Cerca nel blog

2007/10/30

Apple presenta Leopard, ma con qualche macchia

Schermi blu della morte, Java in panne, firewall permeabile sul nuovo OS X


Leopard Blue Screen Of Death? Nice.Tante belle funzioni nella nuova release del sistema operativo di casa Apple, ma anche qualche magagna non trascurabile. Quicklook, l'anteprima istantanea dei file, è una goduria, come lo è anche la Time Machine, che fa i backup automatici e cercabili in modo spettacolarmente intuitivo; e queste sono solo alcune delle novità di Leopard, che è disponibile anche per i Mac "vecchi" con processore PPC.

Ma stavolta in casa Apple le cose non sono andate molto lisce, in contrasto con il mantra del "funziona e basta" che spesso viene invocato per tutto quello che riguarda il mondo Mac. Per esempio, Heise.de segnala che il firewall ha dei problemi di sicurezza (o di descrizione del proprio funzionamento), perché quando gli si chiede di bloccare tutte le connessioni in ingresso, non lo fa. Questo sembra essere in realtà previsto dal firewall e non sarebbe quindi un baco, secondo questa discussione, ma è sicuramente un comportamento poco chiaro.

The Register segnala un'incompatibilità fra OS X 10.5 (Leopard) e la versione più recente di Java, la 1.6, che pure è in giro da circa un anno. Applicazioni e applet Java sviluppati con la versione 1.6, quindi, non girano affatto sui Mac dotati di Leopard. Imbarazzante.

Non solo: alcuni utenti lamentano "schermate blu della morte" paragonabili a quelle del rivale Windows, come mostrato nella foto a inizio articolo (l'originale di TeppoTK è qui). Secondo MacFixit, i problemi si verificano durante gli upgrade da Tiger a Leopard se sono installate alcune applicazioni che modificano il funzionamento del sistema operativo, come per esempio Application Enhancer. Nessun problema, a quanto pare, per chi invece installa da zero o acquista un Mac con Leopard preinstallato.

E infine ci sono anche problemi con l'hardware. I dischi rigidi fatti in Cina e installati nei Mac Mini e laptop avrebbero un tasso di difetto anormalmente alto, addirittura da 20 a 30 volte maggiore rispetto ad altri dischi, secondo questo articolo. Il problema riguarderebbe specificamente i dischi Seagate SATA da 2,5 pollici dotati della versione 7.01 di firmware.

Il consiglio, a questo punto, è di non fare i maniaci dei gadget in anteprima a tutti i costi e aspettare che le cose si calmino prima di procedere al grande passo.

59 commenti:

alessandro ha detto...

'azz, la mancanza di Java 6 mi sembra grave, soprattutto per gli sviluppatori...

oscar ha detto...

beh paolo consideriamo però anche che ne sono state vendute 2 milioni di copie in quattro giorni (un successo incredibile) e quindi su tanti mac è possibile che ci sia stato qualche intoppo. La mancanza java invece è abbastanza inspiegabile.

el1073 ha detto...

eheh, non è che apple ha aggiunto una schermata blu quando osx si blocca, il sistema si blocca immediatamente dopo il primo avvio, dove la schermata è sempre stata blu

Silvio ha detto...

Finora l'unica scheramata blu che ho visto è quella nell'icona che hanno usato per rappresentare un server windows...

A parte ciò, Spaces fa qualche pasticcio. Poi c'è un effetto negativo di Time Machine, che fa anche i backup delle applicazioni, e può capitare che aprendo un documento col doppio clic parta la copia dell'applicazione nel backup invece di quella vera.

A parte ciò, è abissalmente più veloce di Tiger, soprattutto Mail (prima per aprire le cartelle ci metteva parecchi secondi, ora un paio).

S*

Dan ha detto...

Non è che dopo il passaggio a processori Intel, i Mac si stanno avvicinando un po' troppo ai sistemi Windows..?

seoer ha detto...

Ho mandato avanti un ordine per un Mac Pro giusto ieri, il mio primo mac dopo 15 anni di windows.

Penso che le BSod siano giustificate in carenza di condizioni ottimali.

Firewall e Java decisamente un pò meno.

Piuttosto, a proposito di sicurezza, ma antivirus per Mac esistono? Servono?

Francesco ha detto...

