Cerca nel blog

2014/01/06

Dietro le quinte degli effetti di “Gravity” (SPOILER)

Se siete affascinati dalle tecnologie usate per creare gli effetti speciali digitali di oggi e volete sapere come hanno realizzato le scene incredibili di Gravity, godetevi questo breve video, che rende molto chiaro che fare effetti speciali non significa semplicemente usare un computer. Richiede tanto, tanto talento umano e una quantità sorprendente di tecnologia molto concreta e poco virtuale. Grazie ad @AstroSamantha per la segnalazione.

ATTENZIONE: Se non avete ancora visto Gravity, tenete presente che questo video rivela dettagli molto importanti della trama.

35 commenti:

martinobri ha detto...

Bellissimo.


Sandra Bullock, intendo.

Massimo Cassinari ha detto...

L'ho visto proprio ieri e sono chiesto come hanno fatto a fare tutti questi effetti a gravità zero....
Sempre sul tema, ho una domanda per Paolo che sicuramente conosce mondo delle missioni spaziali: è vero che gli astronauti sotto la tuta spaziale indossano biancheria intima o poco più? (vedi Sandra Bullok quando si toglie la tuta).

Gwilbor ha detto...

Visto ieri il film, veramente bello, e non solo come effetti speciali, ma anche proprio dal punto di vista narrativo, si soffre per un'ora e mezzo con la protagonista.

Adriano F. ha detto...

Voglio una Lightbox in garage.

Il Minuziatore ha detto...

@martinobri

Non sapevo fosse un trans :)

Tornando al film. Eccezionale. Sicuramente arriverà qualcuno che ci farà notare i vari errori scientifici e così via... Per quanto riguarda il backstage trovo impressionante la mole di lavoro! :)

Il Lupo della Luna ha detto...

Massimo, da qualche parte avevo letto che hanno una sottotuta particolare con un sistema di regolazione termica (praticamente una rete di tubi in cui passa acqua calda o fredda al bisogno) fatta tipo muta da sub. Non trovo il blog della Cristoforetti che l'aveva spiegato.

Dalle immagini nella ISS si vede che spesso dentro la stazione stanno in maglietta e pantaloncini.

Federico Cabitza ha detto...

@minuziatore e il lupo della luna.
http://www.sparknotes.com/mindhut/2013/10/10/20-scientific-errors-in-gravity
venti bastano? ;)

Federico "gufo" ha detto...

Ora ho capito perchè non gli si appannano le visiere... non ci sono! :)
Mi è sempre piaciuto vedere come vengono realizzati gli effetti speciali.

martinobri ha detto...

@Minuziatore


Bellissimo.
Sandra Bullock, intendo

Non sapevo fosse un trans :)



Intendevo il fondoschiena della signora.
Ho eliso (si dice così?) il termine per non essere esplicito in un blog per famiglie, sicuro che voi vecchi mandrilli avreste capito subito l'allusione.
Ma visto che bisogna spiegarti tutto...
;-)))

Il navigante paziente ha detto...

Il film? Zero, come la gravità appunto. La gravità in quelle condizioni. Beh, ho voluto esagerare, generalizzando, ma gli effetti sono bellissimi, avvincenti e rendono la situazione. Samantha Cristoforetti dà lo spiegone scientifico nel suo blog (http://www.astronautinews.it/?s=gravity) e comunque non denigra il film, anzi.
Nel guardare il video ho prestato attenzione agli effetti speciali digitali, senza prestare molta attenzione ai dialoghi del regista e dei suoi collaboratori, ma se non erro, una frase mi ha colpito. Ripeto corregetemi. Mi è sembrato di capire che il film non è stato fatto per mostrare la potenza digitale, ma per raccontare una storia. A me sinceramente è sembrato il contrario. La trama è sembrata debole e, come per molti di noi, guardare un film del genere conoscendo alcuni svarioni tecnici, non è stato veramente entusiasmante. Posso capire alcuni film di fantascienza dove "un giorno" ci saranno le spade laser, il teletrasporto, il salto nell'iperspazio, cose non ancora inventate e quindi chissà, ma questo che è dei giorni nostri stona un pò.
Può andar bene per i miei genitori, che non si accorgono di nulla, ma per molti altri no.
Vabbè 10 e lode per l'impegno ed il risultato di alcuni effetti.
In mia opinione.

martinobri ha detto...

