skip to main | skip to sidebar
44 commenti

Dopo 40 anni, finalmente nuove immagini in diretta dalla superficie della Luna

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “jolek78” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.


Quello che vedete qui sopra è un montaggio molto accelerato di alcuni fotogrammi tratti dalla diretta televisiva dalla superficie della Luna di oggi, che ha mostrato l'atterraggio della sonda robotica cinese Chang'e 3 e del suo passeggero semovente, il veicolo teleguidato Yutu. Le immagini mostrano proprio la discesa di Yutu dalle rampe di Chang'e.

Fantastico. Erano 37 anni che nessuno effettuava un atterraggio morbido sulla Luna: gli ultimi erano stati i russi, con la sonda automatica Luna 24, il 22 agosto 1976. L'ultimo veicolo semovente sulla Luna risale a quarant'anni fa: merito di nuovo dei russi, con la sonda Luna 21 e il rover Lunokhod 2, atterrati il 16 gennaio 1973. Dal 4 giugno 1973, quando il Lunokhod 2 ha inviato l'ultima di oltre 80.000 immagini televisive, nessuno ha più ottenuto immagini della Luna con un veicolo situato sulla sua superficie. È un successo notevole per il programma spaziale cinese, non solo come dimostrazione di competenza tecnologica ma anche come occasione di prestigio internazionale.

Ai lunacomplottisti non piacerà il fatto che anche nelle immagini cinesi mancano le stelle e che la superficie lunare vista da Chang'e 3 corrisponde, per struttura e illuminazione, a quella mostrata nelle foto degli sbarchi lunari delle missioni Apollo, ma pazienza.


Immagine trasmessa in diretta durante la discesa. Credit: CNTV.

Mi prude la tastiera, ma devo arrendermi al fatto che mi manca il tempo di scrivere un articolo dettagliato, per cui posso soltanto segnalarvi alcuni dei migliori articoli e riferimenti tecnici che ho trovato sull'argomento:


Infographic: Details of China's Chang'e-3 moon lander and rover.

Source: SPACE.com: All about our solar system, outer space and exploration.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (44)
Ai lunacomplottisti non piacerà il fatto che anche nelle immagini cinesi mancano le stelle e che la superficie lunare vista da Chang'e 3 corrisponde, per struttura e illuminazione, a quella mostrata nelle foto degli sbarchi lunari delle missioni Apollo, ma pazienza.

Quella è prova che anche i cinesi sono parte del complotto, anzi per quel che ne sappiamo la cina potrebbe benissimo essere uno stato inventato dagli illuminati e spacciato per verità grazie al loro controllo dei media e degli storici "ufficiali", gli immigrati cinesi altro non sarebbero che infiltrati rettiliani che la usano come copertura per spiegare la propria provenienza.
Kubrick è ancora vivo?
Ed ecco puntuale il lancio giornalistico farlocco. Secondo quotidiano.net la sonda fa 200 km/hhttp://qn.quotidiano.net/curiosita/2013/12/14/996770-cina-sonda-spazio.shtml
Notizia magnifica, ma non essendomi particolarmente simpatici mi rode che siano stati i cinesi a farlo, però la scienza è scienza e bandiera dovrebbe passare in secondo piano. Dovrebbe.
Notizia magnifica, ma non essendomi particolarmente simpatici mi rode che siano stati i cinesi a farlo, però la scienza è scienza e bandiera dovrebbe passare in secondo piano. Dovrebbe.
>"Ai lunacomplottisti non piacerà il fatto che anche nelle immagini cinesi mancano le stelle e che la superficie lunare vista da Chang'e 3 corrisponde, per struttura e illuminazione, a quella mostrata nelle foto degli sbarchi lunari delle missioni Apollo, ma pazienza."

LOL !!!
Comunque i lunacomplottisti-teste-di-ca*** sono talmente imbecilli che inizieranno a dire che i cinesi si sono fatti prestare il set televisivo dalla NASA.
Diranno che anche i cinesi non sono andati sulla luna...
Fantastico… E pressoché ignorato dalla stampa…
"Ai lunacomplottisti non piacerà il fatto che anche nelle immagini cinesi mancano le stelle e che la superficie lunare vista da Chang'e 3 corrisponde, per struttura e illuminazione, a quella mostrata nelle foto degli sbarchi lunari delle missioni Apollo, ma pazienza."

