skip to main | skip to sidebar
131 commenti

Windows Vista e “Le Iene”

Le Iene mordono Windows Vista


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

La trasmissione televisiva Le Iene di Italia 1 mi ha invitato negli studi di Cologno Monzese (nella foto vedete la parte "rustica" che non va mai in onda; la TV è davvero tutta finzione) per un'intervista realizzata con il loro consueto stile: raffica di domande in fila, tre secondi per rispondere, montaggio serratissimo (è per questo che a volte sembra che io risponda prima che arrivi la domanda).

Io mi sono divertito molto a fare il punto su Windows Vista, nel bene e nel male (principalmente nel male). Spero si sia divertito altrettanto Fabrizio Albergati, Responsabile Windows Business Group di Microsoft Italia: la sua interVista è qui.

Le interviste delle Iene giocano molto col montaggio, per cui tenete presente che praticamente tutte le mie risposte (e, presumo, quelle date da Albergati) erano molto più articolate di quelle che sentite nel video (il programma che "confessavo" di aver scaricato era OpenOffice.org, per esempio; il film scaricato era la versione originale, quella razzista, di Fantasia).

Prendete quindi il tutto come un momento di divertimento, come si addice alla trasmissione, non certo come una guida formale alla scelta di un sistema operativo. Vale comunque la pena di notare alcuni spunti dell'intervista di Albergati:
  • Dice che Vista costa "esattamente gli stessi soldi" di XP, che costava "249 euro nella versione Professional". 249 euro è il prezzo di XP con licenza Full (non preinstallato e non upgrade). Ma sul sito Microsoft, Vista ha una gamma di prezzi, per le versioni full, che varia da 217 euro (261 euro IVA inclusa) per la Basic a ben 475 euro (570 euro IVA inclusa) per la Ultimate (fonte). E' una bella differenza.
  • A proposito dei 99 euro della versione Academic proposta come soluzione a basso costo, va detto che si tratta di una licenza sottoscritta dalle scuole. Forse Albergati si riferiva alla licenza per studenti: in tal caso, va ricordato che scade quando non si è più studenti è utilizzabile solo per fini domestici e non per scopo di lucro (grazie a thethousand per la verifica presso il Servizio Clienti Microsoft).
  • E' molto interessante il dato sui PC attualmente in grado di far funzionare Vista: Albergati dichiara il 66%, ma è un dato riferito alla versione "leggera" di Vista (quella senza gli abbellimenti grafici che vedete nelle pubblicità): la versione completa di abbellimenti (Aero) è gestibile dal 22% degli attuali PC.
  • Albergati dichiara che sviluppare Vista è costato dieci miliardi di dollari.
  • Il numero alto e confusionario di versioni è dovuto a "richieste di mercato". Si vede che il mercato al quale si rivolge Mac OS X (una versione sola, full optional) è davvero differente.

Aggiornamento: Santo cielo, sono finito su The Pirate Bay. Ho corretto la questione della licenza studenti: Microsoft, nella sua pagina relativa alla licenza, dice che la licenza stessa "non ha alcuna validità legale nel caso in cui l'utente non rientri nella definizione sottostante". Io la interpreto come "quando non sei più studente, la licenza non è più valida", ma il Servizio Clienti ha dichiarato a un lettore, thethousand, che "la validità della licenza rimane anche quando sono terminate [le] condizioni per l'acquisto poichè la licenza è perpetua. Come tale rimangono anche le limitazioni all'utilizzo escusivamente domestico e non per scopo di lucro".


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di “roberto.orto****” e “giancarlo.ven****”.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (131)
meraviglioso !
Scusa Paolo, non ho capito: sei già andato in onda ieri sera (se è così mannaggiatté che non ce lo hai detto) oppure devi ancora essere trasmesso in etere?

P.s.: non sono lo stesso nicola del commento qui sopra
Quando vai in onda Paolo??
GESTISCE IN MANIERA MOLTO PIÙ SEMPLICE TUTTA LA COMPONENTE MULTIMEDIALE?????

Lo dice Albergati quando gli si chiede in cosa vista è meglio di xp. Probabilmente quando più di mezzo mondo li ha maledetti per il drm invasivo loro avevano sparato i loro Zune a manetta nelle orecchie...
>sei già andato in onda ieri sera (se è così mannaggiatté che non ce lo hai detto) oppure devi ancora essere trasmesso in etere?

Quando l'ho girata, non era ancora stato deciso se l'intervista doveva andare in onda (e quando) o essere pubblicata soltanto sul sito. Nella puntata di ieri non c'era. Questo è tutto quello che so, mi spiace.
> GESTISCE IN MANIERA MOLTO PIÙ SEMPLICE TUTTA LA COMPONENTE MULTIMEDIALE?????

Lo dice Albergati quando gli si chiede in cosa vista è meglio di xp. Probabilmente quando più di mezzo mondo li ha maledetti per il drm invasivo loro avevano sparato i loro Zune a manetta nelle orecchie...

L'altra metà del mondo, invece, maledisce Apple e il suo iPod, per lo stesso esatto motivo: DRM
Albergati è riuscito a dire che Windows ha una posizione dominante perché è un prodotto "aperto"... ma che vuol dire? Open Source Windows?
Ma quando te l'hanno chiesto???

Perchè era quello che avevamo detto alle iene io 10 febbraio..

http://forum.ubuntu-it.org/index.php/topic,59344.msg350662.html#msg350662

Avevamo mandato una lettera riguardante l'enorme costo che dovevano sopportare le amministrazioni pubbliche a causa dell'utilizzo di software non libero...
> Boliboop ha detto...
Albergati è riuscito a dire che Windows ha una posizione dominante perché è un prodotto "aperto"... ma che vuol dire? Open Source Windows?


Forse l'ha detto per adeguarsi ad Attivissimo che continua a parlare di opensource, sorgenti, sistemi operativi aperti, condivisione....e poi usa un sistema operativo proprietario e chiuso come il Mac.

Paolo predichi bene e razzoli male
>Ma quando te l'hanno chiesto???

Mi hanno telefonato martedì scorso, se non ricordo male. La registrazione è stata fatta venerdì scorso.

>Forse l'ha detto per adeguarsi ad Attivissimo che continua a parlare di opensource, sorgenti, sistemi operativi aperti, condivisione....e poi usa un sistema operativo proprietario e chiuso come il Mac.

Calma un attimo. Mi hanno chiesto quale OS uso di più e io ho risposto OS X perché è quello che ho sul laptop dove passo più tempo. Ma il mio sito è sotto Linux, e va 24/7. Se è per quello, ho anche un PC Windows XP (per il riconoscimento vocale). Ma la macchina che ho in mano di più usa OS X. Quindi ho risposto di conseguenza.

Quello che conta è che tutte le mie macchine sono interoperabili perché su tutti e tre uso formati, standard e applicazioni open source ed evito accuratamente ogni vendor lock-in o DRM. Perché open source non significa soltanto il sistema operativo, ma anche le applicazioni e le condivisioni di rete e di periferiche.

Il 90% del mio lavoro è consegnato in formato OpenOffice. Lo posso scrivere con il sistema operativo che mi pare. Questo è quello che intendo per condivisione: essere indipendenti dal sistema operativo.

Il fine ultimo resta Linux anche sul desktop. Se strada facendo passo dal Mac, non vedo problemi. Non mi sto legando a una piattaforma e comunque contribuisco a riequilibrare il monopolio di fatto di Microsoft.
Bravo Paolo, ottima intervista! Un giorno mi piacerebbe conoscerti, magari per un caffè. Ho il mio piccolo ufficio a Chiasso.
Sul sito delle iene è presente anche una mini inchiesta sui provider internet.

Molto interessante l'intervista a Mario Gelmini, responsabile marketing di Alice, che dimostra di non avere una buona conoscenza di nozioni mediamente basilari come "trojan" e "phishing", e forse ha le idee confuse anche sullo spam e sui forum.
Impossibile non notare la differenza, a parita' di domande, tra le risposte aziendali (della Microsoft) e le risposte sincere (anche se chiaramente simpatizzanti per il pinguino) di Paolo. Vai cosi'! :)
Pero' mi sa che i tagli all'intervista hanno alterato il senso di una delle risposte, perche' ai tempi del Sinclair Spectrum si craccava alla grande... e' solo che i canali per la distribuzione del software craccato erano per forza di cose diversi. Esistevano rudimentali sistemi anticopia e gruppi di cracker che per sfida, notorieta' e sfizio facevano a gara per superarli. E negozi che (non scherzo) duplicavano sul momento le cassette per gli acquirenti. "Vuoi quello? Aspetta che te lo faccio.". Terribile. :D
Ma lo sai che sei proprio bravo :) ?
Complimenti :D !
"Tempo libero??" :-D

Mitico ;-)

Molto gustosa l'intervista!
L'unica che non ti perdono e' quella sullo Speccy... ai tempi si crakkava e si copiava anche più di ora... ma forse, ora che ci penso... tu a quei tempi eri in England... ahh! ok, ritiro tutto ^_^;

tempo libero?!?!... ;)
Grande Paolo!!!
3297384563
Complimenti per l'intervista,anche se di parte in quanto sono MacUSer.

Certo che sentir dire Albergati dire che Windows è aperto...mi ha fatto accapponare la pelle.

PS:ma è solo una mia impressione o nel modo di parlare ricordi molto Daniele Luttazzi?

PS:sempre i più viv i complimenti per il podcast.
Complimenti per l'intervista,anche se di parte in quanto sono MacUSer.
Certo che sentir dire Albergati dire che Windows è aperto...mi ha fatto accapponare la pelle.
PS:ma è solo una mia impressione o nel modo di parlare ricordi molto Daniele Luttazzi?
PPS:sempre i più viv i complimenti per il podcast.

Thesnake
Nonostante i tagli e tutte le manipolazioni che la TV attua nel diffondere le notizie, questa tua mi è parsa estremamente dignitosa, rispettosa e imparziale, elementi che ne fanno una testimonianza autorevole. Non se la cava male nemmeno Albergati (un mio vecchio amico diceva che il fisico aiuta l'immagine), ma essendo di parte, non raggiunge alti livelli di credibiltà.. si vede che è in difficoltà sulle domande tecniche, bravo in quelle di costume...

Grazie per il tuo impegno, grazie davvero.
A me non risulta che lo Shareware sia quel software che viene dato gratuitamente alla comunità.
A me risulta che lo Shareware sia quel software che puoi scaricare e provare per un certo periodo di tempo e dopo smette di funzionare...
Purtroppo l'ignoranza informatica dei giornalisti Italiani è devastante...
hihihihi (scherzo ovviamente a chiunque può capitare una sVista).
A proposito di Vista io l'ho provato e che ne dica Dell (che è rivenditore di hw quindi è ovvio che dica che funziona meglio con 2 GB di ram) non mi sembra così oneroso in termini di HW
eccapperi, se il media player 11 che ho installato sul mio xp è un assaggio della facilità di gestione della componente multimediale di Vista, stiamo freschi!

