Cerca nel blog

2007/05/08

Anticopia HD-DVD ancora bucato: la rivolta

Rivolta degli utenti contro il bavaglio sulla chiave dell'anticopia degli HD-DVD

Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "pietro.pi****" e "ngila".

Il sistema anticopia degli HD-DVD è stato bucato. Di nuovo. La differenza, stavolta, è che l'organizzazione che coordina l'uso del sistema, denominato AACS (Advanced Access Content System), ha iniziato a inviare lettere di cease and desist (una sorta di diffida legale) ai siti come Digg che hanno pubblicato la chiave di cifratura segreta scoperta dai ricercatori. Digg ha inizialmente ubbidito alle diffide, ma poi si è schierata con gli utenti, scatenando un putiferio. Il risultato, piuttosto prevedibile, è che il numero di siti che pubblica la chiave è aumentato a dismisura. Bella mossa.

Non solo: per evitare le diffide, e per mostrare quanto sia inefficace e ridicola la richiesta di tenere un segreto che ormai non è più un segreto e di non pubblicare un numero, vengono inventati metodi sempre più originali. Boing Boing ha raccolto dei fotomontaggi che mostrano la chiave che non si deve nominare, e gli utenti hanno già iniziato a creare poesie, sudoku, magliette, quiz, video Youtube e mille altre maniere per pubblicare la chiave sotto la tutela del diritto d'espressione.

La questione è più spinosa di quanto possa sembrare. Secondo una interpretazione dei fatti, i ricercatori avrebbero pubblicato un segreto industriale. Pubblicare una chiave dell'AACS sarebbe come rivelare il codice del caveau di una banca: un gesto sconsiderato che apre le porte alle razzie dei disonesti.

Ma non tutti sono di questo parere. La pubblicazione e la successiva diffida, secondo alcuni, non farebbero altro che rivelare la follia dell'anticopia e l'effetto pericoloso delle leggi statunitensi sul copyright, in particolare la controversa DMCA (Digital Millennium Copyright Act). Dice per esempio Cory Doctorow: "se mai c'è stato un esempio del perché la DMCA deve morire, è questo. L'idea che sia illegale possedere un numero di sedici cifre, parlarne a scuola o pubblicarlo su un sito di notizie è un insulto a un paese dove la libertà d'espressione è al primo posto della Costituzione."

Gli aspetti legali della pubblicazione di questa chiave sono discussi dalla Electronic Frontier Foundation. Ed Felten, professore di Princeton e noto ricercatore nel settore della sicurezza informatica e del DRM (Digital Rights Management) anticopia, ha osservato che il comportamento dei titolari del sistema AACS è equivalente ad asserire di essere i proprietari di un numero e che nessun altro ha il diritto di usare quel numero: a dimostrazione dell'assurdità della pretesa, derivante dall'applicazione della legge DMCA, ha creato una pagina che permette a chiunque di diventare "proprietario" di un numero a 128 bit e di diffidare (in base alla legge) chiunque altro dall'usare quel numero. Portata alle sue estreme conseguenze, quest'iniziativa renderebbe illegale qualsiasi sistema di protezione basato su numeri a 128 bit. Un autogol piuttosto eloquente.

L'assurdità della situazione attuale viene messa ulteriormente in mostra dal comunicato della AACS LA, coordinatrice della gestione del sistema anticopia in questione, che asserisce che il numero (non un programma o un dispositivo, ma il numero stesso, nudo e crudo) è un circumvention tool, ossia un grimaldello o uno strumento di elusione dell'anticopia.

C'è poi la questione della copia legale dei supporti acquistati: sapendo che i CD, DVD, Blu-Ray e HD-DVD hanno una vita prevista di circa vent'anni (nelle normali condizioni di conservazione domestica, la plastica del disco si deteriora), l'acquirente dovrebbe avere il diritto di tutelare il proprio investimento. Ma questo è impossibile per via dell'anticopia.

