Cerca nel blog

2008/08/28

Cartolina da Marte (aggiornato)

Brina sul pianeta rosso e lunacomplotti smontati




La sonda automatica Phoenix ci manda questa magnifica immagine della brina sul suolo di Marte, scattata il 14 agosto all'alba marziana. L'immagine, tratta dalla rubrica Image of the Day della NASA, è in falso colore ed è stata elaborata per esaltare le differenze di colore.

Cerchiamo di renderci conto. Abbiamo dei robottini a batterie solari che non solo riescono ad arrivare su un altro mondo, ma da quell'altro mondo, distante duecento milioni di chilometri, riescono a mandarci una foto della brina mattutina. Per non parlare della quantità immensa di dati scientifici che raccolgono.

Questo è il senso del programma spaziale: mostrare quante cose meravigliose possiamo fare se solo la smettiamo di farci la guerra scialacquando miliardi.

Nel frattempo, per i disfattisti che si ostinano a negare che l'umanità abbia la capacità di fare queste cose, il programma statunitense Mythbusters ha affrontato ieri le tesi dei lunacomplottisti, costruendo un modello del LEM decisamente notevole e ricreando il suolo lunare. Qui sotto potete vedere un'anteprima della puntata: ce n'è per tutti. Se qualche angioletto appassionato di Mythbusters riuscisse a farmene piovere legalmente una copia al Maniero Digitale, gliene sarei grato.



2008/08/28 23:55


L'angioletto non si è fatto attendere, e la puntata è al di sopra delle più rosee previsioni. Non solo i Mythbusters hanno smontato le tesi luncomplottiste, ma hanno dimostrato una cosa che non osavo sperare: le riprese delle passeggiate lunari sono, da sole, prova sufficiente degli sbarchi. Non esiste modo di replicare sulla Terra simultaneamente tutte le condizioni e i comportamenti osservabili nei filmati lunari. Al contrario di quello che dicono i lunacomplottisti, non si può usare il rallentatore per ottenere la camminata lunare e non si può neppure adoperare un'imbragatura che riduca il peso dell'astronauta: ci vuole proprio la gravità lunare. La differenza si vede a occhio nudo.

Chiunque abbia un minimo di cervello, di fronte alla dimostrazione, non può che accettare i fatti osservati.

Per cui ecco la sfida ai vari Massimo Mazzucco, Ralph René, Bart Sibrel ed emuli assortiti di Bill Kaysing (la cui dipartita nel 2005 ha elevato il quoziente intellettivo dell'umanità tanto quanto togliere Vista da un PC ne eleva le prestazioni). Se volete dimostrare le vostre tesi, dovete fare una sola cosa: riproducete tutte le caratteristiche della camminata degli astronauti. Il saltello a canguro, i passi lunghi, i salti verticali; il modo lento e inconfondibile in cui il casco e lo zaino cadono e seguono i movimenti dell'astronauta. E la polvere che schizza parabolicamente, senza formare volute. Ah, dimenticavo: per correttezza, fatelo naturalmente usando la tecnologia fotografica degli anni Sessanta. Niente giochetti al computer.

Se non ci riuscite, siete dei poveri venditori di fumo, pateticamente invidiosi delle capacità altrui: siccome non sapete combinare niente al di fuori delle chiacchiere, pensate che tutti gli altri debbano essere omuncoli come voi. E se mi capitate a tiro e Buzz Aldrin non si vuole sporcare le mani, offro le mie. Per un cordiale buffetto, s'intende.

56 commenti:

brain_use ha detto...

"We really went to the moon!"
Povero mini-Neil! ;-)

Andrea ha detto...

Secondo te quindi spendere miliardi di miliardi per andare a fare una foto su marte e cercare di scoprire questo sconosciuto pianeta per motivi sconosciuti, mentre sulla terra quei miliardi potrebbero essere investiti per gente che ne ha assolutamente bisogno, è simbolo di tecnologia e progresso?????

Strana concezione del progresso che hai!

http://vivereadorecchio.iobloggo.com

Giako ha detto...

