Cerca nel blog

2007/10/13

Ci vediamo a Riva del Garda il 19?

La Melandri mi chiama, come dirle di no?


Questo articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Venerdì 19 ottobre sarò al Palacongressi di Riva del Garda per partecipare al convegno "Giovani energie rinnovabili", promosso dal Ministero delle Politiche Giovanili e delle Attività Sportive in collaborazione con la Provincia Autonoma di Trento. Il convegno, come dice il sito del Comune di Riva del Garda dove trovate maggiori informazioni, è "dedicato alla valorizzazione dei giovani talenti italiani" e inizia il giorno prima.

Per questo mi sono un po' stupito quando ho ricevuto una lettera d'invito dal ministro Melandri: non sono né giovane né più granché italiano, e il Ministero lo sa, visto che ha spedito la lettera a casa mia in Canton Ticino; e solo la mia smisurata vanità mi trattiene dall'avere dubbi sulla mia qualifica di "talento".

Sia come sia, mi è stato proposto di fare da "facilitatore" del dialogo e del confronto in un gruppo di lavoro dedicato alla tecnologia che, insieme ad altri gruppi, dovrà formulare "proposte da portare all'attenzione delle istituzioni, degli enti territoriali, delle imprese e del sistema creditizio, affinché essi si ripensino nel loro modo di essere presenti nella vita di un giovane e diventino soggetti capaci di valorizzare la creatività e l'energia dei nostri giovani e di arginare così la fuga dei 'cervelli' che ogni anno partono numerosi in cerca di lavoro o di strutture più adeguate per portare avanti ricerche innovative e sperimentali."

La sottile ironia di invitare a parlare di come arginare la fuga di cervelli un mezzo italiano fuggito dalla disperazione in Svizzera è forse sfuggita a chi ha redatto l'invito (o forse è intenzionale), ma è comunque una bella occasione per tastare il polso di una realtà alla quale sono legato da affetto e ammirazione. Detesto veder sprecato e ostacolato il talento, e in Italia ce n'è abbondanza: sia di talento, sia di spreco e di ostacoli.

Trovate il programma dettagliato in questo PDF. La partecipazione al Convegno è gratuita, ma è riservata ai giovani fra i 18 e i 35 anni. Per informazioni ed iscrizioni contattate le Attività Sociali del Comune di Riva del Garda, tel. +39 0464 573860.

30 commenti:

Franco ha detto...

Io sincermente detesto queste trite e ritrite buffonate inconcludenti del circo politico.
La fuga di cervelli, le energie rinnovabili, i convegni...
solita minestra.

Ma se hai deciso di andare, ti faccio i miei auguri.

Tony ha detto...

Sii te stesso, Paolo.
Non deluderci, per favore.
Grazie.

happy h ha detto...

Solo fino ai 35?
Razzisti :-p

Nello

Anonimo ha detto...

Personalmente non penso che la cosa possa cambiare lo stato reale delle cose, però penso sia un modo di poter fare notare, da un punto di vista esterno (il tuo) e quindi imparziale, di potere additare tutto ciò che non funziona, a partire dai politici :)))))
beh l'unica cosa che posso dirti è sii te stesso e buona fortuna

Rudy ha detto...

"proposte da portare all'attenzione delle istituzioni..."
Come dire: nella pubblica amministrazione siamo tutti incompetenti da decenni. Voi "esperti" riunitevi per dirci che cosa dobbiamo fare (ma statevene al vostro posto).
O sbaglio?
:-)

Ale & Simo ha detto...

Occhio, c'è un errore nel link al file pdf. :-)
Ale

Francesco Sblendorio ha detto...

Ocio: venerdì non è 18, è 19

Alessandro ha detto...

Farò il possibile per esserci, tanto più che abito a 5 minuti a piedi dal convegno :)

Andrea Rossetti ha detto...

Chiedono la carta d'identità? Dici che chiedono i documenti all'entrata? Magari mi metto un toupé

Paolo Attivissimo ha detto...

Sistemati i refusi, grazie! Devo cambiare marca di diluente nitro, dopo il terzo bicchiere non fa più effetto...

john_wayne ha detto...

L'ho già detto che sono misantropo? (E' una domanda sarcastica, non rispondete!). Per questo non ci sarò, e mi dispiace.