Sarò particolarmente impedito io, ma ho messo 10 minuti a capire come togliere l'ingombrante modalità estesa ed attivare quella che ora chiamano "modalità interfaccia" (quella compatta). I menù classici, come su Internet explorer 7, vanno attivati e sono nascosti di default.

Complimenti, ottima accessibilità :-(
GRAZIE!!!!!!!!
Sei bravissimo e grandissimo!!Speriamo lo mandino in onda.. anche se le domande diverse a te e ad Albergati sono tante e quindi mi sa che si perdera' un bel po!
Un po' di risposte:

>Pero' mi sa che i tagli all'intervista hanno alterato il senso di una delle risposte, perche' ai tempi del Sinclair Spectrum si craccava alla grande...

io mi riferivo ai primissimi tempi, quando non c'erano Microdrive e si andava di audiocassetta: bastava copiare la cassetta. C'erano anche i programmi radio che "trasmettevano" il software come audio! Poi sì, sono usciti sistemi "anticopia", ma a quell'epoca ero già passato al PC IBM. Per questo non me li ricordavo. Grazie del promemoria!



>ma è solo una mia impressione o nel modo di parlare ricordi molto Daniele Luttazzi?

E' lui che ricorda me... :-) No, è semplice evoluzione parallela. Hai presente squalo e delfino? Specie diversissime che si adattano all'ambiente usando le medesime soluzioni.

>A me non risulta che lo Shareware sia quel software che viene dato gratuitamente alla comunità.

No, infatti, è stata tagliata male la mia risposta. Lo shareware, comunque, non necessariamente si disattiva dopo un tot di tempo. Molti programmi magari diventano petulanti, con richieste di donazione/pagamento più frequenti, ma vanno avanti a funzionare. Altri vanno avanti senza nessun cambiamento.
Paolo: "Il fine ultimo resta Linux anche sul desktop."

Paolo, da utente Linux mi piacerebbe sapere cos'è che te lo impedisce: non so, qualche dettaglio tecnico (problemi di interoperabilità con gli altri s.o., problemi di funzionamento, ecc...)...
Questa notizia è stata ripresa anche da downloadblog...ma mi sà che li è pieno di complottisti! Appena hanno sentito il tuo nome i commenti hanno deviato su unaltro argomento, indovina? 11 settembre!!!

se vuoi darci un'occhiata il link è questo
>Paolo, da utente
Linux mi piacerebbe sapere cos'è che te lo impedisce: non so, qualche
dettaglio tecnico (problemi di interoperabilità con gli altri s.o.,
problemi di funzionamento, ecc...)...

Soprattutto queste cose:
-- la cronica mancanza di tempo, per cui a malapena riesco a star dietro alle scadenze di lavoro, figuriamoci smanettare col software come serve per installare Linux e configurarlo;
-- la difficoltà di trovare un laptop che sia sicuramente a) compatibile integralmente (audio, video, wireless, eccetera) con una distro Linux b) silenzioso. Il vantaggio del Mac è che è totalmente silente e mi ci sono troppo abituato, non sopporto più le ventole che girano in continuazione. E ovviamente nel Mac tutto l'HW è già pronto e supportato appena avvii Mac OS X.
-- La mancanza di un MS Word per Linux, per quei (pochi) clienti che ancora mi chiedono Word e soprattutto per quelli che mi mandano i documenti Word che Openoffice non sempre riesce a decifrare correttamente.
-- L'impossibilità (o la difficoltà) di gestire certi formati proprietari (audio, video e di altri software).
-- La mancanza o incertezza del supporto alle periferiche.

Sono sicuro che tutti questi problemi sarebbero risolvibili se dedicassi loro tempo a sufficienza. Ma non ne ho, né ho qualcuno che mi preconfiguri e preinstalli un laptop Linux silenzioso. Per cui adotto una soluzione di compromesso: il Mac, appunto. Come dico spesso, il Mac è come Linux, ma senza l'ideologia. Ti affranca da Microsoft, ti permette di lavorare in santa pace, ti permette di usare formati aperti, non ha DRM obbligatorio (ho usato iTunes per comprare 5 canzoni per prova, poi basta).

Ok, non è libero e non è open source, ma è pur sempre un buon passo nella giusta direzione di promuovere l'indipendenza dal monopolista, ed è un passo che chiunque può fare *subito*, senza attendere la distro Linux su misura e senza lunghi cali di produttività.

Intanto ho Linux sul server e da li' non lo leva nessuno.

La migrazione al Mac, fra l'altro, è una tappa che mi permette di risolvere il problema dell'HW rumoroso per quando passerò a Linux anche sul laptop. Il prossimo laptop Mac (da acquistare verso luglio, dopo l'uscita di Leopard) sarà in dual-boot. Trattandosi di una configurazione HW pressoché bloccata, confido che le distro Linux la supporteranno meglio di tanti laptop di altre marche.

Come vedi, non mollo l'obiettivo, ma per poter essere produttivo devo fare una tappa intermedia. Fare il grande balzo e passare drasticamente a Linux non sempre è possibile (anche se la settimana scorsa ero in un laboratorio strapieno di Linux RTOS, uno spettacolo); passare al Mac è sempre meglio che stare fermi a Windows.
Una piccola chicca su Windows Vista.

Ieri ero in un centro commerciale e c'erano dei pc esposti con Vista installato.

Preso da curiosità ci ho dato un'occhiata e ho provato ad aprire un paio di finestre per cercare di vedere le tanto sbandierate funzioni grafiche del nuovo pargoletto Microsoft.

Ho provato su due PC diversi. Nessuno dei due aveva purtroppo montata la versione che mette le finestre graficamente una in fila all'altra in 3D (o non sono stato in grado di visualizzarle in tal modo, anche se ho molto apprezzato invece i piccoli effetti di trasparenza delle finestre).

Su uno dei due PC Internet Explorer (peraltro non connesso a Internet, evidentemente) si è bloccato, ed è comparso un felice mesaggio di errore etc. etc.

Speravo che finalemnte queste cose non succedessero più. Speriamo fosse solo colpa degli utenti ignoranti come me che a forza di giocherellare hanno incasinato il sistema...
Grande paolo... potevi avvertirci in tempo però, ti avremmo visto in diretta.
Dove lavoro tutti han sentito parlare di Vista. Tutti sono rimasti incuriositi dalle voci (commerciali).

Ed io li ho spazzolati tutti convincendoli a DIMENTICARE Vista. Sicuramente meglio per tutti.
Ed io li ho spazzolati tutti convincendoli a DIMENTICARE Vista. Sicuramente meglio per tutti.

mah non so....
nel bene o nel male, Vista è il sistema operativo che verrà utilizzato sempre di più in futuro... questi mi sembrano i discorsi che si facevano sei anni fa quando è uscito XP dove tutti i pseudoesperti dicevano che sarebbe stato meglio tenersi il 98 o il 2000... invece oggi tutti usano XP!

ciao :)
rispondo anche a paolo:

...La mancanza o incertezza del supporto alle periferiche...

...il Mac è come Linux, ma senza l'ideologia...

io sono dell'idea che la mancanza di supporto delle periferiche sia una conseguenza diretta dell'ideologia che ci sta dietro. gli sviluppatori di linux vogliono i driver GPL, i produttori di hardware vogliono poter scrivere driver con un'interfaccia standardizzata, come avviene negli altri sistemi operativi. Io non ci vedo una via d'uscita....
Ciao paolo... complimenti per il tuo lavoro che seguo da tempo e per l' intervista.
Alcune cose mi hanno lasciato perplesso... le ho commentate qui:
http://www.mentedigitale.org/index.php

Sarei lieto se venissi a dire cosa ne pensi.
Nel nostro forum si e' anche aperto un dibattito a riguardo.
Ciao e buon lavoro!
WebDataBank
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Fedeb 14/2/07 14:14
mah non so....
nel bene o nel male, Vista è il sistema operativo che verrà utilizzato sempre di più in futuro... questi mi sembrano i discorsi che si facevano sei anni fa quando è uscito XP dove tutti i pseudoesperti dicevano che sarebbe stato meglio tenersi il 98 o il 2000... invece oggi tutti usano XP!
ciao :)

Si tratta sostanzialmente di politiche commerciali, non di bene o male. Vista verrà utilizzato sempre di più perché verrà venduto in bundle con i personal computer di nuova produzione, non ha niente a che vedere con la bontà o meno del prodotto. Io posso pensare che sia meglio tenersi Windows XP (se proprio è necessario) piuttosto che passare a Vista (dal momento che le differenze e i miglioramenti non mi sembrano tali da giustificare il costo dell’upgrade o dell’acquisto di una nuova licenza), ma i produttori di personal computer devono installare un S.O. nei computer che vendono, per il semplice motivo che la gran parte degli utilizzatori vuole (ovviamente!) che un pc una volta acceso funzioni immediatamente senza dare alcun problema. Questo avviene, attualmente, solo con i sistemi operativi Microsoft ed Apple. Tutto il resto richiede conoscenze che a me (che lavoro nel settore dal 1990) possono sembrare banali, ma che tali non sono per la gran parte delle persone. Chi utilizza il pc come se fosse un elettrodomestico non vuole (giustamente!) saperne nulla di cose più complicate che non siano il navigare su Internet, cercare un documento, vedere un film od ascoltare una canzone. Per tutto il resto chiamano un tecnico. L’aspetto su cui avrebbero dovuto lavorare di più quelli della Microsoft, secondo me, è quello relativo all’installazione e disinstallazione dei programmi, che era e rimane uno dei talloni d’Achille dei S.O. Microsoft. Nell’azienda in cui lavoro i computer non sono stati tutti aggiornati a Windows XP, perché non era necessario. Abbiamo ancora macchine che utilizzano Windows 98, Windows 2000, Windows NT, Windows 2003 server, ecc. La mia azienda gestisce quasi 40.000 “computer” collegati in rete: su questi abbiamo deciso di installare Linux, per più di un motivo. E ti assicuro che per un certo tipo di utilizzo è l’unica scelta, per esperienza diretta.
Un saluto,
Logan7
Dopo che PaoloAttivissimo ha dato spiegazioni nel mio portale mi son ricreduto su alcune cose.
Ritengo comunque insufficiente il peso che si sia tolto all' ideologia opensource, che IMHO avrebbe meritato un po piu' di visibilita' in merito alla questione "Vista".
Detto cio' e' sempre la solita storia, Le Iene e' un bene che ci siano, anche se poi anche loro rimanipolano la notizia un po come vogliono.
L’aspetto su cui avrebbero dovuto lavorare di più quelli della Microsoft, secondo me, è quello relativo all’installazione e disinstallazione dei programmi, che era e rimane uno dei talloni d’Achille dei S.O. Microsoft.

a dire la verità credo sia un grosso tallone d'achille anche per linux, anzi molto di più! Il sistema delle dipendenze mi ha sempre fatto impazzire. Mi spiego meglio: se voglio usare solo il software più diffuso, già compreso nella distribuzione, tutto ok. Ma se voglio utilizzare dell'altro, e spesso voglio utilizzare dell'altro, iniziano i problemi. Sono tutti problemi che io riesco sempre a risolvere da solo, perchè conosco bene come funziona il sistema. E sono tutti problemi che ho io perchè sono un utente/amministratore avanzato. Però sono problemi che non vorrei nemmeno avere! Tante volte penso che sia meglio fare tutto a mano con i .tar.gz... però dopo chi lo tiene aggiornato il sistema?