"I cinesi copiano tutto: si vede che hanno copiato pure il set dove gli americani avevano inscenato lo sbarco sulla luna"!!! ;-D

E' una splendida notizia con cui iniziare la giornata (più o meno come l'altra mattina quando ho acceso la radio e ho sentito Luca Parmitano che cantava con Jovanotti e Fiorello), una di quelle che dà una luce nuova sul mondo.
Ma no, non essere ingenuo, si vede che è stato tutto girato a Pechino! ;) :D
I luna complottisti diranno ovviamente che anche queste immagini sono state girate da kubrick che per l'occasione è stato richiamato dall'isola dove vive insieme a john lennon, michael jackson e ovviamente Elvis.
Devono aver usato lo stesso set cinematografico :D
Grazie per questo ottimo articolo.
Esso mi suscita un dubbio. Premetto di non essermi documentato altrove e di usare questo post come fonte primaria della notizia.
Vedo che non ci sono link a video che documentino in modo più diffuso l'allunaggio della sonda e la sua successiva attività.
Se esistono tali video, è possibile aggiungere qualche link?
Se tali video non sono disponibili... è possibile che nel 1969 avessimo una quantità incredibile di documentazione cinematografica, e che nel 2013 abbiamo solo una gif animata? Come si spiega ciò? Pechino non ha il massimo interesse a divulgare documentazione che dimostri la veridicità della missione? (il fatto che non sia una missione umana conta relativamente: v. la documentazione-foto-video di curiosity)
Infine, una domanda amichevolmente provocatoria: se dovessi scrivere un libro del tutto equivalente a "Luna?" rivolto però a dimostrare che questa missione cinese non è un fake ma è avvenuta davvero, il debunking ti risulterebbe altrettanto fattibile, oppure verrebbero dei dubbi anche a te?
John T.,

la missione Chang'e 3 ha avuto l'assistenza dell'ESA per la telemetria.

Difficile sospettare che l'ESA faccia parte di una messinscena cinese.

A parte questo, se fai un attimo di ricerca trovi che la documentazione di tutte le fasi di lancio, volo, atterraggio di Chang'e 3 è abbondante e dettagliata. Non c'è nessuna possibilità ragionevole che sia una messinscena.

Il fatto che i media generalisti pubblichino poco sul tema non vuol dire che ci sia poco di pubblico.
Preciso che non credo assolutamente alla teoria della messinscena, però ciò non mi esime dallo scetticismo "di default" che deve caratterizzare chi ha spirito critico.

la missione Chang'e 3 ha avuto l'assistenza dell'ESA per la telemetria.

Vorrei capire meglio però qual è stato il ruolo dell'ESA: ha solo fornito dati, o ha avuto una funzione attiva di assistenza durante la missione?

Il fatto che i media generalisti pubblichino poco sul tema non vuol dire che ci sia poco di pubblico.

Per nostra fortua però tu non sei un media generalista! Potresti quindi inserire tu qualche link a documentazione attendibile, immagini e video della missione, senza ulteriori ricerche da parte tua: la stessa documentazione su cui hai basato il tuo post, a mo' di biblio-sitgrafia. Ciò completerebbe perfettamente il tuo articolo.
Non so in quanti hanno colto una chicca. Il rover si chiama Coniglio di Giada. Credo che sia un riferimento alla leggenda del coniglio lunare[1]: secondo una leggenda cinese la figura sulla luna non è una faccia, ma un coniglio. E ci e' stato portato dalla dea Chang'e :-)

[1] http://it.wikipedia.org/wiki/Coniglio_lunare
John T,

ciò non mi esime dallo scetticismo "di default" che deve caratterizzare chi ha spirito critico.

D'accordo, ma il dubbio a oltranza porta alla paralisi. In certi casi si può andare tranquilli.


Vorrei capire meglio però qual è stato il ruolo dell'ESA: ha solo fornito dati, o ha avuto una funzione attiva di assistenza durante la missione?