L'unica cosa che mi fa piacere é che sono ancora abbondantemente sotto la soglia della fine della giovinezza, :-D

Giuliano ha detto...

Lettera della Melandri?
Non sara' mica una bufala? :-)

OperationOne ha detto...

"caro Paolo,
c'era una volta, in un paesino lontano nella Italica terra, una Pubblica Amministrazione che aveva sviluppato molto bene una tecnologia applicata all'analisi del territorio, grazie al temerario ardimento di un paggio suo dipendente, che sfidava ogni dì i piu' terribili sortilegi per raggiungere la meta.
Egli era diventato quasi un mago nel brandire il nobile strumento, tant'è che moooolti messeri, stimati professionisti e cerusici dell'ameno luogo, ed anche del circondario, convenivano al palazzo per esserne iniziati agli oscuri segreti.
Quando tutto sembrava volgere al meglio e per il paggio, grazie alle sue fatiche, si prospettava una nomina a Nobile Cavaliere che egli avrebbe voluto mettere a frutto per proteggere gli indifesi e gli oppressi, a causa di un oscuro malefizio chiamato "clientelismo", cosa ti combina il Signore del Palazzo?
D'un colpo, con un sortilegio chiamato "trasferimento d'ufficio", destìna l'ardimentoso paggio a servire nelle scuderie del reame, a dare di brusca e striglia ai cavalli, ed eleva al rango di Signore lo sconosciuto Cavalier De La Raccomandazione, donandogli con un Incantesimo tutti i segreti del prodigioso Strumento.
Oddio, i musici del paese cantano stornelli che riferiscono invero che l'Incantesimo non ha funzionato un granchè, visto che lo Strumento è a raccogliere polvere in una segreta del Palazzo, ed il Nobile Cavalier De La Raccomandazione, ora Signore, vive fra gli agi ed i lussi nonostante sia ben poco avvezzo, anzi per niente, alle prodigiose arti magiche emanate dallo Strumento.
E tutti vissero, grazie al potere dell'oscuro malefizio detto "Clientelismo", felici e contenti. o quasi."

ecco, il paggio sono io, lo "Strumento" è un sistema GPS centimetrico da 35.000€, il "Cavalier De La Raccomandazione" è un tizio che andava avvicinato di sede, e digli alla Melandri che le favole a lieto fine non esistono, in questo Reame del c****. te ne sarei molto grato.

grazie a tutti per l'attenzione.

ps: all'epoca dei fatti ero persino "ufficialmente giovane", secondo i dettàmi della Seria Conferenza.

OperationOne ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Marina ha detto...

Possono partecipare solo i "giovani" fino ai 35 anni? Perché gli altri sono già scappati dall'Italia, immagino.... :-)

Franco ha detto...

Paolo, mandali a quel paese, loro e le loro ipocrite sceneggiate.

markogts ha detto...

Bah, Paolo, vedi un po' tu, però una volta ti consideravi "apolitico". Occhio a non invischiarti, perché potresti mettere a rischio la tua imparzialità.

Poi, non so voi, ma a me sta soglia di 35 anni per essere considerati giovani fa ridere. Giovane è uno di 20 anni. A 35, in un paese normale, ci si sposa e si hanno figli, e per definizione non si può essere più "giovani".

Inchiostro Simpatico ha detto...

L'iniziativa dal punto di vista teorico è meritevole. Il problema che la tecnologia non è al primo posto di nessun governo ed il Ministro Melandri è un ministro senza portafolgio (soldi).

Certo che poi se lo facessero a Roma o Milano ci sarebbe più gente disposta a venire.

In Italia non c'è il modello del capitale di rischio (venture capital) quindi non nasceranno mai aziende internet italiane o le poche che nascono lo fanno con capitale straniero.

Franco ha detto...

Mah, io non lo vedo il rischio per Paolo di cessare di essere apolitico.
Tutti abbiamo preferenze politiche. E l'iniziativa è _teoricamente_ accettabile a prescindere dalla propria parte politica.

Il rischio vero è quello di prestarsi al "gioco" del circo politico. Quello fatto di convegni, frasi fatte, dei "facciamo finta che siamo interessati al problema X ma tanto decidiamo poi per conto nostro" eccetera.

Anonimo ha detto...

