skip to main | skip to sidebar
156 commenti

Recensione veloce: MacBook Air 2011, Mac OS X Lion

Nuovo OS X, questo Leone vuole fare un po' troppo la chioccia


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. 

La gatta Pallina e un MacBook Air al Maniero Digitale.
Il mio MacBook Pro 15" del 2008 è defunto pochi giorni fa (problemi ai componenti interni dell'alimentazione, dopo tre anni di uso ininterrotto) e piuttosto che spendere per riparare una macchina obsolescente ho preferito investire in un laptop nuovo, scegliendo un ultraleggero come macchina da viaggio e per presentazioni.

Non potendo aspettare l'arrivo degli ultrabook di altre marche sui quali montare Linux e Impress di OpenOffice.org/LibreOffice, ho comperato un MacBook Air da 13 pollici con OS X 10 Lion. Queste sono le mie prime impressioni, suscettibili di aggiornamenti, sull'hardware e sul software. Non pretendo che le condividiate: prendetele solo come un mio parere basato sull'uso specifico che ne faccio io.


Hardware


L'Air 2011 è una macchina splendida: una di quelle che ti fa dire “è così che dovrebbero essere i computer”. Leggera da portare in giro, fresca (non un tostapane come il mio MacBook Pro), potente e sorprendentemente veloce. Un piacere da usare e tenere in grembo o sul tavolino del treno per essere produttivi ovunque.

Ma come, non avevo liquidato l'Air come un giocattolo per esibizionisti? Certamente, ma la versione di tre anni fa alla quale mi riferivo era tutt'altra creatura rispetto a questo Air 2011, che ha di default un disco rigido a stato solido, uno schermo con un trattamento antiriflesso sorprendente (gli ho puntato addosso per errore il puntatore laser e l'ha letteralmente assorbito, tanto che credevo che il puntatore si fosse spento), e soprattutto un prezzo e delle prestazioni molto simili al MacBook Pro equivalente. Sull'Apple Store italiano, l'Air 13" costa 1260 euro (1349 franchi in quello svizzero), mentre il Pro 13" base costa 1158 euro (1299 franchi nello Store svizzero). Cento euro e spiccoli di divario, mentre la differenza di prezzo, all'epoca, era di 650 euro.

Certo, per cento euro in più si ha parecchio hardware in meno: niente masterizzatore, un processore meno potente, un disco rigido meno capiente, nessuna porta Ethernet integrata e altro ancora. Ma per l'uso che ne faccio io è uno scambio vantaggioso: niente peso del masterizzatore, un processore comunque più che sufficiente per quello che devo fare (regge senza problemi il riconoscimento vocale di Dragon Dictate 2.5), un disco rigido meno delicato e vorace con la batteria (che dura almeno cinque ore con una luminosità media dello schermo).

Portarsi in giro l'adattatore USB-Ethernet (che si paga a parte) è accettabile. Due porte USB sono sufficienti per un uso mobile e lo slot per scheda SD è ottimo per riversare rapidamente foto durante viaggi e reportage. La tastiera (retroilluminata) è passabile, anche se la corsa dei tasti è comprensibilmente minima. Se l'Air avesse un modem cellulare integrato e una cornice meno spessa per lo schermo sarebbe il laptop perfetto.

Resta valida l'altra critica che feci a suo tempo al primo Air: le dimensioni. La versione da 13" è ancora troppo grande per l'uso ultramobile, ma oggi per chi ha quest'esigenza c'è anche la versione da 11". Io ho scelto la versione più grande perché per le presentazioni mi serve uno schermo meno piccolo di quello di un netbook.


Software


Sleep mode.
Trovo che OS X Lion sia per molti versi irritante, ma non abbastanza da spingermi a sventrare l'Air e installargli Snow Leopard (almeno per ora).

Il suo stile esasperatamente pallido, monocromatico e minimalista (in Finder e Mail, per esempio), le sue opzioni iPad-ose (LaunchPad, lo scrolling rovesciato, i default di Mail) e il suo atteggiamento da chioccia sono fastidi controbilanciati solo a malapena dall'opzione di riavvio istantaneo con le applicazioni già aperte, che trovo un vantaggio enorme per chi viaggia e si trova ad aprire e chiudere il laptop di fretta.

Anche alcuni gesti multi-touch sono un grande aiuto, specialmente su un laptop: trovo particolarmente utile il “trascina-e-seleziona” con un gesto unico (scorrimento con tre dita).

In cima alla lista delle offese all'informatica di Lion metto invece senza esitazioni lo scrolling invertito impostato di default. Da che mondo è mondo, quando faccio scorrere le dita verso il basso su un touchpad, lo schermo scorre verso l'alto, come avviene con un mouse (la metafora è che si sposta l'inquadratura del documento); in Lion, invece, l'impostazione predefinita è che se muovo le dita verso il basso, l'immagine sullo schermo scorre verso il basso. Apple lo chiama “naturale”, ma per chi viene dall'informatica e non dai telefonini o iCosi è spontaneo e naturale come asciugarsi dopo un bidet con la carta vetrata. Per fortuna è disattivabile.

Inoltre trovo irritante la scelta di nascondere la cartella Library dell'utente, che in passato era visibile all'utente. Per esempio, per copiare la mia sterminata raccolta di bookmark di Firefox e di signature di Mail ho sempre usato una semplice copia dei file dalla Library del vecchio computer a quello nuovo (il Sync di Firefox non mi funziona per niente). Con Lion quest'operazione viene ostacolata. Il messaggio è chiaro: l'utente è un utonto al quale è meglio non far toccare gli ingranaggi (ma allora perché non nascondere Library e System nella root del sistema operativo?).

Si può rendere visibile la Library in modo permanente (con il comando da Terminale chflags nohidden ~/Library) o accedervi comunque in vari modi (il più elegante mi pare quello di premere il tasto Opzione mentre si clicca sul menu Go del Finder).

L'assenza di Flash preinstallato è un'altra scocciatura che alimenta la guerra di Apple contro Adobe senza dare nessun vantaggio agli utenti Apple. Si risolve scaricando e installando Flash dal sito di Adobe, ma questa è una cosa che gli utenti non dovrebbero aver bisogno di fare. Idem dicasi per Java, anche se oggi la necessità di supportare Java è rara (NeoOffice ce l'ha).

Altrettanto irritante, sempre a mio parere, è il raggruppamento per conversazioni applicato da Mail. Anche questo è disattivabile, ma va disattivato per ogni singola cartella è una di quelle opzioni che mi sembra generare più confusione che chiarezza (se cancello, cancello l'intera conversazione o la singola mail?). Se avete provato anche voi Lion e/o l'Air e volete condividere le vostre impressioni, i commenti sono a vostra disposizione.

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “rcervi”. Tutto l'hardware e software citato nella recensione è stato acquistato da me senza alcuno sconto o beneficio fornitomi dal produttore o da terzi.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (156)
Ciao a tutti, mi pare che ancora non sia stata commentata la dichiarazione di Stallman sulla scomparsa di Jobs:

Dichiarazione polemica di Richard Stallman, presidente della Free Software Foundation."Tutti ci meritiamo la fine della sua influenza maligna sul computing". E continua: "Apple ha fatto in modo che la gente non sappia più quali sono le sue libertà, e se lo sa, pensa di non meritarsele"

Ecco l'articolo preso da Repubblica:
http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/10/07/news/stallman_jobs-22869523/

Parole molto dure, ma anche ciò che c'è in gioco è estremamente importante. Io, pur onorando il lavoro di Jobs, tendo a pensarla come Stallman.

Voi?
Su Flash e su altro software Internet preinstallato mi sento di dissentire.
In moti hanno chiesto di non preinstalllare nulla per ragioni di sicurezza. Visto come vanno le cose ultimamente, ci sono ottime probabilità che i computer (Mac o PC non fa nulla) arrivino all'utente con una versione obsoleta del software, che crea non pochi problemi di sicurezza.
E' un gioco a perdere perché se si installa si rischia di mettere su del software con buchi di sicurezza, se non si installa si penalizza l'usabilità iniziale.
Tra i due propendo per la sicurezza perché la sicurezza di un nodo è sempre la sicurezza di tutta la Rete.
Concordo con Paolo; stanotte ho fatto servizio in ambulanza ed in occasione di un incidente stradale ho potuto provare l'air e vi assicuro che qua a Milano era fresca, fredda persino.

Parafrasando un noto spot:
Una confezione di garze sterili: 0,20 € con Mastercard;
Una confezione di fisiologica: 0,10 € con Mastercard;
Prendere a sberle un coglione bevuto e strafatto di cocaina per tenerlo sveglio... non ha prezzo.

Perdonate la boutade ma quando ce vo' ce vo'.
E perdonate "il termine non asteriscato" ma anche lui quando ce vo' ce vo'.
Non ho un Air, ma un meno appariscente MacBook bianco sul quale ho installato Lion subito dopo l'uscita.
Secondo me il nuovo sistema operativo ha portato cose molto utili come Mission Control, le app a tutto schermo e molte gesture che semplificano l'uso quotidiano, ma anche un grave difetto, almeno sulla mia macchina, molta meno stabilità generale.
Con Snow Leopard le applicazioni non crashavano mai, potevo stavo *mesi* senza riavviare, ora ogni tanto qualcosa si inceppa, soprattutto Safari.... Speriamo siano solo problemi di gioventù..
Interessante!
L'avvio è proprio istantaneo?
Spiego: un air 11" può essere paragonabile ad un iPad molto più carrozzato e dotato di tastiera? Su un treno, riuscirei a vedermi un film appena salito, come potrei fare con un iPad?
Per riattivare la ripetizione dei tasti (invece del nuovo strumento per le lettere accentate):

defaults write -g ApplePressAndHoldEnabled -bool 0
Dimenticavo: la batteria? Quanto dura in stand-by?
flash non è installato di default nemmeno su windows, mi pare

è su iphone e su ipad che la apple non vuole flash
Ciao Paolo,

In Mail, vai in preferenze, nella sezione firme c'è il flag box "Firma sopra il testo citato". Dovrebbe esser l'opzione che cerchi! Personalmente, il raggruppamento di email mi piace un sacco, lo trovo molto comodo a lavoro! Trovo invece pessimo il nuovo Finder!

Ciao,

Toso
Complimenti per la scelta del MacBook Air. Per chi è molto in mobilità è la scelta più azzeccata.
Per quanto concerne le critiche a Lion, sono in parte giustificate dalle abitudini prcedenti. Ad esempio lo scroll inverso mi ha dato fastidio solo dopo il primo giorno, oggi ero da un cliente e fare lo scroll sul suo computer nel vecchio modo mi dava fastidio.
La cosa peggiore di Lion è il correttore automatico come su iOS, per me è un disastro totale. Dato che spesso scrivo e invio, quando mi accorgo di cosa il correttore ha fatto mi viene freddo alla schiena ;)

Penso che molte scelte, criticate dallo zoccolo duro dei MacUsers, siano state fatte perché sempre di più gli "iQualcosa" sono la causa di avvicinamento della massa a Mac.
Paolo, io sono utente Windows da sempre anche se l'anno scorso ho comprato un MacBook. Sabato mi sono comprato un iMac da 21 e la prima cosa con cui mi sono scontrato è stata proprio quella scelta insulsa del mouse !!! Mail l'ho configurato stamattina per necessità, il Blackberry è ko ! se mi spieghi come disabilitare quell'accorpamento delle conversazioni mi fai un favore altrimenti risolvo con Thunderbird :D
Anche la sicronizzazione dei contatti Gmail con Rubrica non mi pare proprio ottimale, non è istantanea ?!?!?
Io ho trovato irritante non avere nel Finder Macintosh HD, un rapido giretto su Google e ho scoperto come farlo apparire :D
Se devo essere sincero, era meglio la 10.6, ma forse parlo perchè la conoscevo già...
Io ho installato Lion su un MacBookPro di fine 2009.
Velocissimo e snello ma come dice Paolo certe scelte un po' "iPaddose" sono veramente da censurare. meno male che a tutto c'è un facile rimedio.
In generale direi che i pro sono più dei contro e che valga la pena di aggiornare.

Il MacBookAir l'ho visto solo in negozio e non lo posso giudicare affatto, a parte per l'estetica, veramente ottima.
E che aspettano alla concorrenza a produrre un oggetto simile?