Io non sto dicendo che non uso linux: io lo uso davvero tanto. Però non mi piace proprio la sua architettura!
Per cui trovo che anche Windows abbia sempre avuto degli aspetti davvero positivi, e mi dispiace che vengano sottovalutati.
fedeb ha detto...
[L’aspetto su cui avrebbero dovuto lavorare di più quelli della Microsoft, secondo me, è quello relativo all’installazione e disinstallazione dei programmi, che era e rimane uno dei talloni d’Achille dei S.O. Microsoft.]

a dire la verità credo sia un grosso tallone d'achille anche per linux, anzi molto di più! Il sistema delle dipendenze mi ha sempre fatto impazzire. Mi spiego meglio: se voglio usare solo il software più diffuso, già compreso nella distribuzione, tutto ok. Ma se voglio utilizzare dell'altro, e spesso voglio utilizzare dell'altro, iniziano i problemi. Sono tutti problemi che io riesco sempre a risolvere da solo, perchè conosco bene come funziona il sistema. E sono tutti problemi che ho io perchè sono un utente/amministratore avanzato. Però sono problemi che non vorrei nemmeno avere! Tante volte penso che sia meglio fare tutto a mano con i .tar.gz... però dopo chi lo tiene aggiornato il sistema?


Assolutamente si, non stavo facendo un paragone tra i due S.O. Dicevo che, in assoluto, uno dei miglioramenti che secondo me avrebbero dovuto apportare a Windows è relativo alla gestione della installazione (e relativa disinstallazione) di nuovi programmi, perché è una delle operazioni che vengono svolte più di frequente e che genera (o può generare) problemi più o meno gravi. Linux non è migliore, da questo punto di vista (non inteso come S.O.!). Sempre nell'ottica dell'utilizzatore a digiuno di informatica, ovviamente.

Un saluto a tutti,
Logan7
[quote]Sempre nell'ottica dell'utilizzatore a digiuno di informatica, ovviamente.
[/quote]

Ma non solo, secondo me. Conosco bene il funzionamento dei PC, ma al contrario di alcuni "ultras" di Linux, ritengo che un OS debba essere maledettamente comodo da usare. è giusto che la complessità venga nascosta all'utente, perché fa comodo sia a chi non sa usare bene i PC, sia a chi li conosce in ogni componente. Io col PC ci devo lavorare: mi diverto a smanettare per fare i miei "hack", per migliorare alcuni aspetti del sistema, ma ESIGO che sia comodo da usare. Per quanto sia appassionato di informatica, le operazioni comuni pretendo di farle facilmente, non di digitare tar xvz nome archivio /cartella di destinazione per cercare di installare un prodotto, per poi bestemmiare perché mi manca una libreria. Io devo cliccare e basta: il resto lo deve fare lui.
MacOS, per esempio, sotto questo profilo è sicuramente il migliore.

Pape
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
A vederti sul monitorino del sito de le Iene sembri Daniele Luttazzi.
Pure la raffica vocale è quella...
;)
ho appena ascoltato l'intervista. la condivido in pieno

gianluca
Che bravo! Complimenti :)
Quindi, all'epoca in cui tutti avevano il commodore 64, Paolo Attivissimo aveva lo zx spectrum... alternativo da sempre!
Pape ha detto...
[quote]Sempre nell'ottica dell'utilizzatore a digiuno di informatica, ovviamente.
[/quote]

Ma non solo, secondo me. Conosco bene il funzionamento dei PC, ma al contrario di alcuni "ultras" di Linux, ritengo che un OS debba essere maledettamente comodo da usare. è giusto che la complessità venga nascosta all'utente, perché fa comodo sia a chi non sa usare bene i PC, sia a chi li conosce in ogni componente. Io col PC ci devo lavorare: mi diverto a smanettare per fare i miei "hack", per migliorare alcuni aspetti del sistema, ma ESIGO che sia comodo da usare. Per quanto sia appassionato di informatica, le operazioni comuni pretendo di farle facilmente, non di digitare tar xvz nome archivio /cartella di destinazione per cercare di installare un prodotto, per poi bestemmiare perché mi manca una libreria. Io devo cliccare e basta: il resto lo deve fare lui.
MacOS, per esempio, sotto questo profilo è sicuramente il migliore.

Pape
14/2/07 17:21


Giustissimo. Nella mia azienda (quando dico “mia” intendo l’azienda per cui lavoro, non sono un imprenditore!!!) convivono tutti gli utenti, da quello che usa il pc solo per leggere la posta elettronica e navigare su internet, a quello che lo utilizza con programmi gestionali, a chi si occupa di sviluppo nel mondo Microsoft, a chi sviluppa nel mondo Linux. Lo sviluppo è sia a livello di O.S. che di middleware e di programmi applicativi. Non solo, negli ultimi due anni ci siamo anche occupati di sviluppo di device driver per periferiche non standard, per un progetto “speciale”. E’ chiaro che nella mia realtà lavorativa l’uso di un O.S. semplice da usare e che metta a disposizione tutti gli strumenti di cui generalmente si ha bisogno per le attività più comuni non è una priorità. Anzi. Sono disposto ad utilizzare un O.S. meno semplice da configurare e meno user friendly se questo mi permette di customizzarlo come voglio, perché per me il primo requisito è che deve adattarsi perfettamente alle mie esigenze. Ci sono realtà in cui gli O.S. Microsoft o Apple sono semplicemente impossibili da usare e l’iniziale difficoltà di dover installare un pacchetto da linea di comando viene compensata dalla possibilità di ritagliare l’O.S. su misura (e non solo, sto banalizzando). Insomma, il mio punto di vista è molto particolare, noi siamo praticamente degli “hacker” di professione…  Poter avere il controllo totale della macchina è indispensabile. Un sistema “chiuso” come una qualsiasi versione di Windows o OS X non avrebbe fatto al caso nostro. Tutto questo si sintetizza molto banalmente, IMHO, dicendo che non esiste un O.S. che sia possibile considerare come il migliore in tutti i contesti di utilizzo, ma che per ogni contesto di utilizzo si ha la necessità di utilizzare l’O.S. che meglio si adatta all’uso che si deve fare del pc. Ed il fatto che, malgrado la posizione predominante di Microsoft, sia ancora possibile fare una scelta sull’O.S. da utilizzare è un vantaggio, per tutti, non da poco.

Un saluto a tutti,
Logan7
PAOLO!!! GMAIL è stato liberalizzato: non è piu' necessario l'invito. E adesso io cosa me ne faccio dei 50 inviti? :)
Grande Paolo, ti ho linkato...
http://sblogghiamo.wordpress.com/2007/02/14/microsoft-non-si-fida-dei-suoi-clienti/
Sempre un grande!
Ma e' vero che sembri Luttazzi! Il Luttazzi dell'informatica :)
Ottima intervista nonostante i tagli quasi inevitabili.
Mi auguro che vada in onda dato che, a differenze di ciò che accade negli usa dove le interviste a bill gates sono state critiche e non puramente pubblicitarie, qui si è parlato di vista solo per fargli pubblicità gratuita ed è necessaria una voce che dica le cose come stanno esattamente.
Da mac user condivido la tua posizione riguardo linux e mac os dopotutto lo dici tu stesso: usi mac os perchè funziona; poche parole per esprimere un concetto fondamentale per un utente.
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Complimenti per l'intervista (anche se ingiustamente tagliate, ma che ci vogliamo fare, questa è la TiVi).
Mi sono divertito molto a vedere prima l'intervista ad Albergati e poi la tua, si vede che siete di due ideologie completamente differenti :).
PS: l'intervista non è andata in onda sulle iene e non andrà mai, come hanno già spiegato in trasmissioni, questi video non vengono mandati via etere perchè spesso soggette a censura.
non credo che l'intervista verrà trasmessa ed è un bene secondo me, perchè si vede troppo la faziosità di uno e dell'altro. Personalmente mi ha convinto più Albergati. Sebbene le sue risposte erano più "aziendali" (e quindi questo era un handicap per Albergati rispetto a Paolo) le ho trovate meno fanatiche di quelle di Paolo, troppo preso nello smontare Vista più che nell'analizzarlo. E poi, Paolo, tu Vista lo hai mai provato? Saresti così gentile da mostrarci una foto con la tua bella copia in mano?
A mio avviso hai detto parecchie frottole: innanzitutto gli shareware, per come sono concepiti ora (non parlo dei vecchi shareware che venivano distribuiti completi al 100% gratis e se ti piacevano li pagavi, parlo di quelli attuali!) usano sistemi di protezione a codice. Poi, non mi sembra che nesusno abbia mai detto che Windows è una coercizione informatica: questa è una tua opinione, quindi non dire nell'intervista "c'è chi dice che è una tassa".
Poi, come mai ti sei dimenticato di dire che, ne dico una, il sistema di searching di Windows è notevolmente più veloce ed efficiente di quello di MacOs X?
LInux è un sistema operativo più stabile DI VISTA? Ragazzo mio, prima provalo Vista e poi dimmi quando ti si impianta e quante periferiche NON riuscirai a installarci rispetto a Linux...
"Windows XP è un buon sistema operativo": ma se lo hai infamato con tutte le tue forze? NOn è che passata la moda di criticare XP, che non fa più notizia, ora ti fa comodo guardare al futuro per cavalcare l'onda?
Divertente la tua espressione "se si è appassionati usate Linux" (riassumo): un modo elegante per dire "se avete tempo da perdere nell'installare e smanettare una vita usate Linux"? Bè cavolo, mi sa che ci sarà gente che ha pure abboccato! ;)
"è difficile creare periferiche che rispettino gli standard di Vista": dico, ma stai scherzando? Guarda che su Vista ci andrebbe anche una Tandy 1000 (vecchissima scheda grafica) se solo s programmassero gli appositi driver.
Cavolo, sono pensieri sgorgati in 5 minuti, quanto mi sarebbe piaciuto un bel faccia a faccia! e va bè!
Bravissimo Paolo !!!!