Ho aggiunto un po' di link che spiegano la questione.


Per nostra fortua però tu non sei un media generalista! Potresti quindi inserire tu qualche link a documentazione attendibile, immagini e video della missione, senza ulteriori ricerche da parte tua: la stessa documentazione su cui hai basato il tuo post, a mo' di biblio-sitgrafia. Ciò completerebbe perfettamente il tuo articolo.

Fatto!
Vorrei capire meglio però qual è stato il ruolo dell'ESA: ha solo fornito dati, o ha avuto una funzione attiva di assistenza durante la missione?.

A quanto mi risulta ha supportato le comunicazioni attraverso l'Estrack Network ma non ha alcun coinvolgimento nella missione. Semplicemente la Cina non dispone di un network in grado di coprire tutto il globo e quindi si è rivolta ad ESA.

Le collaborazioni ESA-CNSA sono destinate ad aumentare, anche a causa del fatto che gli USA hanno "offeso" i Cinesi negando loro, stupidamente, qualsiasi possibilità di accordo e collaborazione. Un'atteggiamento antistorico e miope che si ritorcerà rapidamente contro di loro. In 15-20 anni la Cina sarà in grado di ripetere le missioni Apollo. E' scritto nei loro obiettivi di lungo termine.

Da un altro punto di vista un'occasione storica di scatenare un maggiore interesse nello spazio negli USA e in Europa, dopo il periodo di relativo assopimento seguito alle missioni Apollo e allo sviluppo dello Space Shuttle. Gli USA mantengono ancora la leadership di parecchie lunghezze, ma è una questione di tempo. Se dovessi scommettere su qualcosa direi che prima o poi i Cinesi dovranno essere integrati nei programmi spaziali di tutte le altre grandi potenze. Così non si può continuare. Ma gli USA hanno bisogno di un progetto in grado di eccitare il pubblico, qualcosa di nuovo, affascinante, quasi fantascientifico. Per il governo USA la paura di essere scavalcati dai "cinesi" potrebbe rappresentare l'occasione perfetta per far passare una nuova politica spaziale. Vedere un robot sofisticato inviare foto dalla superficie lunare è il segno che non c'è tempo da perdere.
Perfetto, grazie!
Un'atteggiamento antistorico e miope che si ritorcerà rapidamente contro di loro.

Un americano ti risponderebbe: "Fa niente, noi non vogliamo scendere a patti con una dittatura."
Giusto o sbagliato che sia, è un criterio anche quello.
Un americano ti risponderebbe: "Fa niente, noi non vogliamo scendere a patti con una dittatura."
Giusto o sbagliato che sia, è un criterio anche quello.
.

Ma sai, anche l'URSS era una dittatura. E scendere a patti con quella dittatura ha sicuramente contribuito a farla crollare costringendola a vedere cosa c'era di là dal muro.

Comunque il problema non è assolutamente questo. E' un problema di sicurezza nazionale, non di difesa della democrazia. Infatti molte potenti dittature sono ottimi alleati degli USA o lo sono stati. Gli USA hanno ritenuto in passato di poter trattare così con nemici molto più deboli e arretrati. Ma la Cina è differente. La Cina ha il potenziale per SUPERARE gli USA sia economicamente che tecnologiamente (anche se non avverrà tanto presto). E allora una strategia di chiusura può essere un grave errore.

Il problema di fondo è capire se una chiusura frontale favorisca il progresso tecnologico di un paese comunque efficiente e pieno di risorse come la Cina più o meno di una collaborazione. Gli USA sono costretti ad isolare la Cina a causa dell'ITAR, ma ti assicuro che a parte una minoranza di fanatici, molti degli americani (intendo soprattutto quelli che hanno voce in capitolo) venderebbero la moglie per buttare a mare quel trattato e collaborare. Il problema è che ormai potrebbe essere troppo tardi (almeno, ho sentito voci in questo senso da fonti affidabili). Ormai è la Cina a non vedere un accordo con gli USA conveniente per lei. Ci sono altri potenziali partner, come ESA, o la Russia, cui potrebbe convenire avviare una collaborazione.
pgc: "venderebbero la moglie per buttare a mare quel trattato e collaborare. "