@andrea
è sicuramente indice di progresso più che spenderli per trovare modi sempre più efficaci per uccidere la gente o armarsi per fare paura al nemico di turno

@Paolo (o chi lo sa)
Hai mica idea di quando la puntata passerà anche su Discovery italiana?

markogts ha detto...

Falsi colori? Lo sapevo, è un complotto della NASA!

Dopo il rule 34, c'è evidentemente il rule 35 di internet: di ogni cosa esiste la versione complottistica.

EmiBro ha detto...

@Andrea

Mi pare che Paolo a suo tempo abbia già ampiamento spiegato che tutti noi godiamo quotidianamente dei prodotti della ricerca spaziale (si veda ad esempio il discorso sull'uso dei satelliti per monitorare inondazioni, tsunami, tempeste e via dicendo).

E*

markogts ha detto...

@ andrea: ne abbiamo già parlato qualche post fa, la verità è che un Programma Lunare costa come un anno di sussidi all'agricoltura europea, che poi provoca dumping sui prodotti del terzo mondo. In altre parole, attualmente si spende PER affamare la gente. Quindi, meglio spendere per andare nello spazio, non ti pare?

La verità è che non esiste l'alternativa "vado nello spazio" o "salvo il terzo mondo". L'alternativa è "cerco di capire come gira il mondo per non farmi bidonare e per mettere una pezza" o "mi cullo nelle mie illusioni, tanto è sempre colpa di qualcun altro".

markogts ha detto...

Wow, Andrea, ho visto il tuo blog. Certo che te le bevi proprio tutte, eh? Dalle scie chimiche al lunacomplottismo, dal wtc7 di Mazzucco alla Strada di Ariccia.

Ma perché lo fate? Percé vi autoscreditate fino alla radice? Non capisco! Capisco credere ad UN complotto, ma possibile che sia TUTTO un complotto? Comincio a pensare che il vostro sia un complotto...

Mattia ha detto...

http://www.repubblica.it/2008/07/sezioni/scienza_e_tecnologia/de-bakey/de-bakey/de-bakey.html

< < Con la Nasa, nel '98 DeBakey sviluppò un cuore artificiale temporaneo grande come una pila, che per pompare il sangue usava il sistema di iniezione del propellente nei motori dello Shuttle. > >

Qquadro ha detto...

markogts

Credo che alcuni lo facciamo solitamente per soldi.
Altri per sentirsi più fighi (io so una cosa che nessunaltro sa)
Altri ancora per ignoranza (nel senso di ignorare le cose)
Altri perchè sono dei semplici sfigati la cui vita reale è così povera da doversi immaginare tutto.
Ovviamente è la mia opinione.
Magari Paolo opotrebbe fare un sondaggio

:D

Andrea Sacchini ha detto...

> mentre sulla terra quei miliardi potrebbero essere investiti per gente che ne ha assolutamente bisogno, è simbolo di tecnologia e progresso?????

Andrea, permettimi, la missione scientifica che vede coinvolta la sonda Phoenix ha un costo stimato di circa 420 milioni di $ (fonte). Vuoi sapere quanto si spende invece nella corsa agli armamenti?

[...] Negli ultimi dieci anni si e' registrata una crescita del 37% delle spese militari mondiali, che ha superato i 1200 miliardi di dollari. Sono 15 i paesi che spendono l'83% del totale, con gli Stati Uniti che da soli coprono il 46% della spesa complessiva. Per il 2008/2009 il bilancio americano destinato alla Difesa e' di 515 miliardi di dollari con una crescita dell'8% rispetto all'anno precedente. Secondo le stime riportate dal rapporto, il costo complessivo della sola guerra in Iraq potrebbe raggiungere ' 2.267 miliardi di dollari entro il 2016. [...] (fonte).

Rafrontando le cifre ci si accorge benissimo che le risorse che si potrebbero destinare a "gente che ne ha assolutamente bisogno", come dici tu, ci sarebbero eccome, anche solo utilizzando le briciole di quelle gigantesche dedicate alla corsa agli armamenti.

Massimo Musante ha detto...

Bisogna dire che senza le spese militari non avremmo avuto neppure un programma spaziale ... quindi non tutto il male viene per nuocere ...
e poi in caso di catastrofe i militari ci vengono bene eccome!

