Cerca nel blog

2008/08/29

Alta definizione? Si cancella con un martello

Per cancellare i filmati HD, la JVC consiglia... il martello


Anche se molti mi avranno preso per pazzo (senza tutti i torti) quando ho mostrato come "cancellare" un disco rigido usando un trapano, posso dimostrarvi che esiste una logica nella mia follia. Davvero.

Leggo infatti quanto segue nel manuale della telecamera ad alta definizione JVC GZ-HD6 che ho comperato da poco per girare qualche altro video educhescional (le evidenziazioni sono mie):

Quando si formattano o si cancellano i dati utilizzando la Media camera, solo le informazioni di gestione dei file vengono modificate. I dati non vengono cancellati completamente dall'hard disk. Qualora si desideri cancellare completamente tutti i dati, si consiglia di utilizzare software disponibile in commercio progettato specificamente a tale scopo, oppure di distruggere fisicamente la Media camera con un martello, ecc.


Il manuale, ahimé, tralascia di specificare un concetto importante, cosa strana in quest'epoca di manuali a prova di cretino: non dice che dopo l'uso del martello la telecamera non sarà più in grado di registrare.

Comunque, come vedete, non sono il solo a consigliare l'uso di metodi drastici per la cancellazione sicura e per evitare che altri leggano i nostri dati.

La foto del martello tascabile è tratta dall'Hammer Museum.

31 commenti:

Luigi ha detto...

I redattori dei manuali JVC seguono il tuo blog, e' fuor di dubbio.

Chissa' se si ficca un disco nel LHC cosa succede. No. Meglio di no. L'universo potrebbe sparire per essere sostituito da Windows XP.

Mattia ha detto...

Sconfino nell'OT

Qualcuno mi sa spiegare perché l'ASUS vende i eee 901 .... con la scheda wifi...disabilitata nel BIOS????
Solo a me è capitato di perdere un giorno per capire che era quello in problema per cui non andava?
Ah... ovviamente anche la webcam era disabilitata nel BIOS... porca sidella...

scusate lo sfogo

Paolo Attivissimo ha detto...

Luigi, hai appena creato il mito della creazione secondo la religione dello Spaghettone Volante (possa la sua glutinosa appendice benedirti): lo scopo dell'universo è evolversi fino a che una specie diventa sufficientemente senziente da costruire un LHC e accenderlo.

Quando lo accende, l'universo fa reboot e si ha il Big Bang.

Se all'accensione è presente del software nel drive dell'LHC, viene installato e funge da base per le leggi fisiche di quell'implementazione dell'universo.

Quando il software è Windows, hai il caos che la memoria atavica conserva esprimendolo con il concetto semplicistico di "inferno".

Quando il software è Linux, l'universo è perfettamente comprensibile e le sue leggi, per quanto eccentriche, sono scopribili da chiunque si prenda la briga di osservarle.

Quando il software è Mac OS X, tutto luccica e funziona a meraviglia, ma i meccanismi sono assolutamente imperscrutabili e nei dati numerici della radiazione cosmica di fondo c'è annidato un MP3 di cori angelici che inneggiano a Steve Jobs. Purtroppo è un MP3 lockato con un DRM che richiede un supercollisore per craccarlo, e questo genera il suddetto reboot.

/dal Vangelo secondo FSM.

Mio Zeus, cosa c'era nel mio té stamattina? :-)

Hanmar ha detto...

DAi, probabilmente e' un refuso, volevano scrivere "Media card".

Comunque io continuo a pensare che ogni tanto sconfini nella pazzia... :P :P :P

Saluti
Hanmar

Gian Piero Biancoli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gian Piero Biancoli ha detto...

Anche le etichette della Puma non sono male.

http://www.flickr.com/photos/9536545@N03/2559413548/sizes/l/

E poi non si vede la scritta "WASH THIS WHEN DIRTY"

Iilaiel ha detto...

:lol: E' bellissima!! Paolo posso citare in giro il tuo vangelo secondo Sua Spaghettosa Immensità?

brain_use ha detto...

Bellissima tutta la Genesi secondo Paolo da Lugano!

Vado OT, ma, visto che stiamo sconfinando nella trascendenza dell'informatica ricordo una vecchia battuta su Larry Ellison (CEO della Oracle), anche se la potranno apprezzare forse solo quelli che la sanno già...

La differenza tra Dio e Larry Ellison? Dio non pensa di essere Larry Ellison.

Sergio Gervasini ha detto...

