Cerca nel blog

2008/08/13

Pescati in Rete

Le cose che non colsi


Sono in semi-vacanza di lavoro (ovvero sto preparando le novità di settembre), ma un giretto in Rete lo faccio lo stesso. Ecco un po' di cose pescate su Internet che vale la pena segnalarvi.

Cosa nascondono gli alberi clonati di Google Earth in Olanda? Il sito Photoshop Disasters (un nome, un programma) segnala che in questo punto dell'Olanda c'è tutta una serie di zone che mostrano vistosi segni di copiaincolla degni dei missili iraniani di qualche tempo addietro. Qualche lettore del Disinformatico può andare a controllare cosa c'è in realtà in quella zona?

Schermo Blu della Morte alle Olimpiadi. Un vecchio compagno di disavventure si ripresenta, bello grosso, durante la cerimonia inaugurale (l'articolo include una splendida foto). Chicca ironica: è stato usato XP perché Vista era ritenuto potenzialmente instabile.

Trucchi digitali dal vivo alle Olimpiadi. Una scena della cerimonia olimpica è stata falsificata in studio per motivi di sicurezza: l'ammissione ufficiale. La scena (i fuochi d'artificio che disegnano delle impronte nel cielo) è avvenuta realmente, ma era troppo pericolosa da filmare dall'elicottero, per cui 55 secondi di video di ripresa aerea sono stati ricreati al computer e inseriti nella diretta.

Pirate Bay bloccato in Italia dai provider? Così almeno dice Slashdot. A voi risulta?

Craccata la sicurezza dei passaporti digitali "inviolabili". Un ricercatore riesce a creare delle copie dei nuovi passaporti ultrasofisticati che dovevano garantire la sicurezza e l'antiterrorismo. Per evitare guai, li intesta ad Elvis Presley e Osama bin Laden. Sono in grado di ingannare buona parte dei lettori automatici.

E per finire: un'illusione ottica classica ma sempre educativa e divertente. Quale dele caselle A e B è più chiara? Rispondete e poi ripetete il gioco coprendo l'immagine ad esclusione delle caselle.

55 commenti:

Quake ha detto...

ci sono stato un mese fa in Olanda... Se a Novembre vado su e se nel frattempo nessuno è andato a vedere ci vado a fare un salto per vedere cosa c'è sotto quegli alberi.

Vittorio ha detto...

ho letto anch'io del blocco a pirate bay, ne parlavano anche su pirate bay stessa commentando in modo acceso il primo ministro italiano e il suo "leccapiedi" il PM di Bergamo che avrebbe ordinato il blocco.
almeno io non avuto nessun problema a raggiungere la baia dei pirati e senza il bisogno di fare magheggi vari.

Gian Piero Biancoli ha detto...

sul blocco di piratebay ne parlano tutti; in Svezia hanno ovviato il blocco cambiando IP

sull'illusione ottica avevo fatto una animazione a suo tempo per chi davvero non ci crede: è qui

barbagianni ha detto...

Però gli alberi su live.com non sembrano clonati, o magari sono fatti meglio:

http://maps.live.it/LiveLocal.aspx?t=2&s=h&z=16&c=52.089876355749404,6.12334370613098

Pippo ha detto...

Confermo che thepiratebay.org è attualmente irraggiungibile con Telecom, anche attraverso il suo IP. Invece è raggiungibile con Wind.

Francesco ha detto...

sembra che all'estero non si facciano problemi a chiamare le cose col loro nome, a giudicare dai commenti su pirate bay.

Cappe ha detto...

ciao, usando opendns non si hanno problemi anche via telecom a raggiungere piratebay..

markogts ha detto...

Il comunicato si Pirate Bay è inequivocabile. [ironic mode on] Strano che il tg5 non ne abbia parlato [ironic mode off]. Fortuna che c'è l'esercito nelle strade per la nostra sicurezza...

Il bello è che non avevo idea di cosa fosse pirate bay, adesso invece...

Comunque sul sito dicono che basta usare OpenDNS.

george_glootey ha detto...

quelli di Pirate Bay hanno spostato i "forzieri" a questo indirizzo

labaia.org

[comunicato ufficiale su piratebay.org indirizzato agli utenti italiani]
http://thepiratebay.org/blog/123

Sofisma ha detto...

