skip to main | skip to sidebar
1 commento

Supersistemi antiterrorismo inutili?

Cat Stevens quasi beffa l'antiterrorismo grazie a un refuso


Nuova puntata della serie "la vostra sicurezza è in buone mani". L'ex cantante Cat Stevens, che ora si fa chiamare Yusuf Islam, è nella lista dei sospettati di terrorismo stilata dal governo USA (per motivi non divulgati), ma è riuscito lo stesso a salire su un aereo diretto negli USA, che poi è stato bloccato. C'è riuscito grazie a un problema di ortografia.

Infatti nella lista antiterrorismo c'è scritto Youssouf Islam, non Yusuf. Così perlomeno riferisce Yahoo News, citando la rivista Time:

Time magazine, in its on-line edition, quoted aviation sources with access to the "no-fly" list as saying there is no entry on the list under the name "Yusuf Islam," but that there is a "Youssouf Islam" on the list. They said the incorrect name was added to the list this summer. Because Islam's name is spelled "Yusuf" on his passport, said the sources, he was allowed to board a plane in London bound for the United States. The US Transportation Safety Administration alleges that Islam has links to terrorist groups, which he has denied.

In altre parole, il sistema antiterrorismo non è abbastanza flessibile da tenere conto delle variazioni fonetiche dei nomi. Non saprebbe distinguere, per esempio, fra Smyth e Smith. Forse il governo USA dovrebbe ringraziare Cat Stevens per aver evidenziato questa falla del sistema. Con questa falla, un terrorista avrebbe potuto entrare negli USA semplicemente alterando foneticamente il proprio nome, cosa peraltro legittima, dato che con i nomi scritti in alfabeti non latini la conversione fonetica verso l'alfabeto latino non è univoca.

Ma chi è l'imbecille che scrive il software che gestisce questi sistemi? A parte il fatto che un sistema basato sui nomi, vista la facilità con la quale si può cambiare nome legalmente o illegalmente, mi sembra una totale perdita di tempo, anche soltanto come primo filtro. Che comunque, come dimostrato, non funziona.

Mah!
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (1)
Cosa pretendere da servizi segreti che hanno "permesso" a 4 aerei nell'arco di 2/3 ore l'11 settembre del 2001 di causare il più grave attacco terroristico sul suolo americano ??!!?