skip to main | skip to sidebar
46 commenti

“Moon” è un plagio di un film italiano?

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “aofederico” e “attilio_criv*” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Se siete appassionati di fantascienza, forse vi sta intrigando la singolare vicenda pubblicata su Repubblica: Moon, il film di Duncan Jones del 2009 (che vi consiglio di vedere se ve lo siete perso), sarebbe una scopiazzatura di un film italiano indipendente di alcuni anni prima, Eutamnesia. L'autore di Eutamnesia, Patrick Rizzi, ha confezionato un video nel quale mette a confronto i due film e ne evidenzia le somiglianze.

L'intero film di Rizzi è visionabile qui su Youtube. È un progetto di laurea girato in estrema povertà, quindi non abbiate grandi pretese (lo so, anche Dark Star era un progetto di laurea, ma erano altri tempi e altri talenti, specialmente recitativi).

La tesi di Rizzi è che il suo film, essendo stato inviato a concorsi cinematografici e case di produzione italiane ed estere ed essendo stato distribuito in videocassetta, avrebbe permesso ad altri di conoscerlo e copiarlo, come argomenta qui su Fantascienza.com.

Il problema di questo tipo di confronto è che è abbastanza facile scegliere i punti di congruenza e ignorare quelli di differenza, facendo sembrare così che le somiglianze siano molto più forti di quanto siano in realtà.

Inoltre molte delle analogie evidenziate da Rizzi sono in realtà dei cliché della narrazione cinematografica, specialmente della narrazione fantascientifica. Per esempio, il “test di capacità cognitiva” (a 2:09 nel video di confronto) c'era anche in Blade Runner (1982). Chi ha copiato da chi?

Eutamnesia
Blade Runner

Oltretutto, sia in Blade Runner, sia in Eutamnesia, il test viene gestito da una persona, mentre in Moon lo effettua una macchina, e questa differenza ai fini della trama è molto importante (non voglio anticiparvi nulla, se non avete ancora visto Moon).

Potrei andare avanti a lungo: quante volte avete visto il protagonista di un film distruggere le proprie cose e poi sedersi sconsolato fra di esse? Oppure cercare qualcosa, non trovarla e quindi imprecare e colpire qualcosa per la rabbia? O essere aggredito e rifiutarsi di chiedere scusa? O avere delle intuizioni, cercare qualcosa, scoprire dei fatti e disperarsi (uno per tutti: Charlton Heston nel Pianeta delle Scimmie)? Appunto. Eppure per Rizzi questi (a 2:48, 3:23, 4:18 5:28) sarebbero indicatori che Moon ha copiato specificamente dal suo film.

È inoltre ingannevole, da parte di Rizzi, definire Moon un “colossal”, dato che il budget di Moon è stato estremamente basso per una produzione commerciale: circa 5 milioni di dollari, con circa 9,7 milioni di dollari d'incassi complessivi. I veri kolossal, come Avatar, Lo Hobbit o John Carter, hanno budget almeno quaranta volte maggiori.

Ci sono anche degli altri elementi, ma discuterne rivela la trama di Moon, per cui prima di proseguire devo avvisare: attenzione, qui sotto ci sono degli spoiler.


ATTENZIONE: SPOILER


Rizzi stesso, a 37 secondi dall'inizio suo video di confronto, spiega che “La sostanziale differenza tra le due storie è che: il protagonista di Moon scopre di essere un clone”. Quello di Eutamnesia no (da quel che ho capito scorrendo rapidamente; confesso che non ce l'ho fatta a guardare tutto Eutamnesia).

