skip to main | skip to sidebar
79 commenti

Star Trek Discovery: sigla in anteprima, recensione della prima stagione

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete farne una anche voi per incoraggiarmi a scrivere ancora. Ultimo aggiornamento: 2018/02/13 23:55.

Tra poche ore debutterà Star Trek: Discovery, la nuova serie televisiva ispirata all’universo di Star Trek creato negli anni Sessanta da Gene Roddenberry. Negli Stati Uniti sarà trasmessa dalla CBS, mentre in altri paesi verrà distribuita da Netflix (per esempio Svizzera e Italia, da domattina alle 9 ora locale; a quanto pare saranno distribuite subito due puntate).

È la prima volta che una serie di Star Trek arriva così prontamente oltreoceano. Ai primi tempi di The Next Generation avevamo dovuto attendere la distribuzione delle videocassette che arrivavano dagli amici in America e organizzare raduni per vederle insieme: erano pochi quelli che in Europa avevano un videoregistratore capace di leggere il formato NTSC statunitense. Un gran numero di Trekker d’Italia si è conosciuto in occasione di quei raduni storici (e qualcuno è arrivato letteralmente molto in alto nella sua carriera).

Poi è arrivata la Tv via satellite (Sky) nel Regno Unito, e così abbiamo imparato a craccare la codifica Videocrypt di Sky usando programmi come Season7 (serviva a vedere la settima e ultima stagione, perché Sky non offriva decoder fuori dal territorio britannico, secondo la “georestrizione” di allora; se ne parla qui e qui). Eravamo fan devoti.

La CBS ha presentato gioiosamente su Twitter la sigla in anteprima, ma l’ha geobloccata. L’assurdità di vietare alle persone di vedere la pubblicità del prodotto che si vuole vendere è davvero spaziale.




Ho segnalato la questione a @TrekCore, coinvolgendo involontariamente anche il compositore della sigla, Jeff Russo...



...e poco dopo il compositore mi ha risposto di persona, linkando la versione non geobloccata, che è quindi tutta vostra da vedere (la versione usata negli episodi avrà i titoli e i nomi degli attori, della troupe e dei produttori):






Questo è il bello di Internet.

Se vi capita di vedere Star Trek: Discovery e la volete commentare, lo spazio per i commenti qui sotto è a vostra disposizione, ma mi raccomando: niente spoiler. La moderazione sarà ferrea.


2017/09/26 00:40


Ho visto le prime due puntate di Star Trek: Discovery. Visivamente ben fatto, ma per ora non è Star Trek: è Serie Generica di Fantascienza con Astronavi. In ossequio al divieto di spoiler, non aggiungo altro.


2018/02/13 23:55


Ho guardato pazientemente tutte e quindi le puntate. Mi correggo: non è Serie Generica di Fantascienza con Astronavi, ma Game of Thrones nello spazio. Sottoscrivo questo parere sui difetti e sulla mancanza di coraggio di Discovery.

Non faccio spoiler, ma fra “colpi di scena” che erano evidenti a chiunque avesse un briciolo di attenzione e una collezione di scene splatter del tutto inutili e gratuite, per non parlare delle incoerenze colossali con le altre serie di Star Trek, mi sono stufato. Non c’è nulla di Star Trek in Discovery. A meno che per voi Star Trek sia solo azione, astronavi e alieni della settimana. Non pretendo che condividiate il mio parere, ma per me Star Trek è non solo questo, ma anche dialoghi intelligenti, temi morali difficili, storie che fanno riflettere sulla condizione umana e sulla società di oggi.

Il finale di stagione, poi, mi ha fatto ridere ad alta voce (esattamente come fanno i Klingon nell’episodio) quando viene proposta la “soluzione” alla crisi superdrammatica che si è trascinata per tutta la stagione (che non voglio spoilerare). Guardatela, e poi ditemi sinceramente se quella soluzione non vi sembra presa di peso da Mezzogiorno e mezzo di fuoco di Mel Brooks:


