Cerca nel blog

2011/11/15

Arcobaleno di Luna in Islanda. Con aurora

Un arcobaleno di notte? In Islanda si può



Questa splendida foto di Stephane Vetter, che ritrae la cascata islandese di nome Skogarfoss, è l'Astronomy Picture of the Day di ieri. A parte la meraviglia per la sua bellezza, è colma di chicche: è stata scattata di notte, per cui l'arcobaleno non è prodotto dalla rifrazione della luce diretta del Sole, ma è dovuto alla luce della Luna, che era quasi piena (volendo essere pignoli, la luce lunare è pur sempre luce solare riflessa).

Come se non bastasse, in cielo c'è l'aurora. Sulla sinistra si riconosce la costellazione dell'Orsa maggiore. Voglio andare in Islanda. Con paesaggi così, non mi stupisce che le credenze in troll, fate e folletti siano ancora diffuse.

36 commenti:

Fx ha detto...

E' storta.







asdasdsadsa :)

Luigi Rosa ha detto...

Bellissima.

Pero' di troll se ne trovano tantissimi anche su Internet. ;)

Pierluigi ha detto...

Paolo, quando parti per l'Islanda, fammi un fischio, così vengo pure io.

Rudy ha detto...

A giudicare dalla relativa assenza di movimento e dall'angolo visuale, direi che il tempo di posa è stato piuttosto breve, nell'ordine di pochi secondi (non ho trovato i dati di esposizione).
Deduco che queste foto siano possibili solo grazie alle altissime sensibilità dei CCD delle reflex attuali. Interessante.

pbm ha detto...

Vai in Islanda. Vacci. Andateci tutti. Almeno una volta nella vita. E' il parco giochi della geologia e dei fenomeni naturali; se fossi credente direi che è il parco giochi di Dio, o che finita la creazione avesse una serie di trovate che gli erano venute in mente e non sapeva dove mettere e quindi le ha messe tutte lì. Io ne sono rimasto stregato, sia dalla bellezza del posto che dall'umanità delle persone. E dalla bontà del pane semidolce cotto nei geyser, ottimo surrogato della focaccia! :)

PS: fra l'altro la faccenda della costituzione "scritta via facebook e twitter" è un bufalone di origine curiosamente interessante. Merita un'indagine (peraltro rapida).

Khelidan ha detto...

Spettacolo!Ma non si trova in alta definizione?

FraNe91 ha detto...

Meraviglioso!
Mi piacerebbe andare un sacco in un posto così!

Comunque ho notato che dal tastino "+ Share" è sparita l'icona di facebook. Succede solo a me?

Stupor Mundi 83 ha detto...

L'Islanda è un caso unico dal punto di vista geologico.
E' stata generata dal magmatismo e dai movimenti estensionali dovuti all'intersezione di una dorsale medio oceanica attiva con un Hotspot. Si può toccate con mano il passaggio dalla placca nordamericana a quella euroasiatica! Questo unito alle particolarità del clima e alla sua latitudine la rende anche unica anche dal punto di vista ambientale...

Prima o poi riuscirò ad andarci anch'io...

Gian Piero Biancoli ha detto...

"volendo essere pignoli, la luce lunare è pur sempre luce solare riflessa"

La luna piena minchionò la lucciola "Sarà l'effetto dell'economia, ma quel lume che porti è deboluccio".
"Sì" - le rispose quella - "ma la luce è mia!"
Trilussa

:-)

maury ha detto...

Una foto per capire le dimensioni della cascata (via Yeridiani su Friendfeed):

http://friendfeed.com/andreayeridiani/f55c6248/per-comprendere-le-dimensioni-della-cascata

http://friendfeed.com/andreayeridiani/b9162493/apod-2011-november-14-waterfall-moonbow-and

Max ha detto...

Ma solo a me sembra molto 'Fake' ??? La luce, i colori, l'acqua della cascata..
E poi, essendo notturna non c'e' troppa luce sulle rocce attorno ??
Ammetto la mia ignoranza in fotografia, ma chi dice che il tempo di esposizione e' basso come giustifica la luminosità dell'immagine ed i dettagli ?

pbm ha detto...

