Cerca nel blog

2006/05/08

Repubblica.it, pozzo di scienza

Questo articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Iw2jtd mi segnala questa perla di Repubblica, che conferma il principio secondo il quale leggere un articolo che tocchi argomenti scientifici in un giornale generalista è una totale perdita di tempo.

Dice infatti l'articolo, parlando di un motore scramjet:

Con questo tipo di propulsione si possono raggiungere velocità molto elevate, fino a Mach 5, cioè cinque volte la velocità della luce.

Aggiornamento (2006/05/09 11:40). La pagina incriminata è stata rimossa.

40 commenti:

blu-flame ha detto...

non ci posso credere, e' paolo + veloce della luce! 12ms dopo la segnalazione e' apparso il post co tutte le sue "cosine" a posto.
Complimenti per l' efficenza!


Nessuna scusa per repubblica.

"leggere ...scientifici in un giornale generalista è una totale perdita di tempo"

Non sono d' accordo, lo diviene se il giornale non e' serio: si puo' fare buona divulgazione ovunque.

E se riescono SERIALMENTE a sbagliare la matematica, scienza esatta, cosa possono fare quando riportano concetti di cronaca o politica gia incasinati di per loro?

Claudio

Anonimo ha detto...

l'avevo letto anch'io e persino postato ad un mio amico nel pomeriggio.
ma come si fa a scrivere certe cose????

Anonimo ha detto...

Set course for Earth, Mister Data. warp 5. Engage! :-)

Paolo Attivissimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Paolo Attivissimo ha detto...

si puo' fare buona divulgazione ovunque.

Si puo', ma non si fa. Hai notizie di un giornale generalista che la faccia Qualcuno che abbia superato la Prova del Sedile Verticale? :-)

E che non inciampi, nei prossimi giorni, nella Bufala della Piramide Bosniaca?

Anonimo ha detto...

BUAH AH AH AHA HA HAHAHA AHHA !!!!

Quelli di Repubblica non si smentiscono mai... Chi ha scritto l'articolo deve essere ancora sotto l'influsso dell'incontro con Kate Mulgrew a Milano :-D

Anonimo ha detto...

Ooooh! Ma dai!!! sto nuovo areo ha anche il teletrasporto?

Beam me up Scotty!!!

Il problema è che articoli tecnici o scentifici andrebbero fatti scrivere ha gente appassionata delle materie trattate. Gente che si documenterebbe sugli argomenti per amore degli stess.


************

Non c'entra con questo articolo, ma vorrei chiedervi una cosa. Da 2 settimane a sta parte mi stanno arrivando trojan a go go. Sapete se c'è in giro qualcosa di strano o è solo impazzito il mio firewall?

Anonimo ha detto...

Ragazzi, dai, va bene che Repubblica è particolarmente incline a prendere delle bufale, ma mi pare ovvio che questa era semplicemente una svista di uno che voleva scrivere "suono" e ha scritto "luce".
Questo accanimento forzato mi sembra quello di "Striscia La Notizia" quando non ha più argomenti interessanti da trattare.
Su, dai...

Anonimo ha detto...

è anche vero che non è possibile per la gente leggere giornali specializzati per avere un po' di cultura generale aggiornata.

non è quindi inutile la presenza dei quotidiani generalisti.

tutto sommato anche la tua newsletter è generalista, solo che tu hai attenzione per gli argomenti che tratti, altri no.

tranne forse quando tratti gli argomenti generici :)

generalizzi e... sbagli ;-)

Anonimo ha detto...

Scusa Aleister ma non resisto...
"Il problema è che articoli tecnici o scentifici andrebbero fatti scrivere ha gente appassionata delle materie trattate. Gente che si documenterebbe sugli argomenti per amore degli stess."
Il tuo è un bel discorso come concetto, ma abbisognasse che ti informerebbi un pò di più sulla grammatica... ;) :D

per Blu-flame:
E se riescono SERIALMENTE a sbagliare la matematica, scienza esatta, cosa possono fare quando riportano concetti di cronaca o politica gia incasinati di per loro?
Appunto: considerando anche che "giornali seri" non ce ne sono più, ne consegue che "leggere articoli scientifici in un giornale generalista è una totale perdita di tempo". ;)

Ragazzi, dai, va bene che Repubblica è particolarmente incline a prendere delle bufale, ma mi pare ovvio che questa era semplicemente una svista di uno che voleva scrivere "suono" e ha scritto "luce".
Questo accanimento forzato mi sembra quello di "Striscia La Notizia" quando non ha più argomenti interessanti da trattare.
Su, dai...

