Cerca nel blog

2011/05/15

PlayStation Network, update obbligato [UPD 8:50]

Chiaro, no?


Dal blog ufficiale della PlayStation, circa 25 minuti fa:

We have been working on a new PS3 system software update that requires all PSN users to change their password once PlayStation Network is restored. The update (v3.61) is mandatory and is available now.
If using a PS3, your password can only be changed on your own PS3 (or a PS3 on which your PSN account was activated), as an added layer of security. If you have never downloaded any content using your account on the system, an email will be sent to the registered sign-in ID (email address) associated with your account when you first attempt to sign-in to PSN. This e-mail will contain a link that will enable you to change your password. In this email, click on the link and follow the instructions to change your password. Once you have changed your password you can sign-in to your account using your new password.
We strongly recommend that all PSN account holders with PS3s update their systems to prepare for when PlayStation Network is back online. The release of this update is a critical step as we work to make PlayStation Network significantly more secure. Thank you for your continued support and patience.

Dedicato a tutti quelli che “Ma io volevo soltanto giocare ai videogame...”


8:50. Sony ha annunciato poco fa l'inizio del (parziale) ripristino del PlayStation Network (la versione italiana non è aggiornata ed è ferma a cinque giorni fa). Il boss di Sony Kazuo Hirai fa l'annuncio ufficiale, ma l'effetto del personaggio, della scenografia e delle parole fa sembrare che stia suggerendo di visitare le colonie extramondo. Qui c'è una mappa della riattivazione progressiva negli USA.

73 commenti:

Marco Casati ha detto...

Ma.... "Countries: AE, AU, GB, IE, NZ"

Io non ho acceso la Ps3. In Italia funziona?

Marco Casati ha detto...

Acceso la PS3.
Aggiornamento arrivato

Vedem.

Paolo hai la PS3? :D

Marco ha detto...

e i poverelli che possiedono "solo" una psp?

Vittorio ha detto...

:P
E chi proprio non ce l'ha?
:D

Luigi Rosa ha detto...

Posso immaginare come gli utenti abbiano palesato i loro continued support and patience...

E' buffo che PSN sta sbandierando come incredibili e sensazionali miglioramenti della sicurezza le regole basilari e minime che ogni SysAdmin mette in pratica quando configura un servizio esposto a Internet.

Paolo Attivissimo ha detto...

Paolo hai la PS3? :D

No.

puffolottiaccident ha detto...

Ma la domanda resta sensata:

Ma una console per videogiochi non dovrebbe essere quella cosa che "la attacchi 1 volta al televisore, quando hai voglia di svagarti metti dentro una rom, premi on ed è tutto quello che devi sapere di come funziona" ?

Slowly ha detto...

"e i poverelli che possiedono "solo" una psp?"

Intanto è uscito il 6.38.
Poi doverebbe ripartire a ruota con il servizio per PS3. Anche perchè se tra qualche mese esce la PSP2, hanno 2-3 ore di sonno a notte, 'sti SysAdmin dei miei biancospini. :D

Gian Piero Biancoli ha detto...

@ Vittorio
[quote]E chi proprio non ce l'ha?[/quote]

La compra, attiva l'account e si riconduce ai casi sopra elencati.
Matematico, no?
:-)

Ippo ha detto...

Da boxaro, l'ultimo mese è stato divertentissimo... spero che adesso la smettano di rompere con la solita solfa "che schifo xbox live che è a pagamento!" :D

Gwilbor ha detto...

[quote-"Paolo Attivissimo"]ma l'effetto del personaggio, della scenografia e delle parole fa sembrare che stia suggerendo di visitare le colonie extramondo.[/quote]

Secondo me c'è mancato poco che emanasse la direttiva A113 (non dico altro per non spoilerare Wall-e. per quei miseri quattro gatti che ancora non l'hanno visto)

Guastulfo (Giuseppe) ha detto...