Scusate se è poco, visto che gran parte di Moon si basa proprio su questa scoperta e sul rapporto fra i due cloni che s'incontrano. Se fra due film c'è una sostanziale differenza di questo calibro, è veramente difficile sostenere credibilmente un'accusa di plagio.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (46)
Anche una mia idea era stata copiata da Blade Runner. Nel mio soggetto non c'erano gli androidi. Peró pioveva.
Be' già chiamare film quello di Rizzi sarebbe un complimento, va bene che è del 1999, ma considerando che si trattava di un progetto di laurea mi sarei aspettato qualche cosa di un tantino più decente.
Come hai detto tu Paolo, in realtà in entrambi i film ci sono i soliti luoghi comuni della fantascienza, ma arrivare a dire che MOON ha copiato l'altro anche nelle scene in cui il protagonista si fa la barba ( capirai che colpo di genio creativo), oppure mentre fa test cognitivi (uno che vive isolato e fuori dal mondo è logico che di tanto in tanto controlli le sue capacità razionali) mi sembra molto pretenzioso.
E alla fine i entrambi i protagonisti muoiono... ma nooo!
Come è possibile? Questo è un plagio spudorato...
hmm, "eutaMnesia" :)
infatti mi pareva strano
Scusate se è poco, visto che gran parte di Moon si basa proprio su questa scoperta e sul rapporto fra i due cloni che s'incontrano. Se fra due film c'è una sostanziale differenza di questo calibro, è veramente difficile sostenere credibilmente un'accusa di plagio.

Mi stupisco di leggere parole così poco ragionevoli e logiche proprio da Attivissimo. Quindi se io dirigessi una mia versione di Titanic, identica all'originale con l'unica differenza che alla fine il protagonista nella mia versione sopravvive invece di morire... ecco, basterebbe quello per decretare che la mia versione non è un plagio?
Io direi proprio di no.
Ciao Paolo, si chiama "Eutamnesia".
Refusi corretti, grazie!
Ripeto quello che ho detto sul film eutamnesia su youtube:

Well, é come se dei ragazzini facessero un film su un recupero prigionieri in vietnam condotto da un solo "ninja" e poi accusassero la capcom di aver modellato il boss finale del gioco "street fighter 2" sul loro colonnello cattivo perché entrambi portano un berretto da colonnello.
Riccardo,

con l'unica differenza che alla fine il protagonista nella mia versione sopravvive

In Moon la differenza non è affatto alla fine”. L'interazione tra i cloni occupa, come ho scritto, gran parte del film. Non ho a portata di mano il minutaggio preciso, ma se ci tieni consulto la mia copia in DVD.
A chi ha il dvd di moon consiglio di vedere il cortometraggio "Whistle", che io considero VM18, e i contenuti speciali con le tecniche di ripresa e altre chicche.

Sempre dello stesso regista consiglio "source code". Anche source code "copia" i cliché della fantascienza. Ma il regista e lo sceneggiatore ci mettono del loro. Duncan Jones è un regista da tenere sotto osservazione, per gli amanti del genere fs.

(Io ho nel mio hard disk un racconto di un mio conoscente che anticipa matrix di qualche anno. Gli suggerisco di fare causa ai produttori di Matrix?)
Ho retto solo per i primi cinque minuti della presunta opera plagiata.
Una cosa che non capisco (o meglio, capisco con un cicinino di malizia) è perché il presunto plagiato deve puntualizzare la situazione familiare del presunto plagiario...
Strano allora che la Paramount non abbia fatto causa alla Apple per aver copiato il D-pad.
Sottoscrivo il consiglio di vedere Moon. Solo una cosa: lo "spoiler" in realtà non è assolutamente uno spoiler. Si vede anche nel trailer. :-)
Non riesco neanche ad iniziare a vedere Eutamnesia. Un film che inizia con una sequenza di didascalie arroganti scritte solo per tirarsela in modo disumano ("ho scritto questo film prima di Truman Show, Dark City e Matrix", "Moon mi ha copiato", "Nessuno ha talento a parte me") non riesco a guardarlo neanche se mi torturano.
paolo, non li hai corretti tutti i refusi. nello spoiler ne resta uno.

detto questo, vado off topic, e mi domando per quale motivo la funzione spoiler su un servizio di google non funzioni sul browser di google. tu che sei pappa e ciccia con i vertici nwo, assieme a google, potresti domandare quale piano di sterminio di massa ci sia dietro a questa scelta?
già che ci sei, potresti ricordare loro che sono in arretrato con gli stipendi da disinformatore prezzolato? grazie.
Nell`articolo mi pare si dia per scontato che il soggetto sia praticamente identico, o sbaglio?

Se il soggetto e` originale, e non era stato sfruttato precedentemente, non capisco le ironie dei commenti qui sopra.
Tripponzio,

grazie, ora ho corretto anche quello.


