skip to main | skip to sidebar
44 commenti

Morto Gepy & Gepy, Repubblica lo ricorda con un falso

Repubblica colta a copiare un fake di Gepy & Gepy


Ieri è morto a 67 anni Giampiero Scalamogna, in arte Gepy & Gepy. Repubblica non ha saputo evitare di ricordarlo presentando un'immagine falsa:

L'immagine è tratta, non so con quanta disinvoltura e con quanto consenso dell'autore, da questo blog, secondo la segnalazione del lettore Accademia dei Pedanti. Ma prendere una copertina autentica di un suo disco non si poteva proprio? Commemorarlo con un falso è un bell'insulto.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (44)
È più corretto Gepy & Gepy, però so che ci sono problemi di codice con la E commerciale, già emersi quando si parlava di AT&T, che solo axlman può risolvere.
Giornalai da strapazzo! Concordo...
Se dicessi quello che mi è passato per la mente dopo la lettura del post questo blog perderebbe in automatico la qualifica di "Blog per allegre famiglie".
E poi dicono che Paolo ce l'ha con Repubblica. La professionalità di quel giornale oramai è finita non si sa dove.. "ma tanto è l'edizione online".

Io dico che chi, a Repubblica o in qualsiasi altro giornale, fa queste cavolate ce l'ha con tutta la categoria professionale di cui si vanta di far parte.
Qualcuno legge ancora i giornali???
Il solito errore di metodo: si fa una ricerca su google e si prendono le cose senza controllarne la validità
tanto per far capire la situazione:
ogni volta che leggo una notizia su un giornale, vado su internet e vengo o qui da Paolo o su un altro sito di economia (per le notizie economiche) a vedere se è vero ciò che scrivono oppure no...non credo che sia una cosa normale, soprattutto se si considera che ricevono barcate di soldi pubblici..
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Per completezza: son sicuro che la finta copertina in stile anni Settanta è una creazione per quel sito, apparsa il 19 luglio 2007; credo che sia opera di kurtigghiu, anche se l'autore del weblog ha diversi grafici amici. Peraltro, il video di Repubblica con la canzone Più cantata con Ornella Vanoni potrebbe essere copiato da qui:

http://www.youtube.com/watch?v=Vdzf-lMkQ3s

o dai mille altri siti di video che clonano altri video. Niente di male, per me: ma almeno loro lo fanno per amore della musica, non sono pagati da un editore che riceve contributi dallo Stato.

=========


Per L'economa domestica: la vicenda ti stomaca per la leggerezza con cui si tratta la morte di una persona, indipendentemente dalla sua professione, o perché eri una fan di Gepy & Gepy?
Accademia dei Pedanti wrote

Per L'economa domestica: la vicenda ti stomaca per la leggerezza con cui si tratta la morte di una persona, indipendentemente dalla sua professione, o perché eri una fan di Gepy & Gepy?

La ritengo una mancanza di rispetto sia per la persona che per la sua professionalità.
Sempre repubblica. Youtube "hackerato". Altra epic Bufala??

http://bit.ly/arnxIo

Dalla descrizione pare che abbiano scoperto il "design mode" e gli alert di javascipt!! E questa è la seconda notizia della Home Page...
Su Repubblica pubblicano video tarocchi fatti da loro su Ansa pubblicano video presi da youtube e bloccati per violazione del Copyright, complimenti ad entrambi per la serietà!
http://tinyurl.com/3yxnroe
Quella foto l'ho vista anche in un telegiornale, non ricordo quale, quando hanno dato la notizia della sua morte...
Interpretando il topic nel suo senso più ampio (cialtronagine giornalisti italici) segnalo il sito di (quello che resta di) Rai Radio 2. Dove, spesso, nella sezione "Playlist" i link portano a video su You Tube che sono stati rimossi per violazione dei diritti!!! La cosa si ripete abbastanza spesso, cioè non è un errore una tantum, continuano a commeterlo allegramente fregandosene e dimostrando perlomeno scarsa professionalità (scarsa competenza invece la dimostrano con i programmi che hanno chiuso e stanno per chiudere)
scusa paolo ma ancora una volta non sono d'accordo con te.

