skip to main | skip to sidebar
7 commenti

Smartwatch d’epoca: Pulsar Time Computer (1972)

Si sta facendo un gran parlare di smartwatch, anche grazie agli annunci fatti recentemente da Apple, ma il primo smartwatch (nel senso ampio di “orologio computerizzato”) risale al 1972.

Era il Pulsar Time Computer della Hamilton Watch Company: il primo orologio digitale con display a LED. Sì, LED, non LCD: i LED rossi consumavano uno sproposito di batteria, per cui il display era normalmente spento e per guardare l'ora dovevi premere un pulsante, come fece Roger Moore in 007 Vivi e lascia morire con il modello Stainless Steel P2, facendo salire alle stelle la popolarità di questo gadget.

Non c'era nessun'altra funzione: il Time Computer indicava soltanto l'ora. Niente calcolatrice (quella sarebbe arrivata nel 1975, con bottoni microscopici da azionare con un apposito stilo) e ovviamente niente app. Pesava uno sproposito ed era ingombrantissimo, oltre a costare 2100 dollari dell'epoca (oggi sarebbero circa 12.000 dollari). Ma chi lo indossava si sentiva parte del futuro (nel 1972 c'erano ancora astronauti sulla Luna) ed era l'oggetto delle attenzioni di tutti: esattamente come oggi quando si esibisce l'ultimo smartphone o l'Apple Watch. Se volete sapere tutto su questo nonno degli smartwatch, sfogliate Oldpulsars.com.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (7)
Questo non è uno "smart"watch...
Per essere smart deve fare qualcosa di più che segnare l'ora.
La stessa differenza c'è tra phone e smartphone...
come al solito non importa essere avanti, basta farlo credere...
Io ho avuto in regalo, nel 1977, un orologio con le cifre luminose e non erano led, erano una sorta di "tubi al neon", non so se e' chiaro, come quelli dei registratori di cassa di una volta.

Peccato sia finito rubato, altrimenti sarebbe un pezzo da collezione.
@Marco Henin

Non è uno smartwatch? Un orologio a led del 1972? Quando tutti gli altri avevano ancora le lancette? Già avere un display, per quell'epoca, è abbastanza smart, direi.
@Marco Hénin:
> Per essere smart deve fare qualcosa di più che segnare l'ora.

Faceva la luce rossa! ;-)
Ricordo a metà/fine anni '70 i Casio e Texas-Instruments sempre a LED rossi (i Pulsar dei poveri!)
Probabilmente mio padre negli anni '70 aveva un Casio, me lo ricordo chiaramente, acciaio, tondo, quadrante rosso scuro, pulsante e led rossi.