Salve, io ho Tiscali e non riesco a raggiungere Pirate Bay. Mentre fino a qualche settimana fa funzionava tutto a dovere.

P.S.
ma il giochino con le lettere come funziona ??

lello ha detto...

pirate bay e raggiungibile tranquillamente usando open dns
(cosa che consiglio comunque)
certo che se qualcuno legge i commenti (in Inglese) non ci facciamo una bella figura......

Gian Piero Biancoli ha detto...

Ops, il link non funziona.

L'animazione per "verificare" che i grigi sono assolutamente identici èqui : http://biancoli.blogspot.com/2006/06/da-non-credere-ai-propri-occhi_12.html

Iriko ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Iriko ha detto...

Salve,
vi informo che all'indirizzo www.spirografo.net/piratebay abbiamo preparato una traduzione del post di The Pirate Bay.
Su
"http://blog.defcon.it/2008/08/the-pirate-bay-irraggiungibile-censura-e-fascismo/"
invece potete trovare le istruzioni per aggirare il blocco.

P.S.
Lo so che Paolo inorridirà di fronte ad una traduzione così grezza...

Andrea Sacchini ha detto...

> Pirate Bay bloccato in Italia dai provider? [...] A voi risulta?

Sì, ma lorsignori non hanno ancora capito che la rete non si ingabbia... :-)

Juleps ha detto...

divertente....

non era mai stato su piratebay
non avevo mai usato opendns
non avevo mai usato torrent

grazie a tutto questo cancan mediatico i primi due passi gli ho già compiuti.

Giuseppe

Pape ha detto...

ROTFL, anche La baia (dopo colombo e piratebay) è stata bloccata dalla polizia di bergamo.

Ora, sono contrario alla pirateria, però arrivare a bloccare siti ospitati all'estero mi sembra surreale, degno di paesi come la Cina. La cosa che più mi fa imbestialire è lo zelo con cui bloccano anche i nuovi IP, come quello della baia. Si applicassero tanto per la lotta all'evasione fiscale, forse sarebbe più intelligente.

E intanto,abbiamo i militari lungo le strade e i criminali liberi grazie a indulti e immunità varie... Paolo... quasi quasi ti raggiungo in Svizzera :-)

Pape

john_wayne ha detto...

D'accordo con Pape... bloccare un sito per sgominare la pirateria é come chiudere le case chiuse per sgominare la prostituzione!

Comunque anche senza Piratebay basta una ricerca su google di un secondo per trovare torrent e non solo.
Se la procura di Bergamo ci mette così tanto zelo vuol dire che a Bergamo é un problema grossissimo! Si vede che il muratore bergamasco moderno si sta specializzando in "muri di fuoco"!

PS: Prima che mi si accusi di razzzismo, si sappia che sono originario e lavoro in provincia di Bergamo, anche se ora abito in provincia di Brescia.
E così vi posso confermare che i torrent pirati non sono il principale problema qui in giro, direi che non rientrano neanche nella Top Ten...

Anonimo ha detto...

a me TPB funziona

Anonimo ha detto...

Il mio provider è Tele2 e, per il momento, non ho problemi a collegarmi a TPB. La notizia l'ho appresa da zeusnews, dove si trova anche la traduzione del comunicato presente sul sito. Ne parla anche La Repubblica

Ciao

Andrea Sacchini ha detto...

Vorrei precisare che piratebay.org non è "bloccato", ma semplicemente inaccessibile dall'Italia (probabilmente Paolo dalla Svizzera non ha problemi).

Per aggirare l'ostacolo è sufficiente passare da qui e copiaincollare nel form l'url http://thepiratebay.org/

p.s.
non ditelo al magistrato, mi raccomando... ;)

usa-free ha detto...

Chissà èerchè fanno queste cose: alla fine strometterebbero dal sito solo quelli veramente niubbi o talmente pigri da non cercare in un nanosecondo un escamotage su internet.

Io ho la percezione che questa categoria sia una cospicua minoranza. Secondo voi? :)

usa-free ha detto...

Ehm scusate ma nell'illusione ottica postata da Paolo io continuo a vedere B più chiaro di A.

