Cerca nel blog

2010/01/06

Google rivenditore di cellulari? [UPD 2010/01/08]

Arriva il Googlefonino


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "eneapar" e "lafattoriadelramo". L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Da poche ore Google vende il suo primo telefonino, battezzato Nexus One (no, probabilmente non supera il test di Voight-Kampff come i Nexus Six). "Suo" per modo di dire, perché è fabbricato da HTC. Google ci mette solo il logo e ha collaborato alla progettazione.

Il termine di paragone inevitabile è l'iPhone, e sicuramente non mancheranno le polemiche sulle caratteristiche tecniche: schermo AMOLED da 480 x 800, contro i 480 x 320 dell'iPhone, e mezzo centimetro di diagonale in più, che conta non poco; batteria rimovibile anziché fissa, bonus non trascurabile per molti utenti, viste le lamentele sull'autonomia e durata di quella dell'iPhone; controllo vocale in tutte le applicazioni (ma vedremo quanto funzionerà in italiano); niente multitouch (almeno ufficialmente, anche se l'hardware lo supporta), e questa è una carenza grave per l'interfaccia; flash e memoria espandibile, a differenza dell'iPhone; sistema operativo Android 2.1 open source (licenza Apache), a differenza dell'iPhone OS 3.1 (derivato di Mac OS X) chiuso del cellulare Apple.

Per il resto, le dotazioni sono simili a quelle dell'iPhone: GPS, bussola, accelerometro, touchscreen, registrazione di video (a 720x480), geotagging, autofocus, Bluetooth stereo. Peso e dimensioni sono quasi uguali: il Nexus One è lievemente più sottile e largo.

La differenza più importante, però, non sta nelle specifiche hardware (che trovate qui), ma nel modello commerciale. Il Googlefonino viene venduto soltanto direttamente da Google nel sito apposito, e per ora viene spedito solo a indirizzi statunitensi, britannici, di Singapore e di Hong Kong. Tecnicamente, comunque, è in grado di funzionare subito su quasi tutte le reti e in quasi tutto il mondo, per cui gli appassionati potranno ricorrere a indirizzi di comodo o amici disponibili e sfoggiare subito il nuovo giocattolo.

Inoltre è venduto anche senza abbonamento a un operatore cellulare americano, a differenza di quasi tutte le offerte precedenti di questi smartphone sul mercato USA. Certo, senza abbonamento è caruccio: costa 530 dollari (360 euro), mentre ne costa 180 (125 euro) con abbonamento USA per due anni. Ma l'iPhone senza abbonamento parte in Italia da 499 euro (3G; 599 per il 3GS). La differenza di prezzo, insomma, è tutt'altro che trascurabile.

La differenza di modello commerciale rispetto all'iPhone spicca anche nella gestione dell'inevitabile app store, il negozio online dove acquistare le applicazioni supplementari per il Googlefonino. Mentre ogni programma venduto attraverso il negozio di Apple deve essere approvato insindacabilmente da Apple (con tutti i rischi di conflitto d'interessi che questo comporta), e quindi gli sviluppatori si trovano esposti al rischio di lavorare a un prodotto che poi non potrà essere venduto, nel negozio di Google tutto viene approvato con riserva di respingerlo. Inoltre il software per Android, il sistema operativo del Googlefonino, può essere distribuito anche al di fuori del negozio ufficiale, con tutte le libertà (e i rischi) che questo consente.

Ma la domanda di fondo rimane al di fuori del campo tecnico: perché Google vende telefonini? Non certo per guadagnare sull'oggetto in sé. L'intenzione, a giudicare dalle dichiarazioni in conferenza stampa e da alcuni annunci (BBC) di Google a proposito di pubblicità "pay per call", è di "assicurarsi che la gente acceda ai servizi di Google e vada online". Infatti la dotazione di software del Nexus One è orientata a portare l'utente il più possibile verso Gmail e gli altri servizi online di Google, attraverso i quali il colosso della ricerca può vendere le inserzioni pubblicitarie che sono la sua fonte di reddito fondamentale.