Danilo,

lo "spoiler" in realtà non è assolutamente uno spoiler. Si vede anche nel trailer

Non lo sapevo: ho visto Moon senza vedere i trailer, al festival della fantascienza di Trieste.
Io ho sempre ritenuto il "test di capacità cognitiva" una citazione neanche troppo nascosta al test di Turing, ma è una cosa che non leggo spesso (e ciò mi stupisce abbastanza). Sicuramente non l'ha inventato Rizzi, ecco.
Scopro che Moon è piaciuto a un sacco di gente, non dico che sia brutto, ma non è niente di speciale...
@zio Feng:
SPOILER
il "soggetto" in questione (riassunto all'inizio del video-paragone) è solo l'incipit della storia di Moon. Il "cuore" della storia non è "un uomo lavora da solo ed isolato ed in realtà è un clone". Il "cuore" della storia e l'evento che fa scattare la molla che spinge gli eventi "fuori controllo" (sempre citando il video comparativo) è PROPRIO il processo che lo porta a scoprire di essere un clone e come gestire quest'evento sia dal punto di vista psicologico che pratico. Quindi anche il soggetto, a voler essere precisi, è differente.

Mi spiego facendo un esempio stupido: "un uomo subisce un trauma fisico e psicologico e, in risposta a questo trauma, decide di iniziare a combattere il crimine mascherandosi" è il fondamento di quasi TUTTE le storie di supereroi. Ma non puoi dire che una copia l'altra sulla base di questo!

Tra i "paragoni" fatti dall'autore ci sono cose senza senso:
- "establishing shot", cosa che fanno TUTTI i film, indipendentemente dal genere o dalla storia.
- il fatto che si vede il protagonista da solo che passa il tempo con degli hobby o che da fuori di matto. Considerando che entrambe le storie parlano di uomini da soli ed isolati non mi stupisce: anche i vari adattamenti di Io sono Leggenda, compreso il primo degli anni 60, parlano di isolamento ed hanno idee molto simili a Moon e Eutamnesia.
- il fatto che una scena mostra (in modo totalmente differente) il "risveglio di un clone" ed il fatto che entrambi i film usano i cloni come elemento narrativo. Seriamente? Un film che parla di cloni, parla di cloni e fa vedere un clone?!?! Plagio palese. Anche Cloud Atlas lo fa. Quindi altro plagio. Prevedo chili di denuncie.
- il test cognitivo. Che non solo non è per niente simile come scena ma, come giustamente sottolinea Paolo nel post, la scena di Rizzi ricalca molto quella di Blade Runner, sia in inquadrature, sia nei dialoghi. Fortunatamente per lui Ridley Scott non è uno che urla al plagio sulle basi di una scena di 30 secondi per farsi pubblicità.
- uno scambio di frasi che si somiglia ma che non ha alcuna rilevanza con la trama ed alcuni altri cliché narrativi classici (wow, stiamo grattando il fondo del barile qui).

Ora, oggettivamente parlando, si può dire che i due film hanno alcuni punti simili, come hanno punti simili DECINE di altri film nella storia del cinema senza essere plagi l'uno dell'altro! Per iniziare ad accusare di plagio devi avere qualcosa di più di un paio di somiglianze qua e là in un'ora e mezza. Altrimenti Romero potrebbe accusare tutti i film di zombie di plagio, Lisdeberg potrebbe accusare tutti i film con "realtà virtuali" di copiare TRON e gli autori di Flash Gordon potrebbero denunciare Star Wars e tutti i film di fantascienza con astronavi e gente che si spara con pistole laser!
A proposito di matrix, mi permetto di segnalare che non è altro che un plagio di Razzi Amari del ex duo Disegni e Caviglia! ;-)
Ehm... vogliamo stendere un velo pietoso sull'opera di Rizzi?

Non è l'estrema povertà di mezzi, è l'estrema povertà del resto: regia (... va beh...), recitazione (non dico limare i terrificanti accenti, ma almeno le intenzioni!!!), sceneggiatura (ma come, Il tuo compito è aspettare, e quando arriva qualcuno scappi in preda al panico???). L'unica nota positiva è che il modello dell'astronave all'inizio si integra bene nell'immagine (merito della bassa definizione, suppongo). Ho chiuso dopo dieci minuti.

