Cerca nel blog

2006/10/01

Avvistamenti misteriosi 2

Google Earth: che ci fa un insetto gigante in Germania?


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "clafir" e "tobol". L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

insettone in Google Earth.jpgStando a quest'immagine di Google Earth, la località tedesca di Arlesberg è minacciata dall'avanzare di un colossale insetto.

Le coordinate dell'avvistamento sono disponibili come file KMZ grazie a The Register. La creatura, lunga circa 47 metri, si trova a nord-est di Arlesberg.

Come è possibile che un insetto compaia in una foto scattata dallo spazio? C'è un baco (non informatico) a bordo del satellite? Scatenate le vostre capacità di analisi: domani scriverò qui la mia spiegazione.

Aggiornamento (2006/10/02)


Procediamo per esclusione. Non può trattarsi di un vero insetto gigante, altrimenti ne avremmo sentito parlare nei telegiornali (a meno che l'insettone si sia divorato anche i telecronisti). Non può trattarsi di un insetto di passaggio davanti all'obiettivo, visto che a) dovrebbe essere mosso b) non ha ali. Non può neppure essere un insetto a bordo del satellite o dell'aereo usato per le riprese (come giustamente dedotto dai commenti qui sotto, non tutte le immagini di Google Earth sono di origine satellitare), altrimenti sarebbe sfocato.

Ci sono anche altri indizi interessanti: l'insetto è appunto perfettamente a fuoco, e dietro la coda ha una macchia che, secondo alcuni commenti nella Community di Google Earth, sarebbe parte delle interiora (o escrementi) del malcapitato insetto, sottoposto a schiacciamento.

L'unico meccanismo plausibile che spieghi tutti questi elementi è che si tratti di un insetto finito sulla lastra dello scanner durante l'acquisizione delle immagini. Questo rivelerebbe un particolare poco conosciuto e abbastanza curioso di Google Earth: lungi dall'acquisire soltanto foto digitali satellitari, il servizio utilizzerebbe anche foto da altre fonti, comprese immagini aeree prese da velivoli e poi stampate e scandite.

Nel caso specifico, come indicato dalle diciture di copyright di Google Earth, l'immagine contenente l'insettone è opera della tedesca GeoContent, che non dispone di satelliti ma effettua appunto rilevamenti tramite aerei. Ho contattato la Geocontent e spero di averne risposta.

Proprio come in informatica, insomma, un baco aiuta a capire il funzionamento del sistema.

43 commenti:

pseudotecnico ha detto...

Probabilmente non tutte le fotografie satellitari sono recenti e in formato digitale, alcune vengono scansionate e l'animale in questione era sul dispositivo di scansione.

Sheldon Pax ha detto...

Dovendo caricare un kmz posso presumere che si tratti di un Easter Egg, adesso vado a controllare su una copia del programma "pulita" se trovo l'insetto

alberto ha detto...

Non puo' essere un insetto sull'obbiettivo del satellite perche' sarebbe gia morto (oddio, non che sembri tanto vivo!) e di dimensioni maggiori.
Essendo qualcosa che vive sulla terra si è inserito in una qualche fase di manipolazione alla Google inc.

Senza_nick ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Observator ha detto...

Secondo me trattasi del solito "software bug"...
:-)))

Observator ha detto...

C'era bisogno di scomodare GoogleEarth e i files kmz? L'immane creatura appare anche su GoogleMaps:
http://maps.google.com/maps?f=q&hl=it&q=Arlesberg,+deutschland&ie=UTF8&z=18&ll=48.857579,10.205537&spn=0.001782,0.006781&t=k&om=1

comunque, per approfondimenti sugli insetti giganti consiglio la lettura di:
"The Biology of B-Movie Monsters"
http://fathom.lib.uchicago.edu/2/21701757/

Observator ha detto...

Link troncato, provate questo:
http://tinyurl.com/g4mbq

ciao

MaEstro-Buitre ha detto...

Non ho letto tutti i commenti. Non so se mi ripeto, dunque, ma secondo me e il mio chitarrista quello è Dio.

_Stefano_ ha detto...

La Bayer ha già fabbricato un flacone gigante di Baygon grosso come l'Apollo 13 per terminare l'insettone :D

Anonimo ha detto...

Voto per la scansione di qualche fotografia meno recente.

andreavola ha detto...