Ho anche coperto con una mano il cilindro ma il risultato non cambia :|

Robert ha detto...

io uso OpenDNS perchè da quando m'hanno attivato l'adsl, i dns di telecom mi davano problemi. Non è che tenteranno di bloccarmi l'accesso tramite OpenDNS a causa di questa libertà a loro non gradita?

per usa-free e per chi non vede A e B dello stesso colore:
non bisogna coprire solo il cilindro, ma tutto quello che non centra con i due quadrati. provate :)

theDRaKKaR ha detto...

1. sembra che sia un campo da golf!
2. attendo notizie più dettagliate anche io, c'è chi parla di fake
3. pare anche che la bambina cantasse in playback
4. io riesco ad andarci (Wind) e poi come detto basta usare un server dns non italiano. Comunque il commento di quelli di pirate bay è delirante.. tra l'altro era inevitabile per la legge italiana che un sito come pirate bay finisse nel mirino, berlusconi prodi o altri al governo.
5. vero, da mani nei capelli
6. bellissimo effetto ottico, che anche droppando il colore con ColorPic e vedendo che sono uguali, rimane il cervello ingannato

theDRaKKaR ha detto...

6. bellissimo effetto ottico, che anche droppando il colore con ColorPic e vedendo che sono uguali, rimane il cervello ingannato

7. ho ucciso l'italiano :D

Mr. S ha detto...

Io a Pirate Bay accedo senza problemi. Provider: DigitalItalia

Juleps ha detto...

Ho 2 PC collegati con adsl slowweb (vista la mia velocità di accesso chiamarla fast mi sembrerebbe eccessivo).

Su uno ho impostato alcuni giorni fa opendns sul secondo no

Il primo PC accede tranquillamente a thepiratebay.org, il secondo mostra la pagina di inibizione della Finanza

Ho alcune curiosità riguardo opendns...
Ci sono controindicazioni al suo utilizzo?
Tutto funziona normalmente?
Francamente non ho la necessità di collegarmi alla baia pirata.
L'utilizzo di opendns è comunque consigliato?

Giuseppe

frenkfrenk ha detto...

Io quello delle caselle colorate mica l'ho capito ... ho provato a coprire varie parti dell'immagine ma non mi cambia nulla ... :-((

Anonimo ha detto...

io sto usando i dns che alice fa usare a chi non vuole vedere la schermata, di alice, sull'eventuale errore della url appena immessa.

Replicante Cattivo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Replicante Cattivo ha detto...

* Tornando alla cerimonia d'apertura delle Olimpiadi, c'è stato un altro "trucco" ben più vergognoso.
La bambina che cantava sola soletta (non ricordo se cantasse l'inno cinese o cosa) effettivamente era in playback, ma non è questo il punto, anche perchè la cosa non era neppure stata celata, dato che la bambina non aveva alcun microfono.
Anzi, oggettivamente il rischio che la bambina si emozionasse o potesse sbagliare qualcosa rende il playback una soluzione alquanto accettabile.

Il problema è che è stato usato il playback perchè LA BAMBINA CHE CANTAVA NON ERA QUELLA!!!! Hanno ammesso candidamente e senza vergogna, che la vera cantante non era stata utilizzata perchè non era abbastanza carina e telegenica, e quindi sostituita.

A questa gente io posso dire: tanto i Cinesi sono brutti in ogni caso, anche da bambini. Prendere un mostriciattolo o prenderne un altro non cambiava molto.
(ovviamente è una battuta)


* Riguardo all'illusione ottica, l'animazione non mi convince proprio per niente: a me sembra che la casella venga schiarita mentre si sposta. E anche quando le due caselle vengono unite da una fasca colorata, questa non è uniforme.

Replicante Cattivo ha detto...

Rettifico, ho copiato l'immagine in Paint e, ritagliando l'immagine, è vero: le due caselle hanno lo stesso colore.
Ancora non riesco a capire come sia possibile, ma è così.

Luigi Napoli ha detto...

Per chi non ha ancora capito come funziona l'illusione ottica dei quadratini uguali, la spiegazione (in inglese) si trova su:

http://web.mit.edu/persci/people/adelson/checkershadow_illusion.html

http://web.mit.edu/persci/people/adelson/checker_more_evidence.html

http://web.mit.edu/persci/people/adelson/checkershadow_description.html

Luigi Napoli ha detto...