Se non ho capito male,
paghi il gioco. Nel prezzo del gioco è sicuramente incluso il costo della gestione della PSN (necessaria? Non credo) a cui si forniscono i propri dati che, sicuramente, la Sony riutilizza per trarne ulteriori guadagni (e arricchire gli hacker a quanto pare).

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

come fate a quotare?!?!?!?! =======:-( )

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

l'effetto del personaggio, della scenografia e delle parole fa sembrare che stia suggerendo di visitare le colonie extramondo

ROTFL... e anche le peggiori colonie :D

Aton ha detto...

@Ippo

Se vuoi io da PCista te lo dico lo stesso, eh?! :D

Grezzo ha detto...

Mah, rimpiango il master system che prende polvere in cantina.

Anonimo ha detto...

[quote-"theDRaKKaR"]come fate a quotare?!?!?!?! =======:-( ) [/quote]

In italiano si dice citare.

Unknown ha detto...

Paolo, perdonami, ma non ho capito il senso di questo post...

Pape

Unknown ha detto...

@Puffolottoaccident

Certo, è così. E infatti, chi voleva giocare, ha continuato a farlo mettendo il suo dischetto nel lettore. Ovviamente, se vuoi giocare online, devi essere connesso a dei server, e se i server collassano, giochi da solo ^_^

Pape

Van Fanel ha detto...

@puffolottiaccident
Ma una console per videogiochi non dovrebbe essere quella cosa che "la attacchi 1 volta al televisore, quando hai voglia di svagarti metti dentro una rom, premi on ed è tutto quello che devi sapere di come funziona" ?

Forse negli Anni Ottanta/Novanta!

Van Fanel ha detto...

[quote-"theDRaKKaR the bloody homeopath"]come fate a quotare?!?!?!?! =======:-( ) [/quote]

Che domande! Così, no?

:-P

Guastulfo (Giuseppe) ha detto...

[quote-"theDRaKKaR the bloody homeopath"]come fate a quotare?!?!?!?! =======:-( )[/quote]
RTFM ;-)

Stupidocane ha detto...

[quote-"theDRaKKaR "]come fate a quotare?!?!?!?! =======:-( )[/quote]

Beh, questa è bella... dopo i ca****atoni che mi sono sorbito perché non embeddavo correttamente i video sul forum, adesso questo.

Allora c'è una giustizia! :D

Gian Piero Biancoli ha detto...

@ Accademia dei pedanti
[quote]In italiano si dice citare.[/quote]
Riprendiamo pure qui il discorso interrotto dal blackout di Blogger; in questo contesto (commenti di un blog)dove è gradita la sintesi, mi sembra più corretto usare "quotare" che è un termine di uso corrente al pari di "googlare" e "taggare" e che non ammette l'ambiguità che, seppur lieve, il solo "citare" ha.

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

[quote-"tutti"]stronz stronz stronz[/quote]

:D

Stupidocane ha detto...

Per un attimo divento Bendandi e prevedo un altro flame sulla corretta terminologia da usare in questo contesto.

All'angolo sinistro, forte di migliaia di correzioni, conosciuto come "il terrore di bimbiminchia", il pennarossista più intransigente del web, Aaaaaaaaaaaaaaaaccademia dei pedanti ♂♂♂♂♂♂♂♂♂♂♂♂♂.

Mentre all'angolo destro, il blogger che difende a spada tratta la libertà di espressione, colui che guarda alla sostanza molto più che alla forma, l'indomito Gian Piero Biancoliiiiiiiiii

SDENG!

:D

stefano ha detto...

Mi associo alla richiesta di Pape nel chiedere il senso di questo post.

Anonimo ha detto...

Per Gian Piero Biancoli

[Sono sempre Accademia dei pedanti ♂ che fa prove tecniche sulla lunghezza dei commenti]

Riprendiamo pure qui il discorso interrotto dal blackout di Blogger; in questo contesto (commenti di un blog)dove è gradita la sintesi,

Perché, citare è più lungo di quotare?

mi sembra più corretto usare "quotare" che è un termine di uso corrente al pari di "googlare" e "taggare" e che non ammette l'ambiguità che, seppur lieve, il solo "citare" ha.