Io ho cliccato sul link del tuo articolo e ho visto un video con un'immagine e della musica. Non ci sono dichiarazioni scritte che si tratti della copertina di un disco di questo "Gepy" (che non conosco). E dove starebbe il problema? Perche' chiamarlo un falso? Il problema e' l'uso dell'immagine E chi vi dice che l'immagine non sia stata riprodotta con il consenso dell'autore (anche se e' probabile...)? E' consentito presentare un cantante solo con la copertina dei suoi dischi? Qualcuno ha affermato che si tratta della copertina di un suo disco?

Sai bene che sono il primo ad attaccare la faciloneria di Repubblica, Corriere et similia (gestisco anche un gruppo su facebook con questo intento, sebbene ristretto alle notizie di carattere scientifico), ma in questo caso proprio non vedo il problema e inviterei tutti ad esercitare un po' di senso critico anche quando le cose le dice chi stimiamo e apprezziamo. Altrimenti diventa solo "confirmation bias".

Un saluto
Per Bera e Teus

Che i siti di giornali, di radio pubbliche o private e le tv peschino a man bassa da Youtube, è verissimo. Ogni tanto ci si chiede a cosa servano le playlist tematiche di Youtube, visto che sembra che molti siti legati a quotidiani e settimanali altro non facciano che aggregare più video che possono.

Va tuttavia detto che mettere un link esterno a Youtube è in teoria un atto in buona fede: ogni utente dichiara, quando carica materiale, di avere i diritti di tutto ciò che ha prodotto, e anche di non ledere la privacy di nessuno. E Youtube formalmente garantisce che il materiale della sua piattaforma è liberamente consultabile e fruibile.
Poi chiunque sa che non è così! :-D Youtube pullula di estratti di film e cartoni animati, di trasmissioni tv con tanto di logo, di canzoni recenti. Anche sul Disinformatico ogni tanto vengono incapsulati video che poi spariscono, evidentemente causa reclami di qualcuno. :-)

Io personalmente ritengo molto più ipocrita (e legalmente passibile di querela) il presente caso: Repubblica deve aver copiato il video con la copertina tarocca da Youtube, presente nel canale di un tal MoggiLonesto (caricato il 22 maggio), e lo ha messo sul proprio server, come se fosse una creazione ad hoc per la morte di Gepy & Gepy. La stessa Repubblica che al termine di molti articoli riporta: © Riproduzione riservata.
Evviva la coerenza.
pgc, E chi vi dice che l'immagine non sia stata riprodotta con il consenso dell'autore (anche se e' probabile...)?

Ti sei risposto da solo.

Non dimentichiamo che Repubblica è il giornale che pubblicò il fotomontaggio del grande blackout del 2003 prelevandolo da Internet e spacciandolo per immagine satellitare autentica.

Prova a contattare l'autore del blog copiato e fatti dire se ha dato il permesso a Repubblica. Accetto scommesse sulla risposta :-)
Per pgc

Io ho cliccato sul link del tuo articolo e ho visto un video con un'immagine e della musica. Non ci sono dichiarazioni scritte che si tratti della copertina di un disco di questo "Gepy" (che non conosco). E dove starebbe il problema? Perche' chiamarlo un falso?

È un falso.

Il problema e' l'uso dell'immagine E chi vi dice che l'immagine non sia stata riprodotta con il consenso dell'autore (anche se e' probabile...)? E' consentito presentare un cantante solo con la copertina dei suoi dischi? Qualcuno ha affermato che si tratta della copertina di un suo disco?

No, ma siccome in sottofondo c'è una sua canzone, e non una sua intervista o la dichiarazione di un critico musicale, e siccome la grafica è inequivocabilmente quella di una copertina, qualunque visitatore fa 2+2.