Se volete vedere il vero Star Trek, guardate The Orville. Dalla terza puntata in poi non ve ne pentirete.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (79)
Spero di non dire "minchiate" ma sono proprio PROFANO del genere, della serie o non so come dire... dell'esempio di come dovrebbe essere il Genere Umano per chi la segue!; ma io NON HO MAI guardato nulla di Star Trek (o StarTrek?), immagino invece come ti starai sentendo tu Paolo leggendo che chi ha composto la musica ti ha "dato retta"! .-)
Fantastico, meraviglioso! Ci vedo una certa influenza, sia visiva sia musicale, del Trono di Spade
La mattina prima di andare a lavoro mi capita di guardare un episodio di Next Generation, così, giusto per darmi una carica di fiducia verso l'umanità.
Stamani avrei voluto vedere Discovery; per info, alle 7:57 ancora non c'è su Netflix.
Non sò perchè, ma la sigla iniziale mi ricorda molto "the defenders"(e mi garba assai).
Piccola chicca che ho notato in quanto preferisco guardare le serie in lingua originale: nei sottotitoli c'è l'opzione per il klingon...
Un po' troppo "Gameofthroneseggiante", ma non male. La ripresa del motivo all'inizio e alla fine sono veramente toccanti.
Fantastico... ci sono anche i sottotitoli in klingon!
Qaplà
Buon giorno!
Su Netflix c'è il secondo episodio on line ! Sto parlando della stesa serie ?
Graziee
Appena visti entrambi gli episodi.
Impatto visivo notevole, storia interessante, interpretazione da migliorare.
In sintesi, lo seguiro'.
Visti i primi due episodi. Tutto stiracchiato e copiaincollato, un po' come nei sequel di Star Wars della Disney.
Ho visto la prima puntata: sembra la prima serie che non fa rimpiangere la serie classica....
Ci vogliono delle idee.
Non basta scopiazzare e aumentare il volume dei botti.
Finalmente un buon motivo per riattivare Netflix...
personalmente non mi piace molto, io adoravo quella di enterprise...
Visivamente... Wow! Per il tema trattato mi sembra, proprio come la serie classica, che riprenda qualcosa di attuale e lo trasli nel futuro.
La seguirò.
p.s.: una certa scena m'ha ricordato tanto l'implausibilità di Gravity...
Una domanda.
Io ho visto i due episodi su Netflix, in lingua italiana.
A circa metà del secondo episodio, la voce del capitano e del primo ufficiale diventano bassissime, quasi inudibili, come se ci fosse un errore nel missaggio audio.
Qualcun altro ha riscontrato lo stesso problema?
Nerd Porn! Visivamente notevole, buona recitazione e lo spirito originale sembra non mi sembra che sia cambiato molto. Veramente apprezzati i sottotitoli in klingon. L'intelligenza e la razionalità si cozzano sempre con l'emotività come nelle vecchie serie, direi che per i primi due episodi ci siamo.
Appena finito di vedere il pilot: non ho ancora deciso se mi piace o meno, mi sa che servirà guardarsi altre puntate successive.
Pare l'ennesima serie Marvel/Netflix nello spazio, anche la sigla è la stessa. Se finisce come "The Defenders" dopo il bellissimo inizio di "DareDevil" siamo a posto.

Non sono un grande trekkers e sono uno dei pochi a cui sono piaciuti i film dei reboot, ma questa volta sento proprio odore di vaccata e spero tanto di sbagliarmi.
Gene Rodenberry ha ideato Star Trek ponendo come base gli ideali di ricerca della pace, uguaglianza dei popoli ed esplorazione dello spazio.
Qui nella nuova serie c'è ben poco, è senza anima...
Sembra che sia stata scritta da qualcuno che ha letto di star trek su Wikipedia.
Infinity,
Stessa cosa, l'audio delle due protagoniste era bassissimo sulla seconda puntata.
@Infinity: capita anche a me, ho faticato a capire le conversazioni ed ho dovuto attivare i sottotitoli.
@Infinity: Ho notato anche io questo problema. Infatti ho dovuto mettere i sottotitoli perché le voci erano appena udibili.
@Infinity

si, audio della protagonista ad un certo punto irritantemente basso.
@Infinity (#15): confermo che il missaggio della versione italiana è completamente sballato.
@Infinity (#15): Anche a me l'audio delle due protagoniste risultava bassissimo nella seconda puntata.
Come episodio pilota mi è piaciuto molto, però voglio vedere gli episodi successivi per vedere come evolve la trama ma soprattutto i personaggi.
Visti ieri sera. Che dire? La prima impressione a caldo che è uscita automaticamente dalla mia bocca appena finiti è stata:

"ma dove sono i dialoghi, un po ingenui, ma adorabili della TOS, di TNG, di DS9, di VOY...e forse anche un po di ENT?"

Ho la netta sensazione che il taglio di questa serie, vuoi per i superlativi effetti visivi in CGI, vuoi per lo stile cinematografico che condisce il mondo moderno tutto frenetico e guerrafondaio, sarà più sbilanciato verso l'azione che verso la riflessione tipica di Star trek (penso alle facce da scemo/divertito che facevo quando Il tenete comandante Data se ne usciva con una delle sue argomentazioni!).

Se così sarà, in effetti, mi sentirò un po preso per il c...esto da trekker che sono (o mi sento di essere).

Alcune mie note personali "a raffica e random"!

-Bella la presenza di (almeno?) un personaggio già conosciuto: sottolinea che c'è comunque la volontà di mantenere un legame con le altre serie.

-Questi kilngon, non si possono vedere!