Che ambiguità avrebbe citare, che quotare non ha?
Sono termini in lingua itangliana. Non descrivono un concetto precedentemente assente, introdotto dal progresso tecnologico, a parte il secondo. In linguistica si chiamano "prestiti di lusso", per distinguerli dai "prestiti di necessità". Nel caso degli scambi di commenti sui sui weblog, poi, servono più a pavoneggiarsi perché si conosce un gergo che ad altro.

Siamo d'accordo che "cercare con google" è più lungo di "googlare". E se il motore di ricerca dominante in futuro diventasse un altro, ad esempio Rutt? Dobbiamo aggiornare il lessico ad ogni batter di ciglio del web?

Infine, ti devo dare una forte delusione: sul dizionario Treccani "googlare" non esiste, "quotare" nel senso informatico nemmeno, e taggare è tacciato come "derivato improprio". Ora controllo altri dizionari.

Gian Piero Biancoli ha detto...

[quote-"theDRaKKaR the bloody homeopath"]ROTFL... e anche le peggiori colonie :D[/quote]

Ad essere precisi, in italiano si dice
"Mi sto rotolando sul pavimento dalle risate..."

:-D (che in italiano si dice, "E' solo una battuta, nessuno si offenda!")

P.S.
Seriamente, stimo molto Accademia, mi sta simpatico e credo di avere molte affinità, indi rigetto ogni tentativo di messa in competizione (non avrei possibilità).

Stupidocane ha detto...

Uffi, ed io che speravo in un altro epico* scontro tra differenti fazioni linguistiche...

* leggasi noioso ;D **

** Tutto il post è da considerarsi ironico ***

*** Chiaro?

puffolottiaccident ha detto...

@Van Fanel

L'incubo 1701 è uno dei motivi del successo del SNES.

All'epoca le consoles erano marcatamente superiori al PC quanto a potenza grafico-sonora, e costavano di meno.

Quindi c'erano almeno 3 ottimi motivi per preferirle ad un PC se questo non fosse stato indispensabile.

1) migliori giochi
2) costo contenuto
3) la certezza che il 1701 non entra nella tua vita.

Ora una console costa poco meno di un pc, molli un centinaio di eurozzi in più ed hai un intero pc tutto per te.

I giochi... un pc può sostenerli benissimo...

Rimarrebbe la terza motivazione: niente virus peggiori che andar per ortiche senza guanti.

Se cade quella cade tutto.

Van Fanel ha detto...

@puffolotti
L'incubo 1701 è uno dei motivi del successo del SNES.

Wake up Neo, the Matrix has you! :)

A-user ha detto...

@ puffo & van

1701 ?

Van Fanel ha detto...

@A-user
La mia comprensione del puffolottese è vicina allo zero, ma ho immaginato si riferisse a questo. Potrei aver preso una cantonata, in tal caso, chiamiamo Turz, è un vero esperto in materia.

A-user ha detto...

@ van
Sì, probabilmente si riferiva proprio a quello, ma io mi ricordavo si chiamasse Cascade, non conoscevo però la sequenza numerica (o, più probabilmente, l'avrò scordata col passare dei quinquenni)...

Van Fanel ha detto...

E la mia risposta si riferisce a questo.

puffolottiaccident ha detto...

Pensavo che l'ultima riga del mio post precedente fosse incredibilmente spiritosa, quando l'ho scritta :S

Van Fanel ha detto...

@puffolotti
Pensavo che l'ultima riga del mio post precedente fosse incredibilmente spiritosa, quando l'ho scritta :S

Come dicevano certi piccoli roditori... We all fall down!

martinobri ha detto...

E se il motore di ricerca dominante in futuro diventasse un altro, ad esempio Rutt?

Sarebbe preferibile Tromb

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

Ho un vecchio 386 dove ho una coltura di Cascade :D :D :D

Gian Piero Biancoli ha detto...