Non ho mai capito perché tutti debbano commentare con così tanta veemenza le bete o la prima versione di un Software. Insomma è appunto la PRIMA VERSIONE e, anche se gli sviluppatori si sono impegnati a renderlo efficiente (o almeno lo si spera), è sempre possibile che ci siano degli intoppi: i Mac nel mondo sono tanti, con altrettante storie diverse. Chi ci dice che istallare Leopard su un computer con il dispositivo DRM sia uguale a istallarlo su una macchina senza? Logicamente questo è solo uno dei tantissimi esempi che si possono fare al riguardo.

Per quanto mi riguarda ho ordinalo Leopard lunedì perché sono dell'opinione che non faccia alcuna differenza comperare prima o dopo un prodotto informatico (a parte l'hardwere) perché in tutti i casi ci saranno aggiornamenti sia prima che dopo.

el1073 ha detto...

Riguardo al firewall, sarà sicuramente una eredità di Tiger, eppure nessuno si è mai lamentato del suo firewall, in ogni caso io l'ho sempre tenuto spento :) da quando ho un mac, e non è mai successo niente

Antonio Vergara ha detto...

secondo me il difetto più grande dei mac è il prezzo :-)

MG55 ha detto...

Il problema degli hard disk non ha niente ha che fare con Leopard, che è appena uscito, quindi parlarne in un articolo del genere senza specificare questa cosa genera solo confusione (scusa l'appunto, Paolo, ma mi sembra necessario).
Altri problemi più 'veniali' avuti da me in particolare li ho segnalati qui. A dir la verità oggi il tempo di avvio mi è sembrato tornare alla normalità... vedremo.

MG55 ha detto...

@Antonio: è vero, ma almeno si rifanno sul software... con 199€ hai Leopard completo installabile su 5 (cinque) Mac diversi, e con 99€ hai word processor, foglio elettronico e strumento per presentazioni, sempre installabile su 5 Mac. E le licenze per una macchina sola costano rispettivamente 129€ e 79€, sempre versioni complete. E in tutti i Mac nuovi c'è iLife già incluso. Confrontiamoli con i prezzi di Vista ed Office... ;-)

Anonimo ha detto...

per Francesco: non hai tutti i torti, ma la prima versione è sbandierata e pubblicizzata come non mai, e la pago con soldi buoni. Altrimenti la vendessero pure come beta da testare, almeno si sa. Da tecnico mi trovo d'accordo con te, ma da cliente normale che paga no. Soprattutto il prodotto di un'azienda che se la mena di continuo per la qualità dei suoi prodotti.

Antonio Vergara ha detto...

@mg55
è vero e sulla qualità non discuto, ma per uno come me che sta seriamente valutando di switcharsi a mac 2000euro sono ancora troppi per un mac book pro che teoricamente ne dovrebbe costare 1400.

Krumikaze ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Krumikaze ha detto...

"2000euro sono ancora troppi per un mac book pro che teoricamente ne dovrebbe costare 1400."

Dipende tutto da quando valuti il prezzo. A giugno il MacBook Pro + fico (2699€) era il "quasi più economico" pc con le stesse prestazioni. Ci si avvicinava l'acer lamborghini (a livello consumer) dei tempi che aveva hd e scheda grafica più datate. (2400€ da mediaworld).

Diciamo che se vai su notebook di fascia alta comunque il sovrapprezzo dell'hardware non è così alto considerato il design/leggerezza e rifiniture.

info ha detto...

esperienza personale:
ho mac dal '90, ho cominciato a navigare parecchi anni fa con voil e un modem 28.8. A tutt'oggi navigo con adsl e wireless e gestisco una decina di caselle di posta: mai avuto un antivirus, mai preoccupato del firewall , mai preso un virus....

provate lo stesso con windows...:)

Alex Meka ha detto...

>Non ho mai capito perché tutti >debbano commentare con così tanta >veemenza le bete o la prima >versione di un Software. Insomma >è appunto la PRIMA VERSIONE e, >anche se gli sviluppatori si sono >impegnati a renderlo efficiente >>(o almeno lo si spera), è sempre >possibile che ci siano degli >intoppi: i Mac nel mondo sono >tanti, con altrettante storie >diverse.

Chissà come mai ma questo discorso non viene mai fatto quando si parla di Windows. Sto provando Leopard e devo dire che ne sono rimasto piuttosto deluso. W Vista, per ora.

stel ha detto...