Scusatemi se i link non sono cliccabili, mi dite come si fa a renderli cliccabili? Comunque basta copiarli e incollarli...

Andrea Sacchini ha detto...

> mi dite come si fa a renderli cliccabili?

Tempo fa ho pubblicato sul mio sito una piccola guida in proposito, in quanto alcuni lettori del mio blog avevano avuto lo stesso problema.

Se ci vuoi dare un'occhiata la trovi qui, altrimenti, in maniera più sbrigativa, puoi utilizzare tinyurl.

Luigi Napoli ha detto...

Grazie Andrea!

Giorgio Loi ha detto...

Comunque basta copiarli e incollarli...

Allora è un bel problema per chi sta usando un iPhone! :PPP

Porca paletta, comunque è vero! Le caselle sono identiche! Il mio cervello si rifiuta ostinatamente di vederle come tali, ma non c'è alcun dubbio. Basta aprire l'immagine con un banale programmino di grafica, selezionare un pezzo della casella "scura" e spostarlo sulla "chiara": sono uguali.

Il fatto di essere circondata di caselle molto più scure fa vedere al nostro cervello la casella B più chiara della A, circondata invece di caselle più chiare.

Anche l'animazione è sorprendente: quando le caselle si muovono sembra che cambino di luminosità, mentre è solo uno scherzo del nostro cervello.

Della serie: credo solo a quello che vedo. :/

Clodo ha detto...

Ciao Paolo, due parole tecniche sul blocco di ThePirateBay, se interessano ;)

Tutti i provider italiani sono stati obbligati a bloccare i DNS e gli IP della baia.
La cosa incredibile è che l'ordine è di bloccare anche le eventuali contromosse della baia.

Prima gli ISP (solo alcuni, tra cui Fastweb e Wind) hanno bloccato i DNS e l'IP.
Poi TPB ha risposto con il comunicato sulla loro home agli italiani, ha aperto "labaia.org" per bypassare il blocco DNS, e ha cambiato l'IP.
Anche qui, solo alcuni provider hanno bloccato il nuovo dominio e il nuovo IP, tra cui Fastweb.

OpenDNS non serve a nulla in questo caso: Risolve i nomi di dominio in IP, e i provider sono tenuti a bloccare anche l'IP.
TPB non è raggiungibile dagli utenti Fastweb neanche con OpenDNS.
Chi dice che è la soluzione è perchè riporta quanto detto da TPB (che suggerisce di usare OpenDNS), e perchè è sotto dei provider che hanno fatto solo il blocco DNS, ma non ancora il blocco IP.

Usare proxy non serve a nulla:: E' vero che con servizi tipo "anonymouse" si può arrivare alla baia, ma i torrent scaricati non possono funzionare, perchè contengono come announce-tracker un indirizzo non raggiungibile.

L'unica soluzione per aggirare il blocco è usare TOR, VPN o simili, cmq un proxy anche sul client Torrent, cosa che di fatto lo rende inutilizzabile per lo scopo che ha.

Se interessa, ho realizzato uno script che evidenzia (interrogando in remoto i server DNS via nslookup) i provider che hanno effettuato il blocco DNS.
Non lo posto per non fare spam, cmq non evidenzia chiaramente quali di questi hanno fatto anche il blocco IP.

Dimmi se ti serve qualche altro dettaglio ;)
Ciao!

Paolo Attivissimo ha detto...

Grazie Clodo, sei stato chiarissimo. Brutto affare.

Non condivido le descrizioni fatte da PirateBay dello stato italiano come "fascista", ma il metodo utilizzato è grossolano, indiscriminato e più adatto a un regime totalitario che a una democrazia.

Dalla Svizzera, invece, TPB è accessibile.

markogts ha detto...

Boh, appena provato adesso, telecom+openDNS e funziona tutto. Vedremo.

markogts ha detto...

Illusioni ottiche:
http://www.michaelbach.de/ot/index.html

Andrea Sacchini ha detto...

> E' vero che con servizi tipo "anonymouse" si può arrivare alla baia, ma i torrent scaricati non possono funzionare, perchè contengono come announce-tracker un indirizzo non raggiungibile.