L'operazione di marketing serve anche per assuefare l'utente all'idea di usare Google sempre e ovunque, anche come terminale di accesso a Internet, e in questo modo raccogliere dati degli utenti, utili per vendere pubblicità sempre più mirata. È qui il punto cruciale: Google ha già la nostra posta (Gmail), i nostri video (Youtube), le nostre foto (Picasa), i nostri spostamenti (Latitude), il nostro DNS, le nostre ricerche, e ora vuole anche il nostro traffico telefonico (il software del Nexus spinge l'utente a navigare online con il proprio account Google e a gestire contatti e telefonate tramite Google Voice). Va tutto bene se quest'enorme tesoro di dati è in mani illuminate, ma che si fa se qualche governo non troppo democratico decide di imporre a Google di dargli accesso a questi dati?

Leggendo le condizioni di privacy di Google, non riesco a fare a meno di notare questa frase ricorrente: Google takes your privacy very seriously. E mi viene sempre più voglia di abbreviarla: Google takes your privacy. Niente panico, ma stiamo attenti.


Altre info: il Liveblog della presentazione, su Gizmodo; altre informazioni della presentazione su The Register; pro e contro di iPhone OS e Android dal punto di vista degli sviluppatori di applicazioni; il manuale dell'utente del Nexus One (PDF); galleria di foto del Nexus One (Gizmodo); la recensione di Wired; le mappe dei paesi che hanno reti compatibili con il Nexus One (GSMworld); le condizioni di vendita del Nexus One; i prezzi ufficiali del Nexus One; le FAQ preparate da Gizmodo; la recensione di Engadget, decisamente senza peli sulla lingua; una bella analisi dei piani di Google e dell'effetto del Googlefonino sul potere degli operatori telefonici ("Google is aiming for much more than just a nifty handheld. It wants an army of nifty handhelds, from countless manufacturers, running on countless wireless networks - and it wants all of them running ad-happy Google apps", The Register).


2010/01/08


Un commento qui sotto ha posto una buona domanda: se Google vende il telefonino solo online, da chi si va in caso di guasto all'apparecchio? La risposta sembra essere che ci si rivolge al centro assistenza HTC più vicino, secondo questa pagina dell'help di Google, che fornisce anche un link all'elenco dei servizi di assistenza e riparazione di HTC.

55 commenti:

yos ha detto...

Argomento scottante: mi aspetto una nuova religion-war:

PS
Piccolo refuso
Inftti la dotazione di software del Nexus One

Willy ha detto...

Altro typo: suporta

Willy ha detto...

Altro typo: Inftti

scorp ha detto...

Paolo, ma mi dirai che non usi Firefox con il controllo ortografico per scrivere articoli qui sul tuo blog?!

Davide ha detto...

Ammettendo per assuro che i vari servizi di YouTube, Picasa ecc. ecc. appartenessero a società diverse, ciò non eviterebbe ad uno Stato di chiamare in causa ogni singola società e chiedere i dati dei singoli utenti. Il problema della privacy rimarrebbe comunque.. L'unica soluzione è NON usare i servizi online (non solo quelli di Google) ma questo quasi equivale a non utilizzare Internet nel suo "complesso", come tornare indietro di 15 anni.

Luigi Rosa ha detto...

Un annetto fa avevo scritto di non voler mai dire "mi ricordo quando Microsft erano i cattivi e Google i buoni".

Posso comunque dire "io c'ero nell'informatica quando IBM erano i cattivi e Microsoft i buoni" :)

Al di la' delle battute, BigG ha detto piu' o meno chiaramente che non vuole lasciarsi sfuggire gli utenti mobili come target della sua pubblicita'.

Emanuele Ciriachi ha detto...

Ecco, questo mi interessa - se non altro perche' il mio contratto biennale (mai e poi mai ne rifaro' uno cosi' lungo) con Orange e' scaduto a Dicembre, e in ufficio sono rimasto l'unico senza smartphone; potrebbe essere una valida alternativa all'iPhone che ormai regna sovrano nella mia compagnia.

Alla fine, l'unico dato che mi interessa e' internet illimitato si/no, e costo mensile dell'abbonamento.

