skip to main | skip to sidebar
13 commenti

Forse non avete mai visto l’aurora così: “Soaring – Lights over Norway”


Non sono riprese accelerate: leggete tutti i dettagli, e godetevi l'originale a tutto schermo, qui. Un articolo di spiegazione scientifica dei colori e degli altri fenomeni che si vedono nel video è qui su Slate.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (13)
Sta facendo il giro di Internet questo video, non conto più i blog che me lo hanno segnalato :-D

Bellissimo davvero, la parte poi che si vede a intorno a 3:30 credo sia inedita: avevo visto delle foto di aurore osservate con lo sguardo allineato al campo magnetico, ma un video mai.
Senza parole.
Gli UFI ! Ci sono anche gli UFI !!!11!!!

A 1:01, tutto a sinistra.
1) non pensavo evolvessero così rapidamente
2) come si vedono a occhio nudo? A giudicare dall'esposizione di stelle / montagne innevate all'incirca si dovrebbero vedere (quasi) così... Se è così è incredibile, voglio vederle dal vivo
@Fx:

ecco una testimonianza (tutti i diritti riservati)
@Fx:
guarda anche il commento 66 di quell'articolo
che memoria Martino! ;)

Vorrei solo aggiungere che quel 1 su 72 è da intendersi in ore: almeno quell'anno si verificava un'aurora, anche se in genere piuttosto debole, ogni 3 giorni circa, che per 5 mesi di buio fanno 50 aurore circa.
Grazie martino e grazie pgc per aver anticipatamente e inconsapevolmente risposto alla mia domanda =) in risposta a chi ti chiedeva di raccogliere le memorie in un libro hai detto che non hai le qualità da scrittore: io non avrei tempo di leggere un libro intero quindi per me delle memorie scritte senza tanti condimenti andrebbero fino meglio. Facci un pensiero :)

Pgc: alla fine non ho capito se via terra, che potrebbe significare Norvegia del nord, dentro il circolo polare, c'è una probabilità decente di vedere un'aurora come una di quelle riprese nel video (a proposito, quella che descrivevi era ancora di più?) dentro al periodo di una vacanza o è molto improbabile?

Non so perchè ma temo di sapere già la risposta. Mi sa che mi dovrò trasferire in Norvegia. Ho visto adesso il PIL pro capite, potrebbe non essere una cattiva idea =)

Altra cosa: mi confermi che a occhio nudo si vedono grossomodo così? Per quel che vedo (stelle e paesaggio) rispetto all'occhio nudo mi vien da stimare max 1 o 2 step di esposizione in più, quindi all'incirca si dovrebbero vedere così per davvero. Chiedo conferma.

Stavo per porre un altro quesito ma mi sono risposto da solo prima di iniziare a scriverlo: mi stavo chiedendo perchè, se le aurore sono un fenomeno che evolve così velocemente, si siano visti finora solo foto o timelapse. In realtà è che non è molto che sono uscite macchine fotografiche in grado di fare video sfiorando il milione di iso equivalente e comunque in grado di contenere adeguatamente il rumore alle alte iso. Il rumore si nota molto: tenendo conto che facilmente avranno usato filtri in post per la sua riduzione (ce ne sono alcuni che funzionano egregiamente, più di quanto ci si potrebbe aspettare) hanno usato sicuramente o una macchina più vecchia a iso alti o una macchina più nuova a iso altissimi.
Ho guardato nella descrizione del video, usano una A7s della Sony, credo il top nelle basse luci; rivedo la mia ipotesi, probabilmente quelle aurore a occhio nudo erano molto meno visibili e sono state "tirate fuori" dalle capacità della DSLR in questione. Per l'occasione mi sono andato a vedere un paio di confronti e ci sono rimasto male, in particolar modo per come svernicia la 5D mark III che comunque è una signora macchina...

