Cerca nel blog

2017/01/17

Mini-lezione di debunking in pochi tweet: Corriere della Sera

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete farne una anche voi (Paypal/ricarica Vodafone/wishlist Amazon) per incoraggiarmi a scrivere ancora.

Ieri il Corriere della Sera ha pubblicato questa foto, dicendo che si tratta di un’immagine che ritrae “Capracotta, il paese sepolto dalla neve” in Molise. Un lettore via Twitter, @loubeyond, me la segnala.


Con due clic verifico su Tineye.com che la foto non è affatto di attualità:



Così avviso via Twitter il Corriere:







Risultato: foto rimossa, nessuna parola di rettifica o di scuse. Complimenti. Il caso in sé è banale, ma dimostra che non controllare l’autenticità delle foto è una prassi abituale, come ho segnalato pochi giorni fa per Repubblica.

23 commenti:

Patrick Costa ha detto...

Stai proprio rompendo le palle a questi "giornalisti" eh?!... BRAaVO!

Sapiens ha detto...

Protestare NON funziona, altrimenti si guarderebbero dal commettere sempre gli stessi errori... :(

Il Lupo della Luna ha detto...

Beh ma loro hanno i click, rimuovono la foto e va tutto bene, mai successo niente.

Poi si stupiscono che calano le vendite e crescono i siti di notizie bufala

Anonimo ha detto...

"dicendo che si tratta di un’immagine che ritrae Capracotta, il paese sepolto dalla neve"

In realtà il Corriere della Sera non dice da nessuna parte che l'immagine ritrae Capracotta.
Il titolo dice che Capracotta è sepolta dalla neve, la didascalia che "il maltempo colpisce ecc. ecc", c'è un link ad un video ed infine c'è la foto di un paese non meglio specificato sepolto dalla neve.
E' prassi comune del giornalismo utilizzare a corredo delle notizie un'immagine "illustrativa" quando non si dispone di immagini "effettive".
In tal caso si poteva estrarre un fotogramma dal video allegato, ma non me la sento proprio di biasimare il giornalista che non vuol perdere tempo con il video editing solo per evitare le ire di chi ha fatto della pedanteria uno stile di vita.

Paolo Attivissimo ha detto...

E' prassi comune del giornalismo utilizzare a corredo delle notizie un'immagine "illustrativa" quando non si dispone di immagini "effettive".

Quindi se nevica a Milano ma non ho voglia di lavorare posso pubblicare una foto di Parigi sotto la neve?

Se muore il Presidente del Consiglio e non ho a portata di scrivania una foto del cadavere, ci posso mettere quella di un morto qualunque, tanto è "rappresentativa"?

Spero tu stia scherzando.

Andrea Fontanelli ha detto...

A proposito di immagini illustrative. Alcuni giorni fa il tg3 nazionale (non so precisare quando esattamente, ma vi prego di credermi sulla parola e ho un testimone a cui l'ho fatto notare) presentava, come sfondo alle notizie sul maltempo, una suggestiva immagine del Ponte Vecchio di Firenze sotto la neve. Che però qui questo inverno, ancora, non si è vista.

Asimov68 ha detto...

Faccio un articolo su Capracotta coperto dalla neve, ci metto una foto di un paese coperto dalla neve...
Ah, ma io non ho detto che la foto raffigura Capracotta!".

Questa sì che è pedanteria e cavillosità!!!

A margine... se tutto è in regola, perchè l'articolo è sparito?
Coda di paglia?

Stupidocane ha detto...

hfswuiweeyeyshjeqshdnvmqqer,

Oppure, se volessi taggarti su Facebook ma non avessi una tua foto, se taggo col tuo nome un'immagine di Plinio Fernando per te fa lo stesso, giusto?

Guastulfo (Giuseppe) ha detto...

@hfswuiweeyeyshjeqshdnvmqqer
In realtà il Corriere della Sera non dice da nessuna parte che l'immagine ritrae Capracotta.

Però non dice nemmeno che si tratta di un'illustrazione o foto di repertorio come fanno altri.

Andrea ha detto...

hfswuiweeyeyshjeqshdnvmqqer visto che non ho voglia di scrivere tutto il tuo nome scrivo solo hhhhhhhhhhhh, tanto è solo una cosa illustrativa...

Carson ha detto...

hfswuiweeyeyshjeqshdnvmqqer wrote:

"E' prassi comune del giornalismo utilizzare a corredo delle notizie un'immagine "illustrativa" quando non si dispone di immagini "effettive". "

Vero, ma è prassi comune del giornalismo segnalarlo chiaramente e non lasciare intendere che la foto sia di Capracotta.
Se questo non viene fatto è prassi comune etichettare il tutto come "tentativo di infinocchiare".
Ma andiamo oltre, restando nel caso specifico. Io mi chiedo: perchè il corriere non dispone di una immagine "effettiva" ?
Qualcuno ha visto la situazione di Capracotta ed era in grado di farne pervenire al corriere una descrizione, ma non una foto? Che mezzi usano al corriere? Il telegrafo? I segnali di fumo?

Ciao

Carson

puffolottiaccident ha detto...

@Stupidocane

Teeeecniiiicamente... Plinio Fernando è la prima [Leona] cinematografica.

Anonimo ha detto...

"Quindi se nevica a Milano ma non ho voglia di lavorare posso pubblicare una foto di Parigi sotto la neve?"

Spero si renda conto della differenza fra lo scattare una foto a Milano ed una a Capracotta, dal punto di vista logistico.