Ecco dove si è infilato il famoso millennium bug :)

Secondo me la GeoContent (www.geocontent.de) citata sui copyright di google earth, fa delle foto aeree appunto da aeroplani a bassa quota. Probabilemte la bestiaccia si era infilata su obbiettivo della macchina fotografica...

Hammer ha detto...

E' spaventoso!!

Non so quale sia la causa e preferisco continuare a non saperlo.... terrificante.

mother ha detto...

ummm se l'animale fosse sullo strumento dovrebbe essere grande quanto un continente, il che spiega perchè Paolo ha messo la misura del mostro.

Tralasciando poi prodotti transgenici, ufo e termite (al giorno d'oggi la termite va bene con tutto...), abbiamo che i dati raccolti dal satellite vengono inviati a terra e ricostruiti in foto digitale.
Questa foto poi scansionata per costruire la mappa di google earth può aver permesso l'intromissione dell'animale.
Tra l'altro considerando le dimensioni dell'insetto reali e quelle di un A4 questa è la spiegazione migliore nel rapporto dimensionale.

mother ha detto...

piccolo appunto: le ortofoto del terreno non è detto siano state fatte da satellite....il che lascia altre possibilità di risposta.

Paolo Zago ha detto...

Le mappe di google sono satellitari su tutto il pianeta, ma quando ci si avvicina alla superficie, e solo per certe zone (grandi citta' ecc), la mappa satellitare viene integrata con ortofoto scattate da aerei (tipo quelle della Compagnia delle Riprese Aeree in Italia) per avere una definizione superiore. Probabilmente l'insetto e' passato davanti al dispositivo di ripresa...

Paolo

Matz ha detto...

OT

Ciao Paolo, ho visto l'articolo sul sondaggio di zogby su undicisettembre. Posso mandare delle osservazioni visto che lavoro sul campo?

tcp-ip ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
tcp-ip ha detto...

Comunque io non riesco a vederlo in Google Earth: seguendo il link al file KMZ mi centra le coordinate 10.19412399999998, 48.85016899999999 dove c'è Arlesberg ma nessun insettone.

tcp-ip ha detto...

OK l'ho trovato: le coordinate giuste sono
10.20528885744719, 48.85767761058168.

Sheldon Pax ha detto...

OK, niente easter egg entomologo. effettivamente è stato schiacciato tra foto e vetro dello scanner. Oh, è tutto detto dal segnalino della comunity, io non scopro nulla. ;-)

Observator ha detto...

Un insetto sull'obiettivo verrebbe fuori fuoco, dovrebbe semmai trovarsi sul chip (ma in quel caso sarebbe nero) e date le dimensioni dei chip video penso che un insetto con quella conformazione non potrebbe essere abbastanza piccolo da risultare delle dimensioni indicate (coprirebbe metà del chip) ed inoltre comparirebbe su molte altre foto.
Voto per la "scansione distratta" di aerofoto.

Paolo Attivissimo ha detto...

>Ciao Paolo, ho visto l'articolo sul sondaggio di zogby su undicisettembre. Posso mandare delle osservazioni visto che lavoro sul campo?

Certamente! scrivimi al solito topone chiocciola pobox.com, giro il tutto all'autore del pezzo.

giorgio ha detto...

ma... siamo sicuri che sia un'insetto? paolo, sai già la soluzione, vero? non tenerci sulle spine... appena ho un secondo leggo tutti gli altri commenti e sparo la mia...

ciao

billy ha detto...

Solo ed esclusivamente un problema di scansione.

Loud ha detto...

o l'insetto era sul tuo monitor e hai fatto una foto poi ritoccata, oppure un problema di scansione delle foto scattate dal satellite...

Daniela ha detto...

non è che è un insetto sul monitor di un pc :-D?

GM ha detto...

Posso confermare che è un dfetto della foto. Io ci abito, ad Arlesberg, e non c'è nessun insetto giga...AAAAAHHHHH!!!!

rodri ha detto...

È un insettoide Xindi.

AnnyPan ha detto...

Avevo immaginato anche io fosse il frutto di una scasione... disturbata :-D
Divertente però, eh eh...!!!

jorn52ofdf ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Sergiusman ha detto...