Basso budget, o budget inesistente, implica mezzi limitati, non scarsa qualità.

Sul fronte ispirazione... 2 parole: Blade Runner.

Se Moon è ispirato a Eutamnesia, Eutamnesia si è ispirato a Blade Runner. Per lo meno. E, tra parentesi, il protagonista solitario è stato una delle chiavi di volta dell'intera produzione di videogiochi negli anni '90, quando la tecnologia non permetteva grandi interazioni sociali.

L'altra cosa che mi incuriosiva è capire di chi fosse progetto di laurea, e che tipo di laurea (no, davvero!). Rizzi è del '77, Salvi del '78. A meno che non fosse una laurea particolare, non erano loro i laureandi.
@Zio Feng

riporto una risposta che ho dato su youtube:

é come buttare ricotta e sedano negli spaghetti coi gamberi, Non credo che se lo trovo in un libro di cucina giapponese del 2011 sia perché qualche commensale del mio pranzo di pasquetta 2004 (O forse era il 2003) ha informato l´autore del libro della mia geniale idea.
Siamo ancora pienamente in un livello di coincidenza nella quale una rimostranza é illegittima anche se fondata.

Se a questo livello di coincidenza l´imago potesse perseguire il clone (Se mi passi il gioco di parole) non sarebbe possibile scrivere niente, né musica, né racconti, né film.
In risposta al sensazionalismo dei titoli degli articoli:

Nessun "Plagio" è uscito dalle mie parole nel video o in altre dichiarazioni. Dunque, nessuna accusa in tal senso. Solamente eventuali legali potrebbero etichettare la questione come tale oppure no.

i Clichè-Stereotipi: la mia sequenza Test-Cognitivo, è, come hanno giustamente evidenziato in molti, un meritato e chiaro omaggio al capolavoro di Scott.
Il fatto che non si stia parlando di due o tre stereotipi ma, in realtà, di una certa densità significativa di similitudini (tra cui anche clichè) e che il tutto va ad allacciarsi, per di più, ad una Story-Line e tematiche molto simili, mi mette certamente nell'obbligata urgenza di urlare un confezionamento di tutto ciò, pregresso di 10 anni rispetto a chi può permettersi, grazie ad un nome e distribuzione, di eleggersi a ideatore originale.

Nel mio clip, non troverete la parola "Plagio" ... la quale, come sopraspecificato, potrebbe solo essere usata da un eventuale legale sotto accurata valutazione.

Per l'utente Danilo: mi hai messo in bocca parole tue, molto forti.
E certamente non rispondo a chi non considera un budget di 500 milalire, rispetto a 5 milioni di dollari

Un grazie a tutti, per i certamente preziosi commenti sono d'aiuto anche a noi, per calibrare un eventuale azione.
Patrick Rizzi
Contacts,

Nel mio clip, non troverete la parola "Plagio" ... la quale, come sopraspecificato, potrebbe solo essere usata da un eventuale legale sotto accurata valutazione.

Non capisco la necessità di questa "accurata valutazione" di un ipotetico plagio.

Già è poco plausibile che Duncan Jones abbia visionato e preso ispirazione da una videocassetta italiana di nicchia. Ma ammettiamo che l'abbia fatto. Questo ci porta a una domanda.

Se giustifichi la non originalità della tua sequenza del test cognitivo dicendo che è "un meritato e chiaro omaggio" a Ridley Scott, perché per Duncan Jones non varrebbe la stessa giustificazione e si insinua l'ipotesi del plagio? Jones potrebbe dire che Moon è "un meritato e chiaro omaggio" a Eutamnesia. :-)
@Paolo Attivissimo

Buh, se si parla di test cognitivi... forse la scena andrebbe girata un´altra volta...

Certo che la questione per me non ha grossa rilevanza, quindi se il buon Patrick Rizzi non é d´accordo non ho motivi per trattenerlo.
@ Contacts

Ma se "plagio" non è mai uscito, se non fosse quello che vuoi dire, se nella tua idea fosse solo ispirazione, perché realizzare un filmato, con richiesta di diffusione, in cui viene mostrato uno scontro, una sfida ("VS") tra due opere, usando parole come "sconcertanti similitudini" e chiedendo "per favore" di diffondere il video, suggerendo allo spettatore l'ispirazione tra le due pellicole ("probabilmente la vera ispirazione"), suggerendogli che non è stata "mai menzionata", e condendo il tutto con una fantastica musica ansiogena, di quelle che si usano per creare tensione?