sessimo istintivo di ritorno, Scusate! "...o il marito. A seconda del sesso e delle preferenze sessuali." :)
domanda stupida... perché non hanno scelto gli stessi siti di allunaggio americani? sarebbe stato interessante valutare lo stato di conservazione di quanto lasciato in precedenza a distanza di anni, magari qualcosa potrebbe essersi spostato a causa di micro terremoti o chissà, le sorprese sono sempre dietro l'angolo quando si studia qualcosa che non si conosce bene..
sessimo istintivo di ritorno, Scusate!

Scusate de che? Almeno qui stiamo lontani dal politicamente corretto, suvvia.


Ma sai, anche l'URSS era una dittatura. E scendere a patti con quella dittatura

Mah, ero giovane allora, ma ricordo che Reagan non scese molto a patti.
Chiudiamola qui perchè il thread è dedicato ad altro, a una grande impresa. Dedichiamola esplicitamente al popolo tibetano e godiamocela.
"domanda stupida"

IMHO non stupida, ma che considera un solo aspetto. Quando si seleziona un landing si fa una selezione considerando gli obiettivi che ci si pongono: scientifici, tecnologici, pratici, economici, e anche... politici. Andare a toccare un landing site USA sarebbe stato considerato un oltraggio. Sarebbe stato visto come un dispetto trasformando il successo di una missione cinese in un battibecco internazionale.

"Scusate de che? Almeno qui stiamo lontani dal politicamente corretto, suvvia."

sei libero di stare lontano dal politicamente corretto. Io invece lo considero un passo avanti e penso che la mia frase avrebbe potuto giustamente suscitare qualche protesta: tra gli americani che contano non ci sono solo maschi e lesbiche.

"Mah, ero giovane allora, ma ricordo che Reagan non scese molto a patti."

L'Apollo-Soyuz Test Project è del '75. Reagan divenne presidente nell'81.

Comunque il punto importante è l'altro, quello che non è - ripeto - per "non venire a patti con una dittatura" che gli USA rifiutano la collaborazione con la Cina, ma per ragioni di sicurezza nazionale. Che è completamente diverso.
Ma dall'Europa un solo crash e nessun atterraggio? Ma che figura ci facciamo!
Ho iniziato a leggere e commentare dall'articolo sbagliato (quello del video sull'allunaggio).
Le battute sull'evoluzione della teoria del complotto non mancano (io avevo pensato ad un remake digitale della missione Apollo) quindi andiamo avanti.

Non sapevo della collaborazione ESA; chissà perchè ero convinto che i cinesi avessero voluto fare tutto in autonomia per dimostrare di essere indipendenti.
Alla fine il prevenuto, imbottiito di pregiudizi, sono io. Chiedo scusa. Non mi dispiace affatto che ci sia stato questo lavoro comune, seppur limitato alla telemetria. Lo scrivevo nel mio intervento precedente: non penso che l'ESA possa iniziare un programma di esplorazione diretta ma almeno che partecipi al gioco come assistente, come ente jolly che mette a disposizione le sue competenze a chi le richiede. Negare una collaborazione scientifica (quindi dichiaratamente pacifica) per motivi politici lo trovo così...così... irritante.

Lo so, non sto tenendo conto dei giochi di potere, dei rapporti di forza internazionali, delle sicurezze nazionali e di tutta quella roba lì (c'è da desiderare davvero un NWO che elimini queste grane) ma il mio orologio biologico fa tic tac e vorrei potere vedere il più possibile prima che cali il mio sipario.
TheKaraokeTube,

perché non hanno scelto gli stessi siti di allunaggio americani?

Perché in caso di avaria c'era il rischio di danneggiarli e/o contaminarli.
@ The KaraokeTube

Inoltre se ci fossero stati microterremoti da spostare gli oggetti, avrebbero già perso l'allineamento del retroliflettore posizionato per essere colpito dai laser da Terra...
noltre se ci fossero stati microterremoti da spostare gli oggetti, avrebbero già perso l'allineamento del retroliflettore posizionato per essere colpito dai laser da Terra....

