Cerca nel blog

2007/10/16

Googlechicche: l’aereo trasparente e il missile immortalato

Aerei di vetro e missili in Google Earth?


Due Googlechicche permettono di notare un fenomeno curioso di Google Earth: la fusione delle immagini adiacenti ogni tanto sbaglia, e quindi non è il caso di fidarsi ciecamente di quello che viene mostrato da questo splendido programma gratuito.

Andate per esempio a 46°13'58.45"N 6° 6'24.50"E (oppure prelevate il file KMZ da The Register): troverete che a Ginevra ci sono degli aerei di vetro.


C'è di più: a 38°13'36.38"N 112°17'56.59"O trovate addirittura quello che sembra essere un missile, incredibilmente colto e bloccato in volo sopra gli Stati Uniti.


Soltanto un'osservazione attenta, e la conoscenza degli errori di collage digitale di Google Earth, permette di notare che si tratta in realtà di un aereo al quale sono state rese trasparenti (nell'immagine) le ali: la scia che gli sta dietro è quella multipla tipica di un aereo, non di un missile, e l'ombra del "missile" visibile sul terreno nell'inquadratura più ampia ha la forma di un velivolo.

6 commenti:

Riccardo ha detto...

Un bel missilone... lungo più di 27 metri...

mastrocigliegia ha detto...

Dov'è diretto?
Sul pentagono?

Tukler ha detto...

Paolo le coordinate corrette sono:

38°13'36.38" -112°17'56.59"

Col - davanti! sennò si finisce in cina;)

Paolo Attivissimo ha detto...

C'è la O in coda, me le ha fornite così San Google Earth.

Jac ha detto...

Due precisazioni (pignole) circa il "missile".
L'anomalia non è dovuta a "errori di collage digitale", bensì alla tecnologia utilizzata per quel tipo di foto satellitare, che ogni tanto zoppica quando il soggetto ripreso è un aereo in volo (ci sono aerei senza naso o senza un ala su Google Earth ;-D). Le ali non sono "trasparenti", ma, zumando, si presentano come due baffi neri, forse perché dipinte di un colore scuro.
Infine, l'ombra del missile, non è affatto un ombra, ma un effetto digitale risultante dal rendering finale dell'immagine satellitare. Nessun problema a riprendere un oggetto fermo a terra, ma si crea un "motion ghost" (quell'ombra azzurrina davanti all'aereo) per oggetti che si muovono velocemente (auto comprese). Spiegazione grossolana: l'immagine è composta da un doppio scatto, B/N e colori, che viene ricomposto a terra. Al momento del secondo scatto, l'aereo si è già spostato un pochino avanti.
Che non si tratti di un'ombra reale lo si deduce anche dal fatto che l'aereo ha un bella scia dietro di sé, che si può formare solo ad alta quota, diciamo sopra i 25mila piedi (8km). Ed a quella altezza, l'eventuale ombra sarebbe proiettata parecchi km più in là.
Ciao
j

Fra ha detto...

Ho postato questo messaggio su it.discussioni.misteri :
http://groups.google.com/group/it.discussioni.misteri/browse_thread/thread/16f421d5d043dcd1/e846d5536c869f97#e846d5536c869f97