Perché non dire semplicemente "sapete, io dico che Moon ha preso ispirazione da qui", o anche "lo avevo fatto anche io"? Perché non dire: "no, non è un plagio, ma si è ispirato a me"? Perché lasciare la questione aperta, e lanciare la palla a "eventuali legali" che soli potrebbero etichettare la questione? Perché non hai le palle per dire "è un plagio" se ne sei convinto? posso pensarlo. Oppure non vuoi dirlo perché sai che non è così. Magari non lo dici perché così scateni il dibattito e fai accessi al tuo canale Youtube? Non so, dimmelo tu. Secondo te, a pura sensazione, a pelle, si tratta di un plagio, o no? Se tu fossi il giudice, cosa diresti?

Tra l'altro, e mi dispiace doverlo ripetere, Eutamnesia ha delle terrificanti pecche a moltissimi livelli, e la differenza tra le due produzioni non è solo una questione di soldi. Io ho partecipato e assistito a molte produzioni autofinanziate e a budget minimo dove il livello recitativo e registico era superiore. E ho partecipato a qualche improvvisata tra amici di livello truce come questa. Mi sono divertito molto, ma sempre ben conscio dell'infimo livello.

In sostanza, comunque, se anche fosse un plagio, e non lo è, per tua stessa reticenza a usare tale parola, Moon avrebbe comunque dato a tutti qualcosa che Eutamnesia non dà, e solo per questo varrebbe i soldi che si è guadagnato. Merito del budget più alto? In alcuni aspetti sì, in altri no, ma lì non ci puoi fare niente. Se è migliore è migliore.
Credo che Rizzi sappia bene quello che sta facendo, ed e' questo il motivo per cui non parla apertamente di plagio: se poi fosse dimostrato che di plagio non si tratta, sarebbe lui a rischiare una causa per diffamazione.
Per valutare la fondatezza delle sue accuse toccherebbe armarsi di pazienza e visionare per bene il suo film, dall'inizio alla fine. Spero che qualcun altro lo abbia fatto perche', a leggere i commenti, la voglia e' davvero pochina. :-)
@Andy Carter: sei l'unico a fare un'osservazione che denota Maturità

@Paolo che ha scritto l'articolo, denota la sua "ignoranza" (che ignora, senza nessun'offesa) di:

- Diegesi narrativa, ed in particolar modo cinematografica

- una sostanziale differenza che intercorre tra: Citazionismo dichiarato ("un meritato e chiaro omaggio") e raccolta di un grande numero di similitudini e clichè, associate ad una trama-base estremamente simile

- non conoscenza di realtà quali Ghost-Writer, pagati da grandi nomi, a caccia di idee originali nel sottobosco culturale.

e per finire, con la sua dichiarazione "da quel che ho capito scorrendo rapidamente; confesso che non ce l'ho fatta a guardare tutto Eutamnesia" ha certamente auto-avvallato una profonda incompetenza critica...come dire: "ho dato un'occhiata al ristorante ma ne sono uscito subito senza mangiare nulla.. e faccio una recensione a riguardo a come si mangia lì"
Contacts,

Usare termini come "diegesi narrativa" non cambia i fatti. I fatti sono che non c'è nessuna "trama-base estremamente simile" - il protagonista solitario che poi scopre di non essere chi crede di essere è uno schema classico.

In quanto ai cosa siano i ghostwriter, li conosco meglio di quanto tu possa immaginare :-)


come dire: "ho dato un'occhiata al ristorante ma ne sono uscito subito senza mangiare nulla.. e faccio una recensione a riguardo a come si mangia lì"

Non esattamente. Semmai "ho aperto la porta, ho visto che c'erano due dita di unto sui tavoli e una puzza di morto... mi sembrava superfluo mangiare qualcosa per confermare la mia impressione su come si possa mangiare lì".