A ogni corpo macchina nuovo che prendiamo se ne aggiunge uno che sarebbe da prendere, com'è 'sta storia? =)
Fx,

grazie per il commento. Si, a occhio nudo si vedono così. Di solito sono del tipo "verde" che si vede all'inizio del filmato. Quelle che vanno da 3:37 a 4:40 sono invece rappresentative di quella spettacolare che vidi nell'89 (descritta nell'altro thread). Ma - se la mia memoria non ha un po' ingigantito un po' le cose - ancora più colorata e potente. Io credo che il motivo della potente impressione che fanno è dovuta non solo al fatto che non ci siamo abituati, ma che se ci si pensa bene sono il fenomeno in rapido cambiamento più "grande" (angolarmente, ma anche come dimensioni reali) che si può vedere al mondo. Un'aurora di buona qualità può infatti occupare il 50% del campo visivo (aka tutto il cielo) e cambiare completamente il colore e l'aspetto in pochi secondi. Neanche un mare in tempesta ha questa capacità, essendo legato comunque al suo colore originale. Se poi si include il potente riflesso sul mare si arriva ad un fenomeno che ci ingloba completamente. La mancanza di suono, come dicevo, aggiunge un elemento surreale: di solito le cose "grandi" fanno "grande" rumore.

Per quanto riguarda la possibilità di vederne nel corso di una settimana in Norvegia, direi senz'altro di si di questi tempi di elevata attività solare, soprattutto se ci andrai di autunno/inverno (notti molto lunghe) ma ricordati che vanno osservate all'aperto, e con quel freddo non sarà tanto facile... Ricordo invece che in un mese che passai a Rovaniemi (circolo polare) per lavoro in dicembre/gennaio (non ricordo bene l'anno) ne vidi solo un paio abbastanza ridotte, e pur lavorando spessissimo all'aperto. Ma li giocava anche il fatto che il cielo era spesso nuvoloso e che non era un anno di intensa attività solare.

Infine, ti ricordo che la luminosità totale di un oggetto deriva dalla sua luminanza "per pixel" ma anche dalla sua dimensione angolare. La capacità invece di registrarne tutti i dettagli in tempo reale deriva solo da quella per pixel. E' questo il motivo ultimo per cui le aurore pu essendo così luminose sono difficili da filmare in tempo reale. L'occhio, con la sua sensibilità al singolo fotone (o quasi), è straordinario per questo.

saluti

un giorno o l'altro farò un bel viaggio fotografico in Islanda o Norvegia...e tornerò con un mezzo datacenter in Hard disk.
Io in Norvegia ci vivo da due anni, ben al di sopra del circolo polare artico.
Si vedono spesso d'inverno a patto che luminosità e nuvolosità lo permettano.

Sul come appaiono, in termini di colori e luminosità il video è piuttosto fedele, anche se per vedere ad occhio nudo con l'intensità del video stesso occorre essere in zone molto buie. Ma di nuovo l'intensità delle tempeste solari la gioca da padrone, contate che un mese fa dall'abbaino della mia camera da letto si vedeva benissimo pur vivendo in pieno centro cittadino, per il semplice fatto che era una aurora molto visibile.
Alcune si muovono velocissime, pochi secondi, altre sono lente e rimangono per minuti o addirittura decine di minuti. Dei colori tendenti al rosso/viola mi è capitato di vederne finora solo due. La più spettacolare finora resta invece quella vista dalla cabina di pilotaggio di un volo WF sulla costa del Troms. A quella quota, nel buio totale di un volo notturno, è una cosa spettacolare.

Infine, per quel che riguarda il perché se ne vedono sempre di più in filmati e foto il motivo è molto semplice: saranno sì e no 2/3 anni che i norvegesi hanno capito la potenzialità turistica del fenomeno. Se andate a febbraio a Tromsø faticate a trovare un posto letto nei costosissimi alberghi cittadini, perché la città è piena di cacciatori di aurore, persone på nordlysjakt. Ci sono agenzie specializzate in questa caccia che addirittura propongono una garanzia di vederla. In altre parole, è cambiato il rapporto che i locali hanno con il fenomeno, hanno iniziato a valorizzarlo e questo l'ha reso popolare.
Perché altrimenti, per tutti noi che a queste latitudini ci viviamo la reazione è "Toh, anche oggi c'è l'aurora" ;)
Io ho avuto una fortuna tremenda a vederle l'agosto scorso in Islanda, nella zona del Landmannalaugar appena dopo il tramonto (mezzanotte!)..uno spettacolo incredibile, sembrava una sottile tenda luminescente "mossa" dal vento. Come mi hanno raccontato, è insolito vederle in estate e per così tanti minuti.