"Se muore il Presidente del Consiglio e non ho a portata di scrivania una foto del cadavere, ci posso mettere quella di un morto qualunque, tanto è "rappresentativa"? "

Di solito si mette la foto del Presidente del Consiglio da vivo... ma a questo punto temo che ci sia il rischio che lei gridi allo "scandalo", perché il Presidente è morto ed invece nella foto è ancora vivo.

"Spero tu stia scherzando."
No, sono serio... esistono i cosiddetti "archivi fotografici" proprio per casi come questi e vengono regolarmente usati. Si informi.

"Oppure, se volessi taggarti su Facebook ma non avessi una tua foto, se taggo col tuo nome un'immagine di Plinio Fernando per te fa lo stesso, giusto?"

Nel senso che la casa della foto potrebbe offendersi perché è stata spacciata per casa di Capracotta? Che io sappia, gli edifici non hanno sentimenti che possono essere feriti.

"Però non dice nemmeno che si tratta di un'illustrazione o foto di repertorio come fanno altri."
Questo è senz'altro una mancanza da parte loro. Forse non c'era lo spazio dove scriverlo o forse il redattore se n'è giustamente fregato degli "iperpignoli".

Sergio Frasca ha detto...

La foto dovrebbe essere presa da un filmetto girato a Campodolcino nel 2014
http://www.snowaddiction.org/2014/02/italian-village-of-campodolcino-is-buried-under-metres-of-snow.html

puffolottiaccident ha detto...

Scherzi a parte...

@hfswuiweeyeyshjeqshdnvmqqer

Capisco quello che dici.

Quello che non capisco è perché gli italiani si aspettano un'economia florida e stabile.
Però mi domando: questo dividere le tavanate in irrilevanti vs. imperdonabili... ha un metodo?

Quando noto qualcosa del tipo:

Martedì
Arvulfo: "Perchè tagli le verdure sul tagliere che si usa per la carne?"
Bestacchio: "Iiiih, vabbè, che differenza vuoi che faccia?"

Mercoledì:
Bestacchio: "Porca miseria, quello stronzo del meccanico mi ha attaccato le lampadine male, domani vado in officina e gli mangio la faccia. Lo farò licenziare!"

Mi pare tanto che DEVE esserci un metodo che non colgo, quando la gente decide se una infrazione è grave o no.

Crazy ha detto...

@hfswuiweeyeyshjeqshdnvmqqer

"Questo è senz'altro una mancanza da parte loro. Forse non c'era lo spazio dove scriverlo o forse il redattore se n'è giustamente fregato degli "iperpignoli"

Su un sito internet non c'era lo spazio dove scriverlo? ROTLF
Il redattore se ne è fregato prima.
Dopo che il fatto è emerso, ha nascosto la polvere sotto il tappeto e cancellato l'articolo.


Una domanda.
Senza l'indagine di Paolo, se tu avessi letto l'articolo, avresti pensato che la foto era recente e ritraeva Capracotta, oppure no?

Scatola Grande ha detto...

@hfswuiweeyeyshjeqshdnvmqqer
quello che dici è vero ma di solito succede per foto che sono semplicemente di accompagnamento di articoli.
Qui invece è proprio la foto il soggetto preponderante, per questo non puoi sostituirla con un surrogato.

Il Lupo della Luna ha detto...

@hfswuiweeyeyshjeqshdnvmqqer spero che tu ti renda conto della differenza tra una balla e la verità.

Dovete *proprio* mettere una foto? Mettere "immagine di repertorio" fa brutto? Una volta si faceva anche al TG.

ArbustoEnergy ha detto...

Ma mentre fa le pulci al Corriere, Attivissimo scrive ancora per "laVerità"? ROTFL

martinobri ha detto...

Arbusto, ti deve essere sfuggito questo: http://attivissimo.blogspot.it/2016/11/la-verita-pubblica-unintervista-un.html

Paolo Attivissimo ha detto...

Arbusto,

Invece di fare il criticone, vai a cercare a quando risale l'ultima cosa pubblicata a mia firma da La Verità. E leggi quello che ho scritto in questo blog a proposito dei miei rapporti con la testata.

Poi ne riparliamo.

Paolo Attivissimo ha detto...

Tutti,

per errore è stato cancellato un commento che era stato pubblicato. Lo ripubblico qui, scusandomi per il disguido.


hfswuiweeyeyshjeqshdnvmqqer 11.21
"Senza l'indagine di Paolo, se tu avessi letto l'articolo, avresti pensato che la foto era recente e ritraeva Capracotta, oppure no?
"
Se avessi letto l'articolo, avrei pensato che a Capracotta c'è un mucchio di neve. Se quella foto rappresenta la situazione attuale di Capracotta, non è una foto ingannevole. Il fatto che non sia stata scattata a Capracotta all'atto pratico non mi cambia niente.
Davvero dovrei contrariarmi perché qualcuno mi fa vedere un pezzo di abitazione di Campodolcino spacciandola per un pezzo di abitazione di Capracotta?

Carson ha detto...

hfswuiweeyeyshjeqshdnvmqqer wrote:
"Se quella foto rappresenta la situazione attuale di Capracotta, non è una foto ingannevole."

E come lo sai se quella è la situazione attuale di Capracotta?
Ti fidi di chi ti ha postato la foto tarocca?
Mi pare più ingenuo che chiedere all' oste se il vino che vende è buono.

Ciao

Carson