[quote-"saxogrammaticus"]Che ambiguità avrebbe citare, che quotare non ha? [/quote]
Tralasciando eventuali implicazioni giuridiche di "citare"(citare in giudizio) che rendono il verbo leggermente ambiguo, credo che ti sfugga il vero significato di "quotare" ovvero riportare quanto già detto da un altro commentatore con uno stile e una formattazione ben precisi, in questo caso indentato, tra virgolette e in un box di colore diverso.
Se theDRaKKaR avesse voluto semplicemente "citare", la risposta alla sua domanda "come fate a citare?" sarebbe dovuta essere: "basta riscrivere il testo che vuoi riportare e chi lo ha scritto". Invece "come fate a quotare?" racchiude implicitamente la richiesta del codice html che contraddistingue le citazioni per cui la risposta precedente è insufficiente e occorre specificare che è necessario usare il tag [ quote ]

[quote-"saxogrammaticus"]Infine, ti devo dare una forte delusione: sul dizionario Treccani "googlare" non esiste, "quotare" nel senso informatico nemmeno, e taggare è tacciato come "derivato improprio". [/quote]

Molto tempo fa vidi Vittorio Sgarbi al Maurizio Costanzo Show (lo so, mi è capitato di vederlo, mea culpa) che, dal momento che non trovava la parola positrone sul dizionario che aveva con se, questo era sufficiente per affermare che il positrone non esisteva. Inutile dire che il fisico seduto di fianco a lui non era molto d'accordo.

Gian Piero Biancoli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gian Piero Biancoli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gian Piero Biancoli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Per gpbiancoli

...credo che ti sfugga il vero significato di "quotare" ovvero riportare quanto già detto da un altro commentatore con uno stile e una formattazione ben precisi, in questo caso indentato,

Con margine sinistro rientrato.

tra virgolette e in un box di colore diverso.

In inglese to quote non significa questo. Assolutamente no.
Quello che intendi tu, in italiano si dice "porre in esergo", oppure in exergo, alla latina.
Quindi la domanda di theDRaKKaR va riscritta: «Come fate a porre in exergo?!?!?!?! =======:-( )».

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

Se mi metti ancora in bocca parole come quella ti prendo a schiaffi :-||

Anonimo ha detto...

Per Gian Piero Biancoli

Ho un po' di problemi a commentare stasera, concludo aggiungendo che molto tempo fa vidi Vittorio Sgarbi al Maurizio Costanzo Show (lo so, mi è capitato di vederlo, mea culpa) che, dal momento che non trovava la parola positrone sul dizionario che aveva con se,

Con sé.

questo era sufficiente per affermare che il positrone non esisteva.

Vabbè, era una delle tante markette al suo dizionario, lo Sgarbino. Credo sia andato fuori catalogo appena due anni dopo.

Era un dizionario per le scuole medie, non va paragonato allo Zingarelli, al Devoto-Oli o al GRADIT, in cui positrone c'è.

Anonimo ha detto...

Per theDRaKKaR

Se mi metti ancora in bocca parole come quella ti prendo a schiaffi :-||

Intendi dire che non volevi mettere una frase in exergo?

Gian Piero Biancoli ha detto...

In esergo, potendo scegliere, è sempre meglio porlo che prenderlo.

axlman ha detto...

Gian Piero, sei pregato di leggere le istruzioni ai commenti del blog, in particolare questi paragrafi:
Inoltre alcuni commenti potrebbero venire bloccati dal sistema antispam di Blogger, automatico e purtroppo non escludibile.
Se un commento non comparisse, o scomparisse subito dopo la sua pubblicazione, non va inviato di nuovo: non è perso ma solo in attesa di convalida e più ci si incaponisce a rispedire lo stesso messaggio, più il filtro sarà propenso a considerare spam sia quel commento che quelli successivi dello stesso autore.