Striscia è molto più sforzato, non preoccuparti... e poi qui non parliamo di uno che ha scritto "suino" invece di "suono", che può essere un refuso divertente: qua qualcuno ha scritto "cinque volte più veloce della luce" e non gli è parso strano, e nè lui nè qualcun altro l'ha riletto per controllo...
Non so voi, ma a me parlando di jet non verrebbe di parlare di "più veloce della luce", forse parlando di Superman o Star Trek..

Andrea ha detto...

Ma il problema è più sottile...

Ci sono una serie di articoli che vengono preparati "comunque" e solo negli ultimi minuti viene deciso di inserirli..
Diciamo che di solito è una sorte che tocca agli articoli scientifici o tecnici.. che sono di gran lunga quelli meno letti.
(State tranquilli che se fosse una roba che mette in dubbio il matrimonio di Totti o i capelli del Cavaliere non ci sarebbero errori) Quindi sono affidati persino a ragazzotti che spesso fanno il riassunto di un articolo preso magari da una rivista specializzata.
Ma se nello scrivere ci possono essere strafalcioni .. nelle foto a corredo, specialmente militari, non ne azzeccano una ..
Ci potete scommettere che se l'argomento è Mig, nella foto c'è un'F15 o il contrario..

Anonimo ha detto...

per par condicio...
mi sembra ieri al tg5 "il dottor Spock di Star Wars"
Pippa.

Giorgio Loi ha detto...

mi pare ovvio che questa era semplicemente una svista di uno che voleva scrivere "suono" e ha scritto "luce".

Meno male che ti pare ovvio.
A me l'unica cosa che pare ovvia, se non lampante, è l'abissale ignoranza scientifica dell'articolista, che probabilmente non trova differenza fra "Superquark" e "Star Trek", e l'idea che si possa andare 5 volte più veloce della luce non gli suscita il benché minimo dubbio.

Mamma mia...

Anonimo ha detto...

Il problema non è tanto raggiungere 5 volte la velocità della luce (bazzeccole).
Il problema è frenare!
(in "balle spaziali" di Mel Brooks
c'è una scena gustosa al riguardo)

Anonimo ha detto...

Se un giornalista non fa neanche lo sforzo di capire quel che scrive, forse è tanto meglio che resti a casa...
Si fosse documentato sullo stesso sito della testata per il quale lavora, avrebbe trovato un articolo del 1999 dove si parla del progetto Scramjet della NASA, dove nell'articolo si dice tra l'altro che "un Mach, cioè la velocità del suono, equivale a circa 1.100 chilometri orari". Eh voilà, tanto ci vuole, eh?
Evidentemente l'articolista più recente deve aver visto troppi film, per confondere suono e luce. Altro che Striscia la notizia.

Giorgio Loi ha detto...

Il problema non è tanto raggiungere 5 volte la velocità della luce (bazzeccole).
Il problema è frenare!


Uhmm... non so... ci sarebbe da discutere al riguardo. Credo che la "Velocità smodata" sia inferiore a Warp 5, nonostante la botta tremenda che ha preso il povero Casco Nero! :-)

Anonimo ha detto...

dai, voleva dire del suono...

Anonimo ha detto...

"leggere un articolo che tocchi argomenti scientifici in un giornale generalista è una totale perdita di tempo"

Dai, non e' vero, non e' sempre cosi'.

In compenso, anche chi sostiene di fare "un'informazione scientifica (...) credibile, rigorosa" (http://www.lescienze.it/chisiamo.html)
spesso spara balle di dimensioni spaziale e risulta particolarmente ostinato nel correggerle.
C'e' la bellissima perla su "274 gradi sotto zero":
http://www.lescienze.it/specialarchivio.php3?id=10233
che non hanno voluto rimuovere nonostante la segnalazione (con una precedente segnalazione riguardante la relativita' generale la redazione era stata solerte e riconoscente).
COme aggravante, il fatto di aver tradotto pari pari, errore compreso, da un articolo in inglese senza citare la fonte (pratica abituale del "notiziario a domicilio").
SEmbra che adesso il modulo online per abbonamenti e arretrati non funzioni, ma fino al mese scorso per "Le Scienze" la germania non si era ancora riunificata :)
Saluti da Bonn,
Andrea

Anonimo ha detto...

