skip to main | skip to sidebar
7 commenti

Quando il cratere è così grande che si vede dallo spazio


Poco fa la Stazione Spaziale Internazionale ha sorvolato il Canada e ho notato subito quella struttura circolare chiara nella zona centrale dell'immagine. È il Manicouagan Crater, in Quebec: un cratere di cento chilometri di diametro, formato circa 214 milioni di anni fa da un asteroide di circa 5 chilometri di diametro.

Cento chilometri non sono bazzecole, ma il Manicouagan è soltanto sesto nella classifica mondiale dei crateri da impatto.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (7)
A me piacerebbe sapere quando la stazione passa sopra l'Italia per vederla!
QUELLO si che e' un cerchio nel grano serio! :-D
Guardando la distribuzione mondiale viene da chiedersi se nella zoana Mediterraneo-Medio oriente ce ne siano cosi' pochi per pura statistica oppure perche' 5000 anni di civilta' hanno cancellato le tracce. La seconda ipotesi potrebbe essere confermata anche dalla scarsezza del subcontinente indiano e nella proliferazione in Australia.
@ Luigi Rosa:
E' ben difficile che l'attività antropica possa cancellare strutture che si estendono molto al di sotto della superficie :-)
Buona parte dei crateri antichissimi si "vedono" non perchè il bordo sia in rilievo (non lo è più, cancellato dall'erosione) ma perchè le strutture del territorio (le valli dei fiumi, ad esempio, come in quello della foto) seguono la forma del cratere stesso.
La spiegazione dovrebbe stare nell'attività tettonica, ovvero geologica a scala continentale, che ovviamente cancella le morfologie preesistenti. L'Australia è inattiva da tempo immemore, le altre aree citate invece sono giovani e rimaneggiate di recente. Per cui crateri formatisi nello stesso periodo (e presumibilmente nello stesso numero) in Australia si sono conservati, nelle altre zone no.

Comunque, Paolo, l'elenco dei crateri che hai linkato è tarocco. Manca questo :-)
Fanco,

A me piacerebbe sapere quando la stazione passa sopra l'Italia per vederla!

tinyurl.com/stazionespaziale
In più pare dimostrato che l'impatto che ha generato il Manicouagan faccia parte di una catena di impatti multipli causati da un corpo celeste frammentatosi prima di schiantarsi sulla Terra, non si sa se un asteroide o una cometa, con una dinamica simile a quella della Shoemaker Levy 9 su Giove nel 1994! O_o

http://ottawa-rasc.ca/wiki/images/f/f1/Odale-Articles-Manicouagan_chain.jpg
e per curiosità il suo sistema di dighe è quello che contiene più acqua di tutte arrivando a circa 6 volte il volume della diga delle 3 gole...pur non essendo la centrale di maggior potenza del mondo.il lago ha una variazione altimetrica di quasi 15 metri per via della produzione.