skip to main | skip to sidebar
13 commenti

Paura del Wifi?

Antibufala: attenti al panico inutile per le emissioni del Wifi


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "r.minoli" e "luciamodella".

Con il diffondersi della tecnologia Wifi, la comodissima soluzione che permette di evitare di disseminare cavi e cavetti per casa e negli uffici, sostituendoli con un'antennina discreta che porta Internet in tutto l'ambiente, inizia a diffondersi l'inevitabile paura della tecnologia. Ricalcando fedelmente gli allarmi per la presunta pericolosità dei telefonini, ora arriva la paura del Wifi, che emetterebbe radiazioni pericolose.

A parte l'infelice uso del termine radiazioni, che evoca incubi nucleari, il problema nasce dalla poca comprensione di un concetto basilare, ossia il dosaggio: qualsiasi sostanza o effetto fisico è dannoso o meno a seconda delle dosi applicate. Il peperoncino, per esempio, fa bene a piccole dosi, ma una scorpacciata può avere conseguenze micidiali.

La preoccupazione per il Wifi si muove su due fronti: uno è quello degli access point, ossia le antennine fisse, che emettono pressoché costantemente onde radio; l'altro è quello dei dispositivi Wifi integrati nei computer, che non hanno emissioni così continue ma, soprattutto nel caso dei laptop, sono a distanza ridottissima dal corpo dell'utente (e in particolare da alcuni organi molto cari alla popolazione maschile).

Visto il dilagare del Wifi nei luoghi pubblici (bar, sale d'attesa e ristoranti) e nelle scuole, i non addetti ai lavori hanno cominciato ad additare questa nuova forma di inquinamento elettromagnetico. Ma cosa c'è di reale in tutte queste paure?

Molto poco: è scesa in campo la BBC, che ha dedicato al tema una puntata del programma Panorama che chiarisce i termini del problema. I rilevamenti delle emissioni WiFi condotti durante la trasmissione in una scuola sono risultati 600 volte inferiori ai limiti di sicurezza e tre volte superiori al segnale emesso da una stazione radio base della rete cellulare. A seconda di come vengono presentati questi due dati, è facile creare ansia e panico o tranquillizzare eccessivamente l'opinione pubblica.

Sono dati da calare in un contesto: l'ente britannico per la tutela della salute ha dichiarato che stare per un anno in una zona servita dal Wifi espone allo stesso dosaggio di una telefonata cellulare di venti minuti. Va anche notato che le onde radio fanno parte del nostro ambiente da ormai un secolo e non ci sono effetti scientificamente documentati di conseguenze derivanti da emissioni ai bassi dosaggi ritenuti appunto sicuri. L'Organizzazione Mondiale per la Sanità ha condotto uno studio sulla presunta pericolosità del Wifi, la cui conclusione è che sulla base dei "bassissimi livelli di esposizione e dei risultati di ricerca raccolti fin qui, non ci sono prove scientifiche convincenti di effetti nocivi sulla salute da parte dei deboli segnali RF delle stazioni base e delle reti senza fili".

Anzi, paradossalmente lo stesso documento dell'OMS rivela un aspetto che pochi avranno considerato prima di impanicarsi per il WiFi: a causa della loro frequenza più bassa, a parità di esposizione fannno più male i segnali delle antenne radiotelevisive. "Il corpo assorbe fino a cinque volte più segnale dalla radio FM e dalla televisione che dalle stazioni base" Inoltre, nota lo studio, che le stazioni radio e TV trasmettono da cinquant'anni e non ci sono state conseguenze sulla salute.

A parte, s'intende, i danni sociali e cerebrali derivanti dall'ascolto e dalla visione di certi programmi.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE: l'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che per poterla visualizzare senza problemi dovete assicurarvi che il vostro browser (tramite l'azione di qualche estensione, tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o altri programmi di protezione (antimalware, tipo Kaspersky) non la blocchino per qualche motivo e inoltre che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (13)
questo è davvero molto interessante. alle volte gli allarmismi fanno addirittura più "vittime" delle bufale classiche.
Scusate, il telecomando fa male anche quello? Se la risposta é sì, comincio a fare testamento!
>Scusate, il telecomando fa male anche quello? Se la risposta é sì, comincio a fare testamento!