-In un intervista a Jonathan Frakes e a Marina Sirtis chiesero (ai tempi di TNG): "ma perchè tutte le razze aliene di ST sono umanoidi? (ignorando comunque che in una puntata di TNG viene rivelato)" loro risposero simpaticamente: "Finchè si presentano attori e comparse umanoidi, non abbiamo scelta!". Bene qui forse sono riusciti a trovare l'attore giusto! (A dirla tutta ci erano riusciti anche con la specie 8472 :))

- Per ora, non ho trovato nessun comandante dello spessore di Jean Luc Picard...nemmeno qui!!! :(

- Quelli che "faccio tutto io" fino all'insubordinazione mi stanno letteralmente sulle scatole!

- Spero che almeno fosse di buona qualità la grappa che si sono bevuti i mixeristi dei dialoghi (confermo volume inesistente tra comandante e Michael da metà secono episodio).

In sintesi: lo seguirò...i morti si contano alla fine della guerra!

Q'aplà!
Per tutti quelli che si lamentano dell'audio delle due protagoniste nella seconda puntata su Netflix, SEGNALATELO! andate su Netflix da un computer avviate la seconda puntata e c'è un tasto "segnala problema". Segnalate un problema audio specificando che il loro livello è inudibile
Parlando sempre di doppiaggio, era una impressione mia, o il tono della voce nei momenti più concitati sembrava di persone serenamente al bar?
quello dell'audio di pessima qualità è un problema che noto da tempo in diversissime edizioni italiane. Ma perché??

p.s. non ho avuto il tempo di vederlo, ma se mi capita rigorosamente sottotitolato in Inglese. La storia che i doppiaggi italiani sono fantastici era vera (si, lo era!) fino a una generazione fa, non oggi. Tempo fa ho visto "Il Fronte del Porto" sottotitolato in italiano e mi sono ricordato a cosa ci si riferiva. Per curiosità ho visto l'originale in inglese e debbo dire che il primo era decisamente migliore!
@Infinity

stesso problema anche a me per l'audio, se non erro nella seconda mezz'ora della seconda puntata.

Per il resto concordo con Paolo, molto poco Star Trek, molto più un GOT Fantascientifico (senza sesso). Però sono fiducioso, visivamente molto bello, solita discrepanza tecnologia serie "classiche"/nuova rispetto alla linea temporale scelta (se ho ben capito, dovrebbe essere poco dopo star trek enterprise, ma hanno una tecnologia che in TNT sognavano allegramente)... aspetto con ansia la nuova puntata
@Diego Laurenti. In che episodio di TNG viene data una spiegazione del perché tutte le razze aliene di ST sono umanoidi? Non lo ricordo...
Effevis,

The Chase. Una puntata affascinante.
@Effevis
@Paolo

Non so se potrai mai competere contro Paolo ad un ipotetico "Telemike" su Star Trek...troppo veloce! :)

"Affascinante", poi, è un bell'aggettivo!
Mi è venuto il cattivo, l'odio.

Ho iniziato a guardare questa serie aspettandomi la solita schifezza targata netflix in un context star trek, ma mai avrei potuto immaginarmi che avessero fatto le cose così male.

A un certo punto la voce delle due protagoniste (e solo di quelle due) inizia ad abbassarsi, venendo spesso coperte dagli effetti sonori e arrivando nel pippone finale a non sentirsi per niente.

Per il resto è peggio di quello che mi aspettavo: niente carisma nei personaggi, razze di star trek usate a cavolo, deus ex machina inutili, decisioni suicide ingiustificate. pollice verso.
Sigla strepitosa...
E basta.
Credo che queste due puntate funzionano un po' come un prologo alla serie vera e propria, ed è possibile che da qui in avanti diventi più aderente al canone. Aspettiamo a dare giudizi
...dimenticavo, a me invece la sigla non è piaciuta. Non contiene una vera melodia caratterizzante come quelle delle serie precedenti. Penso soprattutto a TNG e DS9 che secondo me sono favolose. Personalmente ero legato anche a sigle dove fossero visibili immagini dello spazio, qua sono tutti schizzi animati... secondo me potevano fare di meglio
Viste entrambe le puntate insieme a mia moglie, che non se ne perdeva una da piccola.

In una riga: mi ha tenuto attaccato allo schermo, anche se capisco che possa non piacere.

C'è quel certo non so a la Star Trek, ed in un certo senso è interessante che al tema etico delle prime due puntate la risposta NON sia quella cui siamo abituati... almeno finora. Anzi, il contrario. In linea coi tempi, direi. C'è anche un certo odore "vintage" (per esempio nelle battaglie) che se può sembrare puerile, non dispiace, e mi pare di notare, al contrario di altri commentatori, una discreta lentezza, la caratteristica principe di ST rispetto a Star Wars.

