skip to main | skip to sidebar
17 commenti

Marte produce metano variabile, possibile indizio di vita

Il veicolo robotico Curiosity ha trovato su Marte emissioni variabili di metano nell'atmosfera. La percentuale di questo gas nell'atmosfera ogni tanto diventa brevemente ben dieci volte maggiore del normale (che è 0,7 parti per miliardo in volume) e poi cala. Il fenomeno è stato rilevato quattro volte in un periodo di due mesi, tra fine novembre 2013 e fine gennaio 2014, e l'emissione sembrava provenire da nord, dal ciglio del grande cratere Gale nel quale si trova Curiosity. Da allora il fenomeno non si è più ripetuto.

Qualcosa ha rilasciato metano, insomma: la domanda che tutti si pongono è se quel qualcosa è una forma di vita o se c'è qualche altra spiegazione.

I dati sono stati presentati oggi in una conferenza stampa e in un articolo pubblicato sulla rivista Science e indicano che Marte è un pianeta attivo. Le misurazioni di Curiosity confermano quelle fatte dai telescopi sulla Terra e dalle sonde orbitanti intorno a Marte (come l'europea Mars Express).

Il metano potrebbe provenire dall'impatto di comete o da processi geologici sotterranei (reazioni chimiche fra vari tipi di rocce), ma potrebbe anche derivare dall'attività di batteri attuali o passati. Sulla Terra, per esempio, il 95% del metano presente nell'atmosfera è prodotto da forme viventi. Il prossimo passo è cercare di analizzare il metano durante uno di questi picchi e determinare il rapporto fra isotopi dell'atomo di carbonio presente nel metano, perché un rapporto elevato fra C-12 e C-13, come quello trovato sulla Terra, è considerato un forte indicatore di attività biologica.

Le trapanazioni delle rocce marziane effettuate da Curiosity hanno anche trovato molecole organiche, ossia contenenti carbonio, che sono gli elementi costitutivi della vita sulla Terra ma possono anche scaturire da fenomeni non biologici.

Gli autori dell'articolo scientifico si sono guardati bene dal parlare di forme di vita: semplicemente, questi dati indicano che c'è su Marte una fonte sconosciuta di emissioni di metano. Non so voi, ma io sarei contentissimo di scoprire che Curiosity ha sniffato le scoregge dei marziani.

Fonti: Nature, BBC, NBC News, NASA.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (17)
Dipende dai marziani. E anche dalle scoregge. =)

Dai, vediamo di sbrigarci che questa cosa che non abbiamo alcuna evidenza scientifica che ci sia vita al di fuori della Terra mi scoccia un po' =)
Mi scuso per il commento che sto per fare, ma il tema mi appassiona.

Cito:
Il metano potrebbe provenire dall'impatto di comete o da processi geologici sotterranei (reazioni chimiche fra vari tipi di rocce), ma potrebbe anche derivare dall'attività di batteri attuali o passati.

Io direi microrganismi piuttosto che batteri:

1) non è detto che eventuali forme microbiologiche di vita su Marte possano appartenere al regno bacteria.

2) sulla terra i batteri non producono metano. Il metano è un prodotto metabolico degli archei.

Ultimo appunto: il fatto di essere sotterraneo non esclude la possibilità che il metano abbia origine biologica.

Evviva le puzze dei marziani,
Eric.
Ah, la saggezza del galateo... "Mai fare puzzette in pubblico, se no gli alieni scoprono che siamo in un pianeta che ospita la vita e poi vengono a trovarci col loro raggio della morte"
Dopo la depressione causatami dai bufalisti (si dice cosi'?), questo blog ha una sola risposta: LOL! (come si diceva un 15-20 anni fa).

Ciao,
Ermanno
Purtroppo il metano è anche originato da fratturazioni del suolo, come ben sanno (anzi, sapevano) coloro che, sulla terra e con una barca, sono affondati in un "mare di bollicine".
Spero che sia originato da batteri (QUI sono primitivi, gli archei, non è detto che su marte siano così).
Lo spero proprio. Almeno la vita extraterrestre non sarebbe "ufologica", ma reale.
io sarei mooolto più contento se trovassero una sonda prothean! :D
WOW. Peccato che tutto proceda lentissimamente.
Se ci fosse vita su Marte che tipo di energia userebbe per sostenersi?
@Andrea Albanese: ma sei matto? Poi arrivano i Razziatori :D
Appena letto un articolo su Arstechnica dove spiegano bene che si, ci possono essere numerose cause ma si, lo sapevano già e comunque non spiegano nè la variabilità nè la località nè la quantità:

http://arstechnica.com/science/2014/12/curiosity-samples-methane-surges-in-martian-atmosphere/
@Piccoli Respiri e chissene! tanto ora che arrivano noi siam già belli che morti! xD
Insomma Paolo in questo caso non vale il detto "Ognuno annusi la propria" eh eh eh
Morby in che senso "che tipo di energia"?
Se c'è una cosa che Michael Cricton ci ha insegnato è che dove c'è metano ci sono.... dinosauri! :D
Dinosauri che si mangiano le H. ;D
Nel senso cosa usano, acqua? Sole? Idrogeno? Cosa?
Tra parentesi, per chi ha voglia di Marte, consiglio il libro "L'uomo di Marte" di Andy Weir, fantascienza "hard" (ovvero scientificamente corretta). Oppure il film di Ridley Scott, che uscirà solo a dicembre dell'anno prossimo (almeno negli USA) con Matt Damon e Jessica Chastain.