Scusate ma la piramide bosniaca citata da Paolo cos'è???? Avevo sentito qualcosina ma sono digiuno sull'argomento. C'è un indagine in merito?

Anonimo ha detto...

C'e' la bellissima perla su "274 gradi sotto zero"

Bella veramente. Forse sono gradi Fahrenheit (circa -150°C, e mi pare verosimile: non credo che si possa essere vicini allo zero assoluto), ma "Le Scienze" deve specificarlo, specie con quello che costa l'abbonamento.

Mi sento invece più indulgente verso il lapsus di Repubblica: un sorriso, e poi basta. Dopotutto non penso che, per inesperto che possa essere, il giornalista confonda luce con suono, e accenda la lampadina per ascoltare il notiziario, o la radio per entrare in una stanza buia (oddio... io talvolta lo faccio. La mia radio ha la scala luminosa...).
Se si comincia così si finisce per credere a Bush quando dice di aver visto il primo aereo schiantarsi sul WTC.


mastrocigliegia

Paolo Attivissimo ha detto...

Un "archeologo" dice di aver trovato una piramide alta diverse centinaia di metri sotto una collina in Bosnia. Ci ha creduto anche la BBC. Poi qualcuno ha controllato le credenziali dell'"archeologo"...

http://www.archaeology.org/online/features/osmanagic/

Anonimo ha detto...

Vorrei far notare un'altra perla dell'articolo, meno palese:

"per arrivare a Tokyo da New York, rotta che oggi richiede 18 ore di volo, ne basteranno 2."

Un boeing 747 va a mach 0.85 (fonte: Wikipedia). Si fa in fretta a calcolare dunque che se un Boeing ci mette 18 ore, un aereo che vada a Mach 5 non ci metterebbe meno di TRE ore.

Inoltre Mach 5 mi sembra una velocità senza senso. Un po' di paragoni:
F15: Mach 2.5
F16: Mach 2.05
F22: Mach 2.22
Eurofighter: Mach 2.0

(fonte: Wikipedia, velocità massima in alta quota senza armi o serbatoi aggiuntivi).

Ci tengo a far notare che si tratta di aerei _da guerra_, in cui la velocità massima viene misurata mettendo i motori a palla e fregandosene completamente dei consumi (che sarebbero completamente inaccettabili in qualsiasi ambito civile).

Anonimo ha detto...

Va be' Repubblica e' Repubblica, ma attivissimo.blog non lo batte nessuno: l'"aggiornamento" dell'articolo che indica la pagina rimossa e' datato 2006/06/09. 9 giugno o 6 settembre? Comunque "Ritorno al Futuro" ;-)

Paolo Attivissimo ha detto...

Oops!! Sistemato!!

Anonimo ha detto...

Nessuno ha notano il Ramject nella prima linea dell'articolo?

Anonimo ha detto...

Io la pagina non la vedo....è stata cancellata ?

Suvvia, ora non fate tutti i saputelli... :) che ne sapete voi !? Magari c'è qualche cosa che va più veloce della luce, a lui l'onore di essere il primo ad averla scoperta :)

Anonimo ha detto...

Per caso l'articolo in questione era stato scritto dal Turani (chi ha orecchie per intendere intenda ^_^)?

Anonimo ha detto...

L'errore "dottor Spock" purtroppo lo commettono in tantissimi in tv...tra l'altro spesso sono comici che fanno i saputelli (ricordo la Dandini un paio di volte, e quel gruppo di falliti dei Turbo Lenti su Colorado Cafè Live due domeniche fa). Quel diabolico pediatra fa ancora danni!

Anonimo ha detto...

C'era mica il nome dell'autore? Perche' dopo "gli aerei di plastica" ed i "sedili verticali" l'inviato da Londra di Repubblica potrebbe aver fatto tris...

2geez ha detto...

ma no è pubblicità subliminale, si riferiva al prossimo rasoio gillette, il mach 5

8-)


http://2geez.blogspot.com

Anonimo ha detto...

Premettendo che sono piuttosto adirato ed indignato per il servizio del TG3 di questa sera che parlava della morte di Jessica in chiave politica scaricando le colpe dell'avvenimento alla pianificazione territoriale che ha portato ad una determinata strutturazione urbana (mica per niente Galan è di F.I. e presidente della regione veneto da una decina d'anni...e non è la prima volta che reinterpretano la realtà veneta per fini di lucro politico), vorrei segnalare questo articolo:
http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=55958
Per chi non lo sapesse 96 mm di pioggia per metro quadro sono eventi che si son verificati 3-4 volte in 60 anni di rilevazioni pluviometriche.
Es: nell'alluvione del 64.
Strano che all'unità non sappiano minimamente questa cosa e si diano alle libere interpretazioni.
Quand'è che i giornali acquisteranno dei veri esperti per parlar di fatti tecnici?!