La scelta dei ruoli (tutte donne) mi pare molto al passo coi tempi: se ci sono stati sempre ruoli da uomo per il comando, perché non fare TUTTE donne questa volta? Il politically correct arriva anche a definire un Klingon cattivissimo, ma bianco, che ruba a un noto "Romano" uno degli atteggiamenti più iconici... :)

Belle le scenografie, gli effetti e soprattutto l'architettura aliena. Qualche ingenuità alla "Gravity", ma si tratta di una serie, e non può essere tutto verosimile! Apprezzabile anche l'idea del disco di accrescimento, un concetto molto "sexy" in astronomia, oggi.

Belle anche le musiche e le sigle, abbastanza innovative in un panorama Giallo/Blue che come ho già detto ha proprio rotto le palle. I film di fantascienza infatti si distinguono in due grandi filoni: quelli giallo/blue (molta violenza, azione rapida, catastrofismo) e quelli bianchi (minimalismo, mondi distopici e deprimenti).

Certo che Netflix sta diventando veramente un mostro... ormai è praticamente LA major di Hollywood. Voto: 8, anche se temo sia difficile mantenere questo standard per una o più stagioni e temo che mi rimangerò quello che ho scritto.

Stasera le recupero e poi vi dico... Senza spoilerare, ovviamente :-D
Non sono un trekker, ho visto solo i 12 film (mi manca Beyond), ma se questo "Discovery" sta a Star Trek come il film netflixiano di "Death Note" sta al manga/anime originale, temo che rimpiangerete perfino i "famigerati dispari" e le strambe trovate di J.J. "Palla Rossa" Abrams :D
Premessa: guardavo la prima serie e mi piaceva ma non ho mai visto le successive, non sono quindi un trekker. Ho visto questi 2 episodi ma non mi convincono, seguirò comunque altre puntate. Domandona: secondo voi qual'è la serie dopo la prima, assolutamente da non perdere? Grazie
Le ho viste... Oltre al fatto che le protagoniste nella traduzione in italiano erano fortemente sottodecibelizzate nel secondo episodio, io nel secondo episodio non riuscivo nemmeno ad avere i sottotitoli in inglese dei Klingon quando parlavano nella loro lingua!

A parte questi inconvenienti tecnici, mi sento di dire questo: agli amanti della fantascienza consiglio di vedere questa serie, è ancora presto per dirlo, ma sembra promettente! Ai Trekker duri e puri invece non so cosa consigliare, direi "se volete guardarla, guardatela, ma probabilmente sarà al di sotto delle vostre aspettative di Trekker sfegatati" :-D

Invece mi sento di consigliare a tutti gli amanti della fantascienza la serie The Expanse, finalmente è uscita la seconda stagione in italiano e mi piace un sacco! :-)
@tubaz dipende cosa ti piace. A mio parere le diverse serie hanno sviluppato argomenti diversi. Da è più sulla guerra, votare l'ignoto, ti l'esplorazione. Per disco Very non credo andrò oltre. Causa i poveri klingon che con i Klingon hanno in comune solo il nome e la lingua. Come se in una prossima serie i vulcaniani siano guidati dalle emozioni e non dalla logica. Ho letto molte recensioni entusiaste, in alcuni casi mi sembravano degli atti di fede, altri "perché si, per questo spero di leggere l'opinione di Paolo. Al momento il mio giudizio è "ottima torta gassata con sterco di cavallo"
@ST Mi potresti spiegare meglio questa tua frase? "Da è più sulla guerra, votare l'ignoto, ti l'esplorazione". Grazie
NOTA: AUDIO BASSO da metà episodio, FIXED

Data astrale 28-09.2017, ore 10:00 :D
Da ulteriore controllo appena effettuato, sembra che il problema audio sia stato corretto.
E' possibile riprendere la visione senza difficoltà. :)
Ho visto ieri sera entrambe le puntate.
In italiano non ho avuto nessun problema di audio, però devo dire che l'ho visto in cuffia per non disturbare mia moglie che faceva altro.

Non sono un trekker, per cui non posso apprezzare quanto questa serie possa essere aderente o meno al canone, ma mi sono divertito molto. La qualità la considero alta.