Scusa Paolo ma, che tu sappia, questa ricostruzione di Mythbusters è stata fatta con tecnologia degli anni '60?

usa-free ha detto...

Appunto. Bisognerebbe toglierli agli armamenti e darli a questi poveracci che nel 2008 ancora fanno le foto in bianco e nero e poi le colorano sulla Terra.Sfigati! :D

(sto scherzando eh? sto scherzando)

markogts ha detto...

Che vuoi, Sacchini, se per una data mente, un concetto è inconcepibile, è inconcepibile anche l'ordine di grandezza del suo costo.

L'importante è essere rassicurati sul fatto che non è colpa nostra e del nostro stile di vita se c'è gente che muore di fame, no, è solo colpa dei cattivi della NASA, che sprecano così i soldi.

Anonimo ha detto...

Andrea: Penso che i motivi sconosciuti in realtà siano perfettamente noti a scienziati, tecnici, curiosi etc...
Inoltre, per esempio, capire l'evoluzione di Marte e la sua attuale situazione sia climatica sia geologica permette di capire meglio anche i meccanismi in atto sulla Terra.
Consiglio la lettura del libro di Paolo Saraceno "Il caso Terra".
L'ho trovato molto utile per capire le relazioni tra ricerca spaziale e comprensione dei fenomeni di nascita ed evoluzione della Terra e della vita in essa.
Saluti.

Hanmar ha detto...

Cazzarola...
Siamo ancora in agosto e' gia' c'e' la brina mattutina.

E' propriovero che le stagioni di una volta non esistono piu', maledetto buco nell'ozono!!!

:P

Saluti
Hanmar

Anonimo ha detto...

@ andrea
moriremo comunque, almeno qualcuno così sarà felice, a discapito di molti. la nostra vita è la fiera delle inutilità, tanto vale aprofittarne fregandosene degli altri.

danjou ha detto...

Caro Paolo,
ma se c'è la brina su Marte...
allora è nato prima l'uovo...
...o no...
chicchiricchii...
Viva la scienza!!!!

enrico ha detto...

e comunque si vede benissimo che c'è un omino verde....

Anonimo ha detto...

Mamma mia Paolo, stai diventando acido con quelle povere bestioline dei complottardi!

Paolo Attivissimo ha detto...

Che ti devo dire: con quelli dell'11 settembre mi devo trattenere, perché c'è di mezzo una tragedia con tremila morti, ma con gli altri complotti non ho queste remore.

Non è acidità: è parlar chiaro. Per credere ai lunacomplotti dopo che ti sono state presentate prove su prove e argomentazioni inoppugnabili bisogna essere un tipo particolare di imbecille. E' ora di dirlo.

Anonimo ha detto...

Secondo me non è soltanto questione di imbecillità: chi credo in queste cialtronerie ha bisogno di queste "verità" poiché ha paura di farsi delle domande.
Il sonno della ragione sappiamo cosa genera.

Paolo Attivissimo ha detto...

chi credo in queste cialtronerie ha bisogno di queste "verità" poiché ha paura di farsi delle domande.

E non è questa appunto una particolare forma di imbecillità? :-)

Anonimo ha detto...

No, credo sia semplicemente ignoranza.

Paolo Attivissimo ha detto...

Ignoranza presuppone una carenza di conoscenze. Ma quando le conoscenze vengono fornite in dosi chiare e facilmente digeribili, e ci si rifiuta lo stesso di accettare i fatti, allora si è imbecilli.

Anonimo ha detto...

Bè, in effetti è vero. Non si tratta di ignoranza, ma di imbecillità.

Forza Paolo, continua così.
I tuoi dodici lettori saranno sempre qui.

Buonanotte.

Anonimo ha detto...

12 lettori?
E` una citazione manzoniana o un attacco di acidità post cena? :)

Comunque forse più che imbecillità è stupidissimo orgoglio perchè solo l'orgoglio ti impedisce di ammettere di essere ignorante anche davanti all'evidenza più marcata

basterebbe l'umiltà di ammettere "si ho sbagliato"
basterebbe avere l'umiltà di ascoltare chi ne sa più di noi

e invece l'orgoglio ci spinge a pensare di essere detentori della Verità e che tutti gli altri sbagliano...