Certo che fa male: se premi i bottoni sbagliati, la tua salute intellettuale ne risentira'
Scusate la battuta scontata, ma il pulsante sbagliato è quello con scritto "ON" ?
:-P
Uno qualsiasi, dato che basta premere per un qualsiasi canale per accendere la TV...

Un consiglio agli impanicati da onde radio: potrebbero proteggersi con una piccola gabbia di Faraday personale portatile. Per esempio, basta avvolgersi il cranio con carta stagnola...
certo, emissioni basse non dovrebbero causare danni alla saluta...
che però non ci siano mai stati danni in 50 anni di radio non lo affermerei con certezza, soprattutto per via di quella strana fissazione degli abitanti vicino ai ripetitori di radio maria... ah già mi pare la chiamino leucemia........
Bella forza: Radio Maria ha dei segnali così potenti che si riceve persino sulle otturazioni dei denti...
Approposito di Bufale, vorrei segnalare quella mandata in onda ieri da Strisica La Notiza, una volta tanto sono loro gli attapirati
http://www.leggeramente.it/
Per Vittorio: sia per il wi-fi che per ogni altra radioemissione esistono limiti di legge proprio per salvaguardare la salute. Che poi RadioMaria possa emettere 1,21 gigawatt di segnale dalle sue antenne senza conseguenze, in virtù di taciti permessi da parte dello Stato, è un altro discorso. Se il tuo vicino di casa per avere la porta robusta la costruisce in uranio impoverito, e poi tu prendi il cancro, non è certo colpa dei limiti di legge o delle radiazioni, è colpa del vicino.

Per Gdl: sarebbe interessante vedere se hanno gli "attributi" per auto-consegnarsi un tapiro... però a chi lo dai? Ai tecnici, alla redazione, al presentatore, al prestigiatore...?
Grazie per la chiarezza. Solo su una cosa non sono tanto convinto... perché le onde a bassa frequenza dovrebbero fare peggio per il corpo umano? Io pensavo che telefonini e wi-fi "viaggiassero" sulle microonde, il che vuol dire frequenza di risonanza dell'acqua (cioè l'acqua si scalda) e poiché l'uomo è fatto sostanzialmente di acqua... Boh, magari sbaglio,leggerò il documento dell'OMS.
Certo, quello che importa alla fine è la potenza del segnale.
Bassa frequenza, bufala anche quella: quelle più pericolose sono le onde ad alta frequenza, perchè trasportano più energia nell'unità di tempo. Inoltre, telefonini, radio, TV e radiotrasmissioni in generale viaggiano su frequenze molto più basse delle microonde, che vengono usate appunto nei forni facendo risuonare le molecole d'acqua, o in particolari radar. Fanno parte anche delle emissioni di alcuni corpi celesti... ma qui andamo fuori argomento.
Personalmente ho sentito che l'emissione di un'antenna wifi sia in media 1/10 di quella di un cellulare, con l'enorme vantaggio di non tenersela pericolosamente vicina alle zone "erogene".

A meno che uno non si infili il laptop nelle mutande, ma lì sono problemi suoi...

PS: mi sono divertito un sacco a leggere l'acchiappavirus che ho scaricato e, una volta letto, ho acquistato in libreria (viva la logica...) Devo dire che la mia opinione su windows non fa altro che calare di giorno in giorno...
A quando un altro bel libro di informatica, magari sul Mac o su Linux?
si da il caso però che il ministero della salute francese di recente abbia fatto rimuovere il wi-fi da tutti gli uffici pubblici in seguito all'aumento abnorme (50%)di cefalee,nausee e addirittura problemi muscolari accusati dai dipendenti .
Ok, non creiamo allarmismo ma nemmeno possiamo tranquillizzare la popolazione visto che è sottoposta a un qualcosa di cui non esiste ancora letteratura medica.
Personalmente non mi fa piacere quando un governo spinto da interessi di tipo economico permette a grandi aziende mondiali di usarci come cavie perchè tanto..."poi si vedrà ! "