skip to main | skip to sidebar
20 commenti

20 anni di PlayStation


Vent'anni fa veniva presentata la prima Sony Playstation. E il resto è storia, riassunta bene in questo video e celebrata dall'edizione speciale del ventennale, disponibile in soli 12.300 esemplari per tutto il mondo.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (20)
Ricordo ancora la meraviglia che scaturiva dallo scatolotto grigio, appena acceso, nei primi anni '90:
https://www.youtube.com/watch?v=oAhvQoLpvsM
Ecco un modo per dare un colpo al cuore ad una persona...sono passati così tanti anni?? Sigh...
12300 esemplari.
E' un numero che ha qualche significato?
Vedi cosa vuol dire essere malati di sicurezza informatica?
Se tu mi dici "PlayStation" io associo il rack di 200 PS3 usato per calcolare la prima collisione di certificati SSL.
Ecco un modo per dare un colpo al cuore ad una persona...sono passati così tanti anni?? Sigh...

mai avuta una console, quindi lo stesso effetto me lo fa pensare che sono gli stessi anni passati da quando ho comprato il numero 2000 di Topolino o sono andato al cinema a vedere "il re leone"...
Sono l'unico di questo blog che non ci ha mai giocato?
La prima volta che l'ho vista a casa di un mio amico ho esclamato: "Cazzo, i giochi sono su cd!"
Io avevo il MegaDrive per intenderci, e ho capito subito che era una rivoluzione, perché i videogiochi cessavano di essere un pezzo hardware e diventavano cd copiabili! :)

Insomma, una rivoluzione paragonabile alle musicassette vs vinili! :)
Martinobri, no siamo almeno in due.
Non ne ho mai avuta una (I giochi li avevo su pc, e prima del pc avevo una gloriosa Atari 2600) ma ricordo gli innumerevoli pomeriggi a giocarci a casa degli amici. La cosa curiosa è che la prima console con i giochi su disco fu la Sega CD, ma ebbe molto meno successo della Playstation: c'è chi dice che fu a causa del fatto che i dischi della Play erano facilmente copiabili :-)
Vent'anni, vent'anni ... vent'anni fa Banderas era un fascinoso vampiro, oggi parla con le galline meccaniche.

@martino
Sono l'unico di questo blog che non ci ha mai giocato?

Beh, io ci ho giocato una sola volta, nei tardi novanta, quando la vecchia sede del... stava in salita, in quel di Genova, ricordo che il gioco era "Tekken 3", contro una mia amica, e ho buscato un sacco di botte!

@Gwilbor
La cosa curiosa è che la prima console con i giochi su disco fu la Sega CD

E come dimenticare quella musichetta scema? "Mega cd, oh oh oh!".
LOL, "16 bit + 16 bit = ... e poi non diciamo niente sperando che vi immaginiate che faccia 32, visto che non possiamo dirlo perché non è vero!"
E invece la Playstation era a 32 bit per davvero, anche se ai ragazzini importava dei giochi e non certo dei bit (ma i geni del marketing devono sempre mettere negli spot qualcosa che dia l'idea di tecnologico, come il detersivo alla xibidibidite biomegapulente).
Mi sento male a pensare a quegli splendidi anni che non torneranno più. La PlayStation è il simbolo di quello che è stato presumibilmente il periodo più bello della mia vita :(

p.s. Paolo, vedo che oggi sei in via della Scala a Firenze, a qualche numero civico di distanza da dove mi trovo io. Purtroppo non posso venire a trovarti (anche perchè non sono socio Mensa), ma alzerò il livello di combattimento così che tu possa percepirmi.
c'è chi dice che fu a causa del fatto che i dischi della Play erano facilmente copiabili :-)

Io nemmeno l'ho mai avuta, ma un paio di amici sì e ricordo che i CD per copiare i giochi da PlayStation dovevano essere più scuri possibile (quelli originali, infatti, erano neri se non ricordo male) e la Play andava comunque modificata altrimenti riconosceva i CD non originali e non li caricava.
Uno dei due fortunati (per me) possessori di PlayStation era ben attrezzato. Aveva, infatti, un pc con un masterizzatore SCSI Plextor che costava più della Play con cui riusciva a copiarsi egregiamente i giochi. Alla fine ne aveva così tanti che si era ammortizzato il costo del masterizzatore e del pc.
@Unknown
ma alzerò il livello di combattimento così che tu possa percepirmi

Paolo è un rettiliano, mica un Saiyan ...
"c'è chi dice che fu a causa del fatto che i dischi della Play erano facilmente copiabili :-) "

E' opinione abbastanza diffusa che la scelta della Sony di preferire una console a cd, anzichè a cartucce, ne sancì la supremazia rispetto al N64.
Non era ancora l'epoca delle grafiche iper-realistiche, quindi le due console potevano effettivamente entrare in competizione (considerando che il N64 aveva delle killer application basate sui marchi di Super Mario, Legend Of Zelda e Pokemon) eppure la console Nintendo ha floppato clamorosamente fuori dal Giappone. Stessa sorte è capitata al GambeCube, che funzionava con mini-dvd.

