Cerca nel blog

2006/11/07

Alexandra, la bambina ustionata: aggiornamenti

Riprende a circolare l'appello per la bambina polacca ustionata: aggiornamenti importanti



Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "pot" e "biemmic".

Come già accennato durante una precedente puntata del Disinformatico, ha ricominciato a circolare l'appello per aiutare la piccola Alexandra, bambina polacca colpita da ustioni terribili. L'appello è autentico, ma è falsa la parte che dice che inoltrandolo si mandano automaticamente dei soldi alla famiglia.

Questa è la versione attualmente in circolazione:

Alexandra ha 14 mesi ed é stata vittima di un grosso incendio. Ha dei dolori estremi e la sua faccia e parte del suo piccolo corpo sono ustionati.
Anche molte ossa del cervello [sic] sono state lesionate dal grande calore. Al momento si trova in Polonia ed é seguita da un specialista. La bimba deve subire molte altre operazioni e anche una lunga reabilitazione. Sfortunatamente la sua famiglia non é in grado di sostenere tutte le spese. Per questo abbiamo bisogno del vostro aiuto! Per ogni E-mail inviato la famiglia riceve 3 centesimi. Per favore aiutate questa famiglia e spedite piú e-mail possibile !!!!!

L'appello risale alla metà del 2005, e la TV polacca ha recentemente pubblicato una pagina di aggiornamento sul suo caso, che trovate tradotta (grazie a jaecarol) nella mia pagina d'indagine sul caso. La bimba ha ancora bisogno di aiuto, ed è importante segnalare che le coordinate bancarie per inviare una donazione sono cambiate. Trovate quelle aggiornate, appunto, nella pagina della TV polacca.

17 commenti:

Enrico ha detto...

Paolo potresti mettere gli estremi per il versamento bancario in maniera piú chiara (ABI, CAB..)? Essendo scritti in polacco.
Dov'è il link "puoi aiutare" che non riesco a trovarlo.

Grazie mille! continua cosí!

ciao Enrico

Anonimo ha detto...

Paolo dovresti modificare il codice html del tuo blog in quanto in Firefox (800*600 risoluzione) la zona di destra (sidebar) viene impaginata male cioè finisce in fondo alla pagina mentre in I.E. si vede correttamente cioè a fianco degli articoli. Siccome non ho intenzione di usare I.E. neanche sotto tortura mi piange il cuore a vedere il tuo sito visualizzato male in Firefox.



Ho fatto delle prove salvando una pagina sul pc e modificando il codice html con Nvu. Con le modifiche di cui sopra riesco a vedere correttamente il tuo sito. Non so se questo capita solo a me per via della risoluzione dello schermo.

Anonimo ha detto...

Avevo scitto il codice da modificare ma il blog non mi permette di inserire codice html nel commento.

Non è possibile accettare il codice PHP, ASP, and other server-side scripting is not allowed. specificato.

le modifiche di cui sopra le puoi vedere qui

http://snipurl.com/11eym

Buffalo ha detto...

Scusate il linguaggio, eh... ma quale merda superficiale si mette a modificare il messaggio d'aiuto per una cosa del genere per infilarci la stronzata trita e ritrita dei centesimi per ogni mail? Pensava fosse uno scherzo? Certi deficienti hanno troppo tempo libero ed accesso a computer di quanto meriterebbero (cioè zero).
Che magari sono gli stessi che hanno messo, o tradotto "le ossa del cervello", ma che vuol dire? D'accordo che i bambini hanno la testa dura, però...

Gino Lucrezi ha detto...

Buffalo, secondo me non si tratta di "merde superficiali", ma di parassiti molto, ma molto preparati, tutt'altro che superficiali.

A mio parere, molti di questi appelli sono confezionati da spammer che li mandano in giro nella certezza che prima o poi gli torneranno indietro "carichi" di indirizzi email nuovi da spammare, grazie a tutti coloro che fanno forward e lasciano nel messaggio tutti gli indirizzi.

Un messaggio come questo e` prezioso (per quegli schifosi) perche' ha un fondamento di verita`, ed inganna meglio la gente.

Sarebbe interessante usare un indirizzo email "vergine", inserendolo nei cc: di un appello inoltrato a questa maniera, e vedere in quanti giorni finisce negli indirizzari degli spammer.

Gino

Matteo Mazzoni ha detto...

Ania è solo un diminutivo polacco di Anna, va benissimo scrivere "Anna"... Quanto al conto su cui fare i versamenti, credo che sarebbe necessario fornire anche il numero SWIFT...

Ciao da Matteo M.

Hammer ha detto...

Paolo, un piccolo suggerimento... nella pagina antibufala dove c'è lo screenshot in grande della pagina polacca, la foto della bambina è abbastanza impressionante.
Non hai modo di sfocarla?
Chi si sente di vederla può comunque vedere quella originale.

Paolo Attivissimo ha detto...

Hammer:

>Non hai modo di sfocarla?

Sistemato: l'ho tolta dalla pagina dell'indagine, dove ho lasciato soltanto un link all'originale, così la vede soltanto chi vuole proprio vederla.