L'intero pasticcio rivela chiaramente non solo i limiti delle attuali leggi sui sistemi anticopia ma anche quelli dei sistemi anticopia medesimi: qualsiasi tecnologia anticopia nella quale le chiavi vengono disseminate in milioni di apparecchi e messe in mano all'utente, e nel quale è sufficiente che un solo dispositivo al mondo scavalchi la protezione, è destinato a fallire miseramente, facendo ricadere sugli utenti i suoi costi inutili. Tanto i pirati sanno già come procurarsi i film su HD-DVD. Secondo The Register, è già stata trovata una nuova falla nel sistema anticopia. La tecnica è complicata e richiede un saldatore, ma non è un problema: basta appunto che un solo dispositivo al mondo sia modificato in questo modo, e l'intero repertorio di HD-DVD e Blu-Ray è sproteggibile.

L'unica conseguenza di tutto questo tentativo di lucchettare quello che non si può lucchettare è che chiunque acquisti un lettore HD-DVD o un impianto TV ad alta definizione è trattato come il nemico: gli apparecchi devono usare cavi blindati crittograficamente e devono essere dotati di chip di comunicazione cifrata, altrimenti niente alta definizione.

Comperare un impianto di questo genere è diventato un autentico rompicapo. Un televisore marchiato "HD ready" è in grado di riprodurre l'alta definizione, direte voi: c'è pure scritto. Nossignore: deve anche avere un connettore HDMI, che lavora insieme con la protezione anticopia HDCP, e tutti gli elementi dell'impianto devono avere le stesse protezioni. Chiaro, no?

Ma all'utente finale, a noi consumatori, quanto costa tutta questa complicazione e tutto questo lucchettamento inutile?

33 commenti:

Francesco Sblendorio ha detto...

Come diverrebbe utile, come andrebbe utilizzato il codice "segreto" che è stato scoperto?

--stefano-- ha detto...

Credo creando un tool apposito (ce ne sono già) che utilizzando quella chiave è in grado di leggere il supporto HD DVD dal lettore e crearne una copia sprotetta su hard disk, per poi condividerla in rete o conservarla come copia di back up in attesa di avere i masterizzatori per poterla masterizzare.

Va detto che però con le attuali connessioni broadband, non so quanto gli hd dvd rippati possano propagarsi perchè scaricarsi 20GB o più con i programmi p2p richiede ancora tempi biblici.

Non a caso ancora oggi spesso si trovano in rete sia le rippate degli interi DVD (4.3 GB) che le versioni "depurate" da contenuti extra e encodate lossy, con divx o xvid, perchè a meno di uploader particolarmente generosi in termini di banda, scaricarsi 4 giga con una adsl può essere ancora inaccettabilmente lungo.

Anche le dimensioni delle rippate HD-DVD non sono trascurabili, se è pur vero che gli hard disk sono sempre più capienti e costano sempre meno, è anche vero che per conservarsi una decina di titoli rippati da hd dvd partono tranquillamente 250 GB... e i masterizzatori non sono ancora in commercio.

Bisognerà anche vedere quanto costeranno all'inizio masterizzatori e supporti vergini, e se il gioco vale la candela.

--stefano-- ha detto...

Preciso che AACS ha già dichiarato di aver revocato quella chiave, ma tutti i titoli comercializzati finora hanno utilizzato quella chiave e quindi sono rippabili.

Francesco Sblendorio ha detto...

Io non ho un lettore HD-DVD. Conosci il nome di qualcuno di questi tool?

blu-flame ha detto...

"Comperare un impianto di questo genere è diventato un autentico rompicapo. Un televisore marchiato "HD ready" è in grado di riprodurre l'alta definizione, direte voi: c'è pure scritto. Nossignore...."

Un televisore hd e ridi ha il vantaggio di essere in grado di visualizzare un'immagine CHE NON E' HD se connesso ad una sorgente HDMI che trasmette uno stream HD.

Contorto vero?

Forse e' meglio opporsi alla HDMI...

http://allarovescia.blogspot.com/2006/04/un-altro-pollo-si-e-beccato-llcd.html

http://allarovescia.blogspot.com/2007/01/le-grandi-stupidate-hi-tech-del-2006.html

sig!

blu-flame ha detto...