6 grandeeeee!!!!!

Giuliano.
Grande Paolo, Tiger e Linux sono molto ma molto meglio di Xp e Vista che hanno solo il vantaggio di avere più programmi (vantaggio non insito nel sistema operativo). In futuro speriamo che le cose cambino
>E poi, Paolo, tu Vista lo hai mai provato? Saresti così gentile da mostrarci una foto con la tua bella copia in mano?

Gli studiosi di storia devono dotarsi di macchine del tempo per parlare del Medioevo?

Se secondo te "provare" un OS significa pasticciarci cinque minuti, abbiamo due visioni diverse del concetto. Se studio la documentazione tecnica dei principali esperti di settore, che per definizione possono fare prove infinitamente più approfondite delle mie, ogni mia prova personale è pleonastica.

No, non ho provato Vista. Mi è bastato assistere alle prove degli altri per sapere che ne voglio stare alla larga. Soprattutto dal suo DRM, che certo non noti se ti limiti a pasticciare col mouse e a spostare le icone di Aero.

>A mio avviso hai detto parecchie frottole: innanzitutto gli shareware

come già detto sopra: la risposta è stata tagliata. Leggi lo spiegone che ho già dato.

>Poi, non mi sembra che nesusno abbia mai detto che Windows è una coercizione informatica: questa è una tua opinione, quindi non dire nell'intervista "c'è chi dice che è una tassa".

Davvero? Vai in un centro commerciale e dimmi quanti altri sistemi operativi vedi installati sui computer in vendita.

>Poi, come mai ti sei dimenticato di dire che, ne dico una, il sistema di searching di Windows è notevolmente più veloce ed efficiente di quello di MacOs X?

Indicizza anche il contenuto dei file OpenDocument?

>LInux è un sistema operativo più stabile DI VISTA? Ragazzo mio, prima provalo Vista e poi dimmi quando ti si impianta e quante periferiche NON riuscirai a installarci rispetto a Linux...

Il giorno che vedrò Vista gestire come RTOS un pendolo inverso ti darò ragione.

Se misuri la stabilità di un OS dal numero di periferiche che non riesci a installare, abbiamo due benchmark leggermente differenti. E' come misurare la stabilità di un edificio dal numero di SUV che non ci passano dalla porta d'ingresso.

>"Windows XP è un buon sistema operativo": ma se lo hai infamato con tutte le tue forze?

Fra XP e il DRM-fino-al-midollo di Vista, meglio XP. Questo è quello che intendo dire.

>Divertente la tua espressione "se si è appassionati usate Linux" (riassumo): un modo elegante per dire "se avete tempo da perdere nell'installare e smanettare una vita usate Linux"? Bè cavolo, mi sa che ci sarà gente che ha pure abboccato! ;)

Si', certo, come i due noti perdiballe Google e Amazon.

>"è difficile creare periferiche che rispettino gli standard di Vista": dico, ma stai scherzando? Guarda che su Vista ci andrebbe anche una Tandy 1000 (vecchissima scheda grafica) se solo s programmassero gli appositi driver.

Uhm, ti mando la documentazione interna di ATI che lamenta la difficoltà di fare driver per i DRM di Vista? Secondo te da dove nasce la proposta di class action contro Nvidia che vende le schede "pronte per Vista" che si piantano?

>Cavolo, sono pensieri sgorgati in 5 minuti,

...e (senza offesa) si sente. Tieni presente che prima di aprir bocca è mia abitudine studiare per un po' più di cinque minuti. Quello che dico è sempre documentato. Gli avvocati Microsoft mi hanno già alitato sul collo in passato, quindi parlo solo con le spalle ben coperte.

>quanto mi sarebbe piaciuto un bel faccia a faccia! e va bè!

Se con contorno di focaccia (o bomboloni alla crema pasticciera), quando vuoi!

Ciao da Paolo.



Postato da Anonimo in Il Disinformatico (attivissimo.blog) alle 14/2/07 23:30
Molto bella e interessante l'intervista, solo non ho capito se andrà in onda o meno (o se già ci è andata...)
Questo Albergati mi ricorda tanto un salumiere (anche nell'aspetto fisico):
-Un etto e mezzo di Vista, per favore...
-Sono due etti, lascio?
-Lasci, lasci... quanto fa?
-249 Euro
-Azz, ma almeno è fresco?
(al salumiere) Almeno gli tolga il grasso inutile, che diventa più leggero e pago meno :-D
Paolo ha scritto:
«Aggiornamento: Santo cielo, sono finito su The Pirate Bay.»

Pure su YouTube.
:-)
Scusa Paolo, ma che vuol dire
«Il giorno che vedrò Vista gestire come RTOS un pendolo inverso ti darò ragione.» ?

Ti riferisci per caso a quello che qui chiamano Pendolo di Kater?

Ma che vuol dire gestirlo?
Riuscire a simularne il movimento?

Non è una capacità che dipende più dall'applicativo di simulazione meccanica che dal sistema operativo?

E RTOS vuol dire questo o cosa?

Grazie
Ciao
Daniele
>Scusa Paolo, ma che vuol dire
«Il giorno che vedrò Vista gestire come RTOS un pendolo inverso ti darò ragione.» ?

Scusa, sono stato troppo conciso. Spiegone: la settimana scorsa sono andato in un posto molto informatico (non voglio fare il misterioso, ma non ho un OK formale per nominarlo e non voglio rovinare la sorpresa a nessuno) per delle riprese televisive. Il laboratorio dove abbiamo girato era _pieno_ di PC con su Kubuntu Linux. Uno di questi era collegato a dell'hardware di azionamento e controllava un "pendolo inverso": hai presente il gioco in cui tieni in equilibrio una matita o una scopa sulla sua punta? Devi costantemente muovere la mano per compensare la naturale tendenza a cadere dell'oggetto.

Ora immagina che la matita/scopa sia imperniata, anziché appoggiata alla mano, e che al posto della mano ci sia un carrello controllato dal computer. Praticamente, una cosa come questa.

Il tutto era controllato, dicevo, da un PC con su Linux modificato per diventare un RTOS (Real Time Operating System). Per tenere dritto il pendolo, il sistema deve reagire continuamente e non può permettersi pause o ritardi. Linux ce la fa. Cosi' bene che ho potuto persino dare una botta al pendolo e il carrello ha compensato in tempo reale.

Il tutto è sviluppato in loco, senza costi di licenza, e distribuito alla comunità di ricerca. Prima era necessario passare da licenze da oltre 40.000 euro.

Questo è il potere dell'open source.
Grazie, Paolo!
Ora ho capito.

Ciao
Daniele
[quote]Linux ce la fa. Cosi' bene che ho potuto persino dare una botta al pendolo e il carrello ha compensato in tempo reale.
[/quote]

Beh, Paolo, non è proprio così. O meglio, hai perfettamente ragione su quanto dici, ma hai omesso di specificare che per far sì che Linux abbia un kernel RTOS bisogna fare pesanti modifiche al kernel. Senza contare che un RTOS non serve proprio a nulla alla gente normale ^___^. è utile alla NASA, agli enti di ricerca... ma in ufficio o a casa, che me frega di qualche frazione di millisecondo di lag nella reazione?

Pape
grande Giove direi...
a voi un "cartone" simpatico sull'argomento:

http://macintosh.wordpress.com/2007/02/14/bill-gates-sfida-steve-jobs/
Forse è meglio così! :p

Link filmato
Oddio, Gianni!!

La iHouse with no Windows!!!

LOL!!!! ;D
>hai omesso di specificare che per far sì che Linux abbia un kernel RTOS bisogna fare pesanti modifiche al kernel.

ho detto infatti "modificato". Ma è proprio questo il concetto: Linux è _modificabile_ dall'utente a suo piacimento e legalmente, e le modifiche sono distribuibili. Tutto il contrario dei sistemi chiusi come Windows (e qui ci metto anche in parte il Mac).

> Senza contare che un RTOS non serve proprio a nulla alla gente normale ^___^. è utile alla NASA, agli enti di ricerca... ma in ufficio o a casa, che me frega di qualche frazione di millisecondo di lag nella reazione?

Certamente. Però Vista è in grado di lavorare soltanto con lag; Linux può lavorare in tutti i modi desiderati dall'utente. Per questo vedrai Linux usato per pilotare dispositivi nel mondo reale (non solo negli enti di ricerca) quando dalla garanzia del tempo di reazione del sistema operativo dipende magari la vita stessa dell'utente.

Mettiamola così: preferiresti che il tuo ABS fosse controllato da Windows Vista o da Linux? :-)
Personalmente fino a Windows ME ero molto critico verso i sistemi Micrsoft, tanto da rimpiangere per molti aspetti il DOS!

Ma con Windows XP (passando per il 2000) secondo me Microsoft ha fatto un enorme salto di qualità.Io lo uso da quando esiste ed è stabile, facile da usare, si interfaccia in maniera soddisfacente con l'hardware, se opportunamente spogliato di alcune sue parti inutili, è anche leggero.

In una delle mie macchine domestiche ce l'ho installato dal 2003, e nonostante l'uso intensivo non mi si è mai piantato, l'unica magagna è che dopo 4 anni ci mette 5 minuti a completare il boot (ma anche perchè la mia traybar sembra un'albero di natale).

Vista va comunque provato, perchè tra qualche tempo sarà il SO più diffuso. Il problema è se vale la pena di acquistarlo ora o aspettare che scenda di prezzo, accettando di recuperare il gap tecnologico.

Per quanto mi riguarda, viste le mie inesistenti finanze, penso che andrò avanti col mitico XP per almeno altri 2 anni.

Ho provato Vista sul mio P4 1.8 Ghz con un 1 giga di DDR1, e mi sono bastati 5 minuti per capire che chi ha un computer più vecchio di 2/3 anni, se vuole passare a Vista deve anche comprare un nuovo pc.

512 MB di ram occupati a fine boot!

grafica fighissima niente da dire, ma è pesantissimo

ottimo nella gestione delle periferiche, in 5 minuti ha scaricato ed installato il driver della scheda video, tutto in automatico

per l'installazione siamo quasi sui tempi di openSUSE 10.2, circa un'ora e mezza

per carità, se uno ha i soldi e vuole un pc esteticamente figo con un SO tutto luccicoso e mangiaram,ben venga Vista!

il vero problema è l'accoppiata DRM/TC. Si arriverà al paradosso che io col mio P4 e XP potrò smanettare, craccare un programma e farlo girare (lento) , mentre magari un altro con l'ultimissimo dualcore e Vista Ultimate dovrà smadonnare per riuscirsi a vedere un DVD originale perchè il suo Vista, d'intesa col Fritz Chip, decide che non ha diritti sufficenti per farlo.