Sai bene che sono il primo ad attaccare la faciloneria di Repubblica, Corriere et similia (gestisco anche un gruppo su facebook con questo intento, sebbene ristretto alle notizie di carattere scientifico), ma in questo caso proprio non vedo il problema

Se per te non è un problema commemorare un artista appena deceduto mostrando un disco che non ha mai inciso, siamo su due pianeti diversi.
Magari è deformazione professionale, ma la copertina di Più cantata con Ornella Vanoni si trova con tre clic:

http://www.bigattiguglielmo.com/musica/foto/15710.jpg

C'era bisogno di andare a pescare una rielaborazione fatta tre anni fa per una ipotetica raccolta di successi?
Scusa AdP, ma arebbe un falso se qualcuno lo spacciasse per l'originale di una copertina, cosa che non e' avvenuta. E chi ha detto che e' la copertina di un disco? Proprio non capisco. Perche' non restare su notizie che sono chiaramente false o infondate o riportate in maniera inesatta? Altrimenti si rischia di snaturare il tono di questo peraltro eccellente blog.
tra l'altro le copertine dei dischi sono coperte da copyright come "lavori artistici", quindi non sono riproducibili senza il consenso di chi ne detiene i diritti. Ma secondo alcuni se cosi' fosse stato non ci sarebbe stato alcun problema. E perche'? cosa cambierebbe?
Per onestà devo dire che la copertina che ho indicato presenta come lato A Serenata per una notte blu, ed è del 1983. Non sono sicuro che il lato B sia Più. Forse l'unica copertina uscita nel 1976 è questa, ma non andava bene, c'era solo Ornella Vanoni.
Scusa Paolo, ma cosi' diventa confirmation bias veramente... Tu parti da un presupposto e assumi che tutto quello che vedi sia una conferma.

Tra l'altro se quello che tu dici e' l'unico motivo per l'attenzione dedicata a questo "pezzo", dovresti riportare tutte le notizie in cui c'e' un disegno o un'immagine, perche' puoi supporre a priori che i diritti non siano stati pagati (che e' la norma da parte della stampa, e non solo di quella italiana). Tra l'altro nel blog non e' scritto esplicitamente che l'immagine e' dell'autore e protetta da copyright. Di solito quello che si fa e' che se si ritiene di essere l'autore di un'immagine si contatta chi l'ha usata e si raggiunge un "fair agreement". Questo e' quello che succede su siti di blasonati giornali stranieri come The Guardian o la BBC.
Per pgc

Scusa AdP, ma arebbe un falso se qualcuno lo spacciasse per l'originale di una copertina, cosa che non e' avvenuta.

"In questo video presentiamo un suo successo, la canzone Piú, abbinato alla copertina originale." Quando mai hai visto specificare con tanta dovizia di particolari? Su, un minimo di verosimiglianza.

La questione non sarebbe assolutamente rilevante se non si trattasse di un video commemorativo di un artista appena morto. Vista la circostanza, presentare un lavoro di fantasia, nato con intenti anche giocosi, in un contesto serio è indelicato soprattutto nei confronti dei familiari di Giampiero Scalamogna, e dei fan che ancora lo seguivano.
Passi per i lettori del giornale: se ne saranno accorti in 3...
Ancora per pgc

Non stiamo parlando di diritti d'autore violati stavolta. Ma solo della disinvoltura con cui si ricordano artisti di cui, detto per inciso, non si parlava da anni, se non in occasione di trasmissioni di revival. Tu stesso dici di non averne mai sentito parlare.

Ti chiedo: piuttosto che parlarne a vanvera, non era meglio il silenzio? :-|
credo di avere capito da dove viene la disparita' di giudizi.

AdP riporta una frase:
"In questo video presentiamo un suo successo, la canzone Piú, abbinato alla copertina originale." Quando mai hai visto specificare con tanta dovizia di particolari? Su, un minimo di verosimiglianza. che io non leggo nel testo che accompagna il video. Da dove viene questa frase?
Per pgc

credo di avere capito da dove viene la disparita' di giudizi.

