Cerca nel blog

2017/01/15

SpaceX torna a volare; rientro perfetto del primo stadio, dieci satelliti messi in orbita

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete farne una anche voi (Paypal/ricarica Vodafone/wishlist Amazon) per incoraggiarmi a scrivere ancora.

Ieri SpaceX ha lanciato con pieno successo dalla base californiana di Vandenberg un vettore Falcon 9, collocando in orbita terrestre dieci satelliti per telecomunicazioni Iridium NEXT. Il primo stadio è rientrato e atterrato sulla nave di supporto Just Read the Instructions: è stato il primo atterraggio di uno stadio Falcon nell’Oceano Pacifico, ed è stato mostrato in diretta streaming dalle telecamere a bordo del vettore.








Il video del lancio e dell’atterraggio è qui sotto: decollo a 19:35, rientro a 26:07.



Questo lancio è il primo dopo l’esplosione di un vettore Falcon sulla rampa di lancio durante le operazioni di caricamento del propellente l’1/9/2016.

Il lancio di un vettore dotato di un primo stadio che ha già volato è previsto “entro un mese circa” per portare in orbita il satellite per telecomunicazioni SES-10.

Se tutto va bene, SpaceX prevede di effettuare nel 2017 fino a 27 lanci, ossia quanti ne ha fatti con il Falcon 9 dall’inizio dei suoi voli nel 2010, e di lanciare il Falcon Heavy entro l’estate. Il Heavy diventerebbe il vettore più potente al mondo, capace di portare circa 54 tonnellate in orbita terrestre bassa (l’attuale detentore del titolo, il Delta IV Heavy della ULA, ne porta 29), e avrebbe un prezzo formale di 90 milioni di dollari, mentre il vettore gigante della NASA, l’SLS (70 tonnellate di carico), costerebbe circa due miliardi di dollari per ogni volo. Se il Falcon Heavy ha successo, cominceranno a esserci molte domande imbarazzanti sul perché la NASA stia spendendo in questo modo il suo risicato budget quando la concorrenza privata offre servizi analoghi a prezzi drasticamente inferiori.


Fonti: Ars Technica; SpaceX; Business Insider.

6 commenti:

rico ha detto...

Come una freccia nel bersaglio:
https://www.youtube.com/watch?v=PNyVHWI7H0w&spfreload=10
Ora mi rendo conto che la Dronave non poteva essere "Of course i still love you", siamo sull'altro oceano 🙃

balloto ha detto...

Il solito problema degli statali :)

GUD87 ha detto...

In oltre la SpaceX stà dimostrando una tale precisione nell atterraggio che potrebbe anche arrivare a togliere le zampe e sostituirle con dei supporti sulla zona di atterraggio, come previsto anche dal MCT!

Fabio ha detto...

Precisazione: un volo del Falcon Heavy costa 90 milioni di $ per portare 8 tonnellate nell'orbita di trasferimento geostazionaria. 54 tonnellate, sebbene in orbita bassa, hanno un costo non dichiarato, verosimilmente molto più alto.
Il motivo è che a pieno carico non è possibile recuperare i 3 booster.

Coconut ha detto...

Beh la spesa dell'SLS è in parte giustificata dall'aumento del budget della Nasa approvato dal congresso

Andhaka ha detto...

A Musk piace proprio la serie Culture di Banks a quanto pare. :D

Grande nuova prova di SpaceX comunque e speriamo bene per il vettore riutilizzato e per l'Heavy. Dai Elon!!

Cheers