Cerca nel blog

2014/10/07

Antibufala: no, l’OMS non ha ordinato un milione di dosi di vaccino anti-Ebola

Lo so che la vicenda di Ebola si sta evolvendo come il più classico dei biothriller catastrofici, ma per favore cerchiamo di tenere i piedi per terra e non diffondere panzane. Non è vero che l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha ordinato un milione di dosi del vaccino “italiano” contro Ebola.

Tutti i dettagli sono qui su Gravità Zero.

6 commenti:

rico ha detto...

Mi sa che anche diecimila dosi sono oltre le capacità produttive attuali italiane.
Un milione di dosi? Mi suona come il milione di posti di lavoro... Tutti (e tutte) all' estero.

Stupidocane ha detto...

Credo che il finalino dell'articolo copiaincollato da Wikipedia se lo potevano risparmiare. O almeno metterlo come citazione. IMHO

avariatedeventuali ha detto...

Magari esistesse un vaccino efficace al 100% per l'ebola più che altro... Si potrebbero vaccinare migliaia di medici per andare a vaccinare decine di migliaia di persone nelle zone più colpite senza far correre troppi rischi a nessuno...

Piertutor ha detto...

Piu' che altro anche Gravita' Zero in un primo momento sembrava aver abboccato. La prima versione dell'articolo riportava infatti:
"È italiano il vaccino contro Ebola. L'Organizzazione mondiale della Sanità lo ha scelto e sta trattando una fornitura di un milione di provette con la GlaxoSmithKline, che quest'anno ha acquistato per 250 milioni di euro l'italiana Okairos, sviluppatrice del brevetto del vaccino".

martinobri ha detto...

>per andare a vaccinare decine di migliaia di persone nelle zone più colpite senza far correre troppi rischi a nessuno...

Nessuno tranne i medici stessi. E' accaduto che li facessero fuori perchè pensavano che loro stessi spargessero il virus; per stregoneria/accordi con le multinazionali.

puffolottiaccident ha detto...

Più che un thriller catastrofico mi pare una commedia del Goldoni.

mi pare che qua i pessimisti la hanno indovinata 4 volte di fila.

Per me controllare un'epidemia è la stessa cosa che riparare un computer, non si dovrebbe fare preventivi quando non si conosce il problema.
Un pronostico farlocco dimostra che non si conosceva il problema.
Forse dovrei risparmiare le battute sul tizio che è stato riportato in Spagna (non mi ricordo bene... cosa ci faceva là, vendeva aspirapolveri? era un giocatore di biliardo professionista?)