AdP riporta una frase:
"In questo video presentiamo un suo successo, la canzone Piú, abbinato alla copertina originale." Quando mai hai visto specificare con tanta dovizia di particolari? Su, un minimo di verosimiglianza. che io non leggo nel testo che accompagna il video. Da dove viene questa frase?


:-D :-D :-D
Questa frase non viene da nessuna parte se non dalla tua mezza provocazione "[S]arebbe un falso se qualcuno lo spacciasse per l'originale di una copertina, cosa che non e' avvenuta". Se non specificato, è chiaro che una copertina va ritenuta vera, come un francobollo in vendita su ebay deve essere come da foto, come un prodotto in vendita al supermercato ha da essere come nelle pubblicità e le pubblicità hanno da essere come il prodotto al supermercato. Quando c'è difformità, è specificato (molto in piccolo): "Le immagini mostrate sono solo indicative", e frasi simili.

Esiste tutta una tradizione di come si rappresentano in foto le persone appena decedute che qui non è stata rispettata: ad esempio, mi pare di ricordare che quando nel 1994 morì Moana Pozzi, i giornali presentarono di lei solo foto del viso, o foto molto castigate, malgrado numericamente le foto d'archivio in cui era mezza nuda erano di più. Questioni di sensibilità; il diritto d'autore qui è secondario.
vabbe... quindi la frase che parla di copertina e' una invenzione di AdP. A me sembra che queste argomentaizoni siano veramente capziose. Io focalizzerei l'attenzione sui (molti) errori piu' importanti e chiari.

un saluto a tutti
Per pgc

vabbe... quindi la frase che parla di copertina e' una invenzione di AdP.

E non sai quanto mi rattrista dover spiegare le battute...

A me sembra che queste argomentaizoni siano veramente capziose. Io focalizzerei l'attenzione sui (molti) errori piu' importanti e chiari.

Lo fai già. Hai un gruppo feissbuc.
pgc sembra proprio avere ragione, queste osservazioni sembrano davvero pretestuose. non mi sembra siano queste le cose dei giornali che non vanno.
inoltre il post non è assolutamente all'altezza del blog.
sono un po' stupito.
Per eulerCM

pgc sembra proprio avere ragione, queste osservazioni sembrano davvero pretestuose. non mi sembra siano queste le cose dei giornali che non vanno.

Quando per un tuo caro parente deceduto comparirà sui giornali come necrologio un fotomontaggio nato per tutt'altri scopi, oppure quando per la tomba sceglieranno una foto nella quale si mette le dita nel naso, ne riparliamo. Perché di questo si tratta: di una distrazione veniale in altre situazioni, ma profondamente irrispettosa quando di mezzo c'è una persona appena deceduta da commemorare.

Ho controllato nell'archivio di Repubblica: sul giornale l'ultima volta che si è parlato un po' del cantante Gepy & Gepy è stato nel febbraio del 1989, in occasione della sua partecipazione al festival di Sanremo.
Sul quotidiano online l'unico articolo è dell'anno scorso, nella rubrica Lessico & nuvole, distici in rima sui "cantanti perduti": quello su di lui:
"Langue, ma verso ancor non c'è che crepi:
rilancio in grande e dico Gepy & Gepy
".

Con simili precedenti, da parte di Repubblica era preferibile il silenzio a questa imbarazzante gaffe...
tanto per parlare di falsificazioni giornalistiche serie, prendiamo questo articolo di Repubblica (delle banane): http://bit.ly/bSYO1T.

L'articolo titola "Il Belpaese della disuguaglianza
Metà ricchezza al 10% degli italiani
La crisi ha aumentato le distanze sociali. Classe media frantumata. Peggio di noi fra le nazioni sviluppate solo Messico, Turchia, Portogallo, Usa e Polonia".

L'articolo sembra suggerire nel testo che in Italia si e' verificata una crescita dell'indice di Gini, che misura le differenze di reddito, causato dalla crisi economica e finanziaria.

