ha abbandonato il discorso sulle bobine non appena è diventato evidente che aveva torto)? Non mi sembra un modo di fare corretto. Ho seguito il discorso dall'inizio, dalla pagina dei rottami dell'aereo, e ho osservato questa sua tendenza molto spesso. Sarebbe maturo e corretto rivedere le proprie convinzioni di fronte alla consapevolezza che sono false, invece di evitare di ammetterlo.

A presto.

Un complottista.
Attivissimo, se lei fosse davvero onesto come dice di essere, innanzitutto correggerebbe l'errore del tempo trascorso tra lo schianto e la facciata (23 minuti

Se ti riferisci alla citazione nell'articolo "pentarottami", lo ho infatti corretto, ma i minuti non sono 23 nel rapporto che citi.

Se ti riferisci a un altro mio testo, cortesemente indicamelo e lo correggerò.

fonte: il rapporto della Commissione di indagine sull'11 settembre, scaricabile e consultabile sul sito governativo: http://www.9-11commission.gov/

Grazie per avermi obbligato a cercare in tutte le 585 pagine del rapporto... potevi almeno indicarmi dei punti precisi per aiutarmi. Be', questo è quello che ho trovato senza aiuti:

-- A pagina 27 del rapporto è indicata l'ora delle 9.37.46 come ora d'impatto al Pentagono.

-- A pagina 315 del rapporto è indicata l'ora delle 9:57 come ora del crollo.

I minuti, quindi, sarebbero circa 20, non 23, secondo il rapporto. Se tu hai altre citazioni del rapporto che dicono diversamente, indicale.

Questa precisazione non farà improvvisamente diventare vere le ipotesi del Boeing mancante, ma è questione di precisione e quindi gli errori anche secondari vanno corretti. Io l'ho fatto, adesso tocca a voi.

Mi chiedo come faccia a pretendere di attuare un'indagine seria su questo argomento se non conosce nemmeno il rapporto ufficiale, e se lo conosce come faccia a sostenere simili assurdità senza vergognarsi.

Oh santo cielo! Sbagliare un'orario è un'assurdità imperdonabile per voi complottisti... mentre scrivere "gasolio" ripetutamente, e lasciarlo lì per settimane, è un peccatuccio? Pubblicare articoli che dimostrano l'ignoranza della fotografia di base (la palla di fuoco del Pentafilmato, già citata sopra) è un lapsus momentaneo? Due pesi, due misure.

se conoscesse il rapporto della Commissione, eviterebbe di inventarsi teorie completamente campate per aria

Sinceramente non capisco perché un complottista dovrebbe difendere la versione ufficiale. Neanche io do per scontata la versione ufficiale: ricostruisco gli eventi sulla base delle informazioni disponibili. Se poi non coincidono con la versione ufficiale, non è un problema. E' quello che fate voi complottisti, no? Mica avete l'esclusiva.

Secondo lo stesso rapporto della Commissione, l'aereo ha percorso le ultime 5 miglia

Dov'è indicato nel rapporto? Ti riferisci a pagina 26?

ci vogliono almeno 5 miglia perchè un aereo di quelle dimensioni possa effettuare una manovra simile, fonte: dichiarazioni dei piloti Alitalia

"effettuare una manovra" non significa che per 5 miglia ha volato a rasoterra: significa che inizia la discesa 5 miglia prima. Non forzare le interpretazioni a tuo favore. "

ha percorso le ultime 5 miglia, dicevo, di distanza dal Pentagono a esattamente 852 km/h, rasoterra, in linea retta senza il minimo grado di pendenza, e precisamente a 50 cm dal suolo. 50 centimetri dal suolo (fonte di tutto questo: il solito rapporto della Commissione)

Questa proprio non l'ho trovata. Ho cercato "50 centimeters", ho cercato "inches", ho cercato "feet", niente. Cortesemente mi indichi dove hai trovato questo dato nel rapporto ufficiale?

Trovo inoltre abbastanza ridicolo che lei pretenda fonti precise per ogni sillaba detta dai suoi contestatori, quando poi afferma di aver debunkato il discorso sul transponder solo in base a quello che le avrebbe detto un suo parente che lavora all'Alitalia.

Il mio parente non è uno che pulisce i cessi all'Alitalia: è un pilota, qualificato tanto quanto quelli apparsi alla Rai che ti sembrano così affidabili. Adesso che un pilota argomenta qualcosa che non ti va bene, un pilota non è più affidabile? Tipico atteggiamento da complottista.

Io chiedo fonti precise per risparmiare tempo: guarda quanto me ne hai fatto sprecare per cercare le tue citazioni del rapporto ufficiale!

E come mai il 90% delle obiezioni della tesi cospirazionista non le sfiora nemmeno, eppure afferma continuamente che le tesi cospirazioniste sono completamente ridicole?

Dammi tempo e le affronterò tutte. Per ora ho soltanto smontato le più celebri: il pod, il carrello a discesa automatica, la demolizione controllata, le batterie antimissile sul WTC... scusa se è poco. Io lavoro da solo, non ho dietro i soldi delle megaproduzioni complottiste su DVD.

Sarebbe maturo e corretto rivedere le proprie convinzioni di fronte alla consapevolezza che sono false, invece di evitare di ammetterlo.

E' quello che dico sempre anch'io ai complottisti, ma non recepiscono. Di solito rispondono con una raffica d'insulti (vedi sopra).
attivissimo dovresti cambiare il titolo di questa pagina: con l'enigma delle bobine non c'entra niente.
l'enigma riguardante le bobine non è, come sembri credere tu, quanto siano distanti dalla parete. l'enigma è, considerata la distanza di 27 metri al massimo che tu stesso dici, come mai sono ancora in piedi, quando avrebbero dovuto essere buttate giù dal boeing-757. questo argomento nelle tue pagine non lo affronti minimamente, quindi perchè questa pagina si intitola "l'enigma delle bobine"?
- Il mio parente non è uno che pulisce i cessi all'Alitalia: è un pilota, qualificato tanto quanto quelli apparsi alla Rai che ti sembrano così affidabili. Adesso che un pilota argomenta qualcosa che non ti va bene, un pilota non è più affidabile? Tipico atteggiamento da complottista. -

smettila di rigirare il senso del discorso come ti pare e di accusare a vuoto. la questione non è che i piloti che danno ragione a te sono inaffidabili e quelli che danno ragione a noi affidabilissimi, la questione è che un lettore del tuo sito come fa a essere sicuro che questa storia del parente pilota non te la sei inventata di sana pianta? come fa a ritenere una simile fonte - peggio che pressapochista - affidabile? lo capisci che è questo il problema? allo speciale del tg1 c'erano nome, cognome e qualifica dei piloti che hanno parlato, e quindi si sapeva che erano qualificati per esprimere opinioni. il tuo parente pilota invece per quanto ne sappiamo non è neanche esistito.
e tu saresti lo stesso che si vanta del rigore e della precisione delle sue fonti e della sua documentazione?
quella storia dei 50 cm è anche sul sito della Purdue University oltre che nel rapporto della Commissione..... sei un pochino disinformato o fai il finto tonto? lascia perdere, questa storia delle bobine ti ha proprio fregato
la questione è che un lettore del tuo sito come fa a essere sicuro che questa storia del parente pilota non te la sei inventata di sana pianta?

Complimenti per la paranoia. Ok, sabato vedo mio cognato e gli chiedo se posso citarlo per nome, cognome, grado e colore preferito delle mutande. Non l'ho fatto fin qui semplicemente per normale rispetto per la privacy altrui.

quella storia dei 50 cm è anche sul sito della Purdue University oltre che nel rapporto della Commissione..... sei un pochino disinformato o fai il finto tonto?

Dove?. Ma a voi complottisti costa proprio tanta fatica indicare un link esatto, una pagina precisa, una citazione fra virgolette? Vi fanno venire l'orticaria?

Non capisco perché devo sempre fare la faticaccia io di andarmi a cercare i vostri vaghi riferimenti. Indicali, e ne riparliamo: altrimenti da che pulpito vieni a rimproverarmi?

lascia perdere, questa storia delle bobine ti ha proprio fregato

Non direi. Direi che i lettori si sono fatti un'ottima idea di come funziona la mentalità complottista e di quanto sia difficile fare ricerche serie, pacate e corrette sul tema.
sai perchè non convinci centinaia di persone, attivissimo? perchè per rispondere a domande semplicissime tiri in ballo spiegazioni assurde e inattuabili dalla probabilità infima che per stare in piedi tralasciano prove fondamentali, perchè ti lodi da solo in continuazione dicendo di essere l'unico capace di investigare seriamente sulla questione, perchè insulti in continuazione (ma velatamente, in modo che i tuoi seguaci non lo capiscano....non hai nemmeno il coraggio di insultare chiaramente) tutti quelli che ti fanno domande che ti mettono in difficoltà chiamandoli complottisti fissati, ignoranti e paranoici ad ogni commento, perchè presenti i fatti in modo che ti diano ragione anche a costo di stravolgerli e perchè dopo pagine e pagine di assurdità ancora non sei stato in grado di dare risposte almeno plausibili sugli interrogativi principali: dove sono finite le ali, i motori e la coda, perchè le ali e i motori non hanno lasciato alcun segno sulle pareti, come possono 30 tonnellate di kerosene esplose aver provocato danni così lievi che sulla parete a due metri dal punto d'impatto le finestre e i muri erano ancora intatti (oltre all'arredamento interno, come si vede da parecchie foto), e perchè le bobine di cavi sono ancora in piedi quando, stando al buco nella parete, le ali del boeing-757 avrebbero dovuto investirle in pieno e distruggerle.

e ora piagnucoli anche perchè non avevi voglia di leggerti il rapporto ufficiale della commissione sull'11 settembre? ma ti rendi conto che pretendi di parlare senza sapere di cosa parli? la prima cosa da fare per poter esprimere idee sensate è proprio leggersi quel rapporto e invece tu, dopo decine di pagine di idiozie in cui pretendi di avere tutte le risposte, non lo avevi ancora letto? cose da pazzi....solo questo basterebbe per capire che razza di ignorante sei e che stupidaggini sono le tue presunte risposte........e come mai paranoici siamo solo noi quando ti chiediamo le fonti esatte di ciò che dici, e non lo sei tu quando ci chiedi le fonti di ogni sillaba? se noi siamo paranoici tu cosa sei?
dopo pagine e pagine di assurdità ancora non sei stato in grado di dare risposte almeno plausibili sugli interrogativi principali: dove sono finite le ali

Gia' detto: la parte esterna delle ali *non* è penetrata ma è rimasta fuori, sbriciolandosi in frammenti minuti (ci sono i segni sui muri del Pentagono, pubblicherò anche queste foto); la parte interna delle ali, più robusta, è penetrata.

i motori e la coda

Già detto: i motori sono penetrati nell'edificio; la coda, fragile come la parte esterna delle ali (hai visto il filmato dove un aereo di linea perde la coda per un semplice atterraggio brusco?), si è sbriciolata all'esterno.

perchè le ali e i motori non hanno lasciato alcun segno sulle pareti

Già detto: le ali *hanno* lasciato il segno, i motori *hanno* lasciato il segno sul generatore all'esterno.

come possono 30 tonnellate di kerosene esplose aver provocato danni così lievi che sulla parete a due metri dal punto d'impatto le finestre e i muri erano ancora intatti

Già detto: l'edificio è in cemento armato, i vetri sono blindati

(oltre all'arredamento interno, come si vede da parecchie foto)

Già detto: l'arredamento interno intatto è stato portato alla vista quando è crollata la sezione del Pentagono. Prima era isolata dalla zona dell'impatto e dell'incendio.

e perchè le bobine di cavi sono ancora in piedi quando, stando al buco nella parete, le ali del boeing-757 avrebbero dovuto investirle in pieno e distruggerle.

Già detto: l'aereo ci è passato sopra, le bobine sono pesanti e sono a 25 metri dal punto d'impatto e quindi lo spostamento d'aria e l'esplosione non le hanno spostate. Noterai che nelle foto c'è anche un'auto bianca distrutta: anche quella non s'è spostata.

e ora piagnucoli anche perchè non avevi voglia di leggerti il rapporto ufficiale della commissione sull'11 settembre?

L'ho già letto una volta. Ho semplicemente chiesto di evitarmi la tribolazione di ripassarmi 585 pagine, scusami tanto!

solo questo basterebbe per capire che razza di ignorante sei e che stupidaggini sono le tue presunte risposte.

Ecco che riaffiora la solita abitudine complottista di insultare. Complimenti, stai facendo proprio una bella pubblicità alla categoria.

e come mai paranoici siamo solo noi quando ti chiediamo le fonti esatte di ciò che dici, e non lo sei tu quando ci chiedi le fonti di ogni sillaba? se noi siamo paranoici tu cosa sei?

