Cerca nel blog

2007/06/05

Google Street View, ipnotico guardone

Google vi porta a passeggio virtualmente per le città, ma non è un po' troppo ficcanaso?


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "mauro.o****" e "anotari". L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Google ha lanciato il 25 maggio una nuova estensione del proprio servizio di mappe, denominato Google Street View. Se usate Google Maps, potete esplorare in tre dimensioni le città di New York, San Francisco, Miami, Denver e Las Vegas a livello stradale, "guardando" a destra e a sinistra. Si vedono le vetrine dei negozi, le case, il traffico, le vedute panoramiche dai ponti... ed è proprio lì il problema. Si vede troppo.

La nuova funzione è assolutamente ipnotica, perché sembra di volare invisibili fra la gente e ha un'utilità indubbia per chi vuole orientarsi in una città che si accinge a visitare o vuole dare indicazioni a qualcuno per farsi trovare. Ma il dettaglio estremo con il quale sono mostrate le immagini (riprese da una serie di automobili dotate di un gruppo di fotocamere) pone anche dei problemi di privacy non indifferenti.

Certo, le immagini non sono in tempo reale, e Google offre la possibilità di far oscurare dettagli indesiderati, ma come si fa a sapere di essere stati ripresi? Per esempio, questo fantasma che si scaccola sarà contento di essere stato colto in flagrante? E queste persone colte a visitare negozi per adulti o a scavalcare un'inferriata in modo sospetto? O questa colta a orinare per strada?

La qualità delle immagini di Google Street View è tale che sembra quasi di sbirciare nelle case degli altri. Essendo immagini acquisite dalla strada, sono perfettamente legali, ma non mancano di destare perplessità in molti utenti. Per esempio, come racconta il New York Times, Mary Kalin-Casey ha scoperto che le immagini della propria abitazione a Oakland, in California, riprendevano persino il suo gatto Monty.

Aggiornamento: il link a Monty è stato disattivato poche ore dopo che avevo scritto l'articolo. Una foto di Monty è su Boing Boing, che ha anche un'immagine delle auto con fotocamere usate per generare le foto di Google Street View.

Si sono già scatenate le classifiche delle chicche in Google Street View, come quella di Wired, e ci si diverte anche con i curiosi effetti della composizione automatica delle panoramiche, come lo sbarco di E.T. (con testa aliena che spunta e raggio laser inceneritore) o l'incredibile microcefalo. Ma man mano che si estende la portata del servizio, mi sa che si estenderanno anche le polemiche. Potrebbe essere l'occasione per una discussione seria sulla validità degli attuali diritti alla privacy e sull'intrusività della sorveglianza, anche per chi non ha nulla da nascondere.

24 commenti:

Rodri ha detto...

Il link su Mashable mi ha fatto rotolare... Uaz uaz uaz

testadiclaudio ha detto...

ecco chi erano quei tizi in auto che mi hanno fotografato mentre facevo pipì in strada...

Unknown ha detto...

A me non funziona il link sul gatto, oppure è Google che ha tolto il servizio per via della bagarre scatenata da quel gatto?

Rodri ha detto...

Uaaaaaaaaauhauahuahauhauhauahaaa

http://www.google.com/maps?f=q&hl=en&q=haight+st&sll=37.802664,-122.435675&sspn=0.025228,0.054245&ie=UTF8&ll=37.77476,-122.434098&spn=0.006309,0.013561&t=h&z=17&om=0&layer=c&cbll=37.771583,-122.434577&cbp=2,53.0565030445774,0.625277684033677,3

Le incollature di Google Maps rimarranno sempre mitiche... :-D

Fry Simpson ha detto...

Neanche a me funziona il link del gatto. Porta a una mappa vista dall'alto. Era uno scherzo? :-)

snap ha detto...

Il vero ficcanaso non e Google, ma il tizio sulla pachina :)

Rodsbot ha detto...

I added here the best Google Street View.

Rodsbot ha detto...

I added all the best "Google Street View" here : http://www.geo-trotter.com/cat-street-view.php.

Paolo Attivissimo ha detto...

La foto di Monty è stata rimossa poco dopo che avevo scritto l'articolo. Ho aggiornato l'articolo per linkare a una foto salvata di Monty.

Miroglio & C. ha detto...

Ma anche il sito pagine gialle ha questa funzione su alcune città italiane e non mi pare che nessuno si sia lamentato. Io abto a Torino e puoi girare per le vie che ti pare.

--stefano-- ha detto...