@markogts
hai detto "a 35 anni in un paese normale ci si sposa"
forse sono incredibilmente arretrato come mentalità ma secondo me a 35 anni dovresti già essere sposato e con prole...
In Italia ci si sposa a 35 anni, se ti va bene, e se hai il culo sfacciato di avere un bel po' di soldi da parte per comprarti una casa... Però mi sa che sono finito un pelo pelo off-topic...
Cmq in linea di massima concordo, il problema è che conosco persone che hanno superato i 35 da un pezzo, hanno figli e vogliono fare i 20enni a tutti i costi e questo sinceramente non va bene... C'è un tempo per ogni cosa... :)
ciao e buona giornata...
P.S. Io ho 26 anni e mi sono sposato il 9 Settembre scorso...

Anonimo ha detto...

P.P.S il dovresti non era riferito a te personalmente, ma era un discorso generico, ho riletto ora quello che ho scritto ed effettivamente si presta a fraintendimenti ;)

Dan ha detto...

Beh complimenti Paolo, è pur sempre un riconoscimento alle tue capacità (anche non si capisce se sulla tecnologia o come "facilitatore" con la tua esperienza nell'evitare flame). Che dire, mi piacerebbe poter credere che questa conferenza abbia una vera utilità, e che quindi tu sia la persona più adatta per andare a parlare di cosa dovrebbe esserci di tecnologico/informatico/sviluppo in Italia e che potrebbe portare a qualcosa; ma il cinico realista che è in me mi dice invece che sarà solo uno spreco di denaro pubblico per una cosa inutile, puramente cosmetica al fare bella figura come "attenti ai rinnovamenti" per chissà chi, ma comunque qualcosa di cui sentiranno a malapena parlare giornali e sopratutto quelli a cui dovrebbe servire di più, ovvero la classe politica. Al massimo servirà ai convenuti al congresso, parla per loro...

franco, operationone:
Se vi raccontassi dei balletti e delle buffonate che fanno nella mia zona per rifiutare a più riprese i permessi per l'installazione dei pannelli fotovoltaici... sì, quelli che dovrebbero avere fondi dalla UE per essere installati su ogni casa...

Anonimo ha detto...

Mah... convegni, parole, intanto da qualche parte mettono la rete Wi-Fi gratis! In USA? In Francia? In Svizzera?
No, a Pordenone!
http://it.youtube.com/watch?v=zBTnkEnXTlc

markogts ha detto...

@ guido
Era esattamente quello che intendevo io. Sottolineo "in un paese normale". In Italia invece, tra università che non finisce mai, posti di lavoro precari, mammismo, assenza di politiche famigliari, sposarsi prima dei 30 è impossibile per molti.

markogts ha detto...

OT OT OT OT

Stasera su rai 2 ore 2330 documentario su Apollo 8!!!

berto ha detto...

Vado OT anch'io.

Visto ieri sera la prima puntata di Voyager con la storia (a puntate) su John Titor?

Anonimo ha detto...

@markogts
lo so che non è il posto più adatto a parlarne però è uno schifo che funzioni così... Cioè se non avessi avuto 1/2 casa pagata e un datore di lavoro che mi ha assunto a tempo INDETERMINATO non avrei potuto sposarmi a 26 anni... e anche così il mio stipendio è tutto impegnato per il mutuo per i prossimi 25 anni. Ci tengo a precisare che non ho comprato una villa, ma un normalissimo appartamento da 100mq
e meno male lavoriamo in 2...

@Paolo si può mandare un PM? (così vedo di continuare il discorso con markogt senza inquinarti il blog? :) )

Franco ha detto...

Il mammismo comunque lo collocherei tra gli effetti, più che tra le cause :/...

OperationOne ha detto...

OT: ieri (15/10) c'era qualcosa sull' 11/9 alla trasmissione di RAI2 "12° Round", a notte fonda (per me...); qualcuno ne sa qualcosa?

Dan ha detto...

"Il mammismo comunque lo collocherei tra gli effetti, più che tra le cause :/..."
Direi che questo dipende dal soggetto in esame, e dalla sua maturità... per qualcuno l'essere "mammone", ovvero restare in casa col babbo e la mamma fino ai 40 può essere un fatto di convenienza e comodità, per altri può non essere fattibile altrimenti.