Scusa Stu, ma non è così. Si tratta di un catadiottro, per cui variazioni anche ampie dell'orientamento non implicano la perdita di allineamento del raggio riflesso verso la sorgente.

Inoltre, di terremoti sulla Luna ("moonquake") ci sono eccome. Ne sono stati registrati di forti abbastanza da scuotere oggetti con il sismografo installato durante Apollo 16.

Ma in definitiva andare sui siti Apollo, a valle di tutto quello che si è imparato di astronautica e sulla Luna negli ultimi decenni, non avrebbe avuto un rationale sufficiente. Questo al di là dei problemi enormi che avrebbe creato politicamente. Per Chang'e 3 hanno semplicemente selezionato i siti dopo un'analisi delle immagini raccolte con Chang'e 1 e 2, selezionando un sito dove la densità di crateri che potessero creare rischi durante l'allunaggio era minimo. Ovviamente tra questi siti hanno scelto quello che promette di più per la scienza possibile con quel set di strumentazione.
Premesso che "tengo" moglie cinese e zia statunitense con relativo parentame in Asia ed America ( sono neutrale per motivi di famiglia ! :-) ) il fatto che gli USA rifiutino di collaborare con la Cina per questioni di sicurezza non è poi cosa così peregrina da un punto di vista prettamente geopolitico.
Negli anni della guerra fredda le missioni spaziali, oltre che per scopi scientifici, servivano per misurare il successo e quindi il prestigio del sistema politico economico capitalista vs. quello comunista, mentre da un punto di vista militare erano ininfluenti, strategicamente parlando... lo spazio appeno sopra le nostre testa era al massimo, per un breve tratto, il luogo dove sarebbero passati i vettori delle testate termonucleari delle due super potenze in caso di conflitto.
Oggigiorno, accantonati ormai i confronti ideologici, pensiamo però invece allo sviluppo dello spionaggio satellitare, alle tecnologie per aerei ipersonici ad altissima quota, alla concreta possibilità che l'orbita terrestre possa diventare un giorno un "campo di battaglia"...dareste un qualche vantaggio o facilitazione a muoversi nello spazio al vostro futuro competitor ?

Infine una riflessione storica.. è stato scritto nei commenti che gli USA scesero a patti con l'URSS ( scendere a patti si dice quando sei costretto ad arrenderti, non fu proprio così), anche collaborando in campo spaziale e ciò aiutò a far crollare il sistema comunista.
Francamente mi sembra di ricordare che Reagan negli anni '80 piuttosto alzò il livello del confronto, paventando anche le c.d. "guerre stellari" e che il sistema sovietico implose proprio perché non aveva i mezzi economici per rispondere... e le collaborazioni nel campo della stazione spaziale arrivarono dopo la fine della guerra fredda, non prima.
La missione congiunta Apollo-Soyuz del '75 fu simbolica, in un clima favorevole frutto di una periodica parentesi di distensione, tra due mondi che si guardavano solitamente in cagnesco... personalmente la ricordo soprattutto per il fatto che il comandante americano fu Deke Slayton, che -selezionato tra i Mercury Seven nel 1959 - riuscì a risolvere i suoi problemi cardiaci e finalmente ad andare, per la prima ed unica volta nello spazio, a 52 anni !
@ pgc

Alè... ennesima figuraccia... pive nel sacco... grazie...

:D
dareste un qualche vantaggio o facilitazione a muoversi nello spazio al vostro futuro competitor ?.

Andrea B., sono d'accordo con molte delle tue osservazioni (in particolare, intendevo "collaborare" più che "scendere a patti").

Quest'ultima tua frase però può essere riscritta in un altro modo:

non collaborare con un competitor è il sistema più efficace per esercitare un certo controllo su di esso e magari limitarne le mosse?

Molti, e io con loro, ritengono di NO. Altri, come il senatore repubblicano R. Wolf, ritengono di si. Incidentalmente, Wolf sembra confermare l'opinione di Martinobri che si tratti che la politica di isolamento nello spazio da parte degli USA verso la Cina sia dovuta ad una campagna per i diritti umani.