Anonimo ha detto...

anonymous wrote:

Suvvia, ora non fate tutti i saputelli... :) che ne sapete voi !? Magari c'è qualche cosa che va più veloce della luce, a lui l'onore di essere il primo ad averla scoperta :)

Esatto!

"Nulla può andare più veloce della luce! Per questo nel 2068 gli scienziati aumentarono la velocità della luce" (prof. Hubert Farnsworth, Futurama)

SirEdward

Anonimo ha detto...

L'articolo è quel che è, ma in effetti mach 5 è una velocità raggiungibile (e superata da un paio d'anni).

Attualmente il record è mach 7, raggiunto dalla NASA con un aereo sperimentale con motore scramjet

Qui un link:
http://spacenews.dancebeat.info/article.php?story=20040328151630378

Qui in italiano
http://www.webmasterpoint.org/risorse/articolo.asp?id=4986

Anonimo ha detto...

un piccolo appunto: ti segnalo che la velocità Mach 5 corrisponde a 5 volte la velocità del suono e non della luce

vale56 ha detto...

[quote]
Un anonimo ha detto...

un piccolo appunto: ti segnalo che la velocità Mach 5 corrisponde a 5 volte la velocità del suono e non della luce

11/5/06 13:35
[/quote]

ma leggere prima di postare?
Dall'articolo

[quote]
Dice infatti l'articolo, parlando di un motore scramjet:

Con questo tipo di propulsione si possono raggiungere velocità molto elevate, fino a Mach 5, cioè cinque volte la velocità della luce.
[/quote]

Se non lo avessi capito: mach 5 è 5 volte la velocità del suono, ma l'articolista ha critto 5 volte la velocità della luce

Anonimo ha detto...

vale56 ha detto...

[quote]
Un anonimo ha detto...

un piccolo appunto: ti segnalo che la velocità Mach 5 corrisponde a 5 volte la velocità del suono e non della luce

11/5/06 13:35
[/quote]

ma leggere prima di postare?
Dall'articolo

[quote]
Dice infatti l'articolo, parlando di un motore scramjet:

Con questo tipo di propulsione si possono raggiungere velocità molto elevate, fino a Mach 5, cioè cinque volte la velocità della luce.
[/quote]

Se non lo avessi capito: mach 5 è 5 volte la velocità del suono, ma l'articolista ha critto 5 volte la velocità della luce

12/5/06 11:14

Grazie signori, se non me lo aveste fatto notare non lo avrei mai capito.

Scherzi a parte (mi sembrava inutile ribadire l'ovvio, del resto già sottolineato da Attivissimo, ma a quanto pare per altri non è così), mi sembrava utile sottolineare che Mach5 (per gli anironici: suono, non luce) non è "una velocità senza senso" (cito dall'intervento di Crusaderky), ma qualcosa di possibile (e già superato).
Del resto solo qualche anno fa sembrava "impossibile" superare la velocità del suono.

mastrocigliegia ha detto...

"Nulla può andare più veloce della luce! Per questo nel 2068 gli scienziati aumentarono la velocità della luce" (prof. Hubert Farnsworth, Futurama)
SirEdward


Per intanto la velocità della luce l'hanno diminuita.
Fino a poco più di 200 km/h e, a bassa temperatura, fino a circa 60 km/h.
Un bravo ciclista la lascerebbe indietro.

mc

http://www.lescienze.it/specialna.php3?id=7054

Anonimo ha detto...

Per intanto la velocità della luce l'hanno diminuita.
Fino a poco più di 200 km/h e, a bassa temperatura, fino a circa 60 km/h.
Un bravo ciclista la lascerebbe indietro.


Veramente nell'articolo di cui mandi il link si parla di 57 km/secondo.
Presentami quel ciclista, che ogni tanto ho bisogno di un passaggio.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Paolo Attivissimo ha detto...

Il commento sopra è stato cancellato perché era un lungo pezzo di propaganda politica che non c'entra nulla con l'articolo del blog.

Lo stesso pistolotto propagandistico è stato infilato nei commenti a un altro articolo di questo blog. L'ho rimosso per le stesse ragioni.

Spammer anonimo, vai a sporcare da un'altra parte.