Se tu leggessi quello che ho scritto invece di interpretarlo a tuo piacimento, noteresti che ho detto "paranoia" a chi dubitava dell'esistenza di mio cognato. Cosa che, francamente, trovo decisamente comica. Io, invece, ho semplicemente chiesto un numero di pagina del rapporto dal quale era citata un'affermazione... numero di pagina che guarda caso non è ancora stato dato. Com'è difficile documentare le cose, vero?
Anonymous wrote:

sai perchè non convinci centinaia di persone, attivissimo? perchè per rispondere a domande semplicissime tiri in ballo spiegazioni assurde e inattuabili dalla probabilità infima

---------------------

Ma scusa: un aereo che in volo viene sostituito e sparisce letteralmente nel nulla. Il suo sostituto, vero "oggetto volante non identificato" che si schianta sul Pentagono apposta mentre una squadra di agenti federali a)dissemina pezzi di carlinga di aeroplano sul prato nei pressi dell'edificio, b)abbatte i pali della luce per dare credibilità alla questione c)sequestra tutte le possibili riprese della scena d)sparge la voce del fatto che si sia schiantato un aereo, d) semina rottami fumanti all'interno dell'edificio distrutto, e) organizza successivamente i falsi riconoscimenti dei cadaveri, f) compra, nei giorni successivi, il silenzio o le dichiarazioni di centinaia, forse migliaia di periti, esperti, soccorritori, giornalisti, uomini radar. Questi uomini sono però gli stessi che non sono in grado di combinare un'esplosione più grossa, che per complicarsi la vita si inventano una traiettoria difficile invece di una banalissima picchiata, che commettono errori e imprecisioni una dietro l'altra e che, soprattutto si COMPLICANO dannatamente la vita per creare un finto attentato NONOSTANTE l'impatto che sarebbe stato generato dagli attentati a New York.

Tutto questo non è una spiegazione assurda dalla probabilità infima?

SirEdward
- la parte esterna delle ali *non* è penetrata ma è rimasta fuori, sbriciolandosi in frammenti minuti (ci sono i segni sui muri del Pentagono, pubblicherò anche queste foto); la parte interna delle ali, più robusta, è penetrata. -

stupidaggini. nelle foto ingersoll si vede perfettamente che non ci sono segni lasciati dalle ali sulla parete, in nessun punto, nè dalla parte più robusta nè da quella più fragile, niente. le colonne sono ancora in piedi. le ali secondo te ci sono passate attraverso? e per le parti di ali che sarebbero rimaste fuori sbriciolandosi in pezzi minuti (altra cosa assurda), ammettiamo che si siano spezzate entrambe a metà: questo significa che dovrebbero esserci almeno 15 metri complessivi di ali sbriciolate sul prato. io a parte pochissimi detriti di pezzi di muro del pentagono, non vedo nulla. non c'è nulla. lo stesso dicasi per la coda. smettila di sostenere queste idiozie anche dopo che ti sono state smentite tutte le volte che hai provato a sostenerle!


- i motori sono penetrati nell'edificio -

c'è un solo foro d'uscita di 2 metri e mezzo (quello squadrato non è un foro d'uscita, è una parte di parete rimossa probabilmente per i lavori di ristrutturazione non ci hai pensato?). anche ammettendo che un motore si sia fatto tutto il tragitto in linea perfettamente retta e parallela al terreno, riuscendo a restare sempre e solo al primo piano senza mai rovinare il pavimento del secondo nemmeno minimamente (alla faccia della traiettoria discendente che avrebbe avuto l'aereo secondo te), bucando muri fino al terzo anello, l'altro motore dov'è andato, è svanito? e come mai sulla facciata esterna del pentagono c'è un solo foro d'entrata? ripeto: c'è un solo foro d'entrata, e basta. i motori sono passati attraverso la parete? che idiozie.....


- le ali *hanno* lasciato il segno, i motori *hanno* lasciato il segno sul generatore all'esterno -

le ali non hanno lasciato nessun segno sulle pareti. a meno che tu non voglia sostenere che abbiano piegato le colonne, nel qual caso dovresti affermare che le ali sono passate attraverso le solite bobine. inoltre c'è un'altro particolare: data la struttura di un boeing-757 se le ali avessero colpito le colonne a quell'altezza, i motori avrebbero dovuto stare 3 metri sotto terra. sul prato non ci sono segni di solchi scavati dai motori. e questo non lo dico io, lo dice Nila Sagadevan, ingegnere aeronautico e pilota di aeromobili commerciali qualificato, in un articolo in cui spiega oltretutto la totale impossibilità che i dirottatori fossero in grado di portare davvero 3 aerei a schiantarsi contro edifici come ci dicono che sia accaduto. l'articolo originale è qui: http://www.prisonplanet.com/articles/february2006/210206impossibility.htm
traduco dall'inglese: "Si sa che l’aereo ha impattato contro il piano terra del Pentagono. Per avere un riferimento: se un 757 viene piazzato a terra appoggiato sui suoi motori (e non sul carrello, ma sui motori tenendo il carrello alzato), il suo muso sarebbe a quasi 6 metri di altezza dal suolo! Ergo, per fare impattare l'aereo al piano terra del Pentagono, Hanjour avrebbe dovuto volarci dentro con i motori seppelliti a 3 metri di profondità nel prato del Pentagono."
inoltre, i motori non hanno lasciato nessun segno *sulle pareti*. non ci sono altri fori di entrata. solo uno, dove tu dici che sia entrata la fusoliera. i motori hanno aspettato che la fusoliera entrasse nella parete per poi entrare ordinatamente in fila anche loro nello stesso buco?
tra l'altro mi ricordo che in una foto sul tuo sito tu spacci i segni di un incendio e di un albero bruciato per i segni lasciati dalle ali del boeing-757, ignorando oltretutto l'ampiezza alare dell'aereo (che è meno della metà di quella che avrebbe dovuto avere per lasciare dei segni lì). non ti pare il caso di correggere questa assurdità?


- l'edificio è in cemento armato, i vetri sono blindati -

ma sei pazzo o stai scherzando? dunque la fusoliera di un aereo in fibra di carbonio è in grado di bucare una parete di cemento armato, un motore è in grado di bucare non solo una parete dell'edificio, ma addirittura forarlo con precisione chirurgica fino al terzo anello, ma 30 tonnellate di kerosene esplose non sono in grado di distruggere del cemento armato e addirittura delle finestre, anche se blindate? ma credi che blindate significhi indistruttibili? come puoi dire cose simili?
stesso discorso per l'arredamento. se davvero lì fossero esplose 30 tonnellate di kerosene, ci sarebbe stata una voragine nella parete e soprattutto nel prato, altro che un buco di 4 metri nel muro.......assurdo..


- l'aereo ci è passato sopra, le bobine sono pesanti e sono a 25 metri dal punto d'impatto e quindi lo spostamento d'aria e l'esplosione non le hanno spostate. -

ancora con questa idiozia pazzesca?! ti è stato detto e ripetuto che la traiettoria non era in pendenza ma parallela al suolo citandoti anche fonti (purdue university) e trasmissioni in cui viene detto (speciale tg1) e che quindi non conta che fossero a 25 o 60 metri dal pentagono....... ti è stato detto che si vede dalle foto del buco che, se la fusoliera ha fatto quel buco al piano terra come affermi tu stesso, le ali avrebbero dovuto scontrarsi in pieno contro quelle bobine (e oltretutto i motori avrebbero dovuto essere sottoterra), ma tu continui a ripetere questa cretinata imperterrito? non vuoi proprio ascoltare? chi è che è convinto in partenza delle proprie opinioni ed è impermeabile ad ogni logica o dato?


- L'ho già letto una volta. Ho semplicemente chiesto di evitarmi la tribolazione di ripassarmi 585 pagine, scusami tanto! -

se l'hai già letto una volta significa che pensavi ad altro mentre lo leggevi altrimenti non avresti confuso 20 minuti con 40 e a volte pure 30.....e dunque in ogni caso (che tu l'abbia letto davvero o stia dicendo una balla per salvarti la poca faccia che ti resta) non ci fai una bella figura. contento tu..


- Ecco che riaffiora la solita abitudine complottista di insultare. Complimenti, stai facendo proprio una bella pubblicità alla categoria. -

ecco che riaffiora la tua abitudine non solo di attaccarti al minimo insulto per screditare ciò che dice il tuo avversario, ma addirittura per cercare di far passare tutti i complottisti per cavernicoli ignoranti. al limite potrai dirlo a chi ti ha insultato, ma non certo estendere la definizione a tutta la categoria, comprendendo anche gente che non ti ha detto niente.
vedi la differenza? io insulto solo te e ti dico anche perchè, tu insulti velatamente (paranoico, complottista, fissato, maniaco delle cospirazioni, secondo te non sono insulti? quante volte li ripeti nelle pagine del tuo sito?) tutti quelli che non la pensano con te, anche gente che non conosci. per tentare di gettare fango su tutti quelli che ti si oppongono. è un comportamento che non ti fa affatto onore.


- ho detto "paranoia" a chi dubitava dell'esistenza di mio cognato. Cosa che, francamente, trovo decisamente comica. -

cosa ci trovi di comico? se basi tutto il debunking di qualcosa sulle affermazioni di una misteriosa persona che tu dici essere esperta e qualificata ma non identifichi meglio, non ti pare legittimo almeno chiedere chi accidenti sia questo tale e che referenze ha per parlare? soprattutto quando ciò che dice va in contrasto con ciò che dice altra gente che è sicuramente qualificata?


- Io, invece, ho semplicemente chiesto un numero di pagina del rapporto dal quale era citata un'affermazione... numero di pagina che guarda caso non è ancora stato dato. Com'è difficile documentare le cose, vero? -

com'è difficile leggere, vero signor ho-un-misterioso-cognato-all'alitalia-quindi-ho-ragione-io? quante volte ti è stato detto che non ha importanza la distanza dal suolo precisa al centimetro che aveva l'aereo? quante volte?
quante volte ti hanno spiegato che non c'è nemmeno bisogno di cercare le fonti che lo dicono (anche se nella ricostruzione della purdue si vede ed è già più che sufficiente come fonte), perchè basta solo guardare le foto per capire, guardando il buco nella parete, a che quota si trovava l'aereo? quante volte?
quante volte ti è stato ripetuto che è una diatriba del tutto inutile e che le foto basterebbero a chiuderla, anche se non ci fosse la ricostruzione della purdue, che per fortuna c'è? quante volte te l'hanno ripetuto? e tu niente, non lo capisci......ma sai leggere? o fai il finto tonto come tuo solito perchè non ti conviene ammettere che dalle foto è evidente che l'aereo era troppo basso per effettuare una simile manovra (sempre secondo Sagadevan) e soprattutto per evitare le bobine?
sai cosa dice Sagadevan della manovra che avrebbe dovuto compiere hani hanjour? ecco cosa dice: "Perché volare ad una quota così bassa è impossibile aerodinamicamente? Perché la forza di reazione del downwash sheet, tremendamente elevata, accoppiata con gli effetti di compressibilità dei tip vortex, semplicemente non avrebbero permesso all’aereo di abbassarsi al suolo più di approssimativamente metà della sua ampiezza alare (cioè non più di 19 metri) – fino a che la velocità non fosse stata ridotta drasticamente; che poi è ciò che, ovviamente, capita durante i normali atterraggi."
quindi paragonare la manovra di hanjour ad un normale atterraggio è assurdo, sono cose completamente opposte.
soddisfatto?

ora se tu fossi onesto metteresti mano a tutte le assurdità che hai scritto nel tuo presunto debunking e le cancelleresti immediatamente, invece di far finta che nessuno te le abbia smontate. invece le lascerai lì, in barba a logica, dati e ai pareri di qualunque esperto, continuando a cercare di fregare altre persone.