Sai come dice "...hanno orecchie per sentire e non odono..."

Giako ha detto...

Paolo, hai modo di rendere pubblico la puntata? Ciao!

Paolo Attivissimo ha detto...

Purtroppo no, il diritto d'autore lo vieta.

Ma spero di pubblicarne una recensione a puntate sul blog ComplottiLunari.

Matz ha detto...

Bill Kaysing (la cui dipartita nel 2005 ha elevato il quoziente intellettivo dell'umanità tanto quanto togliere Vista da un PC ne eleva le prestazioni)

Paolo, questa, secondo me è un po' di cattivo gusto...non ti fa onore

brain_use ha detto...

Dimenticavo ComplottiLunari: aggiunto ai preferiti!

p.s.
Grazie a Tubo che modera il thread dedicato al lunacomplotto su crono911:

http://watchmythbustersonline.net/index.php/Season-6/Episode-12-Nasa-Moon-Landing-Hoax.html

Paolo Attivissimo ha detto...

Paolo, questa, secondo me è un po' di cattivo gusto...non ti fa onore

Se l'è cercata.

Solo perché Kaysing è morto, non si può più dire che era un imbecille?

Non si può più dire che scriveva scempiaggini scriteriate, accusando alcune delle persone più coraggiose, dedicate ed esperte del mondo di essere dei commedianti venduti?

Allora, fatte le debite proporzioni, non dovremmo neanche parlar male di Hitler. Poverino, anche lui è morto.

/Invoca la Legge di Godwin e se ne va fischiettando.

Matz ha detto...

Mah, secondo me, ogni azione è criticabile sia che l'autore sia vivo sia che sia morto.

Altra cosa è l'offesa alla persona che è sempre da evitare sia che questa sia viva sia (e a maggior ragione) che sia morta.

Hanmar ha detto...

Ma insomma, Paolo!!!

Dovresti sapere che LORO fanno domande, non danno risposte!!!

Saluti
Hanmar
Ps: un cretino e' un cretino, sia esso vivo o morto. E rivendico il mio diritto di dirlo.

alessandro ha detto...

Mi pare che l'acqua su Marte, date le caratteristiche di pressione e temperatura, non può che trovarsi in fase solida o di vapore, quindi l'effetto brina è il solo modo di poter osservare l'acqua su Marte.

Però! Acqua! Siamo già a buon punto per la colonizzazione!

Anonimo ha detto...

premessa: io credo a quello che vedo, e fin'ora non ho visto nulla.
la domanda è: dato che sto filmato non si può replicare con trucchi o magie, è possibile che un fantomatico video sugli aglieni possa avere le medesime caratteristiche? indipendentemente che tale sia vero, se non si può dimostrare che è un falso è da accettare come prova?
mandi

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...

ma se non fosse brina?

c'è forfora su marte?
e se c'è, chi ce l'ha messa?
e dove sono andati a finire i capelli?

le risposte solo su rieducational channel!

Logan7 ha detto...

Ogni tanto si legge una buona notizia...

;)

Qquadro ha detto...

Io credo a quello che vedo.
Quindi tutto ciò che non vedi non può essere vero?
Quindi la gravità non può essere vera perché non la vedi (vedi gli effetti ma non è quello che hai detto).
Quindi non credi ai suoni perché non si vedono.
Così come Pamela Anderson, hai visto la sua foto, mica di persona no?

:D

DreA ha detto...

"Così come Pamela Anderson, hai visto la sua foto, mica di persona no?"

Pamela Anderson non è reale: è un illusione creata dai governi per distrarre i conoscitori della verità!

S* ha detto...

Paolo, sono assolutamente concorde con te nell'antilunacomplottismo, però alla frase "se volete dimostrare le vostre tesi, dovete fare una sola cosa: riproducete tutte le caratteristiche della camminata degli astronauti" uno potrebbe risponderti: OK, visto che sei così bravo, riproduci tu un vero viaggio sulla luna e portaci un po' di polvere lunare. Il fatto di non essere in grado di saper fare ciò che sa fare la NASA non dimostra niente né in senso né nell'altro.