Dimenticavo:

Un televisore hd e ridi LCD NON E' in grado di raggiungere la qualita' PAL quando connesso ad un segnale televisivo.... diverso da un raster di 768 linee.... ovvero sempre!

:-P

blu-flame ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Rodri ha detto...

Come spiegato da Stefano, l'utilità di tale codice alla fine è forse relativa, ma in fondo è il concetto di base che conta, ovvero che le reazioni di chi le protezioni le ha create porta al "sollevamento" del web e quindi alla consapevolezza globale dell'inutilità di tali protezioni.

Paolo Zago ha detto...

@ blu-flame: la questione dell'LCD e del segnale PAL standard si riferisce unicamente al formato 4:3. Se parliamo di 16:9 (che nonstante le critiche dei post che citi, secondo me è il migliore per vedere i film, perchè sfrutti comunque meglio lo spazio disponibile) le trasmissioni a definizione standard PAL 16:9 hanno una risoluzione di 1024x768, anamorfica, da "spalmare" sui 1280x768 dei televisori HD Ready senza problemi.

Paolo Zago ha detto...

Ops, in realtà 1024x768 è il PAL 16:9 per la TV digitale a definizione standard... beh, comunque il passaggio e' solo una questione di tempo, forse ;)

blu-flame ha detto...

la risoluzione del pal e' 840*576(i) in 16:9...
Quindi con un raster di 768p che deriva dal mondo pc puoi usarlo al massimo per giocare a doom...

Pape ha detto...

Purtroppo, le attuali implementazioni delle DRM sono ridicole, oltre che fallimentari. E la questione legale è quasi una barzelletta, considerando che è già la seconda volta che un numero è considerato illegale (quindi chi usa programmi come Mathematica non lo potrà visualizzare sui suoi calcoli?).

Una sola precisazione sul suo articolo (che mi trova per una volta d'accordo con te sulla questione DRM ^_^): i televisori HD Ready sono TUTTI dotati di porta HDMI con supporto HDCP. Se compri una TV col logo HD Ready, non avrai problemi a visualizzare HD-DVD, Blu Ray e SkyHD.

Pape

Pape ha detto...

[quote]
Un televisore hd e ridi ha il vantaggio di essere in grado di visualizzare un'immagine CHE NON E' HD se connesso ad una sorgente HDMI che trasmette uno stream HD.
[/quote]

Falso! Escludendo un problema relativo a Sky (colpa dell'emittente, non del protocollo), un HD-Ready accetta senza problema alcuno contenuti protetti. Ovvio che non tutti gli HD-Ready hanno problemi con Sky, ma solamente una piccola percentuale.

Pape

--stefano-- ha detto...

"Escludendo un problema relativo a Sky (colpa dell'emittente, non del protocollo), un HD-Ready accetta senza problema alcuno contenuti protetti"

Ma dai? Come è possibile? Ma il protocollo di trasmissione non è standardizzato? Allora come mai alcuni HD ready hanno problemi e il resto no? Non la sapevo questa.

A proposito come trasmette SkyHD? 720p?

Spero che SKY possa risolvere il problema a breve, altrimenti sai che mazzate :D

--stefano-- ha detto...

SkyHD

"Stai per vivere un'esperienza sensazionale"

"Un'esperienza che non hai mai provato prima"

"Hai appena comperato il tuo plasma full HD da 2000 euri"

"Hai appena sottoscritto il nuovo abbonamento a SkyHD"

"Mettiti comodo, lo spettacolo sta per cominciare"

"Sei pronto? Buona visione!"

Argh! Ma cos'è sto schermo nero? Bonk bonk! ma che è? non si vede niente! €@!//£*§ !!! ^O^

Pape ha detto...

Ciao Ste,

il problema di Sky suppongo stia nel decoder, che abbinato con alcuni televisori, crea problemi.
Sembra che un aggiornamento del firmware (e il cambio gratuito dei decoder con altri modelli, come il PACE)abbiano praticamente risolto tutti i problemi.