PS: il grosso delle "attrazioni turistiche" islandesi si può visitare in un weekend lungo, organizzandosi per tempo si possono trovare voli da Londra a prezzi abbordabili.

Al prezzo di un iPhone si riesce a vedere quasi tutto partendo dall'Italia. E ricavandone una soddisfazione molto maggiore...

Palin ha detto...

[quote-"Max"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/arcobaleno-di-luna-in-islanda-con.html#c4215415093162060164"]
Ammetto la mia ignoranza in fotografia, ma chi dice che il tempo di esposizione e' basso come giustifica la luminosità dell'immagine ed i dettagli ?
[/quote]

Credo che dipenda dal fatto che la vicinanza dell'Islanda al circolo polare artico produce una "notte" decisamente luminosa d'estate...

Peppe ha detto...

Tanto per evitare lo spam, una nota compagnia lowcost (no, non quella col CEO pazzoide. Una più seria e più arancione) ha aperto in via sperimentale tratte Luton-Reykjavík a partire da Marzo 2012. La tentazione è fortissima...

MyBlog ha detto...

Ci sono stato!!!

Quella di Skogar è una delle millemila cascate e meraviglie naturali presenti in Islanda.

Non c'è nulla in Islanda, ma è un nulla spettacolare.

MB ha detto...

Bellissima immagine!

Paolo, ti stai appassionando di fotografia?

Saluti

Filippo ha detto...

Il nome "tecnico" (si fa per dire) dovrebbe essere Moonbow. Su Flickr si trovano alcuni esempi incredibili.

Massimiliano ha detto...

Non posso non usare questo sfondo per un mio prossimo quadro a tema fantasy !

martinobri ha detto...

Ho sulla scrivania un vasetto con cenere vulcanica raccolta proprio lì.
Il campeggio sotto la cascata è proprio sulla traiettoria della nube dell'Ejafjallajokull, ricordate? (non essendoci più AdP, sigh, lo scrivo come me lo ricordo). Quando ci sono stato il terreno era ancora coperto da un paio di cm di quella cenere.

Se ci vai, io ci torno. Divideremo le spese.
Ma il mio spirito rifugge dall'idea di starci meno di 15 giorni. Spazi dilatati come quelli richiedono tempi altrettanto dilatati.

PS: andate, ma non se temete l'umido

martinobri ha detto...

Una delle cose dell'Islanda che più rimangono in mente a chi si diletta di astronomia è il chiarore dell'aurora all'orizzonte nord: proprio sotto l'Orsa Minore.
D'estate, ovviamente.

dani1967 ha detto...

Quel posto è davvero spettacolare, che ricordi !!!
L'Islanda e un parco giochi delle scienze naturali, la natura selvaggia in mezzo alla civiltà più evoluta.Smentisco chi parla di un we, a me il tempo in Isalnda non basta mai, ho fatto due vancze ma ci ritornerei ogni estate potendo.
Il ring road e un po' di puntate interne, qualche fiordo e le isole, richiedono, molto in fretta, una quindicina di giorni.

Il Lupo della Luna ha detto...

Max, è una foto HDR una foto "normale" ritoccata per "aprire" la gamma sulle ombre, per questo i colori sono così saturi e pieni.

TizFX ha detto...

Ebbeh, l'Islanda è tra le mie top 10 mete preferite, assieme alle Far Oer e ai paesi scandinavi in generale.

martinobri ha detto...

assieme alle Far Oer

Mamma mia, le Faer Oer!!
Il verde dell'erba sopra al nero del basalto, pulcinella di mare a mille, il rumore della risacca 300 metri più sotto nella nebbia, il labbo in picchiata che quasi mi cava un occhio perchè stavo calpestando il suo nido...
e il miglior merluzzo della mia vita, barattato al porto con due bottiglie di vino siciliano :-)

Voglio tornare!!

Joram Rosebringer ha detto...

Ma c'è modo di avere quest'immagine ad una risoluzione maggiore di quella del sito della NASA?

Kuz ha detto...