Molti altri invece ritengono che sia solo un modo di speculare politicamente sui contrasti con la Cina. Individuare un nemico è sempre stato, infatti, un argomento vincente per la destra. Ricordo infatti che la Cina resta il secondo trading partner degli USA, per volume di affari.

Secondo me il punto quindi è questo: collaborare con la Cina, che andrà COMUNQUE avanti, INDIPENDENTEMENTE dalla volontà di tutte le altre potenze,
aiuterebbe meglio a controllarne le mosse e a costringerla a evitare azioni sciagurate come la distruzione da terra del satellite FY-1C, che ha causato danni enormi all'industria aerospaziale.

Ricordo che recuperare terreno rispetto agli altri in qualsiasi campo tecnologico è molto più semplice che costruire ex-novo una tecnologia. Soprattutto quando hai a disposizione un alleato come la Russia, che ha un know-how enorme in materia aerospaziale.

Poi ovviamente mi rendo conto che si può arrivare a conclusioni diverse, ma francamente a me sembra che isolando la Cina finora non stia dando grandi frutti: sono sulla Luna con un mezzo automatico e sembrano in grado di arrivare molto avanti grazie alla quantita es-orbitante :) di denaro di cui dispongono.
sembrano in grado di arrivare molto avanti grazie alla quantita es-orbitante :) di denaro di cui dispongono.

Non voglio tirargliela, ma sembra che il colosso cinese cominci a zoppicare. Diversi economisti vedono dei segnali non molto confortanti per la finanza cinese.
Staremo a vedere. Spero vivamente di no, dato che una eventuale crisi economico finanziaria della Cina, avrebbe strascichi in tutto il mondo.

Con buona pace della lentiiiissima ripresa italiana...
Staremo a vedere. Spero vivamente di no, dato che una eventuale crisi economico finanziaria della Cina, avrebbe strascichi in tutto il mondo. .

Oh, questo è certo! Qui in Cile attendono tutti l'arrivo dell'onda lunga sull'economia locale, dovuta alla riduzione delle importazioni di metalli come il rame, su cui l'economia del Paese si fonda. Secondo le previsioni dovrebbe avvenire nel secondo quarto del 2014. Alcuni miei colleghi aspettano il momento per comprarsi casa...

Ma un conto è la cosa vista da un piccolo paese come questo o dall'Europa, un conto dalla Cina, per la quale si tratterà solo di una contrazione leggera della crescita, che continuerà comunque a galoppare a regimi che in Europa non conosciamo dal dopoguerra.
Wolf sembra confermare l'opinione di Martinobri che si tratti che la politica di isolamento nello spazio da parte degli USA

Preciso che la mia osservazione sul rifiuto di un regime dittatoriale riguardava l'americano della strada, non i politici. Sono troppo vecchio per pensare ancora che i governanti si muovano per gli Ideali.
@ pgc

Dici? Cerca "bolla immobiliare cinese". Il sospetto che si stia ripetendo quanto già successo in America con i Sub Prime preoccupa molti.
Niente di nuovo o già assodato, ma i segnali non sono dei migliori...

Qui un articolo de Il Sole 24 ore

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-06-09/locomotiva-cinese-entra-crisi-165844.shtml
@ pgc
"Vedere un robot sofisticato inviare foto dalla superficie lunare è il segno che non c'è tempo da perdere."

Non dimentichiamoci che su Marte c'è un SUV che scatta foto panoramiche ad alta definizione e che scala le colline.. ed è Americano.
Comunque spero che i cinesi diventino il nuovo motore della conquista spaziale. Né verrebbe fuori qualcosa di buono per tutti.

P.S. non sono filo-americano, ne tanto meno anti-americano, sono un'italiano schifato dai propri politici ;)
Stu,

le peggiori previsioni danno una crescita del GDP della Cina per il 2014 al 7.5%. Lo dice anche il Sole 24 ore.