Paolo Attivissimo ha detto...

Il fatto di non essere in grado di saper fare ciò che sa fare la NASA non dimostra niente né in senso né nell'altro.

No, attenzione: i piatti della bilancia sono molto impari.

Mentre da un lato chiedi di andare sulla Luna a recuperare un po' di polvere, con costi astronomici, dall'altra i nostri cari lunatici non devono far altro che affittare un set cinematografico e allestirlo. I costi sono trascurabili rispetto a quelli di una missione lunare.

Diamine, se Giulietto Chiesa riesce a raggranellare 500.000 euro per fare un video complottista sull'11 settembre, non è difficile mettere insieme i soldi per l'affitto di un set e di un po' di tecnici. It's not rocket science :-)

In fin dei conti, sono loro a dire che tutto è stato fatto in studio, no? Allora che ci mostrino come, di preciso, è stato fatto.

Loro possono dimostrarlo con poca spesa; noi dovremmo affrontare una spesa enorme. Ergo, l'onere della prova sta a loro.

mastrocigliegia ha detto...

Loro possono dimostrarlo con poca spesa; noi dovremmo affrontare una spesa enorme. Ergo, l'onere della prova sta a loro.

Sebbene io, da ligure, sia estremamente sensibile al problema economico, in questo caso la motivazione DEVE essere un'altra.
Sono i complottisti a fare una affermazione, quindi sono loro che devono dimostrarla.
Anche fosse completamente gratis, gli ufficialisti non devono spiegare nulla. Hanno già dato come Nasa (e non Shon). Al massimo possono usare la cortesia di spiegare, divulgare e tradurre quanto detto. Ma è solo cortesia, e nulla più.
Altrimenti il "non ci credo" complottista può essere ripetuto all'infinito indipendentemente dalle prove portate.


...non è difficile mettere insieme i soldi per l'affitto di un set e di un po' di tecnici.
E neanche devono tirar fuori i soldi per il regista.
Se ce n'è uno che si fa pagare per non lavorare, potrà bene lavorare senza farsi pagare.

mc

brain_use ha detto...

Quoto Mc.

E scommetto che so anche a quale regista sta pensando.

Andrian ha detto...

Effettivamente qualche volta si potrebbe cercare di aiutare chi sta male! Soprattutto noi che stiamo bene(?) chiediamolo a chi stà peggio; che cosa potrebbe risponderci????? Magari non sa neanche che c'è Marte, poverino........ Potremmo portare un pochino avanti un pò di mondo e camminare tutti allo stesso passo: loro un pò di più e noi(?) un pò di meno. Marte può apettare qualche ora!

S* ha detto...

Loro possono dimostrarlo con poca spesa; noi dovremmo affrontare una spesa enorme. Ergo, l'onere della prova sta a loro.

Non è solo un problema economico. Se ti dessero un fantastiliardo di dollari, non è detto che riusciresti davvero a mettere in piedi una missione lunare. La NASA ha risorse scientifiche e tecnologiche che non sono accessibili a tutti.
Curiosamente, la stessa argomentazione rovesciata viene spesso usata da quelli dei cerchi nel grano, che cercano di provare che non è possibile ottenere spighe piegate in un certo modo o roba del genere. Il concetto è che il non trovare una soluzione a un problema non è affatto una dimostrazione che il problema non abbia soluzione. Anche il teorema di Fermat alla fine è stato risolto, nonostante per secoli i migliori matematici del mondo ci si siano rotti la testa inutilmente.

mastrocigliegia ha detto...

brain_use ha detto...
E scommetto che so anche a quale regista sta pensando.


Ahhhh!. Telepatia!!!
Sei ancora in tempo per andare dal cicap a riscuotere il premio di James Randi.
(poi facciamo a metà...)

mc

Paolo Attivissimo ha detto...