[quote-"Il Lupo della Luna"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/11/arcobaleno-di-luna-in-islanda-con.html#c3873217663511229058"]
Max, è una foto HDR una foto "normale" ritoccata per "aprire" la gamma sulle ombre, per questo i colori sono così saturi e pieni.
[/quote]

Non è detto che sia in HDR, e anzi io ne dubito. L'HDR si usa quando ci sono forti contrasti di luce nella scena, proprio per permettere all'immagine finale di coprire una maggiore gamma dinamica rispetto a quanto può fare il sensore in un singolo scatto.

In questo caso invece ci sono solo l'illuminazione uniforme della luna e la luce fioca delle stelle, un unico scatto abbastanza lungo per catturare la giusta luce e abbastanza breve per evitare il mosso delle stelle è quindi più che sufficiente.

Ciò non toglie che in post-produzione si sia intervenuto sulle luci o sulle ombre, ma in tal caso è comunque improprio il termine HDR.

Micky ha detto...

E' davvero magica l'Islanda! Quando ci andrai ti consiglio di leggere quanto puoi delle loro fantastiche saghe e leggende e, all'inizio del viaggio, fai un salto in un negozio di musica e compra un paio di CD delle loro musiche (Íslandsklukkur tra quelli che più amo) e poi goditi uno dei paesaggi più belli della terra ascoltandole...dal mal d'Islanda non guarirai più ;-)

Epsilon ha detto...

Micky dixit:
"Íslandsklukkur"

Ce l'ho! Ce l'ho!
O perlomeno mi sembra proprio: devo controllare a casa.
E dire che in Islanda non ci sono neppure stato!
:-)

Il Lupo della Luna ha detto...

Kuz, è saltata una parte di commento. Era "...HDR o più probabilmente una foto ritoccata ad hoc per aprire le ombre ed aumentare il contrasto". Per il resto, concordo con la tua osservazione.

MOnSTEr ha detto...

Da dilettante di fotografia sono rimasto stupito delle foto notturne da me scattate quest'estate. Con la Luna piena (quella che fa sembrare giorno, era così nel periodo di S. Lorenzo), si riescono a fotografare paesaggi che sembrano quasi scattati in diurna, con la differenza che si vedono molto bene anche le stelle (meglio che a occhio nudo). Sembra quasi un quadro surrealista, come anche la foto qui sopra. Visto che le stelle sono venute puntiformi non credo che l'esposizione sia stata di più di qualche secondo, sufficiente per catturare le stelle e l'arcobaleno e rendere compatta la cascata d'acqua. Fortunato il fotografo che si è goduto quello spettacolo dal vivo...

Bahamuttone ha detto...

Hmm la versione piu' grande che ho trovato e' questa... ma non so se e' stata semplicemente reingraindita da quella NASA
http://astrogalicia.org/apod/category/a-terra/

matteo ha detto...

Se volete dare un'occhiate ad altre foto dello stesso autore visitate il suo sito http://www.nuitsacrees.fr/, è in francese, ma non serve sapere la lingua per ammirare il suo lavoro.

martinobri ha detto...

Un'altra cosa relativa ad arcobaleni ed Islanda è l'arcobaleno… personale.
Avvicinandosi a certe cascate, quando il vento soffia in una certa direzione, le goccioline d'acqua avvolgono il sentiero e chi ci sta sopra. Se in quel momento c'è il Sole ed esso ha l'alezza e la direzione giusta, si forma un arcobaleno che si vede partire da un bavero della giacca (si vede l'arcobaleno sovrapposto ai vestiti!), descrivere un arco attorno al centro del proprio sguardo ed arrivare all'altro bavero.
Singolare.

Epsilon ha detto...

Per martinobri

Se poi in quel momento vien giù (termine tecnico) anche un cavo dell'alta tensione all'immagine idilliaca si aggiunge anche un fragrante aroma di pollo arrosto.
:-)

martinobri ha detto...

@Epsilon

:-)

Trovarli, i cavi (qualunque cavo) in Islanda.
Ci sono, ma a densità molto basse.

Epsilon ha detto...

Uh?!? Nel senso che costruiscono i cavi in aerogel?!?

:-)