Potrei essere molto più caustico nel descrivere "Eutamnesia". Mi sono trattenuto in considerazione dell'attenuante generica di un budget amatoriale. Ma se pensi seriamente che Ridley Scott o i suoi ghostwriter si siano ispirati a Eutamnesia, questo è un gesto di hubris (guarda, uso anch'io le parole complicate) che annulla l'attenuante.

Non so bene per quale motivo, hai sollecitato il parere di Internet. Goditelo.
Esiste una sostanziale ed importante differenza tra:
Affermare qualcosa con estrema decisione ... e
Segnalare un pregresso, con eventuali strade che ne confermino la possibile avvenuta influenza e/o "ispirazione"
Differenza, questa, troppo spesso ignorata.

la Prima posizione non mi interessa, poichè è sempre sintomo di estremismo superficiale, presuntuoso ed ignorante.
Io sono in Seconda posizione, e sorrido con paterna tenerezza ai commenti che rimangono in prima posizione, quando decido di concedere loro attenzione ;-)
.... l'articolo uscito su Fantascienza.com è degno di raffinata critica: imparziale e giornalistica...Impara; l'estremismo ed iper-sensazionalismo sono sempre un fuoco che scompare subito.
Per tale motivo, anche, non sarò io a parlare di "plagio" mi dispiace.
@ Contacts

Esiste una sostanziale ed importante differenza tra:
Affermare qualcosa con estrema decisione ... e
Segnalare un pregresso, con eventuali strade che ne confermino la possibile avvenuta influenza e/o "ispirazione"
Differenza, questa, troppo spesso ignorata.


Dal momento che la comunicazione video l'hai studiata e che conosci questa differenza, mi spieghi perché il tuo video di confronto usa i segni di uno scontro e di una denuncia, invece che i segni di una analisi e di una segnalazione possibilista? E' una domanda che ti ho già fatto qualche post fa, tra l'altro.

@Contacts

"Io sono in Seconda posizione, e sorrido con paterna tenerezza ai commenti che rimangono in prima posizione, quando decido di concedere loro attenzione "

Un parere... veloce veloce prima di andare al lavoro:

Se prendi di mira i granchi verdi, non aspettarti di prendere pesci spada per sbaglio.

A parte che la questione che sollevi é obbiettivamente risibile, se la tua attenzione é volta a scacciare dalla questione chi ha un certo senso critico in modo da ritrovarti circondato da gente che é ossessionata dal benessere altrui... ti sarai solo tirato in casa una manica di cicisbei e scrocconi, che se anche saranno 10´000 avranno complessivamente il wattaggio di una farfalla morta.

Un´altra domandina: ma quando hai fatto quel film... cioé, fammi capire... avevi dall´inizio la speranza che qualche produttore lo vedesse per sbaglio, che gli venisse segnalato da qualche giudice in un concorso, e che ti desse un mucchio di $oldi, magari senza neanche chiederti di farne un altro?

Cioé, non sará che vivi nel mito di quello che inventa la lavatrice a cestello diagonale* e poi vive di rendita?

La cosa buffa é che se fai il lavapiatti per 10 anni... A meno che non mangi cocaina con forchetta e coltello... Dovresti avere i risparmi per fare un film decoroso con attori di secondo o terzo livello.

*Mannaggia, ma perché non l´ho inventata io? ho fatto miliardi di tonnellate di malta e altrettanti di frittate con le erbe, e quando la lavatrice col cestello diagonale é saltata fuori mi é cascata la mandibola, a pensare a tutti quegli spaventilioni di euranza che si é beccato chi ha connesso le due cose. XD
Puffolotti,

"spaventilione" è la mia parola della settimana. Meravigliosa.
@Paolo Attivissimo
2 spaventilioni, 6 sequiliardi e 78 dollari non ti dice niente?
Secondo me Puffolottiaccident lo sa ;-)
Io preferisco la stima di Don Rosa, calcolabile in:

5 multiplusilioni, 9 impossibilioni, 7 fantasticatrilioni di dollari e 16 cents.

@SirEdward
Io preferisco la stima di Don Rosa

Non mi ricordavo che si fosse arricchito così tanto! :-)

La cifra a cui mi riferivo la dichiarò lui stesso quando spese tutto il suo patrimonio per delle... lenticchie
Il termine viene da Paperon De Paperoni.