Per krumikaze

Il problema è che windows non ha solo problemi transitori nei "beta" o nelle prime versioni. E' un sistema che ha problemi endemici ormai irrisolvibili. Ieri dopo tanto tempo mi sono ritrovato, con un po' di buona volontà, ad usare windows, per masterizzare un cd di dati, un'operazione complicatissima, che durava moltissimo a causa dei continui e costanti intoppi (solo trovare il cd in windows è un'operazione indiretta che richiede alcuni passaggi). Con il mac, tutto in pochi secondi.

Lazza ha detto...

È ora che passino a Linux. :-)

Anonimo ha detto...

Beh, il problema di Java lo trovo anch'io abbastanza serio. E' parecchio inquietante che non sia ancora disponibile la versione 6update3 per Mac (anche per Tiger), soprattutto dopo l'annuncio della grave falla riguardante le versioni precedenti.

Io ho un PowerBook G4@1,5GHz con 1,25 GB di memoria; sinceramente non so ancora se restare a Tiger o passare a Leopard. Vedremo...

Gica :-)

Vik ha detto...

Posso dire... sono contento? :P

Francesco ha detto...

@vik
solo se sei contento di Leopard ;-)



Andrea Sacchini ha detto...

Ehm, ci sarebbe da segnalare questo "trojettino" che gira su Mac Os X.

Intego (qui) lo definisce "critico".

Francesco ha detto...

@Andrea

Scusa ma ci sono diverse ragioni per cui il trojan non sarebbe molto pericoloso a mio parere:
1) bisogna andare a cercarlo nei siti porno
2) bisogna istallarlo (o se si è stati così sprovveduti da accettare l'opzione "Apri file «sicuri»" basta solo scaricarlo) per contrarlo

Certo è una minaccia dal punto di vista di sviluppo di trojans futuri ma non credo che, ora come ora, il trojan sia una minaccia incombente sul mondo Mac. Inoltre si viene a sapere di queste cose solo perché di trojan per Mac ve ne sono pochi, forse questo è il primo registrato, e, con una dovuta controffensiva, non si avranno notizie al riguardo per almeno un altro annetto. Almeno si spera… come si spera che l'aggiornamento del firewall di Leopard sia repentino ed efficace. A pensarci bene può darsi che sia proprio a causa del trojan che ritardi: se così fosse sarebbe un pregio di Apple in altre circostanze invece ci sarebbe da versare la lacrima della delusione anche per la A e non solo per la M…

Andrea Sacchini ha detto...

> ma non credo che, ora come ora, il trojan sia una minaccia incombente sul mondo Mac.

Può darsi. Io comunque mi sono limitato a segnalare quanto riportato da Intego.com.

oscar ha detto...

andrea

Ad ogni modo macosx resta di gran lunga più stabile ed affidabile. Anche se poi non bisogna dormire sugli allori e considerare il firewall come un di più" del sistema. Questo no.

Andrea Sacchini ha detto...

> Ad ogni modo macosx resta di gran lunga più stabile ed affidabile

Di cosa? Di Windows? Beh, su questo non ci piove. Non per niente (Windows) l'ho abbandonato un certo numero di anni fa in favore di Linux.

Mmh... scusate, forse sono stato frainteso. Quando ho segnalato la questione del trojan che gira su Mac non l'ho fatto con l'intenzione di gettare discredito sul sistema operativo della mela morsicata, ma l'ho citato solo perché mi pareva giusto inserirlo come completamento dell'articolo di Paolo, appositamente scritto per segnalare le magagne che affliggono l'ultima versione del Mac.

Carlo ha detto...

Ho installato Leopard sui miei tre Mac: un MacBook Pro, un iMac aluminum e un MacPro. Ho fatto il semplice aggiornamento e, a parte Nemo che non è compatibile, funziona tutto al primo colpo. Concordo con il fatto che non è ancora perfetto come era Tiger ma con un paio di "minor release" dovrebbe andare tutto a posto.

Francesco ha detto...

Riguardo al trojan per Mac su MelaBlog c'è un interessante articolo al riguardo: http://www.melablog.it/post/4711/un-cavallo-enorme-come-una-montagna
La cosa più interessante, a mio parare, è che bisogna fare 7 passaggi ed inserire la password di amministratore per inoltrare il cavalluccio nel sistema.

info ha detto...

il Trojan per Mac trattasi di GRANDISSIMA BUFALA!!

leggete l'articolo apparso su melablog:

OSX.RSPlug.A è stato definito da Intego un trojan horse. Da Wikipedia apprendiamo che “[un trojan horse] è un tipo di malware. Deve il suo nome al fatto che le sue funzionalità sono nascoste all’interno di un programma apparentemente utile“.