R3DKn16h7 ha detto...

È la logica (malata?) del sistema aperto (Android) che si interfaccia a un sistema chiuso (Servizi online)...

Però questo telefonino non OBBLIGA l'utente a usare i servizi Google.

Ormai la privacy e' un concetto superato, cosi come lo e' la censura di internet: la mole di dati e' troppo grande per poterne ricavare informazioni individuali.

marcov ha detto...

Va tutto bene se quest'enorme tesoro di dati è in mani illuminate, ma che si fa se qualche governo non troppo democratico decide di imporre a Google di dargli accesso a questi dati?
Un pericolo tutt'altro che improbabile dal momento che google (così come microsoft, yahoo, apple) in questi anni ha fatto di tutto per compiacere il regime cinese.

Paolo Attivissimo ha detto...

Grazie a tutti per la caccia ai refusi! Sì, uso il controllo ortografico italiano di Firefox, ma questo non m'impedisce di non vedere le righine rosse che segnalano gli errori :-)

dyk74 ha detto...

Forse mi sono perso un pezzo... ma Google non aveva gia' un suo OS per i telefonini?
Logo a parte cosa cambia rispetto ai telefonini HTC con Android?
CIAO CIAO

Max Senesi ha detto...

Segnalo un refusino rimasto:
"la gente accede ai servizi i Google"

pico ha detto...

in quanto a privacy
http://www.indect-project.eu/

Marco Casati ha detto...

Non male, anche se attualmente ha dei grossi limiti sulle applicazioni installabili (solo 512 Mb mi pare) a anche per la rete 3g forse c'è qualche limite....

Certo che quando arriverà disponibile in italia Apple rilascerà la nuova generazione di iPhone, visto che ho il 3G e che mi sono trovato da Dio probabilmente aspetto quello.

Aristide ha detto...

Certo che 360 € per un dispositivo con quelle caratteristiche... è un vero affare.

Alz ha detto...

Gente il nexus è un ottimo telefono, ma se vi serve subito una alternativa valida all'iphone prendetevi un motorola milestone! Non avrà l'AMOLED (ma sono sempre 3.7'' di schermo) né la radio FM, ma ha la tastiera, il multitouch! Android 2.0! Non sarà google experience ma sicuramente supera il melafonino senza problemi.

TheKaspa ha detto...

Io sto aspettando un nokia su cui sia possibile mettere Linux...
Temo che non comprerò mai uno smartphone!

omega015 ha detto...

piccola correzione: l'iPhone non supporta (chissà magari in futuro) il Mac OS X (dal quale deriva direttamente) ma l'iPhone OS 3.1.

favoloso articolo, non mi stancherò mai di seguire il tuo blog ;)

Emanuele ha detto...

> Google ha già la nostra posta (Gmail), i nostri video (Youtube), le nostre foto (Picasa), i nostri spostamenti (Latitude), le nostre ricerche, e ora vuole anche il nostro traffico telefonico

Ti sei dimenticato dei DNS. :)

Paolo Attivissimo ha detto...

Max,

grazie, refuso corretto.



R3DKn16h7,

Però questo telefonino non OBBLIGA l'utente a usare i servizi Google.

Dipende. Considerato che, da quanto mi risulta, la sincronizzazione con il PC è un mezzo disastro e che tutto nel Nexus è progettato per spingerti verso Gmail, Google Earth, Googla Maps, Google Voice, Google Calendar, è come dire che l'inclusione di Internet Explorer come browser di default di Windows non ti obbliga a usare Internet Explorer: vallo a dire agli utenti non esperti :-)


Dyk74,

ma Google non aveva gia' un suo OS per i telefonini?

Esatto, e infatti anche il Nexus usa Android.

Pippolillo ha detto...

Ancora una volta la realtà supera la fantascienza. Google, Facebook ecc. sono molto di più del Grande Fratello di George Orwell.
E' un dato di fatto.

VDBG ha detto...

Ma il povero G1 Android? Che mesi fa era acclamato come il Primo Googlefonino? Già riposto nel cassetto?