Semi-off-topic:
Questa notizia mi ricorda un film di Terry Gilliam di vent'anni fa, che prende le mosse proprio da una situazione del genere (era un insetto che finiva in una macchina da scrivere e falsava un nome). Il titolo del film è Brazil, se a qualcuno interessa e questa è la sua pagina su IMDB http://www.imdb.com/title/tt0088846/. Per me è geniale e lo consiglio vivamente.
Ciao a tutti
Sergio A.

P®ivideo ha detto...

Ma hanno corretto l'immagine? Perchè io con Google Earth non si vede più nessun insetto....Mentre con Google Maps ancora si vede (ho preso il link da uno dei blog che linkano questo articolo sotto a questi commenti). Mah... Saluti

Psalvus ha detto...

gli insetti hanno una suddivisione metamerica molto spiccata (capo, torace, addome). In questo si distinguono nettamente il capo, il torace e l'addome. Vi sono pero' due particolarita' da rilevare.

Primo: le tre paia di zampe in un insetto normale dovrebbero emergere tutte dal torace, tre a destra e tre a sinistra. Qui invece un paio sono sul torace (e vabbene), un paio ai confini fra torace e addome (e questo va gia' meno bene), ma soprattutto un paio emergono dalla testa (!!!). Questo e' un'insetto extraterrestre!!!

Seconda cosa: vi e' una macchia rotonda all'estremità libera dell'addome. Qui finisce (non so se si puo' chiamare cosi')lo stoma anale dell'insetto ed e' plausibile e si potrebbe ipotizzare che in un ipotetico schiacciamento sia fuoriuscito materiale intestinale, per compressione proprio dallo stoma., espandendosi nella forma che ha assunto.

Orbene, la mia prima osservazione deporrebbe per un'animale inventato di sana pianta (con un banale programma photoshop-like ve ne posso fare quanti ne volete), la seconda mia osservazione avvalorerebbe l'ipotesi della "realtà" dell'incidente: lo schiacciamento fra due vetri di un animale reale.

Secondo me quest'insetto è frutto di un raffinato complotto. E' una crittografia. Forse della cia. Che cosa ci hanno voluto veramente dire coloro o Colui che l'hanno fatto?!

rodri ha detto...

@Sergiusman

Brasil è un film semplicemente favoloso :-D

@Privideo

In effetti il bookmark fornito da The Register è imperfetto (un errore classico), devi allargare l'immagine e poi, dall'altra parte dell'autostrada, a destra e un po' in alto, vedrai l'insetto. Zoomandoci sopra lo vedrai bene.

vale56 ha detto...

oggi ne parla anche "La Repubblica"
http://www.repubblica.it/2006/05/gallerie/scienzaetecnologia/google-scarabeo/1.html (e seguenri

mother ha detto...

In realtà abbiamo appena scoperto l'origine dei cerchi nel grano!!!

^_^

EffeCi61 ha detto...

Beh...la fuoriuscita di liquido dall'addome fa pensare che sia stato schiacciato tra l'originale e il vetro dello scanner...
Tra parentesi, l'insetto è un Tisanottero...

tcp-ip ha detto...

Non ho capito dove si trovanole macchieche Repubblica dice ci siano su Sarajevo e San Salvo. Voi riuscitea vederle?

Anonimo ha detto...

Si potrebbe fare il seguito di "it came from the desert": "it came from Arlesberg" :)

Anonimo ha detto...

Ma se l'origine è diversa, come si spiega il fatto che l'immagini sono tutte di identica fattura? La qualità e possiamo dire

Claudia ha detto...

come mi han fatto notare altrove alcune foto postate non sono nemmeno tanto recenti....
non è che qualcuno guardandole e poi andando nel posto di persona potrebbe trovarsi qualche sorpresa? (tipo strade che non esistono più, case dove nelle foto non sono visibili... ecc ecc ecc)

Lotus ha detto...

In quanto a stranezze facendo una ricerca su "oman" si ottengono strane conformazioni (?) naturali.
Ingrandendo a circa 12km di altezza si leggono dei segni rettilinei che smbrano in tutto e per tutto le pieghe di una cartina geografica... subito ad ovest ci sono delle nuvole (?) di varie colori e varie forme che non si capisce cosa siano.
Qualcuno ha delle spiegazioni/idee?

MaremmaLupa ha detto...

Magari ve ne siete già accorti...
Il bacarozzo è sparito da Arlesberg!
Gli spazzini alieni hanno fatto pulizia...