skip to main | skip to sidebar
3 commenti

Astronauti lunari a rischio di malattie cardiovascolari, faccio il punto su Le Scienze

Nel numero 578 di Le Scienze, attualmente in edicola, c’è un mio articolo che parla della notizia diffusa ad agosto da molte testate a proposito di un grave rischio di malattie cardiovascolari per chiunque si avventuri nello spazio profondo, per via delle radiazioni cosmiche.

La notizia si basa su una ricerca intitolata Apollo Lunar Astronauts Show Higher Cardiovascular Disease Mortality: Possible Deep Space Radiation Effects on the Vascular Endothelium, di Michael D. Delp, Jacqueline M. Charvat, Charles L. Limoli, Ruth K. Globus e Payal Ghosh, pubblicata da Nature su Scientific Reports 6 (doi:10.1038/srep29901).

La ricerca è stata citata un po’ ovunque: Ansa, IBTimes, e tanti altri siti ne hanno parlato. Ma c’è una risposta che la mette in discussione: si intitola piuttosto eloquentemente No evidence for an increase in circulatory disease mortality in astronauts following space radiation exposures ed è stata scritta da Francis A. Cucinotta, Nobuyuki Hamada e Mark P. Little per la rivista Life Science in Space Research (http://dx.doi.org/10.1016/j.lssr.2016.08.002). La risposta era accessibile solo a pagamento quando ho scritto l'articolo un mesetto fa e quando la notizia era all’attenzione generale ma ora è liberamente consultabile.

Se volete sapere perché la tesi del maggior rischio per gli astronauti oltre l’orbita terrestre è stata criticata, potete leggere il mio articolo su Le Scienze. Segnalo, fra l’altro, un paio di link a supporto di quello che ho scritto: le statistiche di popolarità dell’articolo su Scientific Reports e tutti i dettagli delle tariffe che pagano gli autori per essere pubblicati.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (3)
Ho letto il tuo articolo con interesse. Decisamente mi sembra che nella ricerca ci siano degli evidenti errori metodologici. Comunque avrei una domanda per te. Nell'articolo 'Italiani su Marte' che mi ricorda tanto 'Il caso Scafroglia' :) si parla di Beagle2 asserendo che il lander non fosse mai stato identificato da MRO. Io ricordo invece che la NASA e l'ESA avevano annunciato il ritrovamento e dalle immagini risultava che alcuni petali non si erano aperti occultando l'antenna. Ricordo male o la cosa non è stata confermata dopo ulteriori analisi?
ciao Paolo, a proposito di Luna,
visto ora su Kickstarter, magari t'interessa:

https://www.kickstarter.com/projects/ozmarecords/voyager-golden-record-40th-anniversary-edition?ref=hero
...Mi sono accorto che sul numero di questo mese, proprio in copertina, c'è un megarefuso:
"cosmologia: il misterioso supervuoto che si estende per 18 miliardi di anni luce".

Il SV in questione si estenderebbe per 1,8 miliardi di anni luce e non 18 ovviamente, sennò ci staremmo dentro anche noi terricoli, con un avanzo di 4 miliardi di anni luce circa.
:P