Ripeto corregetemi.

Mi sovviene...
http://www.youtube.com/watch?v=KlRXNkdK--k

Il navigante paziente ha detto...

@martinobri
Buhuhaha. Si in effetti quel "correggetemi" per molte persone riporta a quella situazione. Ma io lo sottolineo come volontà di partecipare, condividere, imparare.
Ah, ma caspita! Ho messo una sola "g"? Da quando ho pulito la tastiera smontanto tutti i tasti, sto avendo più spesso di questi problemi. Povera mia tastierina ;-(

Il Lupo della Luna ha detto...

Adoro i blog con gli "errori scientifici" dei film :D

Stupidocane ha detto...

@ martinobri

Ho eliso

Aridaje co sti trans...

Giannino Pich ha detto...

Come effetto speciale, non sottovaluterei anche le gambe.
Della Sandra, intendo.

Giak ha detto...

A suo tempo si è pralto molto degli errori scientifici e logici nel film, però resta il fascino delle immagini e la fedeltà della ricostruzione. Ma gli ammericani sono così, tienili ancorati alla realtà e raccontano storie stupende (Apollo 13, Captain Phillips ... ecc ecc) lasciali liberi di sceneggiare e partono per la tangente. Apollo 13 è l'esempio perfetto ! Un film avvincente e maniacale nella correttezza di TUTTO. Un semplice guasto alla ISS, senza saltare da una stazione all'altra, semplicemente la gestione di un incendio a bordo avrebbe potuto regalare un film esteticamente bellissimo, avvincente e aderente alla realtà. La scena del cortociruito e dei primi fuocherelli a "gravità zero" è una di quelle che mi ha colpito di più .. a parte Sandra ovviamente :)

Il Lupo della Luna ha detto...

E tra l'altro la Bullock non è più esattamente una ragazzina.. complimentoni.

Ma tornando al film, se la storia funziona e ha coerenza interna, secondo me si può passare sopra alle incongruenze con la realtà. E' fiction, non un documentario: l'importante è avere ben chiara la differenze. Gravity non l'ho ancora visto, quindi non so dire se sia questo il caso.

Ma, per esempio, la storia di Spazio:1999 funzionava molto bene, anche se scientificamente c'era molto campato per aria.

TJL ha detto...

La Cristoforetti dice però esplicitamente che la ricostruzione dell'hardware (interni, bottoni, etc.) e' molto precisa. E direi che per ISS e Soyuz e' fonte autorevole. Nulla sulla capsula cinese ma temo che non vogliano proprio fornire info precise ad Hollywood

Machine Pistole ha detto...

Perdonatemi ma non ho potuto fare a meno di notare la spettacolarità assoluta di Sandra... ha un fisico che senza effetti speciali è semplicemente incredibile, specie per avere 49 anni...
Gli effetti del film sono eccezionalmente realistici, certo che hanno contribuito anche gli attori, con Bova magari l'effetto gravità avrebbe preso altre sfumature... ovvero la gravità della sua pietosa recitazione.
Oltre a questo il film mi pare piuttosto banale, almeno Avatar era più avvincente.

martinobri ha detto...

per esempio, la storia di Spazio:1999 funzionava molto bene

Per forza, c'era Zienia Merton.

andrea9002 ha detto...

Sono daccordo con tutti gli apprezzamenti sulla Bullock!!! :)

Comunque se vi è piaciuto Gravity non perdetevi lo spin off!!! ;)

http://youtu.be/5lUdjJnQoD4

martinobri ha detto...

Il link seguente è superfluo per chi all'epoca aveva almeno 13-14 anni.


