Cerca nel blog

2012/09/26

Luna marziana

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “axa69”.

Credit: NASA/JPL-Caltech/Malin Space Science Systems
Cinque giorni fa, il 21 settembre scorso, Curiosity ha scattato questa foto di Phobos, una delle lune di Marte, dalla superficie del pianeta rosso, durante il giorno locale. L'originale è qui.

Quando vedo foto come questa non riesco a trattenere la mia meraviglia di fronte al lavoro e al talento che c'è dietro quest'immagine un po' sgranata ma magica. La stessa specie umana che passa gran parte del proprio tempo a massacrarsi con morboso entusiasmo è capace di mandare su Marte un robot e calcolare esattamente a che ora e in che direzione fargli puntare la fotocamera per catturare la fioca immagine di un asteroide butterato che solca il cielo di un altro mondo. Affascinante.

15 commenti:

Joram Rosebringer ha detto...

Ogni volta che vedo le foto di Curiosity (ma anche quelle delle sonde "marziane" precedenti) ho quasi i brividi. Non è magia, non è sovrannaturale... è la scienza, amico!
Spettacolo vero!

Luigi Rosa ha detto...

Una luna che non e' la nostra fotografata in un cielo che non e' il nostro da un pianeta che non e' il nostro.

Quante copertine di romanzi di space opera abbiamo in casa con qualcosa del genere? Solo che questa e' realta'.

masand ha detto...

È vero, siamo capaci di molte atrocità e nello stesso tempo siamo capaci di incredibili prodezze come questa... È questo che mi fa venire i brividi (in senso positivo)...

Juleps ha detto...

LUNA?
No, non ci siamo andati!
Per ora!
..
..
..
..
Parlo di quella di Marte

Luigi Rosa ha detto...

Per la cronaca: il pixel nero che si vede nell'originale linkato dal post e' un difetto di trasmissione, cose che succedono a mandare immagini da 288.100.000 chilometri (fonte: https://twitter.com/MarsCuriosity/status/251022239137398784)

Alexandre ha detto...

fantastico

Federico Carraro ha detto...

Bellissima! Scusate l'ignoranza, ma è forse la prima volta che un satellite di Marte viene fotografato dalla superficie del pianeta? Perché avevo già provato a cercare online foto di Phobos e Deimos, ma avevo trovato solo ricostruzioni al computer, o foto dallo spazio....

MarcoT ha detto...

parziale offtopic
Il costo per mandare curiosity su marte è stato INFERIORE a quello sostenuto dall'Italia per la Salerno-Reggio Calabria... (Fonte: Matteo Renzi)
Non c'è che dire: forse pensavano che la Sicilia fosse Marte...

pgc ha detto...

Federico, la risposta alla tua domanda e' complicata e mi ha incuriosito.

Primo, tecnicamente quella riportata da Paolo non e' una foto di Phobos, ma di un suo transito sul Sole. E nemmeno di un eclissi, come indicato incorrettamente in qualche sito, visto che cio' richiederebbe che il corpo occulato e l'occultatore siano di dimensioni angolari simili.

Per fare invece una foto di Phobos vera e propria dalla superficie di Marte, ci vuole una telecamera che funzioni anche di notte, o almeno al tramonto o all'alba.

Di certo i due Rover Opportunity e Spirit, alimentati a pannelli solari, avevano/hanno funzionalita' limitate durante la notte (e al tramonto), mentre Curiosity funziona quasi a pieno regime. Delle altre non so. Non saprei personalmente se esista un'immagine del cielo stellato, presa dalla superficie di Marte, in cui sia visibile Phobos. Certamente il 12 Agosto sarebbe stata una... curiosa opportunita', ma non credo sia stata fatta (quella del link e' una simulazione).

E' stato invece gia' realizzato un filmato di un transito di Phobos sul Sole nel 2010 dalla Pancam sul rover opportunity:

[vid]http://www.youtube.com/watch?v=ViiriVhIhjE[/vid]

visibile anche qui (non so se corrisponde allo stesso!):

[img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/ec/PIA05553.gif{/img}

saludos
pgc

Paolo Attivissimo ha detto...

pgc,

tecnicamente quella riportata da Paolo non e' una foto di Phobos, ma di un suo transito sul Sole.

Planetary.org definisce questa foto come immagine diretta di Phobos ("crescent Phobos"), non come transito di Phobos. Ne parla anche qui.

Inoltre è scattata "Just after sunset local solar time". Difficile scattare un transito se il sole è sotto l'orizzonte :-)

Forse ti confondi con questo transito?

pgc ha detto...

Attivissimo e TNT,

semplice: ho detto una cazzata... :)

La foto e' talmente assurda che il mio cranio ha escluso automaticamente che potesse trattarsi di una foto diretta...

un saluto,
pgc

brain_use ha detto...

Il costo per mandare curiosity su marte è stato INFERIORE a quello sostenuto dall'Italia per la Salerno-Reggio Calabria

Ci hanno anche messo meno.
La SA-RC è in "costruzione" da quando ero bambino.

Cumunque, queste sono le meraviglie che mi riconciliano con l'umanità.
Poi, apro un giornale...

ciccio brutto ha detto...

"Il costo per mandare curiosity su marte è stato INFERIORE a quello sostenuto dall'Italia per la Salerno-Reggio Calabria "

Be' certo, vuoi mettere la grande utilità di farsi venire i brividi sulla schiena guardando una foto di Phobos, con quella trascurabile di poter viaggiare su un'autostrada anziché su una mulattiera...

pgc ha detto...

@MarcoT,

puoi per cortesia indicarmi la fonte del costo della Salerno-Reggio Calabria? Sto per dare un talk sui costi della Scienza e questa non me la vorrei perdere.... :)

@Ciccio-Brutto,

1. l'abnormita' della spesa di quel tratto di autostrada e' un indicatore dell'inefficienza del sistema. Pochi metterebbero in dubbio la sua utilita', quello che uno vorrebbe e' che fosse finita in tempi ragionevoli e a costi ragionevoli.

2. e' difficile dimostrare se e' piu' importante sviluppare "quel" tratto di autostrada o "quella" spesa per la scienza. In generale l'astronautica ha rappresentato per gli USA l'opportunita' per mantenere una leadership industriale (e militare, anche se non ci piace) globale per decenni che poi, attraverso un rivolo di brevetti, innovazioni etc. (anche sul piano dell'organizzazione del lavoro) ha avuto ricadute impressionanti sull'industria. Se gli USA hanno ancora un know-how unico e' anche grazie a queste cose.
D'altra parte un paese che spende SOLO in ricerca finisce con poche infrastrutture, il che rende meno efficiente la sua economia. E' trovare il giusto equilibrio la cosa complicata.

saludos
pgc

pgc ha detto...

Paolo,

messo da parte il mio curioso errore di interpretazione, tu sai se questa e' la prima foto di Phobos presa dalla superficie di Marte? Ero curioso di saperlo ma non sono riuscito a trovare una conferma. Emily Lakdawalla dice di si, ma non ne sembra sicura ("Well, this is a first, as far as I know."). Io non so se altre telecamere (escludendo quindi Opportunity e Spirit Pancams, che non lo erano quasi di certo) sono state operanti su Marte in condizioni tali da fare foto notturne al cielo con la sensibilita' necessaria.

un saluto
pgc