skip to main | skip to sidebar
10 commenti

“Moonscape”, aggiornamento massiccio

Nell'ambito del progetto Moonscape (documentario libero e gratuito, sostenuto dalle donazioni, che ripercorre il primo sbarco umano sulla Luna) ho appena pubblicato una versione aggiornata del capitolo Contact Light, che copre la discesa e l'atterraggio sulla Luna, è ora disponibile (per ora soltanto in inglese) con le seguenti ampie modifiche, correzioni e migliorie:
  • nell'audio di bordo, le parti prive di dialogo sono state silenziate per ridurre il rumore di fondo della registrazione, che era fastidiosamente udibile in tutto il capitolo nelle versioni precedenti;
  • l'audio di bordo e quello da e verso il Controllo Missione sono stati sincronizzati meglio per ridurre l'effetto di "eco" quando si sovrappongono le due fonti audio;
  • sono state aggiunte alcune didascalie esplicative (per gentile concessione di David Woods) per chiarire cosa sta accadendo (verranno poi ampliate sostituite dalla voce narrante);
  • sono stati aggiunti altri dati di quota e velocità;
  • sono state aggiunte delle icone degli astronauti del CAPCOM e degli altri componenti del Controllo Missione nei punti nei quali parlano ma non c'è un filmato corrispondente;
  • i sottotitoli sono stati tutti riposizionati per stare accanto alle riprese/immagini corrispondenti e per corrispondere alla disposizione dei canali audio: a sinistra l'audio di bordo del LM, al centro le comunicazioni radio da e verso i veicoli, a destra l'audio interno del Controllo Missione;
  • sono stati corretti alcuni refusi nei sottotitoli;
  • a fine capitolo è stato aggiunto un brano dell'audio del discorso del presidente Kennedy al Congresso nel quale Kennedy propose di mandare un uomo sulla Luna.

Potete vedere una versione a media definizione di questo aggiornamento qui sotto tramite Youtube. L'intero progetto Moonscape è visionabile in alta definizione presso Moonscape.info (in italiano e in inglese).

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (10)
Grande! Sempre meglio!
Sono sempre più convinto che questo documentario sia molto, molto importante. Credo che farò un'altra piccola donazione… :)
Si, anch'io, mi sa che ne faro' una seconda...
:-)
Bellissimo questo update, con le faccine in miniatura di chi sta parlando e le spiegazioni di cosa succede.

Ho (forse) trovato un errore al minuto 12:05, più precisamente la frase in sovraimpressione recita "Armstrong enters P66 and takes control of attitude", non è che è "altitude"?
sono stati aggiunti altri dati di quota e velocità
è una domanda che mi rimbalza da un po' di tempo: come misuravano la velocità orizzontale rispetto al suolo?

In aeronautica si usa la velocità all'aria, o il segnale GPS, tutta roba impossibile da usare sulla luna.
Si sa qualcosa della sensoristica presente sul LEM?
Luca,

non è che è "altitude"?

No, è proprio "attitude", nel senso di "assetto".

Il libro d'accompagnamento spiegherà meglio dettagli come questo.
"come misuravano la velocità orizzontale rispetto al suolo?"

Buona domanda...

Con un Doppler Radar 3D in continua. Il LM emetteva 3 fasci di onde elettromagnetiche rivolti uno sulla verticale (radar altimetrico), e gli altri due ad inclinazioni diverse. Uno di essi orientato a circa 45 gradi. La superficie della Luna (che non è "liscia") rifletteva il segnale che veniva catturato dal sistema e decomposto per fornire le 3 componenti della velocità con precisione abbastanza elevata. Il principio è lo stesso di quello usato di solito dalla Polizia per misurare la velocità dei veicoli: la frequenza di un'onda riflessa da un oggetto varia a seconda della velocità dell'oggetto.

L'operazione è quella che generò il famoso sovraccarico e i conseguenti messaggi di errore durante le ultime fasi della discesa nel computer di bordo.

La tecnologia era molto comune già allora in aviazione, ma solo per lo sviluppo di questa scatoletta in grado di funzionare perfettamente in un ambiente così differente senza grossi problemi c'è da rimanere senza parole per la capacità progettuali di quella gente. Erano veramente "over the top"...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Il "garbled" al 12:48 potrebbe essere "wait a minute".
C'è un piccolo errore al minuto 02:40 dove si legge al centro "An alternative is to use their aft OMINIdirectional antenna"