Aspettate un momento, riassumiamo:
abbiamo uno smartphone HTC, e già ci sono, ed abbiamo il sistema operativo Android (molto buono, per altro), che è in giro oramai da un po' ed è installato già su molti smartphone, compresi parecchi HTC.

Dunque, a parte il marchio Google (tra l'altro già presente sul G1) ed il non avere un negozio fisico per l'assistenza (l'idea non mi alletta), dove sta la differenza??

Non c'è nulla di nuovo sotto il sole, soltanto un nuovo modello HTC, a mio parere. Bah...

VDBG ha detto...

Fortunatamente, la mia vita non è ancora nelle mani di Big G:
.la mia mail è Microsoft (live)
.le mie ricerche sono aternativamente Microsoft e Google
.le mie foto non le ho postate da nessuna parte escluse alcune su photobucket
.non ho facebook
.ho caricato un solo video su Youtube

;)
Direi che posso dormire tranquillo.

Marco Casati ha detto...

"Non c'è nulla di nuovo sotto il sole, soltanto un nuovo modello HTC, a mio parere. Bah..."

In realtà è un nuovo modello di distribuzione. Che assomiglia molto a quello degli iPod (c'è la possibilità anche di aggiungere la serigrafia).

Che se ha successo può diventare un problema per i rivenditori...

Non lo ritengo superiore all'iPhone assolutamente, ma nemmeno inferiore. E' diverso.

Paolo Attivissimo ha detto...

Grazie Omega015, ho corretto.

Emanuele, aggiungo subito anche il DNS.

Adriano ha detto...

Piccola inprecisione sul prezzo, quello è il costo neglio usa, per l'acquisto qui in italia (non ancora disponibile) alla conversione in euro gli vanno aggiunte le spese di consegna e, sopratutto, il 20% di iva.

Alessandro ha detto...

be se per questo anche facebook raccoglie una mole di dati impressionante sugli utenti, abitudini, relazioni tra gli utenti, genitori, e tutto quello che si fa nelle proprie bacheche, come per esempio postare quello che si fa, dove si è stati, cosa ci piace etc..

insomma si punta il dito su google, ma secondo me facebook è molto peggio, poi se addirittura tra i finanziatori di facebook c'è la cia, io francamente non saprei che dire

insomma ormai siamo in mano alle grandi società del web da un pezzo, quindi o diventiamo paranoici e ci dissociamo da tutti sti social network e servizi web 2.0, che mi pare al quanto improbabile,
oppure rimaniamo nell'indifferenza e non ci preoccupiamo di google come non ci preoccupiamo di tutte le altre aziende vedi facebook, microsoft e compagnia

ma poi il tuo blog sta pure su blogspot che è di google :D :D

franco ha detto...

le novità si pagano !

Roberto ha detto...

Perché aspettare il googlefonino o perdersi dietro all'ormai superato melafonino, quando c'è già sul mercato il nuovissimo HTC HD2 ??? Quanto a display li batte tutti: 4.3" multitouch e capacitivo da 480 x 800. OK, ha il tanto vituperato Win Mobile; ma tutta l'interfaccia grafica utente è stata ottimizzata dall'HTC SENSE, che rende più fruibile al tatto ogni singolo sottomenù. Senza parlare del quasi mezzo Gb di RAM, 1GHz di processore, memoria esterna, batteria rimovibile, GPS, bussola, di tutto e di più, compresa la suite Office già in bundle. Inoltre, dettaglio hardware non proprio irrilevante, ha anche la RADIO!!!

Paolo Attivissimo ha detto...

quello è il costo neglio usa, per l'acquisto qui in italia (non ancora disponibile) alla conversione in euro gli vanno aggiunte le spese di consegna e, sopratutto, il 20% di iva.