In altre parole, se continui a rispedire lo stesso messaggio, o messaggi quasi identici, dopo che il filtro antispam di Blogger lo ha bloccato, tale filtro ti considererà sempre più sicuramente come spammer.
Quindi non solo continuerà a bloccare quel commento, ma quasi certamente tenderà a bloccare pure molti di quelli che invierai in futuro (e su qualsiasi blog della piattaforma Blogger, non solo su questo). E alla fine della fiera potrebbe arrivare persino a bloccarti l'account Blogger, come già successo ad altri (tipo Accademia).

Il tutto naturalmente senza minimamente considerare il lavoro extra e la scocciatura che, così facendo, viene inflitta all'amministratore del blog. Cioè il fesso che secondo alcuni (almeno a giudicare da come postano i commenti) non avrebbe niente di meglio di fare che smazzarsi decine di messaggi finiti nello spam per decidere cosa pubblicare, evitando i doppioni.

Vedi tu.

Gian Piero Biancoli ha detto...

@ Axlman

Grazie per la segnalazione, ne terrò conto per il futuro.
A mia discolpa posso però addurre le seguenti attenuanti:
1) in passato è successo che alcuni post fossere cancellati e NON pubblicati nemmeno in seguito. In questo caso mi interessava approfondire un discorso per cui ho perseverato.
2) ho avuto una verifica dell'account gmail in fase di commento alcuni figurano con il nick, altri con lo user e, imputando i problemi a quello, ho perseverato pensando non dipendesse da blogger
3) ho pensato, oltre al punto 2, fosse un problema di apici e virgolette all'interno del blocco quote escludendo nuovamente blogger
4) ho comunque tentato di rimuovere i miei "cadaveri"
5) pensavo non ci fosse moderazione

con queste premesse, chiedo comunque scusa per il disturbo e invoco clemenza.

Anonimo ha detto...

E alla fine della fiera potrebbe arrivare persino a bloccarti l'account Blogger, come già successo ad altri (tipo Accademia).

Ne ha bloccati ben tre. :-(
Ecco perché ora uso OpenID: quello non può bloccarlo. Può solo imporre un limite assurdamente basso al numero di caratteri per commento.

Comunque io non inviavo commenti doppi. Inviavo molti commenti.

Gian Piero Biancoli ha detto...

Nel frattempo, stamane ho messo due segnalazioni nell'apposita sezione che però non vedo e non so se siano andate a buon fine.
Non insisto perché ho recepito il messaggio, ma volevo chiedere se ogni segnalazione deve essere approvata prima di essere pubblicata.
Saluti

Anonimo ha detto...

Per Gian Piero Biancoli

Non insisto perché ho recepito il messaggio, ma volevo chiedere se ogni segnalazione deve essere approvata prima di essere pubblicata.

Sì.
Una volta non era così, poi è stata introdotta l'approvazione di tutti i commenti per cause legali. Ora è stata rimossa, eccetto nelle segnalazioni.

Gian Piero Biancoli ha detto...

Ehi, come mai c'è un tasto "Quote invece del tasto "Cita ponendo in esergo ?
:-D

Approfitto della battuta per porre un'altra domanda: sono l'unico che non riesce a vedere le segnalazioni dalla 800 in poi? ho visto che sono aumentate (nel momento in cui scrivo sono 812) ma non riesco a vederle. Problema solo mio?

mogio ha detto...

[quote-"Gian Piero Biancoli"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/05/playstation-network-update-obbligato.html#c9145573603193679476"]
sono l'unico che non riesce a vedere le segnalazioni dalla 800 in poi? ho visto che sono aumentate (nel momento in cui scrivo sono 812) ma non riesco a vederle. Problema solo mio?
[/quote]

Dalla 800 in poi? Io arrivo fino alla 773.

Ps: Comunque è normale; il contatore tiene conto anche dei commenti in coda di moderazione che per un motivo o per l'altro non sono stati pubblicati.

Van Fanel ha detto...

Per aggiungere carbone nella fornace, ricordo un altro curioso uso di "quotare".
L'espressione "Quoto Tizio" su molti forum viene usata con il significato di "approvo Tizio", "sottoscrivo quello che ha detto Tizio". Non so se sia solo abitudine italiota o "quote" sia usato così anche in forum angolofoni.