In pratica, se si naviga su alcuni siti “border line” viene segnalata la mancanza di un plugin per Quicktime, viene proposto di scaricare il codec (senza essere reindirizzati al sito Apple). Se si accetta, parte il download di un file .DMG. Il sistema, di default, avverte che è possibile si tratti di un file pericoloso. Se si accetta, l’immagine disco appare sulla scrivania (o nella cartella Download, nel caso di Leopard). Se si fa doppio click sull’immagine disco, essa viene montata sulla scrivania.
Se si fa doppio click sul file contenuto, esso si avvia.
Viene richiesto di installare il file, è necessario confermare.
L’installazione avviene solo se si inserisce la password di amministratore.
A questo punto l’applicazione cambia i DNS del proprio Mac, esponendo la macchina a possibili problemi di phishing.

In effetti tutto questo è preoccupante: tra conferme ed interventi, l’utente deve compiere 7 azioni per poter creare danni.

Ma Virgilio ci ha insegnato che i troiani, per far entrare il cavallo di legno “grande come una montagna”, dovettero addirittura demolire una porta della città.

Se aprite il terminale e digitate sudo rm -rf / impiegate meno tempo ed il risultato (la cancellazione totale del disco) è molto più scenografico…

E’ finita, cari miei: la piattaforma Mac non è più sicura.
Possiamo affermarlo con certezza, ora.
Tutto è perduto.

info ha detto...

PS. è uscito anche l'aggiornamento di Java...:)

Think Different.

TNT ha detto...

Ma quale bufala...

Bufala e' un trojan che in realta' non esiste. Questo esiste, ed e' installato attraverso social engineering, come lo sono molti.

info ha detto...

bufalissima...
comunque, ai simpatici possessori di windows vari: continuate pure ad impazzire con i vostri antivirus, con i cavalli e con i somari, con i blocchi, le schermate fantasma, i mouse che si muovono da soli ecc..ec.., l'elenco sarebbe interminabile.
almeno evitate di far girare assurde bufale sul mac.
non è la prima volta che qualche sviluppatore di antivirus si fa avanti con storie del genere, o manda in giro qualche specie di virus-bufala,
farebbe anche un bel colpo pubblicitario. mentre gli date retta e sogghignate, nel frattempo qualcuno -sicuramente- è dentro il vostro computer che si fa i cavolacci suoi, e anche i vostri...
..qui invece, tutto funziona..

TNT ha detto...

Info (mai soprannome meno appropriato), leggiti qui:

http://www.securityfocus.com/archive/1/483198/30/0/threaded

Ed evita queste trollate, che non ti fanno certo apparire intelligente.

TNT ha detto...

Altre belle "bufale":

http://www.securityfocus.com/brief/618

Ma tutto normale vero? Specie quando la prima a darne notizia e' un'azienda che fa software per Mac. Che tristezza.

info ha detto...

toccato sul vivo?

controlla bene, c'è qualcuno nel tuo computer.

:)

info ha detto...

parlando seriamente, è dal 90 che ho mac e non ho mai avuto un antivirus o simile.
mai un problema.
provate con windows, togliete, disistallate, tutte le difese antivirus, spyware e simili e vedete quanto dura, provate..
io ho provato. col computer connesso a internet e wireless tutto il giorno come il mio mac, 6 ore.
è comunque dal 90 che sento ste' storie, 17 anni.
ma non vi stancate mai?
ogni volta tutti giurano che è la volta buona...
in compenso ho anche un pc fisso in studio e tutti i giorni ce n'è una. l'hardware sarebbe anche di grande livello ma il sistema operativo è un problema grosso.
e non scherzo. enorme e nonostante le migliori difese, si becca sempre qualcosa.
tanto che penso lo passerò a linux.
anzi, sicuramente.

volevo anche raccontare un aneddoto simpatico :)
recentemente mi hanno rinnovato l'homebanking. mi hanno telefonato e si sono raccomandati se possibile di non istallare vista per il momento perchè non riescono a farlo fumzionare.
io ho chiesto:
e con mac?
con mac funziona.

think different.

stel ha detto...