L'articolo cita inoltre un indice di Gini per l'italia di 35, ma non dice in quale anno.

Parecchie cose non tornano. Se si ricerca "Ocse gini index" (o "istat gini index", "istat indice gini", "banca d'italia gini indice" etc.) su google, i dati piu' recenti che si rintracciano per l'Italia, che non eccelle mai in quanto a prontezza delle sue istituzioni, sono del 2005 (http://www.nationmaster.com/time.php?stat=eco_dis_of_fam_inc_gin_ind-distribution-family-income-gini-index&country=it-italy).

Il sito OECD riporta un gini index (del 2004) per l'Italia di 42. Il sito www.nationmaster.com riporta 33 per il 2005, 36 per il 2000, e 27.3 per il 1995, che significherebbe che le cose stavano gia' 5 anni fa parecchio peggio rispetto al valore citato di 36 dal Corriere.

La mia domanda e': da dove vengono i dati del Corriere? Perche' il giornalista riporta l'opinione dell'immancabile prete ma non la fonte di questi dati? E soprattutto: se e' vero che i dati piu' recenti sono del 2005, come puo' essere una crisi iniziata con il crollo immobiliare del USA 2007, e avvertita a partire del 2008 in Europa, ad essere la causa della presunta crescita del Gini index in Italia? E cosa hanno "certificato" in realta' "OCSE e Banca d'Italia"?

Notare che non sto affermando che in Italia non ci sia una crisi o che la sperequazione non sia aumentata negli ultimi anni (come dimostrato dagli indici di Gini disponibili). Dico che l'articolo induce a pensare che questo fatto sia dovuto alla crisi finanziaria globale, e che questo e' mostrato da una variazione recente dell'indice di Gini, mentre non ci sono affatto prove di questo.

p.s. Scusate se scrivo qui ma non ho capito come va segnalato questo tipo di "ritrovamenti" a Paolo Attivissimo....
a ulteriore riprova del fatto che la Banca d'Italia (come tutti) fa riferimento a indici di Gini non posteriori al 2005, vedere questa presentazione di fine 2009 che ricorda in molte parti del testo l'articolo di repubblica: http://bit.ly/9vmdb0

Notare che l'indice di gini nel 2005 e' pari a quello citato nell'articolo, cioe' 36... pura coincidenza?
@ EulerCM: "[..] non mi sembra siano queste le cose dei giornali che non vanno.
inoltre il post non è assolutamente all'altezza del blog. sono un po' stupito."

Suvvia, questo post non esclude gli altri. Dire che bisognerebbe occuparsi degli altri problemi che non vanno sarebbe come dire di ignorare l'alopecia perché c'è il cancro.
É un post forse più "leggero" ma comunque pertinente. E non in ultimo bisogna pur ricordare che di mero blog personale si tratta.
Nulla possiamo pretendere da Attivissimo oltre le fantastiche letture che ci regala.
che cialtroni (nessuno comincia a trovarmi monotono?...)
Paolo: peccato che non hai notato l'ennesima bestialita' di Repubblica che ho segnalato qui sopra. Eppure era un articolo pieno di bestialita' serie e anche fuorviante.

Ho provato a scrivere all'email ma non so se la leggi veramente.

saluti

Paolo: peccato che non hai notato l'ennesima bestialita' di Repubblica che ho segnalato qui sopra. Eppure era un articolo pieno di bestialita' serie e anche fuorviante.


Notata, ma non ho tempo di seguire tutte le stupidaggini e fandonie.


Ho provato a scrivere all'email ma non so se la leggi veramente.

Leggo, ma raramente riesco a rispondere a tutti.
@pgc:
Interessante, anche se non c'entra una mazza ;-) il discorso del Gini Index.

Un motivo in più per rimanere in un posto dove vale 28, con tanto di cappello comunque al 24 della Danimarca e al 23 della Svezia.