Un vero eroe Friulano. (Salvo la cazzata di farsi passare per un Vortrekker per minacciare una tribú Isisi. Quella é roba piú da trainspotter, effettivamente.)

Se volete sentire una storia vera, piuttosto che le delusioni di un povero catafone...

"Rosa Gastaldo" é un cognome diffuso fra Pordenone e Belluno, Don Rosa é originario di Maniago.

Paperon de Paperoni, QUELLO VERO (e non il successivo nevrotico vecchietto che non si capisce cosa aspettano a portarlo in manicomio, e che é rimasto ricco per puro culo) é in realtá un simbolo della cultura friulana infilato di straforo nella cultura statunitense travestendolo da scozzese..
Immagino che questa sia un´enormitá tale che va applicata la regola: "affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie"

Ebbene, nessun problema, nessun trucco.

http://it.wikipedia.org/wiki/Don_Rosa
@puffolottiaccident
Paperon de Paperoni, QUELLO VERO (e non il successivo nevrotico vecchietto che non si capisce cosa aspettano a portarlo in manicomio, e che é rimasto ricco per puro culo) é in realtá un simbolo della cultura friulana infilato di straforo nella cultura statunitense travestendolo da scozzese..

il mio mezzo essere carsicofriulorientaltarcentoso è interessato. Spiegone, please. Grazie
@ Puffolotti

Don Rosa però non è il creatore di PdP, ne è solo il secondo più illustre sceneggiatore, dopo Barks.

Incidentalmente, è anche colui che ha dato a PdP le sfumature e le profondità di un vero personaggio letterario. Con coerenza e sapienza.

Onore a Don Rosa!
@Granmarfone

Come giustamente fatto notare da Sir edward, il favoloso PDP é stato creato da Carl Barks, in una storia "Paperino e il natale a monte orso"

Poi é stato impiegato senza troppa attenzione, semplicemente come papero illimitatamente ricco e assurdamente influente.

Don Rosa ha il merito di aver messo ordine nelle storie di Carl Barks, attribuendo a PDP un passato coerente e privo di contraddizioni del tipo: "Avrebbe dovuto trovarsi in tre posti allo stesso tempo."

In particolar modo la sua permanenza a Dawson sembra ricalcare gli attriti dei friulani con gli altri italiani all´estero...

Da cui la famosa battuta dei triestini: "Il portafogli dei friulani é fatto in buccia di cipolla, ogni volta che lo tirano fuori si mettono a piangere."

Qui maggiori info

http://it.wikipedia.org/wiki/Paperon_de%27_Paperoni

http://it.wikipedia.org/wiki/Paperdinastia

Il libro viene via con 16 eurozzi, e chi non é ancora andato a tirare la cravatta al suo commesso personale alla libreria mi creda: Paperon De Paperoni stesso dopo averlo letto direbbe che son soldi ben spesi.
@puffolottiaccident

Si, di Don Rosa sapevo vagamente e ho riletto ora.
Per il resto ho equivocato: leggendo ciò che hai scritto “un simbolo della cultura friulana” ho pensato a un personaggio storico-mitico-popolare di area friulana, che avesse offerto spunto per il personaggio.
@Granmarfone

Piú storico-mitico-popolare del "metallurgico ignoto di Maniago" non so proprio cosa ci sia :S

-"hei, zione, cosa ne pensi di Iron-man?"

-"Fufignezi, aromai i zovin si rompin come il veri, cuan c´o jeri tal "clondaik" jo no scugnivi ducj chei tramaj"

Entrando nella leggenda... nell´ambiente videoludico si mormora che abbia ispirato la Namco per la creazione del cattivissimo "Heiachi Mishima"
Mandi.
Da cui la famosa battuta dei triestini: "Il portafogli dei friulani é fatto in buccia di cipolla, ogni volta che lo tirano fuori si mettono a piangere."

Da noialtri veneti: "Ciò furlan! Magnemo del tuo?" Non ne g'ho!"
"Magnemo del mio?" "Magari condio!"


uh? eppure ho usato il friulano piú bastardo che mi é venuto in mente.

"hey, zione, cosa ne pensi di Iron-man?"

"stupidaggini. Oggidí i giovani si rompono come il vetro. Quando ero nel Klondike non avevo bisogno di simili macchinari."