Zienia Merton


Paolo Attivissimo ha detto...

Martinobri,

Per forza, c'era Zienia Merton.

Sia portata una birra a quest'uomo di indubbio buon gusto. All'epoca mi presi una cotta formidabile.

Stupidocane ha detto...

Io ero troppo piccolillo per seguirla. A 7/8 anni preferivo seguire le lucertole. Però delle poche puntate che ho visto, mi è rimasta impressa quella con le sopracciglia rasta... (e qui mi sono giocato birra, focaccia e forse la stima di qualcuno) :)

Stupidocane ha detto...

Spigolatura: Zienia sarebbe un nome improponibile in italiano. Vi immaginate avere una zia che è anche uno scioglilingua?
Se poi magari la moglie di suo zio (nota per il temperamento scontroso) soffrisse anche di alopecia, il preparato per mitigarla avrebbe risvolti tragicomici: la lozione della iena dello zione di zia Zienia...

granmarfone ha detto...

Stu… devi essere un autore di Zelig o Spinoza!

martinobri ha detto...

All'epoca mi presi una cotta formidabile.

Siamo in molti qua dentro.

Tra tutte le convention di fantascienza a cui hai partecipato non ti è mai capitato di conoscerla?
O qualcun altro della serie?

Stupidocane ha detto...

All'epoca mi presi una cotta formidabile.

Siamo in molti qua dentro


See come no... visto che vi piace fare gli sboroni, alla prossima cena de iDisinformatici dovete venire tutti con la cotta. E dev'essere minimo di mithril per essere giudicata "formidabile"...

Tze... tutti cavalieri qua...

:D

Il Lupo della Luna ha detto...

Ho detto la "storia" non la "topa" :o Comunque si, sono d'accordo.

Maria Rosa ha detto...

Personalmente ho trovato "Gravity" un bel film e me sono rimasta sulla poltroncina del cinema trattenendo il fiato per circa 90 minuti, sebbene i personggi principali corrispondessero a molti stereotipi (il veterano esperto e la giovane alla prima missione con un tragico passato alle spalle).
Ma forse solo perché sono una mente semplice.
Gli effetti speciali utilizzati mi hanno affascinato e penso che andrò a leggermi i link che avete segnalato con le spiegazioni di tante cose tecniche (che magari a me sono sfuggite) e pure quello che mette in luce tutti gli errori. Grazie!

Ho solo un problema: pure io ho trovato Sandra Bullock bellissima (mentre, dopo cinque minuti di film, ho sperato che i detriti travolgessero George Clooney!)... Forse devo farmi vedere da uno bravo!

illustrAutori ha detto...

Son da sempre d'accordo con Martino ;-)

martinobri ha detto...

Stu… devi essere un autore di Zelig o Spinoza!

No, quello è mestiere. Stupidocane è così di natura.

martinobri ha detto...

Cià, rincariamo la dose.

http://www.iodonna.it/moda/news-tendenze/2014/sandra-bullock-look-people-choice-awards-401847925975_3.shtml#center



Comunque, raga, siete invecchiati. Già non ci sono più quei bei flames etico-religiosi di una volta, dove volavano mouse e tastiere; qui, anche in presenza di un assist come questo, per arrivare a parlare stabilmente di donne ci avete messo un bel quindici commenti. Una volta sareste stati più pronti.

Stupidocane ha detto...

Già non ci sono più quei bei flames etico-religiosi di una volta, dove volavano mouse e tastiere; qui, anche in presenza di un assist come questo, per arrivare a parlare stabilmente di donne ci avete messo un bel quindici commenti. Una volta sareste stati più pronti.

Che vuoi mai... dopotutto si sa che tira più un'ostia che un pelo d... no speta... o era tira più ostie una tipa che si inceppa un pelo nella zip... mah...

Claudio ha detto...

Bellissimo film, l'ho apprezzato vedendolo semplicemente sulla TV di casa (per quanto piuttosto grande), non oso immaginare cosa sia stato vederlo in una sala IMAX!!!