Vista è costato un occhio della testa a Microsoft sia in termini di soldi che di risorse.Ma se la maggior parte della gente comune come me, che oltre a navigare scarica contenuti tutelati da diritto d'autore e spesso cracca un programma o un gioco anche solo per dargli un'occhiata, installerà oltre a Vista un altro sistema come ad esempio Linux per continuare a fare queste cose, si arriverà al secondo paradosso: Microsoft, con le misure adottate per proteggere il suo SO e il suo business, in realtà favorirà la concorrenza!

Io lo spero, maggiore concorrenza in questo caso non può che catalizzare lo sviluppo tecnologico ^_^

Stefano
[quote]Certamente. Però Vista è in grado di lavorare soltanto con lag; Linux può lavorare in tutti i modi desiderati dall'utente. Per questo vedrai Linux usato per pilotare dispositivi nel mondo reale (non solo negli enti di ricerca) quando dalla garanzia del tempo di reazione del sistema operativo dipende magari la vita stessa dell'utente.
[/quote]

Paolo, non fraintendermi. Condivido quanto dici, tranne su un punto. All'utente medio, quello a cui puntano gli OS diffusi, di modificare il sistema non gli interessa nulla. Lui vuole lavorare, punto, e deve idealmente avere qualcosa di pronto, con relativamente poca libertà di modifica, che potrebbe solo creare casini con le applicazioni legacy. Ti faccio un esempio: le auto da corsa permettono 1000 modifiche agli alettoni, alle molle, alle barre antirollio e via dicendo... però le automobili che ti vendono solo "lockate" su valori fissi. Preferiresti che tali parametri fossero liberamente modificabili da qualsiasi pilota, che potrebbe solo per curiosità vedere che accade modificando la campanatura delle gomme?

Pape
hint per Pape, sono di Novara

Stefano
>All'utente medio, quello a cui puntano gli OS diffusi, di modificare il sistema non gli interessa nulla.

Vero. Almeno per ora: quando poi diverrà evidente il fardello del DRM, magari per molti diverrà necessario (e se ne accorgeranno troppo tardi). Per esempio per vedersi un file video legalmente comprato che Vista si rifiuta di riprodurre.

> Lui vuole lavorare, punto, e deve idealmente avere qualcosa di pronto, con relativamente poca libertà di modifica, che potrebbe solo creare casini con le applicazioni legacy.

Questa è una descrizione molto precisa di Windows Vista :-)

Poca libertà di modifica, casini con le applicazioni legacy... sto scherzando, ma diamo tempo al tempo.

> Preferiresti che tali parametri fossero liberamente modificabili da qualsiasi pilota, che potrebbe solo per curiosità vedere che accade modificando la campanatura delle gomme?

Preferirei che i parametri fossero modificabili (e _correggibili_) dal mio meccanico di fiducia, senza esseere obbligato a dipendere dal Meccanico Certificato del fabbricante, o dal rilascio della patch da parte del fabbricante.

E' chiaro che non tutti gli utenti Linux mettono mano al kernel. Ma quello che conta è che sai che se serve lo puoi fare. Non sei ostaggio di nessuno. Sei libero di andare da un programmatore di tua fiducia e fargli fare le modifiche che ti servono.
[quote]hint per Pape, sono di Novara
[/quote]

ROTFL, grandioso allora. Ci vediamo alle 7:30, quindi :-)

Later, caro.

Pape
Commodore 64 LIVES! :D
Permettimi di dire che la storia del pendolo è un po' tirata per i capelli.
Non potresti gestirlo né con Ubuntu né con Vista, si tratta in entrambi i casi di sistemi operativi "desktop".. ma tu la sai la differenza.
E' come chiedere a MacOSX di girare in versione completa su un cellulare.

Non sbrodolo oltre.
Hai fatto una domanda sull'ABS. Beh, in F1 il software per le ECU (le centraline elettroniche ) dal 2008 lo fornirà Microsoft.
auhauhauhauhauha com'è piccolo il cyberspazio!

a dopo allora, cosi (s)parliamo anche di Attivissimo ^_^

e quota bene, qui su blogger devi usare il maggiore e il minore , non le quadre LOL

a dopo caro

Stefano
Paolo ha scritto:
«Aggiornamento: Santo cielo, sono finito su The Pirate Bay.»


LOL!!!!!!
ora me lo scarico! e rimango in seme fino alla primo service pack!
[quote]
Vero. Almeno per ora: quando poi diverrà evidente il fardello del DRM, magari per molti diverrà necessario (e se ne accorgeranno troppo tardi). Per esempio per vedersi un file video legalmente comprato che Vista si rifiuta di riprodurre.
[/quote]

Credi che il problema si proporrà solo con Vista? Chiedilo a tutti coloro che compreranno un lettore HD-DVD o Blu-Ray da tavolo: ti assicuro che incorreranno negli stessi problemi di chi ha acquistato Vista (o MacOs) per guardarci i nuovi formati video. Il problema non è dell'OS, bensì alla base dei nuovi formati video. E mi associo alle tue critiche, in questo senso.


[quote]
Preferirei che i parametri fossero modificabili (e _correggibili_) dal mio meccanico di fiducia, senza esseere obbligato a dipendere dal Meccanico Certificato del fabbricante, o dal rilascio della patch da parte del fabbricante.
[/quote]

NOn è così per le auto, perché dovrebbe esserlo per gli OS? Il tuo meccanico di fiducia può sì apportare tali modifiche, ma deve cambiare i pezzi, soprattutto la centralina: esattametne come accade sui PC. Non ti va bene quello che offre l'OS? TI metti Linux, con tutte le complessità che richiede. NOn vedo grosse differenze, alla fine, fra il mercato dei motori e quello del PC. Chi vuole la macchina per guidare, si prende quella bloccata, e al massimo la fa sbloccare dal meccanico o si sporca le mani per lavorarci sopra. Idem sul PC: Vista è così, ma puoi benissimo toglierlo (o fartelo togliere), se ci sai fare.


[quote]
E' chiaro che non tutti gli utenti Linux mettono mano al kernel. Ma quello che conta è che sai che se serve lo puoi fare. Non sei ostaggio di nessuno. Sei libero di andare da un programmatore di tua fiducia e fargli fare le modifiche che ti servono.
[/quote]

Nemmeno MacOs lo puoi modificare, e ha gli stessi lucchetti di Vista. Perché quello lo elogi? é proprio questo che non riesco a capire del tuo discorso.

Pape
"Hai fatto una domanda sull'ABS. Beh, in F1 il software per le ECU (le centraline elettroniche ) dal 2008 lo fornirà Microsoft"

Oh finalmente un pò di botti ed esplosioni! Negli ultimi anni la F1 era diventata una palla! :D

Stefano
[quote]e quota bene, qui su blogger devi usare il maggiore e il minore , non le quadre LOL
[/quote]

Giammai: le abitudini sono dure a morire ^_^. Ma tanto mi capite lo stesso, no? A dopo... e porta il vino, che lo aggiungiamo alle bocce che procuro io.
>Permettimi di dire che la storia del pendolo è un po' tirata per i capelli.
Non potresti gestirlo né con Ubuntu né con Vista, si tratta in entrambi i casi di sistemi operativi "desktop".. ma tu la sai la differenza.

La macchina che gestiva il pendolo aveva su Kubuntu con interfaccia grafica e kernel modificato.

Comunque sono d'accordo, all'utente desktop non importa nulla di avere un RTOS, ma mi si chiedeva di spiegare quello che dicevo a proposito di Linux e questo è un esempio di quello che intendo.

>Beh, in F1 il software per le ECU (le centraline elettroniche ) dal 2008 lo fornirà Microsoft.

Non ho dubbi sul fatto che Microsoft sappia programmare, quando vuole. Dubito però che il SW per le ECU sarà il kernel di Vista.


Pape:

>NOn è così per le auto, perché dovrebbe esserlo per gli OS? Il tuo meccanico di fiducia può sì apportare tali modifiche, ma deve cambiare i pezzi, soprattutto la centralina:

Mi risulta il contrario: il SW delle centraline è tutelato dall'EUCD/DMCA e quindi solo i legittimi titolari (o loro autorizzati) possono modificarlo. Questo è già stato oggetto di proteste all'antitrust UE perché anticoncorrenziale. Il parallelo automobilistico in effetti è molto felice... solo che le auto sono più avanti in fatto di "DRM" :-)

>Nemmeno MacOs lo puoi modificare, e ha gli stessi lucchetti di Vista. Perché quello lo elogi? é proprio questo che non riesco a capire del tuo discorso.

Credo di averlo detto più sopra: OS X è una tappa. E' attualmente il modo tecnicamente meno impegnativo, per l'utenza desktop, per sottrarsi al monopolio di Microsoft (e ora anche al DRM imposto da Microsoft anche a chi non fa nulla che tocchi film o musica). Per cui ben venga OS X, finché fa il bravo e non m'impone restrizioni inaccettabili (ricorderai forse la mia preoccupazione quando Apple introdusse il TPM). Ma è un sorvegliato speciale.

Sugli "stessi lucchetti di Vista" credo di doverti correggere. Non mi risulta che OS X controlli 33 volte al secondo tutto l'hardware per vedere se per caso hai fatto qualcosa che potrebbe permetterti di copiare contenuti protetti. OS X non ha "tilt bit" o sconcezze simili.
[quote]Mi risulta il contrario: il SW delle centraline è tutelato dall'EUCD/DMCA e quindi solo i legittimi titolari (o loro autorizzati) possono modificarlo. Questo è già stato oggetto di proteste all'antitrust UE perché anticoncorrenziale. Il parallelo automobilistico in effetti è molto felice... solo che le auto sono più avanti in fatto di "DRM" :-)
[/quote]

Non intendevo infognarmi nella questione legale ^_^. volevo solo dire che, dal punto di vista delle funzinalità, se vuoi in qualche maniera modificare le prestazioni della tua auto, sei costretto a mettere mano ai pezzi, che si tratti di alettoni, ammortizzatori o centralina. E se nelle macchine da corsa basta collegarci un computer e modificare i parametri (o girare qualche vite - semplificando al massimo), nella auto da strada, tutte queste modifiche richiedono la "reinstallazione dell'OS", cioé la sostituzione dei pezzi. Un po' come togliere Win e mettere Linux ^_^.