Per tnt (e per gli altri)
Io non penso che "Info" sia un disturbatore di questo forum. Dice semplicemente come stanno le cose. Si può parlare quanto si vuole, citare tutti gli articoli che si vuole, ma noi che abbiamo mac, da sempre, non abbiamo nessun (dico nessun) problema di virus, trojan, malfunzionamento, blocchi di sistema o simili. E' così è basta. Tutto il resto sono discorsi astratti che, da qualche anno, mi interessano poco; mi interssa solo usare il mio computer. Che funziona.

Lazza ha detto...

@ stel, oltre al fatto che c'è modo e modo di dire le cose "voi del Mac" non avete più sicurezza di quanta non ne abbiano gli utenti Linux.

Dan ha detto...

Esatto, il problema principale è come si dicono le cose, e se queste non sono performance da troll poco ci manca. Cerchiamo di mantenere la conversazione su toni educati, altre volte anche se si parlava di Mac, Linux e Windows ci è riuscito; vediamo di continuare.
E' vero che windows ha una serie di problemi di virus e falle di sicurezza rispetto ad altri sistemi, ma questo non autorizza a trattare come scemi chi lo usa.
Quanto a Vista con l'home banking, non ci vedo nulla di strano. E' un sistema operativo nuovo, che funziona in maniera diversa e ha un sacco di controlli di sicurezza in più. Nessuna meraviglia se le procedure per le transazioni online devo essere verificate.

TNT ha detto...

Primo: non sono un "Winaro", se cosi' vogliamo dire. Utilizzo Windows per lavoro, ma a casa uso solo OpenBSD (almeno per quanto riguarda i computer connessi ad Internet).

Secondo: questo trojan l'ho visto con i miei occhi.

Terzo: una "bufala" e' una notizia che si rivela falsa, questa non e' una bufala.

Quarto: l'UNICO motivo per cui Mac non e' mai stato preso di mira dai creatori di spyware/trojan e' che il gioco non valeva la candela, perche' le possibilita' di guadagnarci sopra erano troppo limitate. Dire che "i creatori di malware hanno piu' incentivo a prendere di mira Mac per farsi un nome" significa non capire assolutamente come funzionano i meccanismi delle organizzazioni criminali dietro al malware oggi (e per la cronaca, evitate di dire "cosa ne sai tu" visto che la ricerca di malware ed exploit "in the wild" e' gran parte di cio' che faccio di professione). Si puo' dire "si' ma Mac e' piu' sicuro" e "si' ma Mac non ha virus" ma cio' non toglie che gli STESSI IDENTICI meccanismi di "social engineering" che funzionano tanto bene su Windows possono essere applicati a qualsiasi sistema, indipendentemente da quanto sicuro sia (a meno che non abbia meccanismi di separazione dei privilegi ben piu' complessi di quelli di Windows o di UNIX - XTS-400, per dirne uno, li ha, ma e' inutilizzabile per un utente comune).

TNT ha detto...

Aggiungo solo che quando uno dei massimi esperti sulla sicurezza informatica, Gadi Evron (moderatore di Bugtraq, con ogni probabilita' la piu' importante mailing list di sicurezza che esista) interviene sull'argomento avvertendo gli utenti Mac che "ignorare" questo chiaro messaggio dei creatori di malware e' un errore, sarebbe meglio almeno ascoltare.

http://www.securityfocus.com/archive/1/483198/30/0/threaded

Ridere e bearsi della propria invulnerabilita' e' veramente poco intelligente, soprattutto quando la maggioranza degli "utenti medi" Mac ha conoscenze tecniche del proprio sistema non superiori a quelle degli "utenti medi" Windows, e non ha la piu' pallida idea delle capacita' tecniche e risorse che stanno dietro a chi crea il malware.

info ha detto...

mi spiace caro tnt, ma i gad evron & c, non sono più credibili perchè sono anni che dicono le stesse cose, anni. lui e gli altri, e magari anche tu, tutti perfetti sconosciuti meravigliosamente affidabili. se foste veramente tanto bravi e affidabili windows non sarebbe tanto pieno di virus.
o forse lo è per questo??
sicuro è che la scarsa sicurezza di windows da' da vivere a un sacco di gente.
io francamente preferirei che windows fosse sicuro quanto mac, un bel pò di gente dovrebbe andare a lavorare..:).
certo agli stessi che lavorano per disturbare windows farebbe sicuramente molto piacere lavorare anche per disturbare mac, e il fatto che gli utenti mac non se li filano neanche di striscio gli fa girare le ...., ma mi spiace, come dice @stel, mi interssa solo usare il mio computer. Che funziona.

ps. a tutt'oggi niente homebanking con vista, e ne è passato di tempo.
o mac (qualsiasi mac) o xp.