per sir edward: credi che organizzare un finto attentato al pentagono sarebbe stato impossibile? non pensi che sarebbe bastato
1- troncare dei pali della luce il giorno prima e sistemarli fuori dalla strada in modo da non farli notare agli automobilisti, facendo poi saltare l'unico caduto sulla strada o magari anche abbattendolo durante o nei minuti immediatamente successivi allo schianto, chi ci avrebbe fatto caso? tutti stavano guardando il pentagono, mica i pali. e la macchina nera colpita dal palo potrebbe tranquillamente essere di uno corrotto, magari dello stesso che ha abbattuto il palo. come vedi c'è bisogno di corrompere una sola persona per rendere la cosa fattibile, non centinaia come vuoi far credere.
2- lanciare un piccolo velivolo militare drone (cioè senza pilota, comandato a distanza) contro la parete del pentagono ad un'angolazione diversa da quella indicata dai pali della luce abbattuti (e così si spiega anche perchè le bobine non sono state abbattute, è bastato far provenire l'aereo dal lato opposto a quello della traiettoria ufficiale in modo che non le investisse)
3- dopodichè uno o più ufficiali al pentagono hanno dichiarato alla stampa che si trattava di un grosso aereo commerciale (è facile spargere una voce, non ti sembra? basta una dichiarazione ufficiale alla stampa ed ecco fatto.)
4- hanno sequestrato tutti i filmati che potevano smentirli (come infatti è accaduto)
5- hanno provveduto a diffondere storie di manuali di volo in arabo scordati su sedili di macchine abbandonate o addirittura di manuali di volo spediti per posta ai parenti o fidanzate (perchè avrebbero dovuto?) e di copie del corano scordate nei bar da arabi sconosciuti la sera prima dell'attentato per dare credibilità alla storia dei dirottatori arabi
6- non potevano creare un'esplosione più grossa, come quella di 30 tonnellate di kerosene che esplodono davvero, per non danneggiare troppo il pentagono e per mantenere i danni unicamente nell'ala guarda caso in ristrutturazione e priva di persone importanti e di documenti. e non potevano inventarsi una traiettoria logica come una picchiata per lo stesso motivo: avrebbe danneggiato troppo l'edificio.
7- i rottami non sono affatto fumanti, anzi non sono nemmeno bruciacchiati, e potrebbero essere stati sparsi tranquillamente prima dell'arrivo di giornalisti e di gente con una macchina fotografica. non so se lo sai ma al pentagono pullula di federali che avrebbero potuto avere l'ordine di farlo dai loro superiori.
8- i falsi riconoscimenti dei cadaveri non sono stati difficili da organizzare: hanno vietato a tutti di avvicinarsi all'area per qualche giorno, hanno finto di effettuare test del dna e hanno pubblicato risultati falsi di gente dispersa da anni, morta, inventata o chissà che altro. oppure hanno davvero ucciso i passeggeri di quel volo per dare credibilità alla storia. progettavano già di farlo dal '62 come si legge nei documenti dell'operazione northwoods. difficile.
9- riguardo la sostituzione in volo dell'aereo, oltre che tranquillamente fattibile tecnicamente, anche questa progettavano già di farla dal '62. esattamente così..
10- la stampa di tutta america è totalmente controllata da sole tre agenzie, e quindi da soli 3 uomini. compra questi tre e potrai far dire alla stampa tutto quello che vorrai.

ti sembra ancora incredibile e dalle probabilità infime, come ipotesi? in 10 semplici punti, ecco qui come organizzare un finto attentato al pentagono perfettamente identico a quello avvenuto davvero.
se foste onesti e vi interessasse davvero capire cosa successe, non la escludereste a priori senza motivi validi come invece fate sempre.
Se tu leggessi quello che ho scritto invece di interpretarlo a tuo piacimento, noteresti che ho detto "paranoia" a chi dubitava dell'esistenza di mio cognato. Cosa che, francamente, trovo decisamente comica. Io, invece, ho semplicemente chiesto un numero di pagina del rapporto dal quale era citata un'affermazione... numero di pagina che guarda caso non è ancora stato dato. Com'è difficile documentare le cose, vero?
Paolo.
Sei maggiorenne ecc. ecc., e quindi puoi fare ciò che vuoi.
Però mi piacerebbe che non cedessi alle provocazioni da quattro soldi di certi complottisti.
Sono utilissime le tue precisazioni su fatti puntuali, ma quando "loro" cercano la rissa, vorrei che facessi ricorso al tuo self-control britannico, ed evitassi di perdere tempo.

Saluti
mastrocigliegia

ps. se ti può consolare anch'io ho perso un bel po di tempo sul famoso rapporto ufficiale.
Che dire, sono lieto di constatare che apparentemente è necessario ricordare a memoria le 580 pagine del rapporto per poter commentare l'accaduto, mentre il centinaio di post già pubblicati sull'argomento su questo sito si possono tranquillamente sorvolare, o dimenticare. Molti dei punti che Anonymous solleva sono già trattati in post precedenti, alcuni anche miei. Comincio a chiedermi se qualcuno li abbia effettivamente letti...
stupidaggini. nelle foto ingersoll si vede perfettamente che non ci sono segni lasciati dalle ali sulla parete, in nessun punto, nè dalla parte più robusta nè da quella più fragile, niente. le colonne sono ancora in piedi. le ali secondo te ci sono passate attraverso? e per le parti di ali che sarebbero rimaste fuori sbriciolandosi in pezzi minuti (altra cosa assurda), ammettiamo che si siano spezzate entrambe a metà: questo significa che dovrebbero esserci almeno 15 metri complessivi di ali sbriciolate sul prato. io a parte pochissimi detriti di pezzi di muro del pentagono, non vedo nulla. non c'è nulla. lo stesso dicasi per la coda. smettila di sostenere queste idiozie anche dopo che ti sono state smentite tutte le volte che hai provato a sostenerle!
E' molto bello che tutte le risposte siano definite da subito assurdità o idiozie. Vorrei ricordare che significano "cose concepite, dette o fatte da idioti", possiamo per favore conservare toni civili per discutere di questioni puramente tecniche? L'animosità che ne deriva non giova affatto all'obiettività della discussione.
Riguardo al segno, in effetti c'è. Vai rileggere più sopra il breve scambio con "Fisico": le ha fatte notare lui per primo, e non mi sembra affatto persona parziale o schierata con nessuno, come d'altronde mi sforzo di rimanere anch'io.
c'è un solo foro d'uscita di 2 metri e mezzo (quello squadrato non è un foro d'uscita, è una parte di parete rimossa probabilmente per i lavori di ristrutturazione non ci hai pensato?). anche ammettendo che un motore si sia fatto tutto il tragitto in linea perfettamente retta e parallela al terreno, riuscendo a restare sempre e solo al primo piano senza mai rovinare il pavimento del secondo nemmeno minimamente (alla faccia della traiettoria discendente che avrebbe avuto l'aereo secondo te), bucando muri fino al terzo anello, l'altro motore dov'è andato, è svanito? e come mai sulla facciata esterna del pentagono c'è un solo foro d'entrata? ripeto: c'è un solo foro d'entrata, e basta. i motori sono passati attraverso la parete?
Anche questo lo puoi trovare in quei post, insieme ai segni delle ali accennavamo ai fori d'entrata dei motori. Quanto ai fori d'uscita, non credo ce ne siano: i motori sono massicci, certo, ma non così tanto da conservare abbastanza forza cinetica da perforare tutti i muri di cemento fino al terzo anello. Senza contare che, ad ogni muro perforato, la loro traiettoria avrebbe deviato, e non avrebbe potuto essere retta. I fori sul retro sono più probabilmente brecce aperte dai pompieri o per le ristrutturazioni.
ma sei pazzo o stai scherzando? dunque la fusoliera di un aereo in fibra di carbonio è in grado di bucare una parete di cemento armato, un motore è in grado di bucare non solo una parete dell'edificio, ma addirittura forarlo con precisione chirurgica fino al terzo anello, ma 30 tonnellate di kerosene esplose non sono in grado di distruggere del cemento armato e addirittura delle finestre, anche se blindate? ma credi che blindate significhi indistruttibili? come puoi dire cose simili?
stesso discorso per l'arredamento. se davvero lì fossero esplose 30 tonnellate di kerosene, ci sarebbe stata una voragine nella parete e soprattutto nel prato, altro che un buco di 4 metri nel muro....

Attenzione, qui stiamo parlando dell'esplosione di un liquido, e dopo che si era probabilmente riversato fuori dai serbatoi per l'impatto: un liquido infiammabile produce più che altro una spettacolare fiammata ma non ha tanta forza quanto un reale esplosivo, il quale d'altra parte non produce molto fuoco (la forza di un esplosivo risiede nei grandi volumi di gass che produce). Credo di non essermi spiegato molto bene, ma al momento il tempo stringe: il'succo' è che non era un'esplosione tale da fare più danno dell'aereo stesso.
Anonymous wrote:

per sir edward: credi che organizzare un finto attentato al pentagono sarebbe stato impossibile? non pensi che sarebbe bastato

---------------------

sottolineo "sarebbe bastato"

-------------------

Anonymous wrote:

1- troncare dei pali della luce il giorno prima e sistemarli fuori dalla strada in modo da non farli notare agli automobilisti, facendo poi saltare l'unico caduto sulla strada o magari anche abbattendolo durante o nei minuti immediatamente successivi allo schianto, chi ci avrebbe fatto caso? tutti stavano guardando il pentagono, mica i pali. e la macchina nera colpita dal palo potrebbe tranquillamente essere di uno corrotto, magari dello stesso che ha abbattuto il palo. come vedi c'è bisogno di corrompere una sola persona per rendere la cosa fattibile, non centinaia come vuoi far credere.

----------------------

E quelli abbattuti il giorno prima li ha abbattuti la stessa persona corrotta dell'auto nera? E come li ha abbattuti? E l'ultimo come lo ha abbattuto? Da solo? Ma hai idea di come sia fatto un palo della luce? Tu come lo abbatteresti un lampione sotto casa tua?

In secondo luogo, io non "voglio far credere" nulla. è una riflessione.Ti invito anchee a rileggere il mio post e dirmi DOVE ho indicato che per abbattere i pali ci vogliono molte persone, ricordandoti anche che mi riferivo alle persone di cui c'è bisogno per dare autorevolezza ad una verione... come i medici legali, ad esempio.

Anzi, siccome sono io che "voglio far credere", contiamo le persone che metti TU metti dentro al complotto. [1]

----------------

Anonymous wrote:

2- lanciare un piccolo velivolo militare drone (cioè senza pilota, comandato a distanza) contro la parete del pentagono ad un'angolazione diversa da quella indicata dai pali della luce abbattuti

------------------------

Tra le tante affermazioni non provate è quella più credibile

Il tecnico che guida il drone, quelli che l'hanno preparto e sistemato sulla rampa di lancio, almeno un ufficiale. Facciamo 5 persone, proprio per non esagerare?

Totale: [6]

--------------------

(e così si spiega anche perchè le bobine non sono state abbattute, è bastato far provenire l'aereo dal lato opposto a quello della traiettoria ufficiale in modo che non le investisse)

----------------------------

A questo propostito, l'aereo dovrebbe essere passato su un cavalcavia autostradale, che si trova diversi metri sopra il livello del prato del Pentagono. Almeno quell'angolo di discesa deve averlo avuto, anche secondo la versione ufficiale. Anche questa è una riflessione, ma è possibile che l'aereo non le abbia colpite per questo motivo?

------------------------

Anonymous wrote:

3- dopodichè uno o più ufficiali al pentagono hanno dichiarato alla stampa che si trattava di un grosso aereo commerciale (è facile spargere una voce, non ti sembra? basta una dichiarazione ufficiale alla stampa ed ecco fatto.)

--------------------------

Non potrei essere più d'accordo sul fatto che spargere una voce incontrollata è facilissimo.

ufficiali o testimoni falsi (purtroppo ne servono diversi per dare fondamento alla tesi agli occhi delle altre centinaia di persone interne al pentagono ma non coinvolte).

va beh. Faccaimo 3?

Totale [9]

------------------

Anonymous wrote:

4- hanno sequestrato tutti i filmati che potevano smentirli (come infatti è accaduto)

------------------------

Qui le cose cominciano a complicarsi. Dovevano essere ben sicuri di sequestrare tutto. Quindi, o sapevano esattamente quante e quali telecamere stavano riprendendo oppure avevano una squadra abbastanza grossa di persone addette a questo compito. il caso inoltre gioca sempre ome variabile a sfavore.

Totale: facciamo, per stare bassi 10 squadre da 2 uomini senza contare gli ufficiali?

Totale [29]

-------------------

anonymous wrote:

5- hanno provveduto a diffondere storie di manuali di volo in arabo scordati su sedili di macchine abbandonate o addirittura di manuali di volo spediti per posta ai parenti o fidanzate (perchè avrebbero dovuto?) e di copie del corano scordate nei bar da arabi sconosciuti la sera prima dell'attentato per dare credibilità alla storia dei dirottatori arabi

-----------------------

tra ufficio stampa, laboratori e gestori del progetto "prove false" direi almeno 30 persone

Totale [59]

-------------------------

Anonymous wrote:

6- non potevano creare un'esplosione più grossa, come quella di 30 tonnellate di kerosene che esplodono davvero, per non danneggiare troppo il pentagono e per mantenere i danni unicamente nell'ala guarda caso in ristrutturazione e priva di persone importanti e di documenti. e non potevano inventarsi una traiettoria logica come una picchiata per lo stesso motivo: avrebbe danneggiato troppo l'edificio.

----------------------

Avrebbero potuto schiantare l'aereo vero sul prato (a New York gli aerei erano veri) in modo che arrivasse diretto contro il muro esterno. Meno danni, meno problemi, meno dettagli impossibili, meno persone coinvolte.
Sono stupidi, eh?

---------------------

Anonymous wrote:

7- i rottami non sono affatto fumanti, anzi non sono nemmeno bruciacchiati, e potrebbero essere stati sparsi tranquillamente prima dell'arrivo di giornalisti e di gente con una macchina fotografica. non so se lo sai ma al pentagono pullula di federali che avrebbero potuto avere l'ordine di farlo dai loro superiori.

---------------------------

Nemmeno il carrello (vedere foto presso physics911.ca), il cerchione, le due ventolone da motore ti sembrano bruciacchiati?