Paolo, sicuramente nel te' tua moglie ha messo qualcosa di strano ... aspetta che arrivo con una focaccia che ti riprendi!!!

natale ha detto...

Anche secondo me è un'ottimo metodo... Di sicure i dati contenuti saranno cancellati!!!

Anghelos ha detto...

Ma io nella mia ignoranza mi chiedo: è così difficile per le case produttrici costruire sistemi in cui è possibile cancellare al 100% i dati dall'hardware?

Sheldon Pax ha detto...

Fisicamente non è possibile. Più o meno come quando si cancella il segno della matita con la gomma: dai e dai resta sempre un segno di quanto era scritto o disegnato a meno che non si facciano memorie volatili che si cancellino togliendo l'alimentazione.

Programmi che cancellano ce ne sono in giro anche a costo zero ma chi vuole può usare il metodo McGyver copiando e cancellando un file n volte e poi formattare in modo "sicuro".

Qualcuno sa come reagiscono i distruggi documenti se ci casca dentro una SD?

Paolo Attivissimo ha detto...

Iilaiel, come umile profeta del Vermicello, non posso che concederti il permesso di diffondere la Lieta Pastella.

Mattia ha detto...

Nella mia beatissima ignoranza... ma se tu cancelli delle informazioni sull hard disk, o ci riscrivi sopra, di fatto quello che fai fisicamente è invertire la direzione della magnetizzazione nei grani che compongono ogni singolo bit. Quindi, se vuoi che siano tutti 0000000000000000000000 anziché 01100101000100100010101001, be' allora magnetizzi tutti i grani verso sinistra o destra (oppure alto/basso a seconda dell'HD).
Ora, mi spiegate come un malfattore può recuperare i dati?
Dite che riesce ad analizzare i singoli grani e dice... be' qua c'è qualche grano in più che punta dall'altra parte... forse prima era un 1 e non uno 0.
Mi sembra alquanto improbabile, anche perché dovrebbe tenere conto di tutta la storia di quei grani che prima erano un 1 poi 0 poi 1...
L'unica cosa che mi viene in mente è che magari "alcuni" dati non sono realmente cancellati, non li vedi... ma rimangono memorizzati.
Ma dovrebbero essere pochi dati... altrimenti, ogni volta che rimangono dati fantasma sull'HD si riduce la capacità del disco e alla fine non ho più niente.
Quindi se un disco lo scrivo fino all'ultimo bit disponibile non posso più recuperare i dati vecchi.
Anche perché... se così non fosse... wow.. aumenterei di botto la capacità dei miei dischi.

brain_use ha detto...

@mattia

Più o meno.
Ci sono diverse problematiche coinvolte nel problema dell'eliminazione sicura dei dati.

Diamo per assodato a priori il fatto che quando cancelli un file col sistema operativo, di fatto, non cancelli un bel niente se non il suo riferimento sul file system (e di fatto neanche quello, per dirla tutta...)

Se esegui un'operazione come quella da te citata, di sovrascrittura del disco con altri dati, vai a sostituire lo spazio occupato precedentemente dal tuo file cancellato con nuovi dati.

Il che rende effettivamente difficile il recupero dei dati originali. Difficile ma non impossibile.

Esistono diverse problematiche connesse principalmente con la persistenza della polarizzazione originale di parte dei grani magnetici che tu hai sovrascritto, con l'occupazione parziale dei cluster da parte dei nuovi file usati per la sovrascrittura e con fenomeni di magnetizzazione marginale delle zone adiacenti quelle occupate dal file originale.

Altre problematiche sono legate ad esempio al metodo usato dal sistema operativo per lo storage effettivo dei dati che può essere eseguito addirittura all'interno della medesima tabella di allocazione.

Tutto questo rende tipicamente recuperabili, se non tutti, almeno parte dei dati.

Di conseguenza sono state sviluppate logiche e metodi (ovviamente in contesti nei quali è fondamentale la protezione totale dei dati: governativi, militari, bancari ecc...) di sovrascrittura ridondanti (anche di 35 passaggi con valori casuali di bit sul medesimo file), di cancellazione dei dati dalle tabelle di allocazione ecc...

...o il martellone e il trapano di Paolo...

Spero di essere stato abbastanza chiaro senza scendere troppo nello specialistico.

usa-free ha detto...

Lo schema di Guttman è sufficiente a rendere irrecuperabili i dati. Il problema è che quando bisogna ripulire un hard disk dai 500 GB in su, i tempi diventano biblici e può accadere che l'hard disk si guasti prima di completare il ciclo di cancellazione, e allora tanto vale il trapano o l'acqua regia :D

Hanmar ha detto...