---Alex
c'e' un refuso ... l'utente tipico come visto da mamma Apple si chiama i-tonto e non utonto. :-)
Io ho installato linux sull'mbpro da 13" e se non fosse che i driver sono acerbi e il powermanagement inesistente (per ostacoli più o meno velati di apple), sarebbe il mio unico OS adesso... certo c'è Virtual Box ma in nativo Linux è un'altra cosa :)
secondo la Apple, un mese...
Ho installato Lion proprio alcune ore fa. Installazione pulita, quindi inizializzazione del disco dove era presente snow leopard (logicamente prima avevo fatto un backup con il time capsule).
Oltre al fastidioso scorrimento naturale, il launchpad non mi da troppo fastidio. anzi le nuove gesture multitouch sono molto utili, sia per richiamare il nuovo expose, sia per navigare nei programmi a schermo intero. su di un mbp early 2009 non vedo rallentamenti, anzi mi pare che utilizza molte meno risorse (sto notando che il tostapane è molto meno caldo).

grazie paolo per la recensione del air. non pensavo avesse lo schermo antiriflesso!
sono completamente d'accordo con Paolo.
l'air 11" 2011 è la mia macchina ideale. con l'aggiunta della porta tb è praticamente un hw definitivo per le mie esigenze: gran batteria, scarsissimo ingombro, tastiera fisica e prestazioni degne.
l'unica cosa di cui veramente sentirei la mancanza è la possibilità del target mode, che francamente non capisco perchè non rendano fattibile tramite usb2 o tb stessa...

ma il vero problema è lion. l'ho testato due settimane dopo l'uscita sul mio mb pro 13" ed alla fine l'ho disinstallato.
ho cercato di mettere da parte tutti i miei preconcetti e partire con la mente più aperta possibile.
scroll invertito? vabbè, mi sono abituato praticamente subito, solo che poi mi sono accorto che la sparizione di default delle barre di scorrimento era una fesseria, perchè non si riesce a capire la porzione di foglio che stai guardando e la posizione nel documento: riattivate. ed a quel punto lo scroll invertito diventa odioso, perchè tu guardi le barre per orientarti e le dita vanno al contrario. quindi disabilitato anche lo scroll invertito.

launch pad... inutile. c'è il dock. c'è spotlight che è il miglior launcher possibile. in più io ho da sempre anche l'icona del disco rigido nel dock, in modo da poter navigare nell'albero delle cartelle direttamente da lì. a che servirebbe 'sto coso?

mission control... bah... sì, caruccio... però alla fine le funzionalità che introduce rispetto al già ottimo exposè quali sarebbero? per di più la leggibilità delle finestre si riduce considerevolmente.

versions. indecente. è una di quelle cose per cui non uso iphoto mentre uso itunes. iphoto duplica, quadruplica, decuplica le versioni delle foto ogni volta che fai una modifichina. le ultime versioni dell'app sono migliorate, ma resta una gestione del tutto controintuitiva. lo so, la logica è che io non dovrei occuparmi del filesystem, come su ios. MA UN MAC NON È UN IPHONE!!! io VOGLIO occuparmi del filesystem, così come voglio tenere ordinato il mio cassetto delle mutande! il fatto che versions generi copie su copie sparse sul disco e che per fare un "salva con nome" debba fare tre passaggi è inaccettabile.
ciao, come se la cava con l'autonomia? sono verosimili le 7 ore di autonomia?
altrettanto inaccettabile è la partizione di recupero. posso anche arrivare a capire che per qualcuno possa essere utile (ma se il problema è sul disco, di avere il recovery sullo stesso disco con le tabelle di root danneggiate te ne fai 'na sega...) MA È INACCETTABILE CHE UN OS GENERI PARTIZIONI SENZA DIRE NULLA A NESSUNO! io che lion mi avesse creato la partizione di recovery l'ho imparato DOPO averlo installato. NON ESISTE AL MONDO! per di più mi fai tutto il figo con filevault 2 e la criptatura del disco e poi salta fuori che la partizione di recevery non è criptata. A CHE CACCHIO SERVE??? metti i lucchetti e poi lasci le chiavi lì davanti??? roba da matti... e sempre in tema di sicurezza: bellissimo airdrop, ma non è una app, non è un'impostazione di sistema, non è nulla. io come faccio a capire che cosa apre, come, quando, che limiti mettergli... bah...

infine, altra cosa che trovo IRRITANTE al massimo, è il cambiare tanto per cambiare. esempio. la gesture quattro dita su con sl era la scrivania. con lion la scrivania è quattro dita giù. PERCHÈ???? DANNAZIONISSIMAMENTE PERCHÈ???? qual'è il vantaggio nell'interfaccia utente??? se mission control ha sostituito exposè ed in sl exposè era quattro dita giù, perchè han cambiato, che ogni volta che voglio la scrivania mi sbaglio e m'incacchio? oppure: nella barra laterale del finder di sl i dispositivi sono in alto, le posizioni preferite in basso. in lion il contrario. anche qui, perchè? qual'è il vantaggio, oltre a disorientare l'utente??

e non dimentichiamoci che è tutto griiiiigio, smooooorto, moooooscio.... mamma mia... è vero che dall'aqua ne è passata d'acqua sotto i ponti, ma che tristezza!

l'unico sensibile miglioramento di lion è quicklook in background e l'anteprima dal menù di spotlight.
un po' pochino, anche per 20 euro.

insomma, mi sono ritrovato a cercare di impostare le preferenze di lion in modo da renderlo il più simile possibile a sl, e quindi alla fine ho ceduto e sono ritornato a snow.

quindi l'air 11", che tanto mi piacerebbe comprare, finisce che non lo compro perchè c'è 'sta schifezza di lion e non è possibile installarci snow leopard.

sono assai deluso. e loro han perso una vendita... si vede che Steve non era più in forma...
Se posso darti un consiglio, prova a sforzarti un paio di giorni al nuovo "scrolling".
E' un grosso cambiamento ma effettivamente lo trovo più pratico.
Fallo come un "test".

Quello che mi piace meno è che non si vedano di base i dispositivi collegati. Opzione attuabile tramite le preferenze. Ho il MBA scorso (lo stesso tuo ma con il Core2Duo) ed è veramente immediato e il computer più veloce che abbia mai utilizzato (non il più potente ma il più veloce).
A me il look minimalista e "grigio" del nuovo finder piace, e penso che le cose più frustranti di lion si possano disattivare (lo scrolling e la libreria). Però in cambio hai mission control che è una manna per la produttività, versions che è un buon paracadute, e alcune gestures molto comode, e file vault su tutti i dischi (se sei ossessionato dalla sicurezza), qualche opzione comoda nel finder e il ridimensionamento delle finestre dai 4 angoli (finalmente!!)
Io non uso mail, ma se vuoi usare qualcosa di alternativo prova sparrow (http://sparrowmailapp.com/) pulita, minimale efficiente, ha tutto quel che serve e si sposa ottimamente con gmail.
per me è un buon upgrade, non perfetto ma i lati positivi superano quelli negativi IMHO
Paolo

Lo scorrimento naturale io ora lo uso anche in Snow Leopard. Ci si mette un paio di giorni per farci l'abitudine ma poi ci si abitua bene.


L'assenza di Flash preinstallato è un'altra scocciatura che alimenta la guerra di Apple contro Adobe senza dare nessun vantaggio agli utenti Apple.

In realtà un vantaggio lo dà, e vorrei sapere cosa ne pensi. Nel senso che se Apple spedisce il Mac con installato Flash alla versione poniamo 10.3 e si scopre una grave falla per cui Adobe aggiorna a 10.4 il flash player, ecco che l'utente, magari non così super esperto, non fa caso all'aggiornamento e si tiene la versione fallata, la 10.3.

Così facendo invece si costringe l'utente a scaricare la versione più aggiornata. Poi mi dirai: "beh ma una falla può essere scoperta anche dopo che l'utente ha installato il 10.4 ex novo sul suo mac sprovvisto di flash".

Vero, però in generale non la ritengo una mossa così nefasta. Ha anche un suo lato vantaggioso. Cosa ne pensi?
Non fidandomi, l'ho installato su una partizione del mio MacBook Pro e, dopo qualche ora di prova, ho riavviato Snow Leopard e tanti cari saluti al leone. In particolare, non è insopportabile che la visualizzazione di tutte le finestre di Exposé, funzione a mio avviso utilissima in SL, sia stata sostituita da quell'inutile visualizzazione a pila delle finestre? In Mission Control si può espandere una pila con una gesture, ma appunto, diventa tutto un po' più macchinoso (e lungo...).
Su flash preinstallato non sono molto daccorodo. Ciuccia un sacco di batteria (il mio Air, penultimo modello, dura il 30-40% in meno quando navigo con flash abilitato) e seve per lo più a visualizzare fastidiosi banner e pubblicità animate.
Ovvio che se vuoi vedere i video su youtube o usare alcuni servizi per cui è indispensabile non puoi farne a meno. Io ho risolto installando Chrome (che ha flash integrato, viaggia un po' meglio di Safari e ciuccia più batteria) e usandolo come browser principale, ma quando sono senza corrente uso Safari in cui non ho installato il plugin di flash.
Ho un MacBook air 13 e trovo incredibili le tue impressioni: è un portatile incredibile, fantastico esteticamente, leggerissimo, sottilissimo, tastiera retroilluminata, ampio touch-pad, display eccellente (specie la risoluzione 1400x1090, introvabile altrove), velocissimo (altro che MacBook pro, l'SSD conta 10 volte rispetto al processore nelle prestazioni effettive)

Mah, a criticare il macbook air ci vuole un bel coraggio...
Ho cambiato il mio iMac 21" meno di un mese fa con Lion preinstallato. Già su SL la funzione scroll inversa non mi sembrava male e come altre funzioni ora viene più naturale quella che non la "vecchia" quando sono al lavoro. Peccato solo che non funzioni proprio con tutte le applicazioni, questo crea un po' di confusione.
La funzione Launchpad, che inizialmente trovavo inutile dato lanciavo sempre tutto da Spotlight, mi è ora diventata abituale (dopo sistemazione in stack di alcune cose), è abbastanza comoda per non ricorrere alla tastiera.

Trovo invece pessimo Mission Control: la precedente integrazione fra Spaces ed Exposé era a mio avviso molto più funzionale. Oltretutto prima per spostare files da uno space ad un altro bastava trascinare a bordo schermo, fantastico per i drag'n'drop fra applicazioni diverse. Ora funziona solo con le finestre del Finder e non si può saltare tra uno space e un altro, ma scorrerli in sequenza.

Per un paio di giorni ho avuto entrambi gli iMac a confronto: il lancio delle App è notevolmente più veloce su Lion.

Giudizio personale: sistema veloce (anche se con qualche bug all'avvio), buone certe cose come le "versioni" dei documenti, peccato per altre cose peggiorate (come appunto Mission Control).
è spontaneo e naturale come asciugarsi dopo un bidet con la carta vetrata
ma LOL!
[quote-"marco"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/10/recensione-veloce-macbook-air-2011-mac.html#c7301799617777768771"]Mah, a criticare il macbook air ci vuole un bel coraggio...
[/quote]

Secondo me no, ci sono parecchie cose che rendono Lion un iOS, cosa che a me proprio non va a genio. La più snervante per me, che quando SPENGO il computer, voglio che si SPENGA, non che faccia qualcosa simile allo spegnersi ma che poi mi riapre tutto come prima. E che bisogni usare il terminale per disabilitare questa cosa, francamente, lo trovo pessimo, più che altro incoerente: l'i-tonto non gioca col filesystem, però non gli permetto neanche di scegliere con un 'tic' se vuole sta cosa o no.

Per il resto, mi lamento delle stesse cose di cui si lamenta Paolo: scorrimento, Libreria utente, crash di applicazioni varie, ecc...
Quanto a velocità invece, Lion mi piace, lo uso su MacBook7,1
Pur essendo una zappa informatica, provo anch'io ad entrare nei discorsi tra geek... :D

Pochi giorni fa mi sono incontrato con il mio pusher/assemblatore di cosi elettronici (computer ed affini N.d.r.) e gli ho chiesto se questi hard disk(s) a stato solido sono veramente superipermega come dicono oppure c'è qualche magagna.

La sua risposta è stata molto chiara: forse saranno meno delicati perché non hanno parti meccaniche in movimento, ma il software di gestione è molto complesso e non ancora affidabile al 100% (con possibile conseguenza di perdita irreversibile dei dati) ed hanno una minore capacità di riscritture rispetto alle infinite dei dischi magnetici (pur avendo comunque un limite molto alto).

A chi ha esigenze di velocità di accesso, lui consiglia gli HD da 10.000 rpm, a suo dire ancora superiori in fatto di sicurezza, non foss'altro per il mero recupero dati in caso di guasto. Il tutto a fronte di poca differenza di prestazioni (almeno al momento) nei confronti degli SSD e soprattutto ad un costo inferiore.

Questo è quanto mi ha detto.
Ho installato Lion sul mio Macbook Pro 15' late 2008 appena è uscito. Trovo inutile ed esibizionista la Launchpad ed allo scrooling invertito (non chiamatelo naturale!) alla fine mi ci sono abituato senza troppi problemi.
L'aspetto grafico grafico però mi piace!
Ciao Paolo, sono un tuo assiduo lettore, complimenti per tutto quello che fai! Non sono un utilizzatore Mac, però un consiglio che potrebbe migliorare di molto la tua esperienza di navigazione su internet è di utilizzare Opera , infatti ha integrato tutto quello che serve : vabbè ovviamente è un browser (con possibilità di salvarsi i dati di login dei vari siti), lettore di posta, newsgroup, rss feed e dulcis in fundo tramite Opera Link permette di salvare tutti i bookmark online così che tutte le tue installazioni di opera li riceveranno al volo, veramente comodo, provalo e non te ne pentirai sono almeno 5 anni che lo uso con grande soddisfazione.
Eccoti il link http://www.opera.com

Saluti e Buon Lavoro!
Giacomo
glicciardello chiocciola gmail punto com
mac è mac: o si ama o si odia
ole/.)
by schizzigocceecapricci.blog.tiscali.it
@Skyline: Certo, Paolo Attivissimo ha proprio bisogno che gli si spieghi che cos'è Opera.
1200 euro, monta I5 o i7... e fra sei giorni escono i bulldozer amd che riducono di molto i costi aumentando leggermente le prestazioni.