Clodo, passando da anonymouse.org è possibile arrivare alla baia senza problemi e scaricare files .torrent perfettamente funzionanti.

Ho appena fatto alcune prove e ho catturato un schermata (qui) a testimonianza del tutto: un film, attualmente nelle sale, che sto scaricando tramite Ktorrent installato sulla mia Ubuntu.

Ciao.

p.s.
naturalmente, esaurita la prova, il download l'ho subito cancellato: per principio sono contro la pirateria

Clodo ha detto...

>Clodo, passando da anonymouse.org è possibile arrivare alla baia senza problemi e scaricare files .torrent perfettamente funzionanti.
Per non scendere in troppi dettagli tecnici, ho generalizzato un pò troppo, sorry.

Che ci arrivi e scarichi i files .torrent ok.

Però una volta nel client Torrent, il client non può contattare TPB per ottenere gli IP con cui dialogare, non può informarlo della tua presenza (aggiornando seeders & leechers), quindi altri non sanno che esisti e non ti possono contattare. In generale viene meno lo scopo del tracker di TPB: mettere in contatto gli utenti che vogliono condividere quel file.

Perchè a te funziona?
Perchè usi KTorrent, che come alcuni client Torrent (tra cui uTorrent), usa il DHT Mainline: cioè il tuo client, anche se non riesce a contattare TPB, cerca in una rete serverless altre fonti, trovandole.
Così però è cmq una situazione "azzoppata": non dialoghi ad esempio con chi ha Azureus, perchè usa un DHT diverso dal Mainline (a meno di non usare un plugin).
E il torrent non funziona in generale a chi usa client che non hanno il DHT (ad esempio Transmission).

Il succo è che, a differenza di quanto si legge in giro, questa "battaglia" è attualmente persa, xchè non c'è un modo per aggirare completamente il blocco; alcuni "se la cavano", ma non è la stessa cosa.

Andrea Sacchini ha detto...

@ Clodo: Grazie della spiegazione molto chiara ed esauriente.

C'è solo un punto su cui non concordo completamente, e cioè dove dici "a differenza di quanto si legge in giro, questa "battaglia" è attualmente persa, xchè non c'è un modo per aggirare completamente il blocco".

Beh, forse questo blocco specifico in questa specifica situazione. Le vie di internet sono comunque infinite...

Ciao.

Clodo ha detto...

Già, ma è una situazione che va combattuta, per questo parlo di battaglia.
Perchè è irrilevante il fatto che quel sito contenga anche materiale pirata: con lo stesso metodo (dato che ora c'è un precedente) questo sito potrebbe venir integralmente oscurato magari per un semplice post considerato diffamante.
E cercare scappatoie (cioè cercare di bypassare il blocco) è sbagliato, perchè la maggior parte della gente non è in grado di conoscerle e applicarle; dire "tanto con xxx ci arrivo lo stesso" senza lottare perchè il blocco venga tolto penso che sia egoistico, e significa dargliela vinta (sia perchè per loro una nicchia di utenza è irrilevante, sia perchè senza lottare il metodo può venir considerato "accettabile").
Questo articolo su repubblica espone bene la gravità della cosa, se vuoi approfondire.
E' vero che le vie di internet sono infinite, ma dovrebbero essere alla portata di tutti per non "snaturarla".
Ciao!

Oniros ha detto...

La cosa interessante degli alberi clonati è che su Live Maps di Microsoft non c'è alcun segno di photoshoppatura.

Ecco il link.

Il paese più vicino è Brummen ed il boschetto sembra essere ai margini della tenuta del castello di Engelenburg.

Vorrei scrivere una mail per chiedere maggiori informazioni, ma poi vai a spiegare ai complottisti che i proprietari della tenuta non sono dei rettiliani!

Andrea Sacchini ha detto...

> Perchè è irrilevante il fatto che quel sito contenga anche materiale pirata: con lo stesso metodo (dato che ora c'è un precedente) questo sito potrebbe venir integralmente oscurato magari per un semplice post considerato diffamante.

Clodo, non è un'ipotesi possibilistica quella che paventi, ma (amara) realtà già da tempo. Nel mio blog riporto puntualmente, ogni volta che ne ho notizia, tutti i casi di blogger denunciati per diffamazione.