Nello speciale con attori, registi e produttori si è vista tanta passione e tanto rispetto per un canone che ha ormai 50 anni e 700 ore prodotte tra serie e film.
Apprezzo Star Trek (serie precedenti, anche la serie classica, considerando il periodo in cui fu creata) -anche- per l'infusione di un -minimo- di strategia militare, di un -minimo- di realismo fisico (comunque mai paragonabile a battlestar galactica, pur rimanendo nella finzione), di un --minimo di coerenza-, in senso lato. Science fiction è diverso da fiction... io ho guardato 2 puntate di una serie fantasy.
Mi sono poco meno che divertito. Ho apprezzato poche cose, come la grafica... sono rimasto deluso da moltissime altre.
È vero che alcune serie di Star Trek iniziano con le prime puntate deludenti (personalmente ho trovato le prime puntate di voyager ed enterprise indigeste), per poi crescere esponenzialmente. Spero sia così anche per discovery, anche se di primo acchito i presupposti mi sembrano diversi. Speriamo bene :?
Tubaz

La serie da non perdere, imo, è voyager
A me la serie pur con i suoi "MACCOSA" non dispiace, sembra ben curata e sopratutto con un bel budget per essere Star Trek (che come dicevano in un documentario "è sempre stata a basso budget" film a parte). Ci ritrovo anche lo spirito "giusto" almeno in abbozzo: i dilemmi morali, la paura del diverso, i problemi dell'integrazione, ecc. Ovvero la tipica tecnica ST di prendere un problema umano e piazzarlo nello spazio per far riflettere.
Credo che una cosa che spiazzi un po' lo spettatore abituale di ST sia anche la non autoconclusività delle storie, credo che per giudicare la trama (e vedere se i temi abbozzati sono veramente approfonditi o meno) bisognerà attendere la fine della stagione che - com'è uso attualmente - è solo un unica enorme puntata divisa in singole parti.
Non sono neppure contro il restyling visivo della serie (che a mio gusto, trovo molto bello) dopotutto sono passati più di dieci anni dall'ultima serie ST sarebbe assurdo non aggiornare lo stile visivo ed essere costretti ad adeguarsi ad una serie che aveva effetti speciali a basso budget già per gli anni 60.
Questo era anche un forte limite di "Enterprise". ST non credo sia stata mai pensata per essere "retrofuturistica".
Quello che non capisco, invece, è la necessità di inserirsi in questa piccola porzione di tempo (10 anni prima della serie classica?)... Cioè, capisco che la moda del momento miri molto a far rivivere il passato (tutti i remake, i prequel i film tratti da vecchi cartoni, ecc...) ma per una serie che è ambientata e parla del futuro che senso ha? Oltretutto, a meno di non fare un recasting degli attori della serie classica (come è stato fatto per i film con risultati non proprio incoraggianti), questa situazione non permette nemmeno di far incontrare i nuovi eroi con i vecchi idoli e far passare il testimone come è stato fatto con Star Wars. Proprio quest'ultimo esempio (che pure vivi sulla nostalgia come altre operazioni) lo vedo più coerente: la storia dovrebbe andare avanti. Era un altro dei punti deboli di Enterprise (il vago senso che sapevi già come sarebbero andate le cose) che era li parzialmente giustificato dalla curiosità per la nascita della federazione. Ma qui? Klingon vs Federazione: vince la federazione, fine e tante grazie. Poi certo, il come è anche molto importante, ma ci sarebbe stata molta più libertà creativa (e tante critiche sulla continuity in meno) se si fosse ambientato tutto un secolo dopo Picard.
Ad ogni modo per adesso mi è parsa degna di essere guardata molto più di tanti altri terribili inizi di stagione di altre serie Trek. Vedremo :-)
@tubaz
scusa, scusa, scusa..
Odio i correttori automatici. Intendevo dee space 9 ha la guerra contro il dominio. The Next generazione è esplorazione. Votare è esplorazione dell'ignoto. Entrerete è un mix ma si perde nel finale
@ST immagino che Volare sia Voyager e Entrerete sia Enterprise :D :D :D
"Volareeeee oh oh sull'astronaveeee oh oh oh oh..."
Grazie @PaoloAlberton e @ST e @VanFanel x i chiarimenti e @Fenice x il suggerimento di The expance
Van Fanel scrive:
"Volareeeee oh oh sull'astronaveeee oh oh oh oh..."

AHAHAHAH XD
Ragazzi, e vogliamo parlare di questo articolo?! :O

http://www.fantascienza.com/22863/star-trek-discovery-in-italia-salta-una-settimana
Io trovo che The Orville contenga più Star Trek che Star Trek Discovery stesso.
Diego Laurenti scrive:
Ragazzi, e vogliamo parlare di questo articolo?! :O

http://www.fantascienza.com/22863/star-trek-discovery-in-italia-salta-una-settimana

Eh, come vedi sono casini qui e casini in USA, portiamo pazienza :-D
Problemi rientrati... pare che la terza puntata andrà in onda senza problemi. Dovrebbero aver messo a posto i problemi di audio.
Io la terza puntata l'ho appena vista. Le prime due mi avevano dato una sensazione migliore.

Boh. E' cupa, interessante, incuriosisce... pero' di ST ha l'iconografia, niente altro.