2 sole USB, potrei impazzire!
Non capisco lo stupore per la corsa dei tasti...

Ognuno avrà le proprie preferenze, ma mi pare che l'avere una tastiera sottile implichi una corsa dei tasti breve.

Poi ricordo nel 2002 di persone che si sono lamentate della scarsa integrità strutturale dei portatili koreani, ma erano tutte persone che a momenti sollevano la mano sopra la testa per digitare un carattere.
Per me è importante un ritorno robusto e rapido, e mi rassegno all'idea che un portatile non può averlo nella misura che vorrei, per questo serve una corsa più ampia del millimetro scarso che un portatile delle ultime 5 o 6 generazioni può avere.
Poi ci sono tastiere che non hanno corsa ed il ritorno è immediato, ma in negozio non le ho mai trovate.
Ma come mai sono tutti innamorati di Apple? Non sono un pò carucci?
I Mac saranno forse eccellenti ma il mio rottame da 480€ con un bell'ubuntu viaggia lo stesso che è un piacere.
Marco

Per come l'ho letta io, Paolo non ha criticato il MacBook Air. Ha criticato Lion.
Lo dico e poi mi sommergerete di insulti. Ma 1x00 eurini per un PCcoso che dura 3 annetti scarsi non sono un po' pochini? Io il Compaq aziendale lo tengo acceso da 7 anni e si è rotto solo un hard-disk dopo 6 anni...
@jotar
La penso anch'io come lui. Ma qui siamo OT, magari se Paolo ci fa un articolo, ne potremmo discutere.

P.s. C'è un detto in Piemontese che dice: "quando nascono son tutti belli, quando si sposano son tutti signori, quando muoiono son tutti bravi"
1200 euro, monta I5 o i7... e fra sei giorni escono i bulldozer amd che riducono di molto i costi aumentando leggermente le prestazioni.

Se nel costo del portatile non includi le ore che ci metti a farlo funzionare come serve a te, allora il tuo tempo non vale niente :-)

Certo, potevo aspettare e prendere un ultrabook Acer o Lenovo, per esempio. E poi chi mi converte in Impress o Powerpoint tutte le presentazioni? Gratis?

Inoltre hai visto quanto costano gli ultrabook? Per 3-400 euro di differenza non vale la pena di tribolare con migrazioni incerte.


2 sole USB, potrei impazzire!

Vai in giro con un laptop e mille periferiche penzoloni? E potresti sempre prendere un hub USB.

Come dicevo, non pretendo che nessuno condivida le mie impressioni, ma mi aspetto delle critiche sensate.
Paolo, tolta la questione di Flash (e Java, non hanno messo nemmeno Java), per la quale concordo con Luigi e Launchpad che trovo comodo, sono d'accordo con te.

Tranquillo che Mail si doma dopo un po', per esempio non mi ero accorto della cosa del quotino che hai detto nell'articolo e ho trovato il settario giusto per ripristinare il quotino del solo testo selezionato nel messaggio originale; nella scheda Composizione preferenze, ultimo switch, ultima opzione. Ah se non potete fare il confronto con Mail per iPad, behj non è vero che è uguale a quello di Lion, quello per iPad è molto meglio in termini di interfaccia, ma gli mancano le funzioni serie del fratello maggiore, diciamo che al massimo si somigliano un po'.
Ma 1x00 eurini per un PCcoso che dura 3 annetti scarsi non sono un po' pochini?

Un po' tantini, volevi dire?

Sì, sono tanti, ma non troppi. Non è il Mac di cui sono stato più soddisfatto, fra i vari che ho comprato. Però ha lavorato sodo e mi ha permesso di lavorare sodo senza spendere tempo ( = denaro) in manuntenzione o migrazione.
Sheldon,

non hanno messo nemmeno Java

Giusto. Aggiungo all'articolo.


ho trovato il settario giusto

"Settario"? Inciampo dell'autocorrezione sgomberontica? :-)


nella scheda Composizione preferenze, ultimo switch, ultima opzione

Non funziona. Il problema non è la quantità di testo citato: è la sua posizione.

In Mail di Lion, il testo quotato finisce sotto la signature.
Luigi Rosa: ci sono delle soluzioni tipo http://ninite.com/ che permettono di installare "lotti" di applicazioni, scaricando da Internet l'ultima versione. Certo, devi aspettare un pò alla prima accensione del computer, ma almeno non diventi scemo a girare per la Rete a cercare cose da installare.

Le applicazioni preinstallate e le partizioni di recovery sono sempre molto controverse, c'è chi le vorrebbe e chi le odia... L'obiezione che "la partizione di recovery non è criptata" ha poco senso, sappiamo bene che avendo fisicamente modo di usare un computer, non esistono protezioni che tengano. Pensa che comunque c'è di peggio: Xandros sulla prima versione dell'eeePC utilizzava un sistema assurdo di partizionamento: era fatto in modo che, se riavviavi il computer con una combinazione di tasti, ti riportava i file "di sistema" in (/boot /bin /etc e un paio d'altri posti) allo stato originario senza toccare quelli in /home e /usr. Macchinoso da morire per fare modifiche ai file di sistema, che non sopravvivevano al reboot, ma a prova di idiota.

Non penso mi potrò permettere un Air a breve ma ho una domanda per Paolo: vista la carenza di connessioni, le prestazioni del WiFi sono a livello di una rete cablata?
@Paolo.
In cima alla lista delle offese all'informatica di Lion metto invece senza esitazioni lo scrolling invertito impostato di default. Da che mondo è mondo, quando faccio scorrere le dita verso il basso su un touchpad, lo schermo scorre verso l'alto, come avviene con un mouse (la metafora è che si sposta l'inquadratura del documento); in Lion, invece, l'impostazione predefinita è che se muovo le dita verso il basso, l'immagine sullo schermo scorre verso il basso. Apple lo chiama “naturale”, ma per chi viene dall'informatica e non dai telefonini o iCosi è spontaneo e naturale come asciugarsi dopo un bidet con la carta vetrata. Per fortuna è disattivabile.

Penso che tu volessi dire il contrario. In Lion se muovi le dita verso il basso, lo schermi va verso l'alto, esattamente come con un touch-screen.
Comunque sono d'accordo, è un impostazione piuttosto fastidiosa all'inizio, ma dopo un po ci si fa l'abitudine.

Che invece ho trovato estremamente irritante è il fatto che mi apre gli ultimi documenti o pagine visualizzate prima della chiusura.
Se utilizzo un account condiviso e se non mi ricordo di chiudere i documenti prima di chiudere definitivamente il programna, a me da fastidio che altri vedano cosa ho aperto. Questa è una delle prime opzioni che ho provveduto a disattivare.
"Ma come mai sono tutti innamorati di Apple? Non sono un pò carucci?
I Mac saranno forse eccellenti ma il mio rottame da 480€ con un bell'ubuntu viaggia lo stesso che è un piacere."

Ni, sono solo computer di fascia medio-alta.
Il computer non è fatto solo di Cpu-Ram-HD, ci sono vari fattori come reattività, qualità dello schermo e dello chassis, tastiera retroilluminata, trackpad di qualità, leggerezza, portabilità, grandezza dell'alimentatore, affidabilità del software, assistenza, durata della batteria ecc ecc.
Non credo che a 480€ hai il top di questi fattori che, per chi usa il computer tutto il giorno, possono essere molto importanti.

Io mi sono stupito della qualità delle casse, dico la verità che non ci avevo pensato prima di averlo, ma sono veramente soddisfatto da quelle. Che ne pensi Paolo?
Paolo! Vai su preferenze->firma-> spippola con la checkbox "firma sopra al testo citato" dalle mie prove sembra fare il contrario di quello che afferma, però ce la fai..

Cosa ho vinto? :D
In Mail di Lion, il testo quotato finisce sotto la signature.

A me non lo fa, ho controllato le preferenze e nella scheda Firme (o signature se tu usi l'interfaccia inglese) ho la casella Firma sopra il testo quotato non spuntata.

Paolo tu non hai fatto il trasferimento dell'utente del vecchio Mac, giusto? A me Lion ha solo stravolto il finder (di cui rimpiango lo zoom via gestire di SL), per il resto non mi ha cambiato le impostazioni di default... scrolling a parte..
Una richiesta: la prima volta che prendi un aereo facci sapere come sta sul tavolinetto della classe economica.
Cioè, se riesci ad aprirlo e lavorarci.

Un'altra cosa: processone meno potente ok. Ma per esempio riesci a fare dei montaggi video semplici? Anche solo con iMovie. Oppure ti abbandona?
Iesri sera sono passato dall'Apple Store di Covent Garden (così me la tiro un po') e ho provato sia l'11 sia il 13.
All'inizio credevo che l'11 fosse il 13, il video dell'11 è accettabile per un device mobile, il 13 è già decente per lavorare (il mio portatile su cui sto scrivendo ora è 1920x1080: mi piacciono grossi!)
Per quei due minuti in cui ci ho giocato concordo con le impressioni di Paolo sul hardware. Eccezionale.
Ciuccia un sacco di batteria (il mio Air, penultimo modello, dura il 30-40% in meno quando navigo con flash abilitato) e seve per lo più a visualizzare fastidiosi banner e pubblicità animate.

Se usi Adblock non risolvi il problema dei banner?
Sarà che valuto poco il mio tempo ma per i 500€ di differenza media tra un PC e un MAC sarei disposto a intallarmi Linux su qualunque cosa, tra l'altro i miei PC mi durano in media oltre i 5 anni.

P.S.
Stallman ha ragione però certe volte si fa più bella figura a star zitti hanche se si ha ragione.
Hardware
Anch'io come te ho trovato abbastanza inutile il vecchio Air, e trovo che un ultra portatile da 13" sia stupido, l'11" è perfetto in mobilità.. però è anche vero che alla fine tu hai preso il 13" perchè in ogni caso ti occorreva uno schermo piu grande, quindi forse una sua nicchia di mercato ce l'ha! :P
Software
Per quanto riguarda lo scrolling naturale sono pienamente daccordo con te, è naturale su un tablet, non su un touch pad.
Per quanto riguarda Mail... dai un occhio a Sparrow è un ottimo client!
Per quanto riguarda flash e java...
Flash lo trovo irritante, ma necessario, e cmq se usi chrome se non sbaglio è già incluso.
Java ormai serve davvero a poco, volendo neooffice non è piu necessario, Libreoffice è nativo ormai
l'utente è un utonto al quale è meglio non far toccare gli ingranaggi

E prima era ancora peggio!
Mi sono "impossessato" da un paio di mesi di un Macintosh II VX del 1991/92 (mi piace collezionare vecchi aggeggi elettronici). Il proprietario lo voleva buttare.
Il pc è ancora completamente funzionante dopo 20 anni!
L'hardware è eccezionale: hard disk SCSI da 80Mb, ben 8 Mb di RAM (gli IBM-compatibili ne avevano 1 e il DOS ne gestiva solo 640 kb), scheda sonora che in quegli anni era praticamente sconosciuta sugli IBM-compatibili, lettore floppy con motorino elettrico per l'inserimento/espulsione dei dischetti, spegnimento software, accensione dalla tastiera ecc.
Però il sistema operativo è dannatamente "chiuso". Molto più chiuso di oggi. Non c'è una finestra terminale (almeno io non l'ho trovata) e tutte le modifiche che puoi fare al sistema sono limitate alle opzioni del pannello di controllo.
Se ci sono dei problemi, c'è in dotazione un floppy con la croce rossa, tipo quella apposta sulle etichette dei medicinali, che dovrebbe risolvere il "guaio" (non so se lo fa perché non l'ho ancora provato).