@tnt. il fatto che tu abbia visto il trojan girare su mac non mi fa dormire la notte, non vedo l'ora di provarlo anche io. sai su quale sito lo posso prendere? sono ansioso di provare questa nuova esperienza...:)

info ha detto...

@dan
io non ce l'ho con chi usa windows o con il sistema o con microsoft e i suoi utenti.
non volevo assolutamente essere offensivo.
però io uso purtroppo anche windows e ho preso 2 volte un virus e un trojan di quelli seri, nonostante sistemi di sicurezza professionali.
è stato pazzesco.

1) non ti avvertono.
2) te ne accorgi quando e troppo tardi
3) è un casino, un vero casino.

in questo senso considero la notizia una bufala, non che non esista il trojan per mac ma che in realtà sia solo un esercizio virtuale.
che i trojan seri non ti avvisano, li hai già dentro.

e già che ci sei, fatti una scansione, non si sa mai....

TNT ha detto...

mi spiace caro tnt, ma i gad evron & c, non sono più credibili perchè sono anni che dicono le stesse cose, anni. lui e gli altri, e magari anche tu, tutti perfetti sconosciuti meravigliosamente affidabili

Non ho la piu' pallida idea di cosa tu voglia dire con questa frase.

se foste veramente tanto bravi e affidabili windows non sarebbe tanto pieno di virus.
o forse lo è per questo??


Eh? Guarda che ne' io ne' Gadi Evron facciamo parte di Microsoft. E personalmente ritengo che Microsoft abbia delle colpe ENORMI per l'insicurezza dei propri sistemi (Internet Explorer in primis), e l'ho sempre sottolineato.

sicuro è che la scarsa sicurezza di windows da' da vivere a un sacco di gente

Si' certo ok... ma soprattutto ai creatori di malware: non credere che chi lavora nelle societa' che creano antivirus/antimalware e personal firewall faccia minimamente i soldi che fanno chi crea adware, spyware e trojan.

io francamente preferirei che windows fosse sicuro quanto mac, un bel pò di gente dovrebbe andare a lavorare..:)

Si', noi lazzaroni che lavoriamo per creare software che renda Windows (e non solo) un po' meno colabrodo, invece, battiamo la fiacca tutto il giorno. Magari un giorno lavoreremo per salvare il mondo come fai tu.

certo agli stessi che lavorano per disturbare windows farebbe sicuramente molto piacere lavorare anche per disturbare mac

E perche' dovrebbe fregargliene piu' di tanto? L'unica cosa che interessa a loro e' colpire piu' gente possibile. Perche' dovrebbero faticare altrettanto (o probabilmente, anche di piu') per cercare di colpire il 10% scarso del mercato quando possono cercare colpire l'85%?

@tnt. il fatto che tu abbia visto il trojan girare su mac non mi fa dormire la notte, non vedo l'ora di provarlo anche io. sai su quale sito lo posso prendere? sono ansioso di provare questa nuova esperienza...:)

Cerca "adultbookings.com" su Internet (ovviamente sconsiglio a tutti di visitarlo e specialmente di installare qualsiasi cosa da quel sito).

info ha detto...

Windows Media Player is unable to play movie file. Please click here to download new version of codec.
): ):
scusa ma quindi, fammi capire, un trojan che ti chiede di essere istallato, perchè lo capirebbe chiunque che non va scaricato, sopratutto su quel sito...
non ti pare un trojan virtuale?
e sarebbe solo il primo passaggio.
mettiamo lo sprovveduto che clicca perchè ubriaco, e gli altri 6 passaggi?

voglio dire, un trojan serio non ti avverte, te lo becchi e basta.

scusi caro utente mac, visto che lei è passato su stò sito per cercare qualche emozione, non le andrebbe di scaricarsi stò programmino che poi l'emozione la prova veramente? garantita?

e poi ti chiedo? quanti trojan veramente pericolosi per pc ti becchi su quello stesso sito? decine? e senza avvertimento!

chiamala come vuoi, io la chiamo bufala.

ho capito bene? windows è un colabrodo?
l'hai detto tu, io lo avevo abbastanza capito, e mi era sembrato anche di averlo già sentito, ma tu me lo hai confermato.
non è che magari è per questo che viene volentieri attaccato?
il dubbio mi sorge..
bhè, che posso dirti, buon lavoro...

a tutti gli altri, occhio al colabrodo, sopratutto IExplorer.
se proprio dovete navigare con win, almeno cambiate browser.

