skip to main | skip to sidebar
11 commenti

Donald Trump usa server obsoleti e insicuri e finti contatori di donazioni

Anche il candidato repubblicano alla presidenza, Donald Trump, ha qualche problema con l’informatica. Sul suo sito elettorale, DonaldJTrump.com, fino a ieri c’era un contatore a scorrimento (in alto nell’immagine qui accanto) che sembrava essere un elenco in tempo reale dei nuovi donatori e sostenitori della sua campagna elettorale.

Ma il creatore del contatore non ha fatto i conti con la sagacia degli informatici. Uno di loro, Jack Canty, ha twittato di aver scoperto che il contatore è semplicemente un file in formato XML, contenente circa 500 nomi, che risale a dieci giorni fa e si ripete a ciclo continuo. Lo si vedeva esaminando il codice sorgente del sito, come ha confermato anche The Concourse.

Il responsabile digitale della campagna Trump, Brad Parscale, ha dichiarato a Business Insider che “il contatore non è pensato per essere in tempo reale e semplicemente rappresenta persone che, come milioni di altre, hanno fatto una donazione alla campagna”. Però intanto il file XML è ora scomparso.

Vari server di mail di Trump.org, legati alle attività commerciali di Donald Trump, inoltre, usano Windows Server 2003 e IIS 6.0, che è obsoleto e insicuro (Microsoft non fornisce più aggiornamenti di sicurezza da luglio 2015) oltre che mal configurato senza autenticazione a due fattori, secondo l’esperto di sicurezza Kevin Beaumont, che ha segnalato pubblicamente queste vulnerabilità, poi riprese da Motherboard. Tutte, va notato, sono state scoperte usando dati pubblicamente accessibili.

Non è la prima volta che i siti legati a Trump denotano una disinvoltura sorprendente nella sicurezza informatica: il suo sito rendeva pubblicamente accessibili i dati personali dei candidati in cerca di lavoro e il negozio online elettorale del candidato repubblicano, shop.donaldjtrump.com, non offre una connessione HTTPS, per cui trasmette i dati personali e i numeri delle carte di credito degli acquirenti in chiaro su Internet. Piuttosto ironico, visto che Trump ha fatto pesare molto l’uso di un server di posta insicuro da parte di Hillary Clinton per lo scambio di mail di lavoro.


Fonte aggiuntiva: Motherboard.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (11)
Io mi chiedo per l'ennesima volta: ma davvero non c'era una persona, UNA, più presentabile di questo tizio? Mi dà più l'idea di essere un venditore di pentole più che uno pronto a governare gli Stati Uniti... Uno così non lo vedresti bene a governare nemmeno uno staterello piccolo come San Marino, altro che gli Stati Uniti...
infatti il fenomeno preoccupante è proprio quello sottolineato da Massimo: perché la politica, QUASI OVUNQUE, non riesce ad esprimere facilmente persone in gamba? (spesso, non sempre). Perché i fenomeni da baraccone sembrano essere sempre più popolari. Penso a Boris Johnson, che sembra sempre più un personaggio di Little Britain, ma anche a certi personaggi nostrani di cui francamente non vedo la necessità.

Secondo me non è solo una questione di establishment, ma anche di elettorato che cerca in proporzioni sempre più influenti questo tipo di figuri che la sparano grossa, che promettono mari e monti e che non si fida di coloro che vede come "intellettuali", "esperti", ma sempre più personaggi da operetta. Se un personaggio serio, preparato, professionale, ma magari riservato e non particolarmente simpatico e affidabile, con programmi seri e onesti si presenta, viene sempre visto con distacco e malcelata sfiducia.

Ve lo ricordate quel candidato che sosteneva che per risolvere il problemi degli incendi a bordo bastava aprire i finestrini dell'aereo? Trump probabilmente perderà questa volta... ma la prossima? Scommettiamo che tra una o due elezioni si presenta un personaggio ancora peggio? E magari vince?
@Massimo
se ci fai caso trump ha un sacco di cose in comune con un altro tizio che faceva il politico qui in Italia...
@Pgc
[img-sx]http://web.media.mit.edu/~stefanm/images/arnold1.jpg[/img]

Evaristo for president!!!

Scusate, mi è scappata.
@pgc

Scherzi a parte mi pare ovvio, che la politica non riesca ad esprimere persone in gamba.