Ai gamers dell'epoca non sembrava vero il fatto di poter avere un gioco nuovo copiandolo con un semplice masterizzatore (anche se all'epoca non erano ancora molto diffusi). :)

Infatti sono stati anni abbastanza neri per la Nintendo, che è tornata competitiva principalmente grazie WII....che oltre a puntare su un target ben diverso rispetto a quello delle altre console (i casual gamers), guarda caso ha deciso di pubblicare i giochi su supporti piratabili.


"Io nemmeno l'ho mai avuta, ma un paio di amici sì e ricordo che i CD per copiare i giochi da PlayStation dovevano essere più scuri possibile (quelli originali, infatti, erano neri se non ricordo male) e la Play andava comunque modificata altrimenti riconosceva i CD non originali e non li caricava."

Se uno volesse fare dietrologia a tutti i costi, risulta un po' curioso il fatto che la Sony utilizzasse sulle sue console delle protezioni così facilmente aggirabili e che, nell'epoca pre-internet, diventavano di dominio pubblico poco dopo la loro uscita.
Magari, l'idea di dare al pubblico la soddisfazione di aver "fregato" la Sony poteva essere parte di questo meccanismo un po' perverso: TU credi di avermi fregato, ma intanto tu hai comprato la MIA console :p


A proposito di Playstation, ve lo ricordate questo spot della Play 2 con la "ragazza aliena"? Si è mai visto un making of che spiegasse come è stato fatto?
buonasera,
uso i commenti per segnalare una cosa che le puo' interessare
sono stato vittima di un tentativo di phishing diverso dal solito
lo ho descritto in questo mio post
http://debiaonoldcomputers.blogspot.it/2014/12/nuove-frontiere-del-phishing-gdocs.html

c'e' qualche modo di segnalarlo a qualche autorita' per bloccarlo??
grazie e sempre complimenti per il blog che leggo con piacere
(mi scuso di usare i commenti ma non saprei come altro contattarla..peraltro sono moderati per cui
mi puo' cancellare tranquillamente)
saluti
Luca Innocenti
@Gwilbor nessun making era una vera ragazza di un altro pianeta! scherzo. anche se secondo me era meglio in versione aliena: http://www.director-file.com/cunningham/sony-playstation-mental-wealth/
@avisintini

Grazie per il link! Certo per uno dei migliori effetti di morfing che abbia mai visto mi sorprende che non ci sia più materiale... peccato. Intanto mi consolo con la scoperta che addirittura la versione italianizzata non era solo un doppiaggio, ma conteneva del girato specifico per la nostra lingua (notare il labiale): http://www.youtube.com/watch?v=WnkQ8LZaSdM.
Dunque... primo fa impressione vedere com'è migliorata la grafica dei giochi.. Ancora più impressionante vedere Gran Turismo con quella grafica pixellosa e ricordarsi che quando ci giocavi pensavi "è troppo realistico, incredibile una grafica del genere".

Secondo: non era *affatto* facile copiare i dischi della Playstation. Si, i dischi li masterizzavi facilmente, ma per farli leggere alla console (a meno di fare i prestigiatori cambiando il CD mentre gira con il coperchio del lettore smontato) era necessario fare una modifica hardware inserendo un chip nella console. Ovviamente ci fu un florilegio di negozi che facevano "la modifica" per poche decine di migliaia di lire.

Terzo, molto interessante il modo con cui Sony fece soldi ANCHE con i giochi della PS. In pratica incamerava una royalty per ogni copia venduta. Una tattica talmente vincente che si dice che per i primi due anni della produzione le console fossero vendute ampiamente sottocosto. Tecnica che poi più o meno tutti i produttori di console copiarono..
****Secondo: non era *affatto* facile copiare i dischi della Playstation. Si, i dischi li masterizzavi facilmente, ma per farli leggere alla console (a meno di fare i prestigiatori cambiando il CD mentre gira con il coperchio del lettore smontato) era necessario fare una modifica hardware inserendo un chip nella console. Ovviamente ci fu un florilegio di negozi che facevano "la modifica" per poche decine di migliaia di lire.***

Invece era un metodo SEMPLICISSIMO ed incredibilmente economico, se lo consideriamo nel suo contesto storico e tecnologico. Oggi ci sembra un metodo macchinoso, ma la "ricompensa" era molto grande. Si sta parlando di un'operazione che ti consentiva di poter craccare una console (ovvero le piattaforme di gioco anti-pirateria per eccellenza) e che ti consentiva di giocare, praticamente "aggratis", con dei videogames che su PC e Mac non erano ancora lontanamente immaginabili, almeno per l'utenza media.

Pensi che il videogiocatore dell'epoca si facesse spaventare dall'idea di spendere 50milalire per una modifica o dal dover fare l'equilibrista con i cd? :)

Per assurdo, in quegli anni era quasi più difficile trovare chi avesse un masterizzatore in casa, visto che non erano ancora molto diffusi.