Sky attualmente trasmette a 720p sui suoi canali HD.

Pape

blu-flame ha detto...

" un HD-Ready accetta senza problema alcuno contenuti protetti. Ovvio che non tutti gli HD-Ready hanno problemi con Sky, ma solamente una piccola percentuale."


E' esattamentente quello che ho detto: "un HD-Ready accetta senza problema alcuno contenuti protetti" e' un altro modo di dire la stessa cosa

Che poi sia in grado con uno stream HD di generare Una qualita' HD questo e' esattamente un altro paio di maniche!!!! Vedi delle macchie colorate.

Ovvero per nyquist http://it.wikipedia.org/wiki/Harry_Nyquist
un hd ready, se non ci sono premasticazioni a monte, avra' una qualita' ignobile, inferiore notevolmente al PAL. Quindi perche' comprarlo rispetto ad una matrice PAL?

NB
un televisore A MATRICE per vedere il pal deve avere o 576i di raster o maggiore di 1200i

Lo spalmare si puo' fare sui cinescopi... ecco perche' (uno dei 7/8 motivi) un crt e' superiore.

Pape ha detto...

Scusa Blu-Flame, avevo letto con fretta, fraintendendo il tuo msg ^_^.

Per quanto riguarda il discorso della qualità, da grande appassionato di audio/video non posso che essere d'accordo con te.
Certo è che usando filtri come DScaler o FFDSHOW (o scaler hardware di elevata qualità), riesci a fare un upscaling dell'immagine che tutto sommato non è disprezzabile, per quanto mai preciso come il CRT.

Pape

Paolo Zago ha detto...

@blu-flame: non avevo mai sentito 850x576 per il PAL analogico 16:9,
mi pareva di ricordare che fosse sempre 768x576 anamorfico, ma posso facilmente sbagliare. Magari e' il PALplus? Ma non e' questo direi il centro del discorso.

Sono perfettamente d'accordo che per vedere il segnale PAL standard gli LCD "HD Ready" siano tutt'altro che l'ottimo, pero' il problema è la fase di transizione: ora abbiamo PAL analogico 4:3 (pure con i punti non "quadrati", giusto per aumentare il casino) e 16:9 anamorfico), PAL digitale SD 16:9, PAL digitale HD 16:9. Un bel macello, ovvio che a qualcosa nella transizione si deve rinunciare. Probabilmente è da fessi prendere ora un LCD HD Ready perche'

1) non ti godi il PAL standard analogico

2) ancora non ci sono contenuti in abbondanza di tipo HD

3) il digitale PAL SD anncora non ha molto piede e non ho ancora capito che risoluzione abbia (su wikipedia parlano di PAL a 1024x768 ma non mi pare un profilo dell'MPEG2, boh...)

E' innegabile che avere delle risoluzioni più "umane", omogeneamente 16:9, con pixel magari quadrati aiuterebbe di molto la chiarezza (e il lavoro di chi si occupa di video ;D). Del resto, all'atto pratico, quanto e' grosso e ingombrante un "grosso" TV a tubo catodico?

blu-flame ha detto...

"non avevo mai sentito 850x576 per il PAL analogico 16:9"

il pal ha un raster di 576i con risoluzione di 360 linee trasmissibili (alias 768 pixel) ma puo' arrivare a 520 in configurazione da urlo (6 Mhz, cavo S, alias 1100pix, sempre in 4/3)

Comunque per vedere il pal in 4/3 su di un pannello 16/9 devi avere minimo 900pix (per low quality), meglio 1500 circa, cioe' 1500*576i

l'848 deriva dai pannelli per l'ntsc16/9: 848*480

"mi pareva di ricordare che fosse sempre 768x576 anamorfico"
una cosa e' prendere un segnale 768*576i anamorfico, ma per stirarlo, se digitale, devi avere 1600*576i di pannello

" Probabilmente è da fessi prendere un LCD HD Ready"