C'è da dire che tutta questa "chiusura" era abbondantemente controbilanciata dal livello di produttività che si poteva raggiungere: molte spanne sopra MS-DOS.
Ho potuto notare quanto fosse gigantesco, all'epoca, il divario tra gli Apple e gli IBM-compatibili.
Ad esempio, sul pc ho trovato installato una delle prime versioni di Photoshop che aveva già le funzioni principali delle versioni odierne (layer inclusi) e il suo limite maggiore era l'hardware del pc.
Forse, è da qui che parte la passione per gli Apple che molti hanno. Io ritengo che oggi la scelta Apple/Windows (passatemi l'imprecisione) dovrebbe essere fatta in base alle proprie esigenze lavorative, ma, per il resto, ci troviamo davanti a due sistemi molto simili. In passato, invece, ho avuto modo di notare che con un Apple si lavorava significativamente meglio, soprattutto nella grafica, che con un IBM-compatibile.
Credo che Microsoft, alla fine, abbia vinto la sfida con Apple più per le scelte commerciali sbagliate in quegli anni di quest'ultima che per suoi meriti.
Ehm... Gli schermi sono generalmente prodotti da Toshiba e sono gli stessi utilizzati su numerosi altri portatili.. e quanto alla portabilità, non sono gli unici ultraportatili da 900 grammi. Anzi, gli altri hanno pure il Blue-Ray. In questo caso però la differenza di prezzo è piuttosto piccola, quindi diventa questione di preferenza personale, e poco di caratteristiche.
Paolo, io non ho un air, ho un macbook pro da 13 pollici. Che monta già lion; devo dire che mi ha fatto entrare completamente in un altro mondo! Per noi persone non vedenti l'informatica è sempre stata un mondo a parte, grazie ad applicazioni di terze parti spesso e volentieri costosissime, un lettore di schermo decente (JAWS per Windows) costa come il tuo macbook air circa... 1300 euro. Invece ho speso 1400 euro circa (includendo iva agevolata al 4% e apple care che copre fino al 2014) per un bellissimo macbook pro da 13 pollici, processore intel i7 dual core, 2,7 ghz, 4GB ram, 500GB hard disk.
E me lo sono configurata praticamente da sola. Sì, DA-SO-LA
Intanto quando si accende il pc lo senti subito che fa un segnale acustico
Macchina ancora da inizializzare. Aspetti una 20ina di secondi circa, e lui fa: "press return to use english as your default language". VOCALMENTE.
Si scende con la freccia giù, poi dice la stessa frase in tutte le lingue, fino all'italiano. Invio, e dopo dice "premere command+f5 per attivare voiceover". detto, fatto, FINALMENTE LA VOCE IN ITALIANO! Poi mi sono persa e incasinata perché non conoscevo i comandi voiceover, ma non è stato difficile risolvere la questione
Una velocità impressionante. E anche volessi poi formattarlo, voiceover mi assisterebbe anche là. Insomma, con windows se mi capita qualcosa alla macchina, mi toccherebbe portarlo in un negozio e farlo aggiustare; nel migliore dei casi ti fanno pagare di più perché "non è compito loro lavorare su macchine per non vedenti", non te lo dicono ma te lo fanno capire velatamente; nel peggiore dei casi si rifiutano proprio. Il mio rivenditore tutto sommato mi dà anche una mano, ma quanti ne trovi? Li conti sulle dita di una mano da falegname
E Linux? Anche linux ha la sua IMITAZIONE del lettore di schermo nativo (ORCA) ma, a meno che non usi un sistema adattato tipo vinux project, si fa prima a mettersi con i piedi sul tavolo e urlare BANZAI prima che la macchina parli!
Per la serie: premi spazio netro 15 secondi. Poi freccia destra, 4 volte freccia su, invio. F5, 3, invio... e incrocia le dita. naturalmente i passi precedenti tutti senza voce guida, e anche se parte, parte col volume a zero
Io lo vorrei usare linux, lo ho usato anche 7 anni fa con la linea di comando andava come una scheggia... ma adesso, dall'informatica, voglio e pretendo uno strumento di lavoro funzionante e performante; ma funzionante subito, no che devo smadonnare in aramaico antico. Lion risponde perfettamente alle esigenze mie attuali, e io non sono assolutamente un utonto
sono semplicemente una persona che ha bisogno del computer per leggere, scrivere, lavorare, ma che mi faciliti la vita non voglio stare a combattere
devo già combattere per strada contro ostacoli, macchine parcheggiate alla membro di volpe, persone incivili e così via, Non ho voglia e non ho tempo di star dietro anche alle pippe mentali del mio pc
PS: chissà perché ogni volta che si parla di lion, e di mac in generale non si parla del gran lavoro che apple ha fatto e continua a fare per le persone disabili... (anche snow leopard ce l'aveva ma solo in inglese e per l'italiano ancora una volta dovevi pagare); si dice sempre che è un prodotto da utonti, ma mai si mette in luce che a molte persone con problemi, facilita la vita e anzi rispetto ai prezzi alti di molte tecnologie dedicate, in quel caso ti fa pure risparmiare. E che cavolo
www.universalaccess.it per maggiori info
ciao, Elena Brescacin
Preso l'Air 13" pochi giorni fa, l'impressione è positiva anche se non ho avuto ancora il tempo di smanettarci un po' con calma.
Un consiglio: vorrei provare a installarci LibreOffice, vale la pena o resto su OpenOffice?
C'è pure Iwork, che costa una cifra accettabile, ma a quanto ne so non legge gli .odt il che è abbastanza seccante...
Java e Flash Player non sono nemmeno su Microsoft.
Perchè mai dovrebbero esserlo?
@ Paolo Attivissimo

Per risolvere il problema di Flash, in modo definitivo e mantenerne le funzionalità, meglio Flashblock. Abiliti solo quel che serve (es. molte "immagini animate" che sono fatte con flash e che rubano addirittura il 20% della cpu e i webmaster mettono perché "fa figo").
@Giuseppe
Bei tempi gli anni '90 (io avevo l'Amiga allora) Microsoft ha vinto (suo malgrado io direi) perché girava su hardware inferiore ma fatto di componenti standard (Bus ISA prima EISA e PCI poi, dischi IDE etc.) che anno permesso una rapida discesa dei costi e diffusione (allora la chiamavano l'invasione dei cloni). Le soluzioni concorrenti (Apple, ma anche Commodore e Atari) erano basate su hardware superiore ma non standard e questo faceva levitare i costi. Se i computers si sono diffusi al livello attuale non lo dobbiamo certo ad Apple ma alla progettazione facilmente "clonabile" dei PC IBM.
Se ci pensiamo bene, infatti, anche la "resurrezione" Apple con gli iMac e coincisa con l'utilizzo di interfacce standard (USB, Firewire).
Bello il gatto in "sleep mode" :-)
[quote]Se nel costo del portatile non includi le ore che ci metti a farlo funzionare come serve a te, allora il tuo tempo non vale niente :-)[/quote]
beh fino al momento in cui non scopri che esistono i rogue AV anche per MAC
;)
La questione virus è comunque un punto a vantaggio di sistemi linux e apple.

[QUOTE]Certo, potevo aspettare e prendere un ultrabook Acer o Lenovo, per esempio. E poi chi mi converte in Impress o Powerpoint tutte le presentazioni? Gratis?[/quote]
L'incompatibilità dei formati è la torre di babele del nuovo millennio. Uno dei motivi per cui confido in vmware (sphere è l'app. che virtualizza mac nei pc) o virtualbox.
Ho avuto il piacere di vedere macchine eseguire due sistemi operativi contemporaneamente in due due schermi diversi.


[QUOTE]Inoltre hai visto quanto costano gli ultrabook? Per 3-400 euro di differenza non vale la pena di tribolare con migrazioni incerte.[/QUOTE] nel mio vecchio PC si è rovinata la scheda madre dopo anni di onorato servizio 20h su 24, 5 giorni su 7. L'ho cambiata per 60 euro (+20% perchè ho comprato da negozio con servizio di montaggio della periferica) ed ho utilizzato per altri due anni il pc.
Ammetto comunque che con i notebook o ultrabook è più difficile sostituire pezzi (previo che anche gli ultrabook montano i7 e non le nuove tecnologie AMD od i prossimi processori, se non erro a 22 nanometri).

[QUOTE]
Vai in giro con un laptop e mille periferiche penzoloni? E potresti sempre prendere un hub USB.[/QUOTE]
Non sono uno che ama andare a lavorare o stampare con il pc in un prato in mezzo al bosco. Semplicemente ho periferiche a casa e periferiche nella casa in montagna. Quello che si sposta è solo il pc portatile.
Gli switch USB sono colli di bottiglia; tutto finisce sempre in una sola presa USB (che spero almeno sia USB3).

E come diceva la Campbell: no ethernet, no adsl-party
^_^

bbye
In certi momenti rimpiango Acca...
Benny,

Un consiglio: vorrei provare a installarci LibreOffice, vale la pena o resto su OpenOffice?

Non saprei. Io ho notato problemi di incompatibilità di formato fra Libre e Open (e Neo). Io sto con Neo perché mi supporta correttamente i font Myriad che uso per i miei libri.

Qualche giorno fa ho aperto un mio libro con Libre sotto Linux, l'ho aggiornato e salvato. Riaprendolo con Neo, erano scomparse tutte le figure. Non è stato divertente.

Ti conviene fare qualche test di interoperabilità.
Gian Piero,

Java e Flash Player non sono nemmeno su Microsoft.
Perchè mai dovrebbero esserlo?


Perché fanno parte del Web. Se Microsoft non li include, sbaglia anche lei.
Talksina,

quanto tempo! Che piacere ri-leggerti! Molto interessante la tua descrizione dell'uso di un Mac per i ciechi, grazie.
Mi associo al bentornato a Talksina!
Talksina ha scritto "Io lo vorrei usare linux, lo ho usato anche 7 anni fa con la linea di comando andava come una scheggia".

Hmmmmm lasciami indovinare... Debian, grazie allo zampino del mitico Z2, ricordo bene? Lui era l'"Accademia dei pedanti" del mondo Linux, anzi GNU/Linux! ;)
[quote-"Paolo Attivissimo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/10/recensione-veloce-macbook-air-2011-mac.html#c7633160570610342003"]

Se usi Adblock non risolvi il problema dei banner?
[/quote]
Risolve sicuramente il problema della fastidiosità, ma ho letto pareri discordanti sul consumo di batteria, perché sembra che comunque i vari banner vengano acricati ma non mostrati, quindi le risorse vengono comunque consumate. Sinceramente non mi sono mai preso la briga di fare dei test perché la soluzione che ho adottato mi soddisfa già.

Poi, in linea di massima, non mi piace l'idea di togliere ai siti che visito la loro fonte di sostentamento, e nella maggior parte dei casi le pubblicità non sono così invadenti.
Quando invece lo sono o quando devo risparmiare la batteria, uso Safari senza flash: le pubblicità rimangono, ma almeno non sono animate e invadenti e siamo tutti a posto.
interessante davvero, dovrebbero obbligare i grandi produttori hardware a produrre anche una linea di dispositivi "sociali"
con tutta la struttura che hanno dietro tra ricerca, sviluppo e linee di costruzione potrebbero fare di tutto usando una parte infinitesimale delle risorse guadagnate dal mercato normale :)

tra l'altro iphone4s con l'assistente vocale chissà da questo lato cosa comporterà
al di là di questo l'Air è davvero bello e comodo. più che altro ormai trovo indispensabile avviarsi subito, ho eliminato portatili e netbook vari che non li sopportavo più, direi che il punto più interessante

tra l'altro collegato all'imac27, con il cavo diretto, gira alla grande su alcuni lavori per via dell'SSD, povero imac fa da monitor ogni tanto, lo spreco di risorse esemplificato, un computer usato come monitor di un altro computer :D
ps: è il monitor il punto "meno particolare" dell'AIR
ho anche i pro da 15 e 17 e si vede proprio nell'uso che il monitor dell'AIR non è allo stesso livello, soprattutto per il calo di luminosità al variare dell'angolo

ovvio, non si può avere tutto, anche se lo vogliamo :P
Ciao a tutti. Io ho provato Lion per qualche giorno poi sono tornato di corsa a SL, facendomi restituire i 24 euri da Apple.

Oltre al look triste (che pero' mi interessa fino ad un certo punto) e alle feature disabilitabili (scroll invertito e scrollbar invisibili) ci sono alcune altre cose che non mi piacciono.

Non mi piacciono:
- Le nuove gesture le avevo disabilitate tutte perche' le trovavo completamente inutili (per il mio modo di lavorare). L'unica che utilizzavo erano le 3 dita su/giu per andare all'inizio/fine di un doc o di una pagina web. E l'hanno tolta

- Address book non permette piu' di visualizzare contemporaneamente gruppi, contatti e dettagli contatto. Si deve sempre saltare avanti e indietro.

- Il reopen windows at startup non mi e' mai servito. Anzi, se riavvio e' perche' voglio un reboot pulito.

- I pulsanti up/down delle scrollbar mi son molto utili specialmente quando leggo testi lunghi. Trovo che lo scroll sia piu' fluido che non col mouse

- iCal non mostra piu' la barra a sinistra dove uso moltissimo la vista mese (c'e' BusyCal, ma a pagamento)

- Front Row e' sparito e con lui la mia intenzione di comprare un Mac Mini per la tv del soggiorno

- La sidebar del finder e' riordinata (male) e non customizzabile (voglio prima i dispositivi poi le condivisioni poi i link)

- Launchpad. Non merita neanche di essere preso in considerazione. Nel caso dock, cartella applicazioni, spotlight, shortcut e link non fossero sufficienti per avviar eun'applicazione...


Non sopporto
- Autosave/Versions. Oltre ai potenziali rischi (googlare per credere - non va su dispositivi di rete e salvi anche senza volere) congela il computer per salvare intanto che si lavora (o che si fa una presentazione). Provate a creare una presentazione Keynote da qualche centinaio di slide e passate piu'tempo a salvare che a lavorare.
- Duplicate al posto di Save As comlica inutilmente il processo di creare una nuova versione con uno o due passaggi in piu'
- Mission impossible... cioe' Mission Control non mi serve a niente. La maggior parte delle volte uso expose/spaces per visualizzare tutte le finestre di tutte le app di tutti i desktop contemporaneamente per cercare quella che mi serve. Con MC e' semplicemente impossibile.

