skip to main | skip to sidebar
10 commenti

Vista craccato, più facile di XP

Anticopia di Windows Vista bucato, ma occhio alle sorprese


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "vincenza.s" e "adele_c".

La protezione contro la copia di Windows Vista è stata completamente scavalcata, secondo quanto riferito da The Inquirer. Il gruppo denominato NoPE sembra essere riuscito a fare quello che gli altri appassionati di cracking non erano riusciti a fare: trovare una maniera semplice di sproteggere Windows Vista. Erano già in giro alcune tecniche che consentivano di rinviare in eterno l'attivazione e altre diavolerie anti-anticopia, ma erano tutte molto macchinose.

Questa, invece, sarebbe ancora più semplice della versione pirata di Windows XP, per la quale occorreva sempre digitare un numero di serie. Windows Vista usa un'installazione basata su un'immagine del disco, e NoPE avrebbe alterato direttamente quest'immagine per togliere la protezione anticopia: in parole povere, è sufficiente copiare quest'immagine a un DVD per ottenere Vista sprotetto e installabile ovunque (requisiti hardware permettendo).

Questa non è affatto una buona notizia come alcuni taccagni e pirati incalliti potrebbero pensare. Non solo dimostra ancora una volta che le protezioni anticopia sono inutili (anzi, costituiscono una sfida allettante) e causano disagi soltanto agli utenti onesti; ma rischia di essere un forte disincentivo all'adozione di soluzioni alternative. Finché Windows, col suo carico di lucchetti digitali (DRM), rimane copiabile, la scorciatoia più pigra (e illegale, ma tollerata da zio Bill) sarà piratarlo invece di prendere il toro per le corna e passare al software libero. Se fossi un complottista, direi che le protezioni anticopia sono fatte su misura per ottenere quest'effetto: difficili quanto basta per essere allettanti, ma scavalcabili quanto basta per mantenere il monopolio sul mercato.

Un'altra ragione per cui la sprotezione di Vista non è una buona notizia è che come in qualsiasi software di dubbia provenienza, anche nelle copie pirata di Vista può essere annidata qualunque forma di malware. Per cui chi pensa di fare il furbo piratando, rischia di essere fesso due volte: la prima perché mantiene la propria dipendenza, la seconda perché insieme al software pirata installa porcherie devastanti per lui e per gli altri.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (10)
E brava Microsoft.
Come si suol dire: "Tanto puzzo per nulla."
Interessante anche il ragionamento di Paolo sulla presunta difficoltà di craccare Windows, che poi tanto difficile non è: una copia craccata è comunque una copia di Windows in più in circolazione.
Anche se a questo punto mi viene da pensare, perchè non risparmiano tempo, risorse e denaro ed evitano direttamente di mettere protezioni: comunque quelli che vogliono essere in regola con la Finanza compreranno le copie regolari, e quelli che vogliono piratare mantenendo la diffusione lo faranno senza troppe difficoltà. Ovvero quello che già succede.
Aspetta, forse è proprio questo ragionamento ad inficiare l'ipotesi del "complotto" di Microsoft...
Piccolo OT:
"The longer-term impact of network access interoperability is not just Microsoft working with us, but the move to hardware-rooted trust mechanisms," Sangster said.

http://www.eetimes.com/news/semi/showArticle.jhtml?articleID=199700593
ma chi vuole vista ora che beryl anche su ubuntu :D

caro paolo, non so se l'hai sentita, ma la microsoft ha recentemente bannato dal Live tutti gli utenti che possedevano una Xbox360 modificata (comicamente anche quelli che non avevo modificato nulla)

da complottista direi che è una prova sul campo delle TCPA mentre da affarista direi che è un ottimo colpo commerciale (visto chi vuole giocare online deve ricomprarsi l'Xbox360 + i giochi originali); che ne pensi/pensate?
"ma chi vuole vista ora che beryl anche su ubuntu :D"
I videogiocatori, per esempio. Oppure tutti coloro che hanno esperienza di anni su software specifici come AutoCAD o Photoshop, che non hanno trasposizione su Linux.

"...la microsoft ha recentemente bannato dal Live tutti gli utenti che possedevano una Xbox360 modificata (comicamente anche quelli che non avevo modificato nulla)"
Complimenti allora per il metodo di identificazione delle modifiche, se è vero.