Questo e' il vero significato di tutte le menate :-)))

Per quanto riguarda il deinterlaccio, gli scaler &c l'unica cosa vera e' che e' meglio buttarli: su proiettori CRT (risoluzioni fino a 1600 righe di raster) che si permettono di agganciare qualsiasi risoluzione intermedia ho visto in azione scaler da 4000 euri (su proiettori da 20.000 il gioco e' adeguato di prezzo) l'unica cosa certa e' una miglior compattezza dei colori (per via del multiritraccio) unita ad un errore nel tempo ed una diminuzione qualitativa generale: uno schifo.... tra con e senza, certamente un pianeta a parte ripetto ai pannelli.

Purtroppo i pannelli plasma, dlp, lcd,lcos etc li dovete comprare per la risoluzione che utilizzerete: non ci sono scappatoie se non quella di accontentarsi assai....


"Del resto, quanto e' grosso e ingombrante un "grosso" TV a tubo catodico?"

Questo e' l'unico limite del nostro: salvo di usare un videoproiettore tritubo magari un 8" :-)

Hayabusa ha detto...

Mi chiedevo... ma se uno registra come trademark la sequenza, poi può fare causa alla AACS? :-D

Stella ha detto...

Un tizio se l'é anche tatuato... si trova la foto su modblog...

Iilaiel ha detto...

Cioè tutti sti post per dire che lanormale tv si vede così cosi.
Dove lavoro io hano meso due tv lcd e la normale tv non si vede così male.

La domanda del cinefilo che non ha lo spazio per il tritubo è: ma dvd, hddvd, bluray e PS" si vedono bene?
Cioè... se mia madre si vede Grissom un po' sfarfallato non è che ci piango, ma se mi sfarfalla il bluray di Kurosawa mi incazzo come uno ieneto.

Francesco Sblendorio ha detto...

@iiliael:

Non sono un cinefilo, ma... i DVD hanno una risoluzione secondo me abbastanza elevata che proprio non vedo la necessità di una maggiore.

Dato che sono un acquirente di DVD, spero che continuino a produrre film anche su tale (oramai "vetusto") supporto

blu-flame ha detto...

"La domanda del cinefilo che non ha lo spazio per il tritubo è: ma dvd, hddvd, bluray e PS" si vedono bene?"

si vedono bene a seconda di una serie di fattori:
Il DVD consente uno stream di 8Mb/s (se registrato bene, e spesso non lo e' scadendo piu' o meno in zona VHS), ragguardevole ma inferiore alla DV (25Mb/s MB e opta per una compressione sul singolo frame)
Il SVHS e' piu' performante del DVD ma piu' rumoroso.

Direi che di base questi formati, e a maggior ragione quelli nuovi BD & HD-DVD, forniscono cio' che devono.

Diversa e' la qualita' di altre "cose" spacciate come HD es hd on ip (fastweb e alice) che ovviamente NON HANNO un link con mcr di 40Mb/s alias.... Stessa cosa con sky: ho dei demo su SVHS che si pappano tutta questa gente in pseudoHD.

Poi, la parte + importante il TV.

Ad oggi non esiste nessun pannello LCD in grado di vedere Grissom come il mivar della nonna.
Esistono dei plasma full pal ma sono snobbati per ... (che ridere hahaha) la bassa risoluzione cat*aloghesca.

Qundi salvo di optare per un cinescopio, per gustare un BD dell'amico nipponico (segando DVD e grissom) sarai costretto ad avere un pannello di 1920*1080 (dlp,lcd, lcos,plasmazz, led o qullo che vuoi).

PS ci sono dei tri grandi 30*40*30...

PS2
ricordiamoci che il PAL e tutt'altro che uno schifo e anche in ambito crt erano pochi coloro i quali riuscivano a mettere tutto quel ben di Dio sulla superficie
http://allarovescia.blogspot.com/2006/04/pal-povero-sconosciuto.html

Iilaiel ha detto...

Mai detto che il pal faccia schifo, anzi.