[quote]
Sugli "stessi lucchetti di Vista" credo di doverti correggere. Non mi risulta che OS X controlli 33 volte al secondo tutto l'hardware per vedere se per caso hai fatto qualcosa che potrebbe permetterti di copiare contenuti protetti. OS X non ha "tilt bit" o sconcezze simili.
[/quote]

Non so come funzionerà la protezione dei contenuti digitali di MacOS (non credo che attualmente sia possibile usarlo per guardarci HD-DVD o blu-ray, ma correggimi se sbaglio), ma il tilt-bit - per quanto ne so - si attiva solamente in questi casi, e di conseguenza non vedo il problema visto che QUALSIASI dispositivo in grado di leggere questi supporti dovrà per forza di cose avere una protezione forte, che si tratti di un PC, di un lettore stand-alone o altro.
Se l'HDMI con supporto HDCP è ormai indispensabile su tutte le televisioni HD-Ready o Full-HD, ci sarà pure un motivo, no? ^___^
Se sei contro queste protezioni, basta evitare di godersi tali contenuti, di acquistare un TV LCD o Plasma recente, di comprarsi un proiettore di qualità e via dicendo. Insomma... il software è solo l'ultimo stadio della catena DRM, che esisterebbe anche senza Vista, MacOs o altro.

Pape
33 volte al secondo!!??

ma qui siamo alla paranoia :D

ecco perchè poi va lento nelle applicazioni, è occupato a spiare l'utente ^_^

Stefano
A proposito: non voglio sembrarti pignolo, anzi mi piace moltissimo chiacchierare in questo modo, e credo possa essere interessante per tutti i visitatori del blog.

>se vuoi in qualche maniera modificare le prestazioni della tua auto, sei costretto a mettere mano ai pezzi, che si tratti di alettoni, ammortizzatori o centralina. E se nelle macchine da corsa basta collegarci un computer e modificare i parametri

No, questo è possibile anche con le auto di serie. Il modchipping delle auto è una pratica piuttosto ben documentata. Puoi tirar fuori prestazioni spettacolari, a patto di accettare consumi molto alti. Ma si può, e senza interventi sulle parti meccaniche. Mal che vada, cambi fisicamente i chip.

>Non so come funzionerà la protezione dei contenuti digitali di MacOS (non credo che attualmente sia possibile usarlo per guardarci HD-DVD o blu-ray, ma correggimi se sbaglio)

anche a me non risulta, ma dovrebbe essere possibile attaccarci un Blu-Ray esterno da computer e quindi leggere i bit contenuti sul disco... indagherò.

> ma il tilt-bit - per quanto ne so - si attiva solamente in questi casi

No, in Vista si attiva in qualsiasi circostanza "sospetta": sbalzi di tensione, disturbi elettromagnetici, contatti difettosi, eccetera.

>, e di conseguenza non vedo il problema visto che QUALSIASI dispositivo in grado di leggere questi supporti dovrà per forza di cose avere una protezione forte, che si tratti di un PC, di un lettore stand-alone o altro.

Blu-Ray e HD-DVD sono già stati craccati su PC :-)

>Se sei contro queste protezioni, basta evitare di godersi tali contenuti, di acquistare un TV LCD o Plasma recente, di comprarsi un proiettore di qualità e via dicendo.

Applica questo concetto ai libri e dimmi se ti piace l'idea... se sei contro l'anticopia sui libri, basta evitare di leggere i libri :-)

Quando in giro non ci saranno più i DVD, sarai _obbligato_.

> Insomma... il software è solo l'ultimo stadio della catena DRM, che esisterebbe anche senza Vista, MacOs o altro.

Vero. Ma è proprio questo il problema: è il DRM che è male. E qualsiasi OS che lo implementi fino al midollo, come fa Vista, è male.
[quote]
No, questo è possibile anche con le auto di serie. Il modchipping delle auto è una pratica piuttosto ben documentata. Puoi tirar fuori prestazioni spettacolari, a patto di accettare consumi molto alti. Ma si può, e senza interventi sulle parti meccaniche. Mal che vada, cambi fisicamente i chip.
[/quote]

Ed è anche legale? Non tanto dal punto di vista del copyright, quanto da quello dell'omologazione dell'auto. In ogni caso, grazie dell'info: ne ero all'oscuro, e mi sembra molto interessante ^_^

[quote]
anche a me non risulta, ma dovrebbe essere possibile attaccarci un Blu-Ray esterno da computer e quindi leggere i bit contenuti sul disco... indagherò.
[/quote]

Sicuro che i dati li puoi leggere, i bit. Il problema è decodificarli. Intendo in maniera legale, cioé senza aggirare la protezione. Perché se andiamo a sconfinare nell'illegale, beh, sappiamo bene che già si trovano i rip di alcuni film in HD-DVD ;-)

[quote]
No, in Vista si attiva in qualsiasi circostanza "sospetta": sbalzi di tensione, disturbi elettromagnetici, contatti difettosi, eccetera.
[/quote]

A quanto avevo letto, è attivo solamente durante la riproduzione di contenuti protetti. è vero che sbalzi di tensione o che possono influenzare, ma a quanto ne so, nelle condizioni normali, cioé se non ascolti musica protetta o guardi film protetti, non dovrebbe interferire. In ogni caso, mi informerò maggiormente, perché non vorrei dire sciocchezze a riguardo.

[quote]
Vero. Ma è proprio questo il problema: è il DRM che è male. E qualsiasi OS che lo implementi fino al midollo, come fa Vista, è male.
[/quote]

Siamo d'accordo su questo. Il DRM, così come è implementato, fa schifo. Ma, ti prego, dai un'occhiata a www.steampowered.com: secondo me è un modo intelligente di gestire DRM. Poi dimmi tu che ne pensi ^_^
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Comunque sono d'accordo, all'utente desktop non importa nulla di avere un RTOS, ma mi si chiedeva di spiegare quello che dicevo a proposito di Linux e questo è un esempio di quello che intendo.

Windows non è un sistema operativo real time, ma esistono delle versioni modificate (su autorizzazione della microsoft) che lo sono.

Essere un RTOS insomma non è solo una prerogativa di Linux!
>Windows non è un sistema operativo real time, ma esistono delle versioni modificate (su autorizzazione della microsoft) che lo sono.

Mi dai qualche info? Non ne ho trovati, a parte WinCE (che ha ben poco in comune con XP o Vista).

>Essere un RTOS insomma non è solo una prerogativa di Linux!

D'accordissimo, mai detto questo. Tempo addietro parlai di QNX, per esempio.
Mi dai qualche info? Non ne ho trovati, a parte WinCE (che ha ben poco in comune con XP o Vista).

Mi pare di avere letto qualcosa a riguardo su qualche libro o articolo di Mark Russinovich... adesso non ricordo esattamente ma ti posso fare sapere!

Comunque un esempio pratico lo trovi al seguente link:
http://www.ardence.com/embedded/products.aspx?ID=70

ciao!
mah, rimango perplesso. a parte il commento sullo Spectrum - già altri ti hanno fatto notare che il mondo del cracking c'era e come, anzi, è esploso proprio allora - le critiche che hai fatto a Vista sono i soliti stereotipi fin dai tempi di windows 95. viceversa, quelle che fai a Linux nell'infattibilità di usarlo come ambiente desktop sono problemi molto concreti, gli stessi che impediscono a me di adottarlo.

sto usando Vista ormai da Novembre, da quando è uscito su MSDN, e devo dire che mi ci trovo molto bene. vero, gli serve memoria, ma la usa come cache, la usa tutta, non come tutti gli altri sistemi operativi, che quella non allocata la lasciano inutilizzata. certo, c'è la fuffa marketing, ma quanti sanno di tecnologie come readyboost o il precaricamento delle applicazioni più utilizzate? basta utilizzare un po' il search integrato dappertutto per risparmiare molto tempo nel trovare le cose, e siamo molto lontani da google desktop, che pure ho usato molto.

sono d'accordo con te quando dici che è uscito ed è già vecchio, ma non perché altri sistemi operativi hanno già tutto quello che ha vista (boh??? mi verrebbe da chiederti un elenco...), piuttosto perchè credo che i fat-os, ovvero i sistemi operativi pieni di roba, tra non molto non avranno più ragione di essere, in quanto molto di quello che offrono sarà disponibile online.
figata !!!
A proposito di RTOS...

La mia esperienza professionale (lavoro nel campo dell'informatica, come ho già scritto, in un settore molto particolare e definito, in cui non ha molta importanza se un S.O. è user friendly, ma molto di più se è facilmente adattabile alle nostre esigenze) mi ha portato ad interagire con VxWorks (un SO real time della Wind River Systems, Inc.). L'utilizzo che ne facevamo noi era molto diverso da quello tipico di questo S.O. (viene utilizzato in campo aeronautico, difesa militare, automobilistico, industiale, ecc.), che recentemente ha deciso di aprirsi al mondo Linux. Qualche anno fa, dovendo scegliere un SO real time da utilizzare in sostituzione di VxWorks (che in quanto soluzione "chiusa" ha dei costi di acquisto, gestione e sviluppo del sw non indifferenti) abbiamo deciso di puntare su Linux. Oggi tutto il nostro parco macchine (che è molto esteso ed eterogeneo, comprendendo macchine diskless con 64Mb di RAM e macchine paragonabili ad un normale pc) ha installato a bordo Linux, in una distribuzione personalizzata in house. Curiosamente è lo stesso percorso fatto, più o meno contemporaneamente, da una società che era concorrente di quella per cui lavoro attualmente (e sto parlando di una realtà attiva a livello mondiale...). Era stata considerata anche la possibilità di adottare un S.O. Microsoft, ma la soluzione è stata scartata per via dei costi, la cui valutazione era decisamente più alta di quelli da sostenere per il passaggio a Linux. Altro fattore decisivo è stato quello relativo alla possibilità di poter modificare, se necessario, il kernel del S.O. in ogni suo aspetto. E' chiaro che la nostra è un'esperienza molto particolare e che non si può prendere come riferimento nella scelta di un S.O. per un pc desktop o portatile destinato ad un uso "normale"...

Un saluto a tutti,
Logan7
Vista è un gra affare per tutti, produttori di computer, di memorie e Bill che lo farà pagare a peso sto sistema operativo. Il gioco vale la candela o è proprio il momento di passare definitivamente a LINUX
OSX? ma saresti un giornalista informatico? Consigliare mac poi, un prodotto più blindato di win, meno stabile nell'utilizzo serio e il meno conveniante per qualità/prezzo quando ubutu fa già tutto quello che serve all'utonto tipico di mac?
Jaffy, o sei un troll, o un fanatico unilaterale di Linux, oppure non hai mai seriamente usato un Mac. Altrimenti non parleresti così, specialmente riguardo alla stabilità e a un "utilizzo serio".
Nota per Paolo: è inutile mettere cliccabile la foto in apertura di articolo, se poi ti porta alla stessa thumbnail minuscola... :)
ieri abbiamo discusso a lungo io e pape sulla questione Vista+hardware TC.

Secondo me è il vero nocciolo della questione.