"da complottista direi che è una prova sul campo delle TCPA mentre da affarista direi che è un ottimo colpo commerciale (visto chi vuole giocare online deve ricomprarsi l'Xbox360 + i giochi originali); che ne pensi/pensate?"
Che ne penso? E' un bell'esempio di quello che il TCPA, o DRM, o quali altri nomi inventeranno, potrebbe diventare. Ma va anche visto che tipo di modifiche erano (cheat codes?), se la notizia è vera e se andata veramente così... e come ultima considerazione, davvero la Microsoft vuole tagliare fuori una base utenti che immagino sia piuttosto consistente, considerando che in altri campi le copie "non proprio regolari" e simili sono una concausa del suo successo?
Pensiero malefico della sera: non è che quando nelle pubblicità dicevano "Vista ora è più facile" intendevano da craccare..?
Beh, il mercato del software per PC e di Windows ha perso molti soldi con la pirateria, ma ha anche guadagnato "potenziali" quote di mercato. Del tipo "oggi da studente/amatore squattrinato mi cracco photoshop e imparo ad usarlo, domani quando sarò sul mercato del lavoro userò photoshop e lo comprerò o lo farò comprare all'azienda". Poco importa se esistono le versioni "ridotte" dei programmi, poco importa se il 90% di quelli che usano PS craccato potrebbero usare tranquillamente Elements che costa una frazione irrisoria del fratello maggiore. Poco importa se c'e' Blender 3D che è gratuito, meglio craccare 3DSmax (e Windows ovviamente per farlo girare): finchè si troverà più facilmente software craccato e famoso per PC che per altre piattaforme la situazione non cambierà di molto. E anche finchè continueranno a essere pubblicati "libri" per aiutare chi ha il software copiato e non ha i manuali originali...
Se Microsoft facesse davvero un S.O. non duplicabile e non craccabile, si suiciderebbe con le sue mani.
E difatti non succede e non è un caso.

Sono pochi quelli che COMPRANO un nuovo sistema operativo per il proprio PC. Se ne posso avere un altro gratis, magari craccato, ben venga, altrimenti non è la fine del mondo.

Ma mettere nelle case degli utenti una copia del nuovo sistema operativo serve a far sentire obsoleti il PC del lavoro e degli amici... spingendo ad aggiornamenti HW (con relativi preinstallati Microsoft).

Il vero fettone della torta non è certo il mercato home e Microsoft lo sa bene.
Io ho risolto il problema di vista...ho preso un mac portatile e sul fisso ho installato ubuntu (anzi, Kubuntu)
non videogioco se non a puzzle semplici e disponibili free anche su mac o linux, leggo le paranoie di malware spyware e virus tutti i giorni per abitudine, e rido...
Il registro per me non esiste piu' e se devo installare una applicazione la trascino dove devo oppure uso adept, un programma che la cerca e me la installa da solo.
vivo semplice, sto bene, continuo ad odiare gli utenti mac (troppo spocchiosi) ma sono dewindowsizzato da 60giorni (and counting...)

per le xbox non e' assolutamente una novita. le modificate sono SEMPRE state bannate da Live, anche ai tempi della Xbox 1. E quelle non modificate che non funzionano, beh, fa piu' casino una che non va rispetto a un milione che vanno...
ho avuto a che fare con windows vista per motivi di lavoro..e non mi sembra per niente più facile di xp..sono un programmatore, e non credo sia solo per abitudine..e poi con chi cavolo pensa di avere a che fare sto Vista?? con un bambino di 2 anni? per fare un lavoro ci metto il triplo del tempo visto che mi chiede ogni tre secondi se accetto di eseguire una certa operazione..ed è più lento di xp a caricarsi..nonostante sia isntallato su un pc portatile da 1400 euri nuovo di pallino...
Beh effettivamente la craccabilità di Uindos dà alla Microfoff se non il monopolio del mercato PC qualcosa che ci va molto vicino. E quasi tutto è concepito per girare sotto windows...
E windows ha requisiti hardware sempre più pesanti, non è che c'è qualche accordo??? :))))))))))