skip to main | skip to sidebar
3 commenti

La foto del “bracconiere di dinosauri” infiamma la Rete? Un momento

Se ne parla un po' dappertutto: un utente di Facebook, Jay Branscomb, ha pubblicato una foto di Steven Spielberg scattata sul set di Jurassic Park accanto a un modello in grandezza naturale di un triceratopo, l'ha condita con una didascalia nella quale la definiva una “foto vergognosa di un cacciatore per diletto che posa allegramente accanto a un triceratopo che ha appena massacrato. Condividete, affinché il mondo possa dare un nome a quest'uomo riprovevole e svergognarlo”.

Alcuni utenti non hanno capito l'umorismo della didascalia, non hanno riconosciuto né Spielberg né tanto meno il dinosauro, e hanno preso sul serio le parole di Jay Branscomb, commentandole con indignazione. La foto è stata commentata oltre 5000 volte e condivisa oltre 30.000, spingendo alcuni a presentarla come una dimostrazione dell'ignoranza abissale degli utenti di Facebook, che non solo non sanno identificare uno dei più famosi registi contemporanei ma non sanno neppure che i dinosauri sono estinti da qualche milione di anni.

Ma in realtà non è possibile sapere se i commenti sono seri o se sono invece una risposta altrettanto umoristica alla battuta iniziale di Branscomb, e comunque 30.000 condivisioni sono nulla rispetto al miliardo e 300 milioni di utenti di Facebook: non rispecchiano di certo la visione o la cultura generale di tutti gli utenti di questo social network.

Si tratta probabilmente, insomma, di quella che in inglese viene chiamata manufactroversy, ossia una controversia fabbricata a tavolino per ottenerne un guadagno. Il guadagno, in questo caso, deriverebbe dalle visite degli utenti a siti come il Daily Mail britannico, che ospitano questa “notizia” e ne approfittano per propinare pubblicità agli utenti.


Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (3)
Piccolo refuso: 5000 colte.

Che in un articolo che parla di FB, assume un significato quasi freudiano. :D
Nel merito dell'articolo, ad ora su 43.000 condivisioni fanno da contraltare quasi 18.000 "like". Il mio modesto parere? Un meme ben riuscito.
Che però se non sbaglio non è nuovo. Nella mia memoria bacata ho la sensazione di avere già visto quella foto corredata dall'indignazione per la caccia indiscriminata... mah... Io non ho un cervello: ho un passino rotto che drena troppo...
Refuso sistemato, grazie!