Cerca nel blog

2006/10/27

28/10, Linuxday: a Cinisello ci sono anch’io

Linuxday a Cinisello, parlerò di Topolino e di nastri lunari perduti


Domattina sarò al LinuxDay/OpenDay a Villa Ghirlanda, Cinisello Balsamo, a presentare una relazione sull'obsolescenza dei dati digitali e del pericolo culturale dei formati proprietari e dei sistemi anticopia, facendo alcuni esempi concreti (Topolino e i nastri lunari, appunto).

Se passate da quelle parti, fatevi riconoscere! L'ingresso è gratuito ma è richiesta la registrazione.


Aggiornamento (2006/10/29)


La presentazione e una versione più estesa del testo della mia relazione sono disponibili qui in formato OpenDocument (leggibile con OpenOffice.org, NeoOffice, StarOffice e tutti i programmi conformi a questo standard ISO).

26 commenti:

Fabrizio ha detto...

Wow, dovrebbe essere lì anche Vasco Cleri di RadioLinux, da ex collaboratore della sua trasmissione ti suggerirei un "gemellaggio"...

Jeby ha detto...

Urca!! Io abito a Cusano, il paese confinante con Cinisello, e non ne sapevo niente?????!!

Andrea Sacchini ha detto...

Repubblica vuol far piovere? :-)

Andrea Sacchini ha detto...

ops, scusate, ho sbagliato l'"a href"...

Ecco quello giusto... (spero)

Federico Segrate ha detto...

a che ora è? mannaggia, si lavora durante la settimana...

PLUG ha detto...

Anche a Prato ci sarà il LinuxDay!
Vi aspettiamo in Piazza Macelli presso i locali di Officina Giovani!

PLUG - Prato Linux User Group

Anonimo ha detto...

oggi beppegrillo ha menzionato linux sul suo blog. Forse e' la volta che anche i non addetti ai lavori si sveglino dal torpore e capiscono che non esiste solo windows!

Pablo ha detto...

www.beppegrillo.it/2006/10/adotta_un_pinguino.html#comments

Beppe Grillo ha messo troppa carne al fuoco. Un conto è passare all'Open Source gradualmente, magari sostituendo Explorer con Firefox o MS Office con Open Office, lavorando sempre col sistema operativo Windows, un altro è passare direttamente a Linux.
Si è persa una buona occasione per far provare "qualcosa di nuovo" agli utenti meno esperti.

Qualche lettore ha paventato il rischio non solo di costi invisibili, ma addirittura la possibilità di ulteriori sprechi nella P.A. che seguisse il suggerimento: si cancellerebbero sistema operativo e applicazioni Microsoft senza farsele rimborsare, si pagherebbero fior di quattrini per tecnici che installino e mantengano i nuovi software, i vecchi burocrati non saprebbero utilizzarli, ci sarebbero problemi di compatibilità con chi usa MS.
Bisogna andare per gradi.

Molti utenti di Linux continuano poi a non saper comunicare con i "diversi", a tenere una sorta di "razzismo intellettuale" con quelli rimasti a Microsoft (come del resto molti utenti della Apple).

Un esempio: un lettore di Punto Informatico proponeva versioni di Linux e Open Office con un interfaccia il più possibile uguale a Windows e Office, im modo che l'utente non "smanettone" potesse subito familiarizzare col nuovo sistema. Il commento dei soliti "integralisti" è stato: "perché dovremmo abbassarci a copiare quella m**** di prodotti MS?"

Anonimo ha detto...

bhe PI non fa molto testo, ha un forum infestato da troll pro windows, pro linux e pro mac. E tanti anche.

(cmq imho ti basta installare xpde come wm)

Matz ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Matz ha detto...

A proposito della maggior difficoltà di usare linux rispetto a windows... provate a leggere come sarebbe il passaggio

E' un racconto di fantasia, ma molto verosimile.

I linuxiani non sono tutti integralisti. Io nei vari forum ho trovato chi pazientemente mi ha spiegato passo passo cosa fare per far riconoscere la mia scheda audio.

Anonimo ha detto...

I miei complimenti per l'intervento, ero in platea :-)

Mi sarebbe piaciuto passare a "farmi riconoscere", ma tu te ne stavi in prima fila, senza la minima intenzione di uscire per una pausa, e gli altri oratori si succedevano a ritmo abbastanza serrato, non mi piaceva l'idea di passare a salutarti nel bel mezzo di un intervento... sara' per la prossima volta :-)

Un piccolissimo appunto, da elettronico non posso non fartelo: i circuiti integrati ce li avevano eccome, nel 1969 :-)

Complimenti ancora, e grazie del tuo contributo a Cinisello!

