skip to main | skip to sidebar
17 commenti

Un anno di informatica in rassegna

Ultimo aggiornamento: 2017/12/29 16:05.

Sì, la questione informatica dell’anno che si sta chiudendo è sicuramente la fake news, ma il 2017 è stato caratterizzato da molti altri eventi digitali. la BBC ne riassume alcuni dei più significativi.

Per esempio, i televisori 3D, che dovevano essere una novità irresistibile, sono invece praticamente spariti dai cataloghi dei nuovi prodotti a inizio 2017. Chissà se gli schermi curvi, che sono la moda del momento, faranno la stessa fine.

C’è stato anche il ritorno del telefonino non-smart, quando Nokia ha presentato la versione aggiornata del suo classico 3310.

A marzo 2017 ha tenuto banco la storia che CIA ed MI5 avevano collaborato per violare le smart TV della Samsung in modo da registrare l’audio ambientale anche quando erano in apparenza spente e poi inviare le registrazioni ai server delle spie: il nome usato per l’operazione, Weeping Angel, ha fatto contenti i fan di Doctor Who.

Ad aprile è stato il turno di una frode da cento milioni di dollari ai danni di Facebook e Google, compiuta mandando alle contabilità di queste aziende delle mail che sembravano provenire da un fabbricante in Asia e fornivano invece le coordinate bancarie del truffatore, che si sospetta sia un lituano.

A maggio è arrivata la mazzata di WannaCry: un attacco di ransomware che ha toccato tutto il mondo, bloccando decine di migliaia di computer Windows e portando alla paralisi numerose aziende grandi e piccole e molti servizi pubblici, compresi alcuni ospedali, che non avevano aggiornato i propri sistemi informatici.

Il mese successivo un altro attacco informatico ha colpito l’Ucraìna e poi si è diffuso al resto del mondo attraverso un aggiornamento di un software fiscale. I danni ad aziende come Maersk, FedEx e altre sono stati enormi: si stima oltre un miliardo di dollari di danni.

A luglio i bitcoin sono stati sotto i riflettori per una scissione interna che aveva l’intento di risolvere i rallentamenti del sistema di gestione della criptovaluta, che all’epoca valeva 2400 dollari (oggi siamo oltre i 15.000). I rallentamenti non sono stati risolti: ora una transazione viene confermata in media in circa 24 ore.

Agosto, invece, ha visto un brutto caso giornalistico informatico: MalwareTech, l’utente anonimo che aveva sventato in gran parte l’attacco planetario di Wannacry, è stato identificato e smascherato dai giornali britannici ed è stato poi arrestato dall’FBI con l’accusa di aver sviluppato malware bancario vari anni fa. L’informatico è ora in attesa di giudizio e si dichiara innocente.

A settembre Apple ha visto trafugati i dati salienti del suo nuovo iPhone X prima del lancio ufficiale, nonostante l’azienda avesse assunto ex dipendenti FBI e NSA per impedire fughe di notizie.

Ottobre è stato un mese interessante per Amazon, che si è vista frodata per 1,2 milioni di dollari da un una coppia di truffatori che usava centinaia di identità false per ordinare merci e poi denunciava difetti inesistenti per avere un rimpiazzo intanto che rivendeva gli esemplari ricevuti inizialmente. La coppia è stata arrestata.

La guida autonoma ha vissuto un brutto momento mediatico a novembre, quando il servizio di autobus navetta senza conducente di Navya, a Las Vegas, ha avuto il primo (lieve) incidente meno di un’ora dopo il debutto. Per colpa di un altro conducente umano, ma fa niente.

Ed eccoci a dicembre: sta ancora tenendo banco il rallentamento intenzionale degli smartphone di Apple, con tanto di azioni legali dei consumatori, scuse di Apple, offerte di cambio batteria a prezzi ridotti e istruzioni per il fai da te. Staremo a vedere cosa ci riserverà il 2018. Buon anno.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (17)
Buon anno a te
Errata porridge: "ai danni di Facebook and Google"
[quote]ora una transazione viene confermata in media in circa 24 ore.[/quote]
è un po' troppo generalistico imho. Capisco che è OT entrare nel dettaglio, ma piuttosto non l'avrei messa.

La moda cryptocoins ICO e Fork vari (sempre eventi digitali) han smosso ben più del milione dei truffatori Amazon (che con l'evento digitale c'entra molto meno imho).

Buon Anno Paolo!

p.s. imho il 2018 sarà l'anno dei Bitcoin (lo so... ma sarà l'anno in cui si inizierà davvero a usare il Lighting Network e si diffonderà SegWit) e dell'AR (vedi il Creator Edition di Magic Leap appena annunciato). L'AR serio (non le stupidate di ARKit, non nel gaming), come il VR (qui solo gaming/entertainment), non sarà una moda passeggiera come il 3D dei TV.
La cosa divertente e' che il 3D e' la "tecnologia del futuro" dagli anni 60.

Nemmeno Java riesce a battere quel record, Hi! Hi! Hi! Hi!
Clodo... Una versione senza acronimi per i non addetti ai lavori? Grazie :)
Clodo,

[quote]ora una transazione viene confermata in media in circa 24 ore.[/quote]
è un po' troppo generalistico imho. Capisco che è OT entrare nel dettaglio, ma piuttosto non l'avrei messa.