In ogni caso il programma scientifico cinese non ha ancora raggiunto il livello che gli compete ma stanno agendo alla grande ovunque. Sono giovani, efficaci, concentrati sugli obiettivi. Piaccia o non piaccia (e a me non piace molto...) credono in quello che fanno esattamente come gli americani degli anni '60. Oggi negli USA la speranza di una "rivincita" secondo me sta tutta nelle nuove iniziative come Blue Origin e soprattutto SpaceX. Solo attraverso di loro si riuscirà a fare qualcosa di veramente innovativo in tempi ragionevoli. Il resto è diventato un baraccone incapace anche di decidere.
Pgc, lungi da me sminuire un 7, 5% di crescita annua. Averlo noi quel tasso...
Rimane comunque il fatto che la Locomotiva Cinese ha rallentato ed a quanto pare, per i primi problemi di carburante alle banche.

Sappiamo anche che è un pasticcio politico-finanziario che potrebbero gestire da soli, ma soli non sono. In congiunzioni economico-finanziarie come quelle odierne, una Cina in seppur lieve difficoltà ma che ostenta sicurezza e minimizza, agli investitori fa più paura del Babao...
Altro piccolo commento poi chiudo:
Nel piccolo mondo di Stupidocane avvengono associazioni casuali a volte ficcanti, altre meno.

Giusto stasera ho visto un documentario sui buchi neri. Più massiccia è la stella, maggiore sarà la velocità con cui brucerà e maggiore il buco nero che genererà.
Un'economia in rapida e disordinata crescita, se in un Paese di un miliardo di abitanti, potrebbe essere tanto veloce e ricca quanto devastante il collasso ed il conseguente buco economico.

Ci sono miliardi di buchi neri che vagolano nello spazio interstellare, ma la possibilità di esserne risucchiati è alquanto remota.

Molto più plausibile essere risucchiati nel vortice di un'economia in caduta libera...
Non dimentichiamoci che su Marte c'è un SUV che scatta foto panoramiche ad alta definizione e che scala le colline.. ed è Americano..

Certamente. Gli USA sono ancora molto avanti a cinesi e russi. E' immenso, e spesso sottovalutato e dimenticato, quello che gli USA fanno e sperimentano oggi. E non parlo solo di Curiosity.

Ma quello di cui discutiamo qui è la derivata. I Cinesi sono determinati e hanno il vantaggio di avere qualcuno davanti che gli ha aperto la strada e un potente collaboratore come la Russia. In più secondo me gli USA e gli europei si stanno un po' perdendo dietro a progetti non così "leading edge". Manca un catalizzatore. Forse qualcuno ricorderà che, nonostante io sia estremamente estasiato dall'ISS, da foto e filmini bla bla bla, penso che il gioco non sia valso assolutamente la candela, e che quei soldi potevano essere spesi meglio altrimenti (che non vuol dire non spesi in imprese spaziali come qualcuno mi ha accusato in passato di fare. Piuttosto il contrario!).

So che qui non è un'opinione molto popolare :). E qualcuno citerà il fatto che anche i cinesi stanno sperando la loro mini-ISS. Ma si tratta di un caso diverso. Loro non hanno la necessità di tenerla sempre occupata e non hanno costruito "castelli in aria" ma un piccolo laboratorio, Tiangong, per sperimentare anche questa tecnologia e le difficoltà che essa genera.

Quello che ha fatto l'occidente è di creare un falasterio gigantesco (e anche pericoloso) che sta assorbendo gran parte delle risorse senza un vero ritorno e, per soprammercato (scusate ma è sempre un piacere usare questa forma :) ), senza la possibilità di dire stop senza fare una figura di merda e buttare a mare - letteralmente - un capitale immenso.

IMHO, of course.

pgc
scoperta solo adesso...
https://www.google.it/url?sa=t&source=web&rct=j&url=http://www.youtube.com/watch%3Fv%3DPNsMhfvdPB8&ved=0CB8QtwIwAGoVChMI3o3z97jzxwIVAtcaCh0r1gxv&usg=AFQjCNFahvNL9OB0fo-9O868JcxkrheEFg&sig2=hKs8eAuqE7CFxUimY2y1-Q

la prima cosa che mi è venuta in mente è la famosa barzelletta del tizio che viaggiava in autostrada contromano...