Il concetto è che il non trovare una soluzione a un problema non è affatto una dimostrazione che il problema non abbia soluzione

Certamente, ma i lunacomplottisti dicono di sapere qual è la soluzione, che è ben diverso.

E mentre per Fermat ci possono essere i progressi della matematica e del calcolo computerizzato, per i lunacomplottisti è condizione indispensabile usare soltanto tecnologia esistente nel 1969.

Luca ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
SirEdward ha detto...

l'altro non è che i lunacomplottisti devono trovare "IL" modo eventualmente usato per costruire i filmati, devono trovare "UN" modo.

Esattamente come quando si vuole verificare la veridicità di un filmato pieno di "alieni" in genere basta trovare "UN" modo per fare la stessa cosa, non c'è affatto bisogno di altro.

Ai lunacomplottisti basterebbe dimostrare che quei filmati possono essere stati fatti sulla terra, e replicarli. Dicono di sapere in che modo questo è avvenuto... perché mai non provano a farlo anche loro?

Forse perché sono più bravi a parlare e ad accusare spanciollati in poltrona piuttosto che a sbattersi e costruire qualcosa?

gio ha detto...

Ma perchè si portano sempre le solite frasi fatte che è meglio spendere per chi ha fame che andare sulla Luna, o che meglio non spendere per gl'armamenti e dare i soldi al terzo mondo? Per mandare su marte la sonda Phoenix si sono spesi circa 420 milioni di $(ca 290 milioni di euro)io con gli stessi soldi posso far giocare le tre squadre più quotate della seria A italiana per un anno, o far correre per quasi 9 mesi la Scuderia Ferrari al completo.
Anzi quasi quasi mi compro l'Eclipse (la nuova barca del sig Abramovich) cosi mi avanzano un centinaio di milioni di dollari per le spese correnti. :)

Anonimo ha detto...

Non è buffo? Si criticano le spese per il progresso scientifico ma nessuno batte ciglio quando si spendono miliardi per comprare un giocatore o si pagano miliardi per lo stipendio sempre di suddetto giocatore. Per poi non parlare di tutti gli altri sprechi, anche nella nostra vita di tutti i giorni... tutte le cose superflue in cui buttiamo via i nostri soldi, ma ovviamente è più facile vedere la pagliuzza nell'occhio del fratello che non la trave nel nostro... (e poi ci si lamenta che i soldi non bastano mai...)

Th3-Fly1ng-Pumpk1n ha detto...

dopo la brina marziana la NASA oggi ci regala una suggestiva alba marziara, sempre dall'immagine del giorno :

http://www.nasa.gov/multimedia/imagegallery/image_feature_1162.html

molto molto bella anche questa a mio avviso !! :)

Saluti a tutti

grAz ha detto...

SirEdward ha scritto:
>Ai lunacomplottisti basterebbe dimostrare che quei filmati possono essere stati fatti sulla terra, e replicarli. Dicono di sapere in che modo questo è avvenuto... perché mai non provano a farlo anche loro?


Fermo restando che, secondo logica, se anche riuscissero nel loro intento di riprodurre (con tecnologie del '69) un finto filmato credibile, ciò NON dimostrerebbe che quello del 1969 è falso: dimostrerebbe solo che sarebbe stato possibile costruire un falso con le caratteristiche del filmato che tutti abbiamo visto.
Ma ne sapremmo quanto prima. Certo, sarebbe un buon colpo mediatico per loro, ma dal punto di vista logico non li porterebbe nè avanti nè indietro.

Francesco Sblendorio ha detto...

@Th3-Fly1ng-Pumpk1n:

L'alba marziana è una figata pazzesca!

Sys Req ha detto...

@gio
approposito, potete togliermi una curiosità? Ma i soldi di lotterie, giochi a premi, pacchi e quant'altro, in televisione, al bar e chissà dove ancora, da dove vengono? (lo so, è una domanda idiota, ma non l'ho mai chiesto a nessuno per sicurezza). E il fatto che vadano tutti a una persona sola, poi...

p.s.: approposito di albe e tramonti, è vero che il tramonto su marte è azzurro? L'ho sentito in una lezione d'astronomia, ma non vorrei aver capito male o aver sbagliato pianeta...