Marco

Matz ha detto...

Chiedo scusa per il post precedente. Il link porta ad un articolo che mostra il passsaggio da linux a windows.....

Paolo Attivissimo ha detto...

Marco,

hai ragione: c'era almeno un componente delle missioni lunari (l'Apollo Guidance System, installato in due esemplati in ogni missione) che usava circuiti integrati. Rudimentali, ma classificabili come circuiti integrati. Qui c'è un po' di documentazione. Il resto del veicolo, per quel che mi risulta, utilizzava componenti discreti.

La prossima volta, fatti riconoscere tirandomi fuori dalla sala a forza!

Anonimo ha detto...

Sono disponibili le slide o una registrazione?

Anonimo ha detto...

Ottimo intervento, davvero.
Avrei voluto che alcuni miei conoscenti fossero stati lì: magari avrebbero capito, una volta per tutte, che quelli che criticano i sistemi anticopia non sono tutti "pirati che vogliono solo ascoltare musica a scrocco" :-D

P.S.: Ha ragione Marco: sei stato l'UNICO a restare seduto in sala ad ascoltare TUTTI gli interventi...

Ciao
Diego

Hammer ha detto...

No... dai... anche qualcun'altro ha sentito TUTTI gli interventi.... IO, ad esempio.

Ciao

Paolo Attivissimo ha detto...

>Sono disponibili le slide o una registrazione?

So che la relazione è stata filmata, non so quando/se verrà messa in Rete. La presentazione (formato Impress/OpenDocument) è disponibile nel link che ho aggiunto all'articolo insieme a una versione più estesa del testo di accompagnamento.

Osoloco ha detto...

L'audio dell'intervento a Cinisello Balsamo
è disponibile su Radiolinux

questo il link per scaricarlo direttamente
http://www.radiolinux.info/puntate_audio_download.php?id=145

Per le registrazioni video abbiate pazienza,
il tempo di riversarle e Vi comunico dove
trovarle. (Sono impaziente anche io,
non avendo potuto assistere, privilegi dello staff :-P)

Osoloco

Anonimo ha detto...

Naaaah :(
Non lo sapevo, e in più ero a Roma anziché a casa mia, a Sesto, altrimenti sarei venuto senz'altro. :(

M@rcello;-) ha detto...

fiko, ho provato per la prima volta ad usare il servizio podcast su iTune e il risultato è davvero sorprendente!

certo che l'introduzionde dei feed è stata davvero una genialata; da quando li ho scoperti non ne posso fare più a meno! ;-) (mai più senza!)

è proprio bello vedere come finalmente il web e l'informatica si "piegano" al servizio degli utenti, fornedo accessibilità e fruibilità come mai prima!

... sono davvero commosso ;-)

ciao a tutti,
M@rcello;-)

Matteo Mazzoni ha detto...

Il link rimanda alla vecchia versione del post del mio blog in cui riportavo il tuo intervento. Il post, un po' per problemi di connessione e molto per colpa mia, è stato ripubblicato forse una dozzina di volte. Potresti linkare alla versione attuale? Grazie fin d'ora.

Ciao da Matteo M.

Paolo Attivissimo ha detto...

Matteo, dovrebbe essere Blogger ad autoaggiornarsi, comunque ecco un link aggiornato al tuo post (che è il testo della mia relazione).

Matteo Mazzoni ha detto...

Scusa Paolo, non avrei dovuto pretendere che ti linkassi al mio blog, ma ti ringrazio di averlo fatto... Comunque, come vedi, il link automatico di Blogger rimanda ancora alla vecchia versione del post, che non esiste più... In ogni caso, credo di aver dato a Cesare quel che è di Cesare, citando debitamente autore e indirizzo Internet dell'intervento e linkandomi alla presentazione ad esso annessa. Resto a disposizione, se avessi involontariamente fatto qualcosa di scorretto. Però spero che così il tuo testo possa essere letto da alcune mie conoscenze che sono prevenute nei tuoi confronti per via della tua posizione sull'11 settembre e/o della tua appartenenza al CICAP. Atteggiamenti senz'altro discutibili, ma che vuoi farci?

Ciao da Matteo M.

Claudio Ruzza ha detto...

Paolo, il link al pdf della relazione non funziona

Paolo Attivissimo ha detto...

Sistemato, grazie della segnalazione.