Peraltro preferirei essere uno sfigato negli Stati Uniti (GI = 42%, 46000$ di PIL pro capite) che uno trattato equamente in Etiopia (GI = 30%, 954$ di PIL pro capite).

Dove lo vedi 42 sul sito dell'OECD? Su questo link vedo 35.
@Paolo: capisco. In effetti e' una battaglia persa stare dietro a tutte le fandonia. Diciamolo una volta per tutte: i nostri giornalisti non hanno alcuna deontologia professionale ne vi e' traccia di una qualsiasi "policy" nei giornali per cui lavorano.

Mi chiedo per esempio, quando un giornale come repubblica scrive articoli come questo:
http://www.repubblica.it/politica/2010/07/06/news/la_paura_del_premier_il_paese_va_in_pezzi-5416017/?ref=HRER1-1

quali sono le fonti?
1) hanno una talpa interna (una cameriera o un guardaspalle che "arrotonda"?)
2) e' una "libera" interpretazione di un rendiconto reso pubblico di
una conversazione avvenuta realmente.
3) i giornalisti hanno dei microfoni?
4) Tremonti e' un doppiogiochista

Per molti e' normale. Per me NO. Devi riportare la realta', non te la puoi inventare, e infatti questo tipo di articoli "romanzati" io non li ho mai letti da nessuna parte tranne che su Repubblica.

@ Turz: credo che gli indici di Gini siano complessi da calcolare e dipendano dai dataset di partenza e da certe estrapolazioni. Questo forse rende possibili discrepanze notevoli tra una fonte e l'altra. 35 l'ho letto su nationmaster.

saluti
Anche se altro tema chiedo a qualche esperto che mi legge:

leggo sull'ANSA la notizia che

è certo che la fotografia è stata caricata automaticamente nella cartella dei file temporanei del pc del cardinale Danneels in occasione di una visita del sito internet della tv belga Vrt

in riferimento alla foto della bambina nuda ritrovata sul PC del cardinale belga.

Lavoro con i computer (Mac) e so di loro quel tanto che mi basta per lavorare con i programmi che mi interessano: mi pare, però, che se non scarico intenzionalmente una foto non me la ritrovo per caso ("a mia insaputa" ha fatto scuola?) registrata su disco.

Mi pare anche che i file temporanei (stanno sulla RAM?) si cancellano allo spegnimento.

E' così? e su PC Win è lo stesso?
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
@granmarfone

I browser di solito tengono una memoria cache sul disco rigido delle pagine che visualizzi, la funzione e` quella di rendere piu` veloce la navigazione dei siti visitati con maggior frequenza.

Quando apri un sito questo viene scaricato automaticamente sul disco rigido, senza che tu te ne accorga.

Volendo si puo` disattivare o limitare dalle impostazioni.
Mi pareva di aver capito che la fotografia ritrovata sul PC fosse uno specifico file di una specifica foto, ancorché memorizzata temporaneamente.
Sapevo della cache ma, ripeto, avevo inteso diversamente.

Anche perché mi pare alquanto improbabile che su una pagina di un sito di una tv si veda una bambina di 10 anni, nuda.
In Belgio poi, dopo i noti tragici fatti accaduti pochi anni orsono.

Mi interessa capire, dal punto di vista informatico, quanto sia possibile/credibile un fatto simile.
Per memoria temporanea in questo caso si intende la memoria cache del navigatore; internet explorer ha per questo scopo un directory chiamato appunto`file temporanei`.

A leggere i giornali la faccenda mi sembra si sia risolta visto che controllando il sito della televisione hanno trovato la foto in questione, che per la cronaca e` stata scattata da un`artista in occasione di un concorso.
A leggere i giornali la faccenda mi sembra si sia risolta visto che controllando il sito della televisione hanno trovato la foto in questione, che per la cronaca e` stata scattata da un`artista in occasione di un concorso.

Un'artista donna?
Non necessariamente la foto di una bambina di 10 anni nuda (ma l'età chi gliel'avrebbe detta? qui c'è puzza di ricamo giornalistico...) è illecita.