Il fatto è: si può aggirare? La "blindatura" è potenzialmente totale o basta utilizzare applicazioni non trusted e si può aggirare il lucchetto? Vista te lo lascia fare o ti preclude comunque il funzionamento di applicazioni che non gli vanno a genio?

Se le chiavi vengono registrate sul chip tpm, è comunque possibile craccare questo meccanismo?

So che ti sei già occupato dell'argomento Paolo, ma qui occorre un dossier apposito stile undicisettembre, che ne pensi? ^_^

Un saluto al mio amico pape :)

Stefano
Ciao Ste,
[quote]
Vista te lo lascia fare o ti preclude comunque il funzionamento di applicazioni che non gli vanno a genio?
[/quote]

In teoria, non dovrebbe esserci alcun limite all'esecuzione di applicazioni non trusted, a patto che queste non cerchino di accedere a contenuti protetti. Per dire, se compri un HD-DVD, lo dovrai eseguire con applicazioni certificate (che ti bloccheranno le uscite audio digitali, nel solo caso di Dolby e DTS True HD, nonché l'uscita component), su schermi certificati e con una scheda video certificata. In caso contrario, a seconda degli scenari, potrai ritrovarti a non poter leggere lo HD-DVD, o a godertelo solo in bassa risoluzione. Ovviamente, tutti i filmati non protetti, HD o meno che siano, li potrai gestire come preferisci,

Ciao

Pape
Sì però capisci che così si preclude l'usabilità del prodotto multimediale...ad esempio metti che compro Il Padrino in HD DVD o Blu Ray. Metti che voglia sentirmi in macchina la colonna sonora, non mi pare di ledere alcun diritto delle major dato che ho comprato sia il film sia la colonna sonora. Eppure non lo posso fare, perchè il mio tc mi precluderà la possibilità di registrarlo in digitale e masterizzarlo su un cd o metterlo su una chiavetta usb per sentirmelo in macchina. O si può?

Stefano
[quote]Eppure non lo posso fare, perchè il mio tc mi precluderà la possibilità di registrarlo in digitale e masterizzarlo su un cd o metterlo su una chiavetta usb per sentirmelo in macchina. O si può?
[/quote]

No, non lo potrai fare, non legalmente. Non lo puoi fare nemmeno ora, legalmente. Le DRM di iTunes ti permettono di ascoltarlo sul PC, di condividerlo (in ascolto) all'interno della rete domestica o aziendale, di caricartelo sull'iPod. Tutto il resto è proibiro, anche solo convertirlo in Mp3 e leggerlo su altri lettori Mp3. Il limite, ribadisco, non è Vista: è il DRM insito nei nuovi formati, che li leggi tramite Vista, MacOs o lettori dedicati.
Folle, me ne rendo perfettamente conto, ma non c'è bisogno di scomodare Vista per questo: anche XP ha questa limitazione. Anche Xbox 360, anche PlayStation 3.

Pape
Piuttosto, volevo chiedere a Paolo se ha qualche link da suggerirmi per quanto riguarda il "tilt bit". Quello che ho trovato fino a ora, sono preoccupazioni non supportate da link diretti alla documentazione, e l'interessante articolo di Guttman, che nonostante tutto conferma il fatto che il tilt bit viene settato SOLO durante la visione di contenuti protetti, quindi non interferisce durante nelle altre situazioni. Con documentazione ufficiale, sarebbe possibile capire quanto è invasivo.

Pape
Lavoro da più di 10 anni con i mac, quindi da quando erano veramente orrendi e si incaprettavano facilmente. Ora il mac è ovviamente cambiato, cambiato processore, cambiato os, ed è ufficialmente un pc di marca (con sistema proprietario), il cui mercato si basa per la maggior parte sul marketing.
Anche OSX, per quanto migliore dell' OS9 prima degli ultimi aggiornamenti frizzava. Usando "l'instabile" XP da 5 anni si sarà bloccato 4 volte in tutto, a causa di settori danneggiati del disco (considera che installo/disinstallo almeno 2-3 programmi a settimana).

Invece sul discorso "utonti", per una persona tipo quella descritta nel filmato, che usa il computer per navigare, mail, scrivere, non mi vorrai dire che ci vuole più tempo ad imparare ubuntu rispetto al mac? Senza contare la spesa spropositata, rispetto al reale utilizzo, che poi sappiamo tutti che il mac fa figo e la maggior parte lo compra per quello.

Poi mi sai dire tra win/mac/linux quale è il più blindato e meno compatibile di tutti? A me il filmato è sembranto un bel spottone, e visto lo stile mac, non mi stupirebbe per nulla.
[OT] Scusate la divagazione ma ho bisogno di una risposta rapida e confido nella presenza di linuxiani da queste parti: devo condividere un disco con samba, con quale filesystem lo formatto? Grazie 1000!
insomma, in sostanza, mi sembra di capire dai tanti commenti presenti che molti si sono accorti della parzialità di Paolo. Sta perdendo colpi la sua credibilità, anche agli occhi di un suo fan numero uno come me.
Io uso vindov vista da 10 anni, praticamente OsX di apple..
Cha attivissimo abbia un love story col mac (da temi immemorabili) è cosa nota.

Che vista abbia dei grossi problemi per quanto riguarda il rispetto della privacy e del diritoo di scelta dell'utente è vero.

Domanda cretina dato che tutto l'hw e il sw dovranno esssere certificati microsoft. Cosa succede se uno cerca di installare un software non certificato?
Per fare un esempio pratico se cerco di installarmi openoffice, blnder, etc che mi combina vista?

Non essendo "trusted" me li blocca? Me li fà girare a velocità lumaca?

La questione non è solo legata all'utilizzo di hddvd e bluray, con le loro rogne di drm. C'è anche la questione del tc su harware e software. Non mi sembra uno scherzo da poco. Visto che quando di open source si parla di sowftware il cui utilizzo è pienamente legale, imporre i "ceritificati made windows" non mi sembra corretto (nè legalmente nè eticamente).

Sembra quasi che micrsoft ci tenga ad allontanare quegli utetni che non hanno i soldi per pagare i loro costosissimi programmi (office fanno 600 euro circa).

La question del tc è un problema intrinseco di vista.
[quote]Domanda cretina dato che tutto l'hw e il sw dovranno esssere certificati microsoft. Cosa succede se uno cerca di installare un software non certificato?
Per fare un esempio pratico se cerco di installarmi openoffice, blnder, etc che mi combina vista?

Non essendo "trusted" me li blocca? Me li fà girare a velocità lumaca?

La questione non è solo legata all'utilizzo di hddvd e bluray, con le loro rogne di drm. C'è anche la questione del tc su harware e software. Non mi sembra uno scherzo da poco. Visto che quando di open source si parla di sowftware il cui utilizzo è pienamente legale, imporre i "ceritificati made windows" non mi sembra corretto (nè legalmente nè eticamente).
[/quote]

Sono tutto sciocchezze. Te lo dice uno che su Vista ci ha provato a installare di tutto, dai programmi per gestire iso virtuali a roba piratata, da emulatori ai più infimi shareware. E - incredibile dictu! - non mi è stato bloccato nulla. L'unica menata era cliccare OK sulle schermate che mi avvisavano di potenziali problemi.

Vista non ti blocca nulla. Punto. Ovviamente, se cerchi di guardarci gli HD-DVD e di ascoltare musica con DRM, devi avere una catena perfettamente compatibile, altrimenti l'OS ti impedisce anche la più semplice operazione. Sicuramente questo è un fastidio, soprattutto per chi come me ama far passare l'output del WinDVD agli eccellenti FFDshow, ma non diciamo corbellerie: ci installi quello che vuoi su Vista.

[quote]
Sembra quasi che micrsoft ci tenga ad allontanare quegli utetni che non hanno i soldi per pagare i loro costosissimi programmi (office fanno 600 euro circa).
[/quote]

Beh, mi sembra anche corretto che vogliano allontanare i pirati. Se non vuoi pagare i 600 euro di Office, del resto, hai sempre OpenOffice, che funziona esattamente come funzionava su XP, compresi i problemi di compatibilità coi file più complessi (quindi, chiunque può usare senza menate Open Office, escludendo chi per esigenze professionali ha bisogno di una compatibilità al 100% con i documenti di Office)

[quote]
La question del tc è un problema intrinseco di vista.
[/quote]

Come ti ho appena dimostrano, non è un problema. O meglio, è un problema limitato a chi vuole godere di musica/video con DRM. Ma in questo ambito, qualunque OS (compresi i firmware dei lettori da tavolo) è coinvolto in tale scenario. Tranne Linux: se usi Linux, anche nelle migliori condizioni gli HD-DVD e la musica protetta te li scordi.

Pape

Pape
> se usi Linux, anche nelle migliori condizioni gli HD-DVD e la musica protetta te li scordi.


Può darsi che sarà così, ma non ci giurerei troppo: in più di un'occasione Linus Torvalds & C. han fatto capire di non essere così integralisti come Stallman, arrivando a dire (grossomodo) "se il mondo va verso il drm, non vedo perché linux dovrebbe restare fuori dal mondo". O forse era riferito in particolare al trusted computing, tanto che linux (prima dell'uscita di vista, adesso francamente non so) è il sistema che supporta più di tutti le funzionalità tpm.
Secondo me esiste la concreta possibilità che linux, o almeno le distro più "commerciali" come suse, si adegui e implementi gli strumenti per la fruizione di quei contenuti protetti.
Però secondo me (e mi rendo conto di essere più che una Cassandra) esiste l'ancora più concreta possibilità che i nuovi supporti non riescano a sfondare... oggi infatti mi son chiesto: ma la qualità dvd è davvero obsoleta? Davvero, dopo che siamo riusciti ad attrezzarci per godere in libertà dei dvd (anche piratarli e copiarli a nostro fratello che abita la porta accanto, perché no) vogliamo cambiare standard spararci sui piedi con questa nuova costosissima tecnologia? Io, francamente, no.

Ciao a tutti
[quote]Può darsi che sarà così, ma non ci giurerei troppo: in più di un'occasione Linus Torvalds & C. han fatto capire di non essere così integralisti come Stallman, arrivando a dire (grossomodo) "se il mondo va verso il drm, non vedo perché linux dovrebbe restare fuori dal mondo".
[/quote]

Attenzione: non ho detto che Linux sarà sempre escluso (anzi: spero che presto si adatti alle DRM), ma solo che allo stato attuale, le DRM non sono implementate.


[quote]
Però secondo me (e mi rendo conto di essere più che una Cassandra) esiste l'ancora più concreta possibilità che i nuovi supporti non riescano a sfondare... oggi infatti mi son chiesto: ma la qualità dvd è davvero obsoleta?
[/quote]
Condivido pienamente. Ci hanno provato con DVD-A e SACD, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: formati sulla carta eccellenti, che non hanno sfondato. Addirittura, credo che una buona fetta delle persone "normali" (intendo con questo tutti coloro che non si definiscono audiofili) non sappia nemmeno cosa siano.