Enrico (e altri):

>Paolo potresti mettere gli estremi per il versamento bancario in maniera piú chiara (ABI, CAB..)?

Purtroppo non so nulla del sistema bancario polacco, ma scrivo subito alla giornalista della TV polacca e le chiedo chiarimenti.

Anonymous, ho modificato il codice come dici, ma non mi sembra che sia cambiato molto.

Anonimo ha detto...

La storia è davvero molto triste... e più triste è la storia, più gli avvoltoi dello spam ci vorrebbero mangiare sopra!

Giusto per la cronaca, ieri mi è giunto proprio questo messaggio di aiuto per la bimba polacca, che fino ad allora era stato rigirato ed inoltrato (da persone volonterose, ma incaute) la bellezza di 18 volte, trascinandosi dietro un totale di 412 indirizzi (tutti perfettamente visibili!)... una manna per gli spammer, non c'è che dire! :(((

SYLVY

Anonimo ha detto...

Anonymous, ho modificato il codice come dici, ma non mi sembra che sia cambiato molto.


Io vedo la pagina in maniera diversa adesso, ossia la sidebar ora si visualizza in parte a fianco dei post e in parte in fondo. Prova a ridurre il font size a 80 %. Bisogna solo trovare la percentuale giusta, im modo che tutta la colonna di destra si affianchi ai post. Come ti dicevo potrebbe dipendere anche dalla risoluzione dello schermo però è strano che in I.E questo non avvenga. Comunque il codice html di blogger a volte lascia un pò a desiderare.

Paolo Attivissimo ha detto...

Il problema, in base alle prove che ho fatto, è che la colonna di destra contiene degli elementi non divisibili che hanno una larghezza fissa: la dicitura "topone chiocciola pobox.com" e la casella di immissione dell'indirizzo per iscriversi alla newsletter.

Ho ridotto le dimensioni della dicitura, e tutto il blocco è andato a posto. Ora riduco anche le dimensioni della casella, dimmi come ti funziona.

Anonimo ha detto...

Fino a (antibufala francese) è OK, il resto da LeggendeMetropolitane.net finisce in fondo alla pagina. Adesso nemmeno io salvando la pagina e modificando il codice riesco a farla visualizzarla bene. Inoltre dopo i cambiamenti anche con I.E. ho problemi di visualizzazione simili. Strano che però succede solo a me. Hai provato a visualizzare il tuo sito con diversi pc e con diverse risoluzioni del monitor e con diversi browser? Credo che la piattaforma blogger faccia un pò di casini col codice html. Fra i tanti amici che hai non conosci uno che se ne intende di codice html e che riesca a venire a capo del problema. Io sono un dilettante dell'html.

scheggia61 ha detto...

Io il sito lo vedo perfetto con mozzilla , ho solo un problema con la posta che ricevo , non riesco a leggere il nome della banca firefox mi scrive una serie di simboli e lettere ..Colpa mia?
Bravo Paolo .
maledetti spammer..

Buffalo ha detto...

A mio parere, molti di questi appelli sono confezionati da spammer che li mandano in giro nella certezza che prima o poi gli torneranno indietro "carichi" di indirizzi email nuovi da spammare, grazie a tutti coloro che fanno forward e lasciano nel messaggio tutti gli indirizzi.
Bravo, a questo stavolta non avevo pensao... anche perchè è un sistema che di solito usano per messaggi molto più assurdi. Stavolta invece non ha nemmeno avuto bisogno di inventarsi la storia lacrimevola, ce l'aveva già, pensa te che comodità!
Certa gente ti fa rimpiangere l'anonimato di internet a volte...

Gino Lucrezi ha detto...

Buffalo, perche' dovrebbero preoccuparsi di inventare appelli assurdi, quando ce ne sono di ottimi gia` fatti? Prendi quello di Daniele Brandani, basta cambiare le date ed e` gia` pronto.

Cosi` se uno fa una ricerca su Internet, vede che tutti i report sulla bufala sono di date precedenti a quella riportata nell'email, e pensa "ma allora e` vera l'email".

Anonimo ha detto...

ho letto commenti anche piuttosto malevoli sul fatto che si raccolgono soldi semplicemente inviando e-mail.
Tutto può essere.
Ma potrebbe anche essere che dicendo così le persone sono più invogliate a spedire e-mail a parenti, amici e conoscenti. Cioè le persone lo ritengono un modo semplice di aiutare qualcuno. Così la notizia si diffonde un po' di più e forse si raccoglie qualcosina di soldi in più.
Che fine facciano questi soldi, poi, è un altro aspetto. Ma se la tv polacca conferma che non vi sono imbrogli, possiamo almeno crederci.

Ola ha detto...

Per quanto riguarda il sistema bancario polacco, non è possibile fornire i numeri ABI CAB ecc. ecc., in quanto sono numeri che identificano l'istituto ITALIANO. Il numero IBAN (International Bank Account Number) polacco è costituito da 28 caratteri (i primi due identificano il Paese: PL) e per effettuare il versamento basta inserirlo per intero.