skip to main | skip to sidebar
2 commenti

Tempesta geomagnetica di grado G4 (Kp=8) in corso: niente panico, ma molto spettacolo

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alla gentile donazione di “alton1*”, “migat” e “andrea.prol*” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora.

È in corso una tempesta geomagnetica di notevole intensità, indotta dalla recente attività del Sole, che potrebbe generare aurore spettacolari (grafico predittivo qui accanto) e qualche disagio non catastrofico: siamo ben protetti dal campo magnetico terrestre e dall'atmosfera. Diffidate dei titoli da panico che inevitabilmente verranno rigurgitati dai giornalisti a caccia di clic a poco prezzo.

Lo Space Weather Prediction Center del NOAA statunitense classifica l'attuale tempesta come una G4 (intensa) con indice Kp pari a 8 (il massimo è 9). Tutti i dati attuali sono raccolti in questa sua pagina riassuntiva.

La scala Kp è l'equivalente geomagnetico della scala Richter per i terremoti: una misura logaritmica dell'energia della tempesta a livello planetario.

Una tempesta geomagnetica come quella attuale può causare qualche disturbo nelle comunicazioni radio, cali di precisione nei sistemi di localizzazione che usano i segnali dei satelliti GPS e delle emittenti radiotelevisive via satellite, e può indurre le compagnie aeree a usare rotte non polari per i voli intercontinentali, per non esporsi al rischio di perdere contatto radio e di perdersi per mancanza dei segnali dei sistemi di localizzazione.

Nessun problema per gli occupanti della Stazione Spaziale Internazionale: sono ben schermati all'interno della Stazione. Se dovessero fare passeggiate spaziali, invece, la tempesta sarebbe un problema, perché una passeggiata di 6 ore durante una tempesta geomagnetica intensa esporrebbe un astronauta a una dose di radiazioni variabile dal 10 al 100 per cento del limiti a breve termine per pelle e occhi. Ma non ci sono passeggiate in programma.

Paradossalmente, una tempesta geomagnetica è in parte benefica per gli abitanti della Stazione, perché riduce un altro tipo di radiazione, quella dei raggi cosmici provenienti dallo spazio profondo. I raggi cosmici sono molto più difficili da schermare, ma le tempeste geomagnetiche tendono a bloccarli, causando un fenomeno chiamato diminuzione di Forbush.

Se volete vedere che aspetto ha un'aurora vista dalla Stazione, guardate questo video:



22:50. Arrivano segnalazioni e immagini di aurore visibili verso nord dalle Alpi austriache, addirittura con una normale webcam. Davvero fantastico.



Fonti aggiuntive: NASA e Radiation and the International Space Station: Recommendations to Reduce Risk, National Academies Press, pagg. 29-30.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (2)
Il calendario di Spaceflight101 (che non ho idea se sia aggiornato o meno) indica che la prossima EVA è prevista per il 27-28 di questo mese, quindi la tempesta non causerà alcuno slittamento delle attività programmate, corretto?

PS: ma "tempesta geomagnetica" e "tempesta solare" sono sinonimi?
Oh mamma! :O
Paolo, secondo te come mi sento sapendo che ho degli amici alle Faroe e altri alle Svalbard proprio in questi giorni per l'eclisse? Se ora hanno il cielo almeno parzialmente libero penso che ridefiniranno il concetto di invidia!
A ottobre 2013 sono andato per sei notti vicino a Tromso, e una sera ci fu una situazione magnetica simile a questa, però pioveva sempre.
Morale: sono stato fortunato con le eclissi solari che ho visto, sono stato fortunatissimo col cielo australe in Namibia, ma e aurore polari pare proprio che siano la mia maledizione! :=(