E sospetto che ben pochi siano in grado di distinguere la qualità di un blu-ray o HD-DVD da un DVD riprodotto al meglio del suo potenziale. C'è da dire una cosa: per riprodurre al meglio un DVD, devi spendere migliaia di euro solo per il lettore, per non parlare del sintoampli e del del display, oppure impazzire dietro alla complessa configurazione di un HTPC. Perché un DVD visto su un plasma o un LCD senza particolari accorgimenti, fa schifo, punto. Di contro, un HD-DVD o bluray al minimo della loro qualità, su display HD fanno una bella figura, anche senza passare ore a impostare astrusi parametri relativi a cadenza, deinterlacciamento, scaling e denoising.
Per l'"uomo medio" la qualità offerta dai nuovi supporti è fin troppo. L'utente tipico non distinge fra MP3 e CD, fra DivX e DVD: figuriamoci se saprà apprezzare le qualità dei nuovi formati video.
A mio avviso, il formato che veramente prenderà piede non sarà né BR né HD-DVD: prima ancora che questi si affermino, sarà la Rete a offrire alternative migliori (con DRM, e con bassa qualità - sputando in faccia a chi veramente ama la riprodizione "perfetta" dell'evento).

[quote]
Davvero, dopo che siamo riusciti ad attrezzarci per godere in libertà dei dvd (anche piratarli e copiarli a nostro fratello che abita la porta accanto, perché no) vogliamo cambiare standard spararci sui piedi con questa nuova costosissima tecnologia? Io, francamente, no.
[/quote]ù

Io lo voglio. Per un semplice motivo: sono un appassionato di audio/video. Adoro impazzire dietro alla scelta delle componenti di un PC così come dell'impianto home theater, e non ritengo sia uno spreco di soldi investirci sopra anche cifre importanti. Ma io parlo da geek, da appassionato di queste cose. Io sono uno di quelli va ai pazzi quando il violino non è setoso o quando il 3:2 pulldown evidenzia piccoli artefatti. Chi non è maledettamente appassionato, nemmeno se ne accorge di questi difetti, e mi prende per pazzo quando faccio notare che la roba scaricata da iTunes è inascoltabile anche sulle misere casse di un PC.
è questione di raffinatezza di gusti per la gente. Per le major, di contro, i nuovi formati sono da spingere non tanto per una migliore qualità, quanto per una maggiore protezione contro la copia (presunta, quantomeno, visto che già si trovano gli HD-DVD rip).

Pape
domanda (e non affermazione):
E' vero che eri tossico?
sono perfettamente d'accordo con quanto dici pape

tuttavia non penso che questa tornata tecnologica possa essere paragonata al flop del SACD

in quanto si pone come evoluzione del dvd , non come "il dvd per audiofili/videofili"

insomma, che la catena sia rispettata o meno, ritengo che qualsiasi apparato multimediale del prossimo futuro sarà equipaggiato di un BR o di un HD-DVD

la cosa veramente importante è fare informazione intorno a questa tecnologia

insomma , gente come te e paolo deve fare informazione e sottolineare il ruolo della catena, dire all'uomo della strada "sì questa roba è meglio , a patto che tu abbia una catena di hardware che lo supporti, non credere che se ti doti del solo lettore HD ti cambi qualcosa"

perchè purtroppo questo è il meccanismo di penetrazione di certi prodotti sul mercato

ad esempio lo vediamo sull'output finale, ci vendono televisori marchiati genericamente "HD ready", a volte sono investimenti considerevoli ma la maggior parte degli utenti non si preoccupa se la tele che compra sia full hd, non si pone il problema di spendere magari molti euri in più ma di esigere un 1080p

Stefano
[quote]tuttavia non penso che questa tornata tecnologica possa essere paragonata al flop del SACD

in quanto si pone come evoluzione del dvd , non come "il dvd per audiofili/videofili"
[/quote]

Si, però se per godere dei vantaggi del DVD bastava comprarsi il lettore, ora devi cambiare tutta la catena, compreso il display e il sintoampli (sono ancora pochi quelli con ingressi HDMI compatibili HDCP, e NESSUNO ancora supporta lo standard HDMI 1.3, escludendo la PS3, che in Europa ancora non si è vista).


[quote]
insomma, che la catena sia rispettata o meno, ritengo che qualsiasi apparato multimediale del prossimo futuro sarà equipaggiato di un BR o di un HD-DVD
[/quote]

Sicuro. Del resto, il lettore HD-DVD di Xbox 360 te lo tirano dietro a 200 €, e lo puoi anche collegare a un PC o un Mac.

[quote]
insomma , gente come te e paolo deve fare informazione e sottolineare il ruolo della catena, dire all'uomo della strada "sì questa roba è meglio , a patto che tu abbia una catena di hardware che lo supporti, non credere che se ti doti del solo lettore HD ti cambi qualcosa"
[/quote]

Ovvio. Nel mio piccolo lo faccio, e lo fa anche Paolo, sebbene lui abbia una visione diversa. A lui non piacciono le DRM, a me non dispiacarebbero, se fossero implementate in maniera più intelligente.

[quote]
ad esempio lo vediamo sull'output finale, ci vendono televisori marchiati genericamente "HD ready", a volte sono investimenti considerevoli ma la maggior parte degli utenti non si preoccupa se la tele che compra sia full hd, non si pone il problema di spendere magari molti euri in più ma di esigere un 1080p
[/quote]

Anche qui bisognerebbe fare corretta informazione. Alcune riviste/siti la fanno, altre sono tendenziose, da una parte o dall'altra. Per farti un esempio, quella del Full HD è alla fine dei conti un'esagerazione. All'ultimo Top Audio, la rivista Digital VIdeo ha fatto delle prove pratiche sulla differenza fra 720p e 1080p. Il risultato? Che era possibile apprezzare differenze fra i due solamente su schermi da 50" visti da meno di due metri di distanza. In caso contrario, la risoluzione dell'occhio umano non permetteva di percepire differenza alcuna ^_^. Insomma, a meno che hai un proiettore o un display enorme, puoi benissimo vivere con un semplice HD-Ready e non perderti alcun dettaglio dei nuovi formati.

Pape
Dimenticato: le fonti di quanto dico sono facilmente rintraccaibili in Rete.
Per fare un esempio, c'è un'interessante thread su AVS Forum (IL forum per gli appassionati di video) http://www.avsforum.com/avs-vb/showthread.php?t=542817

Ma anche un'articolo su Cnet
http://reviews.cnet.com/4520-6449_7-6361600-1.html

I più tecnici potranno poi divertirsi con questo articolo, che include tanto di foglio Excel per calcolare la "giusta" risoluzione in relazione alla distanza: http://www.carltonbale.com/blog/2006/11/1080p-does-matter/

Pape
www.sciechimiche.org
Che tristezza gli sciachimisti...

Spam con link ingannatori in cose che non c'entrano nulla...
tu sei un ingannato e di quelli fieri pure
grazie all'invenzione dei blog persone come paolo possono sparare cagate a go-go e sfogare la propria frustrazione. Un tempo bisognava diventare politici!
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ma che squallore questi sciocchini che postano link patetici...
ciao paolo, volevo farti i miei complimenti su quanto hai detto alle Iene:concordo con te perfettamente. Come si può pensare bene di Vista?E' in pratica una copia mal riuscita di Mac.
Posso correggerti? Hai detto che un sistema operativo serve per far funzionare i computer: VERO. Poi hai detto che Windows Vista e` un sistema operativo...

Eppure la principale novita`, cioe` tutta la gestione dei DRM, serve per NON farti funzionare il computer :-)

Allora, e` l'anti-sistema operativo :-)

A proposito dei limiti della content protection di vista, raccomando questa bella analisi:

http://www.cs.auckland.ac.nz/~pgut001/pubs/vista_cost.html
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
condivido pienamente il pensiero di paolo e anche le risposte che ha saputo dare a molti di voi evidenziano il fatto che bisognerebbe conoscere meglio gli argomenti dei quali si vuole fare una discussione seria....e non venite a dire che vista è un passo avanti....verso cosa???? mi viene da domandarmi se sapete usarlo un sistema operativo...poco piu su si è detto che vista usa la "restante" memoria di sistema (comunemente ram) come cache...come si può fare scusa??? visto che la cache sono (in base alla tipologia L1 L2 L3) chip di memora più piccole più veloci e più costose della RAM e servono appositamente x velocizzare il trasferimento dei dati dalla RAM alla cpu e vice versa......
>poco piu su si è detto che vista usa la "restante" memoria di sistema (comunemente ram) come cache...come si può fare scusa??? visto che la cache sono (in base alla tipologia L1 L2 L3) chip di memora più piccole più veloci e più costose della RAM e servono appositamente x velocizzare il trasferimento dei dati dalla RAM alla cpu e vice versa......

Intende dire che si usa la RAM nei confronti dell'hard disk nello stesso modo in cui si usa la cache nei confronti della RAM cioè si tengono in RAM dei dati dell'Hard disk a cui si suppone che il processore deve accedere frequentemente.
[quote]
condivido pienamente il pensiero di paolo e anche le risposte che ha saputo dare a molti di voi evidenziano il fatto che bisognerebbe conoscere meglio gli argomenti dei quali si vuole fare una discussione seria....e non venite a dire che vista è un passo avanti....verso cosa???? mi viene da domandarmi se sapete usarlo un sistema operativo...poco piu su si è detto che vista usa la "restante" memoria di sistema (comunemente ram) come cache...come si può fare scusa??? visto che la cache sono (in base alla tipologia L1 L2 L3) chip di memora più piccole più veloci e più costose della RAM e servono appositamente x velocizzare il trasferimento dei dati dalla RAM alla cpu e vice versa......
[/quote]

Beh, suggerisci alla gente di informarsi... informati anche tu su cosa si intende per "cache" ;-)

Pape
Grandissimo Paolo (ogni riferimento al cognome è puramente casuale),
sembra che i video a cui ti riferisci siano stati censurati(!). Da parecchi mesi se cerco il tuo nome o "Windows" nel sito delle iene o a partire da www.mediaset.it vengo rimandato a:
http://www.video.mediaset.it/video/iene/inediti/10468/cacciatore-di-bufale.html
http://www.video.mediaset.it/video/iene/inediti/10459/windows-vista-parola-alla-microsoft.html
ma nella finestra del video, dopo la pubblicità, appare sempre il messaggio "SI E' VERIFICATO UN ERRORE".
Censura?
Non credo si tratti di censura, penso più ad sdmin svogliati.