Tra l'altro sono grossi, ci vogliono squadre di uomini per portare dei pezzi grossi come quelli che si vedono nelle foto all'interno dell'edificio. Squadre di almeno 4 uomini (un ufficiale e tre persone). In più sono pezzi che sono stati sistemati anche mezzo sepolti dalle macerie, quindi c'è voluto del tempo ed è stato evidentemente fatto dopo l'incidente, quindi mentre centinaia di pompieri e soccorritori (tutti corrotti) giravano tranquillamente per il sito del disastro.

Totale 4x2 + 100? 200? + 69 = va beh, facciamo 200

---------------------

anonymous wrote:

8- i falsi riconoscimenti dei cadaveri non sono stati difficili da organizzare: hanno vietato a tutti di avvicinarsi all'area per qualche giorno, hanno finto di effettuare test del dna e hanno pubblicato risultati falsi di gente dispersa da anni, morta, inventata o chissà che altro. oppure hanno davvero ucciso i passeggeri di quel volo per dare credibilità alla storia. progettavano già di farlo dal '62 come si legge nei documenti dell'operazione northwoods. difficile.
9- riguardo la sostituzione in volo dell'aereo, oltre che tranquillamente fattibile tecnicamente, anche questa progettavano già di farla dal '62. esattamente così..


----------------------

mmmhhh... Quante persone ci vogliono per tutto questo macello? L'equipaggio dell'aereo, gli uomini radar che non hanno visto nulla, i militari della base nella quale l'aereo è atterrato e demolito, dopo averne ucciso i passeggeri,i medici che hanno firmato l'opera di riconoscimento, i tecnici di laboratorio che hanno eseguito le analisi, i funzionari incaricati di sistemare la cosa con la stampa e i parenti...

Scusami ma ti devo chiedere se puoi fare tu il conto, io l'ho perso... troppa gente. Ti devo anche chiedere scusa per non essere riuscio a fare bene i conti della gente necessaria per questa opera, anche se te lo avevo promesso poco fa.

------------------------

Anonymous wrote:

10- la stampa di tutta america è totalmente controllata da sole tre agenzie, e quindi da soli 3 uomini. compra questi tre e potrai far dire alla stampa tutto quello che vorrai.

-----------------------------

Solo 3 uomini? Sicuro sicuro sicuro? Tre uomini possono far dire a tutta la stampa Statunitense quello che vogliono? Sicuro che le agenzie di stampa USA siano aziende con a capo un solo uomo?

P.S. E le agenzie internazionali e straniere?

-------------------

ti sembra ancora incredibile e dalle probabilità infime, come ipotesi?

-------------------------

Trovo più plausibile non la versione ufficiale, ma quella che dice che il volo aa77 si è schiantato sul Pentagono. è diverso.

Ecco, rispetto ai tuoi dieci punti è molto più plausibile che il volo aa77, invece di essere scomparso nel nulla vittima di un'operazione da film di hollywood sia davvero caduto a washington.

--------------------

anonymous wrote:

in 10 semplici punti, ecco qui come organizzare un finto attentato al pentagono perfettamente identico a quello avvenuto davvero.

--------------------

10 punti "semplicissimi" che coinvolgono migliaia di persone.

--------------------

Anonymous wrote:

se foste onesti e vi interessasse davvero capire cosa successe, non la escludereste a priori senza motivi validi come invece fate sempre.

--------------------

Scusa, ma io lo escludo per due motivi:

1) perché, visto che il Pentagono non doveva subire troppi danni, come hai detto tu, non schiantare l'aereo vero sul prato di fianco. L'aereo avrebbe perso gran parte della sua energia cinetica e avrebbe rovinato solo lievemente l'edificio, senza dover inscenare finti scontri...

2) perché era necessario colpire il Pentagono, visto che New York sarebbe bastata da sola a ottenere il risultato voluto?

Ma mi sto ripetendo...

SirEdward
Sir edward dice:

Il tecnico che guida il drone, quelli che l'hanno preparto e sistemato sulla rampa di lancio, almeno un ufficiale. Facciamo 5 persone, proprio per non esagerare?

rispetto al "tecnico che guida il drone" ti dovrebbe essere tolta la parola su quest'argomento a vita...................basta ed avanza
Paolo, è inutile....oramai ci hanno scoperto! Megli rivelare tutto.
Avete indovinato, il cognato di Paolo non esiste. L'11/9 è un complotto i cui artefici siamo io, Paolo, Freddy Krueger, Gargamella, Sauron di Mordor, Voldemort (ammesso che si scriva così)!

E' molto più facile sostenere e dimostrare questa tesi piuttosto che tutte le fandonie sconnesse che i nostri complottisti stanno sostenendo.
non si dice "tecnico". ma l'avete visto "Il Dottor Stanamore"? Gli americani ci saltano su e via...
Si dice "pilota-cow boy"

yeah
hammer sei incapace per cause genetiche di dire qualcosa di sensato?

sir edward come fai a non accorgerti che per quanto la versione complottista ti sembri improbabile è se non altro possibilissima, e che al contrario la versione ufficiale è del tutto impossibile per semplici motivi tecnici dovuti alla struttura dell'aereo e della traiettoria che avrebbe dovuto compiere? come mai nessuno commenta le affermazioni di Nila Sagadevan? ve le ricopio:

"Perché volare ad una quota così bassa è impossibile aerodinamicamente? Perché la forza di reazione del downwash sheet, tremendamente elevata, accoppiata con gli effetti di compressibilità dei tip vortex, semplicemente non avrebbero permesso all’aereo di abbassarsi al suolo più di approssimativamente metà della sua ampiezza alare (cioè non più di 19 metri) – fino a che la velocità non fosse stata ridotta drasticamente; che poi è ciò che, ovviamente, capita durante i normali atterraggi."

"Si sa che l’aereo ha impattato contro il piano terra del Pentagono. Per avere un riferimento: se un 757 viene piazzato a terra appoggiato sui suoi motori (e non sul carrello, ma sui motori, tenendo il carrello alzato), il suo muso sarebbe a quasi 6 metri di altezza dal suolo! Ergo, per fare impattare l'aereo al piano terra del Pentagono, Hanjour avrebbe dovuto volarci dentro con i motori seppelliti a 3 metri di profondità nel prato del Pentagono."

l'articolo originale è qui: http://www.prisonplanet.com/articles/february2006/210206impossibility.htm

complottista anche lui come tutti quelli che sostengono che quel buco non può essere stato fatto da un boeing-757?
Allora...

Mi dispiace oer aver detto "tecnico" e mi scuso con tutti coloro che potessero, a causa di questo mio imperdonabile erroe, aver frainteso il mio intero messaggio.

Chiedo anche scusa per essermi preso troppe libertà di scrittura e per aver pensato di parlare in un gruppo di persone abbastanza intelligenti da capire quando un errore pregiudica il significato del discorso e quando no ed evitare commenti infantili.

Prendo atto che non è così e rimedierò

Ad ogni modo, per chiarirmi, con la parola tecnico intendevo indicare quella persona, o quelle persone, che ha/hanno programmato/guidato, o chissà cos'altro, il famigerato drone in modo da definirne il bersaglio finale.

Perché c'è qualcuno che ha fisicamente impostato la traiettoria o guidato in remoto l'oggetto? giusto? o sono io che non sono avveduto e non conosco, causa ignoranza, l'esistenza dei droni con volontà propria?

Chiedo, se il mio errore non mi ha tolto il diritto alla parola, di avere la grazia di sapere se, adesso che ho corretto il mio errore, il mio discorso, o anche una sola parte di esso, ha cambiato improvvisamente significato, e se questo significato, ora disvelato ai vostri occhi, sia corretto.

SirEdward
Torniamo al discorso, va là.

Anonymous wrote:

sir edward come fai a non accorgerti che per quanto la versione complottista ti sembri improbabile è se non altro possibilissima, e che al contrario la versione ufficiale è del tutto impossibile per semplici motivi tecnici dovuti alla struttura dell'aereo e della traiettoria che avrebbe dovuto compiere? come mai nessuno commenta le affermazioni di Nila Sagadevan? ve le ricopio:

"Perché volare ad una quota così bassa è impossibile aerodinamicamente? Perché la forza di reazione del downwash sheet, tremendamente elevata, accoppiata con gli effetti di compressibilità dei tip vortex, semplicemente non avrebbero permesso all’aereo di abbassarsi al suolo più di approssimativamente metà della sua ampiezza alare (cioè non più di 19 metri) – fino a che la velocità non fosse stata ridotta drasticamente; che poi è ciò che, ovviamente, capita durante i normali atterraggi."

"Si sa che l’aereo ha impattato contro il piano terra del Pentagono. Per avere un riferimento: se un 757 viene piazzato a terra appoggiato sui suoi motori (e non sul carrello, ma sui motori, tenendo il carrello alzato), il suo muso sarebbe a quasi 6 metri di altezza dal suolo! Ergo, per fare impattare l'aereo al piano terra del Pentagono, Hanjour avrebbe dovuto volarci dentro con i motori seppelliti a 3 metri di profondità nel prato del Pentagono."

l'articolo originale è qui: http://www.prisonplanet.com/articles/february2006/210206impossibility.htm

complottista anche lui come tutti quelli che sostengono che quel buco non può essere stato fatto da un boeing-757?


---------------------

Io sono molto restio ad entrare nel merito dell'analisi dimensionale del 757 al Pentagono, perché non ne so abbastanza né di aerodinamica, né di meccanica, né di chimica, né di scienza dei materiali, né di chissà quant'altro.

Anche perché, francamente nessuna delle prove complottistiche mi ha mai convinto a pieno.

Per esempio, le bobine sono alte due metri, no? Ma l'aereo, quando è passato sopra l'autostrada, era in un punto rialzato (un cavalcavia) rispetto al prato, e da lì è sceso, quindi potrebbe benissimo esserci passato sopra.

Un altro esempio è il fatto che volesse colpire proprio quel punto. No, voleva colpire qualcosa, ha colpito quel punto. Non vi è mai capitato di chiedere ad un amico di fare qualcosa che sembra impossibile, come fare canestro con una pallina di carta in un cestino molto piccolo e distante, e di vederlo accadere per caso?

Un altro ancora sono i commenti, che girano nell'altra discussione, che dicono che il dirottatore non sarebbe mai stato in grado di percorrere tutta quella strada da solo senza saper pilotare bene. Ma io penso: se un pilota ha un cutter appoggiato al collo, a Washington ci torna, eccome! In questo caso il dirottatore avrebbe dovuto semplicemente puntare il pentagono... e rischiare, come penso sia andata, di mancarlo.

Tutte queste cose non le dò per certe, però non mi sembrano assurde.

Quello che non riesco a spiegarmi, invece, è perché gli americani avrebbero dovuto, nel caso, crearsi tante complicazioni dal momento che l'attacco a New York era in mondovisione e decine di volte più terribile e spettacolare, e che comunque potevano ottenere lo stesso risultato "Pentagonale" schiantando l'aereo vero, magari su quel bel prato che ormai abbiamo visto tutti. Tanto sulle torri l'avevano già fatto, no?

Ecco, questo è il motivo principale dei miei dubbi (e sempre quello ripeto)

Per quel che riguarda le frasi dette da Nila Sagadevan, c'è qualcosa che non va in questo brano: possibile che un esperto come lui sbagli a definire il punto di impatto dell'aereo? L'aereo ha impattato con il muso attorno al solaio del primo piano (si vede bene nelle foto). Infatti il primo piano, in quel punto, manca. Non ha impattato il piano terra. è un errore grave. Guarda cosa hanno detto a me perché ho parlato di "tecnico" due messaggi fa!

