skip to main | skip to sidebar
6 commenti

Giornalismo digitale: come recuperare un sito oscurato dalla magistratura

Ultimo aggiornamento: 2017/12/29 16:25. 

Ieri la Radiotelevisione Svizzera ha dedicato articoli e servizi TV a un caso di pirateria audiovisiva piuttosto particolare, quello del sito Abbotv.ch, che in Svizzera offriva abusivamente accesso ai canali TV a pagamento italiani. La vicenda ha portato alla denuncia di tre persone “per infrazione alla Legge federale sui diritti di autore nonché per titolo di Fabbricazione e immissione in commercio di dispositivi per l'illecita decodificazione di offerte in codice”.

Sembra un caso informaticamente interessante, ma il comunicato stampa della Polizia cantonale è molto stringato e non fornisce dettagli. Come si fa a procurarsi questi dettagli e scoprire per esempio quali canali TV erano offerti, a che prezzo e da quanto tempo, in modo da poter imbastire un servizio giornalistico che sia più di una semplice ripetizione del comunicato stampa? Il sito attualmente mostra solo la schermata di oscuramento:


Eppure nel servizio del Quotidiano, al quale ho contribuito, si vedono le schermate del sito com’era prima dell’oscuramento.


Preveggenza? Ero uno degli abbonati al servizio, che ora saranno comprensibilmente preoccupati perché sono coinvolti con nome, cognome e account PayPal in una vicenda illecita? Ho ricevuto un’indiscrezione dalle autorità?

No, semplicemente un pizzico di tecnica di giornalismo digitale. Per prima cosa ho cercato la copia cache del sito, acquisita da Google il 26 dicembre, ma mostrava il sito già oscurato; così sono andato su Archive.org, che è un sito che registra copie cronologiche delle pagine Web, e vi ho cercato le copie d’archivio di Abbotv.ch, che vanno dal 6 agosto 2015 (sito in costruzione) al 6 ottobre 2017, e questo mi ha permesso di definire grosso modo il periodo di operatività del sito (era online al 17 settembre 2015):


Sfogliando Archive.org ho recuperato l’aspetto del sito al 6 ottobre scorso e tutti i dettagli: Abbotv.ch offriva “Un piccolo Decoder con un mondo di canali, Champions League, Serie A, Serie B, Formula 1, film in prima TV, documentari, serie TV, cartoni animati e molto altro ad un prezzo fenomenale!”. Il sito proponeva un “abbonamento” che comprendeva “una vastissima scelta di canali che trasmettono film in prima visione assoluta, Champions League, serie TV in prima visione, canali per bambini e adulti, sport e molto altro. Inoltre, è disponibile una libreria On demand aggiornata periodicamente con i film del momento!”.


Con lo stesso sistema ho recuperato la modalità di pagamento (solo PayPal) e i prezzi (da 204 CHF per un mese, decoder incluso, a 497 CHF per un anno, sempre con decoder incluso), decisamente convenienti rispetto all’offerta ufficiale per chi voleva guardare le partite di calcio, i film di prima visione o gli altri contenuti a pagamento, magari offrendo il tutto agli avventori del proprio locale e incrementando così il proprio flusso di clientela con relativi incassi.

Sono emerse così anche le condizioni generali del servizio, le FAQ e la pagina dei contatti (con tanto di numero di telefonino e indirizzo di mail).

Procurarsi la lista esatta dei canali piratati ha richiesto un po’ più di impegno: le pagine archiviate da Archive.org includevano il link al documento PDF che le elencava ma non il documento stesso. Ma avendo il link è stato sufficiente cercare in Google il nome del documento e recuperarne la copia cache:



Domaintools, invece, mi ha dato i dati d’intestazione e di hosting del dominio Abbotv.ch, registrato presso GoDaddy il 3 agosto 2015, gestito da Domains by Proxy e ospitato presso una società di hosting di Ginevra.

La ricognizione permessa da Archive.org e da Google mi ha consentito di vedere che il sito era costruito in modo a prima vista professionale e credibile, ma che il visitatore si sarebbe dovuto comunque insospettire perché gli unici dati di contatto erano un numero di telefonino e un indirizzo di mail (nessun indirizzo di sede legale, nessun nome di ditta, nessun nome di referente) e perché l’offerta era decisamente troppo bella per essere vera.

Tutte le informazioni necessarie per costruire un servizio giornalistico dettagliato, insomma, sono risultate reperibili rapidamente, pubblicamente e gratuitamente via Internet. Questo è il potere del giornalismo digitale.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (6)
Complimenti! Pero' un appunto: "troppo bella per essere vera" non è corretto. Vera era vera, illegale, ma vera. In fondo chi pagava aveva esattamente ciò che veniva pubblicizzato. O no?
Spero che per esercitare la professione del giornalista 2.0 in un prossimo futuro sia obbligatorio riuscire a cavarsela in una situazione come hai fatto tu qui sopra... qualche "prova pratica sulla tastiera" sui siti giusti dovrebbe essere la base per partire col scrivere articoli!
Ci sono anche casi in cui l'autorità giudiziaria interviene soltanto a livello di DNS, per esempio se il server è fisicamente situato in una differente nazione nella quale il servizio fornito non costituisce reato. In questo caso si può recuperare l'indirizzo IP del server e impostare nel proprio file /etc/hosts (esiste anche su windows ma non ricordo la posizione nel filesystem) il puntamento al sito desiderato. Occorre però ricordare che, in questa maniera, probabilmente si sta effettuando un illecito.
M'immagino quanto siano interessati i montanari svizzeri ad una partita di serie B tipo Salernitana - Bari.

Ottima tecnica giornalistica che quasi nessuno applica visto che un copia incolla di un comunicato stampa della polizia paga tanto uguale. Le solite notizie un tanto al kilo dei soliti giornalisti scansafatiche. Questi io li manderei a Gerusalemme a prendere sanpietrini in testa come ha fatto la RAI con il buon Piero Marazzo (lui è lì per redimere i peccati di lussuria).
"Tutte le informazioni necessarie per costruire un servizio giornalistico dettagliato, insomma, sono risultate reperibili rapidamente, pubblicamente e gratuitamente via Internet"...
Non del tutto condivisibile... mi ricorda la vecchia storiella del vecchio meccanico interpellato per far funzionare il motore di una nave che faceva impazzire schiere di ingegneri: dopo pochi minuti da un colpetto con un martello, il motore riparte e presenta una fattura da 10.000 euro. Proteste del committente che chiede un dettaglio della fattura (10.000 euro per 5 minuti di lavoro ?!?!?)
Dettaglio:
5 minuti e colpo di martello = 10 €
Sapere dove colpire con il martello = 9.990 €
...
E io che pensavo che in svizzera trasmettessero le partite in chiaro come in Germania... o_0