Lascia un senso come dire "abbiamo fatto un bel telefilm di cose dello spazio, ma bello bello, e ci abbiamo messo dentro delle altre cose che rimandano a ST tanto per farvi sentire a casa"

Non riesco a spiegare cosa non abbia di ST, è carino ma sembra Alien misto a Blue Noah con gli arredi e le uniformi di ST :-)
Anche io ho visto la terza puntata: sono davvero perplesso a questo punto.

Mi sembra che ci siano gli elementi di ST ma avrei abbracciato più serenamente le rivoluzioni della serie se fosse stata ambientata dopo Voyager.

In fondo, mi pare che abbiano fatto dei grossi cambiamenti ma nulla di trascendentale se pensate al salto che ci fu a livello di iconografia tra TOS e TNG. Non mi do pace sul perché ambientata prima... Oltretutto avrebbe funzionato allo stesso modo (e forse meglio) anche dopo Voyager.

In particolare mi auguro che spiegheranno in maniera da salvare la continuità il motivo per cui sta facendo ricerche la Discovery. In fondo sono anche convinto he lo faranno... Ma perché farci rimanere con il dubbio?
A me questa terza puntata è sembrata più "Doctor Who" che Star Trek....
Pericoli e misteri, e poi "RUN!".
Vista terza puntata, mi ha incuriosito e dato da pensare.
Anche a me ha dato una sensazione più da Doctor Who che da ST a parte le divise e gli ambienti. Vediamo come procede ma sembra talmente diversa dalle altre serie che forse potevano veramente ambientarla dopo Voyager. Come scritto in #58 mi manca qualcosa di ST ...
A me la terza è piaciuta. Apparte le scene intorno ai 30-32' che francamente non hanno una logica. Spiegare perché significherebbe necessariamente spoiler... Ma nessuno andrebbe in un [omissis] dove tutti i membri sono [omissis] in [omissis] e completamente [omissis].

O no? :)

p.s. gli asterischi li
Fan di TOS e TNG, ho voluto avvicinarmi anche a questa nuova serie. Ok, mi sono detto, vediamo com'è.
Semplicemente, come diceva Paolo Attivissimo all'inizio, non è Star Trek...ma nemmeno un po'...Sempre per citare Paolo Attivissimo, è una serie di fantascienza con astronavi. Dopo la terza puntata direi che è anche un po' Alien e soprattutto è molto "JJ Abrams"...il che, dal mio punto di vista, non è affatto un complimento. 
Peccato. Poteva essere qualcosa che rinverdiva un "brand" storico con una tecnica filmica superiore, invece no. Magari a qualcuno piacerà, ma occorre dimenticare il nome che porta, ovviamente...
Quello che non mi piace di questa serie, per il momento, è che segue le vicende di un solo personaggio e manca di quella coralità tipica delle serie post-Kirk.
Poi personalmente trovo totalmente piatta la recitazione di "Sasha", anche tenendo conto del suo personaggio, ha la stessa identica espressione che aveva in TWD. Spero tanto ritorni nella bara da cui è uscita... :)
Considerando il cm di fard sulla faccia delle protagoniste e lo riscartabellamento di un mucchio di termini, ho rivalutato e di molto Star Wars "Il risveglio della Forza"
Divertente nella quarta puntata il riferimento a Elon Musk.

E poi, mi sa che il sacrificio a cui alludono i due klingon alla fine riguarda il loro aspetto... non è che si innestano nella famosa storia dell'esperimento genetico di cui i Klingon non vogliono parlare (come dice Worf in Trials and Tribble-ations), che giustificava il cambiamento di aspetto da TOS a TNG? Questo tra l'altro giustificherebbe il fatto che in DIS i klingon sono veramente inguardabili! E mi sembra strano che gli abbiano dato un aspetto ancora differente, anche perché ormai l'aspetto dei klingon è troppo radicato in noi per cambiarlo così tanto!
L'aspetto dei Klingon "umani" della serie classica era stato già spiegato in ENT. Per quel che mi riguarda questo Discovery è sempre più interessante e sempre meno Star Trek. Mi piace però molto il Com. Lorca.
4 episodio: Noiosissima. Spento a metà per manifesta impossibilità mia e di mia moglie di continuare a stare svegli. :(
Stasera proverò a guardare la quarta, ma leggendo i commenti sento che da qui fino alle ultime due puntate saranno tutte fill con 3mila sottotrame che non portano da nessuna parte ... eppure spero proprio di sbagliarmi, non si possono buttare via tanti soldi per fare l'ennesima cag... sciocchezza Marvel/Netflix, proprio non si può.