Penso anche io che l'elettorato voglia venditori di aspirapolveri, ma c'è un altro aspetto: Un personaggio serio, preparato, professionale non si presenta (o almeno non in quel modo.), in quanto, in tale ambiente un personaggio che "si presenta" non è professionale e serio.

Non solo come Presidente degli Stati uniti o primo ministro d'Italia, anche come architetto o ingegnere o giardiniere.

Quanto all'essere professionali o meno, non capisco di cosa ti lamenti, sono professionalissimi, ogni cosa è andata secondo il loro progetto. Il cui obbiettivo non è quello di portare l'indice di sviluppo umano in zona Celsius.

Vuoi lamentarti che non han fatto quello che han promesso?
Un po' ingenuo: non han promesso niente.
"Creerò un milione di posti di lavoro" Mica vuol dire che quei posti di lavoro saranno riservati a dipendenti italiani e situati sul suolo italiano.

Poi se un guerriero di Hokuto va a dire agli operai di Detroit: " Guardate che nessuno potrebbe sciogliere il divieto delle fabbriche di vendere automobili ad altri che alle concessionarie nel tempo che i vostri figli posson stare senza mangiare "

Arriva il cowboy e strilla: "Non ascoltate quest'uomo mendace e pure un po' fascista, è senza cuore, non esimetevi dal vostro dovere nei confronti della mia pensione, dovete credere, perchè come disse T.P. Coleridge: "Quando la nave affonda, i topi scappano" Vinceremo perché cosa fai per vincere non c'entra niente col vincere o perdere."

E i bravi proletari esultano: "YAY! evviva il cowboy, abbasso la realtà dei fatti."

Oh, anche ai più compassionevoli guerrieri di Hokuto passa la voglia di immischiarsi, visto che tanto sanno che loro vivranno sempre dignitosamente grazie alle arti di Hokuto, chiunque vinca le elezioni.
“il contatore non è pensato per essere in tempo reale e semplicemente rappresenta persone che, come milioni di altre, hanno fatto una donazione alla campagna”

Come arrampicarsi su tutti i vetri del one word trade center
@puffolotti
E c'è da aggiungere che se mai uno spin doctor dovesse andare dal guerriero di Hokuto a chiedergli "Hey tu sei bravo, hai mai pensato di darti alla politica?" quello probabilmente risponderebbe "Ma sei pazzo? Sono solo un praticante delle arti di Hokuto, non mi prenderei mai la responsabilità di guidare gli uomini!".

Mentre se dovesse fare la stessa domanda al cowboy, prima ancora di finire la frase quello avrebbe già deciso il colore delle nuove tovaglie della Casa Bianca.
Forse vi sfugge cosa è successo negli ultimi trent'anni negli Stati Uniti e in Europa.
Larghi strati di popolazione impoveriti da un lato, arricchimento delle élites dall'altro.
Qualunque commentatore serio ha riconosciuto che dietro la Brexit c'è stato l'impoverimento dei ceti popolari dovuto alla cancellazione di milioni di posti di lavoro nel manifatturiero.
Prima non era così, l'economia cresceva a tassi oggi impensabili e i benefici della crescita era distribuiti abbastanza equamente.
Quando mi capita di farlo notare, mi si risponde che non è vero.
Che allora l'economia era un inferno, che l'inflazione si mangiava i risparmi, ecc.
Portare i dati e i numeri ufficiali, come è ovvio, non serve a nulla.
La gente (quella che girella su internet) continua a ripetere che l'economia oggi va incomparabilmente meglio che vent'anni fa.
Ma chi ha una certa età sa come stanno le cose perché le hanno vissute in prima persona.
E se gli si dà l'occasione, vota per la Brexit, per Trump, per chiunque sia fuori dal partito unico DestraSinistraUnite che nei vari paesi europei cerca di resistere ai populismi che lui stesso ha creato.
Windows Server 2003 e IIS 6.0 sono insicuri per definizione.
@Tuckler

Nyah, quando uno spin doctor gli chiede perchè non entra in politica, sai cosa fa un autentico guerriero di Hokuto?

Chiede allo spin doctor: "Vorresti che io ti amministrassi in futuro?"
Lo spin doctor ovviamente gli risponde: "Si, si, ti prego!"
Allora il guerriero di Hokuto gli infila un pollice in un occhio e dichiara. "Tu! Sei già stato amministrato."
Armando, ma l'economia VA meglio. Cioè è cambiata, l'industria conta meno di un tempo.