- Applicazioni che escono da sole. Se un'applicazione non ha finestre attive Lion ogni tanto la chiude (provare TextEdit o iWorks)

Mi aspetto che alla prossima release i nuovi Mac siano senza tastiera e con un grosso bottone tondo. Cosi' potremo usare un computer da 2000 euro come se fosse un iPad gigante.

Amanti di Lion, sono pronto: linciatemi.
Ciao
Giuseppe: Il DOS a 640K? Non esattamente, col supporto EMS arrivati a 16MB. Avevo 2MB(!) di RAM sul mio primo PC 286 ed era del 1990. Mi serviva per AutoCAD.

Massimo: Apple è stato uno dei primi produttori ad implementare in modo integrato lo standard SCSI (che era l'unico in grado di mantenere un minimo di interoperabilità con dispositivi non Apple). Per gli altri, costose schede d'espansione.
Però come giustamente fai notare, ogni produttore all'epoca lanciava il proprio standard, finendo per chiudersi in una nicchia e spesso non uscendone mai più, come Amiga, Acorn, Atari (Noto or ora che casualmente iniziano tutti per A).

Quelle comunque erano signore macchine dal punto di vista hardware, potevano competere tranquillamente con le workstation "personali" UNIX dell'epoca. Costavano anche altrettanto però, ed il sistema operativo non era assolutamente all'altezza.. Peccato, aggiungerei. E nel 91 è uscita la NeXT Station, con un sistema operativo serio, ma troppo costosa. Continuo a chiedermi perchè in Apple aspettarono fino al 2000 per adottare quel sistema operativo.
Otello: chi dovrebbe obbligarli?

Purtroppo le tecnologie assistive sono troppo di nicchia per poter convenire. Purtroppo ci sono aziende specializzate che vendono soluzioni pesantemente sovrapprezzate, basta pensare alle tastiere adattate con la "mascherina” per aiutare a trovare i tasti: 200 euro per una tastiera cinese da 5 euro con una griglia di plastica da 3 sopra.

Non ho (per mia fortuna) esigenze particolari, ma mi sa che una macchina Windows adattata alla fine venga a costare come un Mac, con la differenza che il Mac è praticamente configurato, il che è un enorme vantaggio. Sicuramente chi è più esperto nel campo saprà essere più preciso.
@Il Lupo della Luna
Non esattamente, col supporto EMS arrivati a 16MB. Avevo 2MB(!) di RAM sul mio primo PC 286 ed era del 1990. Mi serviva per AutoCAD.

E' vero mi ero dimenticato di "himem.sys" ed EMM386.exe.
Io ho usato la memoria espansa per creare un disco virtuale in cui caricavo i giochini dal floppy, così quando arrivava qualcuno che non doveva vedere spegnevo il pc e... spariva tutto ;-)
Scherzi a parte, ricordo che il supporto EMS era comunque una forzatura al DOS per consentire a programmi opportunamente progettati di interagire con la memoria espansa. Non era, quindi, direttamente il sistema operativo a renderla disponibile, come avveniva per l'Apple. Il DOS restava nella memoria bassa, fatta eccezione per quei "device" che erano caricabili in memoria alta con "DEVICEHIGH" nel file config.sys. Ricordo anche che non tutti i driver tolleravano il posizionamento in quella zona di memoria. E ricordo anche le battaglie per liberare la memoria bassa per quei programmi che richiedevano "almeno 450Kb di memoria liberi per funzionare". :-)

@Massimo M.
Microsoft ha vinto (suo malgrado io direi) perché girava su hardware inferiore ma fatto di componenti standard (Bus ISA prima EISA e PCI poi, dischi IDE etc.) che anno permesso una rapida discesa dei costi e diffusione (allora la chiamavano l'invasione dei cloni)

Io l'ho sempre vista in un altro modo: è stata Apple a non permettere lo sviluppo di suoi cloni che avrebbero permesso un abbassamento dei prezzi e avrebbero consentito la creazione di uno standard di livello superiore a prezzi non necessariamente più alti degli IBM-compatibili. L'errore di Amiga, invece, è stato quello di far sembrare il suo prodotto un giocattolo, ma non lo era. Io non l'ho mai avuto ma ricordo cosa ci combinava un mio compagno di classe.
@ Paolo Attivissimo
"Perché fanno parte del Web. Se Microsoft non li include, sbaglia anche lei"

Non condivido.
Un PC non è necessariamente fatto allo scopo di andare sul web. E anche se lo fosse, Flash Player e, ancora meno, Java, non sono applicativi fondamentali alla navigazione.
Tra l'altro, non sapendo che browser sarà scelto, il sistema operativo farà ben fatica a sapere quale versione avere installata. Certo Apple monta Safari ed è facile, ma a Microsoft hanno imposto l'obbligo di far scegliere.
Si potrebbe fare lo stesso ragionamento per le directX per ha scopi ludici fa video editing oppure suite varie di videoscrittura (openOffice) per chi ne fa un uso strettamente redazionale.

Alla fine dei conti AdobeFP e Java rientrano in tutta quella schiera di programmi che sono ben lieto di installarmi da solo se proprio mi servono, piuttosto di trovarmeli già pronti e doverli rimuovere.
oddio! è vero.
mi ero dimenticato dell'ORRIDO restyling della rubrica indirizzi e di ical.

O_O
MA CHI CAVOLO GLIEL'HA LASCIATO FARE??????
SONO COMPLETAMENTE IMPAZZITI?????

ma apple non era l'azienda che il design, la forma per la funzione, l'eleganza... e cavoli e tavoli?
quando ho aperto rubrica indirizzi la prima volta e mi è apparso quel coso sulla scrivania sono quasi cascato dalla sedia!
roba da matti!
ah, aggiungo anche il fatto che l'opzione in chiusura "ricordati tutte le finestre e riaprile al prossimo" NON SI RICORDA DI COSA HAI SCELTO!!!! GLIELO DEVI RIPETERE A TUTTI GLI SPEGNIMENTI!!! incredibile...
Ho provato Lion sul Mac nuovo di mio fratello e lo installerò sul mio iMac, come da mia abitudine, appena uscirà il secondo aggiornamento, ovvero la versione priva dei difetti di gioventù.
Nel frattempo ho voluto provare lo scrool "invertito" su Snow Leopard grazie ad apposito programmino. Dopo un lunghissimo periodo trascorso a rendere automatico il gesto (cinque minuti) ed un mese di test posso dire che effettivamente la direzione "invertita" è la più comoda e naturale.
Quanto alla libreria utente nascosta, anni di chiamate da amici non utonti ma pasticcioni mi fa approvare in toto la scelta.
E le altre? Perché non sono nascoste?
Perché per modificarle il sistema chiede la password ed esclusi i cretini totali, gli altri si fermano prima di fare danni.
Quanto ai cretini totali, trovano immediatamente il modo si entrarci e fare danni. Altrimenti non sarebbero cretini.
Otello: chi dovrebbe obbligarli?

Purtroppo le tecnologie assistive sono troppo di nicchia per poter convenire.


esatto
allora, siccome sono di utilità sociale in realtà, se vuoi gli sgravi fiscali / autorizzazioni a... / certificato qualità ecc una percentuale del R&D va messo in queste parti che non sono "convenienti", ma utili

discorso teorico ovviamente lo sappiamo :)
@Paolofast
Perché per modificarle il sistema chiede la password ed esclusi i cretini totali, gli altri si fermano prima di fare danni.

E mica si limitano solo al computer! :-D
Io ho un collega pericolosissimo. Una volta ha sbloccato la fotocopiatrice ma non si "capacitava" di come ci fosse riuscito. Allora che ha fatto? L'ha ribloccata, però, stavolta, danneggiandola!. Inutile aggiungere che il capo gli ha addebitato le spese di riparazione e che se non fosse stato bravo nei suoi compiti adesso sarebbe a spasso.
Adesso con un paio di porte usb lo vedo più utile, concordo sul discorso del model cellulare.
Non sono però sicuro che tutta questa portabilità sia poi realmente utile.
Gian Piero,

Non condivido.
Un PC non è necessariamente fatto allo scopo di andare sul web.


Vero. Ma se non viene usato per andare sul Web, allora Flash e Java non peseranno, e la volta che dovessero servire (anche offline), saranno pronti.

E anche se lo fosse, Flash Player e, ancora meno, Java, non sono applicativi fondamentali alla navigazione.

Dipende dove navighi. I siti che usano Flash sono ancora tanti.
otello: non si riesce ad avere nemmeno i gabinetti a norma nei locali pubblici, figurati se si riesce a obbligare delle aziende a spendere soldi per le tecnologie assistive. E poi che fai? Vale solo per i prodotti venduti in Italia? Fai una norma europea?

Molto meglio secondo me lasciarlo all'iniziativa del singolo produttore: se i compratori spingono per quella feature, prima o poi arriva. Se per esempio gli italioti spingessero per il supporto TTS e STT (sintesi e riconoscimento vocale) in italiano su Windows, probabilmente ci sarebbero. E ci sarebbero da 10 anni.
Ricordo comunque che Gates, prima di lasciare la direzione Microsoft, aveva pronosticato che "entro 5 anni si sarebbe controllato il PC con la voce", il problema è che a chi usa il computer solitamente non ha problemi a usare mouse e tastiera, e quindi la cosa non interessa praticamente a nessuno, tranne a chi ha delle difficoltà.
Dimenticavo un commentino alla frase di Stallman. Non ho letto l'articolo completo ma non mi sento di dargli del tutto torto. Una macchina che ha "tutto quel che serve" preinstallato implica che qualcuno abbia pensato a priori cosa può interessare a chi l'userà.
Solitamente su un computer nuovo perdo un paio d'ore a capire cosa c'è preinstallato, ed altrettanto a levare cose che non mi servono. Tranne con Linux. Sull'Open Source il problema è l'opposto: il tempo va tutto a capire come convincerlo a fare quel che ti serve. Ad esempio il nuovo KDE non si collega alle reti wireless con ESSID nascosto se usi l'interfaccia grafica, mentre da linea di comando si... Peccato che l'ho scoperto stamattina alle 2 dopo aver smadonnato per 2 ore tentando di trasferire un file da 50k... :( E non riconosce nemmeno i lettori memory stick.... Sul Mac questi problemi non li hai, nel senso che la rete funziona (come con Windows), e i lettori MS... non ci sono!
[quote-"Paolo Attivissimo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/10/recensione-veloce-macbook-air-2011-mac.html#c3227829161172805707"]
1200 euro, monta I5 o i7... e fra sei giorni escono i bulldozer amd che riducono di molto i costi aumentando leggermente le prestazioni.

Se nel costo del portatile non includi le ore che ci metti a farlo funzionare come serve a te, allora il tuo tempo non vale niente :-)

Certo, potevo aspettare e prendere un ultrabook Acer o Lenovo, per esempio. E poi chi mi converte in Impress o Powerpoint tutte le presentazioni? Gratis?

Inoltre hai visto quanto costano gli ultrabook? Per 3-400 euro di differenza non vale la pena di tribolare con migrazioni incerte.


2 sole USB, potrei impazzire!

Vai in giro con un laptop e mille periferiche penzoloni? E potresti sempre prendere un hub USB.

Come dicevo, non pretendo che nessuno condivida le mie impressioni, ma mi aspetto delle critiche sensate.
[/quote]

Paolo, permettimi di dissentire: 3/400 euro sono una critica più che sensata, senza fare i conti in tasca a nessuno :D
Sono un utente Ubuntu da 3 anni, e per quello che mi serve mi trovo benissimo. Costa niente su pc che costano poco, senza OS dalla nascita. Il fonico ha un mac, e per quello che ci serve ci permette di registrare nel suo garage come fossimo ad Abbey Road negli anni sessanta, quando c'erano quelli bravi.
Da coloro che hanno problemi con Windows, che usano il pc solo per scrivere documenti, navigare e nulla più, quando consiglio di passare a Linux, soprattutto per i costi e la stabilità, mi sento rispondere spesso "Eh, ma devi saper usare il terminale". Installo Ubuntu regolarmente, e nessuno ha mai dovuto usarlo, il terminale.
Ora dai commenti vedo che anche su mac bisogna usarlo, il terminale.
Non sono sarcastico, invidio il mac del fonico, ma la domanda hai maccari è: quanto incide l'uso del terminale sul sistemare la macchina?
Grazie per le risposte.
Spino,

Paolo, permettimi di dissentire: 3/400 euro sono una critica più che sensata, senza fare i conti in tasca a nessuno :D

Se stai parlando di un computer che usi per lavoro, non mi sembra una critica sensata. Fai il conto di quanti giorni di lavoro equivalgono a 400 euro e poi valuta se ci metti meno giorni a convertire e verificare una decina di presentazioni con audio, animazioni e filmati.

Per me il conto è stato semplice: non ne vale la pena.

Capisco che uno studente abbia altri budget rispetto a un professionista, ma ha anche altre esigenze di affidabilità e mobilità.
Suz,

ma la domanda hai maccari è: quanto incide l'uso del terminale sul sistemare la macchina?

