Cerca nel blog

2014/10/17

Le novità Apple in sintesi

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Ieri Apple ha presentato un'ampia serie di novità hardware e software. Per chi ha fretta, ecco i punti principali.

Mac Mini. Formato invariato, ma maggiore potenza di calcolo e in opzione dischi rigidi ibridi Fusion (rotanti più stato solido) o interamente a stato solido. Prezzo base: 499 dollari, ribassato di 100 rispetto al prezzo base precedente. Disponibile subito.

iMac. La nuova versione con monitor da 27" ha una risoluzione impressionante di 5120x2880 pixel, una scheda grafica più potente e una CPU Intel i5 da 3.5 GHz (in opzione anche da 4 GHz). Disco Fusion da 1 TB, 8 GB di RAM. Prezzo base: 2.449 dollari. Disponibile subito. L'iMac da 21" resta a 1920x1080.

iPad. Nuovi Air e Mini (rispettivamente versioni 2 e 3), leggermente più sottili delle versioni precedenti (l'Air nuovo è spesso la metà del primo iPad) e meno riflettenti. Entrambi hanno sensori d'impronta (TouchID). Niente NFC per gli acquisti senza contatto. Air 2 costerà da 499 dollari in su (versione Wi-Fi con 16 GB) e 629 dollari (versione cellulare LTE con 16 GB). Saranno prenotabili dal 17 ottobre. Restano disponibili i “vecchi” iPad Air e Mini 2, a prezzi ribassati di 100 dollari. L'iPad Mini originale scende a 249 dollari (versione base Wi-Fi con 16 GB).

iOS. Arriva la versione 8.1, che include Apple Pay (pagamenti senza contatto). I dati delle carte di credito dell'utente vengono custoditi in un'area sicura dell'iPhone 6/6 Plus e permettono di fare acquisti semplicemente avvicinando il telefonino al sensore della cassa del negozio e toccando il sensore d'impronta. I dati delle carte non vengono trasmessi al rivenditore o ad Apple: viene usato invece un codice usa e getta. Si possono includere pulsanti Apple Pay nelle app. Apple Pay entrerà in servizio a novembre e sarà solo per iPhone 6 o 6 Plus; chi ha la versione 5 dovrà appoggiarsi a un Apple Watch (che sarà disponibile solo nei primi mesi del 2015). Con il sistema Continuity, sarà possibile rispondere agli SMS e alle telefonate cellulari dai Mac associati. iOS 8.1 sarà scaricabile a partire da lunedì.

OS X. La nuova versione, denominata Yosemite (10.10), è disponibile subito gratuitamente e gira su tutti questi Mac (in pratica, se ci gira Mountain Lion o Mavericks, ci gira anche Yosemite). Ars Technica ne ha una recensione immensa (in inglese). Visivamente imita molto iOS e si stacca molto dalle versioni precedenti. Il look traslucido impera (è disattivabile) e c'è una particolarità che non mancherà di suscitare discussioni: Safari nasconde completamente gli URL e mostra solo il nome del dominio (utile come misura anti-phishing e comunque disattivabile). Il sistema Continuity offre maggiore integrazione con gli altri dispositivi Apple nelle vicinanze, via Bluetooth: per esempio, si può iniziare a comporre una mail su un iPhone o iPad e proseguirne la scrittura su un Mac senza dover salvare la bozza, chiuderla sul telefono, sincronizzare la casella di posta sul Mac e riaprire la bozza (perlomeno nelle applicazioni che supportano il servizio).

Come al solito, è consigliabile aspettare qualche giorno per installare gli aggiornamenti di iOS e OS X, per evitare i rallentamenti tipici dello scaricamento effettuato contemporaneamente da milioni di utenti e lasciare che siano gli altri a sperimentare pregi e soprattutto eventuali difetti (per esempio, GPGmail non è compatibile con Yosemite e una versione compatibile non arriverà prima di fine novembre). Visto il recente flop dell'aggiornamento 8.0.1 di iOS, addirittura ritirato da Apple, il consiglio non è puramente teorico. E naturalmente prima di aggiornare è fondamentale fare una copia di backup dei propri dati.

7 commenti:

avariatedeventuali ha detto...

iPad mini retina 2 ha identiche dimensioni, solo l'impronta in più.
iMac mini ha ora una risoluzione 4k. Perfetto per i nuovi maxi schermi in arrivo a pacchi per natale.
iMac 5k... Molto bello a chi serve.
Per me è tutto over le mie necessità ora.
Per gli os concordo. Aspettare. Dopo la "svaccata" di iOs8 penso attenderò l'anno nuovo... La mia passione da pioniere si è un attimo congelata.

Luigi Rosa ha detto...

La funzione che disattvivava la barra dell'indirizzo con l'URL e metteva solamente il sito era stata annunciata per Chrome di qualche mese fa come default disattivabile, poi non se n'e' saputo piu' nulla¸ probabilmente perche' qualcuno ha fatto notare che non e' esattamente una bella idea.
Non mi stupisco che l'abbia raccolta Safari perche' la politica di Apple e' sempre stata "ti nascondo i meccanismi e ti faccio vedere solo le cose belle".
Aperta la stagione delle pesca dell'utente Apple.

Il Lupo della Luna ha detto...

Non male il Mac mini, un po caro per un i3 (dico bene?) ma buono se si ha poco spazio. interessante il disco ibrido anche se i test non rilevano tutto questo vantaggio rispetto a quello normale (ho appena cambiato il disco con un ssd e avevo valutato l'ibrido, che è un disco con una memoria cache enorme).

Anonimo ha detto...

È sempre stata buona pratica evitare di scaricare una major release subito, io di solito aspettavo almeno la .01 ... adesso sto scaricando Yosemite, ma con un nome del genere non sono riuscito a resistere. Cazzo, sono vittima delle mie stesse suggestioni e sento che la pagherò questa volta.

Dall'articolo temevo che Yosemite fosse diventato un SO da cellulare applicato al mondo desktop (tipo win 8), per fortuna sembra che le cose non siano ancora così. Spero che tra le novità ci sia lo scambio di documenti e foto via bluetooth tra MacBookPro e iPhone (ma andrebbero bene anche i segnali di fumo per quello che mi frega). Qualcuno ne sa qualcosa?

Riccardo Cossu ha detto...

Una correzione sul mac mini: il fusion drive è di serie solo sul modello di punta da 999$.
Il modello base da 499$/519€ è però interessante ed ad un prezzo invitante :-)

Paolo Attivissimo ha detto...

Riccardo,

grazie della correzione, m'era sfuggito il dato. Ho sistemato.

Anonimo ha detto...

I complottisti direbbero che sarebbe meglio tornare ad uno stile di vita amish
perchè tanto un idiota resta sempre un idiota anche se si trasferisce in USA e acquista 10 ifone.