SirEdward
è incredibile.....ti ho fatto una semplice e chiarissima domanda, e sei riuscito lo stesso a girarci intorno e ad evitarla per tutto il commento.....hai scritto un intero paragrafo che a ben guardare non significa niente. incredibile..
e cos'è questa storia che non ti senti "qualificato" per fare calcoli dimensionali? c'è bisogno della laurea secondo te? le foto sono chiare, il buco si vede perfettamente, la parete del pentagono è alta 24 metri.... i calcoli si fanno anche con un righello. attivissimo pretende di sostenere che pezzi di lamiera contorta appartengono ad un boeing-757, ma invece calcolare che un aereo delle dimensioni di un 757 non avrebbe mai potuto fare un buco dove l'ha fatto (piano terra o primo piano che sia è indifferente), è impossibile?
avete uno strano modo di ragionare....

riporto per l'ennesima volta l'affermazione di Sagadevan:

"Si sa che l’aereo ha impattato contro il piano terra del Pentagono. Per avere un riferimento: se un 757 viene piazzato a terra appoggiato sui suoi motori (e non sul carrello, ma sui motori, tenendo il carrello alzato), il suo muso sarebbe a quasi 6 metri di altezza dal suolo! Ergo, per fare impattare l'aereo al piano terra del Pentagono, Hanjour avrebbe dovuto volarci dentro con i motori seppelliti a 3 metri di profondità nel prato del Pentagono."

non mi sembra ci voglia una laurea per smentirla o confermarla. le dimensioni di un boeing-757 le dice perfino attivissimo. i calcoli si possono fare anche da soli a casa.

nessuno ha mai detto che volessero colpire esattamente quel punto già in anticipo. nessuno lo ha mai detto. fai obiezioni ad affermazioni che non sono mai state fatte.... è ovvio che se un dirottatore decide di schiantarsi contro un edificio lo colpisce dove capita. la questione non è la casualità o la premeditazione dello schianto.... non inventarti diatribe inesistenti.

la versione ufficiale, sempre nel solito rapporto e nella solita ricostruzione della purdue university, dice che l'aereo ha sorvolato a 6 metri di quota l'autostrada tagliando i pali della luce, dopodichè si è abbassato e ha fatto il tratto di strada tra l'autostrada e il pentagono parallelo al suolo. non ha effettuato una traiettoria discendente. quindi smettiamola per favore con questa storia smentita più e più volte che l'aereo è passato sopra le bobine. non può esserci passato sopra. non può. è ora che ve ne facciate una ragione.

e sul serio ti sembra così impossibile che abbiano deciso di trarre il massimo impatto psicologico da questi attentati colpendo anche il pentagono, cuore della difesa militare americana? immagini cosa significa per un americano sentire una cosa del genere? e ti sembra impossibile che abbiano pensato di poter tranquillamente tirare giù una parete in casa loro (perchè è casa loro) quando e come volevano, per rendere più credibile e più ad effetto la storia?
un conto è dire "l'aereo stava per colpire il pentagono ma per fortuna l'ha mancato e ha colpito il prato davanti", un conto è dire "hanno colpito il pentagono", non ti pare? forse volevano essere sicuri il più possibile di crearsi il consenso pubblico per le loro porcate, no?

resto comunque dell'idea che dibattere queste questioni di opinioni soggettive ("secondo me avrebbero fatto questo, secondo me quest'altro, secondo me quest'altro ancora....") è inutile, e che si deve discutere solo delle questioni tecniche e matematiche e perciò al di sopra di opinioni e interpretazioni personali. è così che si indaga. non tramite opinioni, ma tramite prove incontestabili e universalmente valide per tutti.
vi rimando quindi un'altra volta alle affermazioni di sagadevan sull'impossibilità tecnica della traiettoria e dell'altezza dell'impatto. smentitele o accettatele, non evitatele. siate onesti, oppure è inutile discutere.
Caro Attivissimo,
in attesa di eventuali tue sempre ben accette repliche sull'altro post seguente a questo sull'11/9 ho dato una letta a questa discussione. Mi dispiace che sia scaduta in quasi rissa verbale, e mi pare che il più esagitato di tutti fosse Jack, anche se probabilmente condivide con me tutti i dubbi sulla versione ufficiale, e ne posso comprendere la frustrazione. Se credi di aver subito un grosso torto vorresti vederlo riconosciuto, che le cose cambino velocemente, che la gente si convinca... e quando non è così è facile arrabbiarsi.

Però qui siamo tutte persone civili e rispettose. Tra l'altro credo che quanto più gentili e rispettosi si è, tanto più sia facile che ci sia un vero scambio di opinioni e riflessioni senza pregiudizi.

Ad ogni modo mi interessa particolarmente la tua spiegazione di come l'aereo ha evitato le bobine. Dici "Riassumo: le ali, sempre spannometricamente, erano a circa quattro metri dal suolo quando l'aereo era a 25 metri di distanza, ma erano a uno-due metri d'altezza 25 metri più in là. Ergo, la traiettoria era in pendenza e non radente (parallela al terreno)."

L'aereo volava a 850 km/h, quindi 236 metri al secondo. Tu dici che si è abbassato da 4 a 2 metri o da quattro a 1 metro in 25 metri. Se procedeva il linea orizzontale è, credo umanamente, ma anche meccanicamente, impossibe, un aereo di quelle dimensioni, a quella velocità non puo farlo in 25 metri.

Se arrivava in linea retta ma con una traiettoria inclinata dall'alto al basso da centinaia di metri non avrebbe potuto abbattere i lampioni.
Infatti se i metri di dislivello coperti in 25 metri sono due (da 4 a 2), centro metri prima delle l'aereo si trovava a 8 metri (25:2=100:8) più in alto dal suolo (quindi 12) e a 20 duecento metri prima (dove pressapoco inizia l'autostrada). Se i metri di differenza sono tre (da 4 a 1) l'aereo si troverebbe rispettivamente a 16 e a 28 metri dal suolo. Tutte le ipotesi sono incompatibili con il trancio, ma anche solo lo sfioro dei lampioni che sono altri 10 metri e sarebbero stati tranciati a circa 6 metri.

Resterebbe l'ipotesi di correzione da parte del pilota. In pratica mentre sorvolava l'autostrada si trovava a 6 metri dal suolo con le ali (i motori non dovrebbero aver colpito il guardrail? chiedo, non lo so) e poi abbassarsi velocemente in meno di un secondo (circa 0,85 secondi, sempre assumento una distanza di 200 metri tra le bobine e la fine del rialzo autostradale). In questo intervallo bisogna calcolare il tempo di reazione del pilota e il tempo di risposta del velivolo.
Abbassarsi di quanto? Se è vero che l'autostrada è rialzata di 10-15 metri, il dislivello da compiere in meno di un secondo doveva essere di 12-17 metri(10+6-4 e 15+6-4, ovvero altezza della collina+altezza del trancio lampioni-altezza ali in corrispondenza delle bobine).

Non sono un esperto, chiedo magari il commento di qualcuno che ne sappia, è possibile che un tale aereo compia una tale manovra?
Attendo commenti.
Rileggendomi mi è venuto un ulteriore dubbio.

L'ultima ipotesi, l'unica ancora teoricamente ammissibile, ha un'altro problema. Se il pilota nel momento esatto in cui supera la collinetta fa una correzione verso il basso, arriva più basso dei 4 metri a 25 metri dalle bobine, indicati da Paolo. Qui si riaprirebbe il problema bobine credo.
Questo perchè nell'ipotesi migliore, appena superata la collinetta, si troverebbe 4 metri (i 20 metri da me calcolati a 200 metri di distanza meno i 16 di altezza dell'aereo [10 della collinetta + 6 dei lampioni tranciati]) più basso dell'ipotetica traiettoria pendente costante citata da Paolo. Nell'ipotesi peggiore si troverebbe a 12 metri. Meno problematico se assumiamo che la collinetta è alta 15: le due ultime misure sarebbero allora rispettivamente addirittura -1 (ovvero l'aereo sopra l'autostrada volava a 5 e non 6 metri di altezza con le ali, ma temo che questa ipotesi complichi ancora di più la spiegazione ufficiale del volo radente) o 7 metri.
Insomma è un gran bel casino di ipotesi e condizioni. Ricordo che stiamo cercando di verificare la versione ufficiale.
mi associo a metteo, tra l'altro attivissimo tu dici una marea di cretinate anche in altre sezioni, come quella dei 7 attentatori suicidi ancora vivi. spieghi tutto con la semplice omonimia, ma com'è che allora quei 7 tizi ancora vivi oltre che lo stesso nome hanno anche la stessa faccia degli attentatori????? 7 sosia e anche omonimi degli attentatori?? caspita, una possibilità su 100000000000000000000000! complimenti per le tue indagini ahahahahahahahahahahah!!!!!!!!!!
Aggiungo un'ultimissima cosa, che forse può aiutare la discussione. Come ho cercato di dimostrare nell'ultimo post, non ci sono tante possibilità per la traiettoria dell'aereo. Abbiamo dei punti fissi, i punti per i quali la retta (o meglio la spezzata) che traccia la rotta dell'aereo deve passare, e sono:
- 6 metri dal suolo da prima dell'autostrada fino alla fine della collinetta dell'autostrada, in corrispondenza degli ultimi lampioni;
- 4 metri dal suolo a 25 metri dal pentagono per sfiorare le bobine;
- 1-2 metri sulla facciata del pentagono;

Ora, c'è qualcuno che può disegnare questa situazione di sezione? Sarebbe molto utile.

Però già così noto che in poco spazio (300-400 metri) coperti dall'aereo in meno di due secondi ci devono essere state da parte del pilota almeno due correzioni di altitudine, seppur minime. Io me lo immaginerei con gli occhi chiusi a pregare Allah di accoglierlo, piuttosto che più lucido e reattivo di una macchina.
Mi scuso con tutti se non posso rispondere a tutte le domande, ma voi siete tanti e io sono uno solo (e a tempo parziale). Sto comunque leggendo tutto e cercando informazioni.

on ci sono tante possibilità per la traiettoria dell'aereo. Abbiamo dei punti fissi, i punti per i quali la retta (o meglio la spezzata) che traccia la rotta dell'aereo deve passare, e sono

L'idea della ricostruzione per punti fissi mi piace molto. Una ricostruzione basata soltanto sui dati osservabili nelle foto, indipendente dalla ricostruzione ufficiale. Aggiungerei alla lista il generatore, il cui angolo tranciato sembrerebbe essere stato colpito da un motore e la cui superficie superiore è solcata come da una delle pinne degli attuatori sotto l'ala di un aereo.
:

Ora, c'è qualcuno che può disegnare questa situazione di sezione? Sarebbe molto utile.

Sarebbe utilissimo, infatti. Il problema è procurarsi un rilievo altimetrico del terreno lungo la traiettoria presunta (indicata dai segni rilevabili fotograficamente)

Però già così noto che in poco spazio (300-400 metri) coperti dall'aereo in meno di due secondi ci devono essere state da parte del pilota almeno due correzioni di altitudine

Non è detto che le variazioni di altitudine siano intenzionali. Potrebbero essere dovute alla conformazione del terreno (che non è una lastra piatta come semplificato dalla Purdue) o alla turbolenza del volo radente, come contestano in molti.
Su www.arcoiris.tv è disponibile gratis il download, in mpg o formato per DVD, un documentario sull'11 settmbre:

"Painful Deceptions - Dolorose bugie"

Credo, viste le polemiche riscontatrate in questa discussione, che a tutti farebbe piacere fare un break e guardare, alla Tv oppure al Pc, delle immagini e dei fatti sull'11 settembre oltre sentire opinioni ed anche qualche novità.
In fondo ciò che interessa a tutti è la verità, quindi ben venga.

Ciao
Anonymous wrote:

è incredibile.....ti ho fatto una semplice e chiarissima domanda, e sei riuscito lo stesso a girarci intorno e ad evitarla per tutto il commento.....hai scritto un intero paragrafo che a ben guardare non significa niente. incredibile..
e cos'è questa storia che non ti senti "qualificato" per fare calcoli dimensionali? c'è bisogno della laurea secondo te?


------------------

Sì, che potrebbe esserci bisogno di lauree per calcolare la traiettoria dell'aereo!

Lo dimostri tu stesso quando citi Nila Sagadevan. Se fosse davvero una cosa così semplice perché avresti dovuto ricorrere ad una fonte autorevole per sostenere la tua tesi? Che cosa aggiungerebbe ad un discorso tanto semplice?

Io non voglio presentare delle ipotesi come delle certezze, proprio perché non ho tutti gli elementi per poter dimostrare a tutti in maniera evidente e ripetibile (dal punto di vista teorico. non vorrei trovarmi di fronte ad altri messaggi inuilmente polemici da parte di sconosciuti)

Se il mio messaggio non significa niente lo deciderà chi lo leggerà. Tu hai detto la tua opinione: la rispetto ma non posso condividerla.

------------------------

Anonymous wrote:

le foto sono chiare, il buco si vede perfettamente, la parete del pentagono è alta 24 metri.... i calcoli si fanno anche con un righello. attivissimo pretende di sostenere che pezzi di lamiera contorta appartengono ad un boeing-757, ma invece calcolare che un aereo delle dimensioni di un 757 non avrebbe mai potuto fare un buco dove l'ha fatto (piano terra o primo piano che sia è indifferente), è impossibile?
avete uno strano modo di ragionare....


--------------------

A prescindere dalle opinioni di altre persone. Mi sai dimostrare perché? Hai mai visto un incidente aereo in condizioni simili che dimostra che non può essere così?

Non ti sto dicendo che è per forza così, ti sto dicendo che tu per primo affermi questa impossibilità sulla base delle affermazioni di altri. Ma non me la sapresti dimostrare nei dettagli se non citandomi altre persone.

Ad esempio: tu dici: è impossibile perché il buco non è abbastanza grosso? Il passaggio successivo è "per quale motivo non è abbastanza grosso?". Come si rompe un aereo? Mi puoi dimostrare numericamente e matematicamente che le ali non si sbriciolano in quelle condizioni, o che i vetri dovevano esplodere? o che i pezzi dell'aereo dovevano per forza essere sul prato, o che un aereo non può davvero fare quella traiettoria (oltre a determinare quale traiettoria precisa ha fatto)?