Il microcefalo rimane il migliore LOL

ma anche la MiniPorsche non è male :P

Davide ha detto...

Anche sulle Pagine Gialle Visual funziona... ovviamente nelle nostre belle città Italiane. E (secondo me) si vede anche meglio...

Dan ha detto...

Quel tipo che dici si stia scaccolando in San carlos street a e sembra solo che stia usando il cellulare...
A ogni modo, la gente protesta, ma sono cose riprese sulla pubblica via, quindi sono appunto pubbliche. Invece dell'obiettivo di Google avrebbe potuto esserci un qualunque passante, oppure la loro madre o moglie. Per la legge sono ammissibili, come se un fotografo avesse preso uno scatto della via e l'avesse pubblicato su una rivista. Sono preoccupati per la permanenza della testimonianza?

FridayChild ha detto...

Non credo che il fatto che il furgone riprenda solo quello che trova sulla pubblica via renda automaticamente pubblicabile in Internet il tutto. Esiste un diritto alla riservatezza che puo' subire temperamenti solo nel caso di personaggi celebri; l'uomo della strada ha il diritto di decidere di non comparire. Tutta la faccenda Google Van e' molto divertente, ma ho il sospetto che se fossi io quel biker intento ad innaffiare le aiuole non sarei cosi' divertito.
Soluzione: assumere qualcuno che passi una a una le immagini con Photoshop per rendere irriconoscibili le persone fisiche.
:P

Unknown ha detto...

Altra soluzione: smetterla con queste assurdità.
Qualcuno mi spiega qual è il senso di tutto questo? (google view intendo)

Iilaiel ha detto...

Boh? Per fare sfogare gli aspiranti viaggiatori in carenza cronica di pecunia?

Per incentivare il turismo? Hmmm questa potrebbe essere quella buona.

pltz ha detto...

BAsta cercare 10 minuti per trovare fenomeni strani, ad eempio questo tipo che si sta sdoppiando (tutta la strada è piena di fenomeni del genere).

Anonimo ha detto...

Anche io ho creato uno Foto Stradario della mia città.
questo è il link:

http://www.fotolivorno.net

Dan ha detto...

"Tutta la faccenda Google Van e' molto divertente, ma ho il sospetto che se fossi io quel biker intento ad innaffiare le aiuole non sarei cosi' divertito."
Resta il fatto che per la legge è ammissibile, anzi è il biker in reato per atti osceni in luogo pubblico, aggiungendo forse qualcosa per l'igiene pubblica...
A rigor di logica, perchè bloccare le foto di Google view? Se un fotografo professionista vuole fare un servizio su di una città da pubblicare su rivista o libro, ogni volta che scatta deve gridare "attenzione, chi non vuol comparire nelle mie foto si faccia da parte!" ? Un po' poco pratico...
Quello che fai sulla pubblica via è comunque di pubblico dominio, non puoi fare rimostranze perchè vuoi che rimanga riservato. Se è questo quello che vuoi, vai in giro con bavero alzato e occhiali scuri.

FridayChild ha detto...

Sicuramente il biker mingente e' reo di atti osceni in luogo pubblico. Il punto e': puo' il fotografo pubblicare la foto? Un conto e' mostrare immagini di gente che passeggia, un conto esibire getti diuretici. L'una cosa puo' non essere lesiva della privacy, l'altra piu' facilmente si'. Ci vorrebbe un avvocato qui. :D

Dan ha detto...

Posso essere d'accordo nel caso si veda dentro casa di qualcuno, quella diventa materia di dibattito sulla privacy (e oggettivamente darebbe noia anche a me), ma il biker mingente, come nel caso del tizio che scala l'inferriata, in quanto reo non può più avanzare alcuna pretesa di privacy. Altrimenti diventerebbe il fotografo complice del reato.

FridayChild ha detto...

Stai inferendo che il fotografo avrebbe addirittura l'obbligo di denuncia?
Non so come sia in USA, ma qui in Italia credo che il reato di omissione di denuncia si configuri solo per pubblici ufficiali e incaricati di pubblico servizio.

Dan ha detto...

No, intendo che il biker o il ladro non possono certo chiedere che le foto che li incriminano siano rimosse "perchè violano la loro privacy", primo per ovvio buon senso, e secondo perchè una volta compiuto il reato i tuoi diritti li perdi. Il fotografo può non denunciare, sta alla sua coscienza, diventerebbe complice se obbedisse alla "richiesta di privacy" dei delinquenti.

FridayChild ha detto...

Punto Informatico oggi torna sull'argomento con alcuni dati interessanti.
http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2019504