Cos'è una domanda "hai maccari"? E' slang arabo?
l'uso del terminale si riduce all'impostazione di qualche preferenza avanzata non inclusa nel pannello gui.

la domanda che invece faccio ai cugini linuxisti (dopo aver passato mesi a cercare una distro decente: risultato migliore ottenuto con arch dopo una costruzione passo passo, via terminale, dell'os più pulito possibile...) è: quanto vi dura in batteria il computer da poco con l'os da niente?
perchè il mio macbook da nuovo faceva 8 ore (reali), dopo tre anni mi fa 6 ore e mezza. con linux non sono mai riuscito ad andare oltre le 4. mica piccola come differenza.
io quando vado via due giorni non mi porto manco il caricabatterie...
è solo un esempio di tanti...

linux è splendido e senz'altro rimane la mia seconda scelta prima di windows, ma come affinamento ed efficacia ancora siamo molto lontani da osx... sì, anche da quella schifezza di lion...
Chiedo scusa. "hai" sta per "ai" ed è un errore dovuto al fatto che ho riscritto la frase.
Volevo dire "agli utenti del mac"
maccari come i linuxari, i windowsari, i latexari...

Quindi il terminale?
Suz,

quanto incide l'uso del terminale sul sistemare la macchina?

Pochissimo. Serve solo in casi molto rari, per quel che è la mia esperienza.
F. e G.
Scritta così la domanda sembra provocatoria!
Ti rispondo girandoti a mia volta un ulteriore problema.

La batteria dura pochissimo. È vero. Io però non la uso mai, sono sempre attaccato alla presa, anche se sono in giro. O ho un fisso. Non ho esigenze particolari da questo punto di vista, ma comunque lo percepisco come problema, è vero.

Che sia anni luce su questo non ci piove. Quello che fa il fonico con il suo mac io me lo sogno. Ma neanche mi interessa: è lavoro suo. Io uso LaTeX, registro con Ardour, poco più. Non mi serve altro. La maggior parte delle persone che io conosco utilizza il pc per: navigare in internet e scrivere documenti di testo semplici e formattati male. Perché loro dovrebbero spendere più di mille euro per un oggetto che invidio, ma del quale ne utilizzano solo una piccola percentuale? Solo perché è "fico"? E perché dovrebbero andare matti nello stare dietro a windows? Allora io consiglio linux, che è stabile e che per scrivere documenti e internet va più che bene, e non si ritrovano nel giro di due giorni in crash e pieni di virus, oppure col portafoglio vuoto per niente.
Conta che io ho a che fare anche con anziani e adulti non informatizzati, non esistono solo geek. E per loro Linux va più che bene.
Personalmente credo che per Paolo A. le presentazioni in Keynote siano un esempio di vendor lock-in. Concordo invece sugli altri punti come sul discorso tempo e denaro, le configurazioni GNU/Linux, sfortunatamente sono in gran parte dovute a BIOS/EFI proprietari e periferiche chiuse, (i.e.:la durata della batteria, ecc)

Non è molto recente ma ho trovato il primo NetPC totalmente aperto, un Lemote (made in PRC), ma non me la sento di spendere il triplo per un HW abbastanza di nicchia, anche se a favore delle mie libertà, e finanziare una società alle cui spalle ha il governo Cinese.

PS: Spero che ci saranno eventuali articoli sulle ultime considerezioni della stampa generalista alle dichiarazioni di Stallman, e sulle bufale in tema Knox.

Grazie e a presto.
@ Paolo:
[quote]Se stai parlando di un computer che usi per lavoro, non mi sembra una critica sensata. Fai il conto di quanti giorni di lavoro equivalgono a 400 euro e poi valuta se ci metti meno giorni a convertire e verificare una decina di presentazioni con audio, animazioni e filmati.

Per me il conto è stato semplice: non ne vale la pena.

Capisco che uno studente abbia altri budget rispetto a un professionista, ma ha anche altre esigenze di affidabilità e mobilità.[/quote]

Paolo, con tutto il rispetto: lavoro con i computer da ormai 20 anni, quasi... e dai tempi di Windows XP con meno di 1/2 giornata riesco a preparare una macchina in maniera "operativa", con il software che mi serve e avendo ripristinato cartelle utente, settaggi etc.

Valutiamo in 50 euro una giornata media per un tecnico, e il gioco, PER ME, non vale comunque la candela.

Certo, come dici tu, nel tuo caso ci sono millemila progetti da "riconvertire", ma questo accade quando usi strumenti che girano solo su un SO piuttosto che su un altro. Da anni è possibile lavorare su Google Docs per avere tutto disponibile su cloud.

Certo, non avrai le animazioni sgargioline delle apps di OSX, ma sicuramente si è operativi.

Poi, se uno si trova meglio con OSX, non si discute. Ma finiamola con 'sta storia del PC solo per smanettoni. :)

BTW, 400 euro sono una bella cifretta non solo per uno studente, ma anche per un padre di famiglia, eh? :P
oggi la necessità di supportare Java è rara?

Oh, non lo sapevo. Bella la frase "l'utente è un utonto al quale è meglio non far toccare gli ingranaggi" :)
Prima di tutto: leggendo gli scritti di Paolo da un bel po' di anni, so per certo che lui è abbastanza superiore alla guerra da OS, e quindi obbiettivo nelle sue valutazioni.
Da quanto ho letto ho capito che lavorerò solo con libreoffice, per con cadere in pericolosi lock in.
Io ho la fortuna di non avere necessità di grandi prestazioni in mobilità, per cui riesco a usare notebook recuperati di livello "office" su cui metto ubuntu o netbook da supermercato (a parte il thoughbook con protezioni di tipo militare).
Concordo che nella scelta della macchina e del relativo OS si dovrebbe partire dalle esigenze di ciascuno: non tutti abbiamo uguali esigenze. In particolari gli studenti non sarebbe male se si sforzassero ad usare linux; magari smanettano un poco ma poi imparano come funziona un sistema, cosa che con altri OS mi sembra più complicato.
Che memoria che avete ! io gli smanettamenti che si facevano sul dos li ho dimenticati.
Spino,

Valutiamo in 50 euro una giornata media per un tecnico

50 euro al giorno? Sicuro?


BTW, 400 euro sono una bella cifretta non solo per uno studente, ma anche per un padre di famiglia, eh? :P

Lo so. Sono padre di famiglia. Non mi separo facilmente dai miei soldi, ma quando serve spendere, li spendo.
Gianni,

credo che per Paolo A. le presentazioni in Keynote siano un esempio di vendor lock-in

Certamente, me me rendo conto. Ma Keynote mi ha salvato la pelle troppe volte (è una lunga storia).
Marco,

Io mi sono stupito della qualità delle casse, dico la verità che non ci avevo pensato prima di averlo, ma sono veramente soddisfatto da quelle. Che ne pensi Paolo?

Non le uso mai, non mi sono posto il problema, ma tenderò l'orecchio.
Tizfx,

Penso che tu volessi dire il contrario. In Lion se muovi le dita verso il basso, lo schermi va verso l'alto, esattamente come con un touch-screen.

No. Il default di Lion è "content tracks finger movement". Scorri verso il basso le dita, scorre verso il basso il contenuto dello schermo.
posts,

Paolo! Vai su preferenze->firma-> spippola con la checkbox "firma sopra al testo citato" dalle mie prove sembra fare il contrario di quello che afferma, però ce la fai..

Cosa ho vinto? :D


Funziona! Mi ero dimenticato di quella dannata checkbox nelle firme.

Ti pago una birra! Grazie!
@spino
Valutiamo in 50 euro una giornata media per un tecnico

Dammi il numero di quel tecnico LO VOGLIO!!! :-D
@ paolo + giuseppe:

"50 euro al giorno? Sicuro?"

"Dammi il numero di quel tecnico LO VOGLIO!!! :-D"


Non so' dove viviate voi (cioè, so' dove vive Paolo) ma a Roma e dintorni portare un PC a "vergine", quello costa...

Salvo altri interventi, ovvio.

"Lo so. Sono padre di famiglia. Non mi separo facilmente dai miei soldi, ma quando serve spendere, li spendo."

Lodevole. Faccio lo stesso. Ma con 400 euro io ci pago la piscina tutto l'anno per 2 bambini... se volete vi do' l'indirizzo del centro sportivo, o pensate che viva a Timbuctu?

Capisco che per un utente Mac possano sembrare prezzi bassissimi, ma quello costa l'assistenza di un PC.

Faccio un banale esempio.
Un mio amico ha dovuto sostituire l'HDD del suo iMac. Tra HW e manodopera, in un centro Apple, ha speso 180 euro + iva, per montare un WD da 500gb che a pagarlo caro costerà 50 iva compresa.

A prescindere dal fatto che su un PC tradizionale è un'operazione che si può fare da sè per ovvi motivi, ma a farlo in qualsiasi negozietto a Roma non costerebbe più di 100 euro (e sarebbe comunque un ladrocinio).

Poi, se sei legato ad un sw specifico, nel caso di Paolo keynote, è un altro discorso.

Ciò detto, ognuno spende i suoi soldi come meglio crede, ma qui in ufficio ci sono Dell Inspiron con più di 8 anni che ancora funzionano egregiamente (HW ovviamente datato, ma funzionante)nonostante un utilizzo intensivo che ne può fare un programmatore o un ingegnere.

3 anni per un MacBook Pro (e che, conoscendo diversi utenti, vedo essere la durata media) che sarà stato pagato più di 1500 euro e che dopo questo lasso di tempo diventa sconveniente da riparare, beh... ognuno tragga le sue conclusioni in base alle proprie esigenze :)
prego di non fare i conti al posto di altri su cosa convenga o meno :)
è vero che "in teoria un altro va di più ma costa di meno" ecc ecc
però vale anche che il semplice fastidio di convertire può valere tranquillamente 500 euro, senza problemi, se è lavoro. oppure l'evitarsi il fastidio di installazione e avvio-accensione giustifica di prenderselo anche solo da usare una volta alla settimana in treno, per dire

strumento, costo, risponde all'esigenza ed il suo costo è coperto > ok approvato :)

uno strumento utile delle volte si ammortizza anche in una giornata alla fine, se fa quello che serve
@ Suz:
Conta che io ho a che fare anche con anziani e adulti non informatizzati, non esistono solo geek. E per loro Linux va più che bene.

Quoto alla stragrande.
Abbiamo comprato poche settimane fa per mio figlio (8 anni e mezzo) un netbook.
Avrei potuto scegliere una delle millemila offerte con Windows.
Invece da Fnac ho preso a 179 euro un Asus EeePc 1011PX, con Ubuntu 10.04 e che in più, rispetto alla versione Win, ha 2GB di ram onboard.
Per le sue necessità, navigazione per le ricerche e qualche giochino, va più che bene, così come andrebbe benissimo per la maggiorparte delll'utenza office...

Giusto per dire che non sono né un "winzozzaro", né un "linaro" o qualsiasi altro "aro" vi venga in mente.

Ma, nonostante faccia il grafico, per me l'estetica viene per ultima, in uno strumento di lavoro.
Non ho un MacBook, ma forse è l'unica cosa che mi comprerei della mela. L'unico difetto è il prezzo troppo alto per le mie finanze.
@spino
Non so' dove viviate voi (cioè, so' dove vive Paolo) ma a Roma e dintorni portare un PC a "vergine", quello costa
Ahhh! ora mi è più chiaro. :-)
Io mi riferivo al lavoro completo. Per la reinstallazione di windows e basta va bene. Il fatto è che un pc così serve a poco. Io mi riferivo al caso un pc non funzionante dato "in pasto" a un tecnico che lo deve rendere nuovamente produttivo, quindi, configurato e con i dati e i programmi ripristinati. Renderlo nuovamente produttivo è la fase più lunga, delicata e costosa (specialmente se il pc ha una configurazione complessa) sia che si paghi un tecnico che a farlo da soli.
otello: guarda che i conti su quel che conviene o no dovrebbero essere la base della decisione d'acquisto.

Il computer si sceglie anche in base alle proprie necessità: io ho due PC e non passo definitivamente a Linux perchè non c'è Photoshop. E anche perchè il supporto dell'hardware è purtroppo ancora piuttosto aleatorio. E non passo a Mac (o a un ultraportatile Vaio) perchè semplicemente costa troppo rispetto a quanto sono disposto a spendere per un computer.
@ otello:

cosa non ti era chiaro nella frase "ognuno spende i suoi soldi come meglio crede"? :D

@ Giuseppe:
Fammi capire...ma perchè un mac non funzionante dato in pasto ad un tecnico, vale di più? :D

Se è rotto, è rotto...non ne farei una distinzione tra mac VS resto del mondo :)

Resta però il fatto che per cambiare un HDD su un iMac ti chiedono il doppio, almeno a Roma. E la cosa non è tollerabile, per lo stesso pezzo di HW.

Poi, ricordo, il "problema" citato da Paolo è un altro: chi gli avrebbe convertito "aggratise" le presentazioni da keynote?
Problema prettamente "suo" e della sua scelta (legittima) di strumenti. Da par mio, il fatto di non poter esportare le presentazioni in un formato "multipiattaforma" è un limite, non una feature :)

@ Lupo della Luna:
Quotissimo su tutto :)


PS:
Per chi volesse commentare...questa NON E' e non vule essere una querra di religione... ;)
Infatti non si capisce perchè le RAM per il Mac Mini o per i MacBook costino il 50% in più degli equivalenti "generici" a parità di caratteristiche.