Ma forse sbagliamo tutti, e "quotare" significa combattere nella "Guerra dei Quoti"!

Domenico_T ha detto...

Van Fanel,

Non so se sia solo abitudine italiota o "quote" sia usato così anche in forum angolofoni.

Non frequento forum inglesi ma su UrbanDictionary, che contiene un botto di espressioni e parole usate in rete, "quote" non è presente col significato di "sono d'accordo".

Sembra quindi che lo usiamo solo noi italiani probabilmente perché citando meramente una frase, senza aggiungere ulteriori considerazioni, vogliamo dire che siamo d'accordo.

Anonimo ha detto...

Sì, non l'ho detto nella precedente risposta a Gian Piero Biancoli: il verbo citare in italiano è polisemico, ma to quote in inglese lo è altrettanto. Storpiarlo in quotare aggiunge solo confusione a confusione, perché anche quotare ha già molti significati tecnici ("fissare il prezzo, il corso o il cambio corrente di merci, valori mobiliari e divise estere", oppure "corredare le parti rappresentate con le quote, con le misure planimetriche e altimetriche", e altri).

I termini presi dall'inglese e usati impropriamente in italiano, molto numerosi, si chiamano pseudoanglicismi.

Gian Piero Biancoli ha detto...

@ Accademia dei pedanti
"ma to quote in inglese lo è altrettanto. Storpiarlo in quotare aggiunge solo confusione a confusione"

Non in questo contesto, dove invece assume un significato ben preciso e inequivocabile. Anzi dire che equivale a "citare" è una generalizzazione che fa perdere di significato alla domanda.
Il "Quote" usato qui non è inglese, è informatichese forumense, al pari di "ROTFL", ":-)", ":-P", "IMHO", taggare, uploadare, ecc....

@ Van Fanel
Vero, ma in questo caso la domanda di TheDrakkar "Come fate a quotare?" escludeva questo significato essendo una richiesta di specifico codice html ben precisa, dunque intraducibile in italiano con il semplice "citare".

Accademia vediamoci tra mezz'ora sul retro del locale e poniamo fine a questa discussione :-)

@ The Drakkar
Ma perché diamine non hai scritto "Come fate a porre in exergo?"?
Tutto questo bailamme non sarebbe nato... sarebbe stato molto peggio! :-D

Gian Piero Biancoli ha detto...

Interpreto il pensiero degli astanti: Accademia e Gian Piero, mo basta!

Anonimo ha detto...

Per Gian Piero Biancoli

"ma to quote in inglese lo è altrettanto. Storpiarlo in quotare aggiunge solo confusione a confusione"

Non in questo contesto, dove invece assume un significato ben preciso e inequivocabile. Anzi dire che equivale a "citare" è una generalizzazione che fa perdere di significato alla domanda.


Be', sono d'accordo, "citare" non significa necessariamente "porre in esergo". Perlomeno è in italiano!

Il "Quote" usato qui non è inglese, è informatichese forumense, al pari di "ROTFL", ":-)", ":-P", "IMHO", taggare, uploadare, ecc....

Blah!
Mica siamo su un weblog specializzato in programmazione e PC. Non tutti sono obbligati a conoscere il gergo.

Tutto questo bailamme non sarebbe nato... sarebbe stato molto peggio! :-D

Ma no. La gente mi ringrazia, quando impara una parola nuova. Ammesso che davvero fosse una parola nuova per i lettori, mi sa che la conoscevano tutti perfettamente, tranne theDRaKKaR.

Interpreto il pensiero degli astanti: Accademia e Gian Piero, mo basta!

Non ci sono più astanti. Siamo solo io e te, e il moderatore che legge per senso del dovere.

Domenico_T ha detto...

Mica siamo su un weblog specializzato in programmazione e PC. Non tutti sono obbligati a conoscere il gergo.

Sono termini che si usano in qualunque contesto sulla rete, non solo su blog specializzati o tendenzialmente dedicati all'informatica.