TNT ha detto...

No, un trojan e' un trojan. Un trojan e' completamente diverso da un exploit.

E' vero che esistono trojan che su Windows sono installati TRAMITE exploit (i famosi "autoinstallanti": sfruttano semplicemente vulnerabilita' -- solitamente in Internet Explorer e nei suoi plug-in). Ma anche su Windows esistono trojan che vengono installati "coscientemente" dall'utente, perche' questo non si rende conto che cio' che viene richiesto (in questo caso come codec) non installera' il programma voluto ma un trojan.

Usando un utente che non sia un amministratore su Windows moltissimi trojan di quelli "autoinstallanti" non sono in grado di "infettare" il sistema; usando un utente limitato -- come avviene su Mac -- e non usando Internet Explorer, le possibilita' di venire infettati semplicemente "navigando" senza installare "coscientemente" qualcosa sono quasi nulle. Esattamente come avviene su Mac. Le vulnerabilita' di Windows, ripeto, derivano da due cose principalmente: prima di tutto il fatto che la maggior parte degli utenti lo utilizzi come amministratore, ignorando completamente quale sia la funzione della distinzione dei permessi fra amministratore/utenti limitati. In secondo luogo, che utilizzi Internet Explorer, uno dei software piu' bacati della storia, le cui magagne sono iniziate da quando Microsoft, per evitare le sanzioni dell'antitrust all'epoca della "browser war" contro Netscape, decise che il browser "faceva parte del sistema operativo" integrando nel browser cose che non c'entravano assolutamente niente col browser. Si puo' poi discutere sul fatto che Windows sia meno stabile (e lo e'), che abbia funzioni di multiutenza meno avanzate (verissimo), e che renda macchinoso l'utilizzo di un utente non amministratore (altrettanto vero). Ed e' altrettanto vero che esistono sistemi operativi piu' sicuri di Windows (di certo OpenBSD lo e'). Ma la famosa "pochezza" della sicurezza di Windows deriva innanzitutto dall'uso errato che se ne fa normalmente. Ed e' per questo che i creatori di malware hanno trovato (e trovano) la strada spianata in questo senso.

E in ultima istanza vorrei concludere con un discorso molto semplice: credi VERAMENTE che l'utente Mac, a differenza dell'utente Windows, si renda perfettamente conto di quali siano i siti dai quali poter scaricare ed installare software? Perche', che tu lo voglia o no, ci sono molti utenti Windows che non vengono infettati tramite exploit, ma semplicemente perche' installano software che racchiude codice maligno. Neanche nel mondo Unix/Linux (che bene o male hanno utenti piu' smaliziati e "tecnici" dei mondi Windows e Mach), nessuno ha il tempo di controllare tutto il codice sorgente di cio' che scarica, neanche se e' open source. Quando si tratta di programmi binari, credi veramente che ci sia qualcuno che esegue un reverse engineering di tutto cio' che scarica?

Credimi, sottovalutare le capacita' e l'organizzazione di chi crea malware oggi e' sbagliato per tutti, non solo per gli utenti Windows. Sono passati da molti, ma MOLTI anni i tempi in cui chi creava virus erano ragazzi annoiati, oggi c'e' un business notevole dietro, con organizzazioni immense, e giri di soldi enormi, e risorse spesso superiori a quelle di molte software house.

none ha detto...

Paolo è incredibile come tu difenda spudoratamente le magagne di Leopard. Dici "il firewall ha dei problemi di sicurezza (o di descrizione del proprio funzionamento) e ancora..."quando gli si chiede di bloccare tutte le connessioni in ingresso, non lo fa. Questo sembra essere in realtà previsto dal firewall e non sarebbe quindi un baco".

Non sarebbe un baco? E' previsto? Non blocca le connessioni?