Se non è disponibile in Italia attraverso canali ufficiali, dubito che i fan che lo vorranno utilizzeranno metodi di consegna che prevedono questi dettagli :-)

Paolo Attivissimo ha detto...

si punta il dito su google, ma secondo me facebook è molto peggio

Si vede che sei nuovo di queste parti. Accomodati e dai una bella sfogliata all'etichetta/tag Facebook :-)


poi se addirittura tra i finanziatori di facebook c'è la cia

Che a loro volta sono finanziati dagli Illuminati, che incassano le cambiali dei Rettiliani, che al mercato mio padre comprò.


ma poi il tuo blog sta pure su blogspot che è di google :D :D

Ed è backuppato e pronto a fare le valigie se serve. I servizi gratuiti devono essere come taxi. Si usano per fare quello che serve, e si mollano quando non servono più, senza diventarne schiavi.

Adriano ha detto...

Bè, anche la vendita in UK è gravata da 10£ di shipping fee più 17 e qualcosa% di tasse, alla fine non è grosso risparmio rispetto al melafonino.

Roberto ha detto...

... dimenticavo la foto-videocam da 5 Mpx con doppio led e autofocus tattile, il registratore vocale, doppio browser e un'animazione meteo quant'altri mai! A te, Paolo, l'ho dato in mano una delle ultime volte che sei venuto in radio. Che ne pensi???

Roberto ha detto...

Non che voglia convincere nessuno, perché in verità il GLOBAL POCKET COMMUNICATOR che andiamo cercando deve sempre ancora essere fabbricato. Dico solo che ho tenuto orgogliosamente per un paio di mesi l'iPhone 3Gs (da 32Gb) pur se mi si riavviava almeno due volte al giorno. L'HTC HD2 per ora non mi si è ancora mai inceppato!!!

Mr Wolf ha detto...

Ma... se è acquistabile sono on line, se mi dà dei problemi e/o si guasta, a chi glielo tiro in testa???

Mr Wolf ha detto...

Ah, comunque, riguardo a Google, spero un giorno di non dover scoprire che qualcuno si fa gli affari miei, visto che, per ragioni pratiche, gli sto facendo indicizzare la cronologia e le ricerche che faccio
Finché si tratta di visualizzare ad in base a quello che cerco... chi san fut!
Ma questo, in generale, credo che valga per qualunque cosa su internet...

Comunque, mi duole dirlo, ma le ricerche sono sempre più imprecise, mi tocca sempre mettere tra virgolette ogni parola, visto che mi trova sempre risultati che non c'entrano una mazza!
Tra l'altro, vorrei sapere chi è il "genio" che si è inventato 'sta cosa di far sparire tutte le opzioni dalla pagina di ricerca e di farle riapparire muovendo il mouse: non solo non serve a niente, ma dà pure sui nervi!
C'è da dire, comunque, che quanto a risultati, Google è ancora imbattibile di brutto, nel senso che, semplicemente, trova cose che gli altri non trovano

Non so, mi pare Google stia variegando troppo la sua offerta, rischiando di offrire molti servizi, ma insoddisfacenti, invece di concentrarsi e migliorare quello che già offre
Del tipo: qualcuno sa a che cavolo serva Google Wave? Ho letto la "guida", ho visto il filmino introduttivo, ho letto su Wikipedia, e ancora non ho capito cosa cavolo ci debba fare...!

toto ha detto...

Devo dire che il gogglephonino mi attira proprio... credo sia giunta l'ora di rimpiazzare il mio buon vecchio fedele cellulare.

Paolo Attivissimo ha detto...

Che ne pensi???

Ne penso bene, ma aspetto ancora un po' per vedere come si sviluppano le cose.


se è acquistabile sono on line, se mi dà dei problemi e/o si guasta, a chi glielo tiro in testa???

Bella domanda. Non lo so. Qualcuno ha una risposta?

Roberto ha detto...

Comunque, per la cronaca, proprio adesso che ho scritto che (a differenza dell'iPhone) il mio nuovo HTC HD2 non si è ancora mai inceppato (in un mesetto che lo sto usando intensamente), ho dovuto riavviarlo staccando la batteria perché reagiva in modo strano. Non è che 'sto googlefonino porta un po' sfiga?! :-))))

Juri ha detto...

A proposito di pecore elettriche... Sembra effettivmente che gli eredi di P.K.Dick abbiano intenzione di citare in giudizio Google per l'utilizzo non autorizzato del nome "Nexus".

http://tinyurl.com/yjlebz6

Claudio Casonato ha detto...

