skip to main | skip to sidebar
3 commenti

Podcast del Disinformatico del 2015/11/20

È disponibile per lo scaricamento il podcast della puntata di venerdì del Disinformatico della Radiotelevisione Svizzera. Buon ascolto!
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (3)
"Molte delle cose che noi pensavamo pensavamo perfettamante
sicure riservate sono invece molto pubbliche"

Grande Paolo !!!

Dopo lo scandalo di HACKING TEAM appare evidente
che le presunte falle di sistema, sono invece
volute, imposte e vendute alle agenzie govarnative.
Qualcuno direbbe che TOR e Le Distro linux,
come minimo mandano i vari UUID del sistema al server centrale,
in modo da identificare univocamente qualunque PC
Per il resto saranno utilizzate le flashrom dove nessun
virus-scan puo' arrivare.
@Euro
e Le Distro linux,
come minimo mandano i vari UUID del sistema al server centrale,

lo sai che il sorgente di linux e' pubblico e disponibile e che quindi se fosse cosi' mezzo (anzi tutto) mondo potrebbe vederlo e denunciare la cosa?
Puntata seria, ma non era il caso di scherzare.
Una riflessione sulla crittografia: se un terrorista ha parlato col fornitore, non gli serve proprio.
Potrebbero stabilire che le zappe sono kg di esplosivo, i rastrelli sono fucili, e le rose sono passaporti falsi.
IN questo caso basta un messaggio in chiaro, anche un SMS:
"Mandami 4 zappe, 6 rastrelli e 8 rose fresche."
Chi capirebbe che parlano di una fornitura per un attentato? Eppure il messaggio NON è criptato.