Ma ti rendi conto di cosa dici? Se fosse stato il firewall di Windows a non bloccare le connessioni e ad avere problemi di sicurezza simili ne avresti fatto un bagno di sangue e scritto per settimane! Non ti saresti limitato a dire "E' previsto quindi non è un baco", anzi proprio perchè "previsto" avresti calcato ancora di più la mano.
Heise dice che il firewall non è attivo di default e anche quando lo è non fa il proprio lavoro consentendo il traffico da e per servizi non autorizzati, anche quando la regola di blocco totale è attiva. Heise afferma che il firewall ha FALLITO tutti i test ai quali è stato sottoposto.

Non mi sembra sia un problema da sminuire come hai fatto.

Lazza ha detto...

Quoto none. Assolutamente

Paolo Attivissimo ha detto...

Ma ti rendi conto di cosa dici?

Abitualmente sì. Per questo ho messo quella precisazione: perché da quanto mi risulta, le connessioni vengono accettate lo stesso perché il FW Apple funziona così, ed è la dicitura ad essere sbagliata.

Per esempio, Slashdot nota che l'help di Leopard dice: In addition to the sharing services you turned on in Sharing preferences, the list may include other services, applications, and programs that are allowed to open ports in the firewall. An application or program might have requested and been given access through the firewall, or might be digitally signed by a trusted certificate and therefore allowed access

IMPORTANT: Some programs have access through the firewall although they don't appear in the list. These might include system applications, services, and processes (for example, those running as "root"). They can also include digitally signed programs that are opened automatically by other programs.


Da quel che capisco, se un'applicazione firmata digitalmente che risiede sul Mac viene interrogata dall'esterno, è autorizzata a rispondere all'interrogazione dall'esterno attraverso il firewall. Ma la descrizione del servizio come "blocca tutte le connessioni in ingresso" è sbagliata.

Sembrerebbe un classico "feature, not bug" :-)

none ha detto...

"Sembrerebbe un classico "feature, not bug" :-)"

bel coraggio a chiamare una magagna del genere una features.

Paolo Attivissimo ha detto...

bel coraggio a chiamare una magagna del genere una features.

La faccina che sorride l'hai vista, vero?

axlman ha detto...

OT, ma non sapevo dove chiedere: oggi, niente Disinformatico alla radio?

usa-free ha detto...

oggi per gioco mi sono installato Leopard su un pc :D

beh che dire : è goduriosissimo ^_^

ovviamente molti componenti hardware o non sono riconosciuti o funzionano male, in special modo scheda audio e scheda video

però davvero un ottimo sistema operativo, attento sia alla funzionalità sia all'occhio, che vuole sempre la sua parte :D

le icone che saltellano sulla barra per chiedere attenzione da parte dell'utente sono uno spettacolo ^_^

da totale newbie posso ora dire che avere un Mac deve essere molto gratificante, se poi visti i prezzi ve lo fate regalare, è il massimo :D

se qualche anima pia si sente generosa e me lo vuole regalare, io sono qui lol :P

Lazza ha detto...

"le icone che saltellano sulla barra per chiedere attenzione da parte dell'utente sono uno spettacolo"
Noooo ma davvero? Allora passo subito a Mac... Ma dai, è una funzione che è presente anche in AWN (con molti più effetti tra l'altro). ;-) Se questi sono i motivi per scegliere un OS... :-S

Dan ha detto...

Lazza, non hai capito.

Lazza ha detto...

@ Dan, preferisci darmi qualche altro ragguaglio oppure semplicemente dirmi che tu sei il re della conoscenza e io non capisco niente di niente?
E poi, non credi che se rispondo al commento di un utente sia egli stesso a potermi semmai dire che non ho capito?

Dan ha detto...

Gli assoluti sono pericolosi...
Attenzione, io non mai detto cose del genere: speravo solo che rileggessi e capissi da solo.
Semplicemente ti facevo notare come tu avessi estrapolato una sola frase dal post di usa-free, e su di esso tu avessi basato il tuo sarcastico commento; mentre dalla frase "però davvero un ottimo sistema operativo, attento sia alla funzionalità sia all'occhio, che vuole sempre la sua parte :D" ad esempio mi pare evidente che abbia considerato altri aspetti di MacOs oltre alle icone che saltano, per ricavare il suo giudizio.

Sei un po' irritabile o sbaglio?

Lazza ha detto...

Direi di no. Non mi piace sentire gente che giudica dall'aspetto esteriore. Tutto qui.