Guardate The Expanse, quello si che è un bel serial fantascientifico/fantapolitico ... con un paio di personaggi veramente succulenti: Miller e la Avasarala.
Mi sono messo a paro con la serie :)
Allora, premetto che sono un Trekker puro, ma non duro (con rispetto parlando), quindi non mi aspettavo che Discovery fosse come la serie classica o TNG e sono contento che non lo sia affatto. Tutto sommato, a me piace. Finalmente c'è un equipaggio in cui non sono tutti i figli di Gandhi, in cui i membri (sempre con rispetto parlando) si prendono a parolacce perché non sono necessariamente amiconi. Mi piace il tema alla base della serie e mi piace un sacco il capitano Lorca. Mi è piaciuto assai il clima alla "Alien" della terza puntata. Ci sono anche cose che non mi piacciono ovviamente, come per esempio sta storia della rete di funghi che permea l'universo (eh?), ma vabbé, alla fine è science fiction, faccio finta che vada bene lo stesso, vediamo dove porta :)
Ora chiedo agli altri trekker qui presenti che non sono soddisfatti o che si sentono traditi: quali erano le vostre aspettative? Il tono della domanda è quello di curiosità, non di provocazione. Io sinceramente mi aspettavo qualcosa molto simile ai nuovi film. E mi sbagliavo. Questa serie è nettamente superiore a tutti i film del nuovo corso che, dal mio punto di vista, sono spazzatura. Ha una trama, ha un tema non banale su cui riflettere, ha personaggi moderni, non è un revival o un reboot o un remake. Tutte cose che apprezzo. Non mi aspettavo assolutamente qualcosa che mi facesse rivivere le situazioni delle serie storiche, semplicemente per il fatto che non siamo più negli anni '60 o '80. Facciamocene una ragione, siamo nel 2017 ed è giusto che anche Star Trek ne tenga conto.
Pensare di riuscire a riproporre le stesse emozioni che si erano provate in passato, è stato il grandissimo errore di Star Wars, con episodio 7. Il risultato è stato quello di aver presentato un film fotocopia di "Una Nuova Speranza", che non mi ha emozionato per niente. La direzione che dovrebbe prendere la Disney è quella di Rogue One, molto più fresco e "vero", non quella del Risveglio della Forza.

@Tubaz
Devi assolutamente guardare "The Next Generation". Il migliore Star Trek in assoluto, con miglior capitano in assoluto (J. L. Picard) e il miglior personaggio in assoluto (Data). (disclaimer: pareri personali).
Giskard,

Ora chiedo agli altri trekker qui presenti che non sono soddisfatti o che si sentono traditi: quali erano le vostre aspettative?

Mi aspettavo di trovare i valori di Star Trek: risoluzione dei conflitti attraverso l'intelligenza invece della violenza, presentazione di un futuro desiderabile e migliore invece dell'ennesima guerra cupa, personaggi che siano per gli spettatori modelli ai quali ispirarsi per essere persone migliori, senso del meraviglioso, eccetera.
@Paolo
Io ho ammirato e adorato Star Trek per tutte le caratteristiche che hai citato, ma mi rendo anche conto che oggi le cose sono diverse. Già con Voyager, devo essere sincero, mi sono annoiato e Deep Space 9, per quanto abbia dei momenti eccezionali, è una serie 'minore' rispetto alle precedenti. Questo perché le idee alla base sono sempre le stesse e gli equipaggi, per quanto ben caratterizzati, sono tutti molto simili. L'inizio di Voyager era promettente, con due fazioni antagoniste che si trovavano forzatamente sulla stessa nave lontanissimi da casa, ma poi tutto è scemato facendo tornare la storia nei ranghi canonici . A me, sinceramente, piace vedere un rinnovamento, a patto che sia fatto bene (non quello fatto male dei film di Jar Jar Abrams). E' vero, non sembra esserci l'intenzione di risolvere il conflitto senza usare la violenza (anche se per esserne certi dovremmo aspettare che la serie prosegua), ma anche questo fa parte della natura umana. Non tutti possono essere come J. T. Kirk o J. L. Picard. Inoltre, non trovo disdicevole presentare personaggi che non siano dei santi. Questo ha fatto le fortune di Game of Thrones (almeno fino alla quinta stagione), Dexter e tutte quelle serie in cui gli anti eroi sono protagonisti. Questa è una cosa che in Star Trek mancava, mi piace che ci sia per una volta e non sono dell'idea che introdurla abbia snaturato del tutto la serie. Forse non sono rimasto deluso come te, perché non mi aspettavo niente di quello cui ci aveva abituato Star Trek nel passato. Ovviamente, non scrivo queste righe per convincerti/vi che vi sbagliate tutti e che io ho capito tutto e voi no, ci mancherebbe. Live long and prosper.
Sbaglio o dopo 6 puntate di costruzione di coerenza interna, abbiamo avuto finalmente una puntata Star Trek?
Riesumo questo thread per un attimo.

Permetto che non sono un trekkie ma la mia età mi ha permesso di poter vedere ed apprezzare le repliche anni 80/90 della serie originale che passavano in quei pomeriggi. Non ho seguito i vari spin off, ma leggendo i commenti dei veri trekkers, capisco cosa intendono.