Ma dovendo scegliere se avere un'alta definizione sui programmi televisivi o su cinematografia\videogiochi, prediligo la seconda.
Mi si sfarrlino Grissom e le sorelle Haliwell!!

Di fare canali satellitari HD non ci penso nemmeno. Sganciare l'ira di dio per 4 canali, di cui me ne interesserebbero solo tre, non vale la pena.

Sul lavoro abbiamo su Lcd HD (philips mi pare) collegati al digitale terrestre e non si vede così male. Lo sfarfallamento e il "pixel-stretching" si notano se ti avvicini sotto al metro e mezzo dal tv.

Ehm cough! BD=blu ray?

blu-flame ha detto...

"Sul lavoro abbiamo su Lcd HD (philips mi pare) collegati al digitale terrestre e non si vede così male. Lo sfarfallamento e il "pixel-stretching" si notano se ti avvicini sotto al metro e mezzo dal tv."

La visione ideale di un 4/3 e' 3 volte la diagonale in 16/noNNi un po' meno.

se una qualita' inferiore dalla meta' ad un decimo di un dvd, ricampiononata e su di un mezzo, l'lcd, problematico e' bastante per chi non ha provato hurra' e' un conto.

Forse, quando ho a disposizione un cinescopio Black matrix invar(od un tri a liquido) senza scaler ed un VTR SVHS e una buona antenna RAI (nelle dirette) ti faccio fare un giro.

Poi pero' avrai un problema, grosso, non potrai piu' entrare in un negozio normale senza che il 90% dei tv lcd&c hdqualcosa ti sembrino GUASTI.

BD=blu ray, si

per anni la massa ha comprato TV improbabili, quando esistevano mezzi con un prezzo qualita' notevole. Poi son passati in massa ad un mezzo (lcd)che persino il piu' grande produttore di elettronica del pianeta (matsushita) continua a non credere possibile. Persino la Sony, molto orientata al marketing e con TV cosi' cosi' (attenzione che e' la M$ dell'elettronica e rischio il linciaggio) non pensava che la massa preferisse al televsore "cosi' cosi'" un tv "bleah". Ha chiuso in 10 giorni 4 impianti e liceziato migliaia di operai di botto.

Iilaiel ha detto...

Io non metto in dubbio che buon viedo proiettore ti faccia scordare tutti gli lcd del mondo.

Il problema è avere i soldi e lo spazio per potersi permettere certe soluzioni.
Se potessi mi farei volentieri la "saletta cinema".

Però, purtroppi, rientro in quella massa di utenti che non può permettersi soluzioni esose.
Pochi soldi e meno di 3m fra dove appenderei il proiettore e dove protrei piazzare lo schermo.

Stavo semplicemente cercando di capire quale può essere il miglior compromesso: ovvero una riproduzione decente del segnale tv satellitare normale (vabbe sfarfallone, ma se tolgo Grissom a mia madre quella mi uccide)* e la miglior qualità possibile su dvd\hddvd\bluray\giochi.

Sò di non potermi permettere l'ideale, cerco un compromesso decente... certo, carissimo blu-flame, se vuoi regalarmi il cinescopio mico rifiuto! :P


*io la guardo solo per addormentarmi la mattina quando rientro dal lavoro, per il tg e per i simpson... sai che me ne frega di vedermi buona domenica in hd.

Ad ogni modo, onde evitare di fare venire un esaurimento nervoso agli utenti per eccesso di off-topic, se ti và di darmi qualche consiglio o di fanculizzarmi ulteriormente meglio fare via mail.

Pape ha detto...

Ciao Iliael,
se (come per molti) il budget è un problema, ti consiglio i Plasma 42" della Panasonic (non ricordo il modello, ma sono quelli che Mediaworld adesso vende attorno ai 1.200 €): risultano spettacolari con materiale HD e videogiochi , e più che dignitosi con programmi televisivi. Ovvio, i DVD non daranno il massimo, ma ormai è tempo di HD-DVD e BLu-Ray, e da videogiocatore, praticamente avrai già il lettore se hai una PS3, o lo puoi comprare per 200 € se hai una Xbox 360.