Tutto questo non puoi farlo. Puoi citarmi opinioni, pareri e studi di persone più o meno esperte che confermano la tua ipotesi. Ma anche io ho un intero rapporto ufficiale che conferma la mia ipotesi. Puoi essere certo che, per porendere un esempio a caso, Nila Sagadevan non si sia sbagliato (in buona o mala fede?). è la stessa cosa che chiedi di fare a me.

penso che ti manchino un po' di conoscenze tecniche. Le stesse che mancano a me. Ricordati, però, che se una cosa è controintuitiva non significa che non sia vera. Prendi la caduta dei gravi di galileo: in assenza di aria qualsiasi corpo cade verso il centro della terra alla stessa velocità. è un fatto vero, ma totalmente controintuitivo.

è per questo che dovremmo occuparci prima di tutto della credibilità di un finto attentato compiuto in questa maniera.

------------------

Anonymous wrote:

riporto per l'ennesima volta l'affermazione di Sagadevan:

"Si sa che l’aereo ha impattato contro il piano terra del Pentagono.


----------------------

Ma l'aereo non ha impattato al piano terra, perché il buco arriva fino al solaio del secondo piano... infatti, poco dopo...

-------------------

Anonymous wrote:

Per avere un riferimento: se un 757 viene piazzato a terra appoggiato sui suoi motori (e non sul carrello, ma sui motori, tenendo il carrello alzato), il suo muso sarebbe a quasi 6 metri di altezza dal suolo!

--------------------

http://physics911.ca/gallery2/v/Pentagon/diagrams/pentagonxox30.jpg.html
è una foto della ricostruzione Purdue. A prescindere dalla traiettoria almeno l'analisi dimensionale statica possiamo considerarla corretta? Se sì, è in contrasto con Sagadevan.

Ma non è finita.

Anche attivissimo, citato DA TE come uno di coloro che pubblicano le dimensioni dell'aereo, pubblica:
http://www.attivissimo.net/antibufala/meyssan/pentagono_boeing_fantasma.htm
Tutto l'aereo APPOGGIATO SUL CARRELLO è alto 13,6 m. la fusoliera non arriva alla metà, ma arrotondiamo per eccesso. 6,7 metri l'altezza della fusoliera montata su carrello. Di meno senza le ruote.

Non il muso, ma il punto più alto della fusoliera. Sagadevan in questo caso ha sbagliato. E diversamente da quanto dice Sagadevan puoi controllare i calcoli che ho fatto tu stesso. Ti ho messo tutti gli elementi.

Ma se Sagadevan sbaglia un calcolo così elementare, è credibile per quanto riguarda argomenti complessi?

---------------------------

anonymous wrote:

Ergo, per fare impattare l'aereo al piano terra del Pentagono, Hanjour avrebbe dovuto volarci dentro con i motori seppelliti a 3 metri di profondità nel prato del Pentagono." non mi sembra ci voglia una laurea per smentirla o confermarla. le dimensioni di un boeing-757 le dice perfino attivissimo. i calcoli si possono fare anche da soli a casa.

---------------------

già commentato sopra. Da premesse erronee vengono fuori ragionamenti erronei.

---------------------

nessuno ha mai detto che volessero colpire esattamente quel punto già in anticipo. nessuno lo ha mai detto.

-----------------------

Nessuno lo ha mai detto. Ok.

-------------------------

fai obiezioni ad affermazioni che non sono mai state fatte.... è ovvio che se un dirottatore decide di schiantarsi contro un edificio lo colpisce dove capita.

la questione non è la casualità o la premeditazione dello schianto.... non inventarti diatribe inesistenti.


---------------

D'accordo.

---------------------

la versione ufficiale, sempre nel solito rapporto e nella solita ricostruzione della purdue university, dice che l'aereo ha sorvolato a 6 metri di quota l'autostrada tagliando i pali della luce, dopodichè si è abbassato e ha fatto il tratto di strada tra l'autostrada e il pentagono parallelo al suolo. non ha effettuato una traiettoria discendente. quindi smettiamola per favore con questa storia smentita più e più volte che l'aereo è passato sopra le bobine.

-------------------------

Ma davvero la Purdue ha scritto una simile sciocchezza? Allora davvero la Purdue university non avrebbe nessuna attendibilità.

tra l'altro, scusa, ma se la Purdue scrive tutte queste cavolate, che si sa essere stupide, perché vengono citate per dimostrare che l'aereo non poteva evitare le bobine?

L'aereo, come viene raccontato pochi post più sopra proprio da persone pro-complotto non avrebbe potuto abbssarsi in così poco spazio.

Ma allora, se dopo aver evitato le bobine l'aereo non avrebbe potuto abbassarsi abbastanza, in così poco spazio residuo, per impattare quel punto del pentagono come è possibile che allo stesso tempo avrebbe potuto abbassarsi tanto da riprendere una traiettoria perfettamente orizzontale al terreno dopo essere passato sopra al cavalcavia dell'autostrada, come afferma la Purdue?

----------------------

Anonymous wrote:

non può esserci passato sopra. non può. è ora che ve ne facciate una ragione.

-----------------------

Dovremo farcene una ragione? E chi lo dice? quegli che tu hai dimostrato essere ubriaconi della Purdue o Sagadevan che sbaglia le misure in metri?

--------------------

e sul serio ti sembra così impossibile che abbiano deciso di trarre il massimo impatto psicologico da questi attentati colpendo anche il pentagono, cuore della difesa militare americana? immagini cosa significa per un americano sentire una cosa del genere? e ti sembra impossibile che abbiano pensato di poter tranquillamente tirare giù una parete in casa loro (perchè è casa loro) quando e come volevano, per rendere più credibile e più ad effetto la storia? un conto è dire "l'aereo stava per colpire il pentagono ma per fortuna l'ha mancato e ha colpito il prato davanti", un conto è dire "hanno colpito il pentagono", non ti pare? forse volevano essere sicuri il più possibile di crearsi il consenso pubblico per le loro porcate, no?

--------------------------

Se avessero voluto davvero aumentare l'impatto del WTC sarebbe stato stupido scegliere il Pentagono come bersaglio. Potevano scegliere, che so, la Statua della Libertà.

E poi, nel caso sarebbe stato doppiamente stupido usare un drone; non ti sembra stupido piantare una pantomima cmplicatissima per mostrare un edificio di 5 piani danneggiato in parte in contemporanea con due torri di 110 piani demolite da due aerei che ci sono volati dentro? A me sembra molto, molto, molto stupido.

-----------------------

Anonymous wrote:

resto comunque dell'idea che dibattere queste questioni di opinioni soggettive ("secondo me avrebbero fatto questo, secondo me quest'altro, secondo me quest'altro ancora....") è inutile, e che si deve discutere solo delle questioni tecniche e matematiche e perciò al di sopra di opinioni e interpretazioni personali.

---------------------

è giusto. Il problema è l'applicazione.

--------------

Anonymous wrote:

è così che si indaga. non tramite opinioni, ma tramite prove incontestabili e universalmente valide per tutti.

------------------------

Giusto di nuovo. mettiamoci d'accordo su cosa è un opinione e cosa una prova incontrovertibile.

Sagadevan (scusa se cito sempre lui) è una prova incontrovertibile?

--------------------------

anonymous wrote:

vi rimando quindi un'altra volta alle affermazioni di sagadevan sull'impossibilità tecnica della traiettoria e dell'altezza dell'impatto. smentitele o accettatele, non evitatele. siate onesti, oppure è inutile discutere.

--------------------------

Appunto. Sagadevan. non l'ho evitata e l'ho smentita. Possiamo andare avanti?

SirEdward
Sir Edwards
grazie per i riferimenti fotografici. Il cerchione è definitivamente lo stesso.

Non voglio entrare nella discussione tra te e Anonymous, che è talmente serrata da essere più appropriata per una chat piuttosto che per un blog.

Però mi sembra che tu dimentichi una cosa, quando ti stupisci dell'inacuratezza della versione della Purdue, della sua non verosomiglianza: è la dimostrazione accettata dalla versione ufficiale. Della quale stiamo cercando di capire l'attendibilità.

Quando dici "Ma allora, se dopo aver evitato le bobine l'aereo non avrebbe potuto abbassarsi abbastanza, in così poco spazio residuo, per impattare quel punto del pentagono come è possibile che allo stesso tempo avrebbe potuto abbassarsi tanto da riprendere una traiettoria perfettamente orizzontale al terreno dopo essere passato sopra al cavalcavia dell'autostrada, come afferma la Purdue?" stai sostenendo che la spiegazione ufficiale è falsa, e ti allinei con le nostre posizioni.
Non credo che sia proprio come dici tu.

Se anche la ricostruzione della Purdue fosse errata (cosa che, tra parentesi, ignoro), ciò non costituirebbe una prova automatica del fatto che il volo aa77 non si sia schiantato sul Pentagono.

Tra l'altro ho dovuto parlare della Purdue perché, al sesto paragrafo del messaggio: 24/2/06 22:25, anonimo afferma che in quella ricostruzione c'è scritto che l'aereo si è abbassato dopo il cavalcavia e prima delle bobine (da un'altezza probabilmente superiore ai sei metri, perché il cavalcavia è verosimilmente almeno un paio di metri più in alto del prato) recuperando poi l'assetto orizzontale.

(tra parentesi. Se davvero nella ricostruzione della Purdue c'è scritto questo, allora non è fatta particolarmente bene).

In ogni caso, se davvero prendiamo per buona questa ipotesi, come viene fatto per dimostrare che l'aereo non poteva evitare le bobine, allora è evidente che, dato che era riuscito a cambiare assetto di volo in maniera così grande in così poco spazio, l'aereo sarebbe stato in grado anche di evitare le bobine.

Ricapitolando. A prescindere da cosa ha detto la purdue, se l'ipotesi descitta nel messaggio 24/2/06 22:25 è vera, allora l'aereo poteva evitare (in maniera involontaria) le bobine e impattare lo stesso nel punto giusto, perché già aveva compiuto una manovra simile prima (con più spazio ma anche più altezza). Se l'ipotesi è falsa, vuol dire che l'aereo poteva benissimo essere abbastanza in alto da evitare le famose bobine.

Per le megarisposte ad anonymous, è vero che la faccenda sta assumendo toni un po' troppo elitari e le mie risposte sono molto lunghe. Lo faccio perchè cerco di rispondere punto per punto alle affermazioni, in modo che il mio interlocutore non sia portato a credere, a causa mia, che tralascio volutamente argomenti "scottanti".

Siredward
Mi pare che ci sia un po' di confusione qui.

"In ogni caso, se davvero prendiamo per buona questa ipotesi, come viene fatto per dimostrare che l'aereo non poteva evitare le bobine, allora è evidente che, dato che era riuscito a cambiare assetto di volo in maniera così grande in così poco spazio, l'aereo sarebbe stato in grado anche di evitare le bobine."

L'ipotesi del volo radente data per buona dalla Purdue e dalla versione ufficiale viene qui usata proprio per dimostrare che le bobine non potevano in questo caso essere evitate. Quindi, se le bobine sono state evitate (è successo) l'ipotesi della Purdue del volo radente è errata, ergo anche la versione ufficiale. Punto. L'ipotesi è impossibile.

"Ricapitolando. A prescindere da cosa ha detto la purdue, se l'ipotesi descitta nel messaggio 24/2/06 22:25 è vera, allora l'aereo poteva evitare (in maniera involontaria) le bobine e impattare lo stesso nel punto giusto, perché già aveva compiuto una manovra simile prima (con più spazio ma anche più altezza)."

Nei mie post precedenti del 25/2/2006 ho messo in evidenza come questa sia altamente, altamente improbabile. Anzi, aggiungo una cosa che mi fai venire in mente. Un boeing 757 è lungo circa 50m, e le sue ali iniziano circa a metà, quindi si può dire che la parte delle ali esterne i motori si trova circa a 25 metri dal muso (se qualcuno ha misure precise, benissimo). Ma se a 25 metri dal Pentagono le ali erano a 4 metri di altezza per evitare le bobine, il muso era praticamente già sulla parete. Possiamo quindi già immaginare l'aereo mentre inizia a penetrare con una marcata pendenza. Siccome non puoi inclinare un aereo del genere in 0 metri, specie a quella velocità, doveva essere con quella pendenza già da parecchie decine di metri. Questo secondo me dimostra che se è così non avrebbe mai potuto abbattere i pali, secondo i calcoli che ho pubblicato sui miei post.

"Se l'ipotesi è falsa, vuol dire che l'aereo poteva benissimo essere abbastanza in alto da evitare le famose bobine."

Appunto. Ma anche i lampioni e tutto il resto.
AH PAOLO SMETTILA E DICCI UN PO CHI TI PAGA PER DIFENDERE STA BUFALA DEL AEREO DEL PENTAGONO !!! ANCHE UN BAMBINO DI 3 ANNI LO VEDE CHE LI NON C' E MAI PASSATO NEANCHE UN PIPER ALTRO CHE 757 ...
un consiglio ? continua ad occuparti di questioni informatiche: a fare il "debunker" ti stai solo rendendo ridicolo; dopo lo speciale del TG1 misteriosamente hai spostato tutto il fuoco della tua tesi sulle bobine...