Forse l'assistenza costa di più per la minor diffusione della piattaforma (non dimentichiamolo) e quindi per la "rarità" di trovare tecnici formati per metterci le mani. Con macchine progettate e realizzate ad hoc è sempre complicato, ricordo che solo per aprire i PC Olivetti degli anni 90 ci voleva un sacco di tempo per scovare le viti e gli incastri ed era solo la prima parte del lavoro, poi c'era da districarsi nei componenti interni. Senza contare che all'epoca le riviste di informatica aprivano le macchine quando facevano le recensioni.
[QUOTE]
Funziona! Mi ero dimenticato di quella dannata checkbox nelle firme.

Ti pago una birra! Grazie!
[/QUOTE]
alla prossima conferenza!! ahahha
Io per lavoro uso Windows (da anni ormai), abbiamo saltato Vista a piè pari ed anche Seven non è ancora stato adottato. A casuccia ho sempre preso un PC, lo conosco e costa molto meno, per rivitalizzare i vecchi modelli ho sempre montato Linux (oggi uso Ubuntu) funziona molto bene e generalmente usa meno risorse.
Sinceramente credo che la scelta dipenda molto dal sw che si usa per lavorare.
@spino
Mi sono spiegato male. Parlavo semplicemente di un pc con windows o altro sistema operativo (è indifferente) da rendere nuovamente produttivo, quindi, reinstallazione del sistema operativo, reinstallazione dei programmi, aggiornamento di entrambi, ripristino dei dati e riconfigurazione del pc (stampanti, rete, eventuali software client da interfacciare ai server, domini e chi più ne ha più ne metta).
Forse il mio ufficio è un caso particolare perchè ci sta tutto quello che ho elencato e l'intervento di un tecnico in grado di rimettere veramente le cose a posto è costoso.
Non facevo distinzioni tra Mac, Linux e Windows. Anzi, io sono tra quelli che ritengono che la scelta tra le varie soluzioni non si debba fare per "fede", a in base alle proprie reali esigenze.
Paolofast dixit:
'Nel frattempo ho voluto provare lo scrool "invertito"'

Ehmmmm... http://www.urbandictionary.com/define.php?term=scrool
... la n.3...
...ehmmm...
(NSFW)
Per Paolofast

Non volevo infierire... ma oltretutto su Snow Leopard!!!
:-)
ti pigliavi un netbook a prezzo di svendita con processore Atom e grafica Intel(per Linux) e poi ci piazzavi Ubuntu testing in dual boot con Win.
Era economico facile e con flash già disponibile nei repo di Ubuntu.
Inotre è possibile criptare integralmente tutto il sistema di Ubuntu o di Debian, tranne la partizione di boot ovviamente, cosa che per un portatile non è da trascurare ;)
sto andando a ritirare il mio Air, dopo quest'articolo mi sono convinto!!
se fosse stato un oggetto pessimo non l'avesti mandata a dire, quindi pur avendo criticato qualche aspetto, sopratutto di Lion, nell'insieme pare il prodotto sia valido!!!
grazie.
Per la sincronizzazione dei bookmarks io uso (e consiglio) l'uso dell'addon per Firefox chiamara Xmarks. Funziona benissimo, è facile ad usarsi e devo dire che mi ha cambiato la vita [solo chi passa tanto tempo al/i computer/s può capirlo ^_^]
Quello che non capisco, a parte i conti in tasca alle persone, è che molti insistono con il dire "sì, ma un pc costa meno perché vuoi spendere di più?". Solo a me sembra un risparmio apparente? Cioè, se dovessi ricomprare le licenze di tutti i software che uso attualmente anche per la controparte Microsoft quanto mi costerebbe alla fine un nuovo computer? Tralasciando poi i problemi di compatibilità, non credo che i progetti di Final Cut li puoi dare in pasto a Premiere o ad Avid...

@Spino:
Veramente io ho cambiato l'hdd da solo al mio iMac del 2007 e non è stato difficile, in più si trovano in rete ottimi tutorial passo passo...
Quando dicono "movimento naturale", non intendono "naturale per gli utenti pc storici", intendono naturale nel senso del termine: naturale. Se sulla scrivania hai un foglio di carta e con due dita scorri sul foglio, questo seguirà il movimento delle dita. Ergo: con il nuovo scroll si vuole portare al centro dell'attenzione il documento in sè, non le scrollbar.
Anche se, devo ammetterlo, io stesso odiavo il nuovo scrolling inizialmente. Ora lo trovo molto più naturale del classico, perchè muovo le dita pensando di avere davanti a me il vero documento.
@ Giuseppe:

Allora non capisco io: se il tutto è indipendente dalla piattaforma, se comunque dovrai perdere tempo a settarla per i tuoi utilizzi... qual'è il vantaggio nel comprare una macchina nuova?

@ Lorenzo:
Quello che non capisco, a parte i conti in tasca alle persone, è che molti insistono con il dire "sì, ma un pc costa meno perché vuoi spendere di più?". Solo a me sembra un risparmio apparente? Cioè, se dovessi ricomprare le licenze di tutti i software che uso attualmente anche per la controparte Microsoft quanto mi costerebbe alla fine un nuovo computer? Tralasciando poi i problemi di compatibilità, non credo che i progetti di Final Cut li puoi dare in pasto a Premiere o ad Avid...

Forse non sono stato chiaro... Paolo ha detto che ha preferito spendere 400 euro in più per il MBAir per via delle presentazioni in Keynote.
Il che è pacifico.
Quello che sottolineo io è che il fatto che le presentazioni di Keynote non siano esportabili agevolmente (o magari non lo sono affatto, non so) NON E' UNA FEATURE! :D
E' un difetto, una mancanza, chiamala come vuoi.

Se, a monte, si scelgono strumenti multipiattaforma, a valle si ottiene una libertà di scelta del computer su cui usarlo.

Se al contrario ti leghi a strumenti proprietari, non è che "hai scelto" di spendere quei 400 euro in più: semplicemente non potevi fare altrimenti!!! :)

Sottolineo anche che si parlava di "tempo per ripristinare la macchina per essere operativa..."

E non è che questo cambi, comprando un PC nuovo: Dovrai sempre perdere tempo a reinstallare i software che ti servono, a prescindere dal SO.

E per quanto riguarda l'HDD da cambiarsi da soli: Non so' l'iMac del 2007, ma su quelli del 2009 e oltre serve l'attrezzo apposito per rimuovere il vetro.

Ma, a prescindere, prima dite che su Mac la pappa è tutta pronta, poi tu mi dici che per cambiare un HDD basta "nerdare" su google per trovare le guide? e allora che differenza c'è con uno smanettone qualsiasi? :D

PS:
Da fonti CERTE so che uno dei maggiori guadagni degli Apple Store sono i Genius Bar e le One To One ("lezioni" personali): ci sarà un motivo? ;)
@spino
Allora non capisco io: se il tutto è indipendente dalla piattaforma, se comunque dovrai perdere tempo a settarla per i tuoi utilizzi... qual'è il vantaggio nel comprare una macchina nuova?

Nel mio ufficio il prezzo d'acquisto del pc (non di tutti, per fortuna) non è il costo maggiore da sopportare. E' più costosa la sua configurazione perchè non si tratta di computer che servono solo a scrivere una lettera o a visualizzare una presentazione. Nel mio caso, i pc si cambiano se la perdita di tempo-uomo diventa rilevante in rapporto al prezzo per la sostituzione o se la riparazione comporta anche riformattare (fatta eccezione per un pc che si guasti nel primo anno di vita).
Il mio capo attende con ansia la possibilità di virtualizzare le macchine più critiche con vsphere o simili. Per ora non è possibile perché, da quello che so, ancora non è supportata l'accelerazione grafica e noi ne abbiamo molto bisogno.
@Spino:
per rimuovere il vetro dell'iMac è bastato usare una comunissima ventosa, visto che si regge con due calamite poste ai lati, suppongo sia rimasto così anche per quelli più recenti :)
Spino: non mi pare particolarmente furbo richiedere un attrezzo speciale per aprire un computer :D

O meglio, lo è per chi fa assistenza.

Dopotutto Apple l'ha sempre fatto, a partire dalle viti Torx, passando dalle porte DVI personalizzate. Non è peraltro l'unica azienda a fare di queste cose..
@ lorenzo:

Sono sicuro basti una ventosa. Però se io avessi speso 2000 euro per un pc, ci penserei 50 volte prima di farlo. Che è quello che mi ha risposto il mio amico. :D

@ Lupo:
Vedi sopra. :)

@ Giuseppe:
...Mi sembra che stiamo dicendo la stessa cosa :) Nel caso di Paolo, l'unica "differenza" era dover eventualmente riconvertire i suoi lavori per una piattaforma diversa. Problema che sarebbe nullo se si utilizzassero strumenti multi piattaforma.

Usando strumenti che girano solo su OSX, come ho detto, non si tratta di scegliere se prendere un utrabook o un mbair: la scelta è obbligata :)
comunque, direi di chiuderla qui... ;)
Interessante questo blog. io sono partito dal 286 con dos passando dai vari windows fino alla mia prima distro linux una debian 2. Ora uso un hp dv3 con quad core windows 7 e ubuntu. Ma mi sto decidendo ad aquistare un macbook air 11 inch per diverse ragioni. A suo tempo ebbi l'eee pc della asus che usavo come macchina primaria (ci feci programmazione scientifica con octave e ci scrissi anche un articolo scientifico) ma aveva grossi difetti. Sin da allora desideravo una macchina potente ma piccola e silenziosa come l'eee pc. L'hp che uso ora è estremamente potente ma pesa troppo, scalda tantissimo. Il macbook air è perfetto. piccolo e leggero e potente. Geekbench sull'air (ho fatto il test in un macbook store) mi da un punteggio sui 6000 punti mentre il mio hp sotto i 6000. Lo schermo da 11 pollici ha la stessa risoluzione dello schermo da 13 pollici dell'hp. l'air è estremamente silenzioso e non scalda. l'ssd dell'air da incredibili prestazioni. Il mio hp con ubuntu va molto bene ma mi serve un sistema piú portabile. Per natale penso poi di prendere anche il display da 27 pollici thunderbolt che è in effetti una vera e propria docking station. penso che per ora la apple sia in vantaggio. ho considerato anche l'asus ux21 ma chissá quando arriverá sul mercato e poi non sopporterei ancora windows e non ho nessuna sicurezza che tutto l'hardware sia supportato da linux. In alcuni casi ancora ora ubuntu necessita di smanettamenti che un normale utente non puó affrontare (parlo dell'ultimo ubuntu 11.10). ps la nuova interfaccia ubuntu è dannatanente simile a quella di mac os x lion.....
Senza intenti polemici e con molto ritardo faccio questa domanda (chiedo scusa se quanto scrivo mi farà apparire come un provocatore): ma cosa succede alle persone quando acquistano un prodotto della Apple?
Lo chiedo perché non riesco a darmi una spiegazione di come una persona razionale come te, abituato ad andare a fondo ad ogni questione, a porsi mille dubbi, possa fare poi delle scelte così irrazionali.
Mi spiego: a casa ho tre computer; quello che uso di solito per "lavoro" (da leggere: per le mie occupazioni nel tempo libero) è un portatile Acer aziendale (l'ente per cui lavoro me lo dà per consentirmi interventi tecnici da remoto) di gennaio 2007. Ora, da esperto del settore non comprerei MAI un PC Acer e men che meno un portatile o netbook. Come esperienza diretta con quest'ultimo prodotto ho bestemmiato ogni giorno per la pessima qualità dela manifattura.
Ad oggi ho: la spina dell'alimentatore rotta (corretta personalmente con pezzotto artigianale), due piedini di sostegno persi (il che peggiora la ventilazione e alza la temperatura), tasto freccia in giù saltato e tanti altri piccoli particolari che me lo fanno odiare.
Tutto questo per dire cosa? Che il portatile di cui ti parlo "ha fatto la guerra", l'ho usato come PC principale di lavoro per quasi 3 anni (10 ore al giorno in attività da programmatore), portandolo su e giù per l'Italia una cinquantina di volte. In più, da quando è stato a casa è stato usato di continuo dalle mie figlie e ti lascio immaginare la delicatezza con cui bambine di 3 e 5 anni (all'epoca) possono trattare un PC. E questo portatile costava all'epoca 799 €. E funziona ancora!
Ora, se io avessi speso più di mille euro per un portatile per vedermi lasciare definitivamente dopo meno di quattro anni io come minimo andre ai Cupertino con una bazooka a fare una strage di dipendenti Apple (scherzo, ovviamente); invece tu, con la stessa tranquillità e razionalità con cui discetti di debunking, entri in un negozio e riacquisti un prodotto Apple. Che dire? È difficile distinguere te che discuti di Apple da Mazzucco che parla di 11 settembre (sì, il paragone è forte, ma quando ci vuole...)
Cpaolo,

tu, con la stessa tranquillità e razionalità con cui discetti di debunking, entri in un negozio e riacquisti un prodotto Apple

Certamente. Perché mi rendo conto degli svantaggi e dei costi, ma quando faccio il bilancio delle alternative, Apple rimane la soluzione meno peggiore.

