skip to main | skip to sidebar
3 commenti

Yahoo Spiona?

Antibufala: Yahoo traccia gli utenti!

Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "ninob****", "dipaolo.****" e "pzenco".

Sta circolando da circa metà gennaio 2006 un allarme secondo il quale chi usa i gruppi di Yahoo viene "tracciato", registrando "ogni sito Web e ogni gruppo" che visita. Ecco il testo dell'appello:
Fonte www.disinformazione.it

Se appartenete a un QUALSIASI gruppo di Yahoo - state attenti che Yahoo sta usando i "Web Beacons" per tracciare ogni utente dei gruppi Yahoo. Si tratta di una cosa simile ai cookies e che permette a Yahoo di registrare ogni sito web e ogni gruppo che venga visitato, anche se non si è connessi a Yahoo.

Consultate il loro aggiornamento sulla privacy su http://privacy.yahoo.com/privacy

Circa a metà pagina verso il basso, nella sezione sui cookies, vedrete un link che dice WEB BEACONS.

Cliccate sulla frase "Web Beacons." Nella pagina che si apre, troverete un paragrafo intitolato "Outside the Yahoo Network."

In quella sezione c'è un piccolo link "Click Here to Opt Out" che vi permetterà di "opt-out" (uscire) dal loro tracciamento. State attenti! NON cliccate sul bottone che apparirà successivamente. Si tratta di un bottone di re-ingresso che, se cliccato, annullerà l'uscita dal tracciamento.

Si noti che l'invasione di Yahoo della nostra privacy - e della nostra possibilità di sottrarvicisi - non è legata all'utente. Bensì è specifica della MACCHINA. Ciò• significa che dovrete azionare l'opzione di uscita su ogni computer (e browser) che voi usiate.

fonte www.disinformazione.it
Una volta tanto, la fonte dell'allarme è facilmente individuabile: è citata nell'appello, sia pure in forma incompleta, ed è il sito Disinformazione.it (o .info), specificamente in questa pagina.

A sua volta, però, Disinformazione.it ha attinto la storia da un altro sito, Rense.com, che ripete l'allarme in inglese e rimanda a un altro sito, About.com, e specificamente a una sua pagina risalente a maggio 2005.

La pagina di Yahoo citata dall'appello esiste (è la descrizione, in inglese, della politica di riservatezza dell'azienda) e contiene effettivamente un rimando a una pagina che parla dei "web beacon": si tratta di piccolissimi file (di solito immagini da un pixel) che vengono inclusi spesso nelle pagine Web per consentire di contare quante volte sono state viste. Yahoo e le società che collaborano con Yahoo o sono sue clienti possono includere questi mini-file nelle proprie pagine o nei propri e-mail per ricavarne statistiche di lettura: una sorta di Auditel per la Rete.

Questo è ben diverso da quello che dice l'appello, che parla di "registrare ogni sito Web e ogni gruppo che venga visitato". In realtà possono essere acquisiti dati statistici soltanto sulle visite fatte ai siti che collaborano con Yahoo. Se per esempio visitate il mio sito o il mio blog, o Disinformazione.it, che non usano i "web beacon" di Yahoo, Yahoo non ha alcun modo di sapere della vostra visita. Yahoo può sapere soltanto quando visitate un sito che è suo partner commerciale.

Se utilizzate i gruppi di Yahoo, tenete presente che anche la posta gestita tramite questi gruppi può contenere lo stesso sistema di tracciamento, per cui è tecnicamente fattibile per Yahoo farsi un'idea abbastanza precisa delle vostre attività nell'ambito di Yahoo e dei suoi gruppi. Ma è ancora da dimostrare che lo faccia. Yahoo, nelle sue pagine di privacy, dice sostanzialmente che non lo fa.

Va detto che è comunque abbastanza futile preoccuparsi di questo tracciamento basato su "Web beacon" se usate Yahoo per le vostre discussioni private: in tal caso, infatti, Yahoo ha già sui propri computer tutto quello che avete scritto nei gruppi, e il "web beacon" è superfluo.

In ogni caso, se desiderate evitare questa forma di "sorveglianza", potete usare il link fornito da Yahoo per disattivarla. Come dice giustamente l'appello, la procedura va ripetuta per ogni browser e per ogni computer che adoperate per visitare Yahoo. E' inoltre opportuno disattivare la visualizzazione delle immagini remote nella posta, cosa che dovreste già fare comunque per ben altre ragioni (virus e spam pornografico, per esempio), e più in generale conviene disattivare la visualizzazione dell'HTML nella posta, come consiglio nel mio Acchiappavirus.

Se preferite uno spiegone in italiano, usate le pagine equivalenti di Yahoo Italia che spiegano la politica della privacy di Yahoo e l'uso dei Web beacon. Quest'ultima pagina contiene anche il link che permette di disattivare il tracciamento effettuato tramite Web beacon. Disattivandolo, otterrete la schermata mostrata all'inizio di questo articolo.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (3)
ciao paolo, e ciao a chi legge... scusate il disturbo, ma non ho capito una cosa: anche chi usa semplicemente la posta di yahoo (e quindi tutto ciò che fa è avere un indirizzo e leggere la posta direttamente dal sito) viene "tracciato" e quindi deve seguire la procedura che descrivi per evitare il tracciamento? grazie in anticipo.

marco.
In verità, questi piccoli file vengono usati più per comodità che per altro, per esempio per facilitare le statistiche. Yahoo (come tutti i proprietari di siti) è sempre e comunque in grado di capire cosa abbiate fatto (navigato, guardato la posta, etc. etc.) dal momento in cui vi autenticate al momento in cui "uscite". Ma ripeto, ciò accade su tutti siti che richiedono l'autenticazione. E d'altronde, perché così non dovrebbe essere? Che senso ha voler utilizzare i loro servizi e non volere che sappiano che li si usi? Vogliamo entrare in casa loro e farlo "di nascosto", come ladri?
Qui non c'entra la privacy, è l'ennesima forma di allarmismo ingiustificato.

--giuliop
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.