AH PAOLO LA PIZZA TE LA PAGHIAMO NOI ... TI MANDIAMO DIRETTAMENTE LE FETTE PER POSTA !!! attento che lo faremo davvero :P
Gianni
PS: per favore fermati !!!
dopo lo speciale del TG1 misteriosamente hai spostato tutto il fuoco della tua tesi sulle bobine

Se guardi bene i commenti agli ultimi miei articoli sul tema, noterai che questa storia delle bobine l'ha tirata fuori un complottista, non io. Io ho semplicemente risposto.
non hai risposto a un accidente visto che ti rifiuti di ascoltare quando qualcuno ti fa notare che la tua teoria del "l'aereo è passato sopra le bobine" non sta in piedi per ragioni tecniche e fotografiche.... tu non rispondi alle domande, distogli l'attenzione.
un altro anonimo...

Qui di persone che non ascoltano ne vedo, e la maggior parte sono anonimi.

L'ultimo messaggio di parte "complottista"(per identificarlo bene) l'ha fatto l'utente "Matteo". Non mi trovo d'accordo con lui, ma i suoi interventi sono INTERESSANTI, a differenza di troppi altri. Quando si riesce a comunicare è già un passo avanti.

signor anonimo, prima di accusare a destra e a manca gente che non vuole ascoltare, forse sarebbe meglio leggersi gli interventi già scritti. Si potrebbero scoprire tante cose, per esempio che di persone che non vogliono ascoltare qua ce ne sono già troppe perché lei possa essere una presenza significativa.

SirEdward
A parte le bufale che partorisce Attivissimo, ce la mettete proprio tutta per fare squadra nelle imbecillità, a parte i danni che arrecate alla ricerca della verità..ma questo non è roba per gente come voi.

Questo "Sir Edward" fa parte di un circo o dice sul serio quando accusa di avere a che fare con "anonimi" e lui si sente "nel giusto" perchè.....si presenta come Sir Edward? Ma sei uscito fuori da un programma sperimentale o sei così dalla nascita?

Lord Byron (non anonimo......)
In realtà sono un esperimento segreto della CIA.

SirEdward
SirEdward, quante volte ti ho detto di non raccontare a tutti che ci paga la CIA? Lo sai che ci decurtano lo stipendio, se non siamo più in incognito :-)
E con questa splendida esibizione...di coppia, finalmente vediamo la vera vocazione che, peraltro, era già stata azzeccata per il "Sir": roba da circo! Agghiacciante pensare che personaggi della vostra misera stazza stanno giocando con la memoria di migliaia di persone assassinate e molto altro.

Ottima risposta Sir all'osservazione di prima, peraltro. Quando vai a prendertela con qualche altro "anonimo", visto che tu ti esponi così tanto?

Abbiamo visto che le cartucce a Sua disposizione sono scarse, come ciò che asserisci.

Lord Mountbatten
Figo, tutti nobili...

Guarda, Mountbatten, in questi due giorni ho passato più tempo a prendermi del misero idiota da circo che altro. Devo ancora capire bene perché.

Sto seriamente pensando che queste accuse siano vere. In fin dei conti è vero che sono "da circo", perché nella vita lavoro anche come clown. Purtroppo però non sono bravo come vorrei: la realtà è sempre molto più divertente della fantasia.

SirEdward

P.S. come si fa a non essere più "anonimi"? Mi sto stancando di dover firmare sempre tutti i miei post.
P.S. come si fa a non essere più "anonimi"?

Devi aprire un blog su Blogger.com. E' gratis.
Dal momento che tutti qui siamo interessati a capire cosa è successo veramente l'11/9, credo che nessuno avrà difficoltà (eccetto forse per la lingua) a sottoscrivere questo appello sul rilascio di prove documentali e nuove indagini da parte dei ricercatori statunitensi che lavorano sulla versione ufficiale (http://www.scholarsfor911truth.org/). E' importante.

http://st911.org/petition
Per quale grazia garantista, Attivissimo, hai cancellato le informazioni da me fornite...dopo il post (non trovo neppure quello...) dove le stesse venivano ingenuamente richieste da un tuo iscritto sul Prof. Steven Jones dell'Università dello Utah. Ingenuamente perchè se si è ignoranti (da ignorare) è meglio un prudente silenzio.
Ricorderai l'ingenuità, no?
Ma dimmi, c'è qualcosa che non vuoi che si veda sul tuo sito oppure o sbagliato qualcosa? Nell'ultimo caso attendo di sapere cosa e porgerei scuse anticipate.

Francesco
Per quale grazia garantista, Attivissimo, hai cancellato le informazioni da me fornite

Cancello soltanto i post che contengono insulti espliciti ed eccessivi; lascio tutto il resto. Forse hai messo le informazioni nella coda di commenti a un altro articolo?
Francesco, I post che cerchi non sono mai stati cancellati, ma li hai scritti in un'altra discussione. Li puoi trovare qui:

http://attivissimo.blogspot.com/2006/02/pentatracce-daereo.html

SirEdward
Confermo le mie scuse, sembra che i cambi di pagina/articolo abbiano favorito il mio errore.

Grazie Attivissimo per l'attenzione, grazie a Sir Edward per la segnalazione, l'ho vista quando sono entrato qui per scrivere questo post.

Francesco
Io non sono un complottista, come viene qui definito chi non crede alla versione ufficiale, però qualche dubbio mi viene e in particolare per qual che riguarda l'aereo del Pentagono mo chiedo che fine ha fatto la scatola nera che come tutti sappiamo è posta in coda (almeno così mi hanno detto) per essere meno soggetta all'impatto diretto ed inoltre è fatta di materiale molto resistente.
Infatti in tutti gli incidenti aerei la si trova sempre anche amigliaia di metri sotto il mare. La scatola nera ha infatti un dispositivo automatico che trasmette un segnale subito dopo l'incidente.
Voi ne sapete qualcosa? La versione ufficiale la cita?

Ciao a tutti
Ciao Enrico.

Riguardo alle tue domende le mie informazioni si rifanno a dichiarazioni dell'F.B.I.
"L' FBI che afferma di essere in posseso di tutte e due le scatole nere del Boeing del Pentagono, ma di non poterle decodificare perchè' praticamente distrutte".
Questa è la versione unilaterale. DEvo ricordare,k per il resto che tra l'altro nessuno, finora, è riuscito a sentire/vedere i risulati di nessuna delle 8 scatole nere.

Franco
Chiedo scusa per la postilla, volevo solo aggiungere che nessuno, al di fuori di F.B.I. o similari, ha mai, come detto prima, potuto avere accesso alle scatole nere.

Per quanto riguarda il volo UA-93, per esempio, solo l'F.B.I. dichiara:

"Non ci sono dubbi sull'eroismo dei passeggeri del volo United Airlines 93. La loro azione durante il dirottamento è stata eroica ed ha permesso di evitare una strage dalle dimensioni ancora più devastanti", ha spiegato il direttore dell'Fbi Robert Mueller, che ha ascoltato il contenuto della scatola nera insieme al ministro della Giustizia americano John Ashcroft."

E' come chiedere a Pacciani se i bambini che controlla nell'asilo stanno bene.

Ashcroft, uno dei più agguerriti sostenitori della pena di morte, è stato liquidato anche dall'amministrazione americana allo scadere del primo mandato di Bush. Tra le tante bufale da lui propinate, cito questa:

"WASHINGTON. Le radiazioni di una bomba inesistente stanno avvelenando l'aria alla Casa Bianca e al Congresso. Il ministro della Giustizia John Ashcroft ha ricevuto una tirata di orecchie da altri diretti collaboratori del presidente George Bush, per avere provocato in tutto il mondo un allarme esagerato. Lunedì il ministro si era vantato di avere sventato «un complotto terrorista per attaccare gli Stati Uniti con l'esplosione di una 'bomba sporca' radioattiva».

Quindi sarebbe questa la gente che dice al mondo cosa c'era DAVVERO nella scatola nera? E...bisognerebbe "anche" credere a ciò che dicono?

Ciao

Franco
Allora... in rispetto a Paolo che mai si è comportato scorrettamente devo dire che queste accuse gratuite nn aiutano di certo la discussione e Jack per quanto abbia anche contribuito con spunti interessanti è stato un esempio di intolleranza unica che se io fossi stato gestore del blog dopo un pò non avrei tollerato e cancellato. Senza contare che dopo che Jack smette di frequentare la discussione appaiono diversi anonimi con uno stile pressochè identico... ora... è così difficile astenersi dalle bambinate e tenere una discussione civile... anche io sono giovane e non per questo attacco la gente a mio piacimento solo perchè sono pieno di vitalità... fai una partita di pallone per sfogarti... funziona meglio. Scusate lo sfogo.
E detto questo ci tengo a precisare che non amo moltissimo neanche la divisione complottisti non complottisti... se la usi per semplificare allora poi non puoi usare la tesi "tipico modo di fare complottista" perchè ci sono anche cosiddetti complottisti molto civili ma non credo sia il problema fondamentale.
Proprio perchè non mi ritengo un complottista ma più un possibilista di entrambe le tesi vorrei chiarirmi le idee su dei punti: intanto la non pubblicazione delle scatole nere... è quantomeno sospetta così come lo è il fatto di aver mostrato 5 fotogrammi che anzichè chiarire danno più forza ai "sospetti", voglio dire... perchè non hanno aggiunto il fotogramma intermedio tra il primo ed il secondo? Converrete con me che se ci avessero mostrato l'aereo queste discussioni non avrebbero mai potuto avere luogo... e francamente il fatto che dichiarino di avere 3 filmati che non pubblicano perchè potrebbero sconvolgere la gente è... o la scusa più patetica che io abbia mai sentito o una dichiarazione di colpevolezza... Dopotutto la gente ha visto migliaia di volte gli aerei schiantarsi sulle torri... ci sono troppi lati oscuri per propendere per una o per l'altra tesi...

Ci tengo a ribadire che non c'è motivo per uscire dai parametri della discussione civile... non c'è motivo di essere esasperati solo perchè una persona cerca di esprimere la propria opinione.Non fa esattamente piacere cercare le notizie che ti interessano in mezzo agli insulti gratuiti.
Saluti
Giova
ATTIVISSIMO TUTTE LE TUE CRETINATE STANNO VENENDO A GALLA!!!

IERI SERA ALLA CNN (E NON A UNA TELEVISIONE REGIONALE, MA ALLA CNN) HANNO INTERVISTATO GIORNALISTI E INGEGNERI CHE NE SANNO 10000000 VOLTE PIU' DI TE E DI TUTTI I TUOI SEGUACI MESSI INSIEME, ED HANNO DETTO CHIARO E TONDO:

"NESSUN BOEING 757 SI E' SCHIANTATO AL PENTAGONO, LE TORRI SONO STATE DEMOLITE INTENZIONALMENTE, IL GOVERNO AMERICANO HA ORGANIZZATO TUTTO DI PROPOSITO PER COSTRUIRSI UNA SCUSA PER ATTACCARE, INVADERE E DERUBARE"!!!!!!!

INSOMMA, TUTTO QUELLO CHE I COMPLOTTISTI CHE TANTO DENIGRI DICONO DA ANNI STA FINALMENTE USCENDO ALLO SCOPERTO! DA UN SONDAGGIO FATTO DALLA CNN E' EMERSO CHE L'83% DELLA GENTE ORMAI HA CAPITO CHE E' STATO TUTTO UN COMPLOTTO FATTO DALL'AMMINISTRAZIONE BUSH, E SOLO IL 17% CREDE ANCORA ALLE FAVOLE COME TE!!!

STAI PERDENDO UNA VOLTA PER TUTTE, FESSISSIMO!!!!!!!! VOGLIO VEDERE CON CHE FACCIA TI GIUSTIFICHERAI QUANDO SI SAPRA' UFFICIALMENTE CHE TUTTE LE TUE "INDAGINI" (AHAHAHAHAHAHAH) SONO IDIOZIE!!!!!!!!


leggete qui:

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=1095
Come ho già detto più volte in questo sito, io non credo quasi a nulla della versione ufficiale e ho un forte sospetto che l'11/9 sia stato organizzato dall'interno.

Detto questo, di fronte al post precedente, che pare essere di tale Luigi (su un'altra parte del sito si è firmato dietro sollecitazione) inviterei io stessi Attivissimo a censurarlo. Senza pensarci due volte.

Se andate al post delle foto del Pentagono trovate le mie osservazioni e correzioni su quello che è successo alla CNN in questi giorni. Fatti molto importanti: oltre 42.000 hanno votato e l'84% è d'accordo con Charlie Sheen, che ha dichiarato alla TV che non crede alla versione ufficiale e servono nuove indagini. Per ben tre serate consecutive la CNN ne ha parlato, ed è stata letteralmente invasa da email.