Onestamente, a me sta mania dei telefoni che devono fare le bussole, le radio, le foto, i film, il caffe' e l'impepata di cozze non mi contagia.

Ho un Blackberry (8900 Curve) per motivi di lavoro, ma il mio cellulare fa solo ed esclusivamente il cellulare. Anche se ha pure la radio e la fotocamera, sono opzioni mai usate, e ci sono solo perche' un buon telefono senza quei gadget non lo avevo trovato.

Penso che sopravvivero' benissimo senza melafonino o googlefonino o yahoofonino....

Pax ha detto...

La tecnologia e' bella, affascinante, interessante, intrigante... Se sta al suo posto. Uso un mela-fonino, fa il suo sporco lavoro, ho la mia rubrica di contatti aggiornata, gli appuntamenti, qualche "fancy feature". Non mi lamento. Pero' devo dire una cosa, quando ho ricevuto una lettera da un mio carissimo amico che vive in Italia, con una sua foto allegata, non so, l'emozione di aprire la busta, leggere le sue parole, vedere la sua calligrafia... Impagabile. Puoi backuppare una e-mail ma il piacere di rileggere le sue parole scritte di suo pugno non a prezzo.

Anonimo ha detto...

"vuole anche il nostro traffico telefonico"... questa è un'affermazione pesante, se presa alla lettera.

Android è Open Source, quindi i casi sono due:
- Google produce e pubblica codice sorgente che invia platealmente le informazioni sul traffico telefonico ai suoi server
- approfittando della licenza liberale Apache, Google distribuisce un sistema operativo di cui non sono disponibili tutti i sorgenti, e si sospetta che quindi... vedi punto uno.

Qualsiasi sia il caso, direi che un minimo di chiarimento ci vorrebbe.

Paolo Attivissimo ha detto...

Toobaz,

ho aggiunto una parentesi di chiarimento.

Sioropa ha detto...

Una domanda forse banale: ma qualcuno di voi ha mai avuto problemi reali a causa di violazioni della privacy conseguente all'uso di Google, Facebook e web in generale?
Lasciando da parte i casi limite (esempio :) ) per la stupidità degli utenti o per usi fraudolenti, per un utente medio i problemi quali possono essere?

Turz ha detto...

@Paolo Attivissimo:
Leggendo le condizioni di privacy di Google, non riesco a fare a meno di notare questa frase ricorrente: Google takes your privacy very seriously. E mi viene sempre più voglia di abbreviarla: Google takes your privacy.

Quindi anche nel caso della religione googlista, gli atei hanno il vizio di togliere le ultime due parole ;-)

Domenico_T ha detto...

Mr Wolf,
qualcuno sa a che cavolo serva Google Wave? Ho letto la "guida", ho visto il filmino introduttivo, ho letto su Wikipedia, e ancora non ho capito cosa cavolo ci debba fare...!

Non so quale filmato tu abbia visto, io mi son sorbito questo.
E' un applicazione mirata alla condivisione di documenti di lavoro che ne facilita la modifica in cooperazione. Nonostante sia possibile chattarci e condividere foto e video alla FB, il suo fine è molto più serioso di un social network.

markogts ha detto...

Ho letto la recensione su engadget. Devo fare un commento da "puzza sotto il naso".

[puzza-sotto-il-naso mode on]

ho visto la foto di prova, completamente bruciata nelle alte luci e sottoesposta nel resto, mi sono detto, "eh, coi sensori proprio non ci siamo, manca latitudine, gamma dinamica" ... e il commento di engaget qual è?

One place where the Nexus One seems to be improving things is in the camera department.

Improving? Che, gli altri come sono?

O_o

Mi tengo il mio Nokia 3310 per telefonare e la fida DSLR per fotografare...

Ok, magari è OT, ma da facebook (con il suo limite di 604 px) alle fotografiche compatte con la loro folle corsa ai pixel sempre più piccoli, c'è una corsa al peggio in termini di qualità dell'immagine che fa impressione. Vedo gente che scatta foto ai figli in situazioni abbastanza "memorabili" (es. i pupazzi di neve con la neve di questi giorni) con... videofonini!