Pape

Observator ha detto...

"Ma all'utente finale, a noi consumatori, quanto costa tutta questa complicazione e tutto questo lucchettamento inutile?"

A me assolutamente nulla, non ho intenzione di acquistare altri televisori, e se mi tolgono il segnale PAL butto anche quello che ho ed esco più spesso con gli amici.

Non ha senso avere l'alta definizione se i contenuti sono scadenti, e ora come ora i contenuti sono quasi sempre scadenti.

Una dritta: spegnete la tv e uscite di casa. La realtà è già in alta definizione.

blu-flame ha detto...

"Ma all'utente finale, a noi consumatori, quanto costa tutta questa complicazione e tutto questo lucchettamento inutile?"

parecchio:
Gia' oggi le licenze dei DVD , integrando Macrovision, costano esattamente quanto l'HW.

Vi sono degli studi che affermano che un pc vista 100% compatibile con la catena "premium" possa costare un 30% in piu'.

lo schifoso hdmi, ad occhio, penso che possa costare il 20% del tv ripartiti fra licenza e difficolta' di non poter avere in nessun posto del telaio un segnale in chiaro.

La differenza fra un DVD ed un HD-DVD parla chiaro: al di la' della novita' l'unica vera differenza fra i 2 formati consiste nel lucchetto. Il formato e' stato progettato per avere un tasso di similitudine dell'80% con il DVD.... Certo che le economie di scala abbasseranno gran parte del costo, ma oggi 3/4 dei costi sono per il lucchetto.



Ogni periferica dovra' essere compatibile: per esempio un pre BUONO costa 200 euri, un pre AV non costera' meno di 1000 e sara' obbligato ad usare un ampli blindato altrettanto costoso.

Quandi si parlava del TC io dicevo che era gia' fra noi e nessuno mi prendeva sul serio.
Ora se continueranno a comprare periferice TC (trusted) e hdmi diverra' tutto blindato.


"Una dritta: spegnete la tv e uscite di casa" e quandon tornerete con la videocamera non capirete perche' si vedra' male.


Sul plasma la decisione e':
Vedere bene PAL, dvd, DV, vhs, video8, pc, e PS
oppure
vedere bene BD, ps3 e HD-DVD?

Pape ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Pape ha detto...

Sono il primo a criticare l'attuale implementazione delle DRM (che come sottolineato, aumentano effettivamente i costi).

Bisogna anche ammettere che molti commenti mi sembrano limitati da un vizio di fondo: detesto le DRM, quindi HD fa schifo. E lo dimostrano le enormi critiche verso plasma e LCD. Vero che questi non sono in grado di riprodurre un segnale pal come lo farebbe un buon TV CRT, ma forse non avete mai visto un film in HD. Rispetto al DVD, con una catena all'altezza della situazione, c'è un vero abisso.
Costa? Sicuro. Ma anche un impianto audio di qualità non te lo porti a casa con 200 euro: la qualità si paga, eccome, e oltre un certo livello, i prezzi sono stratosferici. Ovvio, non ci vedo niente di male.

Continuo a non capire le varie critiche su plasma e LCD (come se fosse colpa dei produttori degli schermi se devono implementare HDCP). Certo, non vanno bene col PAL, ma l'appassionato che se li compra lo fa per vedere i film in HD, per Sky-HD, o per i videogiochi. Provate una Xbox 360 su un CRT, e vi sembrerà identica alla vecchia Xbox. Provatela su un ottimo plasma, e vi si aprirà un mondo.
Sarà che io la TV la accendo quasi solo per sbaglio, e che per me è solo uno schermo sul quale guardare film e giocare... però prima di criticare la scarsa resa del PAL su schermi HD, penserei alla penosa qualità della TV in generale. Escludendo Sky, che non a caso, sull'HD è in prima linea (e i canali di documentari e sport, fra i migliori, sono in HD).

Pape