Per il resto quello che dice Luigi è impreciso: non sono stati intervistati ingegneri (magari), ma ne sono stati solamente citati i lavori (comunque in un lasso di tempo piuttosto breve), hanno parlato Alex Jones (famoso presentatore radiofonico e attivista riguardo l'11/9), il rappresentante del 911truth.com movement, e alcuni giornalisti, quasi tutti schierati con Sheen, in maniera più o meno chiara.

Questo non cambia nulla o quasi delle discussioni che si stanno facendo qui, circa principalmente la compatibilità dei danni al Pentagono con un boeing 757.

Non posso però non notare che finora si è evitato accuratamente di andare agli altri grossi nodi delle questioni: crollo delle torri, del WT7, l'aereo in Pennsylvania. Il "retrogusto" che mi lascia la discussione è il tentativo di evitare i nodi più problematici.
Ma a nessuno è mai venuto in mente che forse un aereo è caduto al pentagono ma che fosse molto più piccolo di quello che si è detto?
Questo spiegherebbe molte cose, come le bobine,il carrello i motori...pensateci.
E poi ci sono dei dati inquietanti difficili da smentire.

http://www.disinformazione.it/volo77.htm

A voi l'ardua sentenza.
fabio.1971@tin.it
Scusate, arrivo molto in ritardo. Forse il mio commento non sarà mai nemmeno letto. Non posso nemmeno entrare nel merito delle questioni tecniche qui sapientemente dibattute, non essendo ingegnere né chimico né fisico, quindi posto una banale domanda, forse un po' bertoldesca, che ha a che fare con moventi e intenzioni e grossolane dinamiche dei fatti:

(mi scuso se a questa domanda è stato già risposto, ma sono relativamente nuova alle teorie del complotto, complottisti e controcomplottisti sull11/9)

- come mai un incazzatissimo dirottatore fondamentalista al volante di una specie di bomba viaggiante a 800km/ora, composta da tonnellate di metallo e carburante, piena di schifosi infideli che si sta finalmente per schiantare su uno dei simboli del grande satana capitalista dopo mesi e mesi di preparazione, ebbene l'incazzosissimo dirottatore fa una complicatissima e rischiosissima (nel senso di: difficile da portare a termine con successo) manovra per arrivare radente al suolo quasi perpendicolare a un lato del Pentagono invece di dirigersi, molto ma molto più semplicemente, contro il tetto dello stesso (agevole bersaglio con superficie molto più ampia)?

--Lo
Ciao

Non sono sicuro che possa risolvere i dubbi,
ma prova a leggere:
http://sulterrorismo.splinder.com/post/7646872/Inchiesta+Pentagono+1



Ciao
Jack ho visto il tuo sito e devo dire che.... è il sito con il più alto contenuto di cazzate che abbia mai visto!! Poi hai il coraggio di mettere il dibattito con attivissimo dove ti "straccia" in tutti i punti (anche se abilmente metti commenti a ogni sua frase cercando di far credere
l'inverso ai lettori!!)

Io visti siti come per es. luogocomune mi ero convinto che qualcosa di diverso da un aereo avesse colpito il pentagono, ma solo dopo, leggendo le altre analisi, ben più precise, mi sono accorto che lo facevo solo perchè mi piaceva l'idea degli americani complottisti! Ci sono quasi rimasto male leggendo le altre analisi...!!

Lo so la situazione non è chiara! Però tutte le analisi portano all'aereo, solo il fatto dei pali della luce divelti sulla strada bastano per smontare qualsiasi tesi complottista ( non venitemi a dire che hanno piazzato delle cariche sotto gli occhi di migliaia di automobilisti!)


La manovra era impossibile se il punto di impatto sarebbe stato il vero obiettivo, ma non è stato così, infatti l'aereo ha fatto il minimo danno! se avrebbe preso il pentagono dall'alto allora si che sarebbe stata una strage!!.Poi VI RIPETO CHE ESPERTI DI BALISTICA ( DI CUI 1 E' STATO ANCHE ALLO SPECIALE TG1) HANNO CONFERMATO CHE SI TRATTAVA DI UN BOEING!


I siti complottisti tipo luogocomune sostengono tesi assurde! tipo il test di SANDIA dove dal filmato deducono che un muro di cemento di 6metri viene divelto dalle ali dell'aereo!! Ma dal filmato si vede benissimo che le ali non si disintegrano solo perchè passano fuori dal muro!!!
Questo è arrampicarsi sugli specchi!
Leggetevi questo thread:
http://www.hwupgrade.it/forum/showt...5&page=44&pp=20

Per chi ha voglia di informarsi un pò di più c'è il Pentagon Building Performance Study al quale hanno partecipato moltissimi ingegneri che spiega come sono avvenuti i fatti!

ecco il link
http://fire.nist.gov/bfrlpubs/build03/PDF/b03017.pdf


L'impressione che mi state dando è che ormai vi siete fissati con una idea e state cercando in tutti i modi di difenderla!

Cercate di essere più obbiettivi e soprattutto senza insultare le persone!( questo ti fà capire anche la serietà delle persone!)


Ciao!
''Per chi ha voglia di informarsi un pò di più c'è il Pentagon Building Performance Study al quale hanno partecipato moltissimi ingegneri che spiega come sono avvenuti i fatti!''

Beh...sicuramente rassicurante e sorpattutto veritiero!
I federali, la CIA , l'FBI e il Pentagono sapevano tutti in anticipo l'accaduto e soprattutto calcolato nei minimi dettagli tutto...
E' un insulto all'intelligenza credere al Pentagon Building Performance Study e alle loro risposte... E' ovvio che non direbbero mai il contrario della versione ufficiale!
Aprite gli occhi...
Cosi come vi invito ( non a guardare blog,forum...forse di parte)ma di rileggere tutte le considerazioni,le contraddizioni non tanto delle foto ( palesi ) quanto delle dichiarazioni dei massimi esponenti Federali Americani.
Avete una risposta valida, che non offenda il buonsenso,a questi quesiti?Come detto in precedenza,mi riferisco a parole dette per cui non mi soffermerò a foto...filmati..etc..
1)DONALD RUMSFELD, MINISTRO DELLA DIFESA afferma il 21 OTT 2001 alla CNN: [...]''La verità è che un terrorista è in grado di attaccare dovunque ed in qualunque momento, ed è fisicamente impossibile difendersi sempre e dappertutto, e contro ogni tecnica immaginabile. Stiamo parlando di usare coltellini di plastica, e di usare un aereo della American Airlines carico di nostri cittadini, ed il missile per daneggiare questo edificio ( Il Pentagono ), e simili [...] '' Ma che distratto...non sapeva che era un BOING 747 a penetrare il Pentagono e non un MISSILE?
2)Com'è possibile che sia stato permesso a 346 pompieri ( poi morti )di salire nelle torri,quando si sapeva di un imminente crollo ( lo sapeva anke il sindaco Giuliani e la polizia )I poliziotti morti si contano su una sola mano...
3)I pompieri sopravvissuti che hanno aperto bocca...sia sul Pentagono che sul WTC sono stati licenziati...Perchè?
4)Testimoni ( gente comune che correva sconvolta per strada ) affermano che il volo schiantatosi sul WTC2 non era della American Airlines..Ma era grigio e senza finestrini,ergo non un aereo commerciale... Perchè?
5)Il presunto Boeing 747 ke sempre presumibilmente perfora il Pentagono...comemai colpisce l'unica parte dell'edificio,deserta e in ristrutturazione?Non era più logico colpire l'altro lato?C'era addirittura il Ministro della Difesa...
6)Si cerca Bin Laden dal 1998...Ma nel 2001 fu curato a Dubai in un ospedale Americano,fu inoltre visitato da ispettori della CIA...
La Cia ( come si può riscontrare sul sito stesso ) non ha mai negato quell'incontro, allora, perchè nn arrestarlo?
7)Perchè durante tutti i presunti attacchi terroristici del 11/9 nessun caccia della difesa americana si è alzato in volo?
8)Perchè Bush dopo aver saputo che il primo aereo aveva sfondato il WTC1 non ha immediatamente interrotto la sua visita a Florida ed è corso a Washington?E' rimasto irremovibile..Continuando a leggere favole ai bimbi della scuola...
9)Perchè nei sotterranei del WTC c'era dell'acciaio fuso? L'impatto con gli aerei non è avvenuto ai piani alti?
10)Perchè tutti,passanti,pompieri, polizia, dicono di aver sentito più esposioni ai piani inferiori?
11)Il WT7, come afferma in un'intervista Silverstein, fu demolito,fatto cadere giù...
Ma come è possibile che in cosi poco tempo dal crollo delle tue torri ( 6-7 ore )abbiano preparato,evaquato,controllato e fatto implodere il WT7...quando tutti gli ingegneri sanno bene che tale operazione non necessita di ore, ma addirittura di settimane..
Si fanno i dovuti controlli della struttura,le ispezioni, i sopralluoghi,poi si piazzano le cariche esplosive e dopo, soltanto dopo si attiva la demolizione...?
12)Perchè il nuovo affittuario del WTC7 due mesi prima dell'attacco terroristico, assicura l'edificio contro attacchi terroristici e poi lui stesso lo fa demolire?
13)Perchè tutti i pezzi 'residui' del WTC sono stati fatti scomparire,mai analizzati come referti di una scena di un crimine?
14)I voli dichiarati distrutti nell'impatto con le torri gemelle, risultanto attualmente nella lista di aerei 'attivi' nell'aeronautica civile americana, ergo, continuano a far voli, perchè?
15)Dei 19 pseudo terroristi della lista del'FBI com'è possibile che tranne 3, il resto sono 'persone normali' ( ingegneri,chimici, addetti all'informatica )vive e vegete ?
16)Condoleeza Rice dopo gli attacchi dichiarò che la CIA aveva prove inconfondibili sull'accaduto e che presto sarebbero state note a tutti...Sono passati 5 anni,dove sono le prove?
17)Il pengatono: probabilmente il luogo più sicuro del pianeta...sorvegliato da centinaia di telecamere, non fornisce uno, un solo filmato decente sull'accaduto.Perchè?
18)I pompieri dichiarano che sono state trovate 3 delle 4 scatole nere tra le macerie del WTC.Perchè Rumsfeld dichiara inizialmente che sono andate distrutte, per poi dopo affermare che non vi è nulla di rilevante all'interno?

Sono tanti i quesiti...troppi, per pensare che sia stato un attacco terroristico o perlomeno che nessuno,nè la CIA, nè l'FBI, nè BUSH nè tutte quelle teste al Pentagono,sapessero in anticipo che quell'11/9 sarebbe stata una tragedia!Perchè tanti comuni mortali,noi, le famiglie delle vittime...fatto tante domande...e non si accontentato della semplice e sicuramente ovvia nonchè comoda versione ufficiale?
Nessuno è antiamericano, o perlomeno io non lo sono...E' raccapricciante pensare che gli americani si siano autolesionati..
Ma ricordiamo che gli americani che probabilmente si sono autolesionati...non sono il popolo...
Ma sono quella ristretta cerchia di colletti bianchi, avida di potere,patriottismo,danaro che usa tutti noi come piccole pedine in un gioco bellico...in cui ne io,ne tutti voi probabilmente ne capiremo mai nulla tranne che l'avidità umana e il cinismo,spesso, portano a accadimenti storici fuori da una comune mente umana e fuori dalla nostra portata oltre che dalla nostra ottica!

Detto questo...invito tutti a riflettere nel bene e nel male, a non dare tutto per ovvio e per scontato...E soprattutto ad usare il buon senso e l'intelligenza....oltre ad un pizzico di cultura storica e non...

PS:Non mi va di risultare Anonima,per cui, vi saluto firmandomi!
-RAFFAELLA-

PS:Non ho ricontrollato il post,ergo,se ci sono imperfezioni grammatiche o qualche virgola in meno etc etc... Vi chiedo scusa in anticipo.
Che nel buco ci sia entrato un'aereo o una supposta poco importa, l'importante è che tutti quelli che girano intorno alla verità (falsità) ufficiale sono una banda di bugiardi. Il perchè deliberatamente dicano il falso non ci vuole mica un nobel per capirlo: interessi economici. Caro Paolo tu stai disquisendo (e guadagnando ad insupauta dei tuoi lettori) sulle pagliuzze ma non ti accorgi delle travi! Ci vediamo alle Bahamas come l'anno scorso.
DATO
Quel tipo di cavo pesa circa 6kg per metro lineare.
CONSIDERAZIONE
Da quello che ho capito le bobine risultano mosse dall'aereo, probabilmente per lo spostamento d'aria o per contatto con le ali, sicuramente non per il contatto con la fusoliera.
Personalmente non credo alla teoria del complotto (tra l'altro a cosa servirebbero 4 attacchi? non ne bastava uno?) Credo invece che il governo USA non era e non è tuttora preparato ad affrontare un attacco di questo tipo (o che almeno lo sia stato solo per obbiettivi militari come il pentagono. Potrà sembrare una cazzata una descrizione di attentato del tutto simle la si trova su un romanzo di T. Clancy con inclusa la spiegazione del perchè questo genere di attentato potesse aver successo.