skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Hacker “attaccano banche svizzere”? Non proprio, risponde MELANI

Allarmati per le notizie recenti di attacchi informatici alle banche svizzere? Tranquilli: il malware Retefe di cui si parla in queste notizie è una vecchia conoscenza dei servizi di sicurezza informatica e le banche si sono già premunite da mesi per contrastarla. Lo dice MELANI, la Centrale d'annuncio e d'analisi per la sicurezza dell'informazione, in risposta a questo articolo di Trend Micro, che parla di un'operazione denominata, con grande sforzo creativo, Emmental.

L'attacco in realtà non prende di mira i siti delle banche, ma i dispositivi utilizzati dagli utenti per effettuare transazioni bancarie via Internet e in particolare la cosiddetta autenticazione a due fattori: in pratica il sito della banca, oltre a chiedere all'utente qualcosa che sa (la password), gli chiede anche qualcosa che ha (per esempio il telefonino, al quale viene inviato un ulteriore codice usa e getta di autenticazione). Se non vengono forniti entrambi i fattori di autenticazione, il sito della banca rifiuta l'accesso.

La tecnica criminale descritta da Trend Micro non si basa sulla consueta infezione del computer della vittima con malware-spia persistente: usa invece un malware che altera la configurazione del computer, specificamente i parametri DNS che indirizzano il traffico dell'utente, e poi si cancella senza lasciare tracce. Questi parametri vengono modificati in modo che quando l'utente digita il nome di un sito attendibile (per esempio la propria banca), il computer lo porti al sito dei truffatori, che è realizzato a immagine e somiglianza di quello della banca e che usa un certificato SSL di provenienza illecita per sembrare ancora più credibile.

A questo punto il sito-trappola invita l'utente a installare un'app Android, dicendo che si tratta di un generatore di codice di sessione. Invece l'app cattura gli SMS provenienti dalla banca e li dirotta su un computer o un telefonino gestiti dai truffatori. In questo modo i criminali ottengono il primo fattore di autenticazione (login e password) tramite il falso sito e il secondo fattore attraverso l'app. Hanno quindi tutto quel che serve per violare il conto della vittima.

La difesa contro questo attacco piuttosto sofisticato è in realtà semplice: basta non installare app che non provengono da Google Play. MELANI sottolinea inoltre che le banche svizzere non chiedono mai ai propri clienti di fornire informazioni di connessione o di installare un'app su uno smartphone, ricorda la necessità di installare un antivirus, di attivare e aggiornare regolarmente un firewall, di aggiornare il sistema operativo e il browser insieme a tutti gli altri software installati, e di fare attenzione alle mail di origine sconosciuta che contengono allegati o link.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).