Ovvove e vacapviccio.

Ma tuo figlio, una foto su un APS-sized, o almeno su una macchina fotografica dotata di questo nome, non se la merita? Una foto dove non ci sia quello sguardo da "coniglio nei fari abbaglianti" di tutti i microflash da videofonino, una foto con una profondità di campo abbastanza limitata da far capire che stavi fotografando il viso e non il divano...

Una volta, chi non sapeva fotografare si trovava trentasei pose nere e mosse. Oggi si ritrova la card piena di... array di valori RGB.


[puzza-sotto-il-naso mode off]

markogts ha detto...

Scusate, il link alla foto non funziona. Riprovo.

Roby ha detto...

volevo segnalare che se ci si connette dall'italia non è possibile visualizzare il tasto per acquistare il telefono, ma comunque dal link sembra funzionare l'acquisto! il link è: https://www.google.com/phone/choose?locale=en_US&s7e=

XVIIarcano ha detto...

@thekaspa forse lo sai già ma il nuovo nokia N900 ha linux ( la distro si chiama maemo ma dal terminale in giù è debian, con tanto di apt ecc...) da utente N810 (che usa la versione prima del so e non telefona) posso dire di esserene anche abbastanza soddisfatto, poi per certe piccole "ruvidità" linux è bello perchè prude e ogni tanto puoi "grattarti" no? ;)

Pippolillo ha detto...

Tutti questi telefoni evoluti sono secondo me sostanzialmente inutili.
Già un Netbook con uno schermo da 10 o 11 pollici permette una navigazione su internet al limite della usabilità così come l'utilizzo di fogli di calcolo ecc.
Mettendo sempre più servizi e possibilità nei telefoni utilizzano la stessa tecnica delle automobili.
Le automobili sono in pratica tecnologicamente tutte uguali ed allora come differenziarle? Con lo stile esterno e con lettori MP3, hill holder, tergicristalli e luci che si attivano e spengono in automatico ecc.
Nella pubblicità e negli oggetti che ci vendono utilizzano il "principio del desiderio" lo stesso che abbiamo usato tutti noi da bambini. Poi crescendo abbiamo imparato ad utilizzare il "principio di realtà".
La pubblicità e le case che vendono oggetti di consumo come sono oramai diventati i telefoni, i PC, le automobili, le fotocamere e continuate voi la lista, premono sulle emozioni, sul desiderio, sul prestigio di possedere un oggetto.
Non ci accorgiamo che ne siamo posseduti con buona pace dei conti economici delle aziende che ci ingannano così ogni giorno.
Tecnologia, design e molta psicologia, questa la formula vincente di un'azienda moderna.

bofola ha detto...

Molto bella e sagace la disquisizione di "Pippolillo". Personalmente non ho la passione dei telefonini, tant'è che tre mesi fa ne ho acquistati ben due per una cinquantina di €. Uno per me (naturalmente) e uno per mio figlio undicenne che neanche lo voleva; ma l'offerte era per la coppia....purtroppo! Girando per la rete si trovano dei programmini che dovrebbero(?) frenare la raccolta dati di Google. Certo che se quello che ho in uso sta facendo il suo dovere non mi è dato saperlo; se non me lo dicono loro, ma per via della privacy non possono!!!!! Poi naturalmente tutti possono comperare l'apparecchietto che più gli aggrada.Ci mancherebbe.......

Dito ha detto...

Ciao,
volevo sapere se secondo voi in Italia non ci sono problemi. Ho un amico che vive in UK e che periodicamente torna in Italia. Quindi potrei farlo arrivare tramite lui.

Grazie,
M

Davide Gullo ha detto...

Sembra che Google sia un po' in panne proprio per il discorso vendita telefonini a cui non era "abituata". La lamentela che va per la maggiore è:
«Penso che Google sia talmente abituata a "dominare il mercato" da non rendersi conto che questa volta è finita tra gli squali. Apple se la papperà in un sol boccone se qui non sarà offerta una migliore assistenza».

http://bit.ly/8hp3vj