Ricordo ad esempio il caso di Piero Ricca, a cui venne letteralmente sequestrato il blog dietro denuncia per diffamazione presentata da Emilio Fede (la finanza, su ordine del magistrato, si recò nella sede del suo fornitore di spazio web facendogli invalidare la password di amministratore). Oppure il caso di Monteleone, con oscuramento totale del blog.

Purtroppo per i "potenti" di turno è molto semplice ridurre al silenzio: una bella causa per diffamazione et voilà, il gioco è fatto. Poco importa se sanno benissimo di non essere dalla parte della ragione. In genere il blogger è un pesce piccolo e difficilmente riuscirà a sostenere le spese legali fino alla conclusione di un eventuale processo. E se anche alla fine dovesse vincere nessuno lo rimborserà.

La cosa che più fa inc... di questa situazione è che nessuno, a destra come a sinistra, vuole cambiare questo stato di cose. Perché nessuno sopporta la stampa libera.

Quindi, "cercare scappatoie", come dici tu, non è sbagliato, ma a suo modo è una forma di lotta contro questo stato di cose. Un segnale forte contro quelli che oscurando un sito pensano di aver compiuto un'impresa.

Ciao.

Clodo ha detto...

Cercare scappatoie può non essere sbagliato; accontentarsi se funzionano si ;)

C'è da notare inoltre che, come segnalato in un blog di TPB,
alcuni provider (Fastweb in primis) reindirizzano verso l'IP 217.144.82.26, che è un sito inglese (www.pro-music.org), ed è di una organizzazione che si preoccupa di denunciare i naviganti per infrazione di copyright.
Alessandro Longo, che ha potuto leggere il provvedimento del gip, dice che l'ordine del giudice non lo richiedeva, e si chiede perchè i provider italiani si prendono il disturbo.

Rubio ha detto...

paolo, sarebbe bello poter dire che ora in Italia non c'è il fascismo, ma a starci dentro ogni giorno che passa è un passo indietro verso il ventennio

Clodo ha detto...

Aggiornamento...
Ombra qui riporta un link
(questo) alla richiesta del Giudice per le Indagini Preliminari di Bergamo.
Intanto da un monitor dei dns italiani che sto facendo qui, mi risulta
che Fastweb ha bloccato anche www.torrentreactor.net.

a_lounge_lizard ha detto...

@Clodo:

grazie per le preziose indicazioni e per il lavoro (lo script e' utilissimo). A quanto ti risulta, usare Tor all'interno del client torrent, ma solo per le richieste al tracker, puo' aggirare il problema?

Clodo ha detto...

@a_lounge_lizard
Non lo so, non ho indagato così a fondo su questo.
Credo che puoi settare un proxy dal client .torrent.

Ulteriore aggiornamento:
Andrea monti ha scritto una denuncia per il garante.

Innanzitutto un grazie 1000 ad Andrea Monti, che si sta muovendo.
Però... cito dalla denuncia:

[...] Nella fase di attuazione, questo provvedimento sarebbe stato “messo in pratica”, eccedendo l’ordine del giudice e facendo in modo che i tentativi degli utenti di connettersi al dominio “sequestrato” vengano indirizzati sul numero IP 217.144.82.26, associato a server localizzati in Inghilterra, e apparentemente associato al dominio pro-music.org [...]


A me non risulta che i provider reindirizzino a quell'IP, solo Fastweb lo fa, per cui ho il sentore che sia un'iniziativa di Fastweb, e di nessun'altro.
Se, come a me risulta, www.torrentreactor.net è bloccato da Fastweb, x me significa che queste due iniziative di Fastweb nulla c'entrano con il provvedimento contro TPB, si è solo "agganciato"...

Mister Merda ha detto...

Piccola precisazione, magari può essere utile a Clodo che si sta impegnando per la questione: sono un utente fastweb e raggiungo tranquillamente TPB usando OpenDNS. Saluti. :D

eatrese ha detto...

citando il link di barbagianni:
http://maps.live.it/LiveLocal.aspx?t=2&s=h&z=16&c=52.089876355749404,6.12334370613098

Se andate a guardare gli alberi a bordo strada (in basso) sembrano anche qui clonati, con tanto di "sbrodolamento" sul marciapiede e le ombre delle piante a bordo-strada...

La cosa diventa interessante :D