Se posso consigliare...

Qui a Venezia usiamo l'acqua della laguna, fronte Petrolchimico di Marghera (brevetto Enichem).

Una rapida immersione e nemmeno la NASA li recupera :P

Saluti
Hanmar

theDRaKKaR ha detto...

terribile l'etichetta della puma.. ma veramente terribile

speriamo sia volutamente grottesca..

nicgarga ha detto...

Non mi ricordo dove l'ho letto, ma mi sembra che dentro gli hd sono contenuti metalli non proprio salutari, come il cromo esavalente. Vale la pena martellarli/trapanarli per trovarsi questi metalli per casa sotto forma di polverina?

ciao
nicola.

Paolo Attivissimo ha detto...

E' per questo che ho trapanato all'aperto :-)

Seriamente: stiamo diventando un po' troppo paranoici sui potenziali pericoli di ogni cosa che facciamo.

"No, Cesira, non appenderò i quadri in casa. Se pianto un chiodo nel muro, nanoparticelle di acciaio e di intonaco mi potrebbero entrare nelle narici. Perché non andiamo a farci un bel giro al centro commerciale e respiriamo l'aria sana del parcheggio?"

brain_use ha detto...

stiamo diventando un po' troppo paranoici sui potenziali pericoli di ogni cosa che facciamo.

Grazie. :-)

A volte mi sento così strano e isolato in questo mondo dove tutto è calibrato, etichettato, normato e regolamentato e il buon senso sembra una favola da raccontare ai bambini.

Per spaventarli e toglier loro la tentazione di provare a farne uso.

brain_use ha detto...

p.s.

Cesira?
(Enrico?)
Citazione colta?

theDRaKKaR ha detto...

@brain_use

mi sa di sì, beppe :-D

markogts ha detto...

A proposito della creazione dell'universo, vi ricordo che Douglas Adams aveva ipotizzato qualcosa di simile:

There is a theory which states that if ever anyone discovers exactly what the Universe is for and why it is here, it will instantly disappear and be replaced by something even more bizarre and inexplicable. There is another which states that this has already happened."

piero ha detto...

per quanto riguarda la eliminazione completa dei dati, il distruggi documenti che ho in ufficio ha, oltre ovviamente alla fessura per la carta, anche una per macinare i CD e le tessere magnetiche.
Cosa utile, perché se si rompe un CD con le mani le bricioline vanno dappertutto!

Fred ha detto...

Paolo leggendo i tuoi post qui nei commenti so' con certezza che stasera hai finito la bottiglia di grappa che ti ho dato l'ultima volta :)

Kuschelbaerchen ha detto...

x Mattia
L'asus intelligentemente vende gli eee901 con la scheda wireless disabilitata in quanto, quel meraviglioso Sistema Operativo chiamato WindowsXp, si attacca automaticamente, senza chiedere il permesso, alla prima wireless free che trovi in giro.
E se è pur vero che se quella wireless è connessa alla rete internet la responsabilità di quello che fai è del gestore della rete, sempre lo stesso gestore ti può denunciare per esserti attaccato alla SUA rete (oltre a porterti combinare un paio di scherzetti niente male, tipo impostare un SUO dns che punta a SUOI servers e aggiornare il TUO antivirus con un SUO update, oppure farti vedere delle pagine presmibilmente pubbliche che invece non sono altro che copie private).

Asus in questo caso è stata molto intelligente.

AmosGitai ha detto...

Le stupidaggini ormai sono ovunque. Dobbiamo iniziare a preoccuparci?

Dan ha detto...

"L'asus intelligentemente vende gli eee901 con la scheda wireless disabilitata in quanto, quel meraviglioso Sistema Operativo chiamato WindowsXp, si attacca automaticamente, senza chiedere il permesso, alla prima wireless free che trovi in giro."
Sarà che alla Dell sono ancora più intelligenti, ma sul mio portatile il wireless era attivato nel BIOS, ma disattivato con la combinazione di tasti di Fn+altrotasto, così che fosse più semplice da fare...

Sys Req ha detto...

@Paolo
stupenda la genesi dell'universo, mai vista una sintesi così fantasiosa delle caratteristiche dei principali sistemi operativi! Per pura curiosità, hai mai letto la liturgia per gli informatici? Ne trovi copia qui:
http://disinformatici.forumfree.net/?t=21294509
Mi piacerebbe solo leggere quella di linux, se esiste...

Sys Req ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.