skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Una semplice serie di caratteri manda in tilt Mac, iPhone e iPad

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 30/08/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Può sembrare assurdo che un computer moderno, con il software più aggiornato, frutto di decenni di ricerca ed evoluzione tecnologica, possa essere mandato in tilt semplicemente dandogli in pasto una sequenza di caratteri: è come se bastasse scegliere un certo canale per guastare un televisore o pronunciare certe parole per rompere un microfono. Ma è così: la falla imbarazzante e bizzarra riguarda Apple, sia per i computer, sia per tablet e smartphone.

È infatti possible far schiantare i browser e altre applicazioni su questi dispositivi, come iMessage e alcuni programmi di mail, semplicemente visualizzando una serie di caratteri arabi senza senso: la sequenza può essere messa in una pagina Web, nel titolo di una mail, persino nel nome di un accesso WiFi.

Quando incontra questa serie di caratteri, Safari, il browser di Apple, crasha sia sulla versione più recente di OS X (la 10.8.4), sia su quella più aggiornata di iOS (la 6.1.3). Firefox, invece, non batte ciglio e la visualizza senza problemi, mentre Chrome di Google visualizza una schermata d'errore ma non crolla.

Facebook ha dovuto attivare di corsa un filtro che blocca la sequenza di caratteri per evitare che gli utenti si facessero scherzi pubblicandola sul proprio profilo, facendo crashare i browser dei visitatori dotati di Mac, iPhone o iPad.

Qual è questa sequenza di caratteri? Ce ne sono numerose varianti. Una è a vostra disposizione se visitate con prudenza (non con Safari, per esempio) questo link. Per capirne il funzionamento, potete consultare questa discussione tecnica e queste informazioni di Sophos.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).