E' quello che dice la BBC, citando Blockchain.info. Ho aggiunto la fonte all'articolo.
Olivier,

refuso corretto, grazie.
[quote]Clodo... Una versione senza acronimi per i non addetti ai lavori? Grazie :)[/quote]
Sorry.

ICO="Initial Coin Offering" e "Fork" vari sono le nascite di nuove crittomonete. SegWit è una tecnologia interna al protocollo di Bitcoin.

VR="Virtual Reality", AR="Augmented Reality".
La tecnologia dei visori si divide in due categorie, a seconda se oscurano completamente il mondo vero (VR) o se 'ci disegnano sopra' (AR).
Di entrambe ci sono soluzioni hardware 'serie' e soluzioni 'lowcost'.

Il VR-lowcost son robine tipo Google Cardboard o GearVR.
Il VR-serio è già diffuso con hardware come Oculus Rift, HTC Vive e PSVR.

L' AR-lowcost è quello da telefoni: Pokemon GO, robe basate su ARKit (kit di sviluppo Apple).
L' AR-serio non è ancora in commercio, il 2018 è il suo anno.
Per questo per me il 2018 sarà l'anno dell'AR, una tecnologia ad oggi totalmente sottovalutata di come cambierà la vita di tutti. Forse non nel prossimo decennio, ma prima o poi l'AR soppianterà smartphone, tablet, televisori, forse anche i PC.
Microsoft ha in canna Hololens: (Concept video) il primo prototipo era in commercio solo a sviluppatori, il secondo prototipo solo interno, il terzo è atteso per il 2018.
Ma il vero player è Magic Leap (Concept video) , una società da 6 miliardi di dollari di valutazione globale, che rilascierà il primo prototipo nel 2018 dopo SETTE anni di sviluppo, il primo in assoluto in tecnologia Lightfield.
Entrambi han la loro implementazione di Spatial Mapping, qui vedi quella di HoloLens per avere un'idea di cosa sia.
[quote]E' quello che dice la BBC, citando Blockchain.info. Ho aggiunto la fonte all'articolo.[/quote]
D'accordo, ma è proprio il dato che non vuol dire nulla imho.
Blockchain.info mostra un grafico, statistiche a libera interpretazione. L'articolo della BBC non l'ho trovato.

Per capirci, c'è chi crea transazioni magari con tantissimi input/output (aumentando così i bytes e di conseguenza le fee) e
volutamente le imposta per essere confermate in ore/giorni, perchè non ha fretta e non c'è motivo di pagare fee alte.
Altri invece pagano fee altissime per avere conferme nell'arco di pochi blocchi.
Mixare due tipologie così distinte d'uso e farci una media mi pare insensato, tutto qui.
Scusami, uno che non conosce l'argomento (buona fetta del tuo target) la frase
[quote]ora una transazione viene confermata in media in circa 24 ore.[/quote]
la interpreta letteralmente imho, anche se hai giustamente precisato 'in media'. In realtà posso mandare una transazione con la certezza che sia confermata nell'arco anche di 10 minuti (alterando la fee di default). Se è bello/giusto è tutt'altro discorso.
Ehi sia chiaro, mica ti chiedo di modificare eh, sto solo mettendo i puntini sulle I :P.
Grazie clodo.
Penso che molto dipenderà anche dai costi edall'offerta dei servizi.
Mi spiego i televisori 3d non erano di certo economici e non erano supportati da palinsesti televisivi adeguati.
[quote-"Olivier"]Errata porridge[/quote]

Gnam Gnam... Buono, eh?

Si scrive "Errata corrige".
Fantastico lavoro Paolo.. Solo sui televisori non sei aggiornatissimo, quelli curvi sono spariti assieme al 3D.
Buon Anno!
3D,VR,AR...si parla di tecnologie più o meno belle ma non problema è la disponibilità di utilizzi validi...
Non ho comprato niente di tutto ciò perché non saprei che farci.
Giochi supportati pochi, film e canali 3d? Ancora meno.
Non è il problema della tecnologia disponibile sono i contenuti che mancano e quindi tutto il castello cade.
Cosa me ne faccio dell'AR quando poi ci posso al massimo leggere la posta o accarezzare i Pokemon?
Penso che il nocciolo sia il costo di produzione di contenuti e applicazioni con queste tecnologie. Finché sarà troppo costoso produrre avremo solo hardware e poco software.
Quello che è accaduto con le app degli smartphone è stato anche questo. Con una spesa modesta si potevano generare applicazioni che prima erano solo un sogno.
@Christian Franzone
Credo il porrige fosse voluto e non un errore di stompa. ;)
Buon 2018 a tutti!
Auguri a tutti. Mi aspettavo un commento sulla Net Neutrality, forse la votazione del 14 dicembre non avrà effetti così gravi come si dice?
"Staremo a vedere cosa ci riserverà il 2018. Buon anno. "
Eccoti accontentato:
http://www.smartworld.it/informatica/bug-processori-intel-performance-ridotte.html
https://www.tomshw.it/bug-microprocessori-tutto-meltdown-spectre-90564
https://www.windowsblogitalia.com/2018/01/grave-bug-cpu-intel/