Ebbene, a mio modestissimo parere la ricerca di un degno erede della serie originale è finita. Date un occhio a "the Orville".

Serie scritta, diretta, prodotta ed interpretata da Seth McFarlane (Family Guy/American Dad/the Cleveland Show).

Serie che mescola i tratti tipici della serie originale ovvero l'avventura spaziale negli angoli più remoti del cosmo, usando come elemento fondante la disamina in chiave futuristica della società attuale e delle sue idiosincrasie. Buoni gli effetti speciali, un plot che sembra preso paro paro dalla serie originale (una nave da esplorazione che vaga per lo spazio con un equipaggio composto da varie razze) ma con quella punta di ironia tipica di McFarlane. Magari a molti non piacerà perché non è una serie comica ma nemmeno troppo seria. Ma ha quello "spirito" di cui molti sentono la mancanza.

Non sta avendo molto successo, stando alle critiche, ma probabilmente sono fatte da persone a cui piacciono i reboot sparatutto hollywoodiani. Ma chissene. A me piace molto.

È nuova nuova, arriverà in Italia su Fox dal 2018 ma la trovate già in lingua originale sottotitolata.

Buona visione.
Ho visto l'ultima puntata della stagione. Se inizialmente ero scettico e non vedevo molto di ST nella serie, posso ora dire invece che l'epilogo ne ricalca davvero i valori e quindi in generale la ritengo un'ottima serie.
E poi gli ultimi 15 secondi sono emozione pura!
Ho appena visto l'ultima puntata della prima serie.
Senza spoilerare posso dire che comincia a vedersi qualcosa che richiami ai principi di Startrek TOS.

Come per molte serie originali netflix la prima stagione è solo una gran bella intro con un po' di filler.

Spero a seconda stagione meriti l'attesa.

LLAP
Paolo, aspettiamo una tua recensione finale!
Personalmente sono deluso, a mio avviso questo star trek non c'entra nulla con i predecessori: troppo dark, troppo frenetico, non è uno show per tutta la famiglia... per fortuna mi sto godendo (molto di più) le vecchie serie su netflix.

alla fine della prima stagione, tu cosa ne pensi?
lanz,

ho aggiornato l'articolo con il mio commento sull'intera stagione.
Ho appena terminato di vedere il quarto episodio e posso dire che hanno rovinato la serie così tanto che neanche se appare Kirk, nella persona di William Shatner a 30 anni, riuscirò a cambiare idea.

Senza spoilerare:

* mi è piaciuta l'idea di mettere un personaggio della serie classica/TNG per dare un punto in comune con le altre serie, ma... il fatto che possa mettersi in comunicazione con la tipa ad anni luce di distanza solo perché quando lei era piccola lui ha fatto una F.M. é assurdo, soprattutto perché questa capacità non è mai stata descritta in nessuna delle altre serie. All'equipaggio della Voyager avrebbe fatto comodo se Tuvok avesse potuto comunicare col quadrante alpha... Altra cosa: lei allora è la sorellastra di XXXX, e lui non ha mai accennato di questo in nessun episodio.

* la tecnologia fantastica che permette la velocità smodata é, come direbbe Fantozzi, una cagata pazzesca. Non solo non ha plausibilità scientifica, ma neanche una minima credibilità, per cui è necessario uno sforzo immenso per accettarla. Poi perché il disco e l'astronave devono ruotare quando viene attivata?

* la discovery ha una tecnologia 100 anni più progredita dell'Enterprise che verrà costruita qualche anno più tardi

* i Klingon... All'inizio ero perplesso, poi ho accettato abbastanza facilmente il cambio di look perché ho pensato che essendo di casate diverse potrebbero avere anche un aspetto diverso, come potrebbero averlo un cinese, un senegalese e uno svedese. Questo potrebbe anche aprire la porta ad una buona spiegazione del look dei Klingon nella serie classica, ma considerando quello che ho visto finora dubito che, se mai ci sarà una spiegazione, sarà intelligente.

* le armi da taglio in tutte le altre serie sono sempre state con un filo di almeno mezzo centimetro. Si vedeva lontano un miglio che erano fatte di plastica e questo mi piaceva moltissimo perché lo scopo non era mostrare i morti ma l'atto atletico del combattimento, che la maggior parte delle volte si risolveva con il nemico svenuto. Qui invece sono affilatissime ed il sangue sgorga a fiotti.

* la storia d'amore omosessuale interraziale sembra messa apposta per seguire un filone ormai in voga a Hollywood di mostrare a tutti i costi le diversità. Spero vivamente che sviluppino intelligentemente il tema e che non sia la solita pagliacciata.

* ottimo invece il personaggio di Saru. Continuerò a guardare la serie (che non merita) solo per lui.