Considera, inoltre, che tutti gli altri Mac che ho sono ancora perfettamente operativi. Il mio primo, un iBook, è ancora qui che lavora sulla mia scrivania. Dal 2005. E considera che l'ho usato talmente tanto che aveva la tastiera lisa (caratteri scomparsi).

Il MB Pro è un incidente di percorso, insomma. Costoso, certo, ma pur sempre meno costoso delle ore passate a litigare con Windows e dei mesi che ci metterei a convertire tutte le mie presentazioni. Per non parlare dei montaggi in Final Cut: quelli non si convertono, punto e basta.
Quindi, in sostanza sei "costretto" a rimanere con una marca e un OS anche se potresti tranquillamente fare le stesse cose con un altra, che magari costa meno, perchè sei vincolato dai programmi che hai usato. Questa cosa non dovrebbe succedere...

E' lo stesso problema che c'è con le fotocamere: sei vincolato alla scelta iniziale.

Dimenticavo: il fatto che ci sia "da litigare con Windows" ormai dev'essere argomento di questo blog: è una bufala. ;)
Paolo,

E considera che l'ho usato talmente tanto che aveva la tastiera lisa

Quindi è in onore di questa tastiera che hai deciso di chiamare così una delle tue figlie? :-D
@ Ivan e Lupo:

Standing ovation! :)

il fatto che ci sia "da litigare con Windows" ormai dev'essere argomento di questo blog: è una bufala.

....frase del giorno :)
[quote-"Il Lupo della Luna"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/10/recensione-veloce-macbook-air-2011-mac.html#c6017930094513191105"]
Quindi, in sostanza sei "costretto" a rimanere con una marca e un OS anche se potresti tranquillamente fare le stesse cose con un altra, che magari costa meno, perchè sei vincolato dai programmi che hai usato. Questa cosa non dovrebbe succedere...

E' lo stesso problema che c'è con le fotocamere: sei vincolato alla scelta iniziale.

Dimenticavo: il fatto che ci sia "da litigare con Windows" ormai dev'essere argomento di questo blog: è una bufala. ;)
[/quote]


e ironicamente è anche ciò contro cui lo stesso Paolo ci mette in guarda da almeno un decennio! :-P
C'era una cosa che mi ronzava in testa in questo articolo, ma non riuscivo a ricordare che cosa... adesso sì!

Ma per l'uso che ne faccio io è uno scambio vantaggioso: niente peso del masterizzatore, un processore comunque più che sufficiente per quello che devo fare (regge senza problemi il riconoscimento vocale di Dragon Dictate 2.5),

E pensare che una volta avevi per forza bisogno di Windows XP per far girare il riconoscimento vocale!
(ma con XP SP2 avevi dovuto litigare, checché ne dica il nostro amico Lupo!)
E pensare che una volta avevi per forza bisogno di Windows XP per far girare il riconoscimento vocale!

Vero. Come cambiano i tempi... :-)


e ironicamente è anche ciò contro cui lo stesso Paolo ci mette in guarda da almeno un decennio! :-P


Infatti. Il lock-in è una brutta bestia. Purtroppo sotto Linux non c'è nulla di decente in questo campo.
Hammer ha detto...

Paolo,

E considera che l'ho usato talmente tanto che aveva la tastiera lisa

Quindi è in onore di questa tastiera che hai deciso di chiamare così una delle tue figlie? :-D




[MODO DEMENTE ON]

Mentre quando l'iBook era nuovo la tastiera era Linda

[MODO DEMENTE OFF]


Perdonatemi, siamo quasi a venerdi' e sono suonato...
@ Van Fanel:
ma con XP SP2 avevi dovuto litigare, checché ne dica il nostro amico Lupo

Beh, immagino si riferisse a tempi più recenti :)
eSSe,

Mentre quando l'iBook era nuovo la tastiera era Linda

Ti stringo la mano, bellissima! E degno completamento della mia.
Ti stringo la mano, bellissima! E degno completamento della mia.

Della tua mano? :-)

Non sapevo che eSSSe avesse delle bellissime mani.
stiamo degenerando :-P
Fabrizio: guarda, con Seven ci ho fatto cose che con XP (e manco con 2k) mi sarei sognato, tipo installarlo su una macchina, usarlo un pò, smontare il disco e rimontarlo su una TOTALMENTE DIVERSA, accendere il tutto e trovarmi 5 minuti dopo il sistema perfettamente funzionante senza dover installare nulla (e avendo solo l'accortezza di collegare un cavo ethernet attaccato al router con DHCP). Farlo con XP sarebbe stato quantomeno arduo.
Possiamo iscriverci al campionato del mondo di umorismo. Vittoria assicurata.
Possiamo iscriverci al campionato del mondo di umorismo. Vittoria assicurata.

Sì, per gastrospasmo degli altri concorrenti :-)

Ma questa Vittoria chi è?
@ Lupo:

Uso Windows Seven a casa da quando uscì la prima beta pubblica.

Soddisfattissimo, mi hanno inserito in un gruppo di persone che ricevettoro AGRATISE la versione ULTIMATE del SO, ma ero comunque così soddisfatto da aver già preparato i dindini per comprarla :)

Windows 8 sembra seguire le orme.

Su Vista, invece, confermo tutte le maledizioni degli utenti...lo utilizzo in ufficio ed è una vera mer*a :)
Ma questa Vittoria chi è?


Mah, se fosse questa, ci si potrebbe fare un pensiero

http://www.qnm.it/bellezze/attrici_italiane/vittoria_puccini/vittoria_puccini_1264722478.jpg
Dal che la vecchia barzelletta.

Un giovane ufficiale, al ritorno in città al termine della Grande Guerra, deve subito partecipare a un ricevimento di gala. Lì incontra una signora che, affascinata dalla divisa, inzia ad attaccar bottone.
Gli fa: "Sa come mi chiamo? Io porto il nome di quella cosa a cui lei ha sempre pensato nelle lunghe notti di guerra"
"E cioè?"
"Mi chiamo Vittoria"
"Ah. Credevo Bernarda".
@Paolo Attivissimo: ecco, quindi c'erano altre esperienze di successo che ti hanno spinto a questa scelta, oltre che la dipendenza da un particolare programma.
Francamente continuo a dubitare della bontà della scelta: le limitazioni da te descritte sono davvero tante. La questione USB è davvero grave: quando sei a casa devi occupare una porta per il adattatore ethernet e uno per il mouse (parlo per me: con il touchpad non riesco a lavorare) e poi? Monti un hub? Davvero antiestetico.
Per Windows hai ragione: infatti a casa abbiano 3 pc Linux only (e aggiungici pure i cellulari con Android per l'en-plein). Purtroppo non faccio montaggi video (se non dei filmini delle vacanze) né ho usato mai FinalCut per cui non posso dirti quanto programmi con OpenShot siano adeguati ai tuoi scopi.
Cpaolo,

Francamente continuo a dubitare della bontà della scelta: le limitazioni da te descritte sono davvero tante. La questione USB è davvero grave: quando sei a casa devi occupare una porta per il adattatore ethernet e uno per il mouse (parlo per me: con il touchpad non riesco a lavorare) e poi?

No. È una macchina da viaggio. Quando sono a casa non la uso, se non per brevi periodi e per le installazioni. Se la uso, è connessa via Wifi (quindi niente Ethernet) e uso il touchpad (quindi niente mouse.

Non credo che un Air sia la macchina *unica* ideale (nel senso di computer tuttofare da usare come unica macchina di lavoro), ma è un ottimo ultraportatile da viaggio.

Per il mio lavoro, che comporta frequenti spostamenti nei quali devo avere con me un laptop, è ideale. Caro, ma ideale :-)
Alla fine ho optato per il 13 pollici air con il core i7 256 gb di hd. Ho la ssd samsung e anche lo schermo è samsung. sono passato da un quad core i7 prima generazione a questo dual core i7 seconda generazione. il vecchio portatile ha 8 gb di ram e questo ne ha 4. Non c'é alcun dubbio che questo laptop della apple non è solo esteticamente piú bello ma é estremamente piú veloce del vecchio. nel vecchio avevo sia windows 7 che ubuntu. Programmo in matlab per fini scientifici al lavoro e a casa e questo piccolo portatile è sorprendente. ho installato matlab, gimp, inkscape, eclipse, ms office e tutto funziona molto bene. non torneró mai piú ai pc e a win. Linux è ancora anni luce indietro purtroppo. Se non si considerano isoldi questo é un laptop da comprare. se i soldi sono il fattore limitante allora comprate un pc ma non fate paragoni con questo. Questo il parere di una persona che ha sempre usato linux da anni su svariati pc. Mac os x é un sistema operativo estremamente ottimizzato.
Ivan
Riguardo al prezzo eccessivo io vivo in svizzera e qui costa sui 1699 franchi (circa 1500 euro) in italia costa sui 2000 euro stessa configurazione.
Io se vivessi in Italia non lo comprerei. Qui in svizzera costa come cambiare da dollaro a franco. In italia invece il prezzo è supermaggiorato. Di chi è la colpa? Mi piacerebbe che qualcuno si informasse su questo invece di demonizzare a priori un prodotto ottimo.
Saluti
ivan
Ivan... in Italia qualsiasi prodotto Apple è importato e venduto da Apple Italia...di chi dovrebbe essere la colpa?
[quote-"ivan1975"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/10/recensione-veloce-macbook-air-2011-mac.html#c3977855249682250921"]
Riguardo al prezzo eccessivo io vivo in svizzera e qui costa sui 1699 franchi (circa 1500 euro) in italia costa sui 2000 euro stessa configurazione. Qui in svizzera costa come cambiare da dollaro a franco. In italia invece il prezzo è supermaggiorato. Di chi è la colpa?
[/quote]


Ivan in Svizzera un MacBook Air 13 256GB costa CHF 1,649.00 (€ 1,354) mentre in Italia costa € 1.512,00(Apple Store) ma compresa l'IVA al 21% contro l'8% di quella Svizzera.
Al netto dell'IVA in Italia costa ca CHF 4.- in meno :-)
Concordo sul fatto dell'iva al 21% (l'iva non la decide la apple) ed è vero in Italia è un prodotto costoso. Ma se faccio il paragone del mio mac book air con l'hp che ho preso un anno fa sempre qui in svizzera, entrambi hanno lo stesso prezzo. Da questo posso dire che qui in svizzera l'air non è un prodotto elitario. Da alcuni commenti è emerso che visto il prezzo alto questo è un prodotto elitario. Non lo è affatto. Ci sono PC che costano molto di più. Poi alcuni hanno scritto che con i loro pc che costano molto meno ci fanno le stesse cose. MI chiedo se questi hanno davvero provato l'air o se parlano solo a priori.
Lo dico perché pure io ero contrario a comprare un apple computer e questo grazie ad una serie di pregiudizi che solo tali rimangono quando lo si prova. Non ho trovato nessun pc di queste dimensioni e con le stesse caratteristiche.
E' veramente veloce, incredibilmente veloce. Il mio quad core hp non regge il confronto in ogni comparto. Io uso il pc per calcolo scientifico. Usavo il quad core per alcuni calcoli (una notte di calcolo circa) e ho pari performance con questo portandomi dietro peró un chilo in meno. E si sente.
E' ultra silenzioso, non scalda come un tostapane, lo schermo è perfetto. Che abbia alcuni difetti? Beh per chi non ha dimestichezza con il terminale di unix si. Se si vogliono compilare programmi allora bisogna conoscere unix o linux. Se si vuole usare un hd esterno con ntfs o ext2/3 allora bisogna smanettare un po'. Ma ho settato questo computer in meno tempo rispetto ad una macchina con ubuntu.
Ho la posta sincronizzata automaticamente con gmail e pure ical.
Ho installato una VM giusto per provare il nuovo ubuntu sulla macchina e subito sono tornato a mac os x.
Sono troppo entusiasta? Certamente si, in anni di informatica per la prima volta usa una macchina che fa esattamente quello che voglio e quello per cui l'ho comprata.
:)
Salve a tutti, ultimo aggiornamento sulle impressioni d'uso. Ho sempre pensato che il mouse fosse la migliore periferica in termini di produttività rispetto al touchpad ma mi sono dovuto ricredere. Con il multigestures e la sensibilità del touchpad dell'air la produttività é davvero vicina all'uso del mouse, anzi usando fogli di excel per esempio il mouse è più lento perché con il touchpad posso scorrere i fogli orizzontalmente e verticalmente con un semplice gesto contemporaneamente. Bello in treno lavorare su grandi fogli di excel senza dover usare il mouse. Per il resto mi sembra una buona macchina. La batteria dura davvero tanto. Mi dimentico che la sto usando.
[quote-"Paolo Attivissimo"-"/2011/10/recensione-veloce-macbook-air-2011-mac.html#c3131750879791033755"]
Suz,

ma la domanda hai maccari è: quanto incide l'uso del terminale sul sistemare la macchina?

Cos'è una domanda "hai maccari"? E' slang arabo?
[/quote]

Beh, in DeepCon abbiamo un numero di Maccari variabiel fra zero e due.