Gian Piero Biancoli ha detto...

"Mica siamo su un weblog specializzato in programmazione e PC. Non tutti sono obbligati a conoscere il gergo."

E non è traducendolo approssimativamente che si aiuta a comprenderlo.

Per il resto mi allineo al commento di Domenico_T che smentisce, tra l'altro, anche l'asserzione sull'assenza di astanti.

Io sono tra quelli che ringrazio quando imparo qualcosa di nuovo (anche io, insieme a TheDrakkar, ignoravo il significato), e intendevo solo sottolineare la malizia che si può celare nella frase "Come fate a porre in exergo?" e gli eventuali commenti che ne sarebbero potuti scaturire.

Erin ha detto...

Mi scuso in anticipo per il mio commento ma ho bisogno di un piccolo sfogo :)

Per Accademia
se proprio vogliamo essere pignoli fino allo sfinimento come sei te allora nelle discussioni su questo weblog non dovresti usare neanche le emoticons (scusa, volevo dire faccine)! In un normale scritto mica si usano.

Anonimo ha detto...

Per Domenico_T

Mica siamo su un weblog specializzato in programmazione e PC. Non tutti sono obbligati a conoscere il gergo.

Sono termini che si usano in qualunque contesto sulla rete, non solo su blog specializzati o tendenzialmente dedicati all'informatica.


Eppure qualcosa si sta muovendo. Da questo forum, leggo:

[quote]Si richiede agli utenti di non utilizzare abbreviazioni in questa sezione. Scrivete possibilmente in maniera chiara ed in puro stile gdr. Quindi evitate cose come: “xò, xchè, nn, lol, rotfl…., sux”.[/quote]

Anonimo ha detto...

Per Gian Piero Biancoli

"Mica siamo su un weblog specializzato in programmazione e PC. Non tutti sono obbligati a conoscere il gergo."

E non è traducendolo approssimativamente che si aiuta a comprenderlo.


Le traduzioni sono necessariamente approssimative. Citare non lo è, perché il significato principale di to quote è quello.

Io sono tra quelli che ringrazio quando imparo qualcosa di nuovo (anche io, insieme a TheDrakkar, ignoravo il significato), e intendevo solo sottolineare la malizia che si può celare nella frase "Come fate a porre in exergo?"

Ah, ma forse stai pensando alla frase (che ha una leggera assonanza) "preso da tergo"?
http://tinyurl.com/697g2zc
Nessuno sa più che significa, ormai, nemmeno in sacrestia. Tanto tempo fa era un eufemismo, oggi è un arcaismo.

Anonimo ha detto...

Per Erin

se proprio vogliamo essere pignoli fino allo sfinimento come sei te allora nelle discussioni su questo weblog non dovresti usare neanche le emoticons (scusa, volevo dire faccine)! In un normale scritto mica si usano.

Le faccine non sono state inventate con internet. Guarda qui:

http://tinyurl.com/469emq

È vero, se proprio si vogliono tracciare su carta, vanno riservate a comunicazioni informali, fra adolescenti o fra innamorati; ma non le ritengo manifestazione di autocolonialismo culturale, non foss'altro che sono pittogrammi.

Anonimo ha detto...

Un commento in coda di moderazione.

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

abbasta!

Gian Piero Biancoli ha detto...

Intanto, mentre stiamo qui a trastullarci, i problemi di Sony non sono finiti:

http://news.cnet.com/8301-31021_3-20063973-260.html

Gian Piero Biancoli ha detto...

E in attesa del 5 attacco contro SONY replico a Accademia

[quote]"Citare non lo è, perché il significato principale di to quote è quello. "[/quote]

Ma qui non si parlava di to quote, ma di quotare

Erin ha detto...

Per Accademia
Sapevo che la "faccina sorridente" era antecedente internet anche se ero convinta che fosse nata negli anni '80. Bisogna ammettere che nonstante tu sia un rompi scatole ci fai